Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 



 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Islamofobia: bufale, repressione, terrorismo anti-islamico e propaganda
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Ven Lug 10, 2020 2:16 am    Oggetto: Ads

Top
Anima
Nuovo utente
Nuovo utente


Registrato: 11/10/09 09:28
Messaggi: 1

MessaggioInviato: Gio Ott 15, 2009 11:11 am    Oggetto: “Diventata atea traducendo il Corano” Rispondi citando

..


L'ultima modifica di Anima il Lun Gen 18, 2010 8:22 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
Uncino
Bannato
Bannato


Registrato: 09/09/09 21:38
Messaggi: 248

MessaggioInviato: Gio Ott 15, 2009 11:33 am    Oggetto: Re: “Diventata atea traducendo il Corano” Rispondi citando

Anima ha scritto:

Sono curiosa di sapere cosa ne pensate anche voi. Io l'ho trovato un gesto sconsiderato e avventato, tradurre un testo sacro di origini antichissime così, come se fosse una cosa che possono fare tutti e naturalmente interpretandolo pure male.


Non sono affatto d'accordo con te riguardo al tradurre, perchè lo studio, compresa la traduzione debbono essere e restare liberi per tutti.
Al solito dissento profondamente da UAAR che esulta ad ogni "conversione all'ateismo", quasi come se noi atei avessimo ricevuto un mandato da parte di qualcuno a spandere l'ateismo nel mondo.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Uncino
Bannato
Bannato


Registrato: 09/09/09 21:38
Messaggi: 248

MessaggioInviato: Gio Ott 15, 2009 11:38 pm    Oggetto: Re: “Diventata atea traducendo il Corano” Rispondi citando

Anima ha scritto:

Certo, però questa "libertà" secondo me è concessa solo a coloro che conoscono a fondo la lingua araba(non smetterò mai di ripetere che questa lingua essendo di origini antichissime non è facile da imparare e capire, ne tanto meno tradurre), la religione musulmana e soprattutto gli insegnamenti di Muhammad, Pace e Benedizione su di lui. E' la mancanza di queste conoscenze basilari, che porta a queste malinterpretazioni.
Io rimango del parere che prima di criticare e mettere in dubbio qualsiasi cosa, e qui stiamo parlando di un Libro sacro, bisogna conoscere. Dalla sua affermazione, "Dopo aver letto la traduzione di quello che ripetevo meccanicamente, sono diventata atea, perché ho realizzato che l'islam non è una religione di pace, e discrimina le donne. Era chiaro, in effetti, che quelle parole erano state scritte da un uomo, o da un gruppo di uomini per i loro interessi sociali e politici", deduco la sua immensa ignoranza.


Anima, ritengo che questo riguardi lei e la sua coscienza.
Comunaue con quanto scrivi ora sono abbastanza d'accordo, specialmente se le critiche vengono poi usate per libri e cicli di conferenze.
Nel tuo primo post, però, tu parlavi specificatamente di un non diritto a tradure, cosa dalla quale non posso che dissentire.
Top
Profilo Invia messaggio privato
IbnAraby74
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 28/07/09 17:13
Messaggi: 224
Residenza: Padova

MessaggioInviato: Mar Nov 17, 2009 12:45 pm    Oggetto: Rispondi citando

as-salamu °alaikum,
quanto al sito lo trovo assolutamente non attendibile riguardo a ciò che pertiene l'Islam, le motivazioni di Taslima denotano una totale incomprensione del testo non per nulla esistono centinaia di tafasir che sono almeno spesso nei Corani del Pakistan, India e Bangla Desh riportati in nota sotto le traduzioni che esistono e sono approvate dai consigli degli °ulema locali.
I suoi discorsi sono identici a quelli dei più noti telepredicatori islamofobici quali Wafa Sultan e Magdi Allam i quali poi sono estremisti in senso assoluto.
Se stai dietro a tutte le storie di cosiddetti nati musulmani che rifiutano l'Islam (affari loro) noti che essi hanno le stesse identiche frasi e lo stesso bagaglio retorico transculturale.

Io invece che sono semiologa sono convinta le motivazioni siano culturali e individuali e necessitino di una motivazione personale.
Inoltre diventano tutti casi mediatici.
Perché noi convertiti all'Islam invece non parliamo mai male o quantomeno non facciamo campagna anti cristiana o anti ebraica o atei divenuti musulmani non faccio crociate anti... anti... anti...?
Sarebbe più onesto dire non mi convince non sentivo l'Islam come mia strada...!

Inoltre per tutti i musulmani posso sinceramente affermare che c'è una infinita saggezza dietro le parole del Profeta (sAws):" Fate attenzione a portare il Corano nelle terre della miscredenza."

Ovviamente senza offesa per chi ha fedi e credi diversi o per chi non ne ha questo hadith mette semplicemente sull'avviso di possibili incomprensioni in buona o in malafede... oggi mi pare che questo si verifica costantemente!

Credo che la parola rispetto abbia un valore assoluto e se uno crede o non crede questo è fatto personale.
Il fatto di fare per forza propaganda contro e di dovere pubblicizzare mi fa ampiamente dubitare della buona fede di queste persone.
Scusate ma la mia esperienza e la mia deformazione professionale mi spingono ad essere eccessivamente minuziosa nell'analisi linguistica ... cosa di cui dovrebbero preoccuparsi i traduttori.

A me hanno condotto alla comprensione del Corano proprio i miei studi di semiotica.
La lettura semiotica del Corano mi ha totalmente conquistata per non parlare della raffinatezza del suo linguaggio e della sottigliezza delle espressioni nonché della perfezione sintattica.
Orientalisti come Laura Veccia Vallieri, Nallino, e il mio prof. di Lingua e letteratura Araba, Giuseppe Serra sostengono che la grammatica araba vada studiata nel Corano proprio per la perfezione.
Il prof. Serra più volte ha dichiarato che si sentirebbe spinto verso l'Islam.
Lui è ordinario di Filologia Greca e Lingua e letteratura araba a Padova e prima ha insegnato Storia delle religioni.
Quindi credo che sappia il fatto suo!
Hasbuna Allahu wa ny°ama al-wakyil!

_________________
A colui che non ha compassione per gli uomini Allah non darà la sua compassione.
(Bukhary & Muslim)
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
Al-amazighi
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 19/05/09 15:18
Messaggi: 178
Residenza: Bergamo

MessaggioInviato: Sab Nov 28, 2009 4:21 pm    Oggetto: Rispondi citando

Assalamo 3alaykum
Mi permetto di intervenire per puntualizzare che non esiste un meccanismo per cui si diventi musulmani o viceversa. Appartiene solo ad ALLAH la "facoltà" di chiamare a se i devoti e di allontanare chi ha un male nel cuore.

slm

_________________
"Allah! Non c'è altro dio che Lui, il Vivente, l'Assoluto. Non Lo prendon mai sopore né sonno. A Lui appartiene tutto quello che è nei cieli e sulla terra. Chi può intercedere presso di Lui senza il Suo permesso? Egli conosce quello che è davanti a loro e quello che è dietro di loro e, della Sua scienza, essi apprendono solo ciò che Egli vuole. Il Suo Trono è più vasto dei cieli e della terra, e custodirli non Gli costa sforzo alcuno. Egli è l'Altissimo, l'Immenso." ( Corano II : 255 )
Top
Profilo Invia messaggio privato
Abd ar-Rashid
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 05/11/09 20:49
Messaggi: 202

MessaggioInviato: Dom Dic 27, 2009 1:03 pm    Oggetto: Rispondi citando

penso che non va presa in considerazione queste persone che vogliono solo provocare e poi se leggete bene lei è anche omosessuale quindi vuol vivere ciò che è haram tutti quellli che si professano atei dicono di esserlo per il semplicie fatto che vogliono vivere la loro vita in depravazioni o simili.
Top
Profilo Invia messaggio privato
ni3mi
Affezionatissimo
Affezionatissimo


Registrato: 03/12/09 14:09
Messaggi: 67

MessaggioInviato: Ven Gen 01, 2010 5:15 pm    Oggetto: Rispondi citando

marcomassimo ha scritto:
tutti quellli che si professano atei dicono di esserlo per il semplicie fatto che vogliono vivere la loro vita in depravazioni o simili.

Non sono d'accordo, tutti quelli che si professano atei non credono nell'esistenza di Dio.
Che poi abbiano una morale o non ce l'abbiano è un altro problema, si può essere atei e avere una morale, si può credere in Dio e non averla, esistono tutte e 4 le possibilità.

_________________
Italiano, agnostico, di background cattolico. Sono qui per capire di più sull'Islam.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Islamofobia: bufale, repressione, terrorismo anti-islamico e propaganda Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.139