Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Ho bisogno di alcune spiegazioni

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Orientalisti e loro polemiche
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Mar Lug 07, 2020 12:39 am    Oggetto: Ads

Top
Stefania
Nuovo utente
Nuovo utente


Registrato: 29/05/08 12:12
Messaggi: 3

MessaggioInviato: Gio Lug 22, 2010 2:22 pm    Oggetto: Ho bisogno di alcune spiegazioni Rispondi citando

Salam alikoum.
Buongiorno a tutti, mi presento: mi chiamo Stefania e sono una ragazza italiana che vive in africa da diverso tempo. Da due anni sto vivendo il mio percorso di ritorno all'Islam, costellato da momenti di sconforto, di timore, ma anche di periodi di grande serenità e pienezza. Ho iniziato ad avvicinarmi all'Islam grazie alla conoscenza di diverse amiche musulmane (di nascita) con le quali ho condiviso molto del mio tempo e che mi hanno introdotto a questo universo. Loro mi hanno spiegato le basi dell'Islam, dai 5 pilastri, ai riti della wudu e della preghiera, al perchè esiste una sorta di etichetta sull'abbigliamento femminile (che sinceramente condivido), mi hanno raccontato (se così si può dire) la vita di Mohammed (saas), della nascita dell'Islam e di come si è sviluppato. Mi hanno coinvolto in alcune celebrazioni (come la id al-adha, con una capra comprata per l'occasione). Con loro ho vissuto in parte la quotidianità delle famiglie musulmane. Il mio senso di benessere è sempre stato continuo.
Ho ricevuto in dono da loro una copia del nobile Qur'an proveniente da Mecca, il che credo lo renda più attendibile, o almeno spero (ovviamente è in inglese, non so leggere l'arabo, ma sto imparando la al Fatiha). Ho trovano in esso pagine bellissime, profonde, così come pagine angoscianti, ho trovato frasi che mi hanno fatto innamorare e frasi che mi hanno dato angoscia.

Vi seguo da diverso tempo, anche se non ho mai postato nulla, perchè non mi ritengo sufficientemente preparata e perchè evito di porvi domande alle quali con il tasto cerca posso già trovare le vostre risposte.

La settimana scorsa stavo per pronunciare la mia Sahada tramite computer in una help chat on line veramente utilissima, alla quale mi sono rivolta diverse volte per chiarire alcuni dubbi. Non l'ho fatto per tre motivi: non mi sento ancora istruita a sufficienza, ho ancora molte lacune e punti oscuri da chiarire; quando sarà vorrò avere le mie amiche vicino, per farmi abbracciare e per festeggiare con loro, con umani e non con un pc (può sembrare sciocco, ma per me è importante); ero in pigiama e in disordine, proprio non si addiceva ad un momento così grande.

Ho trovato questo documento che mi ha di nuovo colmato di sconforto. Purtroppo non ho il documento completo, ma solo le prime 10 pagine, e non sono riuscita a reperire in internet il testo per intero.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Mi sono permessa di evidenziare le frasi che mi hanno turbato. Non nego che in un primo momento ho creduto si trattasse dell'ennesimo tentativo di scredito in american style come se ne trovano molti su internet. Ma poi ho controllato quasi tutte le citazioni delle sure e benchè la mia traduzione sia inglese credo che corrisponda al testo originale in arabo. Anzi, se gentilmente chi tra voi di lingua araba potesse essere tanto gentile da controllare, vi sarò debitrice.

Inoltre vorrei avere il parere di qualche ragazza che sia tornata all'Islam, ma di nascita e "cultura" sia italiana. Come vi rapportate con il nobile Qur'an e con queste sure?

Sono circondata da alcune persone che continuano a ripetermi che l'Islam non è come io credo, perchè le mie amiche sono di estrazione alta e quindi hanno avuto una vita diversa, e che comunque vivono al di fuori del loro paese, per cui non posso valutare obiettivamente. Io imperterrita rispondo che l'Islam non è come loro lo vedono, che c'è una bellezza ed una purezza che i media non lasciano trapelare.

Ora però sono un pò incerta, mi pongo tante domande, e so che da qualche parte (non so in che sura, me lo disse una delle mie amiche) il nobile Qur'an dice che Allah (swt) ama coloro che si pongono domande e cercano risposte. Ma perchè Allah (swt) predilige gli uomini alle donne? Perchè se una moglie ritorna all'Islam e il marito no, lei vive nel peccato e potrebbe essere anche picchiata? Non capisco perchè a parti inverse non c'è alcun problema (cioè se il marito torna all'Islam e la moglie no). A volte ho l'impressione che ci siano delle contraddizioni, magari io che non sono molto preparata capisco male, ma in alcune parti il nobile Qur'an dice che Allah (swt) ha un occhio di riguardo per le figlie, le madri, le mogli, e poi altrove dice che se la moglie disubbidisce il marito dopo averle negato di dormire con lei (e ho capito che intende dire fisicamente) la deve picchiare. Questo mi lascia interdetta. In che senso disubbidire? Ma se è il marito a disubbidire, la moglie deve picchiarlo? Ho molti dubbi ancora, e cerco le risposte. Molte cose non le ho comprese bene, come ad esempio la differenza tra sufismo e sunniti. Ma a questo posso rimediare leggendo ancora in siti di fiducia.

Il mio sconforto è accresciuto dal fatto che le mie amiche musulmane sono tutte in vacanza e non ho nessuno a cui chiedere spiegazioni, ed avere un confronto diretto, faccia a faccia, cosa che preferisco di gran lunga.

Ad ogni modo, scusate se mi sono dilungata molto, e ho cercato anche di essere sintetica...
Spero di non avervi annoiato troppo.
Vi saluto con rispetto e vi auguro una buona giornata.
Inch'allah avrò le vostre risposte.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ibrahim al-Youtubi
Rahimahullah


Registrato: 17/01/10 02:15
Messaggi: 2101
Residenza: la genova che conta

MessaggioInviato: Gio Lug 22, 2010 3:16 pm    Oggetto: Rispondi citando

ciao stefi,intanto vorrei chiarire che la sharia punisce il fornicatore e la fornicatrice entrrambi allo stesso modo,e le pene per i peccati sono uguali per entrambi i sessi,tuttavia Allah ha decretato che alcune cose l uomo le può fare e la donna no,proprio come la poligamia,e sposare una persona cristiana o ebrea,anche il fatto di picchiare la moglie,vi è un regolamento e la cosa avviene soltanto dopo diversi avvertimenti,come vedi lo stesso nobile Corano dice di parlargli,separarsi da lei di notte e se persiste,batterla,ovviamente batterla non significa ammazzarla di botte come tantissime persone,musulmane e non,fanno ogni giorno con le loro mogli.ma in modo leggero,diciamo che dev essere un gesto quasi "simbolico",per dare evidenza al grado di esaperazione a cui sei stato portato,a parte questo,ovviamente alcune regole che Allah ci detta possono sembrare alla apparenza,ingiuste illogiche e sbilanciate,specialmente a persone come noi,cosi abituate,ad avere le risposte "logiche" in fretta e senza aspettare.il musulmano ha fede in Allah l unico e nei suoi libri,in special modo nel Corano,l ultima e incorrotta rivelazione proveniente da Allah e nel suo Profeta Muhammad, l ultimo dei profeti e il migliore essere mai creato,siano la pace e la benedizione divine su di lui,perciò il musulmano accetta determinate regole,senza che queste regole possano avere una loro "logica materiale immediata",io ti posso assicurare stefimarsa che da che sono musulmano la mia vita è cambiata,in meglio,il che non significa che ho una vita perfetta e priva di problemi,solamente che ho più tranquillita,più forza e meno paura delle creature.mi dispiace purtroppo non sono una donna,e perciò forse considererai la mia testimonianza abbastanza inutile,che tanto sono un uomo ecc ecc,in ogni caso vorrei dirti non sarà evitando di diventare musulmana che verrai risparmiata da uomini violenti o che vanno con altre donne,pensa io,tante volte qui in italia vedo utilitarie familiari con scritto baby a bordo,abbordare prostitute di colore sui marciapiedi,o uomini urlare ed alzare le mani sulle loro donne anche pubblicamente umiliandole moltissimo,se tu diventerai musulmana,e deciderai un giorno di sposare un Musulmano con la emme maiuscola,sappi che se andrà con altre donne oltre te saranno,sue mogli trattate con equita materiale,controllate,amate e sicure,e se un giorno forse ti darà uno schiaffo su un braccio sarà perche avrai commesso qualcosa che va prima di tutto contro la religone,prima ancora che contro di lui.in ogni caso il corano,o come nel tuo caso della sua traduzione ha bisogno di una lettura guidata,da un commentario classico adeguato,che spieghi anche il contesto in cui è stata rivelata quell ayat,e anche i significati meno immediati della stessa,in quanto al sufismo,il sufismo e islam sunnita sono la stessa cosa,i sufi sono musulmani che imparano i vari aspetti della religone da un maestro che a sua volta aveva un maestro che alla fine della catena arrivava al Profeta muhammad alay salatu wa salam,oggi sono pochi i sufi autentici,molti sono delle specie di clown che fanno e insegnano cose sbagliate,però qualcuno vero e giusto esiste ancora,non credo proprio in africa comunque,diciamo più in pakistan

_________________
"la salafia,assieme alla coca cola e all happy meal è il prodotto della globalizazzione capitalistica statunitense"

"la salafia è una multinazionale capitalistica con sede a ryadh e i maggiori azionisti negli stati uniti e israele"

"mc donald ha ronald mc donald come mascotte,la salafia ha al albani e ibn baz......

salafia im lovin it!!"
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ibrahim al-Albani
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 20/12/09 17:47
Messaggi: 506
Residenza: Casa. Madhhab: Hanafi

MessaggioInviato: Gio Lug 22, 2010 4:28 pm    Oggetto: Rispondi citando

al ghuraba ha scritto:
stefimarsa

E' un altra persona stefimarsa xD



Comunque... quante baggianate ci sono scritte in quell'articolo... ayat tagliate a metà... astagfirullah. Non sono neanche riuscito a leggerlo tutto.

_________________
Ibn al-Mubârak e l’Imâm Ahmad (che Allah abbia misericordia di loro) dissero:
“Quando la gente diverge, restate saldi su ciò su cui si tengono i Mujâhidîn, la verità è con loro, poiché Allah (‘azza waJalla) dice:

وَالَّذِينَ جَاهَدُوا فِينَا لَنَهْدِيَنَّهُمْ سُبُلَنَا

Quanto a coloro che combattono per la Nostra causa, Noi li guideremo certo sulle Nostre Vie (Corano. Al-’Ankabût, 69)

Siate alberi che colpiti dalle pietre, rispondono con i frutti.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ayesha
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 20/08/09 17:36
Messaggi: 296

MessaggioInviato: Gio Lug 22, 2010 4:58 pm    Oggetto: Rispondi citando

nel leggere quel pdf, soprattutto la parte sulle donne giuro mi sono venute le lacrime agli occhi. ma chi mai può pensare di scrivere queste sciocchezze? :(
astagfirullah! Per favore Stefania, lascia stare quel pdf, rispondere a tutto punto per punto mi sa che mi scade il cookie quelle sei o sette volte, in questo forum ci sono tutte le risposte che cerchi, se riesco inchallah ti passo dei link facendo delle ricerche cosi da facilitarti il ritrovare i thread che ti possono essere più utili.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Stefania
Nuovo utente
Nuovo utente


Registrato: 29/05/08 12:12
Messaggi: 3

MessaggioInviato: Gio Lug 22, 2010 6:25 pm    Oggetto: Rispondi citando

grazie infinite ad Ayesha e al ghuraba per le vostre parole, sono di grande conforto e motivo di riflessione. in tutti i contesti della vita, estrapolare da un discorso parte di una frase, potrà dare al senso di quelle parole tutto un altro aspetto, spesso opposto dal loro significato originale. questo sarà ancora più valido nel nobile Qur'an, che necessita di una lettura attenta e ben guidata.

credo che la mia copia sia ben fatta, all'inizio di ogni sura c'è una buona introduzione con il periodo della rivelazione, i maggiori punti di riflessione, leggi divine e guida alla lettura.le mie amiche mi hanno sempre detto di non guardare ciò che fanno molti musulmani, perchè non tutti sono giusti, ma di fare sempre riferimento al nobile Qur'an. Quindi io cerco di fare così. Ho scaricato un copia in italiano, ma credo che la traduzione sia davvero terribile, scarna. Non so, non la sento mia, non come questa copia in inglese. Quando tornerò in italia ne cercherò una ben fatta in italiano, inch'allah.

Ho ordinato anche due libri (Tutto quello che dovresti sapere sull'Islam e che nessuno ti ha mai raccontato di John L. Esposito e Dalia Mogahed; Il Pellegrinaggio a Mecca. Luoghi, simboli e rito di Jolanda Guardi e Renata Bedendo). Li troverò a casa al mio rientro tra una decina di giorni. Ve ne parlerò, se siete interessati, nella sezione apposita.

Citazione:
il musulmano accetta determinate regole,senza che queste regole possano avere una loro "logica materiale immediata"
al ghuraba, grazie per questa frase, la farò mia. e la tua testimonianza è importante.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ibrahim al-Youtubi
Rahimahullah


Registrato: 17/01/10 02:15
Messaggi: 2101
Residenza: la genova che conta

MessaggioInviato: Gio Lug 22, 2010 6:51 pm    Oggetto: Rispondi citando

menderes ha scritto
Citazione:
E' un altra persona stefimarsa xD
ahhahaha,ops,tipico dei miei post fatti di pancia senza fermarsi un attimo a riflettere

_________________
"la salafia,assieme alla coca cola e all happy meal è il prodotto della globalizazzione capitalistica statunitense"

"la salafia è una multinazionale capitalistica con sede a ryadh e i maggiori azionisti negli stati uniti e israele"

"mc donald ha ronald mc donald come mascotte,la salafia ha al albani e ibn baz......

salafia im lovin it!!"
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 15/09/08 07:36
Messaggi: 1091
Residenza: Bologna, Taranto

MessaggioInviato: Gio Lug 22, 2010 7:15 pm    Oggetto: Re: Ho bisogno di alcune spiegazioni Rispondi citando

Wa ’alaykum asSalaam,

non amo dare risposte fredde e nette in questa materia, perché non ritengo di avere le competenze per farlo e temo di sbagliare, commettendo così errori gravissimi e pesanti per me e per gli altri.

In questo caso però le cose di cui ci chiedi sono così evidentemente lontane dalla verità che sarò breve e conciso nel contraddirle.

Stefania ha scritto:

Ma perchè Allah (swt) predilige gli uomini alle donne?


La ’ibadah (adorazione) dell'uomo e della donna hanno pari valore e ricompensa e non c'è alcuna preferenza da parte di Allah in questo senso.

((In verità i musulmani e le musulmane, i credenti e le credenti, i devoti e le devote, i leali e le leali, i perseveranti e le perseveranti, i timorati e le timorate, quelli che fanno l'elemosina e quelle che fanno l'elemosina, i digiunatori e le digiunatrici, i casti e le caste, quelli che spesso ricordano Allah e quelle che spesso ricordano Allah, sono coloro per i quali Allah ha disposto perdono ed enorme ricompensa.)) 33:35

La responsabilità che Allah ha dato all'uomo verso la donna è meramente nell'ambito sociale, terreno, perché all'uomo ha assegnato responsabilità di leader (militare, politico, religioso) e per compensare il suo dovere di mantenimento verso la donna.

((Gli uomini sono preposti alle donne, a causa della preferenza che Allah concede agli uni rispetto alle altre e perché spendono [per esse] i loro beni. Le [donne] virtuose sono le devote, che proteggono nel segreto quello che Allah ha preservato. Ammonite quelle di cui temete l'insubordinazione, lasciatele sole nei loro letti, battetele. Se poi vi obbediscono, non fate più nulla contro di esse. Allah è altissimo, grande.)) 4:34

Dal momento che sai bene l'inglese ti raccomando la lettura di questi tafasir per comprendere meglio la questione:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Da notare che proprio poco prima nella stessa Sura c'è questo versetto che ci invita a trattare le donne onorabilmente e rispettosamente.

((O voi che credete, non vi è lecito ereditare delle mogli contro la loro volontà. Non trattatele con durezza nell'intento di riprendervi parte di quello che avevate donato, a meno che abbiano commesso una palese infamità. Comportatevi verso di loro convenientemente. Se provate avversione nei loro confronti, può darsi che abbiate avversione per qualcosa in cui Allah ha riposto un grande bene.)) 4:19

E ancora nella Sura al-Baqara c'è il noto e bellissimo versetto seguente:

((Nelle notti del digiuno vi è stato permesso di accostarvi alle vostre donne; esse sono una veste per voi e voi siete una veste per loro. Allah sa come ingannavate voi stessi. Ha accettato il vostro pentimento e vi ha perdonati. Frequentatele dunque e cercate quello che Allah vi ha concesso. Mangiate e bevete finché, all'alba, possiate distinguere il filo bianco dal filo nero; quindi digiunate fino a sera. Ma non frequentatele se siete in ritiro nelle moschee. Ecco i limiti di Allah, non li sfiorate! Così Allah spiega agli uomini i Suoi segni, affinché siano timorati.)) 2:187

Così come ce ne sono tantissimi altri nel Corano che ci invitano a trattare le donne amorevolmente ed in modo degno.

[quote"Stefania"]Perchè se una moglie ritorna all'Islam e il marito no, lei vive nel peccato e potrebbe essere anche picchiata?[/quote]

Non è vero. La donna sposata che diventa musulmana vive nel peccato solo e solamente se il marito rimane non musulmano oltre il tempo della iddah (130 giorni) - e dunque il matrimonio è islamicamente nullo - e lei continua ad avere relazioni a quel punto illecite con lui.
Cosa significa che potrebbe anche essere picchiata? Da chi? Dove sta scritto? E' piuttosto molto probabile, e già si è verificato tante volte anche nella (in)civile Italia, che le donne convertite all'Islam siano state picchiate dai loro mariti (o in altri casi da "compagni", o genitori, fratelli, ecc.) e alcune purtroppo hanno finito per abbandonare la fede.
La Shari’a tutela anzitutto la cosa più importante di tutte, cioè la fede e la pratica religiosa. Per non parlare del bene dei figli.

Stefania ha scritto:
Non capisco perchè a parti inverse non c'è alcun problema (cioè se il marito torna all'Islam e la moglie no).


Non è un problema che non lo capisci, perché anche questo non è assolutamente vero. L'uomo che diventa musulmano può mantenere il suo matrimonio solo se la sposa è cristiana ed ebrea, altrimenti il matrimonio diventa ugualmente nullo.
Inoltre se anche la sposa fosse cristiana o ebrea, è chiaro a chiunque che in ogni caso lui ha maggiore autorità e difficilmente la sua sposa può costringerlo a tornare sui suoi passi o può costringere i suoi figli a non seguire il padre.

Stefania ha scritto:
e poi altrove dice che se la moglie disubbidisce il marito dopo averle negato di dormire con lei (e ho capito che intende dire fisicamente) la deve picchiare. Questo mi lascia interdetta. In che senso disubbidire? Ma se è il marito a disubbidire, la moglie deve picchiarlo? Ho molti dubbi ancora, e cerco le risposte.


Altrove dove? Bada che stai parlando della Parola di Allah, il Creatore tuo e di tutti e tutto, che ha in mano la vita di tutti noi. Saresti felice se qualcuno riportasse le tue parole qua e là in modo infedele ed alterato? Penso che nessuno lo sarebbe, e qui parliamo della Parola più nobile esistente, il cui Autore è il più Potente di tutti. Bisogna essere seri e puntuali e non trattare superficialmente il Corano.

Non mi risulta affatto che ci sia nel Corano l'affermazione che riporti. Esiste piuttosto un versetto in cui si parla di punizioni fisiche, ed è quello che ho riportato in precedenza, di cui ti ho anche segnalato il tafsir e si è parlato a lungo altrove nel forum della corretta interpretazione di quel verso. Confido che qualcuno ti fornirà presto il link alle pagine dettagliate insha'Allah.
Comunque, come ha già detto bene il fratello ghuraba, da nessuna parte si parla di "picchiare", ma semplicemente, come ultima ratio dopo tanti passaggi lievi, e come limite massimo invalicabile, e non come obbligo, di
battere lievemente e simbolicamente la sposa. Il Profeta sallaLlahu ’alayhi wa sallam diceva di farlo con il siwak (un rametto leggero) e ci ha proibito di colpire fino a lasciare segni, anche un lieve rossore, o di colpire sul volto o comunque di usare violenza per sfogare la rabbia.

Praticamente Allah nel Corano esplicita questa questione senza peli sulla lingua o buonismi, così come tante altre questioni, e dichiara una regola lievissima per limitare la violenza domestica il più possibile ai casi estremi, ed in forma lievissima; la società occidentale invece urla con foga ipocrita slogan contro la violenza domestica e si scandalizza stizzita davanti alla Parola di Allah, ma poi vive tra violenze ordinarie e quotidiane anche in pubblico per strada. Cose ritenute normali e socialmente accettabili entro certi limiti, al punto tale che la donna che denuncia il marito è considerata una approfittatrice o comunque una disonorata. E parliamo della società post-sessantottina ipocrita di oggi. Immagina prima!

P.S.: La traduzione in italiano che ho usato è quella di H.R. Piccardo.
Come sempre tradurre = tradire, non è dunque detto che ciò che lui traduce sia del tutto chiaro e per questo invito sempre, se non c'è la conoscenza sufficiente della lingua araba, almeno a confrontare più traduzioni e leggere tanti tafasir insha'Allah.
In particolare i termini "preposti" nel versetto 4:34 e "convenientemente" nel versetto 4:19 appaiono un po' ambigui. Nelle traduzioni e commentari in lingua inglese ho trovato nel primo caso termini come "caretakers" o "protectors and maintainers" e nel secondo "honorably" o "in the recognized matter".

_________________
((Poi, quando verrà il grande cataclisma,
il Giorno in cui l'uomo ricorderà in cosa si è impegnato,
e apparirà la Fornace per chi potrà vederla,
colui che si sarà ribellato,
e avrà preferito la vita terrena,
avrà invero la Fornace per rifugio.
E colui che avrà paventato di comparire davanti al suo Signore e avrà preservato l'animo suo dalle passioni,
avrà invero il Giardino per rifugio.))
79:34-41


L'ultima modifica di Anonymous il Gio Lug 22, 2010 7:48 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato AIM Yahoo MSN
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14958
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Gio Lug 22, 2010 7:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

Buongiorno Stefania.

Stefania ha scritto:
Sono circondata da alcune persone che continuano a ripetermi che l'Islam non è come io credo, perchè le mie amiche sono di estrazione alta e quindi hanno avuto una vita diversa, e che comunque vivono al di fuori del loro paese, per cui non posso valutare obiettivamente.


E' incredibile quanto certe persone trovino ogni scusa possibile per parlare male dell'Islam!

-Se a praticarlo sono persone di ceto sociale alto, obiettano appunto che "sono di estrazione alta e quindi hanno avuto una vita diversa" (diversa da che cosa, non si sa bene),
-se sono di un ceto sociale basso obiettano che "i poveri trovano conforto nella religione e sono solitamente i più "conservatori" perchè meno istruiti" e bla bla bla;
-se chi pratica vive in un paese non-musulmano, "vivono al di fuori del loro paese, per cui non posso valutare obiettivamente",
-se chi pratica vive in un paese musulmano, "è influenzato dalla società in cui vive e poverino, non ha mai potuto vedere nulla di diverso"..

Ogni scusa è buona, insomma!

يُرِيدُونَ لِيُطْفِئُوا نُورَ اللَّهِ بِأَفْوَاهِهِمْ وَاللَّهُ مُتِمُّ نُورِه ِِ وَلَوْ كَرِهَ الْكَافِرُونَ

"Vogliono spegnere la luce di Allah con le loro bocche, ma Allah completerà la Sua luce a dispetto dei miscredenti". - Sacro Qur'an, LXI, 8.

Analizziamo punto per punto i tuoi dubbi, gentile Stefania.

Citazione:
Ma perchè Allah (swt) predilige gli uomini alle donne?


Predilige? In che senso?
Uomini e donne hanno pari dignità spirituale e possibilità di salvezza, e sono entrambi trattati come creature responsabili e raziocinanti, con diritti e doveri.

إِنَّ الْمُسْلِمِينَ وَالْمُسْلِمَاتِ وَالْمُؤْمِنِينَ وَالْمُؤْمِنَاتِ وَالْقَانِتِينَ وَالْقَانِتَاتِ وَالصَّادِقِينَ وَالصَّادِقَاتِ وَالصَّابِرِينَ وَالصَّابِرَاتِ وَالْخَاشِعِينَ وَالْخَاشِعَاتِ وَالْمُتَصَدِّقِينَ وَالْمُتَصَدِّقَاتِ وَالصَّائِمِينَ وَالصَّائِمَاتِ وَالْحَافِظِينَ فُرُوجَهُمْ وَالْحَافِظَاتِ وَالذَّاكِرِينَ اللَّهَ كَثِيرا ً وَالذَّاكِرَاتِ أَعَدَّ اللَّهُ لَهُمْ مَغْفِرَة ً وَأَجْراً عَظِيما

"In verità i musulmani e le musulmane, i credenti e le credenti, i devoti e le devote, i leali e le leali, i perseveranti e le perseveranti, i timorati e le timorate, quelli che fanno l'elemosina e quelle che fanno l'elemosina, i digiunatori e le digiunatrici, i casti e le caste, quelli che spesso ricordano Allah e quelle che spesso ricordano Allah, sono coloro per i quali Allah ha disposto perdono ed enorme ricompensa." - Sacro Qur'an - XXXIII, 35.

يَوْمَ تَرَى الْمُؤْمِنِينَ وَالْمُؤْمِنَاتِ يَسْعَى نُورُهُمْ بَيْنَ أَيْدِيهِمْ وَبِأَيْمَانِهِمْ بُشْرَاكُمُ الْيَوْمَ جَنَّات ٌ تَجْرِي مِنْ تَحْتِهَا الأَنْهَارُ خَالِدِينَ فِيهَا ذَلِكَ هُوَ الْفَوْزُ الْعَظِيمُ

"Un Giorno vedrai i credenti e le credenti circondati dalla loro luce: “Oggi vi è data la lieta novella di Giardini nei quali scorrono i ruscelli, dove rimarrete in perpetuo: questo è davvero l'immenso successo”." - Sacro Qur'an - LVII, 12.

Stefania ha scritto:
Perchè se una moglie ritorna all'Islam e il marito no, lei vive nel peccato e potrebbe essere anche picchiata?


Come?! Potrebbe anche essere picchiata?! E da chi? :-$

Stefania ha scritto:
Non capisco perchè a parti inverse non c'è alcun problema (cioè se il marito torna all'Islam e la moglie no).


Qui c'è un completo capovolgimento del discorso.

Il fatto è che la regola generale è quella del divieto per i musulmani di sposare dei non-musulmani.

L'unica eccezione è prevista per le donne cristiane ed ebree, che - a certe condizioni (tanto che in un paese non-musulmano ciò è proibitivamente riprovevole) - un uomo musulmano può sposare.

Ma quella che è una mera eccezione ad una regola generale (ovvero, il divieto di sposare non-musulmani), viene fatta vedere come se fosse una "discriminazione" nei confronti della donna, quando non lo è affatto (anzi, il non prevedere tale eccezione anche per le donne va' ad esclusiva protezione e difesa delle stesse).

Si potrebbe forse dire che anche l'uomo è "discriminato" nel non poter sposare una donna atea o indù? Certamente no!

Su questo argomento, che abbiamo già trattato molte volte, consiglierei la lettura di queste fatawa:

Why a Muslim man is allowed to marry a non-Muslim woman, but a woman is not allowed to marry a non-Muslim man? -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Marrying non-Muslims: the legal ruling -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Marriage Between a Muslim Girl & Devout Christian Man -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Stefania ha scritto:
A volte ho l'impressione che ci siano delle contraddizioni, magari io che non sono molto preparata capisco male, ma in alcune parti il nobile Qur'an dice che Allah (swt) ha un occhio di riguardo per le figlie, le madri, le mogli, e poi altrove dice che se la moglie disubbidisce il marito dopo averle negato di dormire con lei (e ho capito che intende dire fisicamente) la deve picchiare.


Non dice che "la deve picchiare"; semmai, dà questa possibilità come ultima ratio.

Qui c'è da inquadrare correttamente il discorso; come avevo scritto in un altro post:

"l'Islam è una religione pragmatica e realista, che prende in considerazione la vera natura dell'uomo, al di là delle rosee ottimistiche auto-rappresentazioni che ci facciamo, e Dio sa bene che non tutti gli uomini siamo "buoni" come vogliamo credere di essere - tutti i secoli di storia di cui siamo edotti, ce lo dimostrano fin troppo bene.

Perciò, l'Islam considera la presenza dell'ingiustizia e della malvagità tra gli uomini, e considera quindi anche l'utilizzo della forza - quando non vi sono altre possibilità - come ultima strategia per contrastare l'ingiustizia, l'oppressione, la violenza, la malvagità.

Non è certo l'Islam ad introdurre la guerra nella storia; ma siccome c'è, non si fa finta di niente (lasciando un vuoto giuridico), ma la si regola, la si limita ad una sola causa (la difesa della Religione, vietando ogni altro tipo di guerra), e ne stabilisce regole rigide che assicurino che solo i colpevoli vengano colpiti, e che la Giustizia non sia mai separata dalla Misericordia, nemmeno in guerra.
"

Ecco, quanto scritto si riferiva alle regole relative al Jihad, ma credo si possa fare lo stesso discorso anche per quanto riguarda la questione del "battetele".

Ovvero, siccome l'Islam considera tutta la vasta gamma di situazioni in cui l'essere umano può venirsi a trovare, ciò non significa che sia il responsabile della loro esistenza, ma semplicemente che le regolamenta in maniera pragmatica e realista, senza ipocrisia.

Perciò, se non siamo ingenui, è facile rendersi conto che sono purtroppo molte le situazioni in cui all'interno di una famiglia si può venire alle mani, a volte superando ogni umano limite, come numerosi casi di cronaca tristemente ci confermano.

E allora, la Legge Sacra dell'Islam si preoccupa di circoscrivere in maniera esemplare tali comportamenti, sia introducendo tutto una sequenza di "passi" per poter arrivare all'uso della forza, sia stabilendo delle rigidissime regole in tal senso; vediamo entrambe le cose:

La sequenza:
Sappiamo bene che nella stragrande maggioranza dei casi, l'uso della forza avviene in un momento di rabbia, in cui una persona non è in completo possesso delle sue facoltà mentali. Proprio per evitare queste situazioni, l'Islam non permette che il marito, appena si arrabbi, passi subito alle mani e picchi la moglie; al contrario, stabilisce tutta una sequenza che ha -tra le altre cose- anche il risultato di far "scendere la rabbia" e dare la possibilità ad entrambi di ragionare a mente fredda:
-prima l'ammonizione, rimprovero verbale;
-poi, il rifiutarsi di condividere il letto con la moglie;
-e solo in ultimo, se tutto ciò non ha avuto alcun risultato, il permesso (non l'ordine!) ad utilizzare la forza, in maniera leggera e con precise regole e condizioni, chiarendo al tempo stesso che ciò non è la cosa migliore. Ma in certi casi, può essere l'unica soluzione.

Le regole:
Quali sono queste regole e condizioni?
Sentiamo cosa dice Mufti Ismail Moosa:

"There is no doubt that a woman has been given equal rights to that of a man in Islam. A man cannot oppress, tyrannize or manipulate his wife as he wishes. Rather, Islam advocates that a man treats his wife with utmost love, respect and dignity.

Although there are certain times (there are four times in the Hanafi madhab) permission is granted for a husband to hit his wife. However, the books of Hadith are emphatic that he may only hit her slightly, in such a way that he does not bruise her or cause her any injury.

If the husband abuses this ‘responsibly’ and beats a wife without respecting the limits set down by the Qur'an and Hadith, then she can take him to Islamic court and the judge will decide accordingly. She cannot take revenge on her own (this is for her betterment, otherwise, the husband will fight back and before you know it there will be a war in the house). This would however, only apply if here were bruises and injuries.

If he slapped her on the face and it did not cause any injuries, she would not be permitted to take him to court, although he will be sinning for violating the laws of Islam.

The mere cause of injuries and wounds is enough for the wife to take the husband to court, even though these wounds will heal in a short period of time. Of course, the judge would give an adequate ruling.

(...)

And Allāh Ta’ālā knows best
"
[

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

]

In seguito, approfondendo sui quattro casi in cui -soltanto- è permesso il ricorso alla forza fisica:

"Our illustrious Fuqaha permit a husband to hit his wife slightly on the following four occasions (and occasions which are similar to them):

1) If she refuses to beautify herself for her husband,

2) If she refuses to share the bed with him,

3) If she leaves the house with no necessity without his consent,

4) If she omits her compulsory prayers or omits performing ghusl after attaining purity from haidh. (There is difference of opinion on this last point; some jurists permit the husband to slightly hit his wife while others disagree.)

It should be remembered that he can only hit her after first admonishing her, (and if that does not have an effect) then sleeping in a separate bed/room. If still she does not comply, the husband will be permitted to beat his wife slightly without causing any wounds, injury or harm.

Again, this is only what is permissible and not what is commendable. It is preferable that the couple should be broadminded, forbearing and tolerate each other. Hitting should be the last step after exhausting all avenues.

And Allah Ta'ala knows best.
"
[

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

]

Vedi anche:
How to Correct an Uncooperative Wife - Mufti Shafi Usmani (ra) -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Qual'è il risultato di tutto ciò? che il Profeta Muhammad (sallallahu `alayhi wa sallam) non ha mai picchiato nessuna delle sue mogli (radiyallahu `anhunna).
E sono sicuro di poter dire che se la Shari`ah venisse applicata da ogni italiano in questo ambito, non si avrebbe più alcun caso di violenza domestica in questo paese.

Al contrario, qual'è il risultato dell'ipocrisia della società che organizza giornate contro la "violenza sulle donne" e si scandalizza della Shari`ah e dei suoi realistici regolamenti?
Il conglomerato del peggior sfruttamento ed oppressione della donna mai visto sulla faccia di questa terra: prostituzione, pornografia, mercificazione, riduzione ad oggetto sessuale, sfruttamento sul posto di lavoro, violenze di ogni genere, etc.

Credi forse che un non-musulmano si preoccupi di aspettare che le prime due "tappe" (l'ammonizione e l'abbandono del letto) non sortiscano l'effetto desiderato, prima di picchiare la sua ragazza/moglie? Che il motivo per cui lui si è arrabbiato sia considerato valido e legittimo dalla Shari`ah? Che abbia cura di non colpirla in viso, di non ferirla, etc.?

E allora, alla luce di tutto ciò, chi è che promuove la violenza contro le donne?

Stefania ha scritto:
Questo mi lascia interdetta. In che senso disubbidire? Ma se è il marito a disubbidire, la moglie deve picchiarlo?


Vedi ancora:

Il taglione tra la moglie ed il marito -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Stefania ha scritto:
Molte cose non le ho comprese bene, come ad esempio la differenza tra sufismo e sunniti.


Nessuna differenza: Il "sufismo" è un piano dell'Islam, come la giurisprudenza..

Vedi:
Che Cos'è il Tasawwuf? -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Stefania ha scritto:
Ad ogni modo, scusate se mi sono dilungata molto, e ho cercato anche di essere sintetica...
Spero di non avervi annoiato troppo.
Vi saluto con rispetto e vi auguro una buona giornata.
Inch'allah avrò le vostre risposte.


Spero che quelle che hai ricevuto finora siano sufficienti ed esaurienti.
Non avere remore a chiederci qualsiasi altra cosa possa aver creato dubbi nella tua mente, e che Allah ti guidi e faciliti il tuo percorso.

Pace su chi segue la Retta Guida.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



L'ultima modifica di Sufi Aqa il Lun Ago 09, 2010 11:51 pm, modificato 2 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
rana
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 12/01/09 07:36
Messaggi: 140
Residenza: egitto

MessaggioInviato: Ven Lug 23, 2010 10:04 am    Oggetto: assalamu 3alicum Rispondi citando

assalamu 3alicum wa rahmatu Allah

vorrei anche aggiungere una piccola cosa :

anche nella terza fase "" il picchiare ( con le regole e le condizioni della shariah)'' se il marito lo fa con l'intenzione di umiliare sua moglie ,e' un peccato perche' le nostre opere si giudicano secondo le nostre intenzioni

quindi la sua intenzione in tal caso deve essere fare sua moglie smettere di fare l'errore che ha fatto ( cioe' deve guadare prima il suo cuore e la sua intenzione prima di fare; vuole sentirsi superiore e il picchiare per lui e' un modo per sfamare questo suo desiderio e per umiliare sua moglie o e' solo un modo per risolvere il problema????????) ,altrimenti questa sua reazione e' un peccato

salam
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
Stefania
Nuovo utente
Nuovo utente


Registrato: 29/05/08 12:12
Messaggi: 3

MessaggioInviato: Sab Lug 24, 2010 9:47 am    Oggetto: Rispondi citando

Buongiorno a tutti.
Per prima cosa vi chiedo profondamente scusa per la leggerezza con cui ho scritto "altrove dice", non volevo mancare del dovuto rispetto ad Allah (swt) e nemmeno al nobile Qur'an. Ma ero presa dallo sconforto e ho scritto d'impulso, quindi non ho notato la mia indelicatezza. Intendevo dire, cmq, che in alcune parti del nobile Qur'an ho letto del rispetto per le mogli, le madri e le figlie, e in altre parti (ecco quell'indelicato "altrove") ho letto parole più crude riguardo alle mogli. Vi chiedo scusa ancora se non cito, ma mi erano sembrate crude anche le parole di cui mi avete spiegato.

Vi ringrazio profondamente per le vostre spiegazioni, soprattutto riguardo al significato della sequenza e delle regole di comportamento del marito nei confronti della moglie nel caso di litigio tra loro, e al controllo della rabbia. mi ha aperto gli occhi. ora guardo a questo argomento con occhi nuovi e diversi, più sereni e come mi è spesso capitato con il nobile Qur'an, mi sono detta: "ha ragione, è vero".

Vi ringrazio tutti, mai una discussione su un forum mi ha arricchita tanto. per le citazioni puntuali che avete fatto e per i link che mi avete consigliato, impagabili. vero è che tradurre equivale a tradire, le parole hanno molte sfumature, e basta poco per cambiare la luce di una frase.

grazie Yusuf Tarenti, per aver citato "esse sono una veste per voi e voi siete una veste per loro", mi hai ricordato una delle prime frasi che mi ha fatto innamorare dell'Islam.

grazie ad Andrea Aurangzeb per avermi tolto il timore di essere di seconda scelta solo perchè donna al cospetto di Allah (swt), e del rispetto amorevole e protettivo che un marito deve riservare per la propria moglie.

mi hanno commosso (come mi capita spesso nel leggere il nobile Qur'an) le seguenti parole "se provate avversione nei loro confronti, può darsi che abbiate avversione per qualcosa in cui Allah ha riposto un grande bene". Tant'è che già ieri sera le ho pronunciate e mi sono sentita in pace e serena.

Concordo che nell'Italia (in)civile, di cui per questo aspetto non ho per nulla nostalgia, avvengono tanti e tanti episodi di violenza domestica contro mogli, figli, ma anche fidanzate e genitori (per non parlare dei parenti in genere, dei vicini...), violenze scaturite spesso dalla rabbia, o dalla gelosia, o ancora dall'intolleranza.

Nel rileggere il mio post iniziale, mi trovo molto sciocca e infantile, ma purtroppo non sono molto preparata, e ciò mi dimostra che ho ancora da imparare. Ma sento di essere sulla buona strada.

Grazie a tutti, anche ad Ayesha per i tuoi pm. Se avrò altri dubbi, non mancherò di chiedervi consigli e chiarimenti. :)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ibrahim al-Youtubi
Rahimahullah


Registrato: 17/01/10 02:15
Messaggi: 2101
Residenza: la genova che conta

MessaggioInviato: Dom Lug 25, 2010 2:07 am    Oggetto: Rispondi citando

stefania ha scritto
Citazione:
Nel rileggere il mio post iniziale, mi trovo molto sciocca e infantile, ma purtroppo non sono molto preparata, e ciò mi dimostra che ho ancora da imparare. Ma sento di essere sulla buona strada.
ma no,dai non sei stata sciocca e infantile,le domande servono per essere poste,e sappi comunque che a propostito dell "ancora da imparare"nell islam non esiste un tetto di sapienza Allah ci concede quella che lui vuole,ma nessuno può considerarsi arrivato nella conoscenza dell islam,e al hamdulillah questa è una delle cose che rendono ancora più bella questa religione.che Allah azzawajel ci conceda il jenna al firdous

_________________
"la salafia,assieme alla coca cola e all happy meal è il prodotto della globalizazzione capitalistica statunitense"

"la salafia è una multinazionale capitalistica con sede a ryadh e i maggiori azionisti negli stati uniti e israele"

"mc donald ha ronald mc donald come mascotte,la salafia ha al albani e ibn baz......

salafia im lovin it!!"
Top
Profilo Invia messaggio privato
sarettaislam
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 01/08/10 18:09
Messaggi: 391
Residenza: modena Madhhab: Maliki

MessaggioInviato: Dom Ago 01, 2010 10:07 pm    Oggetto: salam Rispondi citando

salam cara stefania credo ke le parole del fratello e della sorella siano state sufficienti ma vorrei dirti anke qll di cui sono a conoscenza io.. l'uomo se pikkia la donna é haramcioé peccato.. xk noi donne siamo xsone e nn oggetti xcio meritiamo rispetto infatti allah swt kiarisce qst diritto..Inoltre x le cs ke l'uomo puo fare e la donna no.. vojo farti qlk esempio:


1. xk l'uomo puo xmettersi la poligamia mentre la donna no?
xk la donna puo rimanere incinta solo una volta x un certo periodo di tempo mentre l'uomo puo mettere incinta 4 donne nella stessa notte.. ovviamente la poligamia é quasi una cosa oltrepassata.



2. xk l'uomo puo sposare una donna nn musulmana mentre la donna no?
xk i figli della coppia tendono piu verso la religione del padre k della madre e ovviamente lo scopo della religione é qll di rendere i nostri figli islamici..la donna é meno propensa a trasmettere la religione.. e in fondo poki uomini decidono di sposare una donna nn islamica xk poi all'interno della coppia verranno sempre a formarsi delle liti del tipo religioso x poi portare la coppia al divorzio..


3. xk l'uomo esce molto di + dll donna?
ogni famiglia ha paura ke la propria figlia esca x paura ke le compia il peccato della perdita della verginita prima del matrimonio.. ora ognuno di noi paghera dei proprio peccati davanti a dio ma il maskio esce di piu xk ovviamente lui nn rimane incinto mentrela donna ha un buon 50%.. qnd si ha paura ke la figlia porti a casa un figlio nn "puro"

spero di esserti stata d'aiuto
w salam alekow w rahtom allahi w baraketu
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14958
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Lun Ago 02, 2010 4:30 am    Oggetto: Re: salam Rispondi citando

sarettaislam ha scritto:
l'uomo se pikkia la donna é haramcioé peccato..


Per favore, rileggi con attenzione il mio

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

.

sarettaislam ha scritto:
ovviamente la poligamia é quasi una cosa oltrepassata.


Questo magari in qualche paese occidentalizzato, ma non ovunque grazie a Dio; la Shari`ah resta valida così com'è fino al giorno del giudizio.

sarettaislam ha scritto:
ogni famiglia ha paura ke la propria figlia esca x paura ke le compia il peccato della perdita della verginita prima del matrimonio.. ora ognuno di noi paghera dei proprio peccati davanti a dio ma il maskio esce di piu xk ovviamente lui nn rimane incinto mentrela donna ha un buon 50%.. qnd si ha paura ke la figlia porti a casa un figlio nn "puro"


Ehm... Scusami, ma questa risposta mi sembra condizionata più da concezioni culturali che dalla visione islamica della questione..
In due brevi punti:
-Nell'Islam, i rapporti sessuali fuori dal matrimonio sono assolutamente proibiti sia per gli uomini che per le donne, e la punizione prevista riguarda entrambi nella stessa modalità e misura: non vi è alcuna differenza. Che in certe culture maschiliste si guardi con "tolleranza" agli adulteri compiuti dai maschi, e con assoluta intolleranza a quelli compiuti dalle femmine, non ha nulla a che vedere con l'Islam.
-Il peccato non riguarda soltanto la "perdita della verginità prima del matrimonio", ma riguarda qualsiasi rapporto sessuale fuori dal matrimonio, anche se compiuto da un maschio, anche se compiuto da una donna non più vergine.

L'uomo esce più della donna perchè l'uomo ha il dovere di sostenere la famiglia e - nella divisione di genere dei ruoli - a lui spettano i ruoli sociali "esterni", mentre alla donna è ordinato di restare in casa (vedi Qur'an, XXXIII, 33).

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
sarettaislam
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 01/08/10 18:09
Messaggi: 391
Residenza: modena Madhhab: Maliki

MessaggioInviato: Lun Ago 02, 2010 2:57 pm    Oggetto: salam Rispondi citando

si infatti le ho risposto secondo un punto di vista culturale dato ke lei ade abita in africa e purtroppo nn si rispetta piu tanto la religione ma si ha una cultura ke esce un po... il ragazzo esce anke nn sposato mentre la ragazza no.. dato ke nn é sposato e nn lavora allora ki deve mantenere? é vero davanti a dio siamo uguali e ognuno paghera dei suoi peccati.. e il rapporto sessuale pre matrimognale é severamente vietato ad entrambi.. una domanda: mio padre mi ha dtt ke qst tipo di peccato qnd uno va al hej nn viene perdonato essendo un peccato mortale... qnd ha ragione lui o meno?
grz mille alekom salam
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14958
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Lun Ago 02, 2010 11:30 pm    Oggetto: Re: salam Rispondi citando

sarettaislam ha scritto:
una domanda: mio padre mi ha dtt ke qst tipo di peccato qnd uno va al hej nn viene perdonato essendo un peccato mortale... qnd ha ragione lui o meno?


Non so in merito ai meriti dell'Hajj, ma in generale Allah perdona qualunque peccato a chi si penta sinceramente e chieda a Lui perdono.

Il Profeta (sallallahu alayhi wa sallam) ha detto:
"Chi si pente del suo peccato, è come se non avesse mai peccato".

(

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

)

Wa Allahu a`lam.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Orientalisti e loro polemiche Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.198