Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 



 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum ->
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Lun Lug 06, 2020 8:11 am    Oggetto: Ads

Top
Quaesitum
Nuovo utente
Nuovo utente


Registrato: 02/06/16 16:17
Messaggi: 1

MessaggioInviato: Ven Giu 03, 2016 4:15 pm    Oggetto: Curiosità, da un ateo: letteratura? Rispondi citando

Gentili membri del forum, un saluto.
Sono un nuovo utente, capitato su questo forum nel corso di una ricerca sullo stato dell'Islam e della comunità islamica in Italia.
Il motivo di questa ricerca è per la volontà di comprendere culture e pensieri estranei alla mia esperienza, per curiosità personale. Mi auguro di non offendere nessuno venendo a porre domande in questo splendido luogo d'incontro e dialogo per ciò che si potrebbe definire vanità dell'ego.
Vorrei chiedere ai gentili membri del forum in che modo un devoto musulmano può, se può, porsi nei confronti della letteratura, in particolare letteratura di finzione: romanzi, epopee, racconti epici, leggende, poesia. Che si tratti dell'odissea, o di una raccolta di versi haiku, o di un romanzo di azione, o di una leggenda di una tribù nativa americana.
È consentito darsi alla lettura di simili opere per semplice soddisfazione personale? È consentito da un punto di vista didattico e conoscitivo?
Ringrazio in anticipo i gentili membri del forum per la comprensione e l'assistenza.

_________________
"Ci sono persone che sanno tutto, e purtroppo questo è tutto quello che sanno."
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Lilith
Bannato
Bannato


Registrato: 21/06/16 22:00
Messaggi: 75

MessaggioInviato: Gio Giu 23, 2016 6:44 pm    Oggetto: Re: Curiosità, da un ateo Rispondi citando

Quaesitum ha scritto:
Gentili membri del forum, un saluto.
Sono un nuovo utente, capitato su questo forum nel corso di una ricerca sullo stato dell'Islam e della comunità islamica in Italia.
Il motivo di questa ricerca è per la volontà di comprendere culture e pensieri estranei alla mia esperienza, per curiosità personale. Mi auguro di non offendere nessuno venendo a porre domande in questo splendido luogo d'incontro e dialogo per ciò che si potrebbe definire vanità dell'ego.
Vorrei chiedere ai gentili membri del forum in che modo un devoto musulmano può, se può, porsi nei confronti della letteratura, in particolare letteratura di finzione: romanzi, epopee, racconti epici, leggende, poesia. Che si tratti dell'odissea, o di una raccolta di versi haiku, o di un romanzo di azione, o di una leggenda di una tribù nativa americana.
È consentito darsi alla lettura di simili opere per semplice soddisfazione personale? È consentito da un punto di vista didattico e conoscitivo?
Ringrazio in anticipo i gentili membri del forum per la comprensione e l'assistenza.


Dal momento che nessuno ti ha finora risposto, provo a farlo io (facendo le veci di nessuno, ovviamente).
Non credo che sia incoraggiato un simile excursus, e tantomeno un confronto con le opere più grandi delle varie Letterature. Anzi, non credo di sbagliare a dire che, nell'interpretazione più rigida, simili letture siano proibite.
Considera, infatti, che, secondo l'Islam, il Corano è la Rivelazione definitiva, e, secondo i Musulmani, è un testo incorrotto che non è mai stato modificato. Per questo leggere la Bibbia, per esempio, è inutile ed esplicitamente scoraggiato.
Insomma, se mi è permessa una battuta, resta ancora valido quanto detto dal califfo Omar per giustificare la distruzione della Grande Biblioteca di Alessandria: se si trova un testo che dice le stesse cose del Corano, quel testo è inutile. Se dice qualcosa di diverso, è pericoloso. Ragionamento un pochino rozzo, ma che rende piuttosto bene.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Hosh dar Dam
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 12/07/07 04:20
Messaggi: 663
Residenza: Ma Wara' an-Nahr

MessaggioInviato: Mer Set 14, 2016 10:45 am    Oggetto: Re: Curiosità, da un ateo Rispondi citando

Quaesitum ha scritto:
Gentili membri del forum, un saluto.
Sono un nuovo utente, capitato su questo forum nel corso di una ricerca sullo stato dell'Islam e della comunità islamica in Italia.
Il motivo di questa ricerca è per la volontà di comprendere culture e pensieri estranei alla mia esperienza, per curiosità personale. Mi auguro di non offendere nessuno venendo a porre domande in questo splendido luogo d'incontro e dialogo per ciò che si potrebbe definire vanità dell'ego.
Vorrei chiedere ai gentili membri del forum in che modo un devoto musulmano può, se può, porsi nei confronti della letteratura, in particolare letteratura di finzione: romanzi, epopee, racconti epici, leggende, poesia. Che si tratti dell'odissea, o di una raccolta di versi haiku, o di un romanzo di azione, o di una leggenda di una tribù nativa americana.
È consentito darsi alla lettura di simili opere per semplice soddisfazione personale? È consentito da un punto di vista didattico e conoscitivo?
Ringrazio in anticipo i gentili membri del forum per la comprensione e l'assistenza.


Sì, letteratura, poesia etc. sono permesse (fintanto che il contenuto sia lecito) e sono state ampiamente e con grande successo utilizzate da Musulmani di tutte le culture ed in tutte le lingue che hanno contraddistinto le civiltà islamiche.

Lilith ha scritto:
Dal momento che nessuno ti ha finora risposto, provo a farlo io (facendo le veci di nessuno, ovviamente).
Non credo che sia incoraggiato un simile excursus, e tantomeno un confronto con le opere più grandi delle varie Letterature. Anzi, non credo di sbagliare a dire che, nell'interpretazione più rigida, simili letture siano proibite.
Considera, infatti, che, secondo l'Islam, il Corano è la Rivelazione definitiva, e, secondo i Musulmani, è un testo incorrotto che non è mai stato modificato. Per questo leggere la Bibbia, per esempio, è inutile ed esplicitamente scoraggiato.
Insomma, se mi è permessa una battuta, resta ancora valido quanto detto dal califfo Omar per giustificare la distruzione della Grande Biblioteca di Alessandria: se si trova un testo che dice le stesse cose del Corano, quel testo è inutile. Se dice qualcosa di diverso, è pericoloso. Ragionamento un pochino rozzo, ma che rende piuttosto bene.


Era da tanto che non leggevo idiozie di tali proporzioni!
Hai un'immagine volutamente malevola e caricaturesca dei principi della nostra religione;
Ah, e ancora sulla storia della distruzione della biblioteca di Alessandria ai tempi di Sayyidina Umar (che Dio sia soddisfatto di lui) c'è molta discussione tra gli storici; non ce n'è invece sulla distruzione della stessa secoli prima da parte del potere cristiano per eliminare tracce pagane.
Al contrario, l'eredità culturale e scientifica greca ed indiana ha raggiunto l'Europa proprio tramite le traduzioni e le opere trasmesse dai Musulmani.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



یک زمانہ صحبت با اولیاء
بہتر از صد سالہ طاعت بے ریا
Top
Profilo Invia messaggio privato
Stella d'Oriente
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 20/04/13 19:09
Messaggi: 196
Residenza: Svizzera - Zurich

MessaggioInviato: Mer Set 14, 2016 10:57 am    Oggetto: Rispondi citando

Bentornato fratello Hosh dar Dam! Si è sentita la tua mancanza in questo Forum.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Hosh dar Dam
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 12/07/07 04:20
Messaggi: 663
Residenza: Ma Wara' an-Nahr

MessaggioInviato: Mer Set 14, 2016 11:09 am    Oggetto: Rispondi citando

Stella d'Oriente ha scritto:
Bentornato fratello Hosh dar Dam! Si è sentita la tua mancanza in questo Forum.


Grazie, sto aprendo solo qualche thread qua e là, ma mi pare che nel frattempo tu abbia fatto un ottimo lavoro ma sha' Allah!

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



یک زمانہ صحبت با اولیاء
بہتر از صد سالہ طاعت بے ریا
Top
Profilo Invia messaggio privato
Metide
Bannato
Bannato


Registrato: 15/09/16 15:05
Messaggi: 6

MessaggioInviato: Gio Set 15, 2016 8:35 pm    Oggetto: Re: Curiosità, da un ateo Rispondi citando

...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Javidan
Affezionato
Affezionato


Registrato: 24/08/16 20:47
Messaggi: 45

MessaggioInviato: Gio Set 15, 2016 9:08 pm    Oggetto: Rispondi citando

Non so come si faccia ad asserire con tale certezza che la distruzione ad opera dei musulmani durante la conquista dell'Egitto sia avvenuta, considerando che tale storia comparse per la prima volta mezzo millennio dopo i fatti senza alcun antecedente storiografico.

Una simile fonte, solo per questo, sarebbe da considerarsi inattendibile. In particolar modo nella sua versione così romanzata per la quale i manoscritti sarebbero stati utilizzati per "scaldare i bagni". Un falso storico in altre parole, perlomeno per come è stato formulato, ciò che certo non esclude a priori che i musulmani possano aver danneggiato o distrutto la Biblioteca volontariamente o involontariamente (sì, perché non avendo fonti sicure anche quella dell'involontarietà è un'ipotesi valida, così come si pensa che sia stato involontario il danno che subì durante la spedizione di Cesare).

Ma certo non lo si può dire con sicurezza, al massimo lo si può ipotizzare, così come ad esempio si può ipotizzare che i testi non siano stati distrutti ma che siano stati presi, spostati, e dispersi, e che l'edificio sia semplicemente andato in malora.

Inoltre ometti di dire che la terza distruzione fu consequenziale all'editto di Teodosio I del 391, quindi non è vero che il "potere" non ha avuto responsabilità.
Non vedo, anche qui, per quale motivo minimizzare le responsabilità del potere cristiano per attribuirlo a personaggi isolati, che certo hanno avuto la loro parte ma non contro la volontà del potere.
Forse che ci mancano esempi di fanatismo anti-pagano nel mondo cristiano? Forse che la Scuola di Atene non fu chiusa da Giustiniano nel 529?

E aggiungo che è noto che nell'adab lo studio della poesia, grandemente apprezzata in ogni epoca della storia islamica, è sempre stato considerato fondamentale nella formazione dell'adib.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.058