Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Firasah e la fitnah dell'"intelligenza"

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Intellettuali, considerazioni e dibattiti sull'Islam
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Ven Set 18, 2020 10:25 pm    Oggetto: Ads

Top
Hind
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 21/10/10 13:38
Messaggi: 311

MessaggioInviato: Lun Ago 13, 2012 9:17 pm    Oggetto: Firasah e la fitnah dell'"intelligenza" Rispondi citando

[EDIT: Discussione separata dal thread originario: "
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

"].

--

'Umar Waziristani ha scritto:

"Beware of the firasah of the believer, for he sees with the light of Allah" - Hadith Sharif.


Tralasciando il fatto che ormai siamo decisamente OT, l'argomento andrebbe approfondito, perché in tempi simili potrebbe reppresentare spesso l'unica possibilità di stabilire da che parte andare. Come in tutte le cose ci sono dei gradi, non dico che tutti debbano o possano aspirare alla perfezione nel comprendere i segni come Abu Bakr o 'Umar, però chiedere con umiltà a Dio di toglierci qualche velo e impegnarci, sotto la direzione di uno Shaykh valido, per eliminare tutto ciò che potrebbe "offuscarci la vista" lo possiamo fare.
Esiste la perfezione ed esiste anche l'anti-perfezione, che in questo caso consiste nell'essere purtroppo incapaci, a causa tra l'altro dell'atmosfera ipnotica in cui viviamo, di vedere quel tanto oltre da salvarci almeno da qualche veleno.

E Allah sa meglio.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14960
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Mar Ago 14, 2012 1:25 am    Oggetto: Rispondi citando

Hind ha scritto:
'Umar Waziristani ha scritto:

"Beware of the firasah of the believer, for he sees with the light of Allah" - Hadith Sharif.


Tralasciando il fatto che ormai siamo decisamente OT, l'argomento andrebbe approfondito, perché in tempi simili potrebbe reppresentare spesso l'unica possibilità di stabilire da che parte andare. Come in tutte le cose ci sono dei gradi, non dico che tutti debbano o possano aspirare alla perfezione nel comprendere i segni come Abu Bakr o 'Umar, però chiedere con umiltà a Dio di toglierci qualche velo e impegnarci, sotto la direzione di uno Shaykh valido, per eliminare tutto ciò che potrebbe "offuscarci la vista" lo possiamo fare.
Esiste la perfezione ed esiste anche l'anti-perfezione, che in questo caso consiste nell'essere purtroppo incapaci, a causa tra l'altro dell'atmosfera ipnotica in cui viviamo, di vedere quel tanto oltre da salvarci almeno da qualche veleno.

E Allah sa meglio.


Completamente d'accordo.

Per come la vedo io ci sono due elementi nel "trovare la verità", e valgono entrambi sia per quanto riguarda quale sia il vero Din rivelato ed accettato da Allah, che per quanto riguarda la corretta comprensione/metodologia del Din (ovvero, quale "gruppo" tra i tanti presenti all'interno dell'Islam sia la "setta salvata").

Il primo è essenziale, e senza di esso non si può raggiungere alcun risultato, non importa quanti sforzi si facciano.
E' la guida di Allah.
E tale elemento non ha bisogno di altri elementi di supporto, è sufficiente, basta anche solo questo.

Il secondo è "accessorio": può "rinforzare" la propria convinzione, ma da solo non è sufficiente. E non è nemmeno necessario.
Ed consiste in pratica nell'eseguire un'analisi che prenda in considerazione più elementi: logico, storico, ideologico, sociologico, antropologico, etc.
Come abbiamo visto ciò da solo non basta, senza la guida di Allah, ed inoltre ci sono tante persone benedette che non hanno alcuna idea di tutte queste cose, però alhamdulillah sono comunque Musulmani ed hanno comunque la comprensione diretta del Din.
Trovo che però con questi elementi "accessori" si possa gustare forse di più ad esempio la correttezza del proprio maslak, motivarla, cercare di spiegarla, etc.

Al tempo stesso sapendo che anche nel nostro interlocutore la comprensione/accettazione di ciò che diciamo non dipenderà affatto unicamente da quanto la nostra analisi sia giusta o convincente: è Allah che deve guidarlo.
Però i nostri discorsi sono il mezzo che Allah insha'Allah può usare per portare una persona ad una determinata comprensione. E quindi avanti con gli asbab!

Spero di non essere stato troppo criptico o autoreferenziale, ma analizzando il "come" io abbia trovato il Din vero e il maslak corretto, ho riscontrato questi due elementi.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Hind
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 21/10/10 13:38
Messaggi: 311

MessaggioInviato: Mar Ago 14, 2012 9:17 am    Oggetto: Rispondi citando

'Umar Waziristani ha scritto:

Spero di non essere stato troppo criptico o autoreferenziale


Una 'nticchia... :)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14960
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Gio Ago 16, 2012 5:05 am    Oggetto: Rispondi citando

Hind ha scritto:
'Umar Waziristani ha scritto:

Spero di non essere stato troppo criptico o autoreferenziale


Una 'nticchia... :)


Uhm... Let me try again..

Ci sono persone molto ignoranti, che non hanno mai studiato e non sanno né leggere né scrivere, ma sono Musulmani, hanno un iman forte ed una comprensione corretta del Din.
Essi sono guidati da Allah e ciò è assolutamente sufficiente, ed insha'Allah andranno al Jannah, e supereranno lì persone molto più "istruite" di loro ma meno pie/oneste/sincere, etc.

Poi ci sono persone molto "intelligenti", ma che non capiscono comunque le cose davvero importanti, ed applicano la loro intelligenza o nei campi sbagliati (come certi atei), o nel campo corretto, ma nel modo sbagliato (come certe persone molto "intelligenti" ma miscredenti che seguono altre religioni, o certi "Musulmani" che si lanciano in interpretazioni deviate): essi non sono guidati da Allah, e la loro intelligenza, male-indirizzata e non sottomessa correttamente a Dio, è per loro una fitnah.

E infine ci sono persone che Allah guida e cui dona anche sapienza, intelligenza e conoscenza: e tali persona sono utilizzate da Allah come strumento per la propagazione e la difesa del Suo Din, ed il loro rango incrementa quanto più e maggiore la loro conoscenza e quanto più essa viene incrementata.

Quindi avere tanta conoscenza/intelligenza non è sufficiente, senza la guida di Allah. Ma, se essa si aggiunge all'essere guidati da Allah, allora ancora meglio, e si possono "assaporare" molte cose in più anche riguardo lo stesso Din, comprendendolo meglio, apprezzando meglio molte cose, etc...

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Hind
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 21/10/10 13:38
Messaggi: 311

MessaggioInviato: Gio Ago 16, 2012 9:51 am    Oggetto: Rispondi citando

'Umar Waziristani ha scritto:

Uhm... Let me try again..

Ci sono persone molto ignoranti, che non hanno mai studiato e non sanno né leggere né scrivere, ma sono Musulmani, hanno un iman forte ed una comprensione corretta del Din.
Essi sono guidati da Allah e ciò è assolutamente sufficiente, ed insha'Allah andranno al Jannah, e supereranno lì persone molto più "istruite" di loro ma meno pie/oneste/sincere, etc.

Poi ci sono persone molto "intelligenti", ma che non capiscono comunque le cose davvero importanti, ed applicano la loro intelligenza o nei campi sbagliati (come certi atei), o nel campo corretto, ma nel modo sbagliato (come certe persone molto "intelligenti" ma miscredenti che seguono altre religioni, o certi "Musulmani" che si lanciano in interpretazioni deviate): essi non sono guidati da Allah, e la loro intelligenza, male-indirizzata e non sottomessa correttamente a Dio, è per loro una fitnah.

E infine ci sono persone che Allah guida e cui dona anche sapienza, intelligenza e conoscenza: e tali persona sono utilizzate da Allah come strumento per la propagazione e la difesa del Suo Din, ed il loro rango incrementa quanto più e maggiore la loro conoscenza e quanto più essa viene incrementata.

Quindi avere tanta conoscenza/intelligenza non è sufficiente, senza la guida di Allah. Ma, se essa si aggiunge all'essere guidati da Allah, allora ancora meglio, e si possono "assaporare" molte cose in più anche riguardo lo stesso Din, comprendendolo meglio, apprezzando meglio molte cose, etc...


D'accordo al 100%!
Anzi io sono forse ancora più "estremista" di te, penso infatti che nella quasi totalità dei casi lo studio (soprattutto quello di tipo umanistico/filosofico/storico universitario) distrugge in modo quasi irreparabile qualsiasi possibilità di comprensione del mondo spirituale.
E lo dico con cognizione di causa perché io c'ero "dentro".
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14960
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Ven Ago 17, 2012 1:14 am    Oggetto: Rispondi citando

Hind ha scritto:
'Umar Waziristani ha scritto:

Uhm... Let me try again..

Ci sono persone molto ignoranti, che non hanno mai studiato e non sanno né leggere né scrivere, ma sono Musulmani, hanno un iman forte ed una comprensione corretta del Din.
Essi sono guidati da Allah e ciò è assolutamente sufficiente, ed insha'Allah andranno al Jannah, e supereranno lì persone molto più "istruite" di loro ma meno pie/oneste/sincere, etc.

Poi ci sono persone molto "intelligenti", ma che non capiscono comunque le cose davvero importanti, ed applicano la loro intelligenza o nei campi sbagliati (come certi atei), o nel campo corretto, ma nel modo sbagliato (come certe persone molto "intelligenti" ma miscredenti che seguono altre religioni, o certi "Musulmani" che si lanciano in interpretazioni deviate): essi non sono guidati da Allah, e la loro intelligenza, male-indirizzata e non sottomessa correttamente a Dio, è per loro una fitnah.

E infine ci sono persone che Allah guida e cui dona anche sapienza, intelligenza e conoscenza: e tali persona sono utilizzate da Allah come strumento per la propagazione e la difesa del Suo Din, ed il loro rango incrementa quanto più e maggiore la loro conoscenza e quanto più essa viene incrementata.

Quindi avere tanta conoscenza/intelligenza non è sufficiente, senza la guida di Allah. Ma, se essa si aggiunge all'essere guidati da Allah, allora ancora meglio, e si possono "assaporare" molte cose in più anche riguardo lo stesso Din, comprendendolo meglio, apprezzando meglio molte cose, etc...


D'accordo al 100%!
Anzi io sono forse ancora più "estremista" di te, penso infatti che nella quasi totalità dei casi lo studio (soprattutto quello di tipo umanistico/filosofico/storico universitario) distrugge in modo quasi irreparabile qualsiasi possibilità di comprensione del mondo spirituale.
E lo dico con cognizione di causa perché io c'ero "dentro".


Soprattutto la filosofia!
(In questo Guénon aveva fatto delle discrete analisi, sulla natura stessa della filosofia. Ma questo comunque non è un motivo sufficiente per acquistare/leggere i suoi libri, in base al noto principio per cui "astenersi da un danno certo ha la precedenza sull'acquisire un beneficio probabile").

Trovo che lo studio di queste discipline (non in sé (se non per la filosofia) - quanto per i paradigmi, i presupposti ideologici, e la "direzione" con la quale vengono comunemente insegnati), siano, assieme all'"intelligenza" in sé, una grossa prova, una fitnah: la maggior parte di chi vi passa attraverso si perde e ne viene influenzato, acquisendo idee errate con le quali (spinti dal kibr dell'"ho letto mille libri") ci si sente autorizzati a voler modificare l'Islam sulla base di essi, o addirittura arrivando alla riddah - ed abbiamo gli esempi di Tariq Ramadan, Abdul Hakim Murad, Hamza Yusuf (questi due senz'altro molto più intelligenti ed ortodossi del primo, ma purtroppo -Hamza Yusuf soprattutto ultimamente) contagiati da diverse idee riformiste.
Mentre una piccola minoranza di persone guidate da Allah acquisiscono solo strumenti di analisi che riescono però anche a maneggiare correttamente, riuscendo ancora meglio ad analizzare in profondità ed in maniera critica il "sistema" circostante del kufr, e riuscendo quindi a confutarlo e denunciarlo in maniera ancora più efficace ed "informata".
E così nascono gioielli e "mufakkirin-e-Islam" come Shaykh Syed Abul-Hasan Ali Nadwi (rahimahullah), Hadrat Shaykh al-Islam Mufti Taqi Usmani, ed il suo "studente" (piuttosto evidente l'influenza del primo sui suoi contenuti) Khalid Baig ed i suoi stessi figli (che masha'Allah su al-balagh.net sono pure loro attivi con interessanti articoli)...

E' la (mica tanto) sottile linea che separa il tajdid/rivivificazione dal riformismo!...

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Ven Ago 17, 2012 3:37 am    Oggetto: Rispondi citando

Tanto nulla serve a nulla.
Dio da' la Fede a chi vuole.
E non la da a chi non vuole darla.
O si è dentro o si è fuori.
Non si può decidere.
Mi chiedo solo a cosa serva la fede se tanto Allah può decidere di non dartela,
Anche il Corano dice "non dite ho fede, dite io voglio credere"(non è una citazione perchè non mi ricordo le esatte parole)
Mi chiedo: cosa può fare un uomo che vuole credere, ma Allah non gli da la fede.
Ho paura che sia solo per paura che l'uomo senta il bisogno di credere.
Io credo ma se Allah non vuole che sia tra i suoi, cosa ci posso fare
Mi ha dato dei doni, ma a volte sembra che questi doni servano solo ad allontarami
Ringraziate Allah di avere la fede, perchè è uno dei doni piu' grandi che vi possa dare
e non fate diventare questo dono un motivo di arroganza nei confronti di chi purtroppo non l'ha ricevuto
e' solo destino
Eravate tra gli eletti prima ancora che il mondo fosse creato

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14960
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Ven Ago 17, 2012 5:02 am    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:
Tanto nulla serve a nulla.
Dio da' la Fede a chi vuole.
E non la da a chi non vuole darla.
O si è dentro o si è fuori.
Non si può decidere.
Mi chiedo solo a cosa serva la fede se tanto Allah può decidere di non dartela,
Anche il Corano dice "non dite ho fede, dite io voglio credere"(non è una citazione perchè non mi ricordo le esatte parole)
Mi chiedo: cosa può fare un uomo che vuole credere, ma Allah non gli da la fede.
Ho paura che sia solo per paura che l'uomo senta il bisogno di credere.
Io credo ma se Allah non vuole che sia tra i suoi, cosa ci posso fare
Mi ha dato dei doni, ma a volte sembra che questi doni servano solo ad allontarami
Ringraziate Allah di avere la fede, perchè è uno dei doni piu' grandi che vi possa dare
e non fate diventare questo dono un motivo di arroganza nei confronti di chi purtroppo non l'ha ricevuto
e' solo destino
Eravate tra gli eletti prima ancora che il mondo fosse creato


Meno filosofia e più nutrimento dell'iman.
Sorella credo proprio che dovresti mollare l'università che stai facendo e piuttosto iscriverti a qualsiasi altra facoltà. Se il risultato è di continuare a farti fare ragionamenti "filosofici" di questo genere e dubbi, un qualsiasi pezzo di carta di una laurea non è nulla in confronto al perdere tutto nell'Altra vita.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Ven Ago 17, 2012 10:15 am    Oggetto: Rispondi citando

Io non credo che ciò che studio sia causa dei miei dubbi. Sarebbe facile pensarla cosi' : elimino la filsofia e i dubbi scompariranno. Magari.
Per stare in tema sull'argomento di questro thread, credo che i dubbi trovino terreno fertile in menti molto riflessive. E non è la filosofia a rendermi "riflessiva", ma caso mai è proprio perchè ho una natura riflessiva, che ho deciso di studiare filosofia.
Inoltre non credo minimamente che l'intelligenza sia un dono. Credo che sia solo un ostacolo.
Anche perchè come hai detto, se anche veicolata ed utilizzata in modo buono e giusto " la comprensione/accettazione di ciò che diciamo non dipenderà affatto unicamente da quanto la nostra analisi sia giusta o convincente: è Allah che deve guidarlo. "
Nulla di ciò che è importante nella vita va "capito". Va solo creduto ed amato. Anche quando nella mia vita mi è capitato di innamorarmi, non c'era nulla che io capissi di/in quella persona. Ne ragioni che mi spingessero a sentire ciò che sentivo. Anzi. Se solo avessi "amato" con la ragione, mi sarei allontanata da quella persona alla velocità della luce. Eppure è stato uno dei pochi atti di nobiltà della mia anima, amare cosi' senza ragione, e vedere qualcosa che nessuno altro vedeva, solo perchè vedeva e giudicava secondo ragione.
L'intelligenza è solo una facoltà che conduce all'arroganza, all'ipertrofizzazione dell'ego ecc. Non ha nulla di positivo.
Personalmente mi sono accorta che tutte le volte che mettevo a tacere il mio cervello, la fede iniziava a farsi spazio dentro di me.
Tuttavia non conosco modi per mettere a tacere il cervello, se non attraverso l'uso di sostanze stupefacenti, ma queste sono pure Haram.

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Yuki
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/07/12 20:26
Messaggi: 275

MessaggioInviato: Ven Ago 17, 2012 11:39 am    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:

Tuttavia non conosco modi per mettere a tacere il cervello


su questo non ti preoccupare, il 90% degli italiani l'ha spento dalla nascita XD
Top
Profilo Invia messaggio privato
Giuseppe
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 24/09/08 18:19
Messaggi: 197
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Ven Ago 17, 2012 1:11 pm    Oggetto: Rispondi citando

Soroboru, non essere pessimista. Io credo, in vece, che l'intelligenza sia un dono. Ma è anche un semplice strumento, come una pistola: in sè non è né buona né cattiva, dipende da chi la impugna. L'intelligenza è sicuramente un dono di Dio, ma bisogna saperla bene usare. Non è l'intelligenza ad essere negativa, sono le tentazioni di Satana (Shaytan, dite voi?) che corrono il rischio di farla tracimare in orgoglio autoreferenziale, in arroganza. Ma le tentazioni le hanno tutti, intelligenti e non intelligenti. La Fede è una grazia, che Dio ci dà, è vero; ma è anche vero che bisogna andargli incon tro, sforzarsi. Dio ci accoglie, ma dobbiamo fare un passo verso di Lui. Credo anch'io che non sia lo studio della filosofia a crearti dubbi e problemi; hai un dono, sfruttalo bene! Visto che puoi capire cose che altri non capirebbero, approfittane: amplia il raggio d'azione dei tuoi interessi, leggi testi religiosi sicuri, scritti da persone intelligenti, che sicuramente hanno avuto i tuoi stessi dubbi, penso che ti servirà. Mi riallaccio a una discussione che ho avuto con voi; il concetto di Trinità non è facilissmo, spesso anche noi cristiani abbiamo le idee un po' confuse; io reputo di essere una persona di media intelligenza e cultura e allora da un po' ho cominciato a leggere dei trattati sulla Trinità, per vedere di capirci qualcosa (solo qualcosa!) di più.
Ne ho comunque bisogno, non posso far finta di non avere domande o dubbi e sono sicuro che ne trarrò giovamento. Esistono sicuramente anche in ambito musulmano testi del genere, scritti da quei sapienti cui faceva riferimento Umar. Approfondiscili. Sfrutta la tua intelligenza, affinché anch'essa vada ad maiorem Dei gloriam!
Un caro saluto e che la Pace sia con te!

_________________
Dal sorgere del sole al suo tramonto sia lodato il nome del Signore (Sal 112,3).
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 22:31
Messaggi: 1098

MessaggioInviato: Ven Ago 17, 2012 3:54 pm    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:
Tanto nulla serve a nulla.

What?

Citazione:
Dio da' la Fede a chi vuole.

E' vero!
Citazione:
E non la da a chi non vuole darla.

E' vero!
Citazione:
O si è dentro o si è fuori.

E' vero! Non si può essere dentro e fuori nello stesso momento. :-D
Citazione:
Non si può decidere.

E' vero in senso assoluto generale "Non si può fare niente se non con il permesso di Dio" ed ecco che ne consegue che non si può decidere..

D'altra parte non è vero in quanto Dio ci ha dato la capacità di scegliere.

Citazione:
Mi chiedo solo a cosa serva la fede se tanto Allah può decidere di non dartela,


Confondi gli esseri umani con i robot sorella soroboru.
Allah poteva crearci tutti all'inferno se voleva.
Non saremo noi a interrogare Allah. Ma è Allah che interrogherà noi nel Giorno del Giudizio. Egli è il creatore di tutto.
Citazione:

Anche il Corano dice "non dite ho fede, dite io voglio credere"(non è una citazione perchè non mi ricordo le esatte parole)


Esatto perchè nulla può essere senza il permesso di Allah.
Di fatti, è per questo che alla fine di ogni discorso aggiungiamo la parola "inchallah"( se Dio vuole).

Citazione:
Mi chiedo: cosa può fare un uomo che vuole credere, ma Allah non gli da la fede.

Allah può fare tutto. Può mandarci tutti all'inferno. E' solo per Misericordia che Allah non fa tutto cio. Tutti i profeti, nonostante la loro posizione, pregavano e pregavano chiedendo il perdono ad Allah; ci sono proprio dei hadith dove il Profeta sallallaahu disse che è solo per Misericordia di Allah che sarebbe entrato in Paradiso. (Chi lo trova lo posti pure inchallah)

Citazione:
Ho paura che sia solo per paura che l'uomo senta il bisogno di credere.

Questo è il tipico sussurro di Shitan. Lo si riconosce in quanto asserzione priva di ogni fondamento!
Solo la paura di coloro che nn credono è motivata.

La tua paura è una paura positiva, a mio avviso dimostra quanto tu ponga fede in Dio e quanto tu sia "innamorata" della Verità.

Solo colui che è innamorato ha paura che il suo amore non possa mai essere ricambiato e di non "vedere" mai l'Amato. :-)
Consiglio libro: "L'amore di Dio" Al Ghazali

Se è questa la tua paura, non preoccuparti.. Allah non mente, egli ha decretato Misericordia per l'uomo, e se porrai fede conoscerai l'Amato.:)

Citazione:
Io credo ma se Allah non vuole che sia tra i suoi, cosa ci posso fare

Non ci puoi fare niente se Allah non vuole.
Tutto avviene con il Permesso di Allah.
Cio non toglie che sei dotata della capacità di agire,di scegliere e quindi "decidere" il tuo futuro.
C'è un hadith qudsi mi sembra che dice che Allah farà prevalere la Misericordia nei confronti dell'uomo.

Citazione:
Mi ha dato dei doni, ma a volte sembra che questi doni servano solo ad allontarami

Il Corano dice di non ritenere cosa buona ciò che apparentemente sembrerebbe essere buono perchè potrebbe rivelarsi cosa negativa; e lo stesso dicesi per il contrario.

Citazione:
Ringraziate Allah di avere la fede, perchè è uno dei doni piu' grandi che vi possa dare
e non fate diventare questo dono un motivo di arroganza nei confronti di chi purtroppo non l'ha ricevuto
e' solo destino
Eravate tra gli eletti prima ancora che il mondo fosse creato


Hai fatto bene a ricordarlo.

'Umar Waziristani ha scritto:
Soprattutto la filosofia!
(In questo Guénon aveva fatto delle discrete analisi, sulla natura stessa della filosofia. Ma questo comunque non è un motivo sufficiente per acquistare/leggere i suoi libri, in base al noto principio per cui "astenersi da un danno certo ha la precedenza sull'acquisire un beneficio probabile").


Fratello esiste qualcosa disponibile online a riguardo?

Citazione:
Soroboru, non essere pessimista. Io credo, in vece, che l'intelligenza sia un dono. Ma è anche un semplice strumento, come una pistola: in sè non è né buona né cattiva, dipende da chi la impugna. L'intelligenza è sicuramente un dono di Dio, ma bisogna saperla bene usare. Non è l'intelligenza ad essere negativa, sono le tentazioni di Satana (Shaytan, dite voi?) che corrono il rischio di farla tracimare in orgoglio autoreferenziale, in arroganza. Ma le tentazioni le hanno tutti, intelligenti e non intelligenti. La Fede è una grazia, che Dio ci dà, è vero; ma è anche vero che bisogna andargli incon tro, sforzarsi. Dio ci accoglie, ma dobbiamo fare un passo verso di Lui. Credo anch'io che non sia lo studio della filosofia a crearti dubbi e problemi; hai un dono, sfruttalo bene! Visto che puoi capire cose che altri non capirebbero, approfittane: amplia il raggio d'azione dei tuoi interessi, leggi testi religiosi sicuri, scritti da persone intelligenti, che sicuramente hanno avuto i tuoi stessi dubbi, penso che ti servirà. Mi riallaccio a una discussione che ho avuto con voi; il concetto di Trinità non è facilissmo, spesso anche noi cristiani abbiamo le idee un po' confuse; io reputo di essere una persona di media intelligenza e cultura e allora da un po' ho cominciato a leggere dei trattati sulla Trinità, per vedere di capirci qualcosa (solo qualcosa!) di più.
Ne ho comunque bisogno, non posso far finta di non avere domande o dubbi e sono sicuro che ne trarrò giovamento. Esistono sicuramente anche in ambito musulmano testi del genere, scritti da quei sapienti cui faceva riferimento Umar. Approfondiscili. Sfrutta la tua intelligenza, affinché anch'essa vada ad maiorem Dei gloriam!
Un caro saluto e che la Pace sia con te!


Gentile Giuseppe, sapresti indicarmi qualche testo che parli del rapporto fede-ragione o semplicemente della ragione nella dottrina cristiana?
ho provato a cercare ma non ho trovato molto.. Grazie :)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Ven Ago 17, 2012 5:30 pm    Oggetto: Rispondi citando

Giuseppe ha scritto:
Soroboru, non essere pessimista. Io credo, in vece, che l'intelligenza sia un dono. Ma è anche un semplice strumento, come una pistola: in sè non è né buona né cattiva, dipende da chi la impugna. L'intelligenza è sicuramente un dono di Dio, ma bisogna saperla bene usare. Non è l'intelligenza ad essere negativa, sono le tentazioni di Satana (Shaytan, dite voi?) che corrono il rischio di farla tracimare in orgoglio autoreferenziale, in arroganza. Ma le tentazioni le hanno tutti, intelligenti e non intelligenti. La Fede è una grazia, che Dio ci dà, è vero; ma è anche vero che bisogna andargli incon tro, sforzarsi. Dio ci accoglie, ma dobbiamo fare un passo verso di Lui. Credo anch'io che non sia lo studio della filosofia a crearti dubbi e problemi; hai un dono, sfruttalo bene! Visto che puoi capire cose che altri non capirebbero, approfittane: amplia il raggio d'azione dei tuoi interessi, leggi testi religiosi sicuri, scritti da persone intelligenti, che sicuramente hanno avuto i tuoi stessi dubbi, penso che ti servirà. Mi riallaccio a una discussione che ho avuto con voi; il concetto di Trinità non è facilissmo, spesso anche noi cristiani abbiamo le idee un po' confuse; io reputo di essere una persona di media intelligenza e cultura e allora da un po' ho cominciato a leggere dei trattati sulla Trinità, per vedere di capirci qualcosa (solo qualcosa!) di più.
Ne ho comunque bisogno, non posso far finta di non avere domande o dubbi e sono sicuro che ne trarrò giovamento. Esistono sicuramente anche in ambito musulmano testi del genere, scritti da quei sapienti cui faceva riferimento Umar. Approfondiscili. Sfrutta la tua intelligenza, affinché anch'essa vada ad maiorem Dei gloriam!
Un caro saluto e che la Pace sia con te!


Grazie fratello del Libro Giuseppe.
Tuttavia credo veramente che solo chi dimentica se stesso possa andare in paradiso. Il pensiero, la ragione la riflessione costringono l'uomo ad avere sempre a che fare con se stesso. A dialogare con se stesso. A non dimenticarsi mai. Il pensiero è solo guerra civile. Uccisione della vita. Oggettivazione. E quindi l'esatto contrario del Paradiso, ove vige innocenza e non oggettivazione. La condizione del Paradiso è la vita pura non oggettivata e non scissa da se stessa. In paradiso gli uomini non pensano, vivono.
La fede è uccidere il proprio figlio ( se ALlah lo chiede, non è un invito all'infanticidio di massa) e non chiedere il perchè. Questo significa che la vera fede è l'uccisione della ragione. Lo smacco della ragione, come diceva qualcuno, forse Pascal.
La ragione invece è una condizione dell'uomo "caduto", la forza di gravità che lo ha fatto crollare verso il mondo, ciò che ha fatto nascere il dualismo. Il peccato che ha fatto si che Adamo venisse cacciato dal Paradiso.Che il pensiero non contenga nulla di buono è una certezza catatonica che dovrebbe diventare legge universale.

Immagino che uno degli scopi della preghiera sia anche quello di far dimenticare l'uomo a se stesso, nel ricordo di Dio.
L'unica cosa che ci può insegnare l'intelligenza è che bisogna diventare pazzi. Inshaallah, spero di diventare pazza e conquistare così l'innocenza e meritare il paradiso.E vomitare (sorry =) ) la mela marcia del "conoscere", del pensare, il primo grande peccato dell'umanità.
E lo auguro anche a tutti voi.=)

**
Baia ha scritto:
Questo è il tipico sussurro di Shitan. Lo si riconosce in quanto asserzione priva di ogni fondamento!
Solo la paura di coloro che nn credono è motivata.

La tua paura è una paura positiva, a mio avviso dimostra quanto tu ponga fede in Dio e quanto tu sia "innamorata" della Verità.

Solo colui che è innamorato ha paura che il suo amore non possa mai essere ricambiato e di non "vedere" mai l'Amato. :-)
Consiglio libro: "L'amore di Dio" Al Ghazali

Se è questa la tua paura, non preoccuparti.. Allah non mente, egli ha decretato Misericordia per l'uomo, e se porrai fede conoscerai l'Amato.:)



Grazie fratello Baia. Le tue parole emanano sempre un'aura di calore e serenità. Direi proprio che sono parole verdi (o forse anche arancioni) !
Citazione:

E' vero! Non si può essere dentro e fuori nello stesso momento. :-D
=D

Citazione:
Confondi gli esseri umani con i robot sorella soroboru.


Era un momento di sconforto robotico.
Ora sono felice e srobotizzata e convinta che forse se continuo a bussare mi verrà aperto InshaAllah. .

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Hind
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 21/10/10 13:38
Messaggi: 311

MessaggioInviato: Sab Ago 18, 2012 10:27 am    Oggetto: Rispondi citando

'Umar Waziristani ha scritto:
Ma questo comunque non è un motivo sufficiente per acquistare/leggere i suoi libri, in base al noto principio per cui "astenersi da un danno certo ha la precedenza sull'acquisire un beneficio probabile").[/size]


Troppo tardi! Dai 19 ai 22 anni li ho comprati e letti tutti! Ma stai tranquillo non mi definisco né guénoniana né perennialista (Shuon non l'ho mai proprio letto invece ringraziando Dio).
Comunque tutto il filone della "critica al mondo moderno" e delle ricerche sullo spiritismo e sulla teosofia possono rappresentare per alcuni
il primo passo per distruggere certe barriere e capire che tutto quello che ormai viene considerato progresso, cultura, arte, ecc. ecc. è solo un peto di Shaytan (astaghfirullah!).
Il problema si pone quando si comincia ad avvertire il bisogno di "riempire" e "costruire", allora lì se Allah ta'ala non interviene a guidarci rischiamo di perderci... Per sempre.


'Umar Waziristani ha scritto:

Trovo che lo studio di queste discipline (non in sé (se non per la filosofia) - quanto per i paradigmi, i presupposti ideologici, e la "direzione" con la quale vengono comunemente insegnati), siano, assieme all'"intelligenza" in sé, una grossa prova, una fitnah: la maggior parte di chi vi passa attraverso si perde e ne viene influenzato, acquisendo idee errate con le quali (spinti dal kibr dell'"ho letto mille libri") ci si sente autorizzati a voler modificare l'Islam sulla base di essi, o addirittura arrivando alla riddah - ed abbiamo gli esempi di Tariq Ramadan, Abdul Hakim Murad, Hamza Yusuf (questi due senz'altro molto più intelligenti ed ortodossi del primo, ma purtroppo -Hamza Yusuf soprattutto ultimamente) contagiati da diverse idee riformiste.
Mentre una piccola minoranza di persone guidate da Allah acquisiscono solo strumenti di analisi che riescono però anche a maneggiare correttamente, riuscendo ancora meglio ad analizzare in profondità ed in maniera critica il "sistema" circostante del kufr, e riuscendo quindi a confutarlo e denunciarlo in maniera ancora più efficace ed "informata".
E così nascono gioielli e "mufakkirin-e-Islam" come Shaykh Syed Abul-Hasan Ali Nadwi (rahimahullah), Hadrat Shaykh al-Islam Mufti Taqi Usmani, ed il suo "studente" (piuttosto evidente l'influenza del primo sui suoi contenuti) Khalid Baig ed i suoi stessi figli (che masha'Allah su al-balagh.net sono pure loro attivi con interessanti articoli)...

E' la (mica tanto) sottile linea che separa il tajdid/rivivificazione dal riformismo!...


Sì, sono d'accordo anche se ancora non conosco la maggior parte degli Shaykh che hai citato; poi se ti va mandami pure in privato qualche consiglio sui prossimi acquisti librari.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Hind
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 21/10/10 13:38
Messaggi: 311

MessaggioInviato: Sab Ago 18, 2012 10:43 am    Oggetto: Rispondi citando

@soruboru:

Non fraintendermi, non voglio augurarti qualcosa di "brutto", ma secondo me tutte le tue elucubrazioni, tutti i tuoi dubbi, tutto il tuo arrovellarti esistono solo perché ancora non hai fatto fatto esperienza dell'abiezione e della nullità dell'essere umano.
Quando e se Allah deciderà di mettere alla prova il tuo cuore mettendoti in situazioni in cui sabr non sarà più solo una parola ma l'unica fonte di luce in un mare di buio allora non mancherai di ringraziare fino alle lacrime Dio per averti mostrato la Via.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Giuseppe
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 24/09/08 18:19
Messaggi: 197
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Sab Ago 18, 2012 11:44 am    Oggetto: Rispondi citando

baia ha scritto:

Gentile Giuseppe, sapresti indicarmi qualche testo che parli del rapporto fede-ragione o semplicemente della ragione nella dottrina cristiana?
ho provato a cercare ma non ho trovato molto.. Grazie :)


La Pace sia con te.
Sono appena partito per una settimana di vacanza nella mia nativa Sicilia, mi riprometto al ritorno di indicarti qualche testo, magari se mi dai qualche indicazione maggiore: magistero della Chiesa, scritti dei Padri, di teologi o che altro?
Pace a tutti!

_________________
Dal sorgere del sole al suo tramonto sia lodato il nome del Signore (Sal 112,3).
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Sab Ago 18, 2012 12:58 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
@soruboru:

Non fraintendermi, non voglio augurarti qualcosa di "brutto", ma secondo me tutte le tue elucubrazioni, tutti i tuoi dubbi, tutto il tuo arrovellarti esistono solo perché ancora non hai fatto fatto esperienza dell'abiezione e della nullità dell'essere umano.
Quando e se Allah deciderà di mettere alla prova il tuo cuore mettendoti in situazioni in cui sabr non sarà più solo una parola ma l'unica fonte di luce in un mare di buio allora non mancherai di ringraziare fino alle lacrime Dio per averti mostrato la Via.


Per come la metti te sembra che la religione sia la speranza dei disperati.
E' troppo facile rivolgersi a lui quando non c'è piu' via d'uscita.
Poi appena si esce dal tunnel ci si perde di nuovo nei colori del mondo.
E comunque si, hai frainteso completamente quello che ho detto. Io ho proprio detto che discorsi, pippe mentali, ragione, intelligenza, sono tutte cose inutili e andrebbero soppresse. Leggere migliaia di libri pensare sviluppare teorie e bla bla bla sono cose che non portano un cuore a credere, non portano a nulla se non alla vanità. Quindi a una che dice che dubbi elucubrazione ecc sono cose inutili,e tu rispondi dicendo di non farsi troppe pippe mentali. Complimenti ci hai proprio preso. Quindi il tuo consiglio non ha minimamente senso e per favore non dire "secondo me" rispetto a una vita di cui non conosci niente.[/quote]

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Hind
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 21/10/10 13:38
Messaggi: 311

MessaggioInviato: Sab Ago 18, 2012 3:15 pm    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:

Per come la metti te sembra che la religione sia la speranza dei disperati.
E' troppo facile rivolgersi a lui quando non c'è piu' via d'uscita.
Poi appena si esce dal tunnel ci si perde di nuovo nei colori del mondo.


No, ho parlato di "prove" che arrivano quando la Verità ti è già venuta incontro.

soroboru ha scritto:

E comunque si, hai frainteso completamente quello che ho detto.


Anche tu.

soroboru ha scritto:
Io ho proprio detto che discorsi, pippe mentali, ragione, intelligenza, sono tutte cose inutili e andrebbero soppresse. Leggere migliaia di libri pensare sviluppare teorie e bla bla bla sono cose che non portano un cuore a credere, non portano a nulla se non alla vanità.


Ragione, intelligenza, studio ("leggere migliaia di libri") non sono inutili, sono armi a doppio taglio; se sei ben guidato da Allah non ti farai male, se non sarai guidato, nella migliiore delle ipotesi, sfoceranno in "discorsi", "pippe mentali", "dubbi", ecc. ecc.


soroboru ha scritto:
Quindi a una che dice che dubbi elucubrazione ecc sono cose inutili,e tu rispondi dicendo di non farsi troppe pippe mentali.
Complimenti ci hai proprio preso. Quindi il tuo consiglio non ha minimamente senso e per favore non dire "secondo me" rispetto a una vita di cui non conosci niente.


Non ho mai detto di non farti "pippe mentali", ti ho solo fornito una possibile e plausibile spiegazione della loro presenza dendro di te.
Consigli concreti non sono in grado di dartene, ma anche se ne fossi capace non penso che riusciresti ad accoglierli per come sei adesso.
Probabilmente non conosco niente della tua vita, ma da quello che scrivi, ripeto, a me sembra che ancora sulla Via gambe non te ne sei rotte, belve feroci non ne hai incontrate, dentro le buche o i pantani non sei caduta.
"E se una ferita v'affligge, una simile ferita ha già afflitto altri; e noi alterniamo fortuna e sfortuna fra gli uomini, perché Dio possa riconoscer coloro che credono e trasceglierne Martiri; ma Dio non ama gli iniqui - e perché Dio possa purificare quelli che credono e annientare chi nega."
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Sab Ago 18, 2012 3:44 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
No, ho parlato di "prove" che arrivano quando la Verità ti è già venuta incontro.

Io parlavo di altro, quindi stiamo parlando in modo completamente auto-referenziale.

Citazione:
Non ho mai detto di non farti "pippe mentali", ti ho solo fornito una possibile e plausibile spiegazione della loro presenza dendro di te.
Consigli concreti non sono in grado di dartene, ma anche se ne fossi capace non penso che riusciresti ad accoglierli per come sei adesso.
Probabilmente non conosco niente della tua vita, ma da quello che scrivi, ripeto, a me sembra che ancora sulla Via gambe non te ne sei rotte, belve feroci non ne hai incontrate, dentro le buche o i pantani non sei caduta.
"E se una ferita v'affligge, una simile ferita ha già afflitto altri; e noi alterniamo fortuna e sfortuna fra gli uomini, perché Dio possa riconoscer coloro che credono e trasceglierne Martiri; ma Dio non ama gli iniqui - e perché Dio possa purificare quelli che credono e annientare chi nega."

Tranquilla non ho mai chiesto consigli, nè mi servono.
Umar aveva scritto:
"Il primo è essenziale, e senza di esso non si può raggiungere alcun risultato, non importa quanti sforzi si facciano.
E' la guida di Allah.
E tale elemento non ha bisogno di altri elementi di supporto, è sufficiente, basta anche solo questo. "
Io riferendomi a ciò ho solo espresso la mia opinione. Ovvero proprio perchè quello è l'elemento essenziale, tutto il resto è inutile nonchè rischioso. Se come dici l'intelligenza (ecc.) è un coltello a doppio taglio, preferisco non tenerlo proprio in mano, anzichè tenerlo e rischiare di tagliarmici.
La mia era solo una posizione un pò alla Tertulliano Islamico: sacrificium Intellecti. Bisogna credere punto. Non capire. Non chiedere. Bloccare ogni domanda prima del suo emergere. Questa condizione di pazzia religiosa è ciò a cui aspiro.
Non ho chiesto consigli nè aiuto ecc. Per questo i tuoi consigli mi sono sembrati fuori luogo.
Ultima cosa: Posso non essere mai entrata nella tana del lupo..
Ma posso anche essere entrata nella tana del lupo ed esserne uscita con una ragione in più per vivere e sorridere e fare la bambina in questa vita.
Ma trovo in ogni caso assurdo nonchè arrogante che tu dica "mi sembra che" "secondo me" "come sono adesso". Mahhhhhh. Io non mi permetterei mai di dire ciò a una persona, perchè magari quell'uomo che sorride ha visto i mostri peggio di me.

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Hind
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 21/10/10 13:38
Messaggi: 311

MessaggioInviato: Sab Ago 18, 2012 6:08 pm    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:

Tranquilla non ho mai chiesto consigli, nè mi servono.


Né mai te ne ho dati.

soroboru ha scritto:

Se come dici l'intelligenza (ecc.) è un coltello a doppio taglio, preferisco non tenerlo proprio in mano, anzichè tenerlo e rischiare di tagliarmici.
La mia era solo una posizione un pò alla Tertulliano Islamico: sacrificium Intellecti. Bisogna credere punto. Non capire. Non chiedere. Bloccare ogni domanda prima del suo emergere. Questa condizione di pazzia religiosa è ciò a cui aspiro.


Aspiri a bloccare ogni domanda prima del suo emergere e fai di continuo domande, ok, va bene :).

soroboru ha scritto:
Non ho chiesto consigli nè aiuto ecc. Per questo i tuoi consigli mi sono sembrati fuori luogo.


Non ti ho mai dato consigli.


soroboru ha scritto:
Ultima cosa: Posso non essere mai entrata nella tana del lupo..
Ma posso anche essere entrata nella tana del lupo ed esserne uscita con una ragione in più per vivere e sorridere e fare la bambina in questa vita.
Ma trovo in ogni caso assurdo nonchè arrogante che tu dica "mi sembra che" "secondo me" "come sono adesso". Mahhhhhh. Io non mi permetterei mai di dire ciò a una persona, perchè magari quell'uomo che sorride ha visto i mostri peggio di me.


Mi dispiace darti l'impressione di essere una persona che non sorride, da cosa lo deduci?
Se non ti piace ricevere osservazioni su come sembri non esporre i tuoi sentimenti e le tue preoccupazioni più intime in un forum con 2778 utenti.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Sab Ago 18, 2012 6:34 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
onsigli concreti non sono in grado di dartene,
Mi riferivo a questa frase.
Come se io te li avessi chiesti.

Citazione:
Aspiri a bloccare ogni domanda prima del suo emergere e fai di continuo domande, ok, va bene :).

Proprio perchè sono riflessiva e mi faccio tante domande, aspiro all'atteggiamento opposto, di ossequiosa fede, che considero più giusto. Allo stesso modo di come un peccatore potrebbe dirti non peccare.

Citazione:

Mi dispiace darti l'impressione di essere una persona che non sorride, da cosa lo deduci?

Non hai capito. Non ho detto questo.
Citazione:
Se non ti piace ricevere osservazioni su come sembri non esporre i tuoi sentimenti e le tue preoccupazioni più intime in un forum con 2778 utenti.


Non ho esposto preoccupazioni intime. Nè sentimenti. E comunque questo forum possono anche leggerlo tutte le persone del mondo. Nessuno saprà mai chi le ha scritte. E poi non ho detto che non mi piace ricevere osservazioni in assoluto. Ho detto che ho trovato il tuo intervento inutile, furoi luogo. Ma soprattutto non hai capito una parola di tutto quello che ho scritto. E per giunta sei stata pure maleducata perchè ti permetti di dire ad una persona che non conosci cosa secondo te ha vissuto o non ha vissuto.

Il mio era un normale commento alla questione dell'intelligenza. Tu ne hai fatto scaturire un discorso personale privo senso.

Guarda lasciamo perdere.
Ho notato che così come nella vita, certe persone hanno un modo di parlare che non riesce proprio ad armonizzarsi con il proprio, certe persone hanno un modo di scrivere che stimola la mia aggressività.

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Hind
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 21/10/10 13:38
Messaggi: 311

MessaggioInviato: Sab Ago 18, 2012 7:11 pm    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:

Guarda lasciamo perdere.


Sono d'accordo.

soroboru ha scritto:

certe persone hanno un modo di scrivere che stimola la mia aggressività.


L'ho notato.
Se basta giusto un po' di maleducazione a farti arrabbiare...
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Dom Ago 19, 2012 1:03 am    Oggetto: Rispondi citando

A proposito di questo argomento, mi sono or ora imbattuta in questa frase del profeta Sallallahu Alahi wa Sallam:
[...]"Per voler approfondire troppo la religione, ne usciranno come una freccia dall'arco".


Citazione:
L'ho notato.
Se basta giusto un po' di maleducazione a farti arrabbiare...


Comunque scusami sorella Hind, mi ero un pò surriscaldata.
=)

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14960
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Dom Ago 19, 2012 1:49 am    Oggetto: Rispondi citando

Sul resto della discussione insha'Allah interverrò in seguito, intanto credo sia "urgente" chiarire questo punto:

soroboru ha scritto:
A proposito di questo argomento, mi sono or ora imbattuta in questa frase del profeta Sallallahu Alahi wa Sallam:
[...]"Per voler approfondire troppo la religione, ne usciranno come una freccia dall'arco".


Una cattiva traduzione può cambiare completamente il senso di un hadith.

Puoi copiarlo per intero assieme alla fonte ed al nome di chi l'ha tradotto?
Ricordo diversi ahadith simili, tutti con un significato molto diverso.

Uno di questi (riportato in Bukhari), ha esattamente il significato opposto di quello che sembra emergere dalla traduzione da te riportata:


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



"I heard the Holy Prophet (Sallal Laahu Alaihi Wasallam) as saying that as the Day of Qiyamah approaches there will appear a group of youths with a low mental capacity and understanding, apparently they will talk of good but their Imaan will not go beyond their throat and they will leave the true Deen like an arrow leaves the prey. Wherever you find them, you should make Jihaad with them. (Bukhari Shareef, pp/1024)

(La traduzione non è letterale e l'ultima frase è tagliata ed espressa "a senso").

Qui c'è una serie di ahadith che riportano espressioni simili, fammi sapere se ne trovi qualcuno che parli di persone che "studiano troppo la religione" (qualcosa che invece è raccomandato in moltissimi ahadith):


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



(Ovvero, cerca l'espressione "يَمْرُقُونَ مِنَ الدِّينِ كَمَا يَمْرُقُ السَّهْمُ مِنَ الرَّمِيَّةِ" (escono dalla religione come la freccia esce dall'arco) dal motore di ricerca interno di questo sito sunnah.com).

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Dom Ago 19, 2012 8:39 pm    Oggetto: Rispondi citando

L'ho preso sempre da quel libro di Delaporte che mi avete sconsigliato. In ogni caso finisco di leggerlo, poi magari inizio a leggere libri più affidabili.
Ma premetto che, a parte le sue considerazioni personali che possono essere completamente errate, "lo scrittore si è limitato a raccogliere i testi dagli storici arabi" e dalle fonti tradizionali, come scrive la curatrice e traduttrice del libro che si chiama Giuditta Sassi.
Quindi le citazioni che fa del profeta penso siano affidabili.
Comunque ecco il testo:
< Avvenne che un Arabo della tribù di Tamim, invidioso dei regali che il Profeta aveva elargito ad Abu Sufyan, Uyaina e agli altri capi, si fermasse di fronte all'Inviato di Allah e gli dicesse temerariamente: "trovo che tu non abbia agito con giustizia". Il Profeta, indignato dallì'impertinenza dell'uomo esclamò: "Maledizione a te! Se in me non c'è giustizia, dove la potrai trovare?"
'Umar, che accompagnava il suo capo, gli chiese il permesso di uccidere l'insolente.
"No" rispose il Profeta "lasciatelo stare. Da quest'uomo deriverà una setta di persone che per voler approfondire troppo la religione, ne usciranno come una freccia dall'arco".
Avvenne come il Profeta aveva predetto, infatti tra i discendenti di quell'ARabo, si conta Harkud, figlio di Zubair, che fece uno scisma e costituì una setta a parte.>

Comunque ho appena trovato nel sito che dici, un hadith simile a quello che ho riportato io: It was narrated that Abu Sa'eed Al-Khudri said: "When 'Ali was in Yemen, he sent some gold that was still enclosed in rock to the Prophet [SAW], who distributed it among Al-Aqra' bin Habis Al-Hanzali, who belonged to Banu Mujashi', 'Uyaynah bin Badr Al-Fazari, 'Alqamah bin 'Ulathah Al-'Amiri, who belonged to Banu Kilab and Zaid Al-Khail At-Ta'I, who belonged to Banu Nabhan. The Quraish and the Ansar became angry and said: 'He gives to the chiefs of Najd and ignores us!' He said: 'I am seeking to win them over (firmly to Islam).' Then a man with sunken eyes, a bulging forehead, a thick beard and a shaven head came and said: 'O Muhammad, fear Allah!' He said: 'Who will obey Allah if I do not? He trusts me with the people of this Earth but you do not trust me.' A man among the people asked for permission to kill him, but he did not let him do that. When (the man) went away, he (the Prophet [SAW]) said: 'Among the offspring of this man there will be people who will recite the Qur'an but it will not go beyond their throats, and they will go out of Islam as an arrow goes through the target. They will kill the Muslims and leave the idol-worshippers alone. If I live to see them, I will kill them as the killing of 'Ad.'" (Sahih)


E in effetti non c'è la questione del voler approfondire troppo la religione.
E non c'è in nessuno degli altri. Questo signore Delporte si inventa le cose. Smetterò di dargli credito =)

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Hind
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 21/10/10 13:38
Messaggi: 311

MessaggioInviato: Lun Ago 20, 2012 4:52 pm    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:

Comunque scusami sorella Hind, mi ero un pò surriscaldata.
=)


Diciamo che entrambe abbiamo fatto fare un po' di risate di soddisfazione a Shaytan con il nostro battibeccare.
Quando ci conosceremo meglio inshallah capiremo fino in fondo le nostre posizioni.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 22:31
Messaggi: 1098

MessaggioInviato: Mar Ago 21, 2012 9:25 am    Oggetto: Rispondi citando

Giuseppe ha scritto:
baia ha scritto:

Gentile Giuseppe, sapresti indicarmi qualche testo che parli del rapporto fede-ragione o semplicemente della ragione nella dottrina cristiana?
ho provato a cercare ma non ho trovato molto.. Grazie :)


La Pace sia con te.
Sono appena partito per una settimana di vacanza nella mia nativa Sicilia, mi riprometto al ritorno di indicarti qualche testo, magari se mi dai qualche indicazione maggiore: magistero della Chiesa, scritti dei Padri, di teologi o che altro?
Pace a tutti!


Va bene non ti preoccupare :)
Qualcosa diciamo di argomentativo va bene qualsiasi cosa purchè sia approfondita; magari di teologi a questo punto inchallah..
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Dom Set 02, 2012 3:29 am    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:
Tanto nulla serve a nulla.
Dio da' la Fede a chi vuole.
E non la da a chi non vuole darla.


è proprio così ma ti è sfuggito una cosa molto importante però, Allah è Il più Giusto dei Giusti e non a caso uno dei suoi nomi è Al Adl, non fa mai nessun torto alle sue creature, e sicuramente le persone che guida non le guida ingiustamente così come quelli che svia non li svia ingiustamente.

Ma noi non siamo così giusti come Lui (perchè il Migliore di tutti e in tutto è solo Lui) da poter comprendere a fondo la sua giustizia, però se abbiamo un forte iman possiamo fidarci della sua giustizia e questo ci può e ci dovrebbe bastare.

Citazione:
Mi chiedo solo a cosa serva la fede se tanto Allah può decidere di non dartela,
Anche il Corano dice "non dite ho fede, dite io voglio credere"(non è una citazione perchè non mi ricordo le esatte parole)
Mi chiedo: cosa può fare un uomo che vuole credere, ma Allah non gli da la fede.

Allah è Al-Adl e infatti ama le persone oneste e giuste, una persona che onestamente con cuore sincero cerca la fede io credo che la trova, così come una persona disonesta che non lo cerca sinceramente ed onestamente non la trova.


Citazione:
Ho paura che sia solo per paura che l'uomo senta il bisogno di credere.

in che senso? per paura di andare all'inferno? per paura di Dio? un miscredente o un ipocrita non ha mai una paura simile, e infatti non si può essere dei veri credenti senza avere paura dell'inferno o senza temere Dio quindi tutto questo fa parte dell'iman.

Citazione:
Io credo ma se Allah non vuole che sia tra i suoi, cosa ci posso fare
Mi ha dato dei doni, ma a volte sembra che questi doni servano solo ad allontarami


per esempio?
non riflettere in questo modo..piuttosto sii grata di questi doni e rifletti in questo modo esprimendo gratitudine e non tristezza.

Citazione:

Ringraziate Allah di avere la fede, perchè è uno dei doni piu' grandi che vi possa dare e non fate diventare questo dono un motivo di arroganza nei confronti di chi purtroppo non l'ha ricevuto e' solo destino
Eravate tra gli eletti prima ancora che il mondo fosse creato

infatti bisogna essere umili e riconoscenti a Dio per questo dono meraviglioso e chiedergli di guidare anche chi ancora non ha ricevuto questo dono.


e per quanto riguarda la riflessione, prima dicevi di avere una natura riflessiva.. cerca di imparare a riflettere in modo corretto e non a riflettere e basta.. bisogna vedere come si riflette.. come sempre!
Anch'io delle volte rifletto malissimo però finalmente ho capito questo e ogni volta che mi rendo conto di andare fuori strada (riflettendo male) mi fermo e mi metto in stand-by e nel frattempo cerco di capire invece come fare a cambiare il modo di riflettere o in che modo dovrei riflettere e poi quando riesco a trovare il modo giusto mi riavvio e mi riprendo, hamdulilah :)

e poi ricordati di essere anche speranziosa, non devi soltanto temere di perdere un giorno la tua fede e basta, quando temi questo recita "Rabbena laa tuzigh qulubena ba'ada idh hadeytena wa hab lanaa min ladunke rahme innake anta-al wahabu" e quidndi spera di essere una di quelle persone che rimarrano fedeli fino alla fine..prega per questo e cerca rifugio in Allah dal Kufr o dal SHirk, dall'inferno dalla sua ira etc.. e non farti influenzare dai wasawis di Shaytan tipo e se non andrò in paradiso bla bla... non possiamo sapere quello che succederà e non dobbiamo ma possiamo sperare e pregare hamdulilah.

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Lun Set 03, 2012 2:38 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Allah è Al-Adl e infatti ama le persone oneste e giuste, una persona che onestamente con cuore sincero cerca la fede io credo che la trova, così come una persona disonesta che non lo cerca sinceramente ed onestamente non la trova.


Si ma magari crede solo perchè vuole credere. Per auto-suggestione. Tanti vanno in India e dicono di sentire la fede che li assale. Altri sono assaliti da altre fedi.
Insomma, a volte sentire la fede non vuol dire granchè.
Altrimenti non si spiega perchè un Buddhista senta il cuore colmo di fede per Buddha.

Citazione:
Citazione:
Ho paura che sia solo per paura che l'uomo senta il bisogno di credere.

in che senso? per paura di andare all'inferno? per paura di Dio? un miscredente o un ipocrita non ha mai una paura simile, e infatti non si può essere dei veri credenti senza avere paura dell'inferno o senza temere Dio quindi tutto questo fa parte dell'iman.


No in realtà intendevo qualcosa di molto più deprimente.
Idee che purtroppo tante discipline "materialiste" come l' antropologia sociologia piscologia ecc.. instillano continuamente nel cervello delle persone:
che l'uomo ha iniziato a credere per paura della morte, per spiegare ciò che non era ancora in grado di spiegarsi e bla bla bla. E purtroppo a volte mi dico: e se fosse effettivamente così?

E comunque se uno fosse privato della sua ragione, semplicemente non si porrebbe questi problemi. Crederebbe e basta.

Io per credere deve sterilizzare tutte queste tentazioni "intellettuali". Per questo dico che l'intelligenza è tendenzialmente negativa.

Citazione:

"Rabbena laa tuzigh qulubena ba'ada idh hadeytena wa hab lanaa min ladunke rahme innake anta-al wahabu" e quidndi spera di essere una di quelle persone che rimarrano fedeli fino alla fine..prega per questo e cerca rifugio in Allah dal Kufr o dal SHirk, dall'inferno dalla sua ira etc.. e non farti influenzare dai wasawis di Shaytan tipo e se non andrò in paradiso bla bla... non possiamo sapere quello che succederà e non dobbiamo ma possiamo sperare e pregare hamdulilah.


Inshaallah Sorella. Grazie

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Lun Set 03, 2012 3:02 pm    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:


Si ma magari crede solo perchè vuole credere. Per auto-suggestione. Tanti vanno in India e dicono di sentire la fede che li assale. Altri sono assaliti da altre fedi.
Insomma, a volte sentire la fede non vuol dire granchè.
Altrimenti non si spiega perchè un Buddhista senta il cuore colmo di fede per Buddha.


è impossibile non credere assolutamente in qualcosa o in qualcuno, la fede fa parte della natura umana.. è proprio impossibile non avere nessun tipo di fede a meno che sei proprio fuori di testa :)

per esempio anche gli atei nonostante si proclamano atei e dicono di non essere credenti, anche loro in qualcosa credono.. loro credono che siamo venuti fuori dal nulla e basta, è questa la loro fede.. il nulla per loro è un Creatore e cioè Dio.. una credenza più assurda di questa non esiste e per fare da apologia a questa loro credenza insana e insensata si inventano che l'uomo crede in Dio solo perchè ha paura della morte ma questo non è vero, la morte è passeggera.. per quanto dolorosa è una cosa passeggera ma l'eternità no, l'inferno e il paradiso no, dunque l'uomo crede non per paura della morte ma semmai ha paura dell'inferno e nel momento in cui teme l'inferno è un credente perchè teme Dio e se ha paura dell'inferno e teme Dio automaticamente crede in un'altra vita, crede nell'akhira.. dunque vedi non c'è nulla di logico nei loro discorsi noiosi sociologici, psicologici, filosofici e antropologici -.- sono tutte idiozie..

un miscredente non potrà mai capire la fede perchè non ce l'ha e per spiegarla si inventa di tutto, teorie che non hanno nulla a che fare con la verità, teorie che hanno lo scopo non di spiegare ma teorie ipotetiche volte a creare confusione, quindi tutti questi studi sono tempo perso purtroppo (quest'anno me la devo vedere con marx e darwin -.- e altri stupidi kuffar, non ne posso più).


Citazione:
No in realtà intendevo qualcosa di molto più deprimente.
Idee che purtroppo tante discipline "materialiste" come l' antropologia sociologia piscologia ecc.. instillano continuamente nel cervello delle persone:
che l'uomo ha iniziato a credere per paura della morte, per spiegare ciò che non era ancora in grado di spiegarsi e bla bla bla. E purtroppo a volte mi dico: e se fosse effettivamente così?

te l'ho spiegato sopra :-)

Rumi diceva più o meno, "What you are seeking is also seeking you", quindi è vero che ogni cosa succede per volontà di Dio ma questo non significa che non abbiamo assolutamente nessuna libertà di scelta, è vero che bisogna credere nel decreto di Allah ma non dobbiamo però credere che siamo solamente dei buratini, la libertà di scelta c'è anche se poca però anche questa libertà di scelta mi sembra di capire che dipenda da Dio ma non bisogna riflettere troppo su queste questioni perchè non le possiamo capire.. tutto quello che dobbiamo sapere è che è per quello che dipende da noi che verremo giudicati e non per quello che non dipende da noi.

bisogna scegliere quello che fa bene, bisogna essere in grado di distinguere il bene dal male e scegliere il bene.. e per questo abbiamo bisogno della guida del nostro Creatore che è l'Unico che meglio di chiunque sa cosa è meglio per noi.


Citazione:
E comunque se uno fosse privato della sua ragione, semplicemente non si porrebbe questi problemi. Crederebbe e basta.

non è la ragione che pone questi problemi ma le ipotesi.. nel momento che fai una domanda incominciando con " e se" renditi conto che è solo un ipotesi che non ti farà arrivare alla verità perchè di per se le ipotesi non hanno nulla di vero .. e se non sbaglio ibn Qayyim diceva che le ipotesi aprono le porte a satana.. e poi c'è una differenza tra ragione/sapienza/intelligenza e saggezza la saggezza nasce quando la ragione/l'intelligenza/ non viene sprecata con tutte quelle ipotesi e teorie che non servono a nulla.

Citazione:
Io per credere deve sterilizzare tutte queste tentazioni "intellettuali". Per questo dico che l'intelligenza è tendenzialmente negativa.


l'intelligenza è negativa se viene usata in modo negativo come ogni altra cosa del resto.. ma se usi la tua intelligenza bene diventi solo una persona saggia e basta e non come Leopardi, Marx, Darwin o altri kuffar che hanno studiato come matti per poi non arrivare a nessuna conclusione giusta. -.-

Pensa ad al-Ghazali, ibn Qayyim e altri studiosi musulmani del passato, non credo proprio che fossero stupidi o privi della ragione, penso che erano molto intelligenti solo che non la sprecavano la loro intelligenza ma sapevano come usarla ed avevano anche un forte iman dunque la ragione non può distrugerti la fede se la sai guidare.. basta che non lasci che ti guidi lei, nel senso basta che non finisci a pensare di tutto e basta.. così diventi matta :-)

bisogna saper usare l'intelligenza per poter fare la differenza tra giusto e sbagliato, tra il bene e il male così come ci insegna il qur'an e a mio avviso ci riescono solo quelli che Allah guida.. ogni cosa ha bisogno di una guida e così anche la nostra mente, anche la nostra ragione.. il problema nasce quando sono i kuffar a guidare la nostra ragione oppure satana..e se siamo disposti ad accettare questa guida offerta da loro e se lo seguiamo.. invece dovremmo seguire solo la guida di Allah, e che Allah ci includa nella sua misericordia tra coloro che seguono sempre solo la sua guida e non quella dei deviati e degli sviati che porta alla rovina. Amin.

e per quanto riguarda la guida, la surah al fatiha è proprio perfetta anche come dua. :)

e poi ricordati anche che non puoi fidarti completamente della ragione, Dio nel Qur'an ci dice che ci ha dato l'intelletto ma in realtà ce ne ha dato poco.. infatti persino i scienziati hanno bisogno di fidarsi nel momento in cui forumalano una teoria, c'era uno in particolare che purtroppo non ricordo come si chiamava che diceva qualcosa del tipo:" nel momento in cui entri nel mondo della scienza sulla porta d'entrata trovi la scritta -ti devi fidare-".. i scienziati quando scoprono qualcosa di nuovo e forumulano una teoria non sono mai al 100% sicuri però devono avere fiducia e devono sperare che quello che hanno scoperto sia corretto finchè non scoprono il contrario.. infatti è solo così che le loro ricerche possono andare avanti perchè altrimenti non andrebbero da nessuna parte.. quindi come vedi la certezza assoluta non puoi averla, un po' di fede serve sempre, è sempre necessario..

quindi rifletti su questo piuttosto, come mai la fede è così importante per tutti?? come mai è impossibile vivere senza credere in qualcosa?.. pensa ad esempio che non possiamo sapre quando moriremo, potremmo morire attraversando la strada perchè un auto ci potrebbe investire ma nel momento in cui tu attraversi la strada non è che sei certo che morirai e nemmeno puoi essere certo che vivrai però puoi avere fiducia e sperare di non morire.. pensa che se uno non avesse nessuna fiducia si dovrebbe porre questi problemi ogni giorno.

dunque chiediti come mai è impossibile andare avanti e vivere senza nessun tipo di fede? secondo me perchè questa è la nostra natura, siamo nati per questo.. nel momento in cui capisci questo allora dovresti cominciare a porti le giuste domande, tipo queli credenze sono giuste e quali sbagliate e poi finalmente è così che di solito si arriva all verità e non con " e se fosse così e se invece non fosse così" in questo modo si perde solo tempo come tanti filosofi kuffar.

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Mar Set 04, 2012 4:30 pm    Oggetto: Rispondi citando

Sorella hai ragione che non si può vivere senza fede. Ma il punto è che provare fede non dimostra la veridicità di ciò in cui si crede.
Qual'è la facoltà su cui un uomo deve fare affidamento per credere completamente in una religione?
La fede non può essere perchè spesso, attraveso la fede, si commettono errori e si prendono abbagli. Il buddhista ha fede in Buddha, ma non per questo buddha è colui che merita la nostra fede.
E chi conosce la verità gli dovrebbe dire "abbandona la tua fede".

E spesso la fede è l'ostacolo più grande alla verità. Perchè chi è vissuto per anni avendo fede ad esempio nella resurrezione di Gesù, non lascia la sua religione proprio perchè ha fede. E nemmeno la ragione riesce a liberarlo dalla sua fede.

Citazione:
un miscredente non potrà mai capire la fede perchè non ce l'ha e per spiegarla si inventa di tutto


Invece è proprio perchè ha fede (una fede sbagliata) nel nulla, (come hai scritto più sopra) che si inventa di tutto per nascondere le falle di ciò in cui crede ciecamente.
Quindi ho appena capito una cosa.
Avete ragioni fratelli e sorelle. L'intelletto non è un limite, ma è l'unica via che abbiamo per distruggere false fedi e raggiungere la verità-
E che l'Islam sia la religione giusta, non lo dimostra il fatto che noi ci crediamo, ma è la sua stessa verità a darne testimonianza.
Quando egli compiva dei miracoli, era "razionale" considerare quei miracoli la testimonianza della sua "profeticità" . Mentre la fede dei Pagani nei loro idoli, era l'unico limite che impediva loro di dar retta a ciò che si mostrava chiaramente come vero.
Nessuno avrebbe detto "abbi fede nei suoi miracoli".. Caso mai " solo se non hai una fede negli idoli così forte da acciecarti, non potrai che prendere atto della veridicità dei suoi miracoli e di quanto egli afferma"-

Quindi secondo me tutto questo smanioso parlare di "fede" fa perdere alla religione il suo carattere di verità razionalmente coglibile come tale.
Non è la fede, ma l'intelletto a mostare all'uomo la verità.
L'islam è superiore al Cristianesimo perchè non ci chiede di credere in qualcosa di assolutamente incomprensibile ed anti-intuitivo.E al contrario del Cristianesimo che ci chiede di sopprimere la ragione, l'Islam ci chiede di fare uso della ragione per giungere alla verità.

E tutti gli abbagli, tutti gli errorri, nascono perchè l'uomo ragiona in maniera ideologizzata. Ama l'ugualgianza sociale e allora usa l'intelletto per dimostrare che essa è la cosa più giusta e razionale. Ama il nulla, e allora dimostra che tutto non può che provenire dal nulla.


La maggior parte del pensiero umano parte già ideologizzato, per questo, non riesce a raggiungere la verità.
L'intelletto può diventare un fedele servo di qualsiasi ideologia, poichè dati due estremi, egli è in grado di creare un nesso assolutamente razionale e coerente tra questi due estremi. Io per questo lo odiavo.

Ma se si sguinzaglia l'intelletto senza dargli nessun assioma da cui partire ,nessuna ideologia da dimostrare( e bisogna essere veramente liberi per riuscire a fare ciò), il suo fiuto ci porta direttamente alla verità.

Se ci si libera da tutte le premesse, da tutte le ideologie, da tutte le fedi ostinate, da tutti gli a-priorismi, esso non può che condurci alla verità-


Quindi si crede nella verità non perchè si abbia fede, ma perchè la verità è vera e non può che essere ritenuta tale da un Intelletto nudo e sgombro di pregiudizi, fedi, preconcetti.

Questa è quindi la mia considerazione finale sull'argomento di questo Thread. =)

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Mar Set 04, 2012 6:23 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Invece è proprio perchè ha fede (una fede sbagliata) nel nulla, (come hai scritto più sopra) che si inventa di tutto per nascondere le falle di ciò in cui crede ciecamente


infatti intendevo che non hanno fede in Dio.

più precisamente io volevo dire che la fede è una cosa innata nell'uomo, e non è una cosa inventata dall'uomo.. non è possibile non credere in qualcosa, infatti ti avevo fatto l'esempio degli atei.. il punto è che se uno non riesce a distinguere il vero dal falso, inevitabilmente crederà nel falso come appunto i pagani che credevano nei loro idoli.. loro non è che credevano nei loro idoli perchè si sono inventati la fede semmai credevano nel falso perchè non capivano la verità.

invece la fede per gli atei è qualcosa di inventato dall'uomo per consolarsi etc etc, quello che loro non riescono a capire è che siamo proprio nati per credere ecco perchè anche se uno si rifiuta di credere in Dio, crederà in qualcos altro.. in qualcosa di falso ma non è che smette di credere.

E poi ricordati che tutti quanti nasciamo con una fitra, vedi che Allah è giusto, solo che poi c'è chi si perde, etc.. ma per il momento questa parte la salto, ne parlerò dopo..

Bisogna sapere come mangiare, come pensare, come usare tutti i doni che Allah ci ha concesso e bisogna quindi sapre anche come usare la nostra fede..bisogna sapere in cosa credere..e bisogna credere nella verità ma per poter capire e riconoscere la verità serva la guida di Dio.

ora hai ragione quando dici che sentire una forte fede non significa conoscere la verità.. ed è vero che l'intelletto ti può aiutare tantissimo ma l'intelletto di per se non ti potrà mai e poi mai portare la fede nel cuore, puoi essere intelligente quanto ti pare e fare i ragionamenti più geniali del mondo e puoi anche avvicinarti tantissimo alla verità ma non significa che sarai capace ad accettarlo nel tuo cuore perchè non è l'intelletto che ti fa entrare la fede nel cuore... ma è Allah invece..
infatti leggi la mia firma sotto :)

io penso che l'intelletto ti può solo aiutare a capire che tutto questo non esiste per caso, penso che la coincidenza non esiste;
e penso anche che ogni singolo uomo prima o poi nella sua vita si porrà o si è posto le domanda che si sono posti tutti: "chi mi ha creato"? "perchè sono stato creato"? "qual'è lo scopo della mia vita"? "che ci faccio in questo mondo"? "perchè esisto"? "cosa c'è dopo la morte?" penso che queste domande prima o poi sono inevitabili in tutti noi, e questo non è un caso, e in questi casi che l'uomo ha la possibilità di cercare la verità..a volte nemmeno scegliamo di farcele queste domande eppure prima o poi tutti quanti ce le chiediamo.. però vedi c'è chi è troppo occupato a pensare ad altro invece e non ha tempo e voglia a trovare le risposte giuste, c'è chi si limita di credere ai propri sentimenti tipo come dicevi tu quelli che credono in budha o in Gesù soltanto perchè lo sentono dentro questa fede senza usare un minimo di intelletto, c'è chi crede nella falsita.. e c'è chi muore dalla cuoriosità di sapere la verità e usa la ragione e finisce per trovarla MA non ad accettarla, secondo me le persone che sono molto curiose e che si servono del proprio intelletto riescono ad avvicinarsi alla verità ma poi riescono ad accettarla soltanto quei cuori che Allah apre e illumina quindi non è nemmeno il caso di esaltare così tanto l'intelletto.

ci sono cose poi che la mente umana non può comprendere ;
viviamo con dei limiti, ogni cosa ha un limite, i pianeti ruotano entro i limiti che Allah ha stabilito, noi siamo confinati nel nostro corpo e questo è un limite, la nostra stessa vita ha un limite, e così anche la nostra mente ha un limite, non è in grado di comprendere tutto, come ti dicevo Allah pure ce lo ha detto che di intelletto ne abbiamo poco.. non possiamo capire tutto, ma possiamo comprendere l'essenziale.

vedi alcune persone sono superbe però sono intelligenti eppure la loro intelligenza non basta per farle arrivare alla verità a causa della superbia che poi se sei superbo inevitabilmente sei arrogante e queste sono le persone che Allah non ama, quindi come vedi come può l'intelligenza di queste persone renderle fedeli e credenti? e poi ricordati anche che Iblis non è per niente stupido, è molto astuto, ma questo non è stato sufficiente per lui.. era orgoglioso ed arrogante.
c'è chi è intelligente e sa pure di esserlo però commette il gravissimo errore di lodare la propria intelligenza..

poi ci sono quelle persone intelligenti ma che sono umili però e capiscono che ogni cosa ha un limite così come il loro intelletto e riconoscono i propri limiti a differenza delle persone arroganti ma anche qui, non basta la loro saggezza a farli accettare la verità nel proprio cuore perchè è Allah che apre i loro cuori.

E infine Allah può cambiare i cuori delle persone. E noi una cosa che ad esempio non possiamo comprendere è "i cuori degli esseri umani" solo Allah conosce i cuori delle persone e solo Lui sa chi si merita la fede e chi no e noi questo non lo possiamo sapere e comprendere e cercare di capirlo secondo me sarebbe tempo perso.
ma se credi in Allah e sai che è Giusto e non fa alcun torto, allora di conseguenza hai fede che sicuramente Lui fa la cosa giusta. Dio non sbaglia mai però gli umani sì perchè Allah ha voluto così.

spero di essere stata un po' più chiara.

_________________

"and this too shall pass.."


L'ultima modifica di Starlight il Mer Set 05, 2012 10:05 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Mer Set 05, 2012 3:30 pm    Oggetto: Rispondi citando

ora mi è venuto in mente anche questo: in realtà quelli che hanno più paura della morte sono proprio i kuffar, gli atei in particolare.. un credente sa che ci sarà un'altra vita e anche se teme l'inferno è speranzioso e spera di poter andare in paradiso un giorno, mentre un ateo non crede e non spera in tutto questo, per lui la morte è la fine di tutto.. e quindi cercano di godersi questa vita più che possono perchè credono che un'altra non ce ne sarà e non vogliono morire, e ogni volta che si parla di religione ti accusano di essere ottuso o ingenuo perchè credi in Dio mentre loro si credono di essere razionali; però se cominci a parlare di morte con loro, cominciano a farsi le corna e a toccare il ferro ma intanto dicono che la religione è solo una superstizione e che l'uomo crede in Dio solo perchè ha paura di morire.. vedi quant'è banale il loro ragionamento? perchè se fosse solo per paura di morire allora loro dovrebbero essere i primi a credere in Dio, eppure nonostante questo non riescono a credere in Dio comunque (forse non tutti gli atei sono così ma la maggior parte sì, evitano sempre di discutere di morte proprio perchè hanno paura)... poi ci sono quelli che invece proprio non ci pensano a tutto questo.. pensano solamente a questo dunya scordandosi che un giorno moriranno..

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Mer Set 05, 2012 9:48 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
ma l'intelletto di per se non ti potrà mai e poi mai portare la fede nel cuore, puoi essere intelligente quanto ti pare e fare i ragionamenti più geniali del mondo e puoi anche avvicinarti tantissimo alla verità ma non significa che sarai capace ad accettarlo nel tuo cuore perchè non è l'intelletto che ti fa entrare la fede nel cuore... ma è Allah invece..
infatti leggi la mia firma sotto :)


Hai ragione sorella! Sono saltata da un estremo all'altro, e a questo non avevo pensato.
Tuttavia un fedele che crede razionalmente merita comunque il paradiso. Anche se il suo cuore non palpita d'amore.
E anzi, il fratello Umar in una discussioni aveva fatto notare che proprio quando sono assenti sensazioni "mistiche" ecc.. colui che compie gli atti di culto è ancora più servile nei confrotni di Allah.
Quindi uno può capire che è giusto credere e abbracciare la religione, poi se Allah non gli illumina il cuore, egli sarà comunque uno suo degno servo, seppur un servo solo razionale.

Citazione:
ora mi è venuto in mente anche questo: in realtà quelli che hanno più paura della morte sono proprio i kuffar, gli atei in particolare.. un credente sa che ci sarà un'altra vita e anche se teme l'inferno è speranzioso e spera di poter andare in paradiso un giorno, mentre un ateo non crede e non spera in tutto questo, per lui la morte è la fine di tutto.. e quindi cercano di godersi questa vita più che possono perchè credono che un'altra non ce ne sarà e non vogliono morire, e ogni volta che si parla di religione ti accusano di essere ottuso o ingenuo perchè credi in Dio mentre loro si credono di essere razionali; però se cominci a parlare di morte con loro, cominciano a farsi le corna e a toccare il ferro ma intanto dicono che la religione è solo una superstizione e che l'uomo crede in Dio solo perchè ha paura di morire.. vedi quant'è banale il loro ragionamento? perchè se fosse solo per paura di morire allora loro dovrebbero essere i primi a credere in Dio, eppure nonostante questo non riescono a credere in Dio comunque (forse non tutti gli atei sono così ma la maggior parte sì, evitano sempre di discutere di morte proprio perchè hanno paura)... poi ci sono quelli che invece proprio non ci pensano a tutto questo.. pensano solamente a questo dunya scordandosi che un giorno moriranno..


Io ho conosciuto molti atei e il loro discorso nasce proprio da questo punto. Tutti abbiamo paura della morte. E secondo loro alcuni uomini, sublimano la loro paura credendo nella vita eterna ovvero negando di fatto la morte. Quindi secondo loro credere è proprio il modo per eliminare questa paura atavica che caratterizza ogni uomo ed ogni vita.
Anche osservando la vita animale si nota che ogni creatura è caratterizzata da questo struggle for life. Gli animali lottano fino alla fine, cercano da mangiare in ogni modo ecc. Ma perchè non accettano semplicemente di morire, dal momento che per loro sicuramente la vita dell'al di là sarà migliore visto che nemmeno devono temere l'inferno?
PErchè le creature vogliono vivere a tutti i costi?

Mi dispiace avvalermi delle loro argomentazioni. Ma a volte le loro argomentazioni tentano anche i credenti.Quindi confutarle potrebbe essere un bene per tutti =).

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Mer Set 05, 2012 9:51 pm    Oggetto: Rispondi citando

e poi aggiungo anche un ultima considerazione:

non basta credere nell'esistenza di Dio, anche Iblis credeva e crede nell'esistenza di Dio ma intanto è un Shaytan..

bisogna sapere anche come credere, ovvero con onestà.. ci sono persone che credono in Dio ma non pregano, non digiunano.. eppure credono in Dio.. soltanto quando si affezionano a Dio o soltanto quando temono Dio cominciano a praticare il din.. e il timore e l'amore per Dio è proprio un dono che Allah ci concede..

secondo me anzichè chiedersi perchè Allah guida chi vuole e svia chi vuole, bisognerebbe chiedersi chi sono le persone che Allah vuole guidare o sviare?

e infatti non bisogna mai prendere un versetto del qur'an furoi dal contesto e interpretarlo secondo quello che in quel momento ci suggerisce la nostra mente o shaytan..

Allah in altri versetti del Qur'an spiega con precisione chi sono le persone che guida e chi sono coloro che non vuole guidare.. e lui meglio di tutti noi conosce i cuori delle persone e sa chi è che si merita la sua guida..

questi ayat dovrebbero rendere la question un po' più chiara:

Those whom Allah guide:

…He guideth to Himself those who turn to Him in penitence," (Quran 13:27)

"And those who strive in Our (cause),- We will certainly guide them to our Paths: For verily Allah is with those who do right." (Quran 29:69)

"Allah chooses to Himself those whom He pleases, and guides to Himself those who turn (to Him)." (Quran 42:13)


Those whom Allah Misguide

"If anyone contends with the Messenger even after guidance has been plainly conveyed to him, and follows a path other than that becoming to men of Faith, We shall leave him in the path he has chosen, and land him in Hell,- what an evil refuge!" (Quran 4:115)


Questo giusto per farti un esempio! avevo trovato proprio un articolo che spiegava per bene queste questioni ma devo assicurarmi prima che sia affidabile poi magari lo pubblico.

la confusione su questo argomento, secondo me, nasce a causa di una sbagliata comprensione del Qadr e del Qada... tanti pensano che non abbiamo alcuna possibilità di scegliere altri credono di sì ma entrambi sbagliano .. la verità, da quello che ho capito io, è una via di mezzo tra queste due e cioè che possiamo scegliere ma contemporaneamente solo per volontà di Dio.. l'esempio che faccio a me stesso (e correggetemi se dico qualcosa di male) è questo: se io mi metto a camminare o a correre è perchè ho deciso di correre di mia spontanea volontà ma nello stesso tempo è anche perchè Allah me lo permette.. infatti ho tutte le possibilità per farlo e non perchè le ho scelto io, .. ad esempio sulla terra abbiamo la forza di gravità e quindi posso camminare e/o correre, cosa che non potrei fare sulla luna ad esempio neanche se lo volessi, quindo non ho scelto tutto io.. da una parte sì ma dall'altra parte non dipende tutto solamente dalla mia decisione, quindi non corro soltanto perchè ho deciso di farlo ma anche perchè ho la possibilità di farlo che altrimenti non potrei prendere una decisione così.. non so se sono riuscita a spiegarmi.. fatemi sapere se per caso sto dicendo un sacco di cavolate :-)

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Mer Set 05, 2012 9:55 pm    Oggetto: Rispondi citando

ah vedo che abbiamo risposto contemporaneamente:
più tardi inshallah cercherò di rispondere anche agli altri punti del tuo post. :-)

_________________

"and this too shall pass.."


L'ultima modifica di Starlight il Mer Set 05, 2012 9:56 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Mer Set 05, 2012 9:55 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
la confusione su questo argomento, secondo me, nasce a causa di una sbagliata comprensione del Qadr e del Qada... tanti pensano che non abbiamo alcuna possibilità di scegliere altri credono di sì ma entrambi sbagliano .. la verità, da quello che ho capito io, è una via di mezzo tra queste due e cioè che possiamo scegliere ma contemporaneamente solo per volontà di Dio.. l'esempio che faccio a me stesso (e correggetemi se dico qualcosa di male) è questo: se io mi metto a camminare o a correre è perchè ho deciso di correre di mia spontanea volontà ma nello stesso tempo è anche perchè Allah me lo permette.. infatti ho tutte le possibilità per farlo e non perchè le ho scelto io, .. ad esempio sulla terra abbiamo la forza di gravità e quindi posso camminare e/o correre, cosa che non potrei fare sulla luna ad esempio neanche se lo volessi, quindo non ho scelto tutto io.. da una parte sì ma dall'altra parte non dipende tutto solamente dalla mia decisione, quindi non corro soltanto perchè ho deciso di farlo ma anche perchè ho la possibilità di farlo che altrimenti non potrei prendere una decisione così.. non so se sono riuscita a spiegarmi.. fatemi sapere se per caso sto dicendo un sacco di cavolate :-)


Lol. Beh è un pò come dire che se io decido di bere, lo posso fare solo perchè esiste l'acqua potabile, e perchè io riesco a digerire i liquidi. Ed è Allah ad aver creato queste condizioni di possibilità.

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Mer Set 05, 2012 9:58 pm    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:
Citazione:
la confusione su questo argomento, secondo me, nasce a causa di una sbagliata comprensione del Qadr e del Qada... tanti pensano che non abbiamo alcuna possibilità di scegliere altri credono di sì ma entrambi sbagliano .. la verità, da quello che ho capito io, è una via di mezzo tra queste due e cioè che possiamo scegliere ma contemporaneamente solo per volontà di Dio.. l'esempio che faccio a me stesso (e correggetemi se dico qualcosa di male) è questo: se io mi metto a camminare o a correre è perchè ho deciso di correre di mia spontanea volontà ma nello stesso tempo è anche perchè Allah me lo permette.. infatti ho tutte le possibilità per farlo e non perchè le ho scelto io, .. ad esempio sulla terra abbiamo la forza di gravità e quindi posso camminare e/o correre, cosa che non potrei fare sulla luna ad esempio neanche se lo volessi, quindo non ho scelto tutto io.. da una parte sì ma dall'altra parte non dipende tutto solamente dalla mia decisione, quindi non corro soltanto perchè ho deciso di farlo ma anche perchè ho la possibilità di farlo che altrimenti non potrei prendere una decisione così.. non so se sono riuscita a spiegarmi.. fatemi sapere se per caso sto dicendo un sacco di cavolate :-)


Lol. Beh è un pò come dire che se io decido di bere, lo posso fare solo perchè esiste l'acqua potabile, e perchè io riesco a digerire i liquidi. Ed è Allah ad aver creato queste condizioni di possibilità.


eh lo so, però io fin'ora è l'unica spiegazione che riesco a darmi.. infatti se bevo è perchè Allah ha creato tutte le condizioni da permettermi di poterlo fare ma nello stesso tempo io bevo perchè ho deciso di farlo e di sicuro Allah non mi chiederà " perchè riesco a digerire i liquidi ?", ma mi giudicherà per il "perchè (per quale motivo) ho deciso di bere".. scusa l'esempio stupido ma è l'unico che mi viene in mente :-)

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Mer Set 05, 2012 10:06 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ok sisiter!
Beh questo mi ricorda un pò i film di fantascienza che vedevo qualche anno fa. Situazione: io vivo illudendomi di essere libero ma in realtà sono manovrato da menti più intelligenti che decidono ogni mio passo.
Io sono arrivata a questa conclusione: che se anche è solo un'illusione, io devo comunque illudermi di esercitare la mia illusoria libertà nel modo migliore possibile, in conformità con ciò che è giusto. Poi se anche è un'illusione io sono comunque a posto con la mia coscienza.
E se quando ho deciso ad esempio di non uccidere ed in realtà era Allah subhana wa taala che lo che lo aveva deciso per me, il mio esercizio della mia illusoria libertà è stato comunque buono. Nel senso che non so se sono stata io a decidere di non uccidere, oppure è stato Allah subhana wa taala a deciderlo per me, ma comunque io posso dire a mia stessa di aver fatto una buona azione. Lol. Non so se si capisce quello che ho scritto.

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Mer Set 05, 2012 10:15 pm    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:
Ok sisiter!
Beh questo mi ricorda un pò i film di fantascienza che vedevo qualche anno fa. Situazione: io vivo illudendomi di essere libero ma in realtà sono manovrato da menti più intelligenti che decidono ogni mio passo.
Io sono arrivata a questa conclusione: che se anche è solo un'illusione, io devo comunque illudermi di esercitare la mia illusoria libertà nel modo migliore possibile, in conformità con ciò che è giusto. Poi se anche è un'illusione io sono comunque a posto con la mia coscienza.
E se quando ho deciso ad esempio di non uccidere ed in realtà era Allah subhana wa taala che lo che lo aveva deciso per me, il mio esercizio della mia illusoria libertà è stato comunque buono. Nel senso che non so se sono stata io a decidere di non uccidere, oppure è stato Allah subhana wa taala a deciderlo per me, ma comunque io posso dire a mia stessa di aver fatto una buona azione. Lol. Non so se si capisce quello che ho scritto.


più o meno sì, ma preferisco di più il mio esempio.. mi è un po' più chiaro..anyway Allahu a3alam.. do your best, let Allah do the rest! :-)

Citazione:
Io ho conosciuto molti atei e il loro discorso nasce proprio da questo punto. Tutti abbiamo paura della morte. E secondo loro alcuni uomini, sublimano la loro paura credendo nella vita eterna ovvero negando di fatto la morte. Quindi secondo loro credere è proprio il modo per eliminare questa paura atavica che caratterizza ogni uomo ed ogni vita.

sì anch'io ne ho conosciuti abbastanza purtroppo.. ma vedi quello che ti volevo dire era che anche se tu credi in Dio non è che ti liberi dalla paura della morte, hai paura della morte ma hai di più paura dell'inferno ecco quindi che la tua paura della morte non è così grande come la loro proprio perchè la paura dell'inferno in genere è più grande della paura della morte, quindi vedi che la fede in Dio non può eliminarti la paura della morte.. anzi noi musulmani dovremmo ricordare spesso la morte.. solo che poi non bisogna disperarsi perchè hamdulilah Allah ce lo proibisce, un vero credente non deve mai perdere la speranza nella misericordia di Allah.. e queste sono tutte le questioni che loro non possono capire e quindi cercano di spiegarsele come meglio possono ma si sbagliano.

Magari per i cristiani la questione è diversa, perchè loro, da quello che ho capito io, pensano che basta che credi in Dio e poi vai in paradiso.. e infatti molti atei conoscono solo la fede cristiana e pensano che tutte le fedi più o meno siano uguali .. ma l'Islam è diverso, e non a caso alcuni atei quando conoscono l'Islam si convertono (poi è ovvio non sto parlando di tutti gli atei.. non sono tutti uguali).

e poi non tutti gli atei hanno paura della morte, così come non tutti i credenti .. non quelli che hanno un iman debole.. c'è chi non ci pensa mai e si dimentica che dovrà morire e di conseguenza pensa solo alle sue passioni e a questo dunya dimenticandosi di se stesso e queste sono le persone che Allah non guida.

Citazione:
Anche osservando la vita animale si nota che ogni creatura è caratterizzata da questo struggle for life. Gli animali lottano fino alla fine, cercano da mangiare in ogni modo ecc. Ma perchè non accettano semplicemente di morire, dal momento che per loro sicuramente la vita dell'al di là sarà migliore visto che nemmeno devono temere l'inferno?
PErchè le creature vogliono vivere a tutti i costi?


perchè Allah ci ha creati così, per lottare.. gli animali lottano per il cibo.. i credenti dovrebbero lottare contro il proprio nafs e Satana e questa è la lotta più dura..JIHAD! :-) Inna Allahe ma3a Sabirine.. Allah è con i pazienti e anche con i timorati.. Allah le persone così non le abbandona mai... e vince questa lotta coloro che sono pazienti, timorati e speranziosi..(sto parlando degli esseri umani credenti :-)

_________________

"and this too shall pass.."


L'ultima modifica di Starlight il Ven Set 07, 2012 1:20 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2769
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Mer Set 05, 2012 10:45 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
perchè Allah ci ha creati così, per lottare..
Queste frasi guerra-fondaie mi esaltano-

Si comunque hai ragione sorella..

Per questo siamo nati. E per qusto odio tutta quelle gente pacificata, soddisfatta di sè, che se ne sta sul divano e come un automa ogni tanto si alza per pregare. E crede che quello sia essere religiosi.
Viva la Jihaaaaad!
E quelli il cui "spirto guerrier" non smette mai di ruggire..! per parafrasare un tale.

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Mer Set 05, 2012 10:56 pm    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:


Queste frasi guerra-fondaie mi esaltano-

si era già capito dal tuo avatar. LOL. :-D

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Abu 'Amamah al-Fatih
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 31/05/10 21:39
Messaggi: 216

MessaggioInviato: Mer Set 05, 2012 11:03 pm    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:
Citazione:
perchè Allah ci ha creati così, per lottare..
Queste frasi guerra-fondaie mi esaltano-

Si comunque hai ragione sorella..

Per questo siamo nati. E per qusto odio tutta quelle gente pacificata, soddisfatta di sè, che se ne sta sul divano e come un automa ogni tanto si alza per pregare. E crede che quello sia essere religiosi.
Viva la Jihaaaaad!
E quelli il cui "spirto guerrier" non smette mai di ruggire..! per parafrasare un tale.
Hahaha! Che Dio ci renda grandi combattenti contro il nostro ego passionale e ci renda vittoriosi Amin! (si richiedono du'a apposta per me per riuscire in questo intento please) ;)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Mer Set 05, 2012 11:08 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Hahaha! Che Dio ci renda grandi combattenti contro il nostro ego passionale e ci renda vittoriosi Amin! (si richiedono du'a apposta per me per riuscire in questo intento please) ;)

Amin.. che ALlah conceda la vittoria in entrambi i mondi a tutti i suoi Mujahid.. e ovviamente si richiedono du'a anche per me please. :)

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Abu 'Amamah al-Fatih
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 31/05/10 21:39
Messaggi: 216

MessaggioInviato: Mer Set 05, 2012 11:38 pm    Oggetto: Rispondi citando

La Lode è d'Iddio e il Saluto e la Benedizione siano sul nostro Amato il Suo ultimo Inviato: Allaahumma rendici Vittoriosi per la Tua Causa sul nostro ego, Allaahumma rendici di te timorati e amanti delle tue parole, Allaahumma rendici utili per la nostra Ummah come strumenti nelle Tue mani, Allaahumma rendici Vittoriosi nella vita terrena e nella Ventura, Allaahumma rendi consuetudine l'Adorazione nei nostri cuori e che si rinnovi ogni giorno, Allaahumma rendi le nostre passioni di poca o nulla importanza per noi, Allaahumma rendi il Modo del Sigillo della Profezia il modo con il quale ci sentiamo in dovere di agire, pensare e conformarci, Allaahumma accettalo da noi, Tu sei invero Colui che accetta le invocazioni dei Suoi servi; Amin !
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2144

MessaggioInviato: Ven Set 07, 2012 8:32 pm    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:
Qual'è la facoltà su cui un uomo deve fare affidamento per credere completamente in una religione?


mi ero scordata di rispondere anche a questo;

secondo me bisogna fare affidamento sia alla ragione o alla mente che al cuore, bisognerebbe utilizzarle entrambe;

i pensieri della mente sono pensieri della mente ovviamente con i quali possiamo ragionare, ma non sempre siamo noi a scegliere di pensare, i psicologi dicono che la mente produce automaticamente un continuo flusso di pensieri e poi siamo noi a scegliere quelli che riteniamo importanti e ad ignorare quelli che per noi non lo sono.

la nostra religione invece ci informa che Shaytan ha il potere di sussurrare nella nostra mente pensieri che sembrano nostri.

per poter ragionare in modo razionale bisogna dunque usare quelli giusti, e qui sono d'accordo sia i psicologi che i shaykh :)

per quanto riguarda i sentimenti (da non confondere con le emozioni che non sono esattamente la stessa cosa), quelli sono pensieri del cuore invece o dell'anima, e anche qui non tutti i sentimenti li scegliamo noi, vale lo stesso discorso di prima (satana può soffiare nel nostro cuore pensieri falsi o sbagliati), dunque bisogna considerare importanti quelli giusti ed ignorare quelli falsi o sbagliati, ecco perchè prima ho enfatizzto tanto l'importanza della distinzione tra il vero e il falso;

dunque bisogna saper usare bene (in modo intelligente) sia i pensieri della mente che quelli del cuore per poter riflettere sui segni di Dio;
a tale proposito ti posso citare alcune ayat del Qur'an che rendono un po' l'idea:

Have they not traveled in the land so that they should have hearts with which to feel and ears with which to hear? For indeed it is not the eyes that grow blind – but it is the hearts, which are within the bosoms, that grow blind. [Sûrah al-Hajj: 46]

“And their hearts are sealed, so that they apprehend not.” [9:87]

And deceive among them those whom you can with your voice. Verily! On my true servants, you would have no authority. Sufficient is your Lord as a guardian [Surat al-'Isra']


dunque per farla breve, si può ragionare sia con il cuore che con la mente, ma per poter riflettere nel modo giusto bisogna saper distinguere il vero dal falso, e quindi quelli che non riescono a fare questa differenza, come dicevo prima, scambiano il vero per falso e viceversa;

e questo spiega come mai tante persone hanno tanta fede negli idoli o in budha o in quello che vuoi, perchè praticamente non riescono a distinguere il vero dal falso.. scambiano i sussurri di satana per verità quando invece sono solo illusioni e falsità.. ma quando invece uno non obbedisce a Satana e riesce a distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato, allora riesce facilmente a capire la verità..

quindi è ovvio che bisogna fare affidamento sia al cuore che alla mente e infatti non è solo la testa ad essere in grado di ragionare in modo intelligente ma anche il cuore (sempre se si è in grado di usare la testa e il cuore in modo intelligente ovviamente)..non bisogna escludere nè l'una nè l'altra;

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Intellettuali, considerazioni e dibattiti sull'Islam Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.314