Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Sui "Detti e fatti del profeta" saws

 
Nuovo argomento   Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum -> Il Profeta (sallallahu `alayhi wa sallam): Sunnah, Ahadith e Sira
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Dom Lug 05, 2020 9:14 am    Oggetto: Ads

Top
stefra
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/04/09 18:10
Messaggi: 577

MessaggioInviato: Ven Lug 17, 2009 7:27 am    Oggetto: Sui "Detti e fatti del profeta" saws Rispondi citando

Leggo abbastanza frequentemente sul forum "...una volta (e qui c'è un nome) ha detto..., oppure ... ha fatto. Questi detti o queste azioni diventano poi parte integrante della fede islamica?
La mia domanda parte dallo studio del Talmud e della Mishna ebraica. L'ebreo ortodosso in effetti non si ferma all'osservanza del pentateuco e dei vari altri rotoli, ma hanno fatto di regole date dai rabbini appendici alla Legge. Sono note le assurdità per l'osservanza dello Sabbath (sabato), che per eludere il precetto, ad esempio, del non trasportare cibi fuori dalle proprie case ponevano del cibo il giorno prima a distanza tale da far rientrare come "casa" tutto il tragitto che dovevano fare.
I miei studi però mi hanno portato a pensare "alla Parola e non oltre di essa", quindi trovo assurdo una cosa del genere.
Ma poi mi sono "scontrato" in questi detti e fatti che possono venir riportati, strutturalmente parlando, alla Mishna ebraica, e qui ci sono rimasto male. Il Sacro Corano è stato "dettato" da Dio, come può l'uomo (che non sia il Profeta, e penso che neanche lui possa) aggiungere una sola virgola?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Samir al Dhaki
Disattivato
Disattivato


Registrato: 15/07/09 09:28
Messaggi: 158

MessaggioInviato: Ven Lug 17, 2009 8:15 am    Oggetto: Rispondi citando

Oltre al Corano stesso esistono gli atti e i detti del Profeta (saws). Per cui, una vita improntata all'imitazione di Egli costituisce di sicuro una guida al comportamento corretto. Naturalmente, imitare la vita di chi è stato prescelto da Allah come profeta, non può che essere cosa buona e giusta.
La Sunna non è altro che un "costume", e su questo ti invito ad approfondiore l'etimo della parola "norma" da cui deriva "normale"... del resto in ogni giurisprudenza in mancanza di una legge scritta prevale l'abitudine. L'Abitudine per eccellenza non può che essere l'abitudine del Profeta (saws) di cui gli "hadit" raccontano.

Prego i fratelli di correggermi se sbaglio e ugualmente Dio di perdonarmi se ho detto qualcosa di sbagliato.

_________________
"Non c'è costrizione nella religione. La retta via ben si distingue dall'errore." (2,256)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14958
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Ven Lug 17, 2009 5:13 pm    Oggetto: Re: Sui "Detti e fatti del profeta" saws Rispondi citando

stefra ha scritto:
Leggo abbastanza frequentemente sul forum "...una volta (e qui c'è un nome) ha detto..., oppure ... ha fatto. Questi detti o queste azioni diventano poi parte integrante della fede islamica?
La mia domanda parte dallo studio del Talmud e della Mishna ebraica. L'ebreo ortodosso in effetti non si ferma all'osservanza del pentateuco e dei vari altri rotoli, ma hanno fatto di regole date dai rabbini appendici alla Legge. Sono note le assurdità per l'osservanza dello Sabbath (sabato), che per eludere il precetto, ad esempio, del non trasportare cibi fuori dalle proprie case ponevano del cibo il giorno prima a distanza tale da far rientrare come "casa" tutto il tragitto che dovevano fare.
I miei studi però mi hanno portato a pensare "alla Parola e non oltre di essa", quindi trovo assurdo una cosa del genere.
Ma poi mi sono "scontrato" in questi detti e fatti che possono venir riportati, strutturalmente parlando, alla Mishna ebraica, e qui ci sono rimasto male. Il Sacro Corano è stato "dettato" da Dio, come può l'uomo (che non sia il Profeta, e penso che neanche lui possa) aggiungere una sola virgola?


C'è una certa, ovvia differenza tra "mediatore spirituale" ed esegeta o giurista.

Se posso permettermi un'analisi - che probabilmente non condividerai, ma che non di meno dà l'idea della "visione islamica" della faccenda -: nell'ebraismo la Legge si è sclerotizzata fino ad arrivare nel tempo ad un legalismo farisaico da "sepolcri imbiancati", ed i rabbini hanno iniziato ad interporsi come "legislatori" al posto di Dio. Il cristianesimo nel tempo ha "reagito" a questo estremo, arrivando all'altro estremo di un antinomismo di fatto, ad un "tutto è lecito" e ad una completa de-ritualizzazione (paradossalmente più evidente tra i "protestanti" che pure sono teologicamente più vicini all'Antico Testamento).

L'Islam recupera l'equilibrio tra Legge e Spirito, senza dicotomie tra spirito e forma, tra materia e saggezza, tra "dentro" e "fuori", tra azione ed intenzione, e rappresenta una sorta di "via mediana" tra i due "estremi" storicamente realizzatesi dell'Ebraismo e del Cristianesimo.

Quindi, dal tuo punto di vista di Cristiano, l'Islam con la sua Shari`ah ti sembra certamente più "vicino" all'Ebraismo, ma è anche questione di prospettiva, oltre che del "recupero" di una Legge sacra, verso la quale - dopo le "esagerazioni rabbiniche", il fedele cristiano ha una sorta di "rigetto".

stefra ha scritto:
Il punto che volevo sottolineare è questo:
Leggo abbastanza frequentemente sul forum "...una volta (e qui c'è un nome) ha detto..., oppure ... ha fatto. Questi detti o queste azioni diventano poi parte integrante della fede islamica?


Dipende Stefano: possiamo aver citato tizio o caio come autorità in materia (intendendo "autorità" come mera competenza conoscenziale, non come "autorità spirituale dall'alto della quale pontificare"), o come persone pie, o come buoni "sintetizzatori" di un concetto che esprimono; bisognerebbe vedere caso per caso qual'è il significato e la portata della citazione.

Il punto è che le regole, i precetti della Legge Sacra, hanno la sola ed unica autorità nella rivelazione divina, nella forma del Corano, o della missione profetica (la cui natura "legislatrice" è chiaramente stabilita negli stessi testi della rivelazione), ed ai sapienti spetta sia l'interpretazione di ciò che non è a prima vista chiaro, sia l'elaborazione di risposte a problemi nuovi che non sono affrontati direttamente nel Corano e nella Sunnah (ad esempio: è lecita la clonazione?), il tutto a partire dal Corano e dalla Sunnah, dai quali i giuristi devono estrapolare e derivare una regola od un principio, in virtù delle qualificazioni sapienziali in termini di conoscenze e perizia.
Derivare, appunto, non "dare un'opinione di testa propria e farla accettare alla gente in nome di una presunta "autorità spirituale"": questo non esiste nell'Islam.

In sostanza, è nel Corano stesso che è presente l'ordine di seguire ed obbedire al Profeta (Pace e Benedizioni su di lui), ed è nel Corano stesso che è presente l'ordine di chiedere alle persone di conoscenza quando non si sa qualcosa.

Ancora , Dio non ha semplicemente rivelato un Libro e basta, da lasciare all'interpretazione fallace del primo arrivato, ma ha rivelato un Libro E ASSIEME ad esso ha inviato un Messaggero (Pace e Benedizioni su di lui) per insegnarlo, spiegarlo, interpretarlo, e questo stesso Messaggero (Pace e Benedizioni su di lui) durante la sua vita ha insegnato ai suoi Compagni (Iddio sia soddisfatto di tutti loro) il modo in cui ricavare regole giuridiche a partire dal Corano (e dalla sua Sunnah): c'è ad esempio un celebre hadith in cui il Profeta (Pace e Benedizioni su di lui) inviò uno dei suoi Compagni (Iddio sia soddisfatto di tutti loro) ad insegnare l'Islam ad una tribù recentemente islamizzata: gli chiese allora come avrebbe fatto a rispondere alle loro domande su questioni religiose, e questi disse che avrebbe fatto riferimento al Corano, e se non vi avesse trovato la risposta, alla Sunnah, e se non vi avesse trovato la risposta, al suo sforzo interpretativo (egli era evidentemente una persona qualificata ad esercitare lo sforzo interpretativo direttamente dalle fonti: certo il Profeta (Pace e Benedizioni su di lui) non avrebbe inviato un ignorante ad insegnare la religione!).

Ti apparirà allora chiaro che la cornice esegetico-interpretativa non è una maschera "calata a forza" su una "sola scriptura" originaria, ma che piuttosto, essa è la continuazione dello stesso identico metodo stabilito e delineatosi nel tempo in cui la stessa rivelazione è stata fatta scendere, ed al tempo in cui lo stesso Messaggero (Pace e Benedizioni su di lui) ha vissuto; anzi, lui stesso ha segnalato -tra i suoi Compagni (Iddio sia soddisfatto di tutti loro) chi avesse la maggiore autorevolezza nell'intepretare il Corano, chi nel fornire responsi giuridici (fatawa), e così via.

Quindi, è da subito, da sempre, e a partire dagli ordini divini presenti nello stesso Libro, nella stessa Parola, che si è delineato il "metodo interpretativo tradizionale" che conosciamo ancora oggi e che è quello dell'Islam sunnita; il paragone con le aggiunte rabbiniche alla Legge ebraica (aggiunte stigmatizzate e denunciate pure nel Corano!), perciò, non ha modo di esistere.

Sull'autorità della Sunnah, questa è una lettura imprescindibile:

L'Autorità della Sunnah -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



E può anche interessarti:

Quale differenza tra Corano e Ahadith? -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



'umar andrea

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
stefra
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/04/09 18:10
Messaggi: 577

MessaggioInviato: Sab Lug 18, 2009 7:52 am    Oggetto: Rispondi citando

L'Islam è difficile da capire e assimiliare, specialmente per uno come me che è abituato a "tagliare la Scrittura".
Penso che un grande problema risieda proprio nella nostra "convivenza" con lo Spirito Santo.
Il Sacro Corano è una rivelazione progressiva (corregimi se sbaglio) e l'interpretazione l'ha data il Profeta. A me in Signore ha dato la Bibbia e Gesù è il compimento delle Scritture. Poi ha lasciato lo Spirito Santo che mi permette di leggere e "capire" il più possibile ciò che Dio ci ha lasciato.
Da una parte è indubbiamente "limitativa" come visione, ma lascia però all'individuo la ricerca, il percorso personale, della crescita della fede.

Caro 'Umar Andrea. Devo assimilare bene ciò che hai scritto.
Top
Profilo Invia messaggio privato
stefra
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/04/09 18:10
Messaggi: 577

MessaggioInviato: Sab Lug 18, 2009 9:24 am    Oggetto: Rispondi citando

Sono in difficoltà, caro 'Umar Andrea.
E non ho timore a dirti perchè. Trovo nell'Islam la risposta a molte domande. Ma in questo Islam che predicate.

Però non posso pensare a Dio che ha già rivelato tutto. Non posso pensare che, mentre ora posso leggere la Bibbia ogni momento che posso e trarre da essa tantissime risposte alle mie domande, e tante volte Dio mi ha donato un versetto per darmi risposte ad un dubbio, ad una sofferenza. Quante volte, dopo le predicazioni in cui spiego passi del Libro, vengono fratelli e sorelle che lodano Dio per le parole che mi ha messo in cuore di dire.
Non conosco questo lato dell'Islam. Ho paura, caro 'Umar Andrea, di trovare l'Islam "meccanico" (perdonami il termine), "terminato" nel senso che non c'è più nulla da scoprire ma solo da "recitare".
Se ho un dubbio devo chiedere ai sapienti. Per ogni cosa c'è una regola, possibile che attualmente non c'è nessuno che possa dire: fratelli, Allah oggi mi ha fatto capire che...
O forse, caro 'Umar Andrea, non ho capito nulla io?
E' vero, a casa ho i molti commentari diversi per quasi tutti i libri della Bibbia, e forse essi non sono altro che i libri dei "sapienti" cristiani. E' così?
E' vero che a volte dicono cose diverse, ma mai su cose dottrinali, solo su cose marginali. D'altronde anche nell'Islam ci sono i Sunniti, i sciiti, e poi le varie scuole ecc. Dove c'è la mano dell'uomo ci sono sempre queste divisioni.
E tu potresti dirmi: bene Stefano, e adesso?
Adesso non lo so. Un fratello (molto giovane nella fede... ma maturo nella vita) a cui avevo accennato di queste perplessità, mi ha detto: Stefano, penso che tu ti debba "disintossicare" dal Corano.
Chissà se è vero. Per il momento però non ho intenzione a farlo. Anzi.

Penso di aver approcciato la lettura del Corano come tanta gente inizia con la Bibbia, parte da Genesi e quando arriva a Numeri smette perchè è una barba... :-)
Sai consigliarmi un "percorso" di lettura?

Dio ti benedica per la tua opera.
Stefano
Top
Profilo Invia messaggio privato
stefra
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/04/09 18:10
Messaggi: 577

MessaggioInviato: Sab Lug 18, 2009 9:40 am    Oggetto: Rispondi citando

Samir al Dhaki ha scritto:
Oltre al Corano stesso esistono gli atti e i detti del Profeta (saws). Per cui, una vita improntata all'imitazione di Egli costituisce di sicuro una guida al comportamento corretto. Naturalmente, imitare la vita di chi è stato prescelto da Allah come profeta, non può che essere cosa buona e giusta.
La Sunna non è altro che un "costume", e su questo ti invito ad approfondiore l'etimo della parola "norma" da cui deriva "normale"... del resto in ogni giurisprudenza in mancanza di una legge scritta prevale l'abitudine. L'Abitudine per eccellenza non può che essere l'abitudine del Profeta (saws) di cui gli "hadit" raccontano.

Prego i fratelli di correggermi se sbaglio e ugualmente Dio di perdonarmi se ho detto qualcosa di sbagliato.


Grazie Samir per la preziosa risposta.
Non concordo molto solo sull'ultima parte del tuo intervento: "... L'Abitudine per eccellenza non può che essere l'abitudine del Profeta (saws) di cui gli "hadit" raccontano..."
Io per primo dico che la religione va aldilà dell'epoca in cui è scritta, ma non possiamo non ammettere che molte cose sono legate ai tempi e ai modi di allora.
Una per tutte, ma che non vuole essere denigratoria ma solo esempio: ho letto un thread dove si indicava come meritevole lavarsi i denti con un bastoncino di una determinata pianta e di una determinata lunghezza poichè così faceva il Profeta (saws). Bene, quindi il riassunto finale diceva grosso modo: se lo faceva Lui lo dobbiamo fare pure noi. E quindi diventa "legge" (o meritorio o qualsiasi altra cosa). Io a questa cosa che ritengo una forzatura non la condivido, caro Samir. Ritengo fantastico che il Profeta abbia parlato anche di come pulirsi i denti nel deserto, cosa sicuramente difficile, ma se aveva a disposizione uno spazzolino con un dentrifricio alla menta volevo vedere se diceva di usare il bstoncino...
Il punto è questo: Il Corano lo dice? Sì: allora va bene. Il Corano lo dice? No: allora è una interpretazione e pensiero personale, quindi opinabile.
L'apostolo Paolo, parlando del nubilato, disse: "Non il Signore, ma io vi dico che è meglio rimanere nello stato in cui siete , ma è meglio sposarsi che ardere". Facendo questa distinzione lasciava all'individuo la possibilità di scegliere in funzione della propria "forza".
E' proprio questa individualità, scelta del proprio cammino sempre secondo la Linea segnata da Dio, che ancora non riesco a percepire.
Non son uno spirito libero, se così fosse non tenderei ad essere argilla nelle mani di Dio, ma voglio essere libero di pormi domande e trovare, nelle scritture, risposte. Ma io le voglio trovare, magari con l'aiuto di qualcuno, ma deve essere la mia mente ad arrivarci
Top
Profilo Invia messaggio privato
Samir al Dhaki
Disattivato
Disattivato


Registrato: 15/07/09 09:28
Messaggi: 158

MessaggioInviato: Sab Lug 18, 2009 4:05 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Ritengo fantastico che il Profeta abbia parlato anche di come pulirsi i denti nel deserto, cosa sicuramente difficile, ma se aveva a disposizione uno spazzolino con un dentrifricio alla menta volevo vedere se diceva di usare il bstoncino...


Da kafir che sono posso condividere un dubbio con te in merito a quanto imporrebbe la logica razionale. Ma già Agostino d'Ippona (un filosofo algerino "immigrato" a Milano e più noto come Sant'Agostino) si è espresso in lungo e in largo in merito al rapporto fides/ratio... Diciamo che spiegare la fede con la ragione è un po' metodologicamente sbagliato, come operare un'ernia con martello e cacciavite.

_________________
"Non c'è costrizione nella religione. La retta via ben si distingue dall'errore." (2,256)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14958
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Sab Lug 18, 2009 4:06 pm    Oggetto: Rispondi citando

stefra ha scritto:
L'Islam è difficile da capire e assimiliare, specialmente per uno come me che è abituato a "tagliare la Scrittura".
Penso che un grande problema risieda proprio nella nostra "convivenza" con lo Spirito Santo.
Il Sacro Corano è una rivelazione progressiva (corregimi se sbaglio) e l'interpretazione l'ha data il Profeta. A me in Signore ha dato la Bibbia e Gesù è il compimento delle Scritture. Poi ha lasciato lo Spirito Santo che mi permette di leggere e "capire" il più possibile ciò che Dio ci ha lasciato.
Da una parte è indubbiamente "limitativa" come visione, ma lascia però all'individuo la ricerca, il percorso personale, della crescita della fede.


Ma ricerca, percorso spirituale e crescita delle fede sono elementi fondamentali dell'Islam!

Solo, non sono legati ad una interpretazione "individuale", autonoma e personale del Testo sacro, che può portare a seguire le proprie passioni ed i propri desideri, ed a creare un numero infinito di sette e gruppuscoli ognuno con la "sua" interpretazione (il panorama religioso degli Stati Uniti è un "buon" esempio di ciò che intendo), ed ognuno destinato ad ulteriori divisioni ed "adattamenti" allo "zeitgeist" e alle idiosincrasie del "leader" di turno.


stefra ha scritto:
Sono in difficoltà, caro 'Umar Andrea.
E non ho timore a dirti perchè. Trovo nell'Islam la risposta a molte domande. Ma in questo Islam che predicate.


Cosa intendi? Ve ne sono altri?

stefra ha scritto:
Però non posso pensare a Dio che ha già rivelato tutto. Non posso pensare che, mentre ora posso leggere la Bibbia ogni momento che posso e trarre da essa tantissime risposte alle mie domande, e tante volte Dio mi ha donato un versetto per darmi risposte ad un dubbio, ad una sofferenza. Quante volte, dopo le predicazioni in cui spiego passi del Libro, vengono fratelli e sorelle che lodano Dio per le parole che mi ha messo in cuore di dire.


Un detto del Profeta (Pace e Benedizioni su di lui) afferma qualcosa come: se volete parlare con Dio, eseguite la preghiera; se volete che Dio parli a voi, leggete il Corano.
Il Corano non è un Libro da tenere sullo scaffale, ma è da recitare quotidianamente, ponderare, riflettere, vivere e "fare proprio".

stefra ha scritto:
Non conosco questo lato dell'Islam. Ho paura, caro 'Umar Andrea, di trovare l'Islam "meccanico" (perdonami il termine), "terminato" nel senso che non c'è più nulla da scoprire ma solo da "recitare".
Se ho un dubbio devo chiedere ai sapienti. Per ogni cosa c'è una regola, possibile che attualmente non c'è nessuno che possa dire: fratelli, Allah oggi mi ha fatto capire che...


Credo che tu stia confondendo il piano dell'esegesi, con quello dell'attualità e della vitalità del Messaggio: l'una ha dei canoni ermeneutici da rispettare; la seconda è innegabile, viva e vivente, come continua, viva e vivente è la tradizione spirituale.
Come dicevo prima, siccome vieni da un retroterra di libera interpretazione, ricolleghi automaticamente il discorso dell'esegesi tradizionale all'altro estremo opposto ("diktat rabbinici", etc), esagerandone la portata, ed estendendolo ad un altro piano, che è quello del messaggio vivente.
Dio non ha rivelato il Corano per i sapienti; l'ha rivelato per tutti, e tutti sono invitati a leggerlo e recitarlo; il campo dei sapienti concerne l'interpretazione degli aspetti più sottili per i quali non si ha la competenza, non riguarda una presunta "intermediazione".

stefra ha scritto:
E' vero, a casa ho i molti commentari diversi per quasi tutti i libri della Bibbia, e forse essi non sono altro che i libri dei "sapienti" cristiani. E' così?
E' vero che a volte dicono cose diverse, ma mai su cose dottrinali, solo su cose marginali. D'altronde anche nell'Islam ci sono i Sunniti, i sciiti, e poi le varie scuole ecc. Dove c'è la mano dell'uomo ci sono sempre queste divisioni.


E' abbastanza diverso, perchè l'Islam sunnita ortodosso non è semplicemente una corrente tra le altre, ma è quella cui appartengono le stesse persone che hanno tramandato a noi il Corano, gli ahadith e le loro scienze, quelle delle persone i cui nomi compaiono nelle interrotte catene di trasmissione che garantiscono l'autenticità in ogni scienza islamica (dalla recitazione del Corano, alla trasmissione degli ahadith, alle scienze spirituali); è, quella che mantiene le credenze degli stessi Compagni del Profeta (Pace e Benedizioni su di lui); è infine, quella della stragrande maggioranza dei musulmani, e il Profeta (Pace e Benedizioni su di lui) ha detto che "la mia Comunità non si accorderà mai su un errore".
In Ahl as-Sunnah wa al-Jama`ah (l'Islam sunnita tradizionale ortodosso), vi è la guida divina e la divina protezione nelle scienze tradizionali, nella dottrina, nell'ispirazione sapienziale e spirituale.

stefra ha scritto:
Sai consigliarmi un "percorso" di lettura?


No, decisamente non saprei; ma sicuramente posso consigliarti di approfondire (di pari passo alla lettura del testo), la vita del Messaggero di Allah (Pace e Benedizioni su di lui) e dei suoi Compagni (Iddio sia soddisfatto di tutti loro), il contesto della rivelazione coranica, etc. - rifuggendo quindi dalla "sindrome" della "sola scriptura".

stefra ha scritto:
Grazie Samir per la preziosa risposta.
Non concordo molto solo sull'ultima parte del tuo intervento: "... L'Abitudine per eccellenza non può che essere l'abitudine del Profeta (saws) di cui gli "hadit" raccontano..."
Io per primo dico che la religione va aldilà dell'epoca in cui è scritta, ma non possiamo non ammettere che molte cose sono legate ai tempi e ai modi di allora.


Questo è un discorso complesso, perchè sì che vi è una distinzione tra ciò che è universale e ciò che è "legato ai tempi ed ai modi", ma il compito di fare questa distinzione è molto complesso; ti invito a leggere:

Contestualizzazione storica? -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



stefra ha scritto:
Una per tutte, ma che non vuole essere denigratoria ma solo esempio: ho letto un thread dove si indicava come meritevole lavarsi i denti con un bastoncino di una determinata pianta e di una determinata lunghezza poichè così faceva il Profeta (saws). Bene, quindi il riassunto finale diceva grosso modo: se lo faceva Lui lo dobbiamo fare pure noi. E quindi diventa "legge" (o meritorio o qualsiasi altra cosa). Io a questa cosa che ritengo una forzatura non la condivido, caro Samir. Ritengo fantastico che il Profeta abbia parlato anche di come pulirsi i denti nel deserto, cosa sicuramente difficile, ma se aveva a disposizione uno spazzolino con un dentrifricio alla menta volevo vedere se diceva di usare il bstoncino...


C'è una incomprensione sbagliata di fondo, ed è la confusione tra Legge e Amore.

Come ho detto prima, siccome cristiani ed ebrei hanno in un certo senso polarizzato questi due elementi, quando un cristiano vede la Legge nell'Islam, pensa al legalismo farisaico, e quando un ebreo vede l'Amore nell'Islam, pensa all'antinomismo cristiano.
Nell'Islam c'è invece equilibrio tra questi due elementi.

Nel caso specifico, la Legge raccomanda di pulire i denti, in qualunque modo - anche con spazzolino e dentifricio. L'amore raccomanda di seguire in ogni più piccolo dettaglio la tradizione dell'Amato di Allah, il Migliore della Creazione, il Profeta Muhammad (Pace e Benedizioni su di lui).

Non è la Legge ad indagare su dimensioni e materiale del siwak, è l'Amore di chi ama il Messaggero di Allah (Pace e Benedizioni su di lui) più di quanto ami sé stesso, e fa di tutto per conformarsi all'esempio profetico, consapevole delle benedizioni e dei meriti che Dio ha messo sulla strada dall'imitazione profetica.

Anche il seguire la Sunnah profetica ha questi due elementi: seguire la Sunnah negli atti di adorazione (Legge), e seguire la Sunnah in ogni ambito possibile (Amore), al punto che si tramanda da Compagni (Iddio sia soddisfatto di tutti loro) che anche dopo la morte del Profeta (Pace e Benedizioni su di lui), uno di loro ad esempio si rannicchiò passando a cavallo da un punto in cui anni prima il Profeta (Pace e Benedizioni su di lui) si era abbassato per evitare il ramo basso di un albero, albero che nel frattempo non c'era più, ma che quel Compagno (Iddio sia soddisfatto di lui) non di meno ricordava bene.

Un altro "inciampò" appositamente su una masso in cui ricordava che il Profeta (Pace e Benedizioni su di lui) si era scontrato.

E molti altri..

Questi sono esempi di azioni che per la Legge non sono né obbligatorie, né necessarie, e nemmeno legalmente raccomandate; ma che sono necessarie agli amanti dell'amato di Allah (Pace e Benedizioni su di lui), in virtù del loro amore e del loro essere "avidi" delle benedizioni divine insite nel seguire a Sunnah del Profeta (Pace e Benedizioni su di lui).

Aggiunta: qui sto parlando della Sunnah `adiyyah, come di generi di Sunnah che non sono obbligatorie né specificatamente raccomandate; mentre il termine Sunnah può racchiudere pure atti che sono anche giuridicamente obbligatori, necessari, o fortemente raccomandati.

Si veda sui "due tipi di Sunnah":

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Pace su chi segue la Retta Guida, e che Dio faccia di te (e di me) uno di coloro che la seguono, e Pace e Benedizioni sul Migliore della Creazione, la Misericordia per il Creato, l'Inviato di Dio, Sayyidina Muhammad e sulla sua Famiglia.

'umar andrea

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



L'ultima modifica di Sufi Aqa il Mer Ago 05, 2009 9:40 am, modificato 2 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
stefra
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/04/09 18:10
Messaggi: 577

MessaggioInviato: Lun Lug 20, 2009 8:46 am    Oggetto: Rispondi citando

@ 'Umar Andrea
Grazie per la risposta, che è aldilà da commenti personali. Chiara ed esaustiva. E' bellissima e giusta la distinzione tra "Legge" ed "Amore"! Basta non confondere "Amore" con "Imitazione".

Quando parlo di "questo Islam", tu stesso mi hai dato la giusta "identificazione", ovvero

Citazione:

l'Islam sunnita ortodosso non è semplicemente una corrente tra le altre, ma è quella cui appartengono le stesse persone che hanno tramandato a noi il Corano, gli ahadith e le loro scienze, quelle delle persone i cui nomi compaiono nelle interrotte catene di trasmissione che garantiscono l'autenticità in ogni scienza islamica (dalla recitazione del Corano, alla trasmissione degli ahadith, alle scienze spirituali); è, quella che mantiene le credenze degli stessi Compagni del Profeta (Pace e Benedizioni su di lui); è infine, quella della stragrande maggioranza dei musulmani, e il Profeta (Pace e Benedizioni su di lui) ha detto che "la mia Comunità non si accorderà mai su un errore".
Top
Profilo Invia messaggio privato
stefra
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/04/09 18:10
Messaggi: 577

MessaggioInviato: Lun Lug 20, 2009 8:53 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
....
Caro Stefra, prova semplicemente a chidere a Dio di fartelo conoscere :).
A volte cerchiamo di conoscere Dio basandoci soltanto sulle letture e sui ragionamenti, e ci dimentichiamo di renderci conto che, considerato l'oggetto del nostro cercare, a volte è necessario solo pregare. Chiedete e vi sarà dato, diceva qualcuno...

Personalmente, non stento affatto a riconoscere la stessa esperienza da te descritta semplicemente sostituendo (o meglio, affiancando) la parola "Corano" alla parola "Bibbia". Le Sacre Scritture, caro Stefra, sono come le donne, e il Corano non fa certo eccezione. Se vuoi che ti svelino la loro bellezza e ti si concedano, devi approcciarle con amore e devozione. Altrimenti, i loro tesori resteranno celati dietro il niqab.
E posso assicurarti che i tesori del Corano sono talmente vasti che per metterli per iscritto non è sufficiente un oceano d'inchiostro.

Salam,
Talib.

PS: possa il Signore tenermi perennemente intossicato dal dolce vino del Corano :)


Caro Talib. Grazie per le dolci parole. Ho fatto già mio questo "approccio" alla Sacra Scrittura. Quando mi accosto alla Parola di Dio entro veramente in sintonia con il Creato e la mia anima si dissea "di acqua viva" quotidianamente.
Che velo che si sta rompendo davanti ai miei occhi. E' molto bello vedere altre persone di altre culture che amano Dio e "lo sentono" allo stesso modo.
Top
Profilo Invia messaggio privato
stefra
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/04/09 18:10
Messaggi: 577

MessaggioInviato: Lun Lug 20, 2009 5:05 pm    Oggetto: Rispondi citando

Talib ha scritto:
Dalle tue parole, gentile Stefra, ho anche intuito che sei evangelico, cosa che ignoravo. Ora, una cosa che mi ha sempre stupito degli evangelici è proprio questa idea della "sola scriptura" (e, a tal proposito, prima ancora che a dei musulmani, ti rimanderei a quanto giustamente dicono i cattolici e gli ortodossi su un simile argomento). Io mi domando: ma se le Scritture sono la "medicina" dello spirito - ed è così - com'è possibile, per il paziente, pretendere di guarire prendendo da solo la medicina senza la scienza del medico che gliela prescrive?
La Scrittura è, certamente, la Parola di Dio. Ma la lingua che la legge è quella degli uomini, e questi traggono da essa conoscenza solo quando lo specchio della loro mente è lucido e limpido, e tale da non far cadere nelle interpretazioni distorte date dalle passioni umane
Per questo ringrazio Allah di avermi dato il Libro e la Tradizione, i cui anelli sono Il Profeta, i sahaba e gli awliyà.

Salam,
Talib.

Gentile Talib.
Sì, sono evangelico (lo avevo scritto nel post di presentazione). Che tu te ne sia accorto dal mio parlare è per me motivo di vanto :-))

Vedi Talib, è vero che le Scritture sono la medicina dello Spirito ma temo, correggimi se sbaglio perchè non voglio metterti in bocca parole non tue, che tu associ le Scritture con l'Antico Testamento. Per me le Sacre Scritture è tutta la Bibbia quindi Antico e Nuovo Testamento e le lettere dei vari Apostoli, i sessantasei libri del Canone per capirci. Quindi in questi 66 libri io trovo sicuramente la Medicina per lo Spirito, ma trovo anche il dottore per eccellenza, ovvero il Messia Gesù! E trovo nelle Lettere la spiegazione del Credo cristiano poichè sono guidato dal Consolatore. E' questo credo la cosa che pur sembrando molto simile (ho sentito dire: cambiate i nomi... fate e dite le stesse cose!) ci rendono così diversi. Ma hai detto una cosa bellissima e ti ringrazio perchè, insieme alla dispuisizione di 'Umar Andrea sulla Legge e sull'Amore, la porterò con me per molto: La Scrittura è, certamente, la Parola di Dio. Ma la lingua che la legge è quella degli uomini, e questi traggono da essa conoscenza solo quando lo specchio della loro mente è lucido e limpido, e tale da non far cadere nelle interpretazioni distorte date dalle passioni umane. Vedi, potrei sottolineare pure il resto che dici, cambiando semplicemente i nomi...
Io ho dovuto studiare il greco e l'ebraico proprio per arrivare a leggere le Scritture sui testi non tradotti da uomini.
No, caro Talib, al momento non riesco proprio ad andare "Oltre la Scrittura". E' sicuramente un mio limite che con l'aiuto di Dio affronterò e cercherò di superare. Sono un esegeta, nasco come esegeta e riconosco che "tagliare la Parola" a volte ti fa perdere di vista il messaggio di amore che invece essa contiene. Prego l'Eterno di darmi maggiore sensibilità!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ibrahim86
Frequentatore stabile
Frequentatore stabile


Registrato: 30/05/09 01:05
Messaggi: 39

MessaggioInviato: Mar Lug 21, 2009 1:54 pm    Oggetto: Rispondi citando

BismiLlàhi ar-Rahmàni ar-Rahìm

As-Salamu Alaykum

Citazione:
è proprio vero che se i sentieri possono essere diversi, la vetta è sempre una.


I cristiani, nostri fratelli in Adamo, credono che Isa (Gesù) pace su di lui, sia figlio di Dio e sono incappati nell'angelolatria che è una forma di "politeismo" in quanto attribuiscono a loro poteri che appartengono solo ad Allah.

Allah Ta'ala dice nel sublime Corano:

Adorate Allah e non associateGli alcunché. (An-Nisâ' 36)

E fra gli uomini vi sono coloro che attribuiscono ad Allah degli uguali e li amano come amano Allah. Ma coloro che credono hanno per Allah un amore ben più grande. (Al-Baqara 165)

No! Allah non perdona che Gli si associ alcunché. Oltre a ciò, perdona chi vuole. Ma chi attribuisce consimili ad Allah, si perde lontano nella perdizione (An-Nisâ' 116)

Sono certamente miscredenti quelli che dicono: « Allah è il Messia, figlio di Maria! ». Mentre il Messia disse: « O Figli di Israele, adorate Allah, mio Signore e vostro Signore». Quanto a chi attribuisce consimili ad Allah, Allah gli preclude il Paradiso, il suo rifugio sarà il Fuoco. Gli ingiusti non avranno chi li soccorra! (Mâ'ida 72)

Chi vuole una religione diversa dall'Islàm, il suo culto non sarà accettato , e nell'altra vita sarà tra i perdenti. (Al-'Imrân 85)

Dicono: "Siate giudei o nazareni, sarete sulla retta via". Di': "[Seguiamo] piuttosto la religione di Abramo, che era puro credente e non associatore". (Surat al-Baqara 135)

Di': "O gente della Scrittura, addivenite ad una dichiarazione comune tra noi e voi: [e cioè ] che non adoreremo altri che Allah, senza nulla associarGli, e che non prenderemo alcuni di noi come signori all'infuori di Allah". Se poi volgono le spalle allora dite: "Testimoniate che noi siamo musulmani". (Surah Al 'Imran, 64)

Di': «O Gente della Scrittura, non esagerate nella vostra religione . Non seguite le stesse passioni che seguirono coloro che si sono traviati e che hanno traviato molti altri, che hanno perduto la retta via». (Surat al-Ma'ida, 77)


Allah Ta'ala ha detto:

Dialogate con belle maniere con la gente della Scrittura, eccetto quelli di loro che sono ingiusti. Dite [loro]: “Crediamo in quello che è stato fatto scendere su di noi e in quello che è stato fatto scendere su di voi, il nostro Dio e il vostro sono lo stesso Dio ed è a Lui che ci sottomettiamo” (Surat al-'Ankabut 46)

Parlare con buone maniere non vuole dire stravolgere l'islam andando contro la parola di Allah Ta'ala!

La strada da seguire è una, quella del Corano e della Sunna del nostro amatissimo rasul Allah
Che Allah Ta'ala renda la strada facile a tutti noi! Amin
Top
Profilo Invia messaggio privato
stefra
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/04/09 18:10
Messaggi: 577

MessaggioInviato: Mar Lug 21, 2009 2:28 pm    Oggetto: Rispondi citando

Talib ha scritto:
Grazie fratello Ibrahim, meno male che sei arrivato tu a mettere le cose a posto, e a riportare sui binari della giusta e retta via una pericolosa e sovversiva deviazione.

Tra me e l'utente Stefra c'è stato un breve scambio, nel quale pur tra le divergenze di opinione (ben evidenti) abbiamo riconosciuto la fondamentale uguaglianza delle aspirazioni spirituali dell'essere umano. Riconoscere ciò è molto bello (almeno secondo me), e pertanto mi è piaciuto concludere questo scambio con un du'a, nel quale ho detto:

Citazione:
Possa Iddio guidarci a Lui, farci desiderare ciò che egli desidera per noi, e aprire il nostro cuore alla Via (mi risulta che il termine "via" sia singolare) che conduce alla Vetta


E' una invocazione, un auspicio affinchè anche l'amico Stefra possa trovare quella che, per me, è l'unica vera strada verso la vetta (ossia l'Islam). Un auspicio che aveva come suo destinatario unicamente Dio l'Altissimo, e che ho intenzionalmente espresso con un linguaggio velato perchè, con tutta probabilità, l'utente Stefra non avrebbe certo accolto favorevolmente un aperto invito alla sua conversione (come io non accoglierei il contrario da parte sua, anche se immagino che lui possa auspicarlo per noi tutti dal suo punto di vista)

La discussione poteva così terminare in modo molto bello, ma ecco che il nostro paladino Ibrahim è venuto, non richiesto, a ricordarci l'ovvio. Grazie caro, hai perso un'occasione per stare zitto.

Salam,
Talib.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ibrahim86
Frequentatore stabile
Frequentatore stabile


Registrato: 30/05/09 01:05
Messaggi: 39

MessaggioInviato: Mar Lug 21, 2009 3:41 pm    Oggetto: Rispondi citando

BismiLlàhi ar-Rahmàni ar-Rahìm

As-Salamu Alaykum

Fratello sono davvero rammaricato a causa dell'ironia e dell'astio che hai adottato in questo post.

Nel mio scritto precedente non credo di avere messo in difficoltà o di avere arrecato offesa ne a te ne a qualche utente,ma ho semplicemente detto la mia alla luce di ciò che era in discussione.

Citazione:
il nostro paladino Ibrahim è venuto, non richiesto, a ricordarci l'ovvio.


Prima di tutto, fino a prova contraria, questo è un forum e non c'e' bisogno dell'invito di nessuno per scrivere in un post. Se invece mi stò trovando (cosa che non credo minimamente) in un pulpito dove elargire monologhi fieri del proprio eloquio ... chiedo scusa per avere rovinato il tuo messaggio.
In secondo luogo "l'ovvio" è qualche cosa di molto personale, ciò che è ovvio per te per me e per ogni altro fratello in islam non lo è per chi si è appena avvicinato alla religione di Allah Ta'ala o per chi non è nemmeno iscritto in questo forum e stà semplicemente leggendo questo post. Ecco perchè ho scritto quello che ho scritto.
In tutta onestà e umiltà ti posso dire che io credo di avere davvero molto da imparare e pochissimo da insegnare, quindi lungi da me credermi o atteggiarmi da paladino.

E non è da paladino che ricordo che salam vuole dire pace, cosa che spesso ci dimentichiamo.

Salam (appunto!)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Samir al Dhaki
Disattivato
Disattivato


Registrato: 15/07/09 09:28
Messaggi: 158

MessaggioInviato: Mar Lug 21, 2009 3:58 pm    Oggetto: Rispondi citando

Salam fratelli,

permettetemi di esprimere una punta di rammarico. Viviamo in tempi difficili in cui molti maligni vogliono farci credere che la convivenza tra gente del libro e islam sia impossibile, mentre la storia ci insegna il contrario.

E' ovvio e straovvio che ognuo rivendicherà il suo diritto a seguire una strada piuttosto che un'altra. Però in questa bella discussione si stava intavolando qualcos'altro, che metteva le nostre convergenze come base a una pacifico e reciproco rispetto.

Facciamo attenzione a quello che scriviamo e pesiamo le parole. Ci leggono in tanti, sia da una parte e dall'altra... non diamo cattivi esempi.

Che Allah riconduca la discussione sulla buona strada!

_________________
"Non c'è costrizione nella religione. La retta via ben si distingue dall'errore." (2,256)
Top
Profilo Invia messaggio privato
stefra
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/04/09 18:10
Messaggi: 577

MessaggioInviato: Mar Lug 21, 2009 4:03 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ibrahim86 ha scritto:
....

Salam (appunto!)


Gentile Ibrahim86.
Intervengo non per voler difendere l'amico Talib che proprio non ne ha bisogno del mio aiuto.
Volevo semplicemente dirti come ho visto io il tuo messaggio.
Premetto che ho sempre professato, dal post di presentazione, la mia fede evangelica.
Sarebbe per me troppo facile controbattere punto per punto e confutare ogni singola parola di ciò che hai detto perchè la mia fede è grande quanto la tua. Ma un approccio frontale e muro contro muro non porta a nulla. Però, come io spesso "cammino sulle uova" poichè sono consapevole di essere ospite in un sito Islamico, mi aspetto (e in verità ho sempre trovato) lo stesso rispetto che porto.
Il tuo intervento schietto e genuino non ha aggiunto nulla di più alla bellissima discussione avuta fino a quel punto. Ma invece poteva far sì che io iniziassi una interminabile serie di contrapposizioni.
Io mi sono iscritto per capire. Mi sono iscritto per combattere l'ignoranza e le bugie che vengono scritte quotidianamente nei media.
Nel mio piccolo so di essere riuscito a togliere qualche velo dagli occhi della gente almeno che conosco. Ma ancora e moltissima la strada da fare.
Se poi da questo mio frequentare nasce qualcosa di più grande per me, questo lo sa solo Dio.
Ti prego quindi di non inacerbirti. L'amico Talib mi sta insegnando molte cose, cose penso utili anche a molti del forum. Non voglio che a causa di un mio intervento nascano questioni tra voi fratelli. Piuttosto mi ritiro di buon grado.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ibrahim86
Frequentatore stabile
Frequentatore stabile


Registrato: 30/05/09 01:05
Messaggi: 39

MessaggioInviato: Mar Lug 21, 2009 4:50 pm    Oggetto: Rispondi citando

BismiLlàhi ar-Rahmàni ar-Rahìm

As-Salamu Alaykum

Caro fratello in Adamo quanto hai detto

Citazione:
Sarebbe per me troppo facile controbattere punto per punto e confutare ogni singola parola di ciò che hai detto perchè la mia fede è grande quanto la tua. Ma un approccio frontale e muro contro muro non porta a nulla.


per i musulmani suona già come un'offesa in quanto io ho riportato ciò che Allah Ta'ala ha detto nel Corano, quindi non controbatteresti me ma la parola di Allah Ta'ala.

Citazione:
Il tuo intervento schietto e genuino non ha aggiunto nulla di più alla bellissima discussione avuta fino a quel punto. Ma invece poteva far sì che io iniziassi una interminabile serie di contrapposizioni.


L'islam non è un partito politico,non bisogna convincere nessuno, ma testimoniare seguendo il Corano e la Sunna del nostro amatissimo Profeta (saws). Ne consegue che fare Da'wa dicendo cose non islamicamente corrette sia un errore.

Quanto scritto dal fratello Talib

Citazione:
è proprio vero che se i sentieri possono essere diversi, la vetta è sempre una


Io ne deduco che: Tu cristiano, Io musulmano....al fine ultimo è la stessa cosa.
Quindi ho risposto riportando quello che,a mio tempo, ho appreso dal Sublime Corano.

Citazione:
Se poi da questo mio frequentare nasce qualcosa di più grande per me, questo lo sa solo Dio.


Io te lo auguro con tutto mio il cuore, con tutto me stesso, ma non saranno ne le mie parole ne quelle di nessun altro a portarti verso la religione di Allah Ta'ala ma Lui stesso! Ecco perchè reputo non necessario dire cose che non andrebbero dette nel fare Da'wa.

Citazione:
Ti prego quindi di non inacerbirti.


Se leggi "fuori dalle parti" ti accorgerai che non sono stato io a inacerbirmi! : )

Citazione:
L'amico Talib mi sta insegnando molte cose


E tantissime ne ho apprese io leggendo i suoi interventi! Cosa che faccio da molto prima della mia iscrizione! : )

Citazione:
Non voglio che a causa di un mio intervento nascano questioni tra voi fratelli. Piuttosto mi ritiro di buon grado.


Ma non dirlo neanche per scherzo! ....anzi!

Salam
Top
Profilo Invia messaggio privato
stefra
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/04/09 18:10
Messaggi: 577

MessaggioInviato: Mar Lug 21, 2009 5:12 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ibrahim86 ha scritto:
BismiLlàhi ar-Rahmàni ar-Rahìm

As-Salamu Alaykum

Caro fratello in Adamo quanto hai detto

....
per i musulmani suona già come un'offesa in quanto io ho riportato ciò che Allah Ta'ala ha detto nel Corano, quindi non controbatteresti me ma la parola di Allah Ta'ala.


Il confronto è una offesa? Il voler spiegare, come faceva Talib, è una offesa? No. NOn credo che lo sia. Se invece vogliamo semplicemente dire: E' così Punto e basta e non E' così per questo motivo, bè... non l'ho visto nello stile del forum.

Citazione:
...
L'islam non è un partito politico,non bisogna convincere nessuno, ma testimoniare seguendo il Corano e la Sunna del nostro amatissimo Profeta (saws). Ne consegue che fare Da'wa dicendo cose non islamicamente corrette sia un errore.

Cose islamicamente non corrette?!?! E quando mai? E pensi che sarebbe passata una sola parola con gli amministratori che ci sono in questo forum?

Citazione:

Quanto scritto dal fratello Talib
è proprio vero che se i sentieri possono essere diversi, la vetta è sempre una...

Io ne deduco che: Tu cristiano, Io musulmano....al fine ultimo è la stessa cosa.

E' una tua, solo tua deduzione. Leggiti un pochino di post dove sono intervenuto. Mai e poi mai ho interpretato in questo modo il post di Talib.


Citazione:

Io te lo auguro con tutto mio il cuore, con tutto me stesso, ma non saranno ne le mie parole ne quelle di nessun altro a portarti verso la religione di Allah Ta'ala ma Lui stesso! Ecco perchè reputo non necessario
dire cose che non andrebbero dette nel fare Da'wa.
E cosa quindi non andrebbe detta?

Perdonami, caro Ibrahim86, ma posso dirti che se i primi post fossero stati di qesto tenore non sarei rimasto un minuto di più.
Io non critico (sia mai) il tuo oltranzismo nella protezione della tua fede, ma penso che hai mal interpretato tutto il discorso fatto. Ne Talib e ne nessuno qui sul forum si sono dimostrati "accondiscendenti" verso di me. Tutto ciò che devono dirmi me lo dicono, ma immagino che in ognuno, me per primo, ci sia l'umiltà di capire che c'è da imparare anche dall'ultimo del mondo.
Top
Profilo Invia messaggio privato
letigiò
Disattivato
Disattivato


Registrato: 16/02/09 00:16
Messaggi: 632

MessaggioInviato: Mar Lug 21, 2009 5:22 pm    Oggetto: Rispondi citando

Oh fratelli la piantate! vi siete fraintesi tutto qui...si può tornare alla discussione principale che era veramente interessante?

Su su, e non litigate senza di me hhihihih.

Ibrahim rileggiti i post e vedrai che capirai l'equivoco : )))
Stefra..che dirti..tu sei sempre 1.90 di bontà e intelligenza!(Non per questo sono di parte eh!).

Via giù, basta : )
Amal

_________________
sono una donna : ))))
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
NADIA R.
Disattivato
Disattivato


Registrato: 19/01/09 15:51
Messaggi: 799

MessaggioInviato: Mar Lug 21, 2009 6:29 pm    Oggetto: Rispondi citando

As salamu alaycum wa rahmatullah wa barakatuhu

Ibraim ha scritto:
Citazione:
Allah Ta'ala dice nel sublime Corano:

Adorate Allah e non associateGli alcunché. (An-Nisâ' 36)

E fra gli uomini vi sono coloro che attribuiscono ad Allah degli uguali e li amano come amano Allah. Ma coloro che credono hanno per Allah un amore ben più grande. (Al-Baqara 165)

No! Allah non perdona che Gli si associ alcunché. Oltre a ciò, perdona chi vuole. Ma chi attribuisce consimili ad Allah, si perde lontano nella perdizione (An-Nisâ' 116)

Sono certamente miscredenti quelli che dicono: « Allah è il Messia, figlio di Maria! ». Mentre il Messia disse: « O Figli di Israele, adorate Allah, mio Signore e vostro Signore». Quanto a chi attribuisce consimili ad Allah, Allah gli preclude il Paradiso, il suo rifugio sarà il Fuoco. Gli ingiusti non avranno chi li soccorra! (Mâ'ida 72)

Chi vuole una religione diversa dall'Islàm, il suo culto non sarà accettato , e nell'altra vita sarà tra i perdenti. (Al-'Imrân 85)

Dicono: "Siate giudei o nazareni, sarete sulla retta via". Di': "[Seguiamo] piuttosto la religione di Abramo, che era puro credente e non associatore". (Surat al-Baqara 135)

Di': "O gente della Scrittura, addivenite ad una dichiarazione comune tra noi e voi: [e cioè ] che non adoreremo altri che Allah, senza nulla associarGli, e che non prenderemo alcuni di noi come signori all'infuori di Allah". Se poi volgono le spalle allora dite: "Testimoniate che noi siamo musulmani". (Surah Al 'Imran, 64)

Di': «O Gente della Scrittura, non esagerate nella vostra religione . Non seguite le stesse passioni che seguirono coloro che si sono traviati e che hanno traviato molti altri, che hanno perduto la retta via». (Surat al-Ma'ida, 77)

Allah Ta'ala ha detto:

Dialogate con belle maniere con la gente della Scrittura, eccetto quelli di loro che sono ingiusti. Dite [loro]: “Crediamo in quello che è stato fatto scendere su di noi e in quello che è stato fatto scendere su di voi, il nostro Dio e il vostro sono lo stesso Dio ed è a Lui che ci sottomettiamo” (Surat al-'Ankabut 46)

Parlare con buone maniere non vuole dire stravolgere l'islam andando contro la parola di Allah Ta'ala!


Talib, credo che non si debba zittire qualcuno che esponga il suo pensiero, tantomeno qualcuno che riporta parole del Corano.
Noi possiamo parlare e fare montagne di parole, ma cosa sono queste davanti alle parole di Dio sophanaho wa tala?

Non capisco cosa non ti sia piaciuto di questo intervento.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Ibrahim86
Frequentatore stabile
Frequentatore stabile


Registrato: 30/05/09 01:05
Messaggi: 39

MessaggioInviato: Mar Lug 21, 2009 6:39 pm    Oggetto: Rispondi citando

BismiLlàhi ar-Rahmàni ar-Rahìm

As-Salamu Alaykum

Citazione:
Il confronto è una offesa?


Il confronto si è un offesa se, come hai detto tu mira a "smontare" le verità del Sublime Corano. Tu sei cristiano e non sai quanto io sia felice che ci siano sempre altri fratelli in Adamo che si interessano all'islam. Ma devi tenere ben presente che il Corano è la parola di Allah Ta'ala per noi musulmani e che i famosi "io penso che" ,"secondo me" ecc ecc per quanto riguarda anche una sola parola del Corano non è ammesso!

Rispondo solo a questo visto che mi sembrava l'unica cosa importante!

Citazione:
Via giù, basta : )
come ha detto la sorella Amal! ; ) (a meno che non ci siano in futuro messaggio a cui la mia morale mi spinge a rispondere, anche senza invito )

Che Allah Ta'ala giudichi le mie intenzioni.

Salam
Top
Profilo Invia messaggio privato
stefra
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/04/09 18:10
Messaggi: 577

MessaggioInviato: Mar Lug 21, 2009 6:41 pm    Oggetto: Rispondi citando

NADIA R. ha scritto:
...
Talib, credo che non si debba zittire qualcuno che esponga il suo pensiero, tantomeno qualcuno che riporta parole del Corano.
Noi possiamo parlare e fare montagne di parole, ma cosa sono queste davanti alle parole di Dio sophanaho wa tala?

Cosa troviamo meglio delle parole di Dio?

Non capisco cosa non ti sia piaciuto di questo intervento.


Gentile Nadia.
Ho letto e riletto tutto il post e non ho trovato il punto dove Talib abbia zittito alcuno.
Ha semplicemente detto, e io sottoscrivo, che è stato un appunto fuori luogo che poteva portare, come sta facendo animosità negli spiriti.
In un forum come questo e in questo thread specifico penso che le montagne di parole dette abbiano soltanto portato gloria a Dio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ibrahim86
Frequentatore stabile
Frequentatore stabile


Registrato: 30/05/09 01:05
Messaggi: 39

MessaggioInviato: Mar Lug 21, 2009 6:46 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Noi possiamo parlare e fare montagne di parole, ma cosa sono queste davanti alle parole di Dio sophanaho wa tala?


Sorella Nadia proprio quello che intendevo! io ho dovuto scrivere tre post....eeeh il senso pratico femminile! : )

Salam
Top
Profilo Invia messaggio privato
NADIA R.
Disattivato
Disattivato


Registrato: 19/01/09 15:51
Messaggi: 799

MessaggioInviato: Mar Lug 21, 2009 6:50 pm    Oggetto: Rispondi citando

As salamu alaycum wa rahamtullah wa barakatuhu

Samir al Dhaki ha scritto:
Salam fratelli,
............ Viviamo in tempi difficili in cui molti maligni vogliono farci credere che la convivenza tra gente del libro e islam sia impossibile, mentre la storia ci insegna il contrario. ..........


Hai ragione fratello, è possibile questa convivenza, infatti se guardiamo la storia, i cristiani ed gli ebrei hanno ben vissuto durante l'Impero Islamico, in quanto erano riconosciuti i loro diritti nonostante la diversa fede religiosa.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
stefra
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/04/09 18:10
Messaggi: 577

MessaggioInviato: Mar Lug 21, 2009 6:50 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ibrahim86 ha scritto:
BismiLlàhi ar-Rahmàni ar-Rahìm

As-Salamu Alaykum

Il confronto si è un offesa se, come hai detto tu mira a "smontare" le verità del Sublime Corano.

Io non ho parole.
Dove ho mai, ne io o chiunque altro in questo thread, provato a "smontare" le verità del Corano?

Citazione:

Tu sei cristiano e non sai quanto io sia felice che ci siano sempre altri fratelli in Adamo che si interessano all'islam. Ma devi tenere ben presente che il Corano è la parola di Allah Ta'ala per noi musulmani e che i famosi "io penso che" ,"secondo me" ecc ecc per quanto riguarda anche una sola parola del Corano non è ammesso!

Penso che stai in questo forum da poco, gentile Ibrahim, per dare questi giudizi. Il questo forum i "secondo me" non esistono. Ti stai arrogando a guerriero di giustizia in tempo di pace!
Se dico oppure ho detto qualcosa di sbagliato che siano gli amministratori del forum a bannarmi!
Io non sono entrato in questo forum per evangelizzare, ma per capire! Il Signore lo sà! E tu, gentile Ibrahim, stai manifestando esattamente la parte dell'Islam di cui la gente ha paura. Intransigente e chiuso anche al dialogo. Sii intransigente nell'Amore verso Dio, ma rimani aperto al dialogo, perchè non saprai mai chi hai davanti. Se poco poco il Signore chiama qualcuno che sta leggendo, me per primo, davanti a queste tue asserzioni intransigenti riflette molto.

Io ammiro la tua veemenza nel portare il Signore sopra ogni cosa, ma in questa discussione era completamente fuori luogo e fraintesa.
Top
Profilo Invia messaggio privato
stefra
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/04/09 18:10
Messaggi: 577

MessaggioInviato: Mar Lug 21, 2009 6:54 pm    Oggetto: Rispondi citando

Non so se in questo forum funziona così, in altri l'autore del thread, se vede che questo sta andando troppo fuori tema, può richiedere la chiusura del post.
Poichè penso che la discussione si sia incanalata in una direzione che non gli appartiene, chiedo agli amministratori di valutare l'opportunità di bloccare il thread.
Stefano
Top
Profilo Invia messaggio privato
NADIA R.
Disattivato
Disattivato


Registrato: 19/01/09 15:51
Messaggi: 799

MessaggioInviato: Mar Lug 21, 2009 6:58 pm    Oggetto: Rispondi citando

stefra ha scritto:
NADIA R. ha scritto:
...
Talib, credo che non si debba zittire qualcuno che esponga il suo pensiero, tantomeno qualcuno che riporta parole del Corano.
Noi possiamo parlare e fare montagne di parole, ma cosa sono queste davanti alle parole di Dio sophanaho wa tala?

Cosa troviamo meglio delle parole di Dio?

Non capisco cosa non ti sia piaciuto di questo intervento.


Gentile Nadia.
Ho letto e riletto tutto il post e non ho trovato il punto dove Talib abbia zittito alcuno.
Ha semplicemente detto, e io sottoscrivo, che è stato un appunto fuori luogo che poteva portare, come sta facendo animosità negli spiriti.
In un forum come questo e in questo thread specifico penso che le montagne di parole dette abbiano soltanto portato gloria a Dio.


Talib ha scrtto:
Citazione:
Grazie caro, hai perso un'occasione per stare zitto.

Salam,
Talib.


Non mi sembra il modo adeguato per discutere.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum -> Il Profeta (sallallahu `alayhi wa sallam): Sunnah, Ahadith e Sira Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.063