Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Il matrimonio come punto di partenza?

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Famiglia, matrimonio, genitori, figli e rapporti tra i generi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Ven Ago 14, 2020 3:31 pm    Oggetto: Ads

Top
lunastorta
Frequentatore stabile
Frequentatore stabile


Registrato: 16/12/13 14:06
Messaggi: 37
Residenza: Italia

MessaggioInviato: Ven Dic 20, 2013 9:53 pm    Oggetto: Il matrimonio come punto di partenza? Rispondi citando

Buonasera a tutti,
come detto nella presentazione sto cercando di capire di più la vostra religione, la vostra cultura.
Perdonatemi perciò se faccio domande inopportune, derivano dalla mia ignoranza e vi chiedo quindi di perdonarmi.
Ho letto molto del matrimonio islamico, ho letto le regole del fidanzamento, ma quello che vorrei sapere io è come si realizza nelle emozioni e nei comportamenti. Lo so che le persone provano tutte le stesse emozioni, che forse appare un po sciocca come domanda, ma non vi sto chiedendo se vi amate, ma come si fa a imparare ad amarsi dopo essere sposati. Da quanto ho capito i futuri sposi non si possono parlare se non in presenza di un parente o di un genitore; ma come fanno i due a capire se sono fatti per stare insieme? Io vengo da un mondo che vede il matrimonio un po come il punto di arrivo di una coppia, per voi sembra il punto di partenza. E se poi vi accorgete di avere sbagliato? o scoprite che il vostro compagno/a ha dei comportamenti che non vi piacciono? Ringrazio coloro che avranno la pazienza di rispondermi,
un saluto!
Top
Profilo Invia messaggio privato
nadia889
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 31/07/12 17:08
Messaggi: 170

MessaggioInviato: Sab Dic 21, 2013 4:31 pm    Oggetto: Rispondi citando

Benvenuta Luna,
allora, ti rispondo con le poche cose che so nell'attesa che qualche fratello/sorella ti dia più informazioni.

Come ben hai capito, un "fidanzamento" islamico è completamente diverso da ciò che si intende per fidanzamento in altre culture.
In realtà non credo esista proprio il termine fidanzamento, quanto più è una fase di pre-conoscenza dei due futuri sposi che appunto si stanno conoscendo con l'intento di sposarsi.

Vorrei farti una semplice analogia. Immaginalo come se fosse un colloquio di lavoro, generalmente si fa un colloquio con l'intento di assumere/farsi assumere. E' un momento in cui si cerca di scoprire il più possibile della personalità dell'interessato, cosa ama, che interessi ha, come si esprime, come si relaziona ecc ecc. Spesso si guardano anche le referenze che uno ha e così via.

Durante la fase di conoscenza è la stessa cosa, si cerca di valutare razionalmente la persona prima che emotivamente.
L'amore viene dopo (o magari non viene, ma quello è un altro discorso) ma senza i presupposti giusti è difficile creare una relazione stabile (non assumi un falegname per fare il lavoro di un idraulico).

Quindi si vede lo sposo/sposa, si valuta se fisicamente c'è attrazione (in maniera pudica) si valuta il suo status sociale, le sue ambizioni, il suo stile di vita e tutto ciò che interessa. Poi Dio fa il resto, o meglio è Dio che fa tutto, quindi se è destino che si sposino si accetteranno l'un l'altra.

Anno dopo anno si imparerà ad amarsi ed apprezzarsi, soprattutto sapendo quali sono i diritti e i doveri che Dio ha dato ad ognuno dei coniugi e chiedendo a Dio di benedire il proprio matrimonio.

Se non è tutto rose e fiori nel proprio matrimonio, c'è sempre il divorzio, (ovviamente sapendo che è l'ultima soluzione da considerare).

Insomma, non tutto quello che nasce con l'amore deve finire con amore, anzi spesso se si sceglie in maniera giusta e motivata si evitano matrimoni che erano falliti fin dall'inizio perché semplicemente si era lasciati trasportare dalle emozioni.

Ricorda che la mia risposta è più incentrata sulla saggezza che c'è dietro alle regole, anche se in fondo per noi è giusto così perché è Dio che l'ha deciso e lui ci conosce meglio di noi stessi.

Che Dio ci guidi sulla Sua Retta Via
Top
Profilo Invia messaggio privato
lunastorta
Frequentatore stabile
Frequentatore stabile


Registrato: 16/12/13 14:06
Messaggi: 37
Residenza: Italia

MessaggioInviato: Sab Dic 21, 2013 10:52 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ti ringrazio molto per la tua risposta accurata!
Ho capito perfettamente ciò che hai voluto dire, tuttavia mi risulta molto difficile da capire/accettare, poichè io vengo da una cultura molto diversa.
Ho, insomma, la classica idea di fidanzamento e mi risulterebbe difficile accettare di sposarmi con una persona che non amo. Capisco però la vostra fede e so che, dal vostro punto di vista ci sia qualcuno di più alto a regolare questi incontri!
Mi sembra quasi, per analogia, che il vostro matrimonio sia più simile a quello che intendo io come fidanzamento,e se proprio non va culmina nel divorzio oppure continua, ma siete già sposati! Agli occhi di Dio immagino sia più onesto il vostro modo di agire.
Sottolineo che anche se non lo capisco lo rispetto!
Grazie per avermi spiegato, purtroppo non capisco tanto la situazione ma mi piace scoprire altri punti di vista!
Quello che sinceramente più mi spaventa è che una persona potrebbe non essere se stessa in questi incontri pre-matrimoniali, e rivelarsi poi diversa nella vita insieme. Ma immagino che, alla fine, sia il rischio insito in ogni rapporto!
Un saluto!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Simo;
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 01/03/13 19:14
Messaggi: 1286
Residenza: Sono una sorella

MessaggioInviato: Dom Dic 22, 2013 1:31 am    Oggetto: Rispondi citando

Cara "lunastorta" ,
È vero una persona può fingere davanti al futuro/a sposo/a e qui entra in gioco la comunità.
In genere le rispettive famiglie chiedono ad amici e parenti "referenze" riguardanti sposo/a.
Si informano se hanno avuto problemi in passato, se hanno una buona reputazione o meno ecc..
E già qui si delinea la personalità e di certo sulla reputazione non si può mentire!
Poi quando i due futuri sposi si incontrano vedono se fisicamente può esserci interesse o meno.

Ciò che intendo è che non si deve pensare ad un matrimonio alla cieca.
Per l'Islam poi può esserci contatto tra persone del sesso opposto solo se si è sposati, e la base del matrimonio è il livello di fede raggiunto, che non svanisce dopo qualche hanno come l'innamoramento iniziale fra due persone.

Per esempio: una ragazza riceve una proposta di matrimonio da un uomo a lei interessato che rispetta le regole religiose, lavora, può dare un futuro alla famiglia che verrà , non ha mai commesso nulla di grave, insomma è una persona onesta e per bene; quando si incontrano lei vede che lui può piacerle a livello fisico. Perchè non accettare?
Quando si sposeranno potranno imparare a conoscere i pregi e i difetti l'una dell'altro e impareranno ad amarsi e a capirsi.
Niente di meno di quello che fanno le coppie fidanzate o che convivono nel mondo.

Poi il matrimonio islamico non è così complicato burocraticamente come quello legale per la legge. E l'Islam non condanna i divorziati come il cristianesimo, al contrario.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Mar Dic 24, 2013 10:52 pm    Oggetto: Rispondi citando

L'amore non si subisce.
L'amore è un progetto, una decisione e una dedizione. E' attivo.
E' un legame che lentamente si stabilizza nel cuore e si rafforza nella comunione di intenti.
Cò che amiamo nelle persone sono i valori ovvero quelle parti della persona che si conformano al Bene, al Volere di Dio.
Per farti un esempio: se io amo il coraggio, la bontà,ecc e X è coraggioso buono ecc., io lo amo perchè lui partecipa di valori assoluti. Quindi la grandezza nell'uomo è la sua capacità di annientarsi per far spazio a questi valori assoluti.
L'Islam insegna questi valori all'uomo. Allora per sapere se amerò o no un uomo, mi basta sapere se quest'uomo Segue veramente la Religione o meno.
Invece le vacue passioni che trionfano oggi non hanno nulla di tutto questo. Sono vuoti stordimenti del cuore che di solito si spengono con frasi tipo" Ma in fondo cosa amavo in quella persona?". "Cosa ci sono stata a fare tutti questi anni?"..Ecc.
Piuttosto ti chiedo: perchè due persone non dovrebbero amarsi? Troppe chiacchiere, astrazioni e sofismi nascondono il fatto che un uomo e una donna (credenti) si amano necessariamente. Ciò che impedisce a due persone di amarsi sono solo contaminazioni della mente. Idealizzazioni nate da overdosi di film idioti e romanzi d'appendice.

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Musàfir
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 16/01/08 19:04
Messaggi: 333

MessaggioInviato: Mar Dic 24, 2013 11:36 pm    Oggetto: Re: Il matrimonio come punto di partenza? Rispondi citando

lunastorta ha scritto:
Buonasera a tutti,
come detto nella presentazione sto cercando di capire di più la vostra religione, la vostra cultura.
Perdonatemi perciò se faccio domande inopportune, derivano dalla mia ignoranza e vi chiedo quindi di perdonarmi.
Ho letto molto del matrimonio islamico, ho letto le regole del fidanzamento, ma quello che vorrei sapere io è come si realizza nelle emozioni e nei comportamenti. Lo so che le persone provano tutte le stesse emozioni, che forse appare un po sciocca come domanda, ma non vi sto chiedendo se vi amate, ma come si fa a imparare ad amarsi dopo essere sposati. Da quanto ho capito i futuri sposi non si possono parlare se non in presenza di un parente o di un genitore; ma come fanno i due a capire se sono fatti per stare insieme? Io vengo da un mondo che vede il matrimonio un po come il punto di arrivo di una coppia, per voi sembra il punto di partenza. E se poi vi accorgete di avere sbagliato? o scoprite che il vostro compagno/a ha dei comportamenti che non vi piacciono? Ringrazio coloro che avranno la pazienza di rispondermi,
un saluto!


In Nome di Dio Misericordioso e Clementissimo
Assalamu 'alaykum wa rahmatullahi wa barakatuhu e un saluto di pace a chi è sulla Retta Via.

Non sono una donna ma sono un uomo italiano e musulmano con famiglia e se mi permetti, in aiuto alle tue domande (e alle tue ricerche) ti riporto questo versetto del Corano l'ultima Rivelazione di Dio per tutta l'umanità:
Dice Allah, gloria a lui l'Altissimo:
«E tra i Suoi segni (di Allàh) vi è il fatto che ha creato da voi stessi (min anfusi-him) delle spose (azwàjan), affinché in esse ritroviate la quiete (sakìna); e ha stabilito tra voi amore (mawadda) e misericordia (rahma). Ecco davvero dei segni per coloro che riflettono.» (Corano sura Ar-Rùm (I Romani) 30, vers.21)

Alcuni Commentari Tradizionali (Tafsir) del Corano:
Da Ibn Kahtir: «Allàh ha creato la donna della stessa natura dell’uomo [tratta da lui stesso, dalla sua natura umana, anfusi-hi] per essere per lui una ‘congiunzione’, una ‘riunione’ e come un luogo di riposo e di quiete (sakina), stabilendo una certa cordialità, affetto (mawadda) e una misericordia (rahma) tra loro. Se Allàh avesse creato Eva di una natura differente dall’uomo, tale quella dei Jinn (esseri del mondo psichico) o degli animali, questa cordialità non si sarebbe mai stabilita e ci sarebbe stata senza dubbio una ripugnanza ed una antipatia tra di loro. Ci sono in ciò certamente dei segni [sulla Sapienza di Allàh] per chi riflette.»
Altri: «Allàh ci ricorda inoltre che la vita coniugale trae la sua forza dalla tenerezza e dall’amore reciproco (mawadda) che unisce i due sposi, e che viene rafforzata con i legami di misericordia (rahma) quando uno di essi è malato o troppo vecchio o colpito da qualche infermità.» (altri).

A questa tua domanda: "Io vengo da un mondo che vede il matrimonio un po come il punto di arrivo di una coppia, per voi sembra il punto di partenza" Prova a chiedere alle generazioni italiane e cristiane più vecchie della tua (nonni o parenti anziani) se è sempre stato cosi come a te sembra adesso normale, e cioè che il matrimonio è un punto di arrivo dopo varie 'libere esperienze' e 'libere convivenze' more uxorio o se questo è solo una cosa molto recente, mentre anche per loro il matrimonio era "Il punto partenza" con il quale costruire una famiglia, con amore per l'altro, pazienza, responsabilità, altruismo, accettazione reciproca, e sopratutto come si usava dire: "a Dio piacendo" e con la Sua Benedizione e il Suo gradimento.

Sorella in Adamo che Dio ti aiuti a capire la Sua Religione (Dìn Allàh), quella insegnata agli uomini da tutti i Profeti e cioè l'Islam la 'sottomissione al Dio Unico' senza associati, amin.

_________________
" O uomini, voi siete i poveri (fuqarà) i bisognosi di Dio, mentre Allàh è il Ricco (Al-Ghanì) Colui che è sufficiente a Se stesso, il Degno di lode." (Corano 35,15)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Lia
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 27/11/12 12:12
Messaggi: 175

MessaggioInviato: Ven Dic 27, 2013 11:16 pm    Oggetto: Rispondi citando

Non è possibile decidere di amare nel senso di innamorarsi di qualcuno, nemmeno se avesse dei valori in comune e nemmeno se fosse la persona più pia del mondo.. quel tipo di amore secondo me ha a che fare con i segreti del cuore che solo Allah conosce. Infatti il profeta salla Allahu alayhi wa salam chiedeva ad Allah di perdonarlo per quel che era fuori dal suo controllo e credo si riferisse a questo, infatti Allah nel Quran dice qualcosa a tale proposito.. ma non ho la possibilità di riportare il versetto per il momento.

Ma non è che se non si è innamorati di una persona non la può amare e rispettare lo stesso, puoi sempre rispettarlo lo stesso e amarlo per amore di Allah ed è questo tipo di amore che si può decidere in base alla fede e ai valori di una persona come spiega la sorella Von Sor.

Amore/Innamoramento e Rispetto non sempre si possono trovare tutte e due in una relazione. C'è chi è innamorato ma nonostante questo non ha nessun rispetto per l'altro e poi c'è chi rispetta il proprio compagno ma non è innamorato.
Tra questi due casi secondo me è molto meglio avere qualcuno che ti rispetta e ti tratta bene nonostante non è follemente innamorato anzichè uno molto innamorato che però non ti rispetta e ti tratta male (pensa ad esempio a uno che è tanto innamorato ma anche talmente geloso da diventare ingiusto).

Poi certo che è meglio avere qualcuno con cui innamorarsi e rispettarsi a vicenda ma questo non sempre è possibile a volte nemmeno quando ci si sposa perchè si è innamoratissimi, ad un certo punto l'innamoramento può finire ma questo non necessariamente ti può impedire di rispettare l'altro e di voler continuare a condividere la vita insieme anche se non si è più talmente innamorati, perchè non sempre quello dipende da noi.
Invece è diverso se l'innamoramento dura ma il rispetto non c'è più, in quel caso invece, delle volte, diventa estremamente difficile continuare a stare insieme. Io credo che l'Islam dà più importanza al rispetto che all'innamoramento (ma questo non significa che sia necessariamente qualcosa di sbagliato se accade all'interno del matrimonio, ma semplicemente che non é necessariamente talmente importante quanto il rispetto e l'amarsi per amor di Allah).

Il rispetto viene prima di tutto, rispetto per la persona, per i suoi valori e per i suoi diritti ecc.. poi l'innamoramento a volte arriva alla fine, altre volte se ne va anche se prima c'era ma se c'è ancora il rispetto e la volontà di continuare a stare insieme, per amor di Allah,e finchè ci si ama per amor di Allah (i veri credenti si amano sempre per amor di Allah anche quando non si conoscono benissimo) si potrebbe condurre una vita tranquilli da beati lo stesso.. Inshallah.

L'islam ci insegna prima di tutto di amarci per amor di Allah e a tale proposito sarebbe bello dedicare un thread a parte (se non c'è già).

Per innamoramento, nel mio discorso, non intendo solo attrazione fisica.. spero sia chiaro.

E poi, a volte, essere innamorati non necessariamente significa amare veramente qualcuno..

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



"And the life of this world is only a deceiving enjoyment."[57:20]
"It is not beneficial to be a master at speech when you are immature at heart." - Shaykh Abd Al Qadir Al Jilani
Top
Profilo Invia messaggio privato
nadia889
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 31/07/12 17:08
Messaggi: 170

MessaggioInviato: Sab Dic 28, 2013 10:16 am    Oggetto: Rispondi citando

Lia ha scritto:
Non è possibile decidere di amare nel senso di innamorarsi di qualcuno, nemmeno se avesse dei valori in comune e nemmeno se fosse la persona più pia del mondo.. quel tipo di amore secondo me ha a che fare con i segreti del cuore che solo Allah conosce. Infatti il profeta salla Allahu alayhi wa salam chiedeva ad Allah di perdonarlo per quel che era fuori dal suo controllo e credo si riferisse a questo, infatti Allah nel Quran dice qualcosa a tale proposito.. ma non ho la possibilità di riportare il versetto per il momento.

Ma non è che se non si è innamorati di una persona non la può amare e rispettare lo stesso, puoi sempre rispettarlo lo stesso e amarlo per amore di Allah ed è questo tipo di amore che si può decidere in base alla fede e ai valori di una persona come spiega la sorella Von Sor.

Amore/Innamoramento e Rispetto non sempre si possono trovare tutte e due in una relazione. C'è chi è innamorato ma nonostante questo non ha nessun rispetto per l'altro e poi c'è chi rispetta il proprio compagno ma non è innamorato.
Tra questi due casi secondo me è molto meglio avere qualcuno che ti rispetta e ti tratta bene nonostante non è follemente innamorato anzichè uno molto innamorato che però non ti rispetta e ti tratta male (pensa ad esempio a uno che è tanto innamorato ma anche talmente geloso da diventare ingiusto).

Poi certo che è meglio avere qualcuno con cui innamorarsi e rispettarsi a vicenda ma questo non sempre è possibile a volte nemmeno quando ci si sposa perchè si è innamoratissimi, ad un certo punto l'innamoramento può finire ma questo non necessariamente ti può impedire di rispettare l'altro e di voler continuare a condividere la vita insieme anche se non si è più talmente innamorati, perchè non sempre quello dipende da noi.
Invece è diverso se l'innamoramento dura ma il rispetto non c'è più, in quel caso invece, delle volte, diventa estremamente difficile continuare a stare insieme. Io credo che l'Islam dà più importanza al rispetto che all'innamoramento (ma questo non significa che sia necessariamente qualcosa di sbagliato se accade all'interno del matrimonio, ma semplicemente che non é necessariamente talmente importante quanto il rispetto e l'amarsi per amor di Allah).

Il rispetto viene prima di tutto, rispetto per la persona, per i suoi valori e per i suoi diritti ecc.. poi l'innamoramento a volte arriva alla fine, altre volte se ne va anche se prima c'era ma se c'è ancora il rispetto e la volontà di continuare a stare insieme, per amor di Allah,e finchè ci si ama per amor di Allah (i veri credenti si amano sempre per amor di Allah anche quando non si conoscono benissimo) si potrebbe condurre una vita tranquilli da beati lo stesso.. Inshallah.

L'islam ci insegna prima di tutto di amarci per amor di Allah e a tale proposito sarebbe bello dedicare un thread a parte (se non c'è già).

Per innamoramento, nel mio discorso, non intendo solo attrazione fisica.. spero sia chiaro.

E poi, a volte, essere innamorati non necessariamente significa amare veramente qualcuno..


Assalamu alaykom,
Sorella Lia, mi piace tanto quello che hai scritto e credo tu abbia colto il succo della questione!! MashaAllah!
Top
Profilo Invia messaggio privato
lunastorta
Frequentatore stabile
Frequentatore stabile


Registrato: 16/12/13 14:06
Messaggi: 37
Residenza: Italia

MessaggioInviato: Lun Dic 30, 2013 2:20 pm    Oggetto: Rispondi citando

Grazie a tutti per le risposte, scusate il ritardo ma sono stata impegnata. Ho capito ciò che mi avete voluto dire, ma devo ammettere che è un punto di vista che si discosta molto dal mio! I vostri ragionamenti hanno un fondamento sensato, è bellissima l'idea del rispetto per l'altro come base del matrimonio, ancora prima dell'amore vero. Non mi dilungo ancora questa volta, perchè penso che sia qualcosa di veramente legato alla vostra fede e che perciò non va discusso ma ascoltato.
Vi ringrazio quindi per le vostre parole, le ho lette con grande interesse!! Ringrazio anche chi avrà piacere di rispondere in futuro!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Famiglia, matrimonio, genitori, figli e rapporti tra i generi Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.049