Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

L'Emirato di Sicilia

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Storia, biografie, conoscenze, arte, poesie ed immagini
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Mar Lug 14, 2020 2:36 am    Oggetto: Ads

Top
xxxxx
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 26/08/13 21:26
Messaggi: 169
Residenza: Madhhab: Hanafi Aqeedah: Ashari

MessaggioInviato: Ven Ott 04, 2013 9:24 am    Oggetto: L'Emirato di Sicilia Rispondi citando

Assalamu Aleykum fratelli.
Ho deciso di aprire un thread per sottolineare una parte di storia dell'Islam e dell'Italia che spesso viene messa in secondo piano, ma che ai nostri occhi dovrebbe rappresentare un modello di governo islamico, applicazione della Shariah e al tempo stesso convivenza e pace tra Musulmani e non Musulmani: l'Emirato di Sicilia.
Ho trovato per cominciare un interessante resoconto, anche se "orientalista", in merito all'organizzazione amministrativa dell'Emirato di Sicilia e dei rapporti tra Musulmani e non Musulmani.

Dal punto di vista amministrativo, gli Arabi divisero l’Isola in tre
parti, con differenti quotazioni di presenza. In effetti, essi, sia perché
penetrarono prima, sia per logistica, erano più numerosi nella parte
occidentale, quella che era chiamata la Val di Mazara, che comprendeva
la loro nuova capitale, Palermo. Poi vi era la Val di Noto
(Sicilia sud orientale), che era quella dove si limitavano a far pagare
maggior tributo e, infine, Val Démone (sud orientale) che rappresentava
il baluardo costato più di tutti per la sua conquista.
Il primo impatto sociale fu sicuramente quello religioso, tra cristiani e musulmani, che però non si trasformò mai in guerra di religione. Non vi furono persecuzioni, ma tolleranza reciproca.
Certo vi furono divieti di costruzioni di chiese e conventi, divieti matrimoniali ed esazioni di tributi. Due di questi erano la jizya o testatico e il kharáØ o imposta fondiaria.
Vi era anche il divieto di propaganda religiosa, ma ognuno aveva
libertà di culto, per questo le autorità della chiesa cristiana potettero
continuare ad impartire le loro direttive.
In questo quadro abbastanza sereno si poté inserire, tranquillamente la comunità degli Ebrei, assai presenti in Sicilia.
Insomma non si notò, né vennero a galla episodi
d’insofferenza o d’esaltazione religiosa. Il cristianesimo così, nei due
secoli della dominazione saracena, sopravvisse alquanto facilmente.
Vescovi di diocesi siciliani appaiono presenti per questi
secoli in sinodi e concilî d’Occidente, pii asceti taumaturghi, come
sant’Elia il Giovane, vissero o viaggiarono per l’isola nel secolo stesso
della conquista araba ».
Comunque molti cristiani si convertirono all’Islam.
Come detto vi era una zona della Sicilia, la Val Démone, dove gli
arabi non colonizzarono, ma si attennero a far pagare loro solo un tributo.
Palermo nell’età Kalbita faceva trecentomila abitanti, e la Val
di Mazara (compresa Palermo) quasi cinquecentomila anime, composte
per lo più di berberi e arabi arrivati dall’Africa, ma anche da
siciliani. Arabi e berberi agitarono molto la storia interna dell’Islam
siciliano, con delle vere lotte di potere e arrivando a vere guerre civili.
Nonostante tutto furono gli arabi ad avere il sopravvento, sia sotto
gli Aghlabiti che i Fatimidi.
Dal punto di vista costituzionale l’emirato siciliano fu sempre sotto giurisprudenza dell’Africa, prima aghlabita, poi fatimida e infine zirita, anche se sotto di loro, l’influenza, seppure richiesta, fu quasi assente.
L’isola era governata da un emiro, amìr o wâli, che era nominato da Aghlabti di Qairawàn o da Mahdiyya, che però, era in realtà, il solo padrone della provincia.
Lui dirigeva tutta l’amministrazione civile e militare, lui portava la guerra,
coniava monete, nominava i giudici, funzionari subalterni e presiedeva
alle pubbliche preghiere, almeno fino a quando nell’isola vi
fu un governo unitario (sotto i Kalbiti).
Nel governo musulmano, però compare, come riferiscono alcuni documenti, soprattutto a Palermo, un sistema di oligarchia insolita. Un’assemblea di notabili, la jamà’a, che affianca l’emiro e che talvolta lo sostituisce nelle decisioni.
La vita dei saraceni era, comunque, quella militare, a cui
dovevano aderire tutti gli uomini validi. Il giund, il ruolo dei combattenti,
era quello di conquistare terre, schiavi e spartirsi il bottino,
ma man mano che venivano conquistate le terre, il ruolo militare si
fece meno affascinante, e molti preferirono diventare agricoltori,
artigiani e commercianti.
Il diritto classico musulmano, era ben chiaro sulla spartizione
delle terre conquistate: quattro quinti venivano distribuite come bottino
ai combattenti (fai’) e un quinto, il cosiddetto khums era riservato
allo Stato o al principe locale. Sembra che questo semplice principio
non sempre fu applicato in Sicilia. In piena età kalbita le terre
erano assegnate al primo occupante e ai coltivatori senza terre.
In pratica molti erano i coloni non autorizzati che s’impadronivano
delle terre e, questo successe soprattutto a Girgenti.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Simo;
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 01/03/13 19:14
Messaggi: 1286
Residenza: Sono una sorella

MessaggioInviato: Ven Ott 04, 2013 10:59 am    Oggetto: Rispondi citando

Molto interessante. Ma tanto l'Italia nega il passato musulmano di certe località. Hanno tutti paura, chi per ignoranza chi per sentito dire, della violenza e del credo comune su questa religione.
Io credo che se ci fosse ancora uno stato islamico che applica al 100% le leggi islamiche, oggi non avremmo tutti questi grossi problemi: meno violenza, meno ladri e quiete civile. Gli uni aiuterebbero gli altri, e chi non é musulmano potrebbe benissimo tenere la sua religione senza problema.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ibrahim abd al razzaq
Affezionato
Affezionato


Registrato: 30/08/11 22:36
Messaggi: 50

MessaggioInviato: Ven Ott 04, 2013 2:25 pm    Oggetto: Rispondi citando

As-Salam Alaykum wa Rahmatullahi wa Barakatuh !!! Vorrei segnalare un episodio della Storia Italiana Meridionale ancora più sconosciuto (anche perché non fu rilevante come la dominazione araba in Sicilia): la costituzione dell'Emirato di Bari, a Bari, dal 847 d.C. al 871 d.C. . Duranante questi 24 anni Bari e il suo territorio furono saggiamente governati da tre Emiri Saraceni....A tal proposito segnalo il libro "L'Emirato di Bari" di Giosué Musca, Edizioni Dedalo...... Un caro saluto a tutti, wa salam !!!!!
Top
Profilo Invia messaggio privato
AbuMuhammad
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 26/03/12 18:44
Messaggi: 936

MessaggioInviato: Ven Ott 04, 2013 2:50 pm    Oggetto: Rispondi citando

..


L'ultima modifica di AbuMuhammad il Gio Mar 20, 2014 9:53 am, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Ven Ott 04, 2013 4:16 pm    Oggetto: Rispondi citando

Segnalo un libro che mi aveva prestato un fratello e del quale ho letto solo qualche capito, ma per quel che ho visto mi è sembrato ben fatto:

Alessandro Vanoli - La Sicilia Musulmana - Edizioni il Mulino

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Ven Ott 04, 2013 4:22 pm    Oggetto: Re: L'Emirato di Sicilia Rispondi citando

xxxxx ha scritto:
Il diritto classico musulmano, era ben chiaro sulla spartizione
delle terre conquistate: quattro quinti venivano distribuite come bottino
ai combattenti (fai’) e un quinto, il cosiddetto khums era riservato
allo Stato o al principe locale
. Sembra che questo semplice principio
non sempre fu applicato in Sicilia. In piena età kalbita le terre
erano assegnate al primo occupante e ai coltivatori senza terre.
In pratica molti erano i coloni non autorizzati che s’impadronivano
delle terre e, questo successe soprattutto a Girgenti.


Questo fa parte del diritto sciita, evidentemente del tardo periodo della storia islamica in Sicilia, quando il controllo passò alla dinastia Fatimide sciita (ma la popolazione islamica in Sicilia restò sostanzialmente sunnita).

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
teo
Affezionatissimo
Affezionatissimo


Registrato: 04/09/12 09:57
Messaggi: 70
Residenza: Italia

MessaggioInviato: Gio Mar 20, 2014 9:51 am    Oggetto: Rispondi citando

Simo; ha scritto:
Molto interessante. Ma tanto l'Italia nega il passato musulmano di certe località. Hanno tutti paura, chi per ignoranza chi per sentito dire, della violenza e del credo comune su questa religione.
Io credo che se ci fosse ancora uno stato islamico che applica al 100% le leggi islamiche, oggi non avremmo tutti questi grossi problemi: meno violenza, meno ladri e quiete civile. Gli uni aiuterebbero gli altri, e chi non é musulmano potrebbe benissimo tenere la sua religione senza problema.


quoto totalmente
Top
Profilo Invia messaggio privato
AbuMuhammad
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 26/03/12 18:44
Messaggi: 936

MessaggioInviato: Gio Mar 20, 2014 9:53 am    Oggetto: Rispondi citando

..


L'ultima modifica di AbuMuhammad il Sab Mag 31, 2014 11:34 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
hupaska
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 02/03/13 10:50
Messaggi: 641
Residenza: Italia (Emilia Romagna)

MessaggioInviato: Gio Mar 20, 2014 12:28 pm    Oggetto: Rispondi citando

Interessante. Mi è piaciuto leggere questa pagina di storia siculo - italiana!


Simo; ha scritto:
Molto interessante. Ma tanto l'Italia nega il passato musulmano di certe località. Hanno tutti paura, chi per ignoranza chi per sentito dire, della violenza e del credo comune su questa religione.



Solo per spezzare una lancia: ho avuto la fortuna forse di studiare su un sussidiario abbastanza imparziale alle elementari. Mi ricordo che parlava del colonialismo musulmano in Spagna e Sicilia in termini abbastanza positivi per essere stato scritto poco meno di 30 anni fa! ^_^

_________________
Son troppi i colori nel mondo, non li puoi chiudere in una bandiera...

“Cadi sette volte, rialzati otto”

"Quando soffia la tempesta e hai paura di annegare
Chiama, chiama piano Sai che non sarò lontano ..."
Top
Profilo Invia messaggio privato
teo
Affezionatissimo
Affezionatissimo


Registrato: 04/09/12 09:57
Messaggi: 70
Residenza: Italia

MessaggioInviato: Gio Mar 20, 2014 12:58 pm    Oggetto: Rispondi citando

hupaska ha scritto:
Interessante. Mi è piaciuto leggere questa pagina di storia siculo - italiana!


Simo; ha scritto:
Molto interessante. Ma tanto l'Italia nega il passato musulmano di certe località. Hanno tutti paura, chi per ignoranza chi per sentito dire, della violenza e del credo comune su questa religione.



Solo per spezzare una lancia: ho avuto la fortuna forse di studiare su un sussidiario abbastanza imparziale alle elementari. Mi ricordo che parlava del colonialismo musulmano in Spagna e Sicilia in termini abbastanza positivi per essere stato scritto poco meno di 30 anni fa! ^_^


una storia negletta

_________________
Rasullallah (sallallahu alaih wasallam) disse: "C'è un pilastro di 'Nur' (Luce Divina) innanzi all'Arshi Elahi (Il trono di Allah) quando qualcuno recita La ilaha ill’Allah, questo pilastro comincia a scuotersi. Nel momento in cui Allah chiede ad esso di fermare il suo scuotimento, questo dice: "Come posso fermarmi quando colui che recita la kalimah non ha ancora ricevuto il perdono?" Quindi Allah dice, "Dunque lo perdono" e il pilastro smette di vibrare.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Hind
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 21/10/10 13:38
Messaggi: 311

MessaggioInviato: Gio Mar 20, 2014 1:51 pm    Oggetto: Rispondi citando

E ancora più negletta è la vera storia del "buon" Federico II, che deportò 20.000 musulmani a Lucera, salvo poi costringerli occasionalmente a combattere per le sue guerre.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Simo;
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 01/03/13 19:14
Messaggi: 1286
Residenza: Sono una sorella

MessaggioInviato: Gio Mar 20, 2014 7:34 pm    Oggetto: Rispondi citando

hupaska ha scritto:
Interessante. Mi è piaciuto leggere questa pagina di storia siculo - italiana!


Simo; ha scritto:
Molto interessante. Ma tanto l'Italia nega il passato musulmano di certe località. Hanno tutti paura, chi per ignoranza chi per sentito dire, della violenza e del credo comune su questa religione.



Solo per spezzare una lancia: ho avuto la fortuna forse di studiare su un sussidiario abbastanza imparziale alle elementari. Mi ricordo che parlava del colonialismo musulmano in Spagna e Sicilia in termini abbastanza positivi per essere stato scritto poco meno di 30 anni fa! ^_^


Ciao Flavia,
sì pure io l'ho studiato. Io parlavo della gente di oggi non dei libri... :))
Top
Profilo Invia messaggio privato
hupaska
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 02/03/13 10:50
Messaggi: 641
Residenza: Italia (Emilia Romagna)

MessaggioInviato: Ven Mar 21, 2014 9:30 am    Oggetto: Rispondi citando

Simo; ha scritto:
hupaska ha scritto:
Interessante. Mi è piaciuto leggere questa pagina di storia siculo - italiana!


Simo; ha scritto:
Molto interessante. Ma tanto l'Italia nega il passato musulmano di certe località. Hanno tutti paura, chi per ignoranza chi per sentito dire, della violenza e del credo comune su questa religione.



Solo per spezzare una lancia: ho avuto la fortuna forse di studiare su un sussidiario abbastanza imparziale alle elementari. Mi ricordo che parlava del colonialismo musulmano in Spagna e Sicilia in termini abbastanza positivi per essere stato scritto poco meno di 30 anni fa! ^_^


Ciao Flavia,
sì pure io l'ho studiato. Io parlavo della gente di oggi non dei libri... :))



Si, ma a volte capita di trovare diverse inesattezze o opinioni poco imparziali anche sui libri! :-)

_________________
Son troppi i colori nel mondo, non li puoi chiudere in una bandiera...

“Cadi sette volte, rialzati otto”

"Quando soffia la tempesta e hai paura di annegare
Chiama, chiama piano Sai che non sarò lontano ..."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Sab Mar 22, 2014 3:26 pm    Oggetto: Rispondi citando

hupaska ha scritto:
Solo per spezzare una lancia: ho avuto la fortuna forse di studiare su un sussidiario abbastanza imparziale alle elementari. Mi ricordo che parlava del colonialismo musulmano in Spagna e Sicilia in termini abbastanza positivi per essere stato scritto poco meno di 30 anni fa!


Non lo definirei "colonialismo", considerando che le zone conquistate non erano "colonie" (di popolamento o di sfruttamento) rispetto ad una qualche "terra madre", bensì parti eguali alle altri. Anzi, in Spagna vi furono diversi sultanati di fatto indipendenti...

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Storia, biografie, conoscenze, arte, poesie ed immagini Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.046