Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 



 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Rapporti con Altre Religioni e Ideologie, Confutazioni, etc.
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Ven Set 18, 2020 9:39 pm    Oggetto: Ads

Top
KARIM1956
Nuovo utente
Nuovo utente


Registrato: 23/09/12 22:28
Messaggi: 6

MessaggioInviato: Gio Set 27, 2012 11:57 pm    Oggetto: cosa è l'ateismo? Rispondi citando

vorrei sapere cosa è l'ateismo ne sapete qualcosa? qui dove sono io sembra una piaga tra i giovani che ha contaminato anche i miei figli e vorrei sapere cosa è perchè non ci sto capendo nulla, era un problema che ignoravo totalmente prima che mia mogli mi disse che mia figlia e mio figlio sono atei e che davanti a me si comportano da musulmani e non mi ero accorto. prima di fare qualcosa voglio sapere cose è questo ateismo perchè se non so cosa hanno in mente non saprei cosa dire per ridargli il seme dell'islam, io ho fatto di tutto per farlo crescere in loro ma sembra che qui si sia appassito senza che me ne accorgessi..
Top
Profilo Invia messaggio privato
AbuMuhammad
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 26/03/12 18:44
Messaggi: 936

MessaggioInviato: Ven Set 28, 2012 11:31 am    Oggetto: Rispondi citando

Una sola parola Karim: Kufur, e anche dei peggiori.
Significa non credere in Dio.

Ps: ma e' stranissimo che tu non sappia cosa significa.. scusa, parli benissimo italiano e non conosci questo normalissimo vocabolo? (scusate la tripletta di superlativi)

Salam


L'ultima modifica di AbuMuhammad il Mer Dic 05, 2012 9:01 am, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
KARIM1956
Nuovo utente
Nuovo utente


Registrato: 23/09/12 22:28
Messaggi: 6

MessaggioInviato: Ven Set 28, 2012 4:09 pm    Oggetto: Rispondi citando

no no lo conosco che significa incredulità ma non è tanto il termine quanto tutto quello che porta, non so come spiegarmi, è non riesco a capire cosa pensa come ragiona dove si appella quale è il libro di riferimento le figure autorevoli, non è per dirti come il cristianesimo o l'ebraismo, e non riesco a comprendere cosa sia non cosa significa, sapevo cosa significava ma non cosa era, non so ho cercato nel corano e nella sunnah e ok ci siamo ed è completamente giusto, ma il problema è che mi sono accorto che non basta per capirlo...non so spiegarlo bene se devo intervenire per risolvere il problema devo capire cosa ho davanti e non lo so cosa ho davanti per questo chiedevo a qualcuno che ne sappia più di me magari nel forum c'è qualcuno che conosce il fenomeno?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Ven Set 28, 2012 4:37 pm    Oggetto: Rispondi citando

KARIM1956 ha scritto:
no no lo conosco che significa incredulità ma non è tanto il termine quanto tutto quello che porta, non so come spiegarmi, è non riesco a capire cosa pensa come ragiona dove si appella quale è il libro di riferimento le figure autorevoli, non è per dirti come il cristianesimo o l'ebraismo, e non riesco a comprendere cosa sia non cosa significa, sapevo cosa significava ma non cosa era, non so ho cercato nel corano e nella sunnah e ok ci siamo ed è completamente giusto, ma il problema è che mi sono accorto che non basta per capirlo...non so spiegarlo bene se devo intervenire per risolvere il problema devo capire cosa ho davanti e non lo so cosa ho davanti per questo chiedevo a qualcuno che ne sappia più di me magari nel forum c'è qualcuno che conosce il fenomeno?


Assalamu 'alaikum wa rahmatullahi wa barakatuh,

che Allah guidi i tuoi figli fratello e tutti noi. amin.
C'è ben poco da capire in realtà, l'ateismo non ha logica eppure gli atei la considerano la cosa più logica del mondo, non devi studiare l'ateismo perchè non c'è nulla da studiare.

In poche parole gli atei negano l'esistenza di Dio, credono che l'universo abbia avuto inizio dal big bang ma non si chiedono e non vogliono sapere perchè c'è stato il big bang (un esplosione diciamo d'energia o di gas che poi ha dato inizio a tutto l'universo), riescono a descrivere come sia successo ma non perchè, dopo il big bang credono che da allora tramite coincidenze ed esplosioni varie, combinazioni casuali di fenomeni (io direi infinite e miracolose) si sono formati i pianeti, le galassie, le stelle, gli uomini etc etc, etc.... tutto praticamente si è creato da solo spontaneamente.

Gli atei non fanno altro che illudersi, analizzano il come di tutti gli eventi credendo di sapere così anche il perchè.. in poche parole credono soltanto a quello che vedono e basta, non credono in un'altra vita dopo la morte.
Ora, non hai bisogno di sapere di più, gli atei stessi non ne sanno di più tutto quello che sanno è che non credono in Dio.

Io non so che consigli darti per i tuoi figli, mi dispiace tanto di sentire queste notizie ma inshallah Allah li guiderà sulla retta via, abbi pazienza, parlane con loro con calma, cerca di capire come mai vogliono essere atei, chiedigli cos'è che non li convince esattamente... e ti consiglio di riunirvi un giorno tutti insieme e se hai la possibilità di trovare un bravo fratello che sa fare bene dawah ai miscredenti così ti aiuta a parlarne con loro nel modo giusto.. e fai tantissime du'a, inshallah si pentiranno.. ad esempio anche il fratello Nouman Khan diceva che era diventato ateo, ma poi hamdulilah ha ritrovato la fede, mashallah.

Perciò non perdere la speranza, cerca l'aiuto di qualcuno che sa fare bene dawa magari ti aiuterà a farli ragionare. Oppure un altro consiglio che mi sento di darti è quello di invitarli ad iscriversi qui sul forum.

Spero che qualche altro fratello ti saprà consigliare meglio.

_________________

"and this too shall pass.."


L'ultima modifica di Starlight il Ven Set 28, 2012 4:44 pm, modificato 3 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato
amatoLlah
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 20/02/11 12:25
Messaggi: 1067
Residenza: Toscana Madhab: Maliki

MessaggioInviato: Ven Set 28, 2012 4:39 pm    Oggetto: Rispondi citando

assalamo alykom fratello,
hai davanti a te persone che non credono in Allah swt, ne in nessuna divinita, e non hanno ovviamenete nessun libro, loro pensano che non ce Dio, non ce il giorno del giudizio,non ce un altra vita, non ce niente di niente a cui noi Musulmani crediamo o che "abbiamo in comune" con gli ebrei o cristiani.
quindi come ti dovresti comportare io non lo so, pero dovresti essere "ben preparato" se dovresti aprire con loro la discussione.
prima di tutto rivolgiti a Dio swt x aiutarti a convincerli di tornare sulla retta via, cerca di allontanarli di queste amicizie..e spiegali sopratutto con tanta calma che cos'è l'Islam, ascoltali e chiedili xche hanno fatto questa scelta.
che Allah swt ti aiuti, e gli conceda la hidaya presto inshalLah.

_________________
يا حي يا قيوم برحمتك أستغيث أصلح لي شأني كله ولا تكلني إلى نفسي طرفة عين
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Ven Set 28, 2012 4:49 pm    Oggetto: Rispondi citando

Quanti anni hanno i tuoi figli? se capiscono l'inglese potresti farli vedere questo dibattito di Hamza Tzortzis e Dan Bar:
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



la sorella amatullah ha ragione, devi essere molto preparato per affrontare questo discorso con loro, ma preparato nel senso che devi sapere come farli ragionare, ed è per questo infatti che ti avevo consigliato di farti aiutare da qualcuno che sa fare bene dawa.

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ràjiyah
Bannato
Bannato


Registrato: 16/07/12 20:28
Messaggi: 459
Residenza: Madhhab___Maliki

MessaggioInviato: Ven Set 28, 2012 7:20 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
per risolvere il problema devo capire cosa ho davanti e non lo so cosa ho davanti per questo chiedevo a qualcuno che ne sappia più di me magari nel forum c'è qualcuno che conosce il fenomeno?


gli altri ti hanno già spiegato molto.
Una volta che capisci a cosa fanno appiglio, gli smonti tutto quello in cui credono usando la religione. Devi farli ragionare in maniera che siano loro stessi a pensare di arrivare alla giusta conclusione, non imporgliela.
Prima però cerca anche di capire da cosa è motivato il loro ateismo. A casa mia, per esempio, una delle persone si definisce atea perché pensa sia assurda la creazione e i miracoli. L'altra crede nella magia e non nei miracoli. Un'altra non crede in Dio, non perché pensa davvero che non esista (è in dubbio), ma perché Lo odia talmente tanto per quello a cui l'ha predestinata.
Insomma i tuoi figli perché hanno deciso di essere atei? Comincia a capire questo ti può essere d'aiuto.

Citazione:
ed è per questo infatti che ti avevo consigliato di farti aiutare da qualcuno che sa fare bene dawa.


Te lo consiglio anche io.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Signor nostro, non lasciare che i nostri cuori si perdano dopo che li hai guidati...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Ven Set 28, 2012 7:20 pm    Oggetto: Rispondi citando

Fratello, per esperienza personale ti posso dire che i genitori possono poco o nulla quando un figlio decide di partire per la tangente dell'ateismo.
Di certo i discrosi le prediche e cose varie non funzionano, anzi, annoiano e basta.
Secondo me l'unica cosa realmente efficace che potete fare è dare un bell'esempio vivente di ciò che è l'Islam.. So che è difficile, ma dovete dimostrare loro di essere forti, di trarre la vostra forza dalla fede, di essere in armonia tra di voi, di essere coerenti con quanto professate. Questo è ciò che realmente funziona..

Invitate Musulmani, ma non per fare le prediche o i discorsi a loro. Parlate tra di voi. Fate si che in casa vostra si respiri il vero ambiente Islamico, che ci sia calore, fede, serenità.

Quando si accorgeranno che il cosiddetto "soggetto emancipato dal giogo della religione" in realtà è solo un burattino ridicolo destinato alla disperazione e quando si accorgeranno che la vita senza fede è ostile, fredda, falsa, ipocrita, rimpiangeranno il calore la verità la forza che promana da un ambiente intriso di fede.. Inshahallah!

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Ven Set 28, 2012 7:32 pm    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:
Fratello, per esperienza personale ti posso dire che i genitori possono poco o nulla quando un figlio decide di partire per la tangente dell'ateismo.


ma inshallah con la guida di Dio si può fare.. è giusto che uno ci speri e c ci provi comunque e sempre con le migliori intenzioni (e inshallah con l'aiuto di Allah).

e in più come dicevi tu, dando anche il buon esempio, poi alla fine la guida proviene da Allah, che Allah guidi i suoi figli amin.

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
AbuMuhammad
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 26/03/12 18:44
Messaggi: 936

MessaggioInviato: Dom Set 30, 2012 5:27 pm    Oggetto: Rispondi citando

..


L'ultima modifica di AbuMuhammad il Sab Giu 07, 2014 9:11 am, modificato 2 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato
KARIM1956
Nuovo utente
Nuovo utente


Registrato: 23/09/12 22:28
Messaggi: 6

MessaggioInviato: Dom Set 30, 2012 11:29 pm    Oggetto: Rispondi citando

Mus'ab ha scritto:
KARIM1956 ha scritto:
no no lo conosco che significa incredulità ma non è tanto il termine quanto tutto quello che porta, non so come spiegarmi, è non riesco a capire cosa pensa come ragiona dove si appella quale è il libro di riferimento le figure autorevoli, non è per dirti come il cristianesimo o l'ebraismo, e non riesco a comprendere cosa sia non cosa significa, sapevo cosa significava ma non cosa era, non so ho cercato nel corano e nella sunnah e ok ci siamo ed è completamente giusto, ma il problema è che mi sono accorto che non basta per capirlo...non so spiegarlo bene se devo intervenire per risolvere il problema devo capire cosa ho davanti e non lo so cosa ho davanti per questo chiedevo a qualcuno che ne sappia più di me magari nel forum c'è qualcuno che conosce il fenomeno?


Il mio precedente messaggio lo avevo scritto un po' di fretta, per cui penso sia giusto da parte mia aggiungere qualcosina in piu'..

Credo che la cosa principale da tenere in considerazione per poter affrontare debitamente il problema sia l'eta' dei tuoi figli. Se mi dici che sono in piena adolescenza diciamo sui 14 anni - mettiamo anche un limite: sotto i 17/18 (o la ventina) – allora la problematica a mio avviso sara' di un certo tipo, e un livello piu' lieve. Se invece sono gia' maggiorenni, diciamo di eta' superiore alla ventina, allora il problema, credo, sara' un po' piu' complesso. In queste tematiche strettamente legate al fattore "psicologico" l’eta' a mio avviso pregiudica un po' tutta la questione, sia la gravita' del problema che la soluzione da adottare.
Se i tuoi figli sono ancora giovani e in piena adolescenza allora e' possibile che questa cosa "dell'ateismo" sia riconducibile piu' che altro ad una mera moda insignificante e passeggera, diffusa tra i loro compagni o amicizie e a cui loro hanno deciso di conformarsi; puo' anche darsi che i tuoi figli di "scritti" e filosofie ateistiche non sappiano assolutamente nulla, ergo ignorano il significato effettivo del termine "ateismo" quale ideologia vera e propria (o "fede" essa stessa), e che quindi si siano conformati "al gruppo" passivamente esattamente come un giovincello, magari senza neanche accorgersene del tutto, decide un giorno di vestirsi in una certa maniera anziche' in un'altra seguendo una "moda" particolare.. Se e' cosi', e lo spero, allora si tratta di una cavolata, e bastera' una ponderata e riflessiva discussione o ramanzina (in modi pacati ovviamente) da parte dei loro genitori in primis per poterli reindirizzare verso la giusta Via e reintrodurli ottimamente nel binario della ragione, ma pian piano e a passi alterni e soprattutto con molta pazienza. A ben pensare lo stesso discorso vale in fin dei conti anche se sono maggiorenni o di eta' non piu' adolescenziale, d'altronde come c'e' chi si converte all'islam a 18 anni o sotto questa soglia di eta' c'e' benissimo anche quello che si converte allo stesso a 40, 50, 60 anni, da adulti o addirittura anziani. La ragione, o meglio l'assunzione di coscienza nei riguardi della verita' non prescinde dall'eta' ma, e qui mi riallaccio alla mia premessa precedente, dall'intelligenza, ergo un adolescente di 14-15 anni fisicamente ha meno raziocinio di un adulto, da qui la chiave di volta per la comprensione TOTALE del problema, le linee guida insomma, da adoperare in caso di eventuale "corto circuito" o "blackout".

Siamo tutti perfettamente consci delle mode che la societa' Occidentale e Kafir – e chiunque la emuli, in ogni parte del mondo – riesce a creare ed ha saputo creare nel corso della storia. Autentici "mostri" e "mostruosita" umane; l'ateismo e' una di queste DEgenerazioni della mente umana, l'idea insomma che l'uomo, quale essere infinitamente caduco e imperfetto, basti a se stesso e che la sua sola ragione - di per se limitata e immodificabile - gli permetta di ergersi al di sopra del creato e di stabilire da solo la verita' universale dell'esistenza e cio' che gli altri uomini dovrebbero a loro volta seguire. Insomma, dei mali che generano altri mali e che non possono generare altrimenti. Noi in qualita' di musulmani abbiamo la responsabilita' morale e il dovere di distanziarcene il piu' possibile, e chi ha prole e' gravato da una maggiore responsabilita'; una sola parola a riguardo: Sunnah.
Fattore predominante della fatiscente ideologia atea e' il dubbio, quella cosa che gli atei elogiano a dismisura come se fosse il biglietto d'entrata per la Verita'. E' interessante a proposito quello che scrive Hamzeh Piccardo a proposito di questa parola nel suo commentario del Corano, relativo al versetto 10 della Surah al-Baqara; per la sua bellezza ed eloquenza mi permetto di riportarlo:

10. Nei loro cuori c'è una malattia e Allah ha aggravato questa malattia. Avranno un castigo doloroso per la loro menzogna.

"Una malattia": il dubbio. Nella cultura occidentale si e' scritto e detto molto a proposito dell'importanza del dubbio, del valore assoluto della critica per preservare la societa' e la cultura dalle aberrazioni totalitarie e assolutiste. Tutto questo puo' anche essere vero, in una cultura che si basa su teorie umane, su assunti ideologici o filosofici concepiti dall'uomo, su principi etici contingenti ed instabili. Quando pero' ci si trova di fronte alla Parola di Allah, alla Rivelazione della Sua Dottrina e della Sua Legge, questo dubbio e' davvero una malattia, un qualcosa di distruttivo e destabilizzante per l'equilibrio dell'uomo e della societa' in cui vive. Immaginate la condizione di un uomo che pretenda di analizzare ogni singola boccata d'aria prima di respirarla, ogni cibo e bevanda prima di consumarli. Immaginate qualcuno che voglia verificare tutto un impianto elettrico prima di accendere una lampadina o che non accetti di iniziare una giornata senza prima aver eseguito un check-up completo delle sue condizioni fisiche, con tanto di elettroencefalogramma, analisi del sangue, TAC e simili. Dubitare di Allah, dei Suoi Libri, dei Suoi Angeli e dei Suoi Inviati ha un effetto ancora piu' devastante sulla mente di chi dubita e sulla societa' che e' afflitta dal dubbio e dai dubbiosi.

Chiusa questa parentesi, il consiglio che ti do, fratello Karim, dal basso della mia non essenza di genitore, e' di fare quasi da "campanello" e da "sveglia" per i tuoi figli, serenamente, con modi pacati e pazienti, insomma, ricordali costantemente (ma non in modo da assillarli), magari anche con poche parole, di praticare ed ottemperare gli obblighi di fede, la preghiera prima di tutto; potrebbe bastare anche solo una parola in un preciso momento o contesto: "La Salat!", o "Salletu??" ("avete preghato?"), "hai pregato prima?", "hai gia' pregato?"; se i tuoi figli capiscono l'arabo, lo sanno leggere e capire, invitali costantemente anche ad una lettura giornaliera o settimanale del Qur'an, una pagina o due; se lo capiscono allora non ho dubbi che nella loro mente, leggendolo con attenzione, si accendera' quella lampadina, quel lume della fede (iman) vero e trascinante e della ragione.. e allora col tempo il piu' sara' fatto.
Credo che i modi siano anch'essi una chiave di volta, pacati e ponderati (non escludo le maniere forti se si dovesse arrivare ad atti di palese e apertamente dichiarato "kufur", ma nel caso dei figli credo che non vada sottovalutato il rischio di controindicazione per un richiamo troppo "oppressivo" e violento fin dall'inizio), attraverso il comportamento sereno e amichevole, i tuoi figli e come loro chiunque interagisca con noi, arrivano a capire da soli che tu li ami e li vuoi bene, e che quello che fai, il richiamo costante a loro indirizzato verso la Fede, lo fai appunto in ragione del tuo amore per loro e perche' hai premura della loro sorte futura. Insh'Allah


As-salamu 'alaykom wa rahmatullahi wa barakatuh



Grazie fratello sei stato molto esauriente grazie mille, ora i miei figli hanno 27 il maschio e 26 la femmina, sono tutti e due laureati uno in medicina l'altra in giurisprudenza. il problema come mi ha detto mia moglie che per prima a parlato con loro e a lei si sono confidati è che trovano tutto ciò che dice il sacro corano incompatibile con la realtà anche la stessa scienza del corano che quando in passato stavamo giorni a studiarla tutti insieme non pensavo che l'università li potesse portare a ciò. Comunque a mia moglie hanno detto che no non è per moda ma dopo lungo ragionamento hano proprio accantonato tutto quello che in anni ho tentato di istillare nei loro cuori, come se lo avessero sdradicato il loro essere musulmani. Sono sicuro che è questo germe della cultura occidentale che con la sua istruzione tenta di distruggere l'islam partendo dai nostri figli. ma non aderiscono a nessuna ideologia sembra più che altro che ragionino come hai detto te ma utilizzando "parole loro dette a mia moglie "il metodo scientifico"" non so cosa si intenda per metodo scientifico e che ideologia sia. mia figlia invece è che paragonando la carta dei diritti dell'uomo trova il sacro corano solo un libro "preistorico" e con parole sempre dette a mia moglie "concetti giuridici incompatibili con una società civile che voglia evolversi e progredire" da la colpa proprio al sacro corano se i paesi islamici non sono riusciti ad emergere......ora loro il corano e la sunnah la conoscono perfettamente 10 volte anche meglio dei compagni della moschea dato che si erano imparati a memoria moltissime sure discutendole davanti a molti fratelli, io non mi capacito infatti. ora ho pensato di vigilare anche nei loro accaunt di facebook ma non so se è haram farlo devo parlare con l'imam prima so che li avevano perchè seriviva per l'università.....credo che comunque affronterò l'argomento con loro direttamente facendomi spiegare il perchè di tutto come se non fossi ne arrabbiato ne deluso ma solo per capire il loro pensiero dove e come hanno avuto origine queste idee "malattie" in mente mi è venuto questo. caso mai se mi danno del materiale scritto ne discuto con voi qui prima
Top
Profilo Invia messaggio privato
AbuMuhammad
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 26/03/12 18:44
Messaggi: 936

MessaggioInviato: Gio Ott 04, 2012 12:01 pm    Oggetto: Rispondi citando

..


L'ultima modifica di AbuMuhammad il Sab Giu 07, 2014 9:11 am, modificato 2 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14960
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Gio Ott 04, 2012 11:23 pm    Oggetto: Rispondi citando

Mus'ab ha scritto:
Sarebbe molto interessante leggere direttamente in questa sede le opinioni dei tuoi figli, chiedi loro magari se hanno voglia di iscriversi e dialogare con noi, sono sicuro che anche gli altri fratelli e sorelle presenti sul forum saranno felici di conoscerli e dialogare con loro :)


Avevo pensato alla stessa cosa!.. ;-)

Mus'ab ha scritto:
Nemmeno io capisco come facciano ad anteporre il cosiddetto "metodo scientifico" alla verita' universale del Corano e dell'Islam. Il metodo scientifico non e' un'ideologia, e' semplicemente un metodo, la tattica e prassi che adotta la scienza per giungere a delle conclusioni univoche, il tutto basato su dei passaggi graduali: l'osservazione, la tesi deduttiva, la sperimentazione e da questa la prova della propria tesi o la negazione, tutto qui; ma tale metodo non supera e non puo' superare certi limiti, e soprattutto non e' mai Assoluto, ma per principio perennemente falsificabile.. il metodo scientifico ci dice forse perche' siamo al mondo? O perche' dobbiamo esistere, cosa dobbiamo e siamo tenuti a fare sopra ogni altra cosa in questa vita e cosa no? Ci dice da cosa ha avuto inizio il tutto, l'universo, la vita, l'uomo? No, non ci dice nulla di tutto questo e soprattutto non puo' dircelo, allora dobbiamo restare inerti e non fare nulla, rimanere dei bambolotti senza anima e senza valori, scopi, affidarci solo alle nostre passioni e sensi che nemmeno sappiamo da cosa hanno avuto origine? La verita' dell'Islam ricopre queste ed altre buche.

Attraverso il metodo scientifico sappiamo semmai il "come" di certe cose, ma non il perche' quelle cose siano cosi'.


Esattamente!

Ma sembra che per alcune persone la spiegazione del "come" sia sufficiente ad oscurare il "perchè"; questo fondamentalmente in ragione del fatto che la scienza occidentale, in Europa, ha sviluppato da secoli una sorta di "ideologia anti-religiosa", ma unicamente per motivi storici e di questioni interne alla specifica situazione del cristianesimo in Europa, non perché abbia "dimostrato" che Dio non esista.

"Esportare" tale retorica anti-religiosa al di fuori dello specifico contesto euro-cristiano, e tanto più farlo nell'esportarla nel contesto islamico, che è quello nel quale sono state gettate le basi stesse del moderno "metodo scientifico" è assolutamente illogico e privo di senso.

Significa comprare senza motivo la retorica e l'ideologia "occidentale" per mero scimmiottamento.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
nic4
Frequentatore stabile
Frequentatore stabile


Registrato: 18/02/12 14:00
Messaggi: 36
Residenza: VENETIA

MessaggioInviato: Sab Ott 06, 2012 2:00 pm    Oggetto: Re: cosa è l'ateismo? Rispondi citando

KARIM1956 ha scritto:
vorrei sapere cosa è l'ateismo ne sapete qualcosa? qui dove sono io sembra una piaga tra i giovani che ha contaminato anche i miei figli e vorrei sapere cosa è perchè non ci sto capendo nulla, era un problema che ignoravo totalmente prima che mia mogli mi disse che mia figlia e mio figlio sono atei e che davanti a me si comportano da musulmani e non mi ero accorto. prima di fare qualcosa voglio sapere cose è questo ateismo perchè se non so cosa hanno in mente non saprei cosa dire per ridargli il seme dell'islam, io ho fatto di tutto per farlo crescere in loro ma sembra che qui si sia appassito senza che me ne accorgessi..


Qui in Italia l'ateismo è in verità anticlericalismo; la maggior parte degli atei italiani infatti ha come obiettivo principale l'insultare la Chiesa Cattolica e denigrarla, porsi contro la maggiore ISTITUZIONE che dice di agire in nome di Dio. L'accanimento contro le altre religioni infatti è minimo.
Detto questo non considero queste persone "atee" in quanto un ateo di Dio se ne dovrebbe principalmente fregare, non essergli contro.
Top
Profilo Invia messaggio privato
aulari
Bannato
Bannato


Registrato: 06/10/12 19:51
Messaggi: 2

MessaggioInviato: Dom Ott 07, 2012 12:05 am    Oggetto: Rispondi citando

Caro amico,
Noi atei, noi "kafiruna" non siamo affatto come ti siamo stai descritti: saremmo "bambolotti senz'anima e senza valori", che si possono affidare solo alle loro passioni.
Sciocchezze.
L'ateo, serenamente, prende semplicemente atto della plausibile natura delle cose, ne e' consapevole e ne sente (nei limiti delle proprie forze) il peso della responsabilità.

Leggo della "verità universale del Corano", ma mi chiedo: quale verità? La verità può essere sempre dimostrata, perché la verità porta prove. Quali prove porta la religione? Essa porta mistero, paura, magari speranza, NON prove. Se l'Islam portasse le prove dei suoi dogmi, tutti saremmo naturalmente islamici, non credi? Se io dicessi: "non credo alle leggi della fisica che governano il mondo", tu potresti DIMOSTRARE che ho torto. Se io dicessi: "Mohamed non ha mai ricevuto nulla dall'arcangelo Gabriele, perchè mai gli e' apparso", tu cosa potresti ribattere? Che il Corano testimonia il contrario? E che forza potrebbe avere una simile prova, dal momento che e' la veridicità stessa del Corano che metto in dubbio?
Dio come causa ultima? "Chi mi ha creato?" E, partendo dai genitori di ciascuno, su, su si arriva fino a Dio. E prima di Dio? Forse un Dio più grande? Più "Dio"? D'accordo, spiegava Aristotele, e' necessario porre un inizio logico, ma ciò non significa certo dimostrare l'esistenza di un Dio, come spiegava Kant.
In realtà e' proprio il Dubbio e' la base e la condizione di ogni evoluzione e crescita. Non e' forse vero ciò che si scrive del diavolo: "il diavolo e' cupo perché sa dove va e perchè torna sempre da dove e' venuto. E' l'arroganza dello spirito, la Fede senza sorriso, La VERITA' MAI PRESA DAL DUBBIO"?
Le religioni non nascono forse dal bisogno, dalla constatazione della nostra fragilità, della nostra finitezza e della nostra caducita'? Lo stesso concetto di Dio non e' forse dato dall'insieme degli attributi che vorrebbero avere gli uomini, ma che non hanno? E insieme alla speranza, la forza delle religioni non e' forse la paura dell'ignoto e del castigo (guai a te, dopo la morte, se in vita non seguirai i precetti che ti ordino di osservare")?

Hai cresciuto bene i tuoi figli. Grazie a te potranno raggiungere lusinghieri traguardi. Con l'affetto di padre e l'esempio li hai cresciuti rettamente. Continua quindi a credere in ciò che ti fa essere quello che sei e che loro amano e rispettano. Non angustiarti se, conducendo una vita giusta e responsabile, non credono.
Non c'e' bisogno di un dio per vivere degnamente la vita.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Dom Ott 07, 2012 12:27 am    Oggetto: Rispondi citando

aulari ha scritto:
Caro amico,
Noi atei, noi "kafiruna" non siamo affatto come ti siamo stai descritti: saremmo "bambolotti senz'anima e senza valori", che si possono affidare solo alle loro passioni.
Sciocchezze.
L'ateo, serenamente, prende semplicemente atto della plausibile natura delle cose, ne e' consapevole e ne sente (nei limiti delle proprie forze) il peso della responsabilità.

Leggo della "verità universale del Corano", ma mi chiedo: quale verità? La verità può essere sempre dimostrata, perché la verità porta prove. Quali prove porta la religione? Essa porta mistero, paura, magari speranza, NON prove. Se l'Islam portasse le prove dei suoi dogmi, tutti saremmo naturalmente islamici, non credi? Se io dicessi: "non credo alle leggi della fisica che governano il mondo", tu potresti DIMOSTRARE che ho torto. Se io dicessi: "Mohamed non ha mai ricevuto nulla dall'arcangelo Gabriele, perchè mai gli e' apparso", tu cosa potresti ribattere? Che il Corano testimonia il contrario? E che forza potrebbe avere una simile prova, dal momento che e' la veridicità stessa del Corano che metto in dubbio?
Dio come causa ultima? "Chi mi ha creato?" E, partendo dai genitori di ciascuno, su, su si arriva fino a Dio. E prima di Dio? Forse un Dio più grande? Più "Dio"? D'accordo, spiegava Aristotele, e' necessario porre un inizio logico, ma ciò non significa certo dimostrare l'esistenza di un Dio, come spiegava Kant.
In realtà e' proprio il Dubbio e' la base e la condizione di ogni evoluzione e crescita. Non e' forse vero ciò che si scrive del diavolo: "il diavolo e' cupo perché sa dove va e perchè torna sempre da dove e' venuto. E' l'arroganza dello spirito, la Fede senza sorriso, La VERITA' MAI PRESA DAL DUBBIO"?
Le religioni non nascono forse dal bisogno, dalla constatazione della nostra fragilità, della nostra finitezza e della nostra caducita'? Lo stesso concetto di Dio non e' forse dato dall'insieme degli attributi che vorrebbero avere gli uomini, ma che non hanno? E insieme alla speranza, la forza delle religioni non e' forse la paura dell'ignoto e del castigo (guai a te, dopo la morte, se in vita non seguirai i precetti che ti ordino di osservare")?

Hai cresciuto bene i tuoi figli. Grazie a te potranno raggiungere lusinghieri traguardi. Con l'affetto di padre e l'esempio li hai cresciuti rettamente. Continua quindi a credere in ciò che ti fa essere quello che sei e che loro amano e rispettano. Non angustiarti se, conducendo una vita giusta e responsabile, non credono.
Non c'e' bisogno di un dio per vivere degnamente la vita.


Tanto per chiarirci:

1. noi non abbiamo detto che non avete un'anima, ma semmai voi negate l'anima, o comunque la maggior parte di voi.
2. esiste la verità, se ti interessa cercala come si deve senza perdere tanto tempo dietro a ragionamenti assurdi, impara piuttosto a porti le domande giuste se vuoi trovare le risposte giuste.
3. non ci interessa la tua filosofia, anzi.. non ci interessa proprio la filosofia.
4. credi di avere tanti dubbi e quindi suppongo che ti senti molto intelligente e riflessivo solo per questo fatto (tipico da voi atei), eppure sei così sicuro di quello che dici, soprattutto sei così sicuro sull'inesistenza di Dio.. vedi, quello che dà fastidio di voi atei è la vostra presunzione di sapere tutto soltanto perchè fate tanti ragionamenti che in realtà sono finti ragionamenti pieni di falsi dubbi..
5. molto meglio un agnostico che un ateo.. almeno loro sono più onesti con se stessi.

quindi se per caso non l'hai capito, i tuoi non sono nemmeno dubbi, altrimenti no saresti così sicuro di quello che dici e di conseguenza non verresti qui a fare un discorso simile con tanta convinzione.

_________________

"and this too shall pass.."


L'ultima modifica di Starlight il Dom Ott 07, 2012 8:46 am, modificato 3 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato
aulari
Bannato
Bannato


Registrato: 06/10/12 19:51
Messaggi: 2

MessaggioInviato: Dom Ott 07, 2012 12:40 am    Oggetto: Rispondi citando

La "vostra presunzione di sapere tutto"?
Mi devo porre le "domande giuste"?

Questa mi pare arroganza o mi sbaglio?

Io mi sono limitato a porr alcune questioni elementari e a rispondere ad un utente del forum che si potesse giovare del mio post, anche se sotto una luce diversa.

Tu, che pensi di avere la Verita' in mano, su argomnti come morte, anima, dio, paradiso, ecc... ne sai esattamente quanto il sottoscritto, cioè niente.
Se ti piace credere alle favole e alla magia, fa' pure, non saro' certo io a credere di poterti insegnare a vivere.
Ti pregherei solo di usare lo stesso atteggiamento nei miei confronti.
Grazie.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Dom Ott 07, 2012 12:47 am    Oggetto: Rispondi citando

aulari ha scritto:
La "vostra presunzione di sapere tutto"?
Mi devo porre le "domande giuste"?

Questa mi pare arroganza o mi sbaglio?

Io mi sono limitato a porr alcune questioni elementari e a rispondere ad un utente del forum che si potesse giovare del mio post, anche se sotto una luce diversa.

Tu, che pensi di avere la Verita' in mano, su argomnti come morte, anima, dio, paradiso, ecc... ne sai esattamente quanto il sottoscritto, cioè niente.
Se ti piace credere alle favole e alla magia, fa' pure, non saro' certo io a credere di poterti insegnare a vivere.
Ti pregherei solo di usare lo stesso atteggiamento nei miei confronti.
Grazie.


scusami tanto ma io non sono intervenuta in un forum ateo spiegando a tutti quanto ho ragione..quindi che ti aspettavi? le mie congratulazioni?

come ti ho detto i tuoi dubbi sono falsi dubbi quindi almeno non ti vantare di questo.

se per te credere in Dio è una favola, allora credere nel nulla cos'è?
spiacente ma mi rifiuto di credere di essere venuta fuori dal nulla, nulla nasce dal nulla.. poi se a te piace credere in questo, please non accusare me di credere nelle favole.. la vostra pure è credenza ma è credenza assurda.. è come se io credessi che domani una casa spunterà fuori dal nulla tutta pronta per me..

come vedi, la mia non è arroganza (e anzi spero che un giorno Dio ti aprirà il cuore di fronte alla verità) ma piuttosto è sincerità perchè ti dico come stanno le cose senza tirare fuori i dubbi per metterti dubbi;
non ho paura di dire di credere nella verità solo perchè così verrei accusata di essere ignorante solo perchè qualcuno qualche secolo fa ha deciso che non avere dubbi significa essere ignoranti non mi invento un sacco di dubbi falsi soltanto per credermi o per sentirmi intelligente (vantandomi) per poi finire di crederci pure..

_________________

"and this too shall pass.."


L'ultima modifica di Starlight il Dom Ott 07, 2012 1:36 am, modificato 3 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Dom Ott 07, 2012 1:19 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Noi atei, noi "kafiruna" non siamo affatto come ti siamo stai descritti: saremmo "bambolotti senz'anima e senza valori", che si possono affidare solo alle loro passioni.
Sciocchezze.


Citazione:
Non angustiarti se, conducendo una vita giusta e responsabile, non credono.
Non c'e' bisogno di un dio per vivere degnamente la vita.


No infatti, perchè quello che vi limitate a fare è negare Dio. Poi però continuate a vivere con la morale e i valori delle religioni. E questo è contraddittorio. Vi avvalete di parole come virtù, giustizia, responsabilità Ma queste sono tutte parole vuote, se estrapolate dai testi Sacri che facendocele conoscere, le hanno di fatto inventate.

Io ho conosciuto solo un ateo coerente in tutta la mia vita. Francois de Sade.

Con assoluta coerenza con l'ateismo da lui professato, scrive:

" Dal momento che la distruzione è una delle prime leggi della natura, nessuna azione distruttiva può essere considerata un crimine".

"L'assassionio non è un crimine. Chi lo commette non fa che variare delle forme, accelerando ciò che in natura avverrebbe lo stesso. Poichè le creazioni non possono che essere un piacere per chi vi si dedica, l'assassino ne procura dunque uno alla natura, le fornisce materiali che essa usa all'istante, e l'azione che quegli sciocchi hanno avutola follia di biasimare diventa un merito agli occhi della natura"

"Le persone che credevano in Dio, convinti che solo da lui ricevessimo l'esistenza, consideravano ovviamente un crimine capitale la distruzione di questa piccola creatura, perchè secondo loro essa non apparteneva più agli uomini; era opera di Dio, apparteneva a Dio: come disporne senza commettere un delitto. Ma da quando la fiaccola della filosofia ha dissolto tutte queste imposture, da quando grazie a una migliore conoscenza delle leggi e dei segreti della fisica, abbiamo chiartio la questione della riproduzione e questo meccanismo materiale non ci stupisce più della vegetazione di un chicco di grano, abbiamo fatto appello alla natura contro l'ignoranza degli uomini.
Abbiamo finalmente riconosciuto di essere perfettamente liberi di riprenderci quello che avevamo concesso controvoglia (il diritto a uccidere) e abbiamo capito che una creatura in più o in meno sulla terra non costituisce un fatto di grande importanza [...]. Illustrandovi l'irrilevanza dell'omicidio su questa terra, avrete capito quanto poco conti ciò che attiente all'infanticidio. La lettura della storia dei costumi di tutti i popoli, mostrandovi come quest'usanza sia universale, finirà per convincervi che soltanto la stupidità può considerare un male questo modo di agire assolutamente nomrale.

" " non ci bruciate, non ci scorticate. La natura dice che non bisogna fare agli altri quello che non vorremmo fosse fatto a noi" Imbecilli! Come potrebbe la natura, che sempre ci consiglia il piacere, che mai imprime in noi impulsi e sentimenti diversi, come potrebbe, un attimo dopo, con un'incoerenza senza eguali, assicurarci che non dovremmo provare piacere se ciò potrebbe procurare dolore agli altri? La natura nostra madre universale, in realtà ci parla soltanto di noi, niente è egoista come la sua voce e il suo messaggio chiarissimo è l' immutabile e santo consiglio di procurarci il piacere, non importa a spese di chi.
La crudeltà, ben lungi dall'essere un vizio, è il primo sentimento impresso in noi dalla natura. "

La morale del vizio è l'unica morale realmente coerente con l'ateismo.
Il resto è un ateismo ipocrita, che nega Dio ma accetta la sua morale.

Detto questo visto che metti in mezzo i filosofi ti parlo di un altro filosofo che mi sembra particolarmente coerente. Hume.
Lui sostiene, e non gli si può dare torto, che la natura non è passibile di norma. Da un fatto-e la natura è un insieme di fatti- non puoi ricavare un dovere. Ciò che semplicemente è, non ci suggerisce in alcun modo un dover essere.Ovvero --> La morale non può in alcun modo fondarsi sulla natura.. Questa è logica.
Quindi se sei ateo o quantomeno accetti coerentemente che non esiste una morale atea, oppure è inutile parlarne, perchè il tuo non è ateismo (come quello del 99.9 % delle persone) ma un becero sincretismo di scepsi, negazione di Dio e morale religiosa. Ed infatti l'ateismo fasullo ha potuto sopravvivere proprio in quanto fasullo. Ovvero deve la sua vita al fatto che comunque accetta come morale, i comandamenti religiosi.
Detto questo l'ateismo, anche quello autentico di De Sade è infondato e porta all'autoditruzione ed ha come risultato il Nulla.


Citazione:

La verità può essere sempre dimostrata, perché la verità porta prove. Quali prove porta la religione? Essa porta mistero, paura, magari speranza, NON prove. Se l'Islam portasse le prove dei suoi dogmi, tutti saremmo naturalmente islamici, non credi?


Non è vero. I profeti hanno sempre fornito prove. Tutti coloro che non credevano hanno iniziato a credere perchè i Profeti hanno fornito prove della veridicità di quanto affermavano. Ma come ti avrebbe dovuto insegnare la storia di Iblis/Satana, non è sufficiente una prova per accettare qualcosa. Bisogna anche avere il cuore predisposto ad amare la verità.

Citazione:
Se io dicessi: "Mohamed non ha mai ricevuto nulla dall'arcangelo Gabriele, perchè mai gli e' apparso", tu cosa potresti ribattere? Che il Corano testimonia il contrario? E che forza potrebbe avere una simile prova, dal momento che e' la veridicità stessa del Corano che metto in dubbio?


Nessun profeta ha mai avuto la arroganza /stupidità di essere creduto senza fornire alcuna prova della natura realmente Divina del messaggio che portava. Nè alcuno ha mai detto : credi al testo X perchè il testo X dice di se stesso di essere vero. Prove esterne al Corano della veridicità del Corano, (la cui perfezione di per se basterebbe comunque come prova) sono state fornite all'epoca del Profeta Muhammad.
Citazione:

Se l'Islam portasse le prove dei suoi dogmi, tutti saremmo naturalmente islamici, non credi?

Quindi questo non è vero. La miscredenza è tale anche dinnanzi a prove irrefutabili.
Citazione:

"il diavolo e' cupo perché sa dove va e perchè torna sempre da dove e' venuto. E' l'arroganza dello spirito, la Fede senza sorriso, La VERITA' MAI PRESA DAL DUBBIO"?


Non credi che questa citazione sia decontestualizzata?
Ti stai rivolgendo a persone che per la maggioranza sono giunte all'Islam dopo aver avuto il coaraggio di dubitare, abbandonare abitudini, tradizioni, genitori ecc.. E hanno trovato l'Islam proprio perchè hanno avuto il coraggio di dubitare e mettere in discussioni il loro passato.

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 22:31
Messaggi: 1098

MessaggioInviato: Dom Ott 07, 2012 3:08 am    Oggetto: Rispondi citando

aulari ha scritto:
Caro amico,
Noi atei, noi "kafiruna" non siamo affatto come ti siamo stai descritti: saremmo "bambolotti senz'anima e senza valori", che si possono affidare solo alle loro passioni.
Sciocchezze.
L'ateo, serenamente, prende semplicemente atto della plausibile natura delle cose, ne e' consapevole e ne sente (nei limiti delle proprie forze) il peso della responsabilità.

Leggo della "verità universale del Corano", ma mi chiedo: quale verità? La verità può essere sempre dimostrata, perché la verità porta prove. Quali prove porta la religione? Essa porta mistero, paura, magari speranza, NON prove. Se l'Islam portasse le prove dei suoi dogmi, tutti saremmo naturalmente islamici, non credi? Se io dicessi: "non credo alle leggi della fisica che governano il mondo", tu potresti DIMOSTRARE che ho torto. Se io dicessi: "Mohamed non ha mai ricevuto nulla dall'arcangelo Gabriele, perchè mai gli e' apparso", tu cosa potresti ribattere? Che il Corano testimonia il contrario? E che forza potrebbe avere una simile prova, dal momento che e' la veridicità stessa del Corano che metto in dubbio?
Dio come causa ultima? "Chi mi ha creato?" E, partendo dai genitori di ciascuno, su, su si arriva fino a Dio. E prima di Dio? Forse un Dio più grande? Più "Dio"? D'accordo, spiegava Aristotele, e' necessario porre un inizio logico, ma ciò non significa certo dimostrare l'esistenza di un Dio, come spiegava Kant.
In realtà e' proprio il Dubbio e' la base e la condizione di ogni evoluzione e crescita. Non e' forse vero ciò che si scrive del diavolo: "il diavolo e' cupo perché sa dove va e perchè torna sempre da dove e' venuto. E' l'arroganza dello spirito, la Fede senza sorriso, La VERITA' MAI PRESA DAL DUBBIO"?
Le religioni non nascono forse dal bisogno, dalla constatazione della nostra fragilità, della nostra finitezza e della nostra caducita'? Lo stesso concetto di Dio non e' forse dato dall'insieme degli attributi che vorrebbero avere gli uomini, ma che non hanno? E insieme alla speranza, la forza delle religioni non e' forse la paura dell'ignoto e del castigo (guai a te, dopo la morte, se in vita non seguirai i precetti che ti ordino di osservare")?

Hai cresciuto bene i tuoi figli. Grazie a te potranno raggiungere lusinghieri traguardi. Con l'affetto di padre e l'esempio li hai cresciuti rettamente. Continua quindi a credere in ciò che ti fa essere quello che sei e che loro amano e rispettano. Non angustiarti se, conducendo una vita giusta e responsabile, non credono.
Non c'e' bisogno di un dio per vivere degnamente la vita.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Citazione:
Noi atei, noi "kafiruna" non siamo affatto come ti siamo stai descritti: saremmo "bambolotti senz'anima e senza valori", che si possono affidare solo alle loro passioni.

L'ateo è colpevole del nn essere in grado di distinguere tra bene e male.
No rivelazione no distinzione tra bene e male.
no distinzione tra bene e male allora si ha morale soggettiva (singola o di gruppo).
La morale soggettiva è una morale che segue passioni e pensieri limitati ergo è una morale-passione.
Vedi anche cio che ti ha detto la sorella Soroboru.

Citazione:
L'ateo, serenamente, prende semplicemente atto della plausibile natura delle cose, ne e' consapevole e ne sente (nei limiti delle proprie forze) il peso della responsabilità.

allora andiam ben..

Citazione:
Leggo della "verità universale del Corano", ma mi chiedo: quale verità?

la "verità universale del Corano!"

Citazione:
La verità può essere sempre dimostrata, perché la verità porta prove.

Esatto!
Citazione:

Quali prove porta la religione?

Tutto cio che vedi intorno a te è la prova che chiedi.
Citazione:
Essa porta mistero, paura, magari speranza,

si anche queste cose sono fanno parte della Prova che chiedi.

Citazione:
NON prove.


mi sembra di capire che in verità neanche tu sai che prova chiedi.

Citazione:
Se l'Islam portasse le prove dei suoi dogmi, tutti saremmo naturalmente islamici, non credi?


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Non necessariamente;uno potrebbe benissimo conoscere la verità e rifiutarla per motivi suoi.
Uno potrebbe non avere compreso la verità perchè poverino limitato nella sua intelligenza; insomma ci sarebbero tante altre possibili spiegazioni.

Citazione:
Se io dicessi: "non credo alle leggi della fisica che governano il mondo", tu potresti DIMOSTRARE che ho torto.

Innanzi tutto come non ho bisogno di dimostrarti che esisti non c'è nemmeno bisogno che ti dimostri che esistano eventuali leggi fisiche.
Nessuno si è mai posto il problema, l'onere della prova spetta a te.

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Che poi tra l'altro dimmi tu che intendi con "leggi fisiche".
La legge fisica di per se non è un qualcosa da dimostrare una volta per tutte ma è un astrazione attiva matematica generale che l'uomo compie osservando il susseguirsi degli eventi; è continuamente da dimostrare altrimenti non sarebbe definibile scientificamente.

Le leggi della fisica che governano il mondo non esistono; al massimo possiamo dire che esistono delle cause che governano il mondo..

La legge fisica di per se puo essere formulata.Tramite le leggi fisiche possiamo fare semplici previsioni.
Le leggi fisiche non sono mai complete, sono per definizione scientifica falsificabili.

Potrebbe benissimo capitare un domani che una determinata legge fisica non funzioni o meglio, nn descriva più eventuali comportamenti naturali. Non vi è cettezza nelle leggi fisiche, sono una previsione che possono dimostrarsi essere vere o false.

In sostanza che cosa mi stai chiedendo?
Mi stai chiedendo di dimostrarti che l'uomo fa previsioni?
Mi stai chiedendo invece di dimostrarti che una certe legge funzionerà anche domani?
Mi stai chiedendo di dimostrarti che esiste una causa?
Insomma, se vogliamo fare i filosofi facciamolo fino in fondo caro arula..

Citazione:
Se io dicessi: "Mohamed non ha mai ricevuto nulla dall'arcangelo Gabriele, perchè mai gli e' apparso", tu cosa potresti ribattere?

Che ti sbagli; il Profeta sallallaahu ha ricevuto la rivelazione!
Potrei fornirti centinaia di prove inconfutabili.
Il problema però è che tu sei afflitto da quella malattia chiamata presunzione, secondo la quale ti è sufficiente come prova solo cio che ti fa comodo ritenere come prova..

Facciamo una prova pratica caro arula;

dimostrami che tua madre ti ha partorito.. Se effettivamente ti ha partorito non evresti problemi a portare una prova, no?

Che prove mi porteresti?
Nn ti sto offendendo, sono serio, davvero. Rispondi e ti faro capire che intiendos.. :)

Citazione:
Che il Corano testimonia il contrario? E che forza potrebbe avere una simile prova, dal momento che e' la veridicità stessa del Corano che metto in dubbio?
Dio come causa ultima? "Chi mi ha creato?"

confondi il cristianesimo con l'islam eheh
Citazione:

Dio come causa ultima? "Chi mi ha creato?" E, partendo dai genitori di ciascuno, su, su si arriva fino a Dio. E prima di Dio? Forse un Dio più grande? Più "Dio"? D'accordo, spiegava Aristotele, e' necessario porre un inizio logico, ma ciò non significa certo dimostrare l'esistenza di un Dio, come spiegava Kant.


xk che diceva kant?? Spiegamelo arula xk noi islamici uga uga non sappiamo cosa diceva kant..
Spiegacelo x favore.:-)

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Citazione:
In realtà e' proprio il Dubbio e' la base e la condizione di ogni evoluzione e crescita. Non e' forse vero ciò che si scrive del diavolo: "il diavolo e' cupo perché sa dove va e perchè torna sempre da dove e' venuto. E' l'arroganza dello spirito, la Fede senza sorriso, La VERITA' MAI PRESA DAL DUBBIO"?
Le religioni non nascono forse dal bisogno, dalla constatazione della nostra fragilità, della nostra finitezza e della nostra caducita'? Lo stesso concetto di Dio non e' forse dato dall'insieme degli attributi che vorrebbero avere gli uomini, ma che non hanno? E insieme alla speranza, la forza delle religioni non e' forse la paura dell'ignoto e del castigo (guai a te, dopo la morte, se in vita non seguirai i precetti che ti ordino di osservare")?


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Citazione:
Hai cresciuto bene i tuoi figli. Grazie a te potranno raggiungere lusinghieri traguardi. Con l'affetto di padre e l'esempio li hai cresciuti rettamente. Continua quindi a credere in ciò che ti fa essere quello che sei e che loro amano e rispettano. Non angustiarti se, conducendo una vita giusta e responsabile, non credono.
Non c'e' bisogno di un dio per vivere degnamente la vita.


Per adesso la tua argomentazione presenta gravi lacune; il tuo consiglio al fratello Karim non vale niente.
Ritenta, prova ad argomentare meglio magari vinci o magari no..:)


Pst ho già linkato 5"fallacie logiche".
Al prossimo post se ne commetterai altre 5 ti considererò ufficialmente cretino perchè nonostante non sia in grado di portare avanti argomentazioni valide continui con la tua arroganza.. in tal caso il treadh verrà chiuso e probiblmente tu bannato; non abbiamo tempo da perdere..

Pace
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Dom Ott 07, 2012 8:12 am    Oggetto: Rispondi citando

baia ha scritto:


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.




LOOOOOOOOOOOOOOOL :-D

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14960
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Lun Ott 08, 2012 4:07 am    Oggetto: Rispondi citando

Fantastico, questi ultimi post me li sono davvero gustati.
Complimenti a Starlight Soroboru e Baia per questo capolavoro.

Avete dimostrato in modo estremamente chiaro quanto il modello tipico di "ateo-medio" non è altro che una persona arrogante ed incredibilmente ignorante che si ritiene così intelligente da decidere di fare a meno anche dei ragionamenti più elementari.

Ah, e soprattutto quoto questo:

Citazione:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



"Uga uga" a tutti voi! :-D

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Lun Ott 08, 2012 7:08 am    Oggetto: Rispondi citando

'Umar Waziristani ha scritto:

Citazione:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.




ahah questa è stata la parte migliore, dovremmo usarla spesso questa immagine in casi come questi.. praticamente parla da se, non c'è nemmeno bisogno di commentare.

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Lun Ott 08, 2012 8:01 am    Oggetto: Rispondi citando

carissimo aulari, mi auguro tanto che tu capisca l'inglese perchè ho un articolo apposta per te che si chiama, indovina?

Irrationality of Atheism
spero tanto che ti piacerà :)

(...)
There are two specific terms in the science of debate; these are dominance and stubbornness. Dominance means trying to procure acceptance for a proof less claim. As for stubbornness, it means refusing a proved argument with demagogy. Scholars of science of debate consider these situations as inappropriate for debate method and to be neglected.

I personally think that atheists choose both the way of dominance and stubbornness in their debates, which is as follows:
When we say as a proof for Allah’s existence “A letter must have a writer, a house must have a master-builder and a village must have a headman.” we see that atheists get angry. They say, “What kind of a proof is this?” or “This is too simple!” and claim that what we have said cannot be taken as a proof, and we could not and can never convince them with this proof.

The sentence “A letter must have a writer, a house must have a master-builder and a village must have a headman” is actually simple, but is also rational. It is not important whether the proof is simple or quite strange. It just has to be rational.

It is wrong that atheists refuse this proof claiming it to be “simple”. What they have to do is to disproof this sentence with evidences and proofs. If they cannot disprove this sentence, then they have to admit that their cause have been and will be destroyed with such a simple proof.

Indeed, this is what makes them angry and disturbs them.
This situation of theirs can be an example for stubbornness, namely responding a proof not with an anti-proof but with pressure and demagogy.

Similarly, atheists have also employed the way of dominance skilfully. That is;
Atheism is not based on mind, logic or proof but on mere acceptance. For example, evolutionists, in response to the question “How did life come into being on earth?” say, “accidentally”. “How did other forms of life evolve and come into being out of one single cell?” this is “accidentally” too. So, “Is there any proof for these coincidences?” Of course, there is not. It is coincidence, namely mere accident, and there is not a rule or proof for it.

At this point, let us handle the question with regard to probability calculus:
Suppose that we have stamps in our hand numbered from 1 to 10. When we put these stamps into a bag and pick randomly from among them, we can pick the number 1 by one chance out of ten. Nevertheless, the probability of picking the stamps all in order from 1 to 10 is one out of 10 billion (10.000.000.000). Moreover, this is only a probability. In other words, when we repeat the action of picking the stamps and do it for 10 billion times, it is not certain that the stamps will exactly come out in order at the end.

If the probability of picking ten stamps all in order from 1 to 10 is 1 out of 10 billion, then what is the probability of the quite complex but orderly lining of the numberless atoms, cells and organs in our body? Think upon this for the bodies of all plants, animals and people.
Attributing all these to chance and accident arises only from bigotry and prejudgement. That is to say, atheists rely on an mere acceptance. They say, “I say so, and this is how it is.”

Martin Lings tells the following in his book “Ancient Beliefs and Modern Superstitions”:
Yves Delage, a former professor of zoology at Sorbonne University, says: “I accept that until now no one has come across a form that is the ancestor of another form, and that there is no single evidence to show that such a thing occurred even one time. But still I believe evolution to be true as though it was objectively proved. In short, science expects us to have faith in itself. Indeed, the idea of evolution is put forward as a kind of reality produced by inspiration. 1”

French geologist Paul Lemoine, who compiled the fifth volume (about living organisms) of Encyclopaedia Françoise, says the following after going through articles of various authors: “All of these show that evolution theory is in no way possible. In fact, contrary to how it seems, in effect, no one believes in evolution theory any more… Evolution is type of dogma that shepherds no longer believe but keep defending for the sake of the continuation of their herds.2”

In this regard, we can say that atheists are employing dominance to sell evolution. That is to say, a proofless claim is wanted to be sold to everybody as though it was a proven reality.

by Idris Tuzun, The Pen Magazine


parlate di certezze assolute (tipo che Dio non può esistere perchè esiste il caso e l'accidentalità che al posto di Dio hanno creato tutto) con certezza assoluta, e poi finite di esaltare il dubbio (sperando di metterci dubbi) perchè il dubbio dovrebbe aprirti la mente e trasformarti in una persona con mentalità aperta e razionale.. eppure siete proprio voi a credere e sottolineo CREDERE che l'universo intero sia spuntato fuori dal nulla, spontaneamente, auto-creandosi da solo.. dando così origine a infinite coincidenze e casualità in grado di creare per caso e accidentalmente altre creature.. ma non in modo assurdo ma intelligente da non farli mancare nulla (tipo gli esseri umani che per caso abitano in un pianeta dove per caso e accidentalemente il pianeta ha deciso di inventarsi tutte le condizioni da creare l'ossigeno e da permettere all'uomo di respirare, giusto per farti un esempio, eh) .. e tutto questo sarebbe dismostrabile scientificamente tramite prove indistruttibili e razionali che si chiamano: CASO E ACCIDENTALITA' ripetuta all'infinito..

se questa è scienza razionale non lo so.. eppure siamo noi a credere alle favole..mah!! io ti invito seriamente a riflettere seriamente su due concetti fondamentali che ogni uomo dovrebbe conoscere: razionalità e irrazionalità!

Uno dei motivi per cui amo il Qur'an Karim è che descrive alla perfezione la mentalità dei miscredenti, infatti ti cito questo versetto meraviglioso (e me lo hai fatto ricordare tu):

E dicono: Favole degli antichi che si è fatto scrivere! Che gli dettano al mattino e alla sera.
Dì: Lo ha fatto scendere Colui che conosce i segreti nei cieli e la terra. In vertià è perdonatore, misericordioso.

[25:5]

_________________

"and this too shall pass.."


L'ultima modifica di Starlight il Lun Ott 08, 2012 8:57 am, modificato 5 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato
amatoLlah
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 20/02/11 12:25
Messaggi: 1067
Residenza: Toscana Madhab: Maliki

MessaggioInviato: Lun Ott 08, 2012 8:22 am    Oggetto: Rispondi citando

'Umar Waziristani ha scritto:
Fantastico, questi ultimi post me li sono davvero gustati.
Complimenti a Starlight Soroboru e Baia per questo capolavoro.
Ah, e soprattutto quoto questo:

Citazione:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



"Uga uga" a tutti voi! :-D

Quoto al 100%
quel No della foto poi con lo "spirito sportivo" è ottima!che Allah swt vi benedica.

_________________
يا حي يا قيوم برحمتك أستغيث أصلح لي شأني كله ولا تكلني إلى نفسي طرفة عين
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
AbuMuhammad
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 26/03/12 18:44
Messaggi: 936

MessaggioInviato: Lun Ott 08, 2012 9:18 am    Oggetto: Rispondi citando

..


L'ultima modifica di AbuMuhammad il Sab Giu 07, 2014 9:06 am, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
Zenone
Bannato
Bannato


Registrato: 08/10/12 12:52
Messaggi: 3

MessaggioInviato: Lun Ott 08, 2012 3:30 pm    Oggetto: Rispondi citando

Dato il comune divertimento (mio e vostro) che traiamo da questo thread, mi vedo costretto, da voi gentili ospiti, ad intervenire nuovamente per allungarlo un poco (anche se temo, dati i precedenti, che non capirete molto di quanto posterò, ammesso naturalmente che lo leggiate...), certo che il fatto che io sia stato bannato sia da ascrivere ad una svista e non certo alla volontà di mettermi a tacere, impedendomi così di ribattere (come mi risulta accada nei luoghi originari dell'Islam ancora oggi) ai vostri davvero gustosissimi interventi.

Cara amica Baia,
comincio con un consiglio: non lasciare trasparire la tua animosità nei miei confronti (mi riferisco all'insulto finale che mi rivolgi nel tuo post). E' una nota regola dell'eristica: quando non hai argomenti, porta i tuoi attacchi “ad hominem” piuttosto che “ad argomentum”. Se mi insulti, quindi, cosa dovrò mai pensare?

Secondo voi, dunque, essere atei equivale a non credere in nulla; addirittura, anzi, sosterrei che il Mondo sia nato dal nulla. Infine, come ateo, “non distinguo tra bene e male”.
Mi piacerebbe sapere dove mai avrei scritto tutte queste scemenze. E, se non le ho scritte, perchè me le attribuite?

Voi confondete la morale con la religione e, abituati come siete a semplificare tutto, tutto riconducendo alla religione, non riuscite a capire come la prima possa esistere indipendentemente dalla seconda. Alcuni facili esempi?
Avete mai sentito parlare di “imperativo categorico”? Tale imperativo è un imperativo morale e fu un ateo a teorizzarlo.
Quanti Giusti, nei secoli, non hanno riconosciuto alcun dio? Mai sentito parlare delle cd. “Bibbie dei laici”?
La Cultura giapponese che, più di ogni altra, ha innalzato il concetto di “dovere” (nella sua triplice accezione di Ko, Chou e Giri) sopra ogni cosa, è una cultura sostanzialmente atea.
Secondo recenti studi (tra gli altri Diamond, Morris, Medina) persino gli animali, almeno i mammiferi più evoluti, posseggono un autentico, per quanto primitivo, senso morale. Salvo, naturalmente, che gli scimpanzè (quelli con i peli) abbiano mai pronunciato Shahada. Del resto, quale migliore prova dell'onnipotenza di Allah?

Tu, Baia, sostieni che sarei caduto in “cinque fallacie logiche” (come le definisci) e pare che anche Starlight ne sia convinta, per non parlare dell'Admin del forum (mi scuserai, carissimo, ma proprio non riesco a ricordare il tuo nickname). Peccato, tuttavia, che tu lo sostenga non solo a sproposito, ma dimostrando esattamente il contrario di quanto vorresti affermare.
Così, per esempio, affermi che “tutto ciò che ci circonda è prova dell'esistenza di Dio”. Ma allora il Male, incontestabilmente presente nel Mondo, è parte di Dio, in quanto prova della Sua esistenza. Se è così, possiamo affermare che il Male, che, secondo te contribuisce alla prova dell'esistenza di Dio, anche lo qualifica e, dunque, pur se in minima parte, è logico affermare che Dio è malvagio. Ma Dio, Bene assoluto, ricco in clemenza, abbondante in misericordia ecc... non può, evidentemente fin dalla definizione, esserlo. Resta allora la seconda opzione: il Male esiste non perchè emanazione da Dio, ma in quanto coessenziale a Dio; ma se il Male è coessenziale a Dio, è evidentemente limite a Dio e un Dio limitato, anche quando autolimitato, non può, per definizione, essere Dio. E allora, cara Baia, se PER ME, che ammetto il dubbio, non c'è contraddizione alcuna nel pensare alla contemporanea esistenza di principi primi opposti, PER TE, che poni presupposti precisi (addirittura dogmi di fede!!), che affermi la “universale verità del Corano”, come sarà possibile conciliare tali contraddizioni? Riesci a capire che la “fallacia logica” di cui mi accusi calza a pennello le tue affermazioni e non le mie?

La seconda accusa di “fallacia logica”, poi, è ancora più spassosa. In sostanza, la questione si riassume nel brocardo “onus probandi incumbit ei qui dicit” (perdona il latino, ma preferisco portare la fonte più antica: sai, in Occidente è già qualche migliaietto di anni che utilizziamo certe tecniche...). TU, dicevo, AFFERMI che “il Profeta ha ricevuto la Rivelazione” e (molto spiritosamente) aggiungi che puoi portare “centinaia di prove”. IO, invece, che credo nel metodo scientifico e coltivo il dubbio, più modestamente mi limito a constatare come certi eventi si manifestino in determinati modi, secondo precisi modelli, ma sono pronto ad accettare il miglioramento, l'evoluzione, perfino la cancellazione di tali modelli quando essi si dovessero rivelare insufficienti. Insomma, per rimanere nell'utilizzazione di concetti giuridici, chi fra noi due sconvolge la quiete delle cose? Chi afferma a priori determinati dogmi e chi, invece, si limita ad osservare lo stato delle cose cercando di trarne un insegnamento? Parafrasando il Codice civile: “Chi vuol far valere una verità, deve provare i fatti che ne costituiscono il fondamento”. Chi fra noi, cioè, deve portare prove? Non io, evidentemente.

E arriviamo alla terza “fallacia logica” (ipse dixit). Anche qui, povera Baia, segni un clamoroso autogol. IO NON HO Profeti o Libri sacri cui attribuire verità rivelate, incontestabili ed immutabili. E TU? Se, per esempio, ti ritrovassi a discutere con un altro fratello islamico, per esempio sull'alimentazione, e riuscissi a trovare un versetto nel Corano o un hadith che confermasse esattamente quanto dici e tu ti rifacessi unicamente a questo, chi la spunterebbe, anche se lui, a confutazione, dovesse portare i risultati di varie ricerche? E qui mi fermo per non infierire.

Infine, le ultime due “fallacie logiche”.

Quanto alla quarta, credi davvero sia più facile dormire tra le spire di una Fede così pronta a fornire risposte facili facili e preconfezionate (e, proprio perciò, così spesso insufficienti) o cercare una verità che matura a poco a poco, attraverso un atteggiamento anche pronto, alle volte, a rimandare risposte che, per il momento, non si trovano?

Sulla quinta, infine, considerato quanto sopra, sappi che la tua accusa di “fallacia logica” c'entra come i cavoli a merenda. Prima sarebbe bene tu (e non solo tu) capissi quel che leggi. In proposito, ti suggerisco una scorsa alle opere di Feuerbach.
Dovrebbe giovarti.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Zenone
Bannato
Bannato


Registrato: 08/10/12 12:52
Messaggi: 3

MessaggioInviato: Lun Ott 08, 2012 3:32 pm    Oggetto: Rispondi citando

Zenone ha scritto:
Dato il comune divertimento (mio e vostro) che traiamo da questo thread, mi vedo costretto, da voi gentili ospiti, ad intervenire nuovamente per allungarlo un poco (anche se temo, dati i precedenti, che non capirete molto di quanto posterò, ammesso naturalmente che lo leggiate...), certo che il fatto che io sia stato bannato sia da ascrivere ad una svista e non certo alla volontà di mettermi a tacere, impedendomi così di ribattere (come mi risulta accada nei luoghi originari dell'Islam ancora oggi) ai vostri davvero gustosissimi interventi.

Cara amica Baia,
comincio con un consiglio: non lasciare trasparire la tua animosità nei miei confronti (mi riferisco all'insulto finale che mi rivolgi nel tuo post). E' una nota regola dell'eristica: quando non hai argomenti, porta i tuoi attacchi “ad hominem” piuttosto che “ad argomentum”. Se mi insulti, quindi, cosa dovrò mai pensare?

Secondo voi, dunque, essere atei equivale a non credere in nulla; addirittura, anzi, sosterrei che il Mondo sia nato dal nulla. Infine, come ateo, “non distinguo tra bene e male”.
Mi piacerebbe sapere dove mai avrei scritto tutte queste scemenze. E, se non le ho scritte, perchè me le attribuite?

Voi confondete la morale con la religione e, abituati come siete a semplificare tutto, tutto riconducendo alla religione, non riuscite a capire come la prima possa esistere indipendentemente dalla seconda. Alcuni facili esempi?
Avete mai sentito parlare di “imperativo categorico”? Tale imperativo è un imperativo morale e fu un ateo a teorizzarlo.
Quanti Giusti, nei secoli, non hanno riconosciuto alcun dio? Mai sentito parlare delle cd. “Bibbie dei laici”?
La Cultura giapponese che, più di ogni altra, ha innalzato il concetto di “dovere” (nella sua triplice accezione di Ko, Chou e Giri) sopra ogni cosa, è una cultura sostanzialmente atea.
Secondo recenti studi (tra gli altri Diamond, Morris, Medina) persino gli animali, almeno i mammiferi più evoluti, posseggono un autentico, per quanto primitivo, senso morale. Salvo, naturalmente, che gli scimpanzè (quelli con i peli) abbiano mai pronunciato Shahada. Del resto, quale migliore prova dell'onnipotenza di Allah?

Tu, Baia, sostieni che sarei caduto in “cinque fallacie logiche” (come le definisci) e pare che anche Starlight ne sia convinta, per non parlare dell'Admin del forum (mi scuserai, carissimo, ma proprio non riesco a ricordare il tuo nickname). Peccato, tuttavia, che tu lo sostenga non solo a sproposito, ma dimostrando esattamente il contrario di quanto vorresti affermare.
Così, per esempio, affermi che “tutto ciò che ci circonda è prova dell'esistenza di Dio”. Ma allora il Male, incontestabilmente presente nel Mondo, è parte di Dio, in quanto prova della Sua esistenza. Se è così, possiamo affermare che il Male, che, secondo te contribuisce alla prova dell'esistenza di Dio, anche lo qualifica e, dunque, pur se in minima parte, è logico affermare che Dio è malvagio. Ma Dio, Bene assoluto, ricco in clemenza, abbondante in misericordia ecc... non può, evidentemente fin dalla definizione, esserlo. Resta allora la seconda opzione: il Male esiste non perchè emanazione da Dio, ma in quanto coessenziale a Dio; ma se il Male è coessenziale a Dio, è evidentemente limite a Dio e un Dio limitato, anche quando autolimitato, non può, per definizione, essere Dio. E allora, cara Baia, se PER ME, che ammetto il dubbio, non c'è contraddizione alcuna nel pensare alla contemporanea esistenza di principi primi opposti, PER TE, che poni presupposti precisi (addirittura dogmi di fede!!), che affermi la “universale verità del Corano”, come sarà possibile conciliare tali contraddizioni? Riesci a capire che la “fallacia logica” di cui mi accusi calza a pennello le tue affermazioni e non le mie?

La seconda accusa di “fallacia logica”, poi, è ancora più spassosa. In sostanza, la questione si riassume nel brocardo “onus probandi incumbit ei qui dicit” (perdona il latino, ma preferisco portare la fonte più antica: sai, in Occidente è già qualche migliaietto di anni che utilizziamo certe tecniche...). TU, dicevo, AFFERMI che “il Profeta ha ricevuto la Rivelazione” e (molto spiritosamente) aggiungi che puoi portare “centinaia di prove”. IO, invece, che credo nel metodo scientifico e coltivo il dubbio, più modestamente mi limito a constatare come certi eventi si manifestino in determinati modi, secondo precisi modelli, ma sono pronto ad accettare il miglioramento, l'evoluzione, perfino la cancellazione di tali modelli quando essi si dovessero rivelare insufficienti. Insomma, per rimanere nell'utilizzazione di concetti giuridici, chi fra noi due sconvolge la quiete delle cose? Chi afferma a priori determinati dogmi e chi, invece, si limita ad osservare lo stato delle cose cercando di trarne un insegnamento? Parafrasando il Codice civile: “Chi vuol far valere una verità, deve provare i fatti che ne costituiscono il fondamento”. Chi fra noi, cioè, deve portare prove? Non io, evidentemente.

E arriviamo alla terza “fallacia logica” (ipse dixit). Anche qui, povera Baia, segni un clamoroso autogol. IO NON HO Profeti o Libri sacri cui attribuire verità rivelate, incontestabili ed immutabili. E TU? Se, per esempio, ti ritrovassi a discutere con un altro fratello islamico, per esempio sull'alimentazione, e riuscissi a trovare un versetto nel Corano o un hadith che confermasse esattamente quanto dici e tu ti rifacessi unicamente a questo, chi la spunterebbe, anche se lui, a confutazione, dovesse portare i risultati di varie ricerche? E qui mi fermo per non infierire.

Infine, le ultime due “fallacie logiche”.

Quanto alla quarta, credi davvero sia più facile dormire tra le spire di una Fede così pronta a fornire risposte facili facili e preconfezionate (e, proprio perciò, così spesso insufficienti) o cercare una verità che matura a poco a poco, attraverso un atteggiamento anche pronto, alle volte, a rimandare risposte che, per il momento, non si trovano?

Sulla quinta, infine, considerato quanto sopra, sappi che la tua accusa di “fallacia logica” c'entra come i cavoli a merenda. Prima sarebbe bene tu (e non solo tu) capissi quel che leggi. In proposito, ti suggerisco una scorsa alle opere di Feuerbach.
Dovrebbe giovarti.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Lun Ott 08, 2012 4:03 pm    Oggetto: Rispondi citando

EDIT:

Citazione:
Secondo voi, dunque, essere atei equivale a non credere in nulla; addirittura, anzi, sosterrei che il Mondo sia nato dal nulla. Infine, come ateo, “non distinguo tra bene e male”.
Mi piacerebbe sapere dove mai avrei scritto tutte queste scemenze. E, se non le ho scritte, perchè me le attribuite?

ma allora è chiaro che non conosci nemmeno l'ateismo, insomma te lo devo spiegare io?
allora illuminaci, in cosa credi? chi credi che abbia dato origine al big bang e all'intero universo? il nulla? la casualità? l'accidentalità? cosa? il metodo scientifico sperimentale? l'universo ha deciso di crearsi da solo? a sto punto è come dire che tu ti sei creato da solo.. quindi in cosa credi? chi credi che abbia creato tutto questo?
in poche parole l'universo si sarebbe creato da solo spontaneamente e poi ha generato tutto il resto? ma come ha fatto? dal nulla? da dove? chi dimostra che tutto è opera dall'universo e basta? il metodo scientifico sperimentale?
credi nel metodo scientifico sperimentale? beh ci credo anch'io ma non per questo mi rifiuto di credere in Dio, e allora? con tutto questo cosa vorresti dimostrare?


Citazione:
E allora, cara Baia, se PER ME, che ammetto il dubbio, non c'è contraddizione alcuna nel pensare alla contemporanea esistenza di principi primi opposti, PER TE,


ma quali dubbi? ancora non capisco quali sono i tuoi dubbi?
ti ripeto nuovamente che al massimo fate finta di avere dubbi, in realtà non avete nemmeno dubbi.. non solo hai dimostrato di non conoscere l'islam ma persino l'ateismo, l'ateismo non si basa su dubbi semmai l'agnosticismo e tu ti sei dichiarato ateo, quindi cerca di non contraddirti da solo.

e a sto punto è chiaro che non hai letto il mio articolo, ti rispondo nuovamente con una frase che è la parola chiave di tutto il tuo discorso pseudo scientifico:
In short, science expects us to have faith in itself.


dunque, anch'io credo nel metodo scientifico sperimentale esattamente quanto te, eppure continuo a credere in Dio..

tu non fai altro che confondere il come con il perchè che in realtà sono due cose ben diverse, il compito del metodo scientifico sperimentale è quello di osservare e dimostrare COME e NON PERCHE', se tu sei in grado di descrivere come sia fatto l'universo o quello che vuoi, tramite il metodo scientifico sperimentale, questo non significa che stai dimostrando il perchè ma solo il come.. com'è fatto il marmo? il corpo umano? etcc. ma non perchè e chi ha deciso di crearlo, quindi è chiaro che se tu dimostri come sia accaduto un certo fenomento tramite esperimenti stai solamente DESCRIVENDO come e non perchè è sucesso, e quindi se tu ti limiti a capire come il metodo scientifico spiega determinate cose, non significa che stai dimostrando che DIo non esiste, non dimostri un bel nulla invece.. il metodo scientifico sperimentale, te lo ripeto perchè mi sembra che non lo vuoi capire, ha il compito di dimostrare COME succedono certe cose e non che Dio non può esistere, semmai questo è il compito di voi atei che tra l'altro non c'entra nulla con il metodo scientifico o con la scienza.


infatti può il metodo scientifico spiegare perchè è successo il big bang? chi ha deciso che ci sarebbe stata quella esplosione? la stessa casualità e accidentalità nell'universo? ma l'universo ancora non esisteva, i gas hanno deciso spontaneamente di propria volontà ad esplodere? da dove sono spuntati fuori quei gas? cosa ha dato luogo a quell'esplosione da creare un universo così intelligente da prevedere che un giorno nascerà l'uomo quindi da prevedere di creargli un pianeta con tutte le condizioni possibili che gli permettano di vivere? chi ha stabilito che devono esistere tutte le leggi chimiche e fisiche nell'universo? tu? l'universo stesso? io? chi ha deciso che i pianeti devono rispettare delle precisissime leggi quando girano intorno al sole? il metodo scientifico sperimentale? è ovvio che no, ma allora chi? il nulla?
chi ha deciso che ci deve essere la forza della gravità? l'ossigeno? etc? il metodo scientifico sperimentale? la casualità? l'accidentalità? e allora chi ha deciso che deve esistre una casualità così intelligente da creare ad esempio un essere umano con un intelligenza? si è creato da solo tutto questo? oppure è stato il metodo scientifico sperimentale stesso a creare tutto questo?

ma lo vedi che non ci stai dimostrando un bel niente con le tue teorie?

il metodo scientifico sperimentale dovrebbe dimostrare come tutto ciò accade e non perchè. E limitarsi a riflettere solamente sul come accadono certi fenomeni, credendo così di aver capito anche il perchè, non mi pare una cosa tanto geniale.

e ancora una volta non tirare fuori i dubbi perchè tu non coltivi nemmeno i dubbi, i tuoi non sono dubbi..il vostro "ragionamento" non si fonda su alcun dubbio e non è nemmeno degno di essere chiamato ragionamento:

un ragionamento dovrebbe avere dei pensieri logici e razionali e coerenti all'interno affinchè possa essere considerato tale, o meglio una riflessione logica e razionale.. ma siccome il vostro ragionamento si basa fondamentalmente su IPOTESI, SUPPOSIZIONI e altri vari INDOVINELLI e basta (praticamente fai prima a credere agli indovini), e quindi queste vostre riflessioni sulla creazione dell'universo e l'origine della vita non possono essere chiamati tali per questo.. le IPOTESI e le SUPPOSIZIONI di per se non hanno nulla di razionale e logico e sopratutto nulla di dimostrabile scientificamente anche perchè le ipotesi non sono una questione da dimostrare tramite fatti scientifici.. ma è solo una questione di tirare a indovinare. Non fate altro che parlare di PROBABILITA' e la cosa divertente è che credete che queste PROBABILITA' (che in realtà la parola stessa dimostra quanto siano probabili ;D) siano una questione scientifica.. insomma mi sembra chiaro che il vostro discorso ha ben poco di scientifico visto che confondete non solo il bene e il male ma anche il come con il perchè e viceversa.. quindi è chairo che il vostro discorso è solamente FANTASCIENZA.

quindi quelli che coltivano il dubbio possono essere al massimo gli AGNOSTICI e NON TU..impara piuttosto a non contraddirti da solo.
e leggi il mio articolo... non mi sembra che tu l'abbia letto.
e poi la condizione della persona dubbiosa non è per niente la condizione di una persona geniale, come credi tu.. ma tutt'altro e questo è pure dimostrabile scientificamente.. visto che ti interessa la scienza.. gli stessi scienziati hanno bisogno di avere FIDUCIA nelle proprie teorie e ricerche e NON DUBBI, altrimenti non possono andare avanti..e questo te lo dicono gli stessi scienziati quindi informati meglio sulla scienza prima di parlare di scienza.

Per quanto riguarda il male, parlare del perchè Dio permette il male nel mondo, è un discorso EMOZIONALE e non RAZIONALE, ed è chiaro che non puoi riflettere con le tue EMOZIONI ma solo con la tua RAGIONE, quindi cosa avrebbe di così razionale il tuo discorso sul male? anzi cosa avrebbe di talemente scientifico da dimostrare che visto che il male esiste non esiste Dio? se ti interessa capire l'esisteza di Dio io ti consiglio di RAGIONARE RAZIONALMENTE E NON CON LE TUE EMOZIONI perchè a quel punto non parliamo di ragione ma di emozioni..quindi ecco che confondi pure le emozioni con la ragione e con la razionalità.. proprio NO, ancora non ci siamo.

e infine se proprio ti interessa questo argomento sul male e sul perchè esiste allora leggi anche questo articolo e mi raccomando LEGGILO:
A Response to The Problem of Evil:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



e mi raccomando, impara come si fa a riflettere senza fare ragionamenti ipotetici basati su probabilità ed emozioni, confondendoli con ragionamenti razionali, dimostrabili addirittura scientificamente tramite il metodo scientifico sperimentale.

e ora vediamo cos'atro avrai da dire, sono proprio curiosa quale sarà il tuo prossimo argomento fanta-scientifico di matrice filosofica! :D

_________________

"and this too shall pass.."


L'ultima modifica di Starlight il Lun Ott 08, 2012 8:32 pm, modificato 6 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 22:31
Messaggi: 1098

MessaggioInviato: Lun Ott 08, 2012 6:38 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Haha.. semplicemente fantastico! Tra l'altro mi chiedo da dove il fratello "Baia" racatti quei notevoli e interessanti links.. ;)


ahah diciamo che li trovo "casualmente".. Tra blog che linkano altri blog e twitter si viene a conoscenza di un sacco di cose machallah!!

A proposito di Twitter; invito i fratelli e sorelle a beneficiare di questo, forse, unico portale decente di "social network". Iscrivetevi e aggiungete i mufti e gli ulama che machallah ogni giorno pubblicano perle di saggezza. :)

E se volete (è un obbligo) potete seguire e aggiungere anche il fratello 'Umar (e il sottoscritto :p ) inchallah.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Lun Ott 08, 2012 6:44 pm    Oggetto: Rispondi citando

baia ha scritto:
Citazione:
Haha.. semplicemente fantastico! Tra l'altro mi chiedo da dove il fratello "Baia" racatti quei notevoli e interessanti links.. ;)


ahah diciamo che li trovo "casualmente".. Tra blog che linkano altri blog e twitter si viene a conoscenza di un sacco di cose machallah!!

A proposito di Twitter; invito i fratelli e sorelle a beneficiare di questo, forse, unico portale decente di "social network". Iscrivetevi e aggiungete i mufti e gli ulama che machallah ogni giorno pubblicano perle di saggezza. :)

E se volete (è un obbligo) potete seguire e aggiungere anche il fratello 'Umar (e il sottoscritto :p ) inchallah.


io mi ero iscritta (sperando di staccarmi così da fb) e poi mi sono cancellata perchè nessuno dei miei conoscenti è iscritto su twitter :( ma forse mi dovrei accontentare di seguire alcuni mufti e ulama :)

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Lun Ott 08, 2012 7:50 pm    Oggetto: Rispondi citando

Scusa, Zenone, ma te che nick avevi prima del tuo presunto ban? Airani non è stato bannato-
Vorrei esordire complimentandomi con la tua coerenza…:
Affermazione 1 : “non capirete molto di quanto posterò”
Affermazione 2: “quando non hai argomenti, porta i tuoi attacchi “ad hominem” piuttosto che “ad argomentum”.”
Ma tralasciamo…

Citazione:
Voi confondete la morale con la religione e, abituati come siete a semplificare tutto, tutto riconducendo alla religione, non riuscite a capire come la prima possa esistere indipendentemente dalla seconda.


Forse non hai letto il mio post precedente. Citi continuamente filosofi di sproposito. La Legge di Hume (impossibilità di costituire una Morale Naturale) è stata/è il problema il problema filosofico per eccellenza di chiunque aspiri a fondare una morale senza Dio.
Citi Kant. Ma la questione dell'Imperativo Categorico è molto più complessa di quello che credi.. Perchè quando arriva il punto clou della sua filosofia ovvero: Come mai una persona dovrebbe conformarsi all'Imperativo Categorico? Lui chiaramente non sa più cosa rispondere. E sai cosa risponde: che la Legge Morale determina la volontà mediante il rispetto e il timor sacro con cui pervade il soggetto.
E di nuovo vengono riprese le categorie di "Timore" e Rispetto" che voi atei tanto osteggiate. Tra l'altro timore e rispetto si possono provare solo nei confronti di un Dio che ci premia o castiga, non nei confronti di una legge Razionale fredda e anonima. E comunque Kant stesso non ha mai negato l'esistenza di Dio. Ha solo detto che la ragion Pura in questi concetti si perde perchè questi concetti trascendono i suoi limiti..
Citazione:


Quanti Giusti, nei secoli, non hanno riconosciuto alcun dio? Mai sentito parlare delle cd. “Bibbie dei laici”?

Perchè come ti ho giù spiegato prima, rifiutano Dio ma non la sua morale.
Se io adesso ti puntassi una pistola sulla tempia per prendermi i tuoi soldi, sapresti dimostrarmi o darmi una sola ragione per non farlo? La Legge Morale Kantiana? Ti risponderei : " Chissene frega". Qualsiasi morale atea? Ti risponderei: " E sti .... tanto dopo la morte c'è il nulla; l'importante è che mi godo i tuoi soldi adesso". Dio? Potrei anche riponderti chissene frega, ma è solo la sue esistena a garantisce il saldo di ogni ingiustizia. Altrimenti non esiste giustizia cosmica. E questo non è possibile. La III legge della dinamica vuole che ad ogni reazione corrispondea una reazione uguale e contraria. Credi che la mia morte (che magari ho ucciso migliaia di perosne) sia uguale alla tua (che invece ne hai beneficiate altrettante, di persone)? Credi che questo sia possibile?

Citazione:
Ma allora il Male, incontestabilmente presente nel Mondo, è parte di Dio


Il Male è prova dell'esistenza della Libertà. La libertà umana di compierlo è prova dell'esistenza di Dio.

Citazione:
Resta allora la seconda opzione: il Male esiste non perchè emanazione da Dio, ma in quanto coessenziale a Dio; ma se il Male è coessenziale a Dio, è evidentemente limite a Dio e un Dio limitato, anche quando autolimitato, non può, per definizione, essere Dio.


Il male è sottomesso a Dio. E' uno degli effetti della libertà dell'uomo (libertà "relativa" perchè la nostra libertà non contrasta Dio ma è da lui concessaci) Quindi egli permette il male. Ma lo punisce. Mentre in un mondo vissuto da un punto di vista "ateo", non solo esiste il male, ma addirittura rimane totalmente impunito.

Citazione:
Sulla quinta, infine, considerato quanto sopra, sappi che la tua accusa di “fallacia logica” c'entra come i cavoli a merenda. Prima sarebbe bene tu (e non solo tu) capissi quel che leggi. In proposito, ti suggerisco una scorsa alle opere di Feuerbach.


Il fatto che Dio in quanto creatore abbia tutto ciò che noi non abbiamo, non vuol dire che siamo stati noi ad attribuirgli tali qualita proprio in quanto non le abbiamo e le vorremmo avere. Anche questa è un'idiozia illogica. Allora anche il gatto arancione e peloso lo ha creato una persona che vorrebbe essere arancione e pelosa, ma non potendolo essere ha creato un gatto di tali fattezze, sì da compensare i suoi limiti? In realtà i gatti non esistono. Sono frutto della proiezioni qualche ubriaco che vorrebbe essere arancione, peloso e avere la coda. Ma che discorso idiota è?
E comunque piantala di dire che non capiamo niente perchè incorri nella "nota regola dell'eristica" da te citata:" quando non hai argomenti, porta i tuoi attacchi “ad hominem” piuttosto che “ad argomentum”.

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 22:31
Messaggi: 1098

MessaggioInviato: Lun Ott 08, 2012 9:39 pm    Oggetto: Rispondi citando

Zenone ha scritto:
Dato il comune divertimento (mio e vostro) che traiamo da questo thread, mi vedo costretto, da voi gentili ospiti, ad intervenire nuovamente per allungarlo un poco (anche se temo, dati i precedenti, che non capirete molto di quanto posterò, ammesso naturalmente che lo leggiate...), certo che il fatto che io sia stato bannato sia da ascrivere ad una svista e non certo alla volontà di mettermi a tacere, impedendomi così di ribattere (come mi risulta accada nei luoghi originari dell'Islam ancora oggi) ai vostri davvero gustosissimi interventi.

Cara amica Baia,
comincio con un consiglio: non lasciare trasparire la tua animosità nei miei confronti (mi riferisco all'insulto finale che mi rivolgi nel tuo post). E' una nota regola dell'eristica: quando non hai argomenti, porta i tuoi attacchi “ad hominem” piuttosto che “ad argomentum”. Se mi insulti, quindi, cosa dovrò mai pensare?

Secondo voi, dunque, essere atei equivale a non credere in nulla; addirittura, anzi, sosterrei che il Mondo sia nato dal nulla. Infine, come ateo, “non distinguo tra bene e male”.
Mi piacerebbe sapere dove mai avrei scritto tutte queste scemenze. E, se non le ho scritte, perchè me le attribuite?

Voi confondete la morale con la religione e, abituati come siete a semplificare tutto, tutto riconducendo alla religione, non riuscite a capire come la prima possa esistere indipendentemente dalla seconda. Alcuni facili esempi?
Avete mai sentito parlare di “imperativo categorico”? Tale imperativo è un imperativo morale e fu un ateo a teorizzarlo.
Quanti Giusti, nei secoli, non hanno riconosciuto alcun dio? Mai sentito parlare delle cd. “Bibbie dei laici”?
La Cultura giapponese che, più di ogni altra, ha innalzato il concetto di “dovere” (nella sua triplice accezione di Ko, Chou e Giri) sopra ogni cosa, è una cultura sostanzialmente atea.
Secondo recenti studi (tra gli altri Diamond, Morris, Medina) persino gli animali, almeno i mammiferi più evoluti, posseggono un autentico, per quanto primitivo, senso morale. Salvo, naturalmente, che gli scimpanzè (quelli con i peli) abbiano mai pronunciato Shahada. Del resto, quale migliore prova dell'onnipotenza di Allah?

Tu, Baia, sostieni che sarei caduto in “cinque fallacie logiche” (come le definisci) e pare che anche Starlight ne sia convinta, per non parlare dell'Admin del forum (mi scuserai, carissimo, ma proprio non riesco a ricordare il tuo nickname). Peccato, tuttavia, che tu lo sostenga non solo a sproposito, ma dimostrando esattamente il contrario di quanto vorresti affermare.
Così, per esempio, affermi che “tutto ciò che ci circonda è prova dell'esistenza di Dio”. Ma allora il Male, incontestabilmente presente nel Mondo, è parte di Dio, in quanto prova della Sua esistenza. Se è così, possiamo affermare che il Male, che, secondo te contribuisce alla prova dell'esistenza di Dio, anche lo qualifica e, dunque, pur se in minima parte, è logico affermare che Dio è malvagio. Ma Dio, Bene assoluto, ricco in clemenza, abbondante in misericordia ecc... non può, evidentemente fin dalla definizione, esserlo. Resta allora la seconda opzione: il Male esiste non perchè emanazione da Dio, ma in quanto coessenziale a Dio; ma se il Male è coessenziale a Dio, è evidentemente limite a Dio e un Dio limitato, anche quando autolimitato, non può, per definizione, essere Dio. E allora, cara Baia, se PER ME, che ammetto il dubbio, non c'è contraddizione alcuna nel pensare alla contemporanea esistenza di principi primi opposti, PER TE, che poni presupposti precisi (addirittura dogmi di fede!!), che affermi la “universale verità del Corano”, come sarà possibile conciliare tali contraddizioni? Riesci a capire che la “fallacia logica” di cui mi accusi calza a pennello le tue affermazioni e non le mie?

La seconda accusa di “fallacia logica”, poi, è ancora più spassosa. In sostanza, la questione si riassume nel brocardo “onus probandi incumbit ei qui dicit” (perdona il latino, ma preferisco portare la fonte più antica: sai, in Occidente è già qualche migliaietto di anni che utilizziamo certe tecniche...). TU, dicevo, AFFERMI che “il Profeta ha ricevuto la Rivelazione” e (molto spiritosamente) aggiungi che puoi portare “centinaia di prove”. IO, invece, che credo nel metodo scientifico e coltivo il dubbio, più modestamente mi limito a constatare come certi eventi si manifestino in determinati modi, secondo precisi modelli, ma sono pronto ad accettare il miglioramento, l'evoluzione, perfino la cancellazione di tali modelli quando essi si dovessero rivelare insufficienti. Insomma, per rimanere nell'utilizzazione di concetti giuridici, chi fra noi due sconvolge la quiete delle cose? Chi afferma a priori determinati dogmi e chi, invece, si limita ad osservare lo stato delle cose cercando di trarne un insegnamento? Parafrasando il Codice civile: “Chi vuol far valere una verità, deve provare i fatti che ne costituiscono il fondamento”. Chi fra noi, cioè, deve portare prove? Non io, evidentemente.

E arriviamo alla terza “fallacia logica” (ipse dixit). Anche qui, povera Baia, segni un clamoroso autogol. IO NON HO Profeti o Libri sacri cui attribuire verità rivelate, incontestabili ed immutabili. E TU? Se, per esempio, ti ritrovassi a discutere con un altro fratello islamico, per esempio sull'alimentazione, e riuscissi a trovare un versetto nel Corano o un hadith che confermasse esattamente quanto dici e tu ti rifacessi unicamente a questo, chi la spunterebbe, anche se lui, a confutazione, dovesse portare i risultati di varie ricerche? E qui mi fermo per non infierire.

Infine, le ultime due “fallacie logiche”.

Quanto alla quarta, credi davvero sia più facile dormire tra le spire di una Fede così pronta a fornire risposte facili facili e preconfezionate (e, proprio perciò, così spesso insufficienti) o cercare una verità che matura a poco a poco, attraverso un atteggiamento anche pronto, alle volte, a rimandare risposte che, per il momento, non si trovano?

Sulla quinta, infine, considerato quanto sopra, sappi che la tua accusa di “fallacia logica” c'entra come i cavoli a merenda. Prima sarebbe bene tu (e non solo tu) capissi quel che leggi. In proposito, ti suggerisco una scorsa alle opere di Feuerbach.
Dovrebbe giovarti.



Caro Zenone-arula ero indeciso se quotare semplicemente il tuo post e lasciare ai lettori la libertà di commentare. o rispondere nuovamente riga per riga.
Ritengo veramente ridicolo cio che scrivi; non lo dico perchè ho come scopo ultimo quello di ridicolizzarti e "vincere" cosi la "sifda" (che poi sfida per noi musulmani non è e non sara mai.)
Il nostro scopo qui, attraverso questo forum, Arula, è quello di cercare di trasmettere il messaggio dell'Islam e di ripulire il messaggio dalle zozzure e falsità che la gente sperpera a riguardo.
Riteniamo come priorità cio, in quanto, una volta trasmesso il messaggio privo di ogni falsità, è impossibile non riconoscere e non accettare l'islam.

Allah nel Corano dice: "La retta via ben si distingue dall'errore."

Ma ora veniamo al tuo post:

Citazione:
Dato il comune divertimento (mio e vostro) che traiamo da questo thread, mi vedo costretto, da voi gentili ospiti, ad intervenire nuovamente per allungarlo un poco (anche se temo, dati i precedenti, che non capirete molto di quanto posterò, ammesso naturalmente che lo leggiate...),


Se vengo a casa tua saresti tu l'ospite? lol
Ti ricordo solo che sei tu l'ospite del forum non noi.

Non ti preoccupare leggiamo leggiamo; cosa purtroppo che mi sembra tu non faccia con cio che la sorella Starlight ti ha pubblicato.

Citazione:
certo che il fatto che io sia stato bannato sia da ascrivere ad una svista e non certo alla volontà di mettermi a tacere, impedendomi così di ribattere (come mi risulta accada nei luoghi originari dell'Islam ancora oggi) ai vostri davvero gustosissimi interventi.

Per poter mantenere l'ordine è necessario pulizia. Come in un qualunque stato, anche democratico, per mantenere l'ordine vi sono precise prassi da seguire.
Nel Nostro forum (visto gli obiettivi che ci siamo prefissati, come ti ho detto prima) dobbiamo fare pulizia degli utenti che si iscrivono semplicemente per ridicolizzare,deridere con termini quali "favole" "miti" il credo altrui.
Se fosse solo questo il problema..
La cosa ancora più grave e inaccettabile è l'arroganza con la quale pretendi di avere ragione anche quando non dimostri neppure di saper formulare una argomentazione valida a sostegno della tua tesi.
A maggior ragione quindi è assolutamente necessario bannare gli utenti che oltre a ridicolizzare non portano nemmeno prove a sostegno della loro tesi.

Ma dimmi un po; se io venissi a casa tua e cominciassi a dirti "guarda che i divani cosi non vanno messi, la tv devi spostarla di la, il vaso lo devi eliminare xk irrazionale tenerne uno a casa; insomma sei proprio una persona illogica a tenere in questo modo la stanza segui ancora i miti e le favole della gente ecc .."

tu logicamente che cosa fai? come minimio mi sbatti fuori di casa oppure mi chiedi le prove del mio accusarti di illogicità, non credi?

Certamente la cosa che non farò mai io ospite e venire a casa tua e chiederti le prove che mi dimostrino per esempio che "tenere un vaso in casa non sia irrazionale".
Al massimo la cosa che puoi fare, in quanto persona curiosa, è quella di chiedere informazioni.

E' assolutamente illogico comportarsi in questo modo, il motivo è più che chiaro:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

(E 1 ! )

Citazione:
(come mi risulta accada nei luoghi originari dell'Islam ancora oggi)


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

(2!)
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

(3!)

Citazione:
comincio con un consiglio

Come è ragionevole non accettare consigli da bambini incapaci di distinguere tra bene e male è altrettanto ragionevole non accettare consigli da persone non in grado di distinguere tra bene e male. La semplice esperienza non ti farà mai acquisire ne la definizione di bene ne di male; per i motivi dei post precedenti.
Citazione:

non lasciare trasparire la tua animosità nei miei confronti (mi riferisco all'insulto finale che mi rivolgi nel tuo post)

Era una constatazione semplice semplice.
Dare dell'handicappato, deficiente o cretino significa semplicemente dare del poco intelligente a qualcuno. Con la tua pseudo argomentazione hai dimostrato di essere poco intelligente (per quello che hai dimostrato, magari non lo sei in realtà,bho..)
Però se critichi noi, e ci dici che siamo persone che seguono miti e favole e quindi irrazionali(a contrario di te) quando poi non riesci a dimostrare in cosa consiste la tua razionalità allora . .

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

(4! LOl!)


Citazione:
E' una nota regola dell'eristica: quando non hai argomenti, porta i tuoi attacchi “ad hominem” piuttosto che “ad argomentum”. Se mi insulti, quindi, cosa dovrò mai pensare?


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



(potrei andare avanti solo linkandoti "Fallcie Logiche".)

Citazione:

Mi piacerebbe sapere dove mai avrei scritto tutte queste scemenze. E, se non le ho scritte, perchè me le attribuite?


Non credere in una Entità-Dio Eterno Creatore significa necessariamente credere che il mondo si sia generato dal nulla.
(Per adesso mi fermo qui)


Citazione:
Voi confondete la morale con la religione e, abituati come siete a semplificare tutto, tutto riconducendo alla religione, non riuscite a capire come la prima possa esistere indipendentemente dalla seconda. Alcuni facili esempi?
Avete mai sentito parlare di “imperativo categorico”? Tale imperativo è un imperativo morale e fu un ateo a teorizzarlo.
Quanti Giusti, nei secoli, non hanno riconosciuto alcun dio? Mai sentito parlare delle cd. “Bibbie dei laici”?
La Cultura giapponese che, più di ogni altra, ha innalzato il concetto di “dovere” (nella sua triplice accezione di Ko, Chou e Giri) sopra ogni cosa, è una cultura sostanzialmente atea.
Secondo recenti studi (tra gli altri Diamond, Morris, Medina) persino gli animali, almeno i mammiferi più evoluti, posseggono un autentico, per quanto primitivo, senso morale. Salvo, naturalmente, che gli scimpanzè (quelli con i peli) abbiano mai pronunciato Shahada. Del resto, quale migliore prova dell'onnipotenza di Allah?


Vedi i post precedenti.

Citazione:
Tu, Baia, sostieni che sarei caduto in “cinque fallacie logiche” (come le definisci) e pare che anche Starlight ne sia convinta, per non parlare dell'Admin del forum (mi scuserai, carissimo, ma proprio non riesco a ricordare il tuo nickname). Peccato, tuttavia, che tu lo sostenga non solo a sproposito, ma dimostrando esattamente il contrario di quanto vorresti affermare.
Così, per esempio, affermi che “tutto ciò che ci circonda è prova dell'esistenza di Dio”. Ma allora il Male, incontestabilmente presente nel Mondo, è parte di Dio, in quanto prova della Sua esistenza.


Non è parte di Dio; Dio per definizione non ha parti!
Il male è creazione di Allah. Fa parte della sua creazione.
(vedi sotto)

Citazione:
Se è così, possiamo affermare che il Male, che, secondo te contribuisce alla prova dell'esistenza di Dio, anche lo qualifica e, dunque, pur se in minima parte, è logico affermare che Dio è malvagio.

Dio non è divisibile per definizione.
Se sostieni che Dio sia divisibile in "parti" ti stai contraddicendo perchè in tal caso non staresti piu facendo riferimento a Dio ma a un qualcosa di divisibile per l'appunto.
Elementi di Logica Elementare.

Citazione:
Ma Dio, Bene assoluto, ricco in clemenza, abbondante in misericordia ecc... non può, evidentemente fin dalla definizione, esserlo.

Per l'appunto non è malvagio. Come hai detto è misericordioso e Clemente.
Non si puo giudicare Dio. Il Corano dice bene che sara Dio a giudicare noi!
Cio anche perchè Dio, essendo il Creatore, non è tenuto ad essere giudicato perchè per l'appunto è Dio, è il Legislatore al di sopra del quale non vi sono Leggi.
Quando è che qualcuno è malvagio?
Quando è che qualcuno è buono?
Uno è malvagio se non fa del bene; gli atei, senza distinzione tra bene e male (senza Dio) non possono ne dire di essere buoni ne di essere malvagi per loro tutto è permesso (ed ecco che ritorniamo all'esempio dell'ateo che ti ha portato la sorella sorella Soroboru).

DIo è al di sopra della Legge; egli Crea la legge.
Dio non puo essere malvagio.E' Dio che tramite la Rivelazione ha definito il bene e male e che quindi userà Misericordia con il Creato (un hadith qudsi dice tale cosa) e Allah nel Corano ci dice in molti passi anche in cosa consiste questa Misericordia.
La misericordia di Dio consiste nel perdonare i peccati dell'uomo e non solo.

Dio non si identifica mai nel Corano con il termine Malvagio.


Se Dio manda all'inferno gli atei è perchè cosi la sua legge ha voluto non puoi dirgli "Dio sei malvagio perchè mi mandi all'inferno"; Dio, ricorda Arula, è al di sopra della Legge perchè Egli non ha giudici a cui rendere conto(altrimenti non sarebbe Dio).



Citazione:
Resta allora la seconda opzione: il Male esiste non perchè emanazione da Dio, ma in quanto coessenziale a Dio;

No per i motivi sopra!
Citazione:

ma se il Male è coessenziale a Dio, è evidentemente limite a Dio e un Dio limitato, anche quando autolimitato, non può, per definizione, essere Dio.

Esatto e per l'appunto vedi sopra!


Citazione:
E allora, cara Baia, se PER ME, che ammetto il dubbio, non c'è contraddizione alcuna nel pensare alla contemporanea esistenza di principi primi opposti, PER TE, che poni presupposti precisi (addirittura dogmi di fede!!), che affermi la “universale verità del Corano”, come sarà possibile conciliare tali contraddizioni? Riesci a capire che la “fallacia logica” di cui mi accusi calza a pennello le tue affermazioni e non le mie?


scusa ma non ho capito questo pezzo.

Citazione:
La seconda accusa di “fallacia logica”, poi, è ancora più spassosa. In sostanza, la questione si riassume nel brocardo “onus probandi incumbit ei qui dicit” (perdona il latino, ma preferisco portare la fonte più antica: sai, in Occidente è già qualche migliaietto di anni che utilizziamo certe tecniche...). TU, dicevo, AFFERMI che “il Profeta ha ricevuto la Rivelazione” e (molto spiritosamente) aggiungi che puoi portare “centinaia di prove”. IO, invece, che credo nel metodo scientifico e coltivo il dubbio, più modestamente mi limito a constatare come certi eventi si manifestino in determinati modi, secondo precisi modelli, ma sono pronto ad accettare il miglioramento, l'evoluzione, perfino la cancellazione di tali modelli quando essi si dovessero rivelare insufficienti.


scusa ma non ho capito questo pezzo. Se qualche fratello lo capisce me lo traduca please :-)

Citazione:
Insomma, per rimanere nell'utilizzazione di concetti giuridici, chi fra noi due sconvolge la quiete delle cose? Chi afferma a priori determinati dogmi e chi, invece, si limita ad osservare lo stato delle cose cercando di trarne un insegnamento? Parafrasando il Codice civile: “Chi vuol far valere una verità, deve provare i fatti che ne costituiscono il fondamento”. Chi fra noi, cioè, deve portare prove? Non io, evidentemente.


Sei tu l'ospite ricordi? :-)

Citazione:
arriviamo alla terza “fallacia logica” (ipse dixit). Anche qui, povera Baia, segni un clamoroso autogol. IO NON HO Profeti o Libri sacri cui attribuire verità rivelate, incontestabili ed immutabili. E TU?


Io si, si chiama Muhammad, Profeta sallallaahu di Allah e suo ultimo messaggero, sigillo dei profeti e Misericordia per Il creato.


Citazione:
Se, per esempio, ti ritrovassi a discutere con un altro fratello islamico, per esempio sull'alimentazione, e riuscissi a trovare un versetto nel Corano o un hadith che confermasse esattamente quanto dici e tu ti rifacessi unicamente a questo, chi la spunterebbe, anche se lui, a confutazione, dovesse portare i risultati di varie ricerche? E qui mi fermo per non infierire.


fiuu meno male, non ci ho capto nulla!:-D

Citazione:
Quanto alla quarta, credi davvero sia più facile dormire tra le spire di una Fede così pronta a fornire risposte facili facili e preconfezionate (e, proprio perciò, così spesso insufficienti) o cercare una verità che matura a poco a poco, attraverso un atteggiamento anche pronto, alle volte, a rimandare risposte che, per il momento, non si trovano?


NON è importante cosa ritengo io caro Zenone ma è importante cosa ritiene Dio!
Io non posso nuocerti in nulla. Dio è mio Creatore e tuo Creatore.

Citazione:

Sulla quinta, infine, considerato quanto sopra, sappi che la tua accusa di “fallacia logica” c'entra come i cavoli a merenda. Prima sarebbe bene tu (e non solo tu) capissi quel che leggi. In proposito, ti suggerisco una scorsa alle opere di Feuerbach.
Dovrebbe giovarti.


Della serie "cavoli a merenda"!

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.




Cioe cioe cioe 10 "logical fallacyis" e hai ancora il coraggio di parlare?!
Tu ospite hai intenzione di venire a spiegare a noi musulmani circa la Teologia Islamica?


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 22:31
Messaggi: 1098

MessaggioInviato: Lun Ott 08, 2012 9:41 pm    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:
Affermazione 1 : “non capirete molto di quanto posterò”

cmq io davvero non ho capito molto di quello che ha postato..:-D

Citazione:
Forse non hai letto il mio post precedente. Citi continuamente filosofi di sproposito. La Legge di Hume (impossibilità di costituire una Morale Naturale) è stata/è il problema il problema filosofico per eccellenza di chiunque aspiri a fondare una morale senza Dio.
Citi Kant. Ma la questione dell'Imperativo Categorico è molto più complessa di quello che credi.. Perchè quando arriva il punto clou della sua filosofia ovvero: Come mai una persona dovrebbe conformarsi all'Imperativo Categorico? Lui chiaramente non sa più cosa rispondere. E sai cosa risponde: che la Legge Morale determina la volontà mediante il rispetto e il timor sacro con cui pervade il soggetto.
E di nuovo vengono riprese le categorie di "Timore" e Rispetto" che voi atei tanto osteggiate. Tra l'altro timore e rispetto si possono provare solo nei confronti di un Dio che ci premia o castiga, non nei confronti di una legge Razionale fredda e anonima. E comunque Kant stesso non ha mai negato l'esistenza di Dio. Ha solo detto che la ragion Pura in questi concetti si perde perchè questi concetti trascendono i suoi limiti..


Kant come Nietzche come Pascal etc sono tutte persone che se fossero venute davvero a conoscenza della dottrina islamica e della vera aqida sarebbero diventate musulmane.
Basta leggere le dichiarazioni di Nietzche; di Kant implicite nell'opera"La religione nei limiti della ragione" e Pascal "i pensieri". Pascal è uno di quelli che accusava (da ignorante) che il Profeta sallallaahu non avesse mai portato come prova dei miracoli.. insomma un ignorante; o magari il suo era un preciso intento missionario? chissa..
Top
Profilo Invia messaggio privato
Zenone
Bannato
Bannato


Registrato: 08/10/12 12:52
Messaggi: 3

MessaggioInviato: Lun Ott 08, 2012 10:17 pm    Oggetto: Rispondi citando

Accidenti, baia! (...-clip) In effetti, non hai capito davvero un accidente di quanto ho postato. Ma non preoccuparti: sono tenace e, con un po' di tempo a disposizione, non vedo perche' non potrei chiarirti qualche concetto.

P.S. quanto al termine "ospite" ti consiglio di rivolgerti ad un buon dizionario. Si inizia sempre cosi'.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 22:31
Messaggi: 1098

MessaggioInviato: Lun Ott 08, 2012 10:23 pm    Oggetto: Rispondi citando

Zenone ha scritto:
Accidenti, baia! (...-clip) In effetti, non hai capito davvero un accidente di quanto ho postato. Ma non preoccuparti: sono tenace e, con un po' di tempo a disposizione, non vedo perche' non potrei chiarirti qualche concetto.

P.S. quanto al termine "ospite" ti consiglio di rivolgerti ad un buon dizionario. Si inizia sempre cosi'.


Si la parola ospite significa entrambe le cose.
Visto che vuole dire entrambe le cose; se non ti riferivi al significato che ho inteso io allora scusemoi..
In ogni caso mi serviva per introdurre il discorso dopo "dell'onere dlla prova."

Cmq per me sei bannato. Sei un deficiente senza ragione che insulta il Profeta salllallaahu. fratelli e sorelle io chiudo qui con sto cretino.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Lun Ott 08, 2012 11:13 pm    Oggetto: Rispondi citando

Persino i pagani hanno più logica degli atei.. che tristezza.
Tutto quello che sanno dire è: "non hai capito niente", "io credo nella scienza", "il metodo scientifico sperimentale ha dimostrato che Dio non esiste (astaghfirulla)" quando invece non c'entra un bel niente con Dio, è come se io gli descrivessi il materiale che è stato usato per la creazione del mio telefono e tutti i procedimenti che ci sono stati, ora questo qui probabilmente crederà che sono stati il materiale stesso e i procedimenti ad aver creato il mio telefono, scambiando così il prodotto per creatore (senza chiedersi da dove proviene quel prodotto) e credendo di aver capito tutto soprattutto negando poi di credere nel nulla, che assurdità.

Gli abbiamo portato tanti di quei argomenti logici e razionali con tanti di quei esempi e non ha saputo replicare in modo intelligente nemmeno ad uno di essi, proprio a nessuno.. tutto quello che si è limitato a dire è stato "non capite niente, credo nella scienza, Kant ha detto (bla bla bla)" e poi si crede di essere intelligente solo per questo, prendendoci per degli ignoranti che non hanno mai studiato filosofia e scienze, anzi accusandoci pure di credere nelle favole quando lui non sa nemmeno cosa siano le favole e cosa sia la logica e la razionalità.. quando è proprio lui a non aver capito nulla di tutto questo, e la cosa che mi ha divertito di più è che ha pure dimostrato di non conoscere nemmeno l'ateismo figuriamoci il metodo sperimentale e la filosofia e tutte le altre sciocchezze nonesense che cercava di far passare per discorsi razionali, dimostrabili con il metodo scientifico, usando poi quel tono da filosofo super-geniale.

e poi si lamentava pure di essere insultato, mi dispiace che è stato bannato prima che gli rispondessi, spero che leggerà comunque il mio messaggio perchè ho una cosa importante da dirgli:

come direbbe anche Gordon Ramsay (almeno così dicono su di lui i link su FB :); "Ma io non ti sto insultando, ti sto descrivendo" ;-D

@Carissimo Karim, ora hai capito chi sono gli atei e cos'è l'ateismo? e soprattutto su cosa si basa il loro pensiero? praticamente, come ho spesso ripetuto, sul nulla e sopratutto sul " bla bla bla bla, sono più intelligente io perchè Kant ha detto (bla bla bla)".

è sempre bello e divertente vedere l'unica cosa che gli atei sono veramente capaci di dimostrare: quanto siano ridicoli i loro discorsi e soparattutto come si ridicolizzino da soli senza nemmeno rendersi conto" UGA-UGA :-D

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Lun Ott 08, 2012 11:46 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
"Ma io non ti sto insultando, ti sto descrivendo" ;-D

Hahaha!
La mia personale conclusione è che non esistono atei ma solo Pagani.
"Kant ha detto.."
"La ragione governa ogni cosa.."
"Il metodo scientifico è sacro"
In un modo o nell'altro tutti quelli che si professano atei divinizzano sempre qualche autorità. Nemmeno se gli dimostri matematicamente che quell'autoriità non vale niente, ti credono. Perchè la loro è idolatria, la bestia più difficile da sconfiggere.
Conclusione: Zenone/airani era pure intelligente secondo me. Ma fino a che non impara a mettere in fila i suoi idoli, procurarsi un AK 47 e fucilarli a mitraglia, ogni discorso è vano.

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Mar Ott 09, 2012 12:23 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
La mia personale conclusione è che non esistono atei ma solo Pagani.


Esatto! però gli atei non sanno di essere pagani e negano di credere, non si rendono conto di divinizzare la scienza o le leggi fisiche, il sole la luna etc etc.. a differenza dei pagani che ammettono di credere nei loro idoli.. gli atei invece credono di essere razionali SOLO perchè negano Dio e basta.. pensano che la religone è una favola, come ci ha detto pure lui, e quindi si limitano a credere al come senza riflettere sul perchè, risultato: attribuiscono gli attributi di Dio-Creatore, alla fisica, alla chimica, alla scienza, alla luna, al sole.. a tutto tranne che a Dio proprio perchè non riflettono sul "perchè".

pensa tu, i pagani credevano/credono nelle stelle, nel sole.. quando il sole tramontava pensavano, ma non può essere Dio perchè di sera sparisce.. allora cominciavano a credere nella luna finchè non sorgeva di nuovo il sole.. poi si sono inventati che il sole muore per poi rinascere in continuazione, scambiandolo per Dio..

tu pensa che una volta una scienziata in un documentario (ho i miei dubbi su alcuni suoi pensieri "scientifici", ma va beh) spiegava quanto è importante la luna per la terra e non solo per la terra ma anche per noi esseri umani.. ha spiegato tante cose interessanti che non ti sto a raccontare, poi è giunta alla conclusione, solita da atei, che è proprio GRAZIE ALLA LUNA SE NOI SIAMO NATI, SE NON FOSSE STATO PER LA LUNA NON CI SAREBBE STATA L'ORIGINE DELLA VITA, pensa che anche i pagani credevano che la luna era un Dio e non avevano nemmeno bisogno di usare discorsi scientifici per affermare ciò.. e invece non si pongono nemmeno la questione "chi ha previsto che ci deve essere la luna? chi ha stabilito che la luna deve ruotare intorno alla terra insieme alla quale ruotare intorno al sole senza scontrarsi con gli atlri pianeti?" a quel punto ti accuserebbero di non sapere nulla delle leggi fisiche e etc.. ma non si chiedono chi le ha stabilito quelle leggi fisiche in modo così intelligente? si sono inventate da sole? le ha stabilite l'universo? ma allora l'universo è in grado di pianificare? come faceva l'universo a sapere che noi ci saremmo esistiti ad un certo punto?

vedi a quante domande non sanno rispondere, si illudono.. credono di avere la risposta per tutto solamente perchè sono si limitano a descrivere come tutto questo succede.

Citazione:
Conclusione: Zenone/airani era pure intelligente secondo me. Ma fino a che non impara a mettere in fila i suoi idoli, procurarsi un AK 47 e fucilarli a mitraglia, ogni discorso è vano.


io invece non ne sono tanto sicura, e non lo dico perchè è ateo ma perchè negava pure di credere nel nulla: pensa che anche Leopardi in una sua poesia (che ora non ricordo come si chiama) lo afferma chiaramente di credere nel NULLA, ed era ateo.. e lui invece negava persino questo.. o sei ateo o non sei ateo e sei agnostico ma non puoi essere contemporaneamente entrambe le cose.

CONCLUSIONE, non puoi non credere assolutamente in nulla, perchè già il fatto che credi nel nulla è una credenza o una fede, quindi per quanto tu ti sforzi di rinunciare alla fede, finirai sempre e comunque per credere.. abbiamo proprio bisogno di credere esattamente come abbiamo bisogno di nutrirci e di certo questi bisogni non li abbiamo inventati noi da soli.. ma qualcuno ce li ha già installati in noi.. quindi dato che la fede è importante per chiunque, ogni persona dovrebbe preoccuparsi di trovare la verità per poter credere alla verità, quindi bisogna porsi le vere domande, le domande giuste e non le domande ipotetiche che in realtà sono domande finte, tipo: ma se Dio esistesse per davvero allora perchè tutto questo male nel mondo? ti sembra che questa sia una vera domanda? no, in realtà è solo un'affermazione ma "travestita" da domanda.

lui infatti era tutto convinto di avere dubbi quando in realtà l'ateismo non si basa sul dubbio ma su affermazioni.. l'ateismo è affermare che Dio non c'è (astaghfirullah), gli agnostici già sono diversi perchè almeno ammettono che ci potrebbe anche essere un Dio però non ne sono sicuri.. in questo caso sì parliamo di dubbi.

ma non sono i dubbi di per se a rendere una persona razionale.

_________________

"and this too shall pass.."


L'ultima modifica di Starlight il Mar Ott 09, 2012 10:37 am, modificato 5 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Mar Ott 09, 2012 12:27 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
io invece non ne sono tanto sicura, e non lo dico perchè è ateo ma perchè negava pure di credere nel nulla:


Forse crede talmente tanto nel nulla, da non credere più in nulla, nemmeno nel Nulla. =D

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Mar Ott 09, 2012 12:45 am    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:
Citazione:
io invece non ne sono tanto sicura, e non lo dico perchè è ateo ma perchè negava pure di credere nel nulla:


Forse crede talmente tanto nel nulla, da non credere più in nulla, nemmeno nel Nulla. =D


alla fine ho aggiunto le conclusioni, vedi sopra :)
come dicevo il fatto di credere in nulla è una credenza..a sto punto fai passare il nulla per una divinità creatrice..

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Mar Ott 09, 2012 1:05 am    Oggetto: Rispondi citando

l
Citazione:
ui infatti era tutto convinto di avere dubbi quando in realtà l'ateismo non si basa sul dubbio ma su affermazioni.. l'ateismo è affermare che Dio non c'è (astaghfirullah), gli agnostici già sono diversi perchè almeno ammettono che ci potrebbe anche essere un Dio però non ne sono sicuri.. in questo caso sì parliamo di dubbi.

Io invece odio molto di più gli agnostici. E credo che siano molto più perduti e lontani dalla verità, rispetto agli atei. . Gli atei rifiutano, negano ma in questo sono caldi. Errano, nel senso che sbagliano e insieme "vagano", ma almeno si muovono. Si pongono domande, anche se giungono alla risposta sbagliata. . Mentre gli agnostici con quel freddo "io mi disinteresso di questioni metafisiche, tanto non possiamo sapere nulla di certo" sono lontani anni luce dalla verità, seppure siano per così dire, più "razionali". Con loro è impossibile il dialogo perchè tanto loro non prendono alcuna posizione.
Infatti sono molti di più gli atei che poi hanno trovato la fede, rispetto agli agnostici, che sono praticamente "inconvertibili".

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Mar Ott 09, 2012 1:17 am    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:
l
Citazione:
ui infatti era tutto convinto di avere dubbi quando in realtà l'ateismo non si basa sul dubbio ma su affermazioni.. l'ateismo è affermare che Dio non c'è (astaghfirullah), gli agnostici già sono diversi perchè almeno ammettono che ci potrebbe anche essere un Dio però non ne sono sicuri.. in questo caso sì parliamo di dubbi.

Io invece odio molto di più gli agnostici. E credo che siano molto più perduti e lontani dalla verità, rispetto agli atei. . Gli atei rifiutano, negano ma in questo sono caldi. Errano, nel senso che sbagliano e insieme "vagano", ma almeno si muovono. Si pongono domande, anche se giungono alla risposta sbagliata. . Mentre gli agnostici con quel freddo "io mi disinteresso di questioni metafisiche, tanto non possiamo sapere nulla di certo" sono lontani anni luce dalla verità, seppure siano per così dire, più "razionali". Con loro è impossibile il dialogo perchè tanto loro non prendono alcuna posizione.
Infatti sono molti di più gli atei che poi hanno trovato la fede, rispetto agli agnostici, che sono praticamente "inconvertibili".


in realtà nemmeno gli agnostici sono razionali, perchè loro partono da questa idea: "nulla può essere certo" quindi a sto punto la domanda che ti sorge spontanea è: se nulla può essere certo, allora come fai ad essere così certo?? ecco quanto basta poco per capire quanto in realtà siano irrazionali i loro dubbi.. i dubbi non sono mai razionali, al massimo puoi essere razionale se sai liberartene ma se ti accontenti di avere dubbi e te li tieni per tutta la vita allora c'è ben poco di razionale in tutto questo.

alla fine nessuna persona sana di mente sceglie di vivere l'intera vita nel dubbio ..
poi su chi si converte più facilmente tra gli atei e gli agnostici sinceramente non lo .. Allahu 'Alam..

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 22:31
Messaggi: 1098

MessaggioInviato: Mar Ott 09, 2012 2:36 pm    Oggetto: Rispondi citando

Alhamdulillah abbiamo avuto l'opportunità pratica di dimostrare al fratello Karim di cosa stiamo parlando.
Ogni discorso da loro avanzato, ogni loro argomentazione e ogni nostra argomentazione è presente nel Corano. Altro segno del Misericordioso.
Cmq fratelli e sorelle abbiamo gia perso fin troppo tempo. Da oggi chi sarà sospettatto di trollismo verrà immediatamente bannato e i suoi post immediatamente cancellati.
Un consiglio che mi sento di dare ai fratelli e sorelle che leggono: non perdete tempo prezioso con questa gente. La dawa, fratelli e sorelle è destinata a gente che per lo meno è disposta ad ascoltare.Non accetteranno mai e poi mai qualunque prova voi portiate! Non perdete tempo prezioso con gente che ha come unico scopo il "piacere" del dibattito. E' gente perversa; non ne vale la pena..
Che Allah aumenti la nostra conoscenza amin.



(Ayat numero 8-9-10-11; mi ricordano qualcuno.. )

Ps: Sorella Soroboru forse intendevi dire Arula non la sorella Airani. :)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ibrahim al-Albani
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 20/12/09 17:47
Messaggi: 507
Residenza: Casa. Madhhab: Hanafi

MessaggioInviato: Mar Ott 09, 2012 3:08 pm    Oggetto: Rispondi citando

baia ha scritto:

Cmq fratelli e sorelle abbiamo gia perso fin troppo tempo. Da oggi chi sarà sospettatto di trollismo verrà immediatamente bannato e i suoi post immediatamente cancellati.
Un consiglio che mi sento di dare ai fratelli e sorelle che leggono: non perdete tempo prezioso con questa gente.

Non lo chiamerei proprio tempo perso... le risposte su un forum a volte servono più a terze persone che al diretto interessato.

_________________
Ibn al-Mubârak e l’Imâm Ahmad (che Allah abbia misericordia di loro) dissero:
“Quando la gente diverge, restate saldi su ciò su cui si tengono i Mujâhidîn, la verità è con loro, poiché Allah (‘azza waJalla) dice:

وَالَّذِينَ جَاهَدُوا فِينَا لَنَهْدِيَنَّهُمْ سُبُلَنَا

Quanto a coloro che combattono per la Nostra causa, Noi li guideremo certo sulle Nostre Vie (Corano. Al-’Ankabût, 69)

Siate alberi che colpiti dalle pietre, rispondono con i frutti.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Mar Ott 09, 2012 6:47 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Ps: Sorella Soroboru forse intendevi dire Arula non la sorella Airani. :)


Arula? ma non era aulari?

Citazione:
Non lo chiamerei proprio tempo perso... le risposte su un forum a volte servono più a terze persone che al diretto interessato.


sono d'accordo e poi il fratello Karim chiedeva del metodo scientifico, e noi non abbiamo fatto altro che discutere di questo, perciò abbiamo risposto anche al fratello Karim che chiedeva delle spiegazioni al riguardo..quindi forse è servito almeno per lui... o chissà potremmo essere stati utili anche per i suoi figli se leggono i nostri interventi, magari i nostri discorsi li faranno riflettere sull'assurdità dell'ateismo.

_________________

"and this too shall pass.."


L'ultima modifica di Starlight il Mer Ott 10, 2012 12:02 am, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 22:31
Messaggi: 1098

MessaggioInviato: Mar Ott 09, 2012 6:57 pm    Oggetto: Rispondi citando

Menderes al-Arnauti ha scritto:
baia ha scritto:

Cmq fratelli e sorelle abbiamo gia perso fin troppo tempo. Da oggi chi sarà sospettatto di trollismo verrà immediatamente bannato e i suoi post immediatamente cancellati.
Un consiglio che mi sento di dare ai fratelli e sorelle che leggono: non perdete tempo prezioso con questa gente.

Non lo chiamerei proprio tempo perso... le risposte su un forum a volte servono più a terze persone che al diretto interessato.


No, ovvio che in questo caso aveva un senso ed è il motivo stesso per cui abbiamo deciso di non bannarlo all'inizio.

S,i aulari (che nome complicato :p ) !
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Mer Ott 10, 2012 12:15 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Ps: Sorella Soroboru forse intendevi dire Arula non la sorella Airani. :)


Hahah si, intendevo Aulari. Scusa sorella Airani! Non so quale molla del cervello mi ti abbia fatto coinvolgere in questa discusione =) (sempre che questa frase che ho appena scritto sia grammaticalmente sensata)

Citazione:
Cmq fratelli e sorelle abbiamo gia perso fin troppo tempo. Da oggi chi sarà sospettatto di trollismo verrà immediatamente bannato e i suoi post immediatamente cancellati.


=S meno male che mi sono iscritta prima di queste misure punitive, altrimenti anche io sarei stata bannata!
Io tempo fa facevo discorsi pure peggiori e poi alla fine sono tornata all'Islam. Quindi trovo sia sempre utile discutere. Su nessuno è mai detta l'ultima parola (fino a che morte non sopraggiunga).. E ringrazio sempre chi non ha perso le speranze con me.

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Mer Ott 10, 2012 12:20 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Arula? ma non era aulari?

Hhahahah! Questa cosa mi fa troppo ridere

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14960
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Mer Ott 10, 2012 1:36 am    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:
(sempre che questa frase che ho appena scritto sia grammaticalmente sensata)


LOL mi sono chiesto lo stesso quando l'ho letta! :-D

soroboru ha scritto:
=S meno male che mi sono iscritta prima di queste misure punitive, altrimenti anche io sarei stata bannata!
Io tempo fa facevo discorsi pure peggiori e poi alla fine sono tornata all'Islam. Quindi trovo sia sempre utile discutere. Su nessuno è mai detta l'ultima parola (fino a che morte non sopraggiunga).. E ringrazio sempre chi non ha perso le speranze con me.


No sorella, il tuo caso è sempre stato assolutamente differente.
Qui si parla di bannare veri troll che non hanno alcuna intenzione di chiarirsi le idee ma solo di farci perdere tempo.
Alhamdulillah dopo tutti questi anni abbiamo maturato una certa esperienza al riguardo e siamo in grado di distinguere abbastanza facilmente persone con seri dubbi e voglia di capire da troll.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Mer Ott 10, 2012 1:47 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
No sorella, il tuo caso è sempre stato assolutamente differente.
Qui si parla di bannare veri troll che non hanno alcuna intenzione di chiarirsi le idee ma solo di farci perdere tempo.
Alhamdulillah dopo tutti questi anni abbiamo maturato una certa esperienza al riguardo e siamo in grado di distinguere abbastanza facilmente persone con seri dubbi e voglia di capire da troll.

Secondo me un ateo che si iscrive su un forum Islamico è una persona che in un modo o nell'altro un interesse ce l'ha. Magari all'inizio fa mostra di voler a tutti i costi difendere le sue idee, poi però quando è da solo ci ripensa, soprattutto se è stato trattato cortesemente.
Invece con le vostre misure punitive l'unico effetto che producete è che poi loro pensano di essere stati eliminati in quanto "scomodi" o per evitare che le loro magnifiche idee possano influenzarci .eccetera. Questa è la mia opinione che ovviamente non verrà presa in considerazione nella dittatura di Umarlandia, ma intanto la esprimo lo stesso. =)

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Mer Ott 10, 2012 1:53 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
dittatura di Umarlandia

ecco trovato il nuovo nome del forum :D

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Mer Ott 10, 2012 1:56 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
ecco trovato il nuovo nome del forum :D

Autoconiato dal dittatore, tra l'altro. Secondo me è geniale come nome per il forum. =)

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Mer Ott 10, 2012 2:00 am    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:
Citazione:
ecco trovato il nuovo nome del forum :D

Autoconiato dal dittatore, tra l'altro. Secondo me è geniale come nome per il forum. =)


Sì, peccato che così il forum attirerà solo l'attenzione di tutti quelli che sono stati bannati nel corso degli anni! XD

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Mer Ott 10, 2012 2:04 am    Oggetto: Rispondi citando

Secondo me invece fungerebbe da deterrente =D

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Mer Ott 10, 2012 2:12 am    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:
Secondo me invece fungerebbe da deterrente =D


LOL! forse hai ragione, si potrebbe fare una prova per un po' di giorni :D

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
AbuMuhammad
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 26/03/12 18:44
Messaggi: 936

MessaggioInviato: Mer Ott 10, 2012 10:12 am    Oggetto: Rispondi citando

..


L'ultima modifica di AbuMuhammad il Sab Giu 07, 2014 9:04 am, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
amatoLlah
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 20/02/11 12:25
Messaggi: 1067
Residenza: Toscana Madhab: Maliki

MessaggioInviato: Mer Ott 10, 2012 1:17 pm    Oggetto: Rispondi citando

hai ragione sorella Starlight, il Corano li descrive benissimo quando dice:
أم تحسب أن أكثرهم يسمعون أو يعقلون إن هم إلا كالأنعام بل هم أضل سبيلا

_________________
يا حي يا قيوم برحمتك أستغيث أصلح لي شأني كله ولا تكلني إلى نفسي طرفة عين
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Vine
Bannato
Bannato


Registrato: 09/10/12 11:58
Messaggi: 4

MessaggioInviato: Lun Ott 15, 2012 8:17 am    Oggetto: Rispondi citando

Mi perdonerete, ma il tempo tiranno mi costringe ad essere telegrafico.

Starlight mi accusa di “non conoscere l’ateismo”.
Starlight, l’ateismo NON è una dottrina, ma una semplice posizione di fronte a certe questioni che molti fra noi assumono.
Tutto qui.
Al limite, lo possiamo considerare come un aspetto nell’ambito di un sistema filosofico, tanto che, per esempio, l’agnosticismo di cui (per primo) ha parlato Huxley, ne è una forma moderna (tra l’altro, Soroboru, è questo il motivo per cui non è così corretto contrapporli tanto nettamente, come fai tu).
Insomma, affermare che “non si crede” o “si crede” nell’ateismo non ha nessun senso.

Sei tu, Starlight, a porre domande “sbagliate”.
Sei così abituata a pensare in modo “religioso”, “teleologico”, che non ti rendi conto di quanto sia oggettivamente assurdo vedere nella natura (seppur meravigliosa) un Ordine intelligente, organizzato benignamente e “moralmente” da qualcuno o qualcosa. Mi dovresti allora spiegare, per esempio, cosa c’entrino con la morale, con la misericordia, con la clemenza le reazioni nucleari che fanno brillare una stella, o le catastrofiche esplosioni di novae o le spettacolari collisioni di asteroidi, pianeti e interi sistemi solari o un buco nero che inghiotte intere galassie. E anche qui, sulla Terra, cosa c’è di divinamente giusto e santo nel fatto che gli esseri viventi sopravvivano solo a spese di altri esseri viventi, che il più forte sopravviva e il più debole soccomba, che il più adatto resista agli elementi e il meno adatto, solo per essere il meno adatto, scompaia? Vuoi per forza vedere in questo un disegno superiore? Vuoi per forza credere che ciò che a noi sembra ingiusto, sia in realtà giusto agli occhi di un dio che conosce aspetti della realtà che noi non conosciamo? In realtà, ti piaccia o meno, questa è solo una giustificazione a posteriori infantile e sinceramente sciocca.
La rerum natura non è né cattiva, né buona. Esiste e funziona così. “Buono” e “Cattivo” sono categorie umane, che servono all’uomo per vivere, come le leggi sono i mezzi (forse) più importanti per coesistere insieme.
E’ per questo, Starlight, che, almeno relativamente all’universo, non ha alcun senso chiedersi “perché” (almeno nel modo in cui tu pretenderesti di fare), ma solo “come”, così come non ha alcun senso chiedere di indicare un lato di una tavola rotonda. Sei ovviamente libera di pensare di poter utilizzare categorie umane per trovare risposte a realtà naturali e fisiche, come in effetti fai, ma è una forzatura che non può trovare una giustificazione logica, salvo, naturalmente, postulare un dio creatore con determinate e precise caratteristiche. Peccato che, questa, sia una risposta ingannevole perché la prova di quanto i credenti gabellano per vero non si è ancora trovata e voi, in particolare, non l’avete portata.

Per tutti questi motivi, rivolgendomi a Karim, che ha aperto questo thread, dico che l’errore peggiore che potrebbe fare parlando con i suoi figli sarebbe quello di rispondere a quanto gli verrà obiettato aprendo il Corano (testo, tra l’altro, interpolato esattamente quanto la Bibbia, con buona pace di qualcuno) e cercare lì le risposte. Se, infatti, una fede viene messa in discussione, che senso ha farsi forti dei precetti di quella stessa fede? Se Tizio non si fida di Caio, che senso ha che Caio garantisca per se stesso per convincere Tizio?

Comunque, un episodio della mia vita potrebbe suggerire l’atteggiamento che, a mio giudizio, potrebbe essere il migliore che Karim dovrebbe tenere. Nel mio primo anno di università, andai a fare visita ad un mio professore del Liceo, un padre gesuita di vasta e profonda dottrina (per chi di voi non lo sapesse, l’”Ordine nero” dei Gesuiti è un “corpo di élite” della Chiesa cattolica romana, i cui membri, selezionatissimi, spiccano per cultura e intelligenza; in passato potentissimo (tanto che il suo Superiore Generale era detto “il Papa Nero”), è stata un’autentica “superpotenza” in fatto di cultura e sapere e oggi continua a mantenere diverse scuole) e gli espressi i miei dubbi in fatto di fede (dubbi di cui lui, ovviamente, si era accorto da un pezzo). Mi rispose più o meno così: “E’ vero: i dogmi, le verità di fede, in quanto tali, io non sono in grado di dimostrarteli come assolutamente veri. Ma poiché “quod si Christus non resurrexit, vana est fides vestra” (da un celebre passo di san Paolo che riassume il fondamento più importante dell'intera religione cristiana: “se Cristo non fosse risorto, vana sarebbe la vostra fede”) e io voglio credere in Cristo e vorrei vivere secondo le Sue regole, se, pur con tutti i miei gravi limiti, nel Suo nome sono mai stato di esempio a qualcuno, anche nel poco, questo mi rassicura della giustezza di ciò in cui credo. E il fatto che tu sia qui, ora, a parlare con me di queste cose” aggiunse guardandomi sornione “mi fa pensare di non avere, comunque, del tutto torto…”.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Lun Ott 15, 2012 8:52 am    Oggetto: Rispondi citando

Vedo che non ti vuoi arrendere..

Vine ha scritto:
Mi perdonerete, ma il tempo tiranno mi costringe ad essere telegrafico.

Starlight mi accusa di “non conoscere l’ateismo”.
Starlight, l’ateismo NON è una dottrina, ma una semplice posizione di fronte a certe questioni che molti fra noi assumono.
Tutto qui.


e chi ha detto che è una dottrina? come hai detto tu stesso è filosofia però tu poi cadi nell'errore di confonderlo con la scienza.. con l'astrologia più precisamente.

ma visto che è inutile parlare con te, mi rimangio tutto.. almeno sul forum è possibile ^_^

_________________

"and this too shall pass.."


L'ultima modifica di Starlight il Lun Ott 15, 2012 12:26 pm, modificato 5 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato
Vine
Bannato
Bannato


Registrato: 09/10/12 11:58
Messaggi: 4

MessaggioInviato: Lun Ott 15, 2012 9:03 am    Oggetto: Rispondi citando

Starlight ha scritto:
Vedo che non ti vuoi arrendere..

Vine ha scritto:
Mi perdonerete, ma il tempo tiranno mi costringe ad essere telegrafico.

Starlight mi accusa di “non conoscere l’ateismo”.
Starlight, l’ateismo NON è una dottrina, ma una semplice posizione di fronte a certe questioni che molti fra noi assumono.
Tutto qui.


e chi ha detto che è una dottrina? come hai detto tu stesso è filosofia però tu poi cadi nell'errore di confonderlo con la scienza.. con l'astrologia più precisamente


ASTRONOMIA, Starlight, astronomia...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Lun Ott 15, 2012 9:11 am    Oggetto: Rispondi citando

Vine ha scritto:
Starlight ha scritto:
Vedo che non ti vuoi arrendere..

Vine ha scritto:
Mi perdonerete, ma il tempo tiranno mi costringe ad essere telegrafico.

Starlight mi accusa di “non conoscere l’ateismo”.
Starlight, l’ateismo NON è una dottrina, ma una semplice posizione di fronte a certe questioni che molti fra noi assumono.
Tutto qui.


e chi ha detto che è una dottrina? come hai detto tu stesso è filosofia però tu poi cadi nell'errore di confonderlo con la scienza.. con l'astrologia più precisamente


ASTRONOMIA, Starlight, astronomia...


sorry era un lapsus, infatti volevo dire astronomia!

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Vine
Bannato
Bannato


Registrato: 09/10/12 11:58
Messaggi: 4

MessaggioInviato: Lun Ott 15, 2012 9:15 am    Oggetto: Rispondi citando

Arrendermi? E' una gara?

Comunque, non vedo perchè "arrendermi", dal momento che rispondo solo ad una serie di affermazioni apodittiche, contraddizioni e frasi fatte.

Ora scappo..
Top
Profilo Invia messaggio privato
Vine
Bannato
Bannato


Registrato: 09/10/12 11:58
Messaggi: 4

MessaggioInviato: Lun Ott 15, 2012 9:20 am    Oggetto: Rispondi citando

Oddio, povero Darwin! :(
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Lun Ott 15, 2012 11:36 am    Oggetto: Rispondi citando

Vine ha scritto:
Oddio, povero Darwin! :(



Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Citazione:
Arrendermi? E' una gara?


ovvio che non è una gara, intendevo dire che di solito la gente dopo una serie di ban consecutivi ci rinuncia ma tu continui ad iscriverti, sono curiosa di sapere quanto a lungo durerà la tua permanenza sta volta!

Citazione:

Per tutti questi motivi, rivolgendomi a Karim, che ha aperto questo thread, dico che l’errore peggiore che potrebbe fare parlando con i suoi figli sarebbe quello di rispondere a quanto gli verrà obiettato aprendo il Corano (testo, tra l’altro, interpolato esattamente quanto la Bibbia, con buona pace di qualcuno) e cercare lì le risposte. Se, infatti, una fede viene messa in discussione, che senso ha farsi forti dei precetti di quella stessa fede? Se Tizio non si fida di Caio, che senso ha che Caio garantisca per se stesso per convincere Tizio?

Comunque, un episodio della mia vita potrebbe suggerire l’atteggiamento che, a mio giudizio, potrebbe essere il migliore che Karim dovrebbe tenere. Nel mio primo anno di università, andai a fare visita ad un mio professore del Liceo, un padre gesuita di vasta e profonda dottrina (per chi di voi non lo sapesse, l’”Ordine nero” dei Gesuiti è un “corpo di élite” della Chiesa cattolica romana, i cui membri, selezionatissimi, spiccano per cultura e intelligenza; in passato potentissimo (tanto che il suo Superiore Generale era detto “il Papa Nero”), è stata un’autentica “superpotenza” in fatto di cultura e sapere e oggi continua a mantenere diverse scuole) e gli espressi i miei dubbi in fatto di fede (dubbi di cui lui, ovviamente, si era accorto da un pezzo). Mi rispose più o meno così: “E’ vero: i dogmi, le verità di fede, in quanto tali, io non sono in grado di dimostrarteli come assolutamente veri. Ma poiché “quod si Christus non resurrexit, vana est fides vestra” (da un celebre passo di san Paolo che riassume il fondamento più importante dell'intera religione cristiana: “se Cristo non fosse risorto, vana sarebbe la vostra fede”) e io voglio credere in Cristo e vorrei vivere secondo le Sue regole, se, pur con tutti i miei gravi limiti, nel Suo nome sono mai stato di esempio a qualcuno, anche nel poco, questo mi rassicura della giustezza di ciò in cui credo. E il fatto che tu sia qui, ora, a parlare con me di queste cose” aggiunse guardandomi sornione “mi fa pensare di non avere, comunque, del tutto torto…”.


Ma cerca di essere onesto almeno con te stesso, quanto conosci l'Islam? la teologia islamica? il Qur'an? Per piacere, non confondere il Qur'an con la bibbia e soprattutto l'Islam con il Cristianesimo e ti ricordo nuovamente che nessuno è venuto a cercare consigli in un forum ateo ma in un forum islamico quindi risparmiaceli visto che non ha chiesto nessuno il parere di un ateo.

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/09/12 20:11
Messaggi: 135
Residenza: XXX

MessaggioInviato: Lun Ott 15, 2012 12:15 pm    Oggetto: Rispondi citando

Assalamu Aleykum
sorella Starlight, lascia perdere... è chiaro che "vine" o comunque si chiami. è una persona che non ha alcuna voglia di confrontarsi, ma solo di ribadire ciò che lui considera come dogmi irrinunciabili e bollando come confuse e irrazionali tutte le opinioni contrarie a tali assiomi.
Ha ragione la sorella Soroboru.. l'ateismo non esiste. Gli "atei" sono in realtà dei pagani che credono negli dei "denaro", "ricchezza", successo", "passioni" e che pensano di essere essei stessi dio e di poter avere in mano la chiave ( di solito identificata con il pensiero ed il metodo scientifico) per la finale comprensione della realtà fenomenologica.
Si sbagliano miseramente. L'implicità falsificabilità di ogni assioma scientifico ( vedi Popper) lo rende sempre perfettibile e mai definitivo.
Solo Allah possiede, ha posseduto e possiederà la conoscenza di tutte le cose, mai gli uomini.
Per quanto riguarda vine, non mi sembra che il suo comportamento sia molto educato... voglio dire, se una persona entra in casa mia e parliamo, poi io decido di farlo uscire dalla porta perché mi insulta e lui rientra dalla finestra per una, due o tre volte... io cosa devo pensare del suo comportamento? Non è un modo per bollare la discussione, ma mi sembra che nel corso del post essa si sia già sviluppata a sufficienza.
Top
Profilo Invia messaggio privato
amatoLlah
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 20/02/11 12:25
Messaggi: 1067
Residenza: Toscana Madhab: Maliki

MessaggioInviato: Lun Ott 15, 2012 1:25 pm    Oggetto: Rispondi citando

..

_________________
يا حي يا قيوم برحمتك أستغيث أصلح لي شأني كله ولا تكلني إلى نفسي طرفة عين


L'ultima modifica di amatoLlah il Lun Ott 15, 2012 8:50 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Lun Ott 15, 2012 8:40 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
E anche qui, sulla Terra, cosa c’è di divinamente giusto e santo nel fatto che gli esseri viventi sopravvivano solo a spese di altri esseri viventi, che il più forte sopravviva e il più debole soccomba, che il più adatto resista agli elementi e il meno adatto, solo per essere il meno adatto, scompaia?


La legge Divina che Dio ci ha misericordiosamente donato, ci insegna amore e compassione nei confronti degli uomini e di tutte le creature. Solo negando questa legge ed il suo creatore si innesta quel modus vivendi fondato sulla legge del più forte e sulla sopraffazione dei deboli. Ma questo non è l'unico modello di vita possibile, nè il più "reale", è solo il modo di vivere di chi rifiuta la legge di Allah, e di chi non amando il Creatore non trova nemmeno una ragione per amare le sue creature, e quindi cerrca in tutti modi possibili di affermare se stesso a scapito delle altre creature.
Citazione:

non ha alcun senso chiedersi “perché” (almeno nel modo in cui tu pretenderesti di fare), ma solo “come”, così come non ha alcun senso chiedere di indicare un lato di una tavola rotonda.


No, Vine, sono due domande diverse, ma entrambe legittime (come e perchè).
La scienza ha rinvenuto un modello di spiegazione della realtà, quello causalitisco/meccanicistico, ma da qui a dire che questo è l'unico modello di spiegazione possibile, ce ne passa.
Se io butto un signore dalla finestra, la scienza può solo spiegare il fenomeno in questi termini: il soggetto x ha impresso la forza n sul soggetto y, e la legge di gravità lo ha fatto spiaccicare a terra.
Proprio perchè la scienza rifiuta altri modelli di spiegazione possibile, la scienza non potrà mai capire nè spiegare perchè io ho deciso di buttare quell'uomo dalla finestra nè potrebbe mai fornire una ragione per condannare moralmente il soggetto x. E allora tutto diviene "asettico", non passibile di norma nè di giudizio.

Noi non neghiamo quindi che il mondo fenomenico possa essere descritto scientificamente, nè rifiutiamo a priori questo modello di spiegazione. Anche noi riteniamo vera la spiegazione "scientifica" dell'omicidio commesso da x. E' vero che y ha subito la forza di gravtà e l'impatto con il terreno lo ha fatto spiaccicare. Tuttavia riteniamo che vi sia, accanto a questo modo di spiegare la realtà, anche un altro modo di spiegarla. Un modo che risponde alla domanda "perchè?" e ci fa comprendere in modo più completo la realtà.

Come si era già detto in tanti altri post, nella storia d'Occidente, la scienza è diventata "atea", in quanto per affermarsi ha dovuto innescare una feroce battaglia contro l'oscurantismo della Chiesa. Uno scienziato vissuto nei secoli XVI, XVII,XVIII, aveva poche possibilità di scampare al rogo. QUindi storicamente, (in Occidente) ateismo e scienza sono parole che vengono sempre accostate.
Mentre durante i grandi Califfati Islamici, la scienza veniva promossa e lo scienziato riempito di onori.
Quindi noi non siamo in guerra contro la scienza, nè riteniamo che la scienza possa "sconfiggerci" o minacciare la nostra fede. Anzi.. Il corano ha sempre anticipato tantissme grandi scoperte scientifiche e non c'è nulla in esso che contrasti quanto gli scienziati di volta in volta scoprono.


Citazione:
aprendo il Corano (testo, tra l’altro, interpolato esattamente quanto la Bibbia, con buona pace di qualcuno) e cercare lì le risposte. Se, infatti, una fede viene messa in discussione, che senso ha farsi forti dei precetti di quella stessa fede? Se Tizio non si fida di Caio, che senso ha che Caio garantisca per se stesso per convincere Tizio?


Se x pensa che che il Corano dice il falso non basta dirgli che il Corano dice di se stesso di essere vero perchè tanto non x non ci crede. Questo si. Ma il punto è che non è solo una questione di "credere" e fidarsi o pensare a priori che qualcosa sia vero.
Noi crediamo che Allah Subhana wa taala abbia creato dei ponti tra l'uomo e la fede. Uno di questi ponti è la ragione. Tramite la ragione noi possiamo far capire a X che il Corano dice il vero. Ad esempio. Se X ha piena fiducia nella scienza, noi possiamo leggergli quei passi del Corano che hanno anticipato le scoperte scientifiche, dimostrandogli in questo modo la sua verità. C'è anche chi leggendo per la prima volta il Corano ne reasta abbagliato e non ha bisogno di alcun ponte per credere in esso, perchè ci crede e basta.Mentre chi non ha ricevuto questo dono, ha altri modi (tra cui quelli razionali, appunto) per credere in esso.
Insomma, quello che intendo dire è che il Corano non si limita a dire di se stesso di essere vero, ma lo dimostra.
Altrimenti avresti ragione te.
Spero che questo discorso ti sia chiaro.

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Lun Ott 15, 2012 8:49 pm    Oggetto: Rispondi citando

lasciate perdere, non fate come ho sempre fatto io (stupidamente): DON'T FEED THE TROLL.

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
discussing
Nuovo utente
Nuovo utente


Registrato: 19/11/12 12:20
Messaggi: 1

MessaggioInviato: Mer Nov 21, 2012 1:57 pm    Oggetto: Rispondi citando

Salve a tutti sono nuova.
Secondo me "ateismo e atei" non esistono, credo siano solo delle etichette che affibbiano, erroneamente, delle particolari caratteristiche a chi non è credente.
Esiste invece l'ateo a livello individuale. L'unica sua caratteristica descrivibile è che non crede in nessun tipo di Dio.
Ogni ateo è diverso dall'altro, quindi non ci sono regole, dogmi, gruppi, etnie. Le eventuali associazioni e gruppi di atei penso siano solo delle buffonate di fanatici ed estremisti.

Forse i tuoi figli sono troppo piccoli per rendersi davvero conto della differenza tra aderire ad una religione e non aderire a nessuna religione. Qualsiasi impronta tu dia loro, sceglieranno la loro starda da se' quando saranno adulti.
Top
Profilo Invia messaggio privato
chbraoui
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 19/02/12 20:38
Messaggi: 416

MessaggioInviato: Mar Dic 11, 2012 5:23 pm    Oggetto: Rispondi citando

discussing ha scritto:
Salve a tutti sono nuova.
Secondo me "ateismo e atei" non esistono, credo siano solo delle etichette che affibbiano, erroneamente, delle particolari caratteristiche a chi non è credente.
Esiste invece l'ateo a livello individuale. L'unica sua caratteristica descrivibile è che non crede in nessun tipo di Dio.
Ogni ateo è diverso dall'altro, quindi non ci sono regole, dogmi, gruppi, etnie. Le eventuali associazioni e gruppi di atei penso siano solo delle buffonate di fanatici ed estremisti.

Forse i tuoi figli sono troppo piccoli per rendersi davvero conto della differenza tra aderire ad una religione e non aderire a nessuna religione. Qualsiasi impronta tu dia loro, sceglieranno la loro starda da se' quando saranno adulti.


Il tuo riagionamento fila se non eravamo stati creati (non c'eravamo), quindi non abbiamo mente pensante.:)
AlhamduLiLlah abbiamo mente, occhi, orecchie, bocche e mani; per potere sentire, discutere, guardare, toccare e discutere per poter capire chi è nella Verità.
Abbiamo bisogno di "etichettare", perchè noi parliamo (AlhamduLiLah), e

Allah ci ha insegnato (surat al Baqara) :

E insegnò a Adamo i Nomi, tutti! Poi presentò quelle [cose] agli angeli, quindi disse: “Ditemi ora i loro nomi, se siete sinceri”

Quindi non fila il tuo ragionamento di eticchetare, tu ironeamente mentre stavi scrivendo stavi "ecchitando" i tuoi stessi concetti.
Poi, hai ragione ci sono i miscredenti e i credenti (cioè quelli che credono in Iddio e quelli che non credono).
Si, uno può fare tutte le scelte che vuole (AlhamduLillah), perchè L'ONNIPOTENTE ci ha dato il libero arbitrio.
Ma per ogni scelta c'è una conseguenza :). Per esempio se io uccido una persona, come conseguenza ho il carcere :P
Quindi per favore, prega il Creatore di Guidarti.
Allahuma hdina

che Iddio mi perdoni se ho detto qualcosa di sbagliato.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Mar Dic 11, 2012 11:46 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:

Qualsiasi impronta tu dia loro, sceglieranno la loro starda da se' quando saranno adulti.



Innanzitutto ti invito a leggere il bellissimo articolo/post appena sfornato dal fratello Umarzai, intitolato "Sulle Obiezioni all'Educazione Islamica dei Figli" .
Secondo. Sei passato ai rimedi estremi? Ora ti celi dietro ad un'identità femminile?
Hahahha vabbeh se non sei te scusa, ma per me ormai tutti gli atei sono il pluribannato Troll. E nemmeno sono sicura che tu sia ateo/a.
Vabbeh il punto secondo è sfociato nel surreale. Se tu non se lui, ignoralo pure.
Terzo. Detta così sembra quasi una forma di rassegnazionismo. "Tanto poi prendono la strada che pare a loro".

Tu puoi anche trasmettere a tuoi figlio gli insegnamenti di Buddha, Gesù (alaihi Salam), Zoroastro ecc. Ma se non incarni quegli insegnamenti, è chiaro che poi il figlio farà come gli pare e sceglierà una delle tante strade che la vita gli prospetterà.
Ma c'è una forma di educazione che penetra fin delle viscere e non viene più abbandonata. Ed è l'educazione "mimetica". Un figlio impara quello che l'educatore/genitore è, non quello che l'educatore genitore dice.


Il problema di oggi, che poi è il motivo per cui i figli tendono a deviare, sbandare impazzire, fare come vogliono ecc. è che il genitore spesso insegna, senza incarnare pienamente ciò che vuole insegnare:" devi pregare, devi essere bravo buono bello e colto, devi essere paziente, devi studiare".Se non c'è reale aderenza tra ciò che il genitore vuole insegnare e ciò che incarna, i suoi insegnamenti avranno un impatto sul figlio piuttosto blando pertanto egli tenderà a seguire "mimeticamente" dei modelli più forti ed auto-aderenti.
Tanto per fare un esempio: da una madre nevrotica che insegna la calma, il figlio tenderà ad imparare in via mimetica la nervrosi, piuttosto che la calma insegnatagli a parole ma non a fatti. .

Quando invece l'educatore incarna ciò che insegna, i suoi insegnamenti si imprimono come un sigillo e non vengono più abbandonati.
Anche per questo nell'Islam è importante seguire la Sunnah. Seguendo la Sunnah il Musulmano "incarna" l'Islam e quindi trasmette l'Islam anche e soprattutto in forma "mimetica", ovvero la forma di educazione realmente penetrante e duratura.
Ed è una forma di educazione che si innesta immediatamente.Quindi è bene che il genitore dia il "buon esempio" anche quando crede che i suoi figli siano troppo piccoli per capire, perchè in realtà non sono mai troppo piccoli per assorbire ciò che vedono.

Se lo stampo è forte, la forma impressa non sbiadisce. Ergo non è vero "che qualsiasi impronta tu dia loro, sceglieranno la strada da sè".

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Rapporti con Altre Religioni e Ideologie, Confutazioni, etc. Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.605