Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Inquietudine.

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Accettare l'Islam; percorsi e problemi di fede
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Gio Lug 09, 2020 11:22 pm    Oggetto: Ads

Top
Benyamin
Affezionato
Affezionato


Registrato: 25/05/13 18:47
Messaggi: 44

MessaggioInviato: Dom Mag 26, 2013 9:43 am    Oggetto: Inquietudine. Rispondi citando

Salam alaykum a tutti fratelli.

Mi sono registrato a questo forum poiché necessitavo di condividere una mia inquietudine inerente alla mia fede.

Io sono musulmano da circa un anno. Per molto tempo ho assolto ai miei doveri, recitando l'orazione, leggendo il Corano e via discorrendo.

Tuttavia, recentemente ho avvertito un notevole indebolimento della mia fede: percepisco che essa ha perduto la sincerità di un tempo, quella sincerità che induce il credente a piangere, sciogliendogli il cuore, contemplando Allah l'Altissimo.

La fede per me è divenuta soltanto una formalità: il mio cuore si è pietrificato, e a questo punto mi è ritornato in mente il versetto che recita quanto segue:

Allah ha posto un sigillo nei loro cuori (2:7).

Pertanto mi sono domandato: e se questo indebolimento della mia fede sia dovuto al fatto che Allah ha decretato che io nella mia vita fossi un miscredente, ponendo un sigillo nel mio cuore?

L'indebolimento della fede mi ha condotto anche ad una crisi psicologica personale: Allah era il mio unico punto di riferimento, e perdendo fiducia in Allah ora sono una persona insensibile, incapace di pensieri e sentimenti positivi.

Questa situazione mi ha reso un peccatore, e il rimorso mi attanaglia e recentemente la mia mente è dominata dal pensiero del suicidio.

Possiamo noi conoscere se Allah ha posto un sigillo nei nostri cuori o meno?[/b]
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 22:31
Messaggi: 1098

MessaggioInviato: Dom Mag 26, 2013 3:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

Wa 'aleikoum assalam wa rahmatulillahi wa barakatuhu fratello

Venendo subito alla tua domanda; il fatto stesso che tu ora, sia qui a scrivere e a chiedere aiuto e spiegazioni dimostra ed è certamente prova del fatto che Allah swt non ha posto alcun sigillo nel tuo cuore, anzi.

Allah in questo modo ha voluto aiutarti, ha voluto indirizzarti verso una conoscenza più approfondita della Sua religione.

L'indebolimento della fede e la sua fortificazione sono aspetti del tutto normali. Tutti noi abbiamo provato almeno una volta queste sensazioni.

Questo è il tafsir del verso citato:


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.




Altri in ch' Allah contribuiranno meglio con le loro risposte.

wassalam
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2136

MessaggioInviato: Lun Mag 27, 2013 12:27 am    Oggetto: Bismilahi Rrahmani Rrahim Rispondi citando

Wa 'alaykum assalam wa rahmatullahi wa barakatuh,

Benyamin ha scritto:

Questa situazione mi ha reso un peccatore, e il rimorso mi attanaglia e recentemente la mia mente è dominata dal pensiero del suicidio.


come mai ti capita di pensare al suicidio? Si tratta solo di pensieri e basta?
Ti succede involontariamente? Te lo chiedo per capire meglio.

Comunque ricordati di non agire mai su tali pensieri, osservali con distacco come se non fossero tuoi e ignorali non tenerli in considerazione.

Spero capisci l'inglese, forse questo articolo ti potrà essere utile in qualche modo, inshaa Allah:

Citazione:
The Miracle of Positive Thinking
By Sister Shahnaaz Bemath

Thinking positive can work miracles. You may have been told to “guard your thoughts”, but felt the advice to be pointless. After all, your thoughts are private. How can they possibly affect someone else? The fact is, thoughts do seem to boomerang in some mysterious ways. Science has not found a way to measure them as they have invisible sound waves. In order to understand how positive thinking works, and how to use it efficiently, it is important to understand the power of negative thinking.

“Negative thoughts and tensions are like birds. We cannot stop them from flying near us but, we can certainly stop them from making a nest in our mind.”

The mind can be directed towards positive thinking or negative thinking. The power of thought is a neutral power. The way one thinks determines whether the results are positive and beneficial or negative and harmful. It is the same of energy acting in different ways. Persistent inner work can change habits of thoughts. You must be willing to put energy and time to avoid negative thinking and pursue positive thinking, in order to change your mental attitude. Think of those things which are true, honest, just, pure, lovely, in other words, to fill your mind with noble, good thoughts, leaving no room for negative ones to take root.

The Noble Messenger of ALLAH (peace be upon him) has reported that ALLAH, The Most Wise, said:
“I treat my servant as how he thinks of Me”
(Hadith- Bukhari/ Muslim). In other words, ALLAH TA’ALA treats His servant in the way how he thinks of ALLAH, what he hopes from and how he sets his hopes on ALLAH. So, those who come positive and with a great hope to the door of Mercy of the Almighty Creator will Insha Allah not return empty-handed.

The most powerful weapon you have at your disposal is Du’a (prayer). Use it and use it often. The basis of prayer is to lift us and situations to Almighty ALLAH — an inner act of visualisation. A further step is to contemplate on our beautiful teachings of Islam — this involves controlling and directing out thoughts. A simple way to think of this is to imagine your mind to be like a garden. That garden can be spoilt and overrun by negative, destructive thoughts (weeds), or it can become a place of peace and harmony by the cultivation of flowers (uplifting thoughts).

“Your mind is a garden. Your thoughts are the seeds. You can grow flowers. Or you can grow weeds.”

Are you prone to depression? Do you see your life as a hopeless mess… consider yourself a failure? If you do, then you will close your mind, see no opportunities, and behave and react in such ways, as to repel people and opportunities. You let the power of negative thinking rule your life. Try replacing such negative thoughts with positive ones. Talk to your beloved ALLAH, ALLAH does not create a lock without a key, and ALLAH doesn’t give you problems without its solutions. Trust HIM! While recognising these problems, picture yourself as mastering each one. Visualise yourself handling each situation creatively; being a success; gradually allowing your given potential to blossom.
The beloved Messenger of ALLAH (Sallallaahu Alaihi Wa Sallam) advised us if you look forward to good things, it will happen In’Shaa’ALLAH. Thinking positive is a very important element of Islam. Always think that ALLAH has a plan for you, if something goes wrong, it will probably lead you to something good. HE is working things out for you, even if you don’t feel it. Have faith and be thankful. Where faith and hope grows, miracles blossoms, ALLAHU AKBAR!

At first, this kind of thought control may seem like an inner game — but you’ll be surprised at how, slowly but surely, your outer circumstances begin to change. For thought precedes action, and the right thoughts precede a chain of good actions. Destructive thoughts, on the other hand, act as poisoning agents. They embitter and limit the thinker, preventing him or her from developing good relationships, because others sense the wrong thoughts telepathically, and shy away instinctively.
Conversely, if you greet people with the thought that they’ll probably be nice to know, such a positive thought will affect their response. If you’re afraid of someone, replace that fear with a thought which recognises that the person’s given potential “core” is probably hidden under layers of unhappiness and wrong thinking. Silently bless that person, and ask that his or her true self be given a chance to manifest.

A friend was once terribly upset because someone was spreading false rumours about her. She could not deny the rumour publicly. All she could do was pray for the woman, try to think about her charitably and visualise her acting differently. She did this consistently for some weeks. One day, unexpectedly, the woman phoned her to apologise and say she’d been mistaken, Subhaan-ALLAH! It seemed like a miracle! But right thinking can work miracles… Life has many different chapters for us. One bad chapter doesn’t mean the end of the book. Be positive and keep your faith in ALLAH. Once we function in harmony with ALLAH’S beautiful laws of love and forgiveness — and this includes spreading good, true and beautiful thoughts — our lives will flower as they were meant to.

“Think positive, Think different. Don’t waste your precious energy on negative thoughts.”

Decide that from today, from this very moment, you are leaving negative thinking behind, and starting on the way towards positive thinking and behaviour. It is never too late. Soon your life will turn into a fascinating, wonderful journey. Wake up every morning with the thought that something beautiful is about to happen. Let’s welcome each day with a smile and bid farewell with a smile. We thank ALLAH for HIS blessings. Take advantage of our positive energy and employ them in doing well in this life. Let’s learn, read and after that, we will find the entire universe will extend to us it’s heart and the whole world will hug us with its beauty… Subhaan-ALLAH!

There is something beautiful in life. You just have to find it….be positive and it will find you!


Spero ti potrà essere utile anche questo:
Love for Allah:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Se trovo altro che ti potrebbe essere utile, inshaa Allah lo riporto.

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Benyamin
Affezionato
Affezionato


Registrato: 25/05/13 18:47
Messaggi: 44

MessaggioInviato: Lun Mag 27, 2013 2:49 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
come mai ti capita di pensare al suicidio? Si tratta solo di pensieri e basta?
Ti succede involontariamente? Te lo chiedo per capire meglio.


Praticamente mi domando quale significato abbia la mia vita. Non riuscendo a trovare la risposta, giungo alla conclusione del fatto che il mio ruolo, in questo mondo, è insignificante, poiché io sono uno su sette miliardi.

Queste constatazioni mi inducono a riflettere sul suicidio. Talvolta sono soltanto pensieri, ma accade anche che tendano a tradursi in primordiali propositi concreti.[/quote]
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2136

MessaggioInviato: Lun Mag 27, 2013 4:26 pm    Oggetto: Rispondi citando

Benyamin ha scritto:
Citazione:
come mai ti capita di pensare al suicidio? Si tratta solo di pensieri e basta?
Ti succede involontariamente? Te lo chiedo per capire meglio.


Praticamente mi domando quale significato abbia la mia vita. Non riuscendo a trovare la risposta, giungo alla conclusione del fatto che il mio ruolo, in questo mondo, è insignificante, poiché io sono uno su sette miliardi.

Queste constatazioni mi inducono a riflettere sul suicidio. Talvolta sono soltanto pensieri, ma accade anche che tendano a tradursi in primordiali propositi concreti.
[/quote]

Il suicidio è la risposta sbagliata, te lo dice Allah nel Qur'an, purtroppo ora non posso riportare il versetto.
Dimmi se capisci l'inglese così inshaa Allah ti riporto dei video che potresti guardare.

Prima o poi tutti quanti ci poniamo queste domande sul significato della vita, questo è normale e anzi è un bene che tu ti ponga queste domande. Stai attento alle risposte sbagliate però.
Se ti capita di pensare al suicidio involontariamente, ricordati è solo un pensiero che ti passa per la testa e non sempre possiamo scegliere tutti i pensieri che ci vengono in mente. Però possiamo scegliere se sono giusti oppure no, se rifletterci oppure no, se tenerli in considerazione, se considerarli importanti, se ignorarli o se agire su quei pensieri oppure no.

Quindi solo perchè ti passa in mente non significa che è giusto, che ci devi credere o che devi prenderlo in considerazione. Ignoralo. Sicuramente non è il suicidio lo scopo della vita, altrimenti Allah non solo non lo avrebbe proibito, ma non ci avrebbe creati per niente. Quindi non tenerlo in considerazione nemmeno per un secondo.

Allah nel Qur'an dice che ha creato l'uomo affinché lo adorasse. Quindi è questo lo scopo della nostra vita, lodare Allah.
Shaytan è invidioso e cerca di allontanarci da questo e infatti dobbiamo fare Jihad contro il nostro nafs e contro shaytan. Anche questo è lo scopo della nostra vita, lottare per la causa di Allah.. è anche in questo modo che si lotta, Allah nel Qur'an dice che coloro che lottano per la sua causa li guiderà. Quindi concentrati sul tuo iman, non lasciarti scoraggiare da shaytan quando ti sussurra che il tuo iman non va bene, è normale che ci siano degli alti e bassi. Il profeta s.a.s ha detto che l'iman è come un abito che si invecchia e noi dobbiamo chiedere in continuazione ad Allah di rinnovare il nostro iman.

Può anche essere che Allah si aspetta molto di più da te e che quindi per questo motivo ti mette alla prova, quindi potrebbe essere che ti sta mettendo alla prova per motivarti e per spingerti a cercare di più in modo da sforzarti di più.. quindi prendilo come un opportunità per migliorarti.
Se tutti quanti pensassimo in continuazione "che bravo che sono, quanto sono forte, il mio iman è così forte" probabilmente non cercheremo mai di migliorare, anche se fosse vero rimarremo a quel livello o forse diventeremo arroganti e quindi peggio. Invece così, dalla paura di non avere un iman abbastanza forte cerchi di sforzarti di più, di pregare di più ecc. E quindi questo potrebbe essere un bene, ma non bisogna mai disperarsi però.. anche questo Allah ce lo ha proibito nel Qur'an. Cerca di rimanere sempre speranzoso e fiducioso. Per riuscirci ti dovresti concentrare sul shukr (gratitudine).

Fai delle ibadat extra con questa intenzione.
Appena posso inshaa Allah cerco di riportarti altro materiale da leggere.
E spero che gli alri ti possano dare consigli migliori.

C'è qualche fratello con cui ti potresti tenere in contatto?

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Benyamin
Affezionato
Affezionato


Registrato: 25/05/13 18:47
Messaggi: 44

MessaggioInviato: Lun Mag 27, 2013 4:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Dimmi se capisci l'inglese così inshaa Allah ti riporto dei video che potresti guardare.


Sì l'inglese lo capisco.


Citazione:
C'è qualche fratello con cui ti potresti tenere in contatto?


No, purtroppo.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2136

MessaggioInviato: Mar Mag 28, 2013 7:40 pm    Oggetto: Rispondi citando

Assalamu 'alaikum wa rahmatullahi wa barakatuh,
ti consiglio di leggere anche questo:

Citazione:
One mistake most of us do when we start turning to Allah, prayers and Quran is that we anxiously wait for the "sweetness" of eemaan the moment we start. And when it does not happen, when our 5 times prayers seem forced, when the Quran doesn't bring us to tears - we GIVE UP!

This is another big trap we have to save ourselves from. Indeed, the sweetness of eemaan will not come except with constant perseverance. Your standing or reciting will not make it happen instantly!

It is when Allah will see you constant in His Path, it is when He sees that you pray even when you don't feel like it, it is when He sees that you recite His Word even when every inch of your brain tells you not to, it is when He sees you strive to stand in tahajjud though you may "hate" it... it is THEN that He will give you this sweetness and contentment as a GIFT from Him.

Reflect on the words of Sufyan ath-Thawri (rahimahullah):

“For twenty years...I struggled to remain standing in prayer at night. For those twenty years I never tasted the sweetness of the night prayer. It was only after that that I found comfort and sweetness.”

Continue and DO NOT GIVE UP. When the Lord of the worlds has not given up on you, how can you give up on your own self?
- Sheikh Tawfique Chowdhury

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2136

MessaggioInviato: Mer Mag 29, 2013 12:17 am    Oggetto: Rispondi citando

Ti consiglio anche di interessarti al tasawuf, ti può aiutare molto inshaaAllah,
per esempio dai un'occhiata a questo (ovviamente oltre alla sezione "Tasawuf" in questo stesso forum):

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Altro consiglio: ascolta almeno alcuni audio qui elencati, scegli magari quello che ti può interessare di più:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Benyamin
Affezionato
Affezionato


Registrato: 25/05/13 18:47
Messaggi: 44

MessaggioInviato: Mer Mag 29, 2013 1:40 pm    Oggetto: Rispondi citando

Molte grazie, appena potrò leggerò tutto il materiale.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Benyamin
Affezionato
Affezionato


Registrato: 25/05/13 18:47
Messaggi: 44

MessaggioInviato: Ven Mag 31, 2013 7:50 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ho letto il materiale. E' interessante, tuttavia vi è una questione che non riesco a risolvere.

Probabilmente ho commesso un errore, poiché nell'esposizione dei miei problemi ho omesso che questa inquietudine mi ha reso un dubbioso, e la mia fede si è indebolita a tal punto da risultare praticamente scomparsa.

Mi spiego meglio: tutte queste possibili soluzioni che sono state proposte presuppongono la totale fiducia in Dio e nella Sua esistenza. Ebbene, io ho l'impressione che in realtà la nostra fede sia dettata dal nafs, poiché noi non disponiamo di evidenze sufficienti al fine di convincerci completamente dell'esistenza di Allah. E' la nostra emozionalità che ci induce a credere.

Con questo non intendo affermare che Allah non esiste, ma che noi non possiamo stabilire con certezza se Egli esiste o meno. Noi leggiamo il Corano e gli Hadith. Nel Corano e negli Hadith riscontriamo una notevole vicinanza di Allah e una notevole spiritualità, ma quando cessiamo la lettura di queste due fonti di sapienza, ritorniamo alla nostra quotidiana materialità, nella quale Allah ci risulta lontano, se non persino assente.

Insomma: abbiamo noi mai percepito VERAMENTE Allah oppure crediamo in Lui soltanto perché abbiamo letto di lui? Io non l'ho mai percepito, mi ritengo succube della materialità mondana, nonostante le mie preghiere.

Ogni giorno disponiamo di prove concrete della preminenza della materialità. Ma non riceviamo mai prove concrete della preminenza di Allah. Questo è scoraggiante.

Sono consapevole del fatto che queste mie considerazioni vi potrebbero risultare aberranti, se pronunciate da un musulmano. Ma è proprio questo il punto: io non sono sicuro di essere musulmano, non sono sicuro di essere ricettivo ad Allah, infatti non sono sicuro neppure del fatto se Allah esiste o meno.

Vi domando di non considerarmi un vile apostata, un traditore. Le mie incertezze non sono dovute all'arroganza, ma all'impellente desiderio di conoscere la verità, ve lo posso assicurare.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2136

MessaggioInviato: Sab Giu 01, 2013 2:52 am    Oggetto: Bismilahi Rrahmani Rrahim Rispondi citando

Benyamin ha scritto:
Ho letto il materiale. E' interessante, tuttavia vi è una questione che non riesco a risolvere.

Probabilmente ho commesso un errore, poiché nell'esposizione dei miei problemi ho omesso che questa inquietudine mi ha reso un dubbioso, e la mia fede si è indebolita a tal punto da risultare praticamente scomparsa.

Mi spiego meglio: tutte queste possibili soluzioni che sono state proposte presuppongono la totale fiducia in Dio e nella Sua esistenza. Ebbene, io ho l'impressione che in realtà la nostra fede sia dettata dal nafs, poiché noi non disponiamo di evidenze sufficienti al fine di convincerci completamente dell'esistenza di Allah. E' la nostra emozionalità che ci induce a credere.

Con questo non intendo affermare che Allah non esiste, ma che noi non possiamo stabilire con certezza se Egli esiste o meno. Noi leggiamo il Corano e gli Hadith. Nel Corano e negli Hadith riscontriamo una notevole vicinanza di Allah e una notevole spiritualità, ma quando cessiamo la lettura di queste due fonti di sapienza, ritorniamo alla nostra quotidiana materialità, nella quale Allah ci risulta lontano, se non persino assente.

Insomma: abbiamo noi mai percepito VERAMENTE Allah oppure crediamo in Lui soltanto perché abbiamo letto di lui? Io non l'ho mai percepito, mi ritengo succube della materialità mondana, nonostante le mie preghiere.

Ogni giorno disponiamo di prove concrete della preminenza della materialità. Ma non riceviamo mai prove concrete della preminenza di Allah. Questo è scoraggiante.

Sono consapevole del fatto che queste mie considerazioni vi potrebbero risultare aberranti, se pronunciate da un musulmano. Ma è proprio questo il punto: io non sono sicuro di essere musulmano, non sono sicuro di essere ricettivo ad Allah, infatti non sono sicuro neppure del fatto se Allah esiste o meno.

Vi domando di non considerarmi un vile apostata, un traditore. Le mie incertezze non sono dovute all'arroganza, ma all'impellente desiderio di conoscere la verità, ve lo posso assicurare.


Assalamu 'alaikum wa rahmatullahi wa barakatuh,

Pensa se fossi nato cieco, tutto il materiale intorno a te lo potresti mai vedere? Eppure sapresti che esiste, perchè potresti sempre toccare, annusare ecc. Quindi potresti sempre usare gli altri sensi per percepire, eppure ci fidiamo di più della vista. Perché? Anche la nostra vista ci potrebbe ingannare, pensa alle persone schizofreniche, eppure abbiamo più fiducia nella vista!

Ma il fatto è che anche la nostra vista è uno dei tanti sensi che abbiamo per percepire la realtà, così come l'udito, il toccare e percepire le cose, l'annusarle, ecc.

Hai mai visto con i tuoi occhi dal vivo l'intero universo? Completamente nel suo intero? No, eppure sei sicuro che esiste.

Alcune cose si possono conoscere usando tutti quanti i sensi, altre cose no. Non potresti mai vedere Dio con i tuoi occhi nemmeno se Dio ti si rivelasse, Musa alayhi wa sallam aveva chiesto a Dio di vederlo, ma quando Dio gli si rivelò lui non poteva vedere la Sua immensa luce perchè i suoi sensi non erano abbastanza forti da percepirlo e quindi era svenuto.

Per raggiungere quella certezza di cui parli da quello che mi sembra di capire, avresti bisogno di vedere Dio così come vedi il materiale che ci circonda giusto?

Allora ricordati l'esempio di prima, e se fossi cieco avresti ancora dubbi che esiste il materiale che c'è intorno a te solo perchè non potresti vedere?

Puoi arrivare a raggiungere quella certezza con ragionamenti, intuizioni, percezioni, riflessioni e sì anche emozioni ma non solo emozioni. Soprattutto usando l'intelletto.

Ma ricordati però che a volte si nasconde anche Satana dietro a tutti questi dubbi, quindi a volte sarebbe il caso semplicemente di smettere di indagare su quei dubbi, ma con questo non voglio dire che non dovresti riflettere, ma semplicemente capire quando è il caso di non spingerti oltre perchè non puoi sapere tutto con certezza assoluta se per certezza assoluta intendi vedere le cose con i tuoi occhi. Pensa ad esempio ai tuoi bis bis bis bis bis bis bis bis bis bis bisnonni, li hai mai conosciuti dal vivo? quindi li hai mai visto con i tuoi stessi occhi? ovviamente no, ma sai con certezza che sono esistiti proprio perchè esisti tu, quindi sei tu la prova.


Ti lascio questo, spero ti potrà aiutare:


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2136

MessaggioInviato: Sab Giu 01, 2013 3:19 am    Oggetto: Rispondi citando

Un'altra cosa che mi è venuto in mente: riesci a percepire realmente tutti gli atomi con tutti i tuoi sensi? Eppure sei sicuro che esistono.

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Benyamin
Affezionato
Affezionato


Registrato: 25/05/13 18:47
Messaggi: 44

MessaggioInviato: Sab Giu 01, 2013 10:33 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Hai mai visto con i tuoi occhi dal vivo l'intero universo? Completamente nel suo intero? No, eppure sei sicuro che esiste.


Sono sicuro che esiste perché sono state condotte delle ricerche scientifiche, sono state scattate delle fotografie, sono state inviate delle sonde spaziali, dei satelliti.

L'universo dunque l'ho visto, non direttamente, ma indirettamente. Invece, per quanto concerne Allah, non posso attestarne l'esistenza con nessuno dei sensi, né la vista, né il tatto; né l'udito, nulla.


Citazione:
Musa alayhi wa sallam aveva chiesto a Dio di vederlo, ma quando Dio gli si rivelò lui non poteva vedere la Sua immensa luce perchè i suoi sensi non erano abbastanza forti da percepirlo e quindi era svenuto.


Ecco, ad esempio un altro dei miei dubbi attiene alla storia dei profeti. Non suscita dubbi il fatto che l'Islam offra pressoché le medesime versioni dei racconti delle vite dei profeti offerte dalla tradizione ebraica e cristiana?

In che modo possiamo essere certi del fatto che non siano leggende, che non siano miti popolari alla stregua delle narrazioni della mitologia classica greco-romana?


Citazione:
Alcune cose si possono conoscere usando tutti quanti i sensi, altre cose no. Non potresti mai vedere Dio con i tuoi occhi nemmeno se Dio ti si rivelasse,


Per quale motivo Dio, supponendo che esista, pretende che noi crediamo in Lui, ma contemporaneamente non ci consente altri contatti con lui che non siano i testi sacri?

Se si rivelasse palesemente tutte le speculazioni su di Lui cesserebbero, tutti Gli crederebbero e Lo servirebbero e Shaytan sarebbe sconfitto.

A me pare una sorta di ricatto oserei definire meschino, il fatto che si minacci l'uomo della dannazione in caso di mancata sottomissione, quando l'uomo non dispone di fonti di contatto e conoscenza che non siano i testi sacri.


Citazione:
Allora ricordati l'esempio di prima, e se fossi cieco avresti ancora dubbi che esiste il materiale che c'è intorno a te solo perchè non potresti vedere?


Ma io non mi affido soltanto alla vista, mi affido a tutti i cinque sensi. Se sono cieco non utilizzo la vista, ma posso utilizzare il tatto, l'udito e via discorrendo.


Infine, se Dio è onnisciente, dovrebbe anche conoscere il destino della mia anima, ovvero se la mia anima sara dannata oppure salvata. Ma se Lui conosce già il mio destino, allora per quale motivo mi ha creato? Non pare illogico e irrazionale, ma anche fondamentalmente ridicolo (senza offesa per nessuno), che Dio conosca già tutto il destino dell'umanità ma abbia ugualmente deciso di crearla. Tutta la Sua creazione sarebbe superflua e autoreferenziale. Il Nulla più totale.

Scusatemi se sono sembrato testardo e insistente.

[/quote]
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 22:31
Messaggi: 1098

MessaggioInviato: Sab Giu 01, 2013 12:45 pm    Oggetto: Rispondi citando

Benyamin ha scritto:
Sono sicuro che esiste perché sono state condotte delle ricerche scientifiche, sono state scattate delle fotografie, sono state inviate delle sonde spaziali, dei satelliti.

L'universo dunque l'ho visto, non direttamente, ma indirettamente. Invece, per quanto concerne Allah, non posso attestarne l'esistenza con nessuno dei sensi, né la vista, né il tatto; né l'udito, nulla.


E questo ti basta fratello Benyamin? questo ti basta per sostenere che quello che vedi in foto o in video esista necessariamente?

In questo modo non vedi forse che stai affidando la tua certezza semplicemente su ciò a cui vuoi affidare certezza e non dove vi è "necessariamente certezza"?

Perchè mai non potrebbe essere frutto di artificio l'idea di terra che vedi nelle foto o nei video? Perchè mai la gente attorno a te non potrebbe essersi messa d'accordo un giorno, magari prima della tua nascita, e aver deciso di farti credere tutte queste cose?

Non vedi allora che i dubbi che ti portano a non Credere sono gli stessi che ti portano a credere e a dare retta al tuo nafs?

Perchè lasciamo satana giocare con noi in questo modo?

Citazione:

Ecco, ad esempio un altro dei miei dubbi attiene alla storia dei profeti. Non suscita dubbi il fatto che l'Islam offra pressoché le medesime versioni dei racconti delle vite dei profeti offerte dalla tradizione ebraica e cristiana?

In che modo possiamo essere certi del fatto che non siano leggende, che non siano miti popolari alla stregua delle narrazioni della mitologia classica greco-romana?


Perchè mai dovrebbe suscitare dubbi fratello? La verità è una. I Profeti sono sempre gli stessi e Allah è Eterno. Dunque, qual è il problema?
Inoltre le storie non sono identiche: nel Corano vi sono storie di profeti molto più dettagliate e precise!

Citazione:

Per quale motivo Dio, supponendo che esista, pretende che noi crediamo in Lui, ma contemporaneamente non ci consente altri contatti con lui che non siano i testi sacri?

Se si rivelasse palesemente tutte le speculazioni su di Lui cesserebbero, tutti Gli crederebbero e Lo servirebbero e Shaytan sarebbe sconfitto.

A me pare una sorta di ricatto oserei definire meschino, il fatto che si minacci l'uomo della dannazione in caso di mancata sottomissione, quando l'uomo non dispone di fonti di contatto e conoscenza che non siano i testi sacri.


Il Corano è La Madre delle Prove! In esso, vi è la guida ed il giusto sentiero per arrivare a comprendere ciò che Dio ha voluto fare comprendere ai suoi servi.

L'Aqida Nasafiyya recita quanto segue:

Le fonti di conoscienza per l'uomo sono:

1) I sensi (al-hawās al-salīma)

2) La testimonianza veritiera (al-khabar al-sādiq)

3) La ragione ('aql)


Il basare la tua conoscienza sulla sola prima fonte (I sensi), tu che cerchi la verità, non ti porterà mai da nessuna parte. Utilizzare questa fonte ed escludere tutte le altre è un procedimento fallimentare ed IRRAZIONALE!

Citazione:


Infine, se Dio è onnisciente, dovrebbe anche conoscere il destino della mia anima, ovvero se la mia anima sara dannata oppure salvata. Ma se Lui conosce già il mio destino, allora per quale motivo mi ha creato? Non pare illogico e irrazionale, ma anche fondamentalmente ridicolo (senza offesa per nessuno), che Dio conosca già tutto il destino dell'umanità ma abbia ugualmente deciso di crearla. Tutta la Sua creazione sarebbe superflua e autoreferenziale. Il Nulla più totale.



Il fatto di conoscere "il tuo destino" implica che non può crearti? E' forse impossibile per Dio creare conoscendo già il tuo destino?

In cosa consiste dunque la "irrazionalità" ?

Che cosa è dunque più ridicolo? Il Dio che è Onniscente ed Onnipotente o il suo servo che dubita della sua stessa personale esistenza in questo mondo? :-)
Citazione:

Scusatemi se sono sembrato testardo e insistente.


Faremo il possibile per aiutarti in ch Allah!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 22:31
Messaggi: 1098

MessaggioInviato: Sab Giu 01, 2013 12:55 pm    Oggetto: Rispondi citando

Le tre righe che ho citato fanno parte del testo " 'Aqida Nasafiyya" uno dei pilastri della scienza della teologia islamica.

Proprio in questi giorni si è organizzato un corso online che si terrà in tre giorni diversi per un totale di 12 ore di studio.

Chi parteciperà al corso e sarà puntuale potrà ricevere anche Ijaza.

Se siete interessati possiamo pensare di organizzare un gruppo di studio tra di noi, dove potremmo aiutarci nella comprensione e nella eventuale traduzione in ch Allah.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato
Benyamin
Affezionato
Affezionato


Registrato: 25/05/13 18:47
Messaggi: 44

MessaggioInviato: Sab Giu 01, 2013 1:32 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Perchè mai non potrebbe essere frutto di artificio l'idea di terra che vedi nelle foto o nei video? Perchè mai la gente attorno a te non potrebbe essersi messa d'accordo un giorno, magari prima della tua nascita, e aver deciso di farti credere tutte queste cose?


Ovviamente anche la scienza del dunya è esposta a manipolazioni e mistificazioni, ma le informazioni principali non possono essere state deliberatamente manipolate!

Ad esempio, il moto della terra, oppure l'organizzazione del sistema solare, se fossero questioni artificiose certamente sarebbe stato un fatto eclatante, e molti se ne sarebbero sicuramente accorti!


Citazione:
E questo ti basta fratello Benyamin? questo ti basta per sostenere che quello che vedi in foto o in video esista necessariamente?


No, non intendevo affermare che le evidenze sensibili mi sono sufficienti. Intendevo esprimere il fatto che ho l'impressione che per noi sia semplicissimo essere legati alla materia, poiché essa ci circonda e noi stessi siamo composti da essa, ma al contempo è estremamente difficile se non quasi impossibile avere con Allah la medesima "familiarità" che abbiamo con la materia, e questo ci induce a non credere, come sta accadendo con me ultimamente.

In pratica: Se Allah esiste, ci è lontano, questa è la mia impressione. E' probabile che ad alcuni sia vicino e ad altri lontano, ma anche in questo caso io percepisco che Egli mi è lontano.


Citazione:
Perchè mai dovrebbe suscitare dubbi fratello? La verità è una. I Profeti sono sempre gli stessi e Allah è Eterno. Dunque, qual è il problema?
Inoltre le storie non sono identiche: nel Corano vi sono storie di profeti molto più dettagliate e precise!


Ma sono narrazioni antiche migliaia di anni, come è possibile che siano completamente attendibili?

Inoltre molti racconti delle vite dei profeti si riscontrano anche in culture di antichi popoli politeisti, come quello del diluvio universale e del profeta Noè ad esempio. Anche nella cultura azteca, africana e sumero-babilonese esiste una narrazione analoga a quella proposta dalle religioni tradizionali abramitiche. Tuttavia le figure di Noè proposte in altre tradizioni sono talvolta estremamente differenti da quella del Noè islamico (questo vale anche per molti altri profeti).

Sono queste le ambiguità che mi tormentano.


Citazione:
Il fatto di conoscere "il tuo destino" implica che non può crearti? E' forse impossibile per Dio creare conoscendo già il tuo destino?

In cosa consiste dunque la "irrazionalità" ?
Citazione:


Mi spiego meglio.

Mi riferivo al concetto di predestinazione, che se non erro appartiene alla teologia islamica. Se ognuno di noi è predestinato, ogni nostra azione era già stata stabilita.

Ma per quale motivo ciò che è stato stabilito "in potenza" deve necessariamente tradursi in atto?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Benyamin
Affezionato
Affezionato


Registrato: 25/05/13 18:47
Messaggi: 44

MessaggioInviato: Sab Giu 01, 2013 1:33 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ho commesso un errore al momento dell'invio. Nel mio ultimo messaggio l'ultima citazione è in realtà la mia risposta alla citazione che la precede. Scusate.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2136

MessaggioInviato: Sab Giu 01, 2013 2:02 pm    Oggetto: Rispondi citando

Assalamu 'alaikum wa rahmatullahi wa barakatuh,

Ti consiglio anche questo video fratello, tratta proprio il tema della "testimonianza", forse ti aiuterà.


_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2136

MessaggioInviato: Sab Giu 01, 2013 2:12 pm    Oggetto: Rispondi citando

altro consiglio, dai un'occhiata anche a questo thread:
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Cerca di approfondire anche i tuoi studi sul Qur'an. E soprattutto fai du'a e chiedi ad Allah di aiutarti e a rafforzare la tua certezza.

Puoi conoscere Allah anche tramite le preghiere, tramite i du'a, alhamdulilah Allah risponde ai du'a, quindi fai sempre du'a!

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Benyamin
Affezionato
Affezionato


Registrato: 25/05/13 18:47
Messaggi: 44

MessaggioInviato: Sab Giu 01, 2013 2:19 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Puoi conoscere Allah anche tramite le preghiere, tramite i du'a, alhamdulilah Allah risponde ai du'a, quindi fai sempre du'a!


Io i du'a generalmente li compio, ma per compiere i du'a occorre avere fede.

Ora credo di aver perduto la fede, quindi è superfluo che compia du'a se non sono certo del fatto che essi abbiano qualche utilità, o sbaglio?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2136

MessaggioInviato: Sab Giu 01, 2013 2:27 pm    Oggetto: Rispondi citando

Benyamin ha scritto:
Citazione:
Puoi conoscere Allah anche tramite le preghiere, tramite i du'a, alhamdulilah Allah risponde ai du'a, quindi fai sempre du'a!


Io i du'a generalmente li compio, ma per compiere i du'a occorre avere fede.

Ora credo di aver perduto la fede, quindi è superfluo che compia du'a se non sono certo del fatto che essi abbiano qualche utilità, o sbaglio?


La domanda è: tu vorresti credere in Dio, sinceramente? Desideri con tutto il cuore onestamente di ricevere la guida da Dio?

Se sì, allora fai du'a. Non importa se ti senti così, se senti di aver perso la fede, parla con Allah e digli che ti senti così ma che in realtà detesti sentirti così e vorresti avere fede e ricevere la sua guida, e quindi chiedigli di guidarti!.

Io sono convinta che i tuoi dubbi non siano altro che sussurri satanici (waswas).

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 22:31
Messaggi: 1098

MessaggioInviato: Sab Giu 01, 2013 2:42 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:

Ovviamente anche la scienza del dunya è esposta a manipolazioni e mistificazioni, ma le informazioni principali non possono essere state deliberatamente manipolate!

Ad esempio, il moto della terra, oppure l'organizzazione del sistema solare, se fossero questioni artificiose certamente sarebbe stato un fatto eclatante, e molti se ne sarebbero sicuramente accorti!


Si parla di certezza no?

Quando dici "non possono essere state deliberatamente manipolate" significa che per il solo fatto di non volerle pensare manipolate siano così anche nella realtà?

Mi sembra molto chiaro l'esempio da me citato precedentemente: " Perchè mai non potrebbe essere frutto di artificio l'idea di terra che vedi nelle foto o nei video? Perchè mai la gente attorno a te non potrebbe essersi messa d'accordo un giorno, magari prima della tua nascita, e aver deciso di farti credere tutte queste cose? "

Il punto è che decidere cosa mettere in dubbio e cosa no senza una metodologia appropriata è un atteggiamento illogico ed irrazionale!


Citazione:
No, non intendevo affermare che le evidenze sensibili mi sono sufficienti...


Questa è la risposta che mi hai dato e che dovrebbe bastarti.

Che sia difficile poi, è un altro discorso.

E' un discorso strano quello che mi fai; è come se io decidessi di non credere più nell'esistenza di un mio amico solo perchè ora non si trova sotto le mie percezioni sensoriali..

E' logicamente impossibile cogliere l'Essenza di Allah con le percezioni sensoriali, è tuttavia possibile cogliere la Sua Esistenza e comprenderne poi gli attributi mediante le percezioni.

Che Allah ti sembra lontano è frutto di un gioco satanico. Satana vuole sviarti e cerca in tutti i modi di farti credere questo. Allah swt ci avvertito a riguardo nel Nobile Corano. :-)


Citazione:

Ma sono narrazioni antiche migliaia di anni, come è possibile che siano completamente attendibili?

Inoltre molti racconti delle vite dei profeti si riscontrano anche in culture di antichi popoli politeisti, come quello del diluvio universale e del profeta Noè ad esempio. Anche nella cultura azteca, africana e sumero-babilonese esiste una narrazione analoga a quella proposta dalle religioni tradizionali abramitiche. Tuttavia le figure di Noè proposte in altre tradizioni sono talvolta estremamente differenti da quella del Noè islamico (questo vale anche per molti altri profeti).

Sono queste le ambiguità che mi tormentano.


Ottime osservazioni queste.

Il discorso sul dubbio voleva sottolineare proprio questo punto.
Come facciamo noi ora a stabilire cosa è attendibile e cosa non lo è?

Capisci bene che possiamo mettere in dubbio qualsiasi cosa anche ciò che ci sembra il più attendibile possibile.

Appare chiaro allora che per poter rispondere a tali domande bisogna acquisire una metodologia di studio e ricerca. Una metodologia che limiti il mio dubbio (che altrimenti investirebbe ogni cosa) a ciò che mertita davvero il nostro dubitare. Dobbiamo allora dubitare solo su ciò su cui è ragionevole dubitare, pena il cadere nell'incoerenza e nello sviamento più totale.

Se hai capito questo importantissimo concetto possiamo proseguire e rispondere alle tue domande.

Citazione:

Mi spiego meglio.

Mi riferivo al concetto di predestinazione, che se non erro appartiene alla teologia islamica. Se ognuno di noi è predestinato, ogni nostra azione era già stata stabilita.

Ma per quale motivo ciò che è stato stabilito "in potenza" deve necessariamente tradursi in atto?


Nessuno sostiene che ciò che sia "in potenza" debba necessariamente tradursi "in atto".

In questo modo stai attribuendo a Dio, qualità umane. Allah essendo l'Eterno (senza inizio e senza fine) non "passa" da uno stato di potenza ad uno stato "in atto". E ciò vale sia per la Sua essenza che per i suoi Attributi.

Il discorso di "potenza" ed "atto" è una distinzione che ha senso solo per il creato e non per il Creatore!

Sostenere il contrario equivale a sostenere che Dio è in realtà una creatura. Il che equivale ad una contraddizione logica.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Benyamin
Affezionato
Affezionato


Registrato: 25/05/13 18:47
Messaggi: 44

MessaggioInviato: Sab Giu 01, 2013 3:02 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Nessuno sostiene che ciò che sia "in potenza" debba necessariamente tradursi "in atto".

In questo modo stai attribuendo a Dio, qualità umane. Allah essendo l'Eterno (senza inizio e senza fine) non "passa" da uno stato di potenza ad uno stato "in atto". E ciò vale sia per la Sua essenza che per i suoi Attributi.

Il discorso di "potenza" ed "atto" è una distinzione che ha senso solo per il creato e non per il Creatore!

Sostenere il contrario equivale a sostenere che Dio è in realtà una creatura. Il che equivale ad una contraddizione logica.


Mi riferivo alla potenzialità del destino dell'anima. Se Allah ha stabilito il destino della nostra anima prima che nascessimo, significa che la nostra vita non ce la costruiamo noi, e quindi la nostra stessa esistenza sarebbe inutile, così come ogni tentativo di cambiarla.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Benyamin
Affezionato
Affezionato


Registrato: 25/05/13 18:47
Messaggi: 44

MessaggioInviato: Sab Giu 01, 2013 3:03 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ottime osservazioni queste.
Citazione:

Il discorso sul dubbio voleva sottolineare proprio questo punto.
Come facciamo noi ora a stabilire cosa è attendibile e cosa non lo è?

Capisci bene che possiamo mettere in dubbio qualsiasi cosa anche ciò che ci sembra il più attendibile possibile.

Appare chiaro allora che per poter rispondere a tali domande bisogna acquisire una metodologia di studio e ricerca. Una metodologia che limiti il mio dubbio (che altrimenti investirebbe ogni cosa) a ciò che mertita davvero il nostro dubitare. Dobbiamo allora dubitare solo su ciò su cui è ragionevole dubitare, pena il cadere nell'incoerenza e nello sviamento più totale.

Se hai capito questo importantissimo concetto possiamo proseguire e rispondere alle tue domande.


Quindi le soluzioni al dubbio sarebbero lo studio e la ricerca?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 22:31
Messaggi: 1098

MessaggioInviato: Sab Giu 01, 2013 3:47 pm    Oggetto: Rispondi citando

Benyamin ha scritto:
Citazione:
Nessuno sostiene che ciò che sia "in potenza" debba necessariamente tradursi "in atto".

In questo modo stai attribuendo a Dio, qualità umane. Allah essendo l'Eterno (senza inizio e senza fine) non "passa" da uno stato di potenza ad uno stato "in atto". E ciò vale sia per la Sua essenza che per i suoi Attributi.

Il discorso di "potenza" ed "atto" è una distinzione che ha senso solo per il creato e non per il Creatore!

Sostenere il contrario equivale a sostenere che Dio è in realtà una creatura. Il che equivale ad una contraddizione logica.


Mi riferivo alla potenzialità del destino dell'anima. Se Allah ha stabilito il destino della nostra anima prima che nascessimo, significa che la nostra vita non ce la costruiamo noi, e quindi la nostra stessa esistenza sarebbe inutile, così come ogni tentativo di cambiarla.



Allah ha stabilito ogni cosa.
Ha stabilito la tua nascita come la tua morte, ha stabilito i tuoi pensieri come i tuoi atti.
Chiunque sostenga il contrario che siano cristiani, ebrei o atei implicitamente sta negando l'Onnipotenza divina. Attributo fondamentale, senza il quale non è possibile l'esistenza del creato.

Che cosa significa allora questo?

Significa per caso che non possiamo decidere che cosa fare di noi?
Significa che non siamo liberi? Significa che non mi posso conquistare il Paradiso per mezzo dei miei meriti?

NO!

Non significa tutto questo. La libertà è una consapevolezza. E siamo "liberi" fintanto che siamo coscenti del fatto che nessuno ci impedisce "il verificarsi delle possibilità".

Prendiamo come esempio un rapinatore che ci lega le mani e ci incatena ad un palo.
In quel momento ci sentiamo non-liberi e quindi costretti in quanto ci è impedito in il verificarsi di alcune possibilità come l'alzarmi, il poter bere o il potermi grattare la capa ecc.. :)

La predestinazione è diversa. Noi esseri umani siamo "liberi". E siamo "liberi" perchè tutto ciò che ci passa per la mente siamo in grado di farlo: se ho vo glia di bere so che lo posso fare e questa possibilità non mi è impedita (il verificarsi delle possibilità non è impedito).

Il concetto di creatura è un concetto non compatibile con il concetto di "illimitatezza" o di "Libertà" pura, che sono proprie invece di Dio.

Chiunque sostenga il contrario che sia cristiano,ebreo o ateo non è altro che un "bugiardo fabbricatore."

Abbiamo tutte le possibilità di cambiare la nostra vita in meglio; siamo responsabili della nostra vita in quanto agiamo secondo volontà.

Chiedere di essere e agire indipendentemenet dalla volontà divina è forma di ribellione nei confronti di Colui su cui TUTTO Può.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 22:31
Messaggi: 1098

MessaggioInviato: Sab Giu 01, 2013 3:57 pm    Oggetto: Rispondi citando

Benyamin ha scritto:
Ottime osservazioni queste.
Citazione:

Il discorso sul dubbio voleva sottolineare proprio questo punto.
Come facciamo noi ora a stabilire cosa è attendibile e cosa non lo è?

Capisci bene che possiamo mettere in dubbio qualsiasi cosa anche ciò che ci sembra il più attendibile possibile.

Appare chiaro allora che per poter rispondere a tali domande bisogna acquisire una metodologia di studio e ricerca. Una metodologia che limiti il mio dubbio (che altrimenti investirebbe ogni cosa) a ciò che mertita davvero il nostro dubitare. Dobbiamo allora dubitare solo su ciò su cui è ragionevole dubitare, pena il cadere nell'incoerenza e nello sviamento più totale.

Se hai capito questo importantissimo concetto possiamo proseguire e rispondere alle tue domande.


Quindi le soluzioni al dubbio sarebbero lo studio e la ricerca?


Lo studio e la ricerca sono la soluzione ad ogni cosa.

Per comprendere la metodologia puoi fare affidamento al Nobile Corano.

Ho avuto prova diretta della straordinaria capacità di guida del Corano proprio su questi argomenti.

Allah nel Corano punisce i miscredenti e coloro che affermano determinate cose senza portare prova delle loro affermazioni. Allah punisce chi accusa senza prova. E Allah punisce chi nega una fonte attendibile senza prova..

Prenditi tutto il tempo che ti serve, leggi il Corano e rifletti sulle parole. La risposta è li. :-)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 22:31
Messaggi: 1098

MessaggioInviato: Sab Giu 01, 2013 4:08 pm    Oggetto: Rispondi citando

# correzione:
...
Non significa tutto questo. La libertà è una consapevolezza. E siamo "liberi" fintanto che siamo coscenti del fatto che nessuno ci impedisce "il verificarsi delle possibilità".

Prendiamo come esempio un rapinatore che ci lega le mani e ci incatena ad un palo.
In quel momento ci sentiamo non-liberi e quindi costretti in quanto ci è impedito in il verificarsi di alcune possibilità come l'alzarmi, il poter bere o il potermi grattare la capa ecc.. :)
...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2136

MessaggioInviato: Dom Giu 02, 2013 1:04 am    Oggetto: Bismilahi Rrahmani Rrahim Rispondi citando

Assalamu 'alaikum wa rahmatullahi wa barakatuh,

avrei un altro consiglio:

“Reflect upon the creation and do not reflect upon Allah” (Silsilat as-saheehah, 1788)


Non dovresti cercare di percepire la presenza di Allah, o di capire la natura di Allah!

E' vero che noi riusciamo a comprendere le cose anche tramite i nostri sensi, ma le cose materiali o che ci circondano. Dio non è nulla di tutto questo, non è una materia, non è una cosa che tu puoi percepire con i tuoi sensi perchè Allah è illimitato, infinito, eterno.. i tuoi sensi non lo sono, sono limitati e avvolte ci ingannano pure.

112.1. Di': Egli, Dio, è uno
112.2. Dio l'eterno;
112.3. non ha generato, non è stato generato
112.4. e nessuno è uguale a Lui.


Pensa ad esempio al mare, quando vedi il mare riesci a vederlo ma nonostante lo vedi, non riesci a vedere dove finisce.. lo vedi nell'insieme in generale e basta. Non so se mi spiego. Quindi in questo caso la tua vista non è sufficiente per percepire perfettamente e esattamente nemmeno il mare. Pensa che Allah invece è più grande del mare e dell'universo stesso.
E' inimmaginabile, non puoi comprendere Dio, il nostro intelletto non è sufficiente, perchè se il nostro intelletto fosse sufficiente per comprendere Dio allora sarebbe un intelletto infinito, una saggezza infinita come quella di Dio.. ma sappiamo bene che questo non è possibile, nessuna creatura può possedere le qualità divine. Ecco perchè Allah ci chiede solamente di fidarci di lui e non di capire lui o di percepirlo.

Tutta via è vero che è necessario capire che Allah esiste, ma un conto è capire che Allah esiste e un conto è capire Allah, e a me mi sembra che Shaytan sta cercando di ingannarti e di spingerti in questa trappola sussurrandoti che per capire l'esistenza di Allah devi poter capire e/o percepire Allah, correggimi se sbaglio. Ma questo è falso, non è necessario capire e percepire Allah, o la sua essenza o natura, per poter capire che lui esiste e per avere quindi la certezza nella Sua esistenza. Infatti non è possibile per noi comprendere Allah, non dobbiamo.. e Shaytan questo lo sa e quindi probabilmente è per questo che ti sta sussurrando questi dubbi.

L'esistenza di Allah puoi capirla tramite i suoi segni.

Dio ci parla tramite segni che puoi trovare ovunque, nell'universo, nel mondo, in te stesso.. nel Qur'an. E questi segni sono anche la creazione di Allah. Quindi rifletti sulla sua creazione.

Ti faccio un esempio.

In questo momento starai leggendo il mio post, secondo te io esisto realmente oppure no? come fai ad essere certo che io esisto realmente e che sono una persona senza potermi percepire con nessuno dei sensi?

Ovviamente perchè stai leggendo il mio messaggio, in questo caso stai leggendo una scrittura e questa scrittura non è altro che un insieme di segni, giusto? Dunque stai utilizzando uno dei tuoi sensi, in questo caso la vista per vedere=percepire quello che ho scritto, quindi percepisci la scrittura ma non me, e utilizzando l'intelletto riesci a capire che se queste parole hanno un senso logico significa che sono un essere umano.

Ricapitolando, hai usato in questo caso uno dei tuoi sensi che è la vista per vedere i miei segni ma non me e poi hai usato l'intelletto per capire che se questi segni hanno un significato significa che sono un essere umano.

La stessa cosa dovresti fare per comprendere l'esistenza di Dio e attenzione non Dio stesso, quindi dovresti usare i tuoi sensi e il tuo intelletto per capire e riflettere sui segni di Dio, sulla Sua creazione ma non su Dio stesso.

Così come avrai capito senza percepirmi che esisto allo stesso modo dovresti capire che Dio esiste senza percepirlo e comprenderlo.

Infatti in questo momento avrai capito il mio messaggio ma non me come persona solo perchè hai capito questo messaggio.
Stessa cosa con Dio, solo perchè hai capito il suo messaggio non significa che hai capito Dio. Dio non si può capire e comprendere, il suo messaggio però sì.. quindi non fare questo errore e cerca di capire il suo messaggio e i suoi segni anzichè Dio.

Spero questo ti sarà utile.

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2136

MessaggioInviato: Dom Giu 02, 2013 1:10 am    Oggetto: Re: Bismilahi Rrahmani Rrahim Rispondi citando

Starlight al-Darwisha ha scritto:

Dio ci parla tramite segni che puoi trovare ovunque, nell'universo, nel mondo, in te stesso.. nel Qur'an. E questi segni sono anche la creazione di Allah. Quindi rifletti sulla sua creazione.


stai attento su una cosa, non mi sono spiegata bene in questo punto. Per segni=creazione di Allah intendo segni creati, quindi creature di Allah. Nel caso del Qur'an stai attento con la questione della parola di Allah. Da quello che ho capito io, poi correggetemi se dico qualcosa di sbagliato, la parola di Allah non è creata.

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Benyamin
Affezionato
Affezionato


Registrato: 25/05/13 18:47
Messaggi: 44

MessaggioInviato: Mar Giu 04, 2013 12:50 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Così come avrai capito senza percepirmi che esisto allo stesso modo dovresti capire che Dio esiste senza percepirlo e comprenderlo.

Infatti in questo momento avrai capito il mio messaggio ma non me come persona solo perchè hai capito questo messaggio.
Stessa cosa con Dio, solo perchè hai capito il suo messaggio non significa che hai capito Dio. Dio non si può capire e comprendere, il suo messaggio però sì.. quindi non fare questo errore e cerca di capire il suo messaggio e i suoi segni anzichè Dio.

Spero questo ti sarà utile.


Chiarissimo, ti ringrazio. In effetti era l'essenza di Dio che intendevo conoscere, non la Sua esistenza.

Tuttavia, avrei un'ultima considerazione. Nel Qur'an sono esplicati gli attributi di Allah, con particolare riferimento al fatto che Egli è eterno, ineguagliabile e via discorrendo. Riflettendo in merito a questi attributi mi sono ricordato del fatto che il Qur'an non è il primo né l'unico ambito in cui essi sono esplicati, poiché prima della Rivelazione coranica, e persino prima della nascita di Gesù Cristo, alcuni filosofi, specialmente greci, avevano prospettato l'esistenza di un essere superiore e gli avevano attribuito praticamente le medesime caratteristiche che nel Qur'an sono attribuite ad Allah.

Fra questi filosofi i principali che mi vengono in mente sono ad esempio, Parmenide; Eraclito; Platone e Aristotele. Quest'ultimo elabora persino una concezione semi-monoteista di un Dio quale motore primo del cosmo.

Ora io mi domando: esiste la possibilità di stabilire con certezza che nell'Arabia pre-islamica non vi furono filosofi che formularono teorie simili a quelle dei filosofi greci, o che comunque le teorie pseudo-monoteiste greche non si diffusero in qualche modo anche nella penisola arabica?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2136

MessaggioInviato: Mar Giu 04, 2013 1:42 pm    Oggetto: Bismilahi Rrahmani Rrahim. Rispondi citando

Benyamin ha scritto:
Citazione:
Così come avrai capito senza percepirmi che esisto allo stesso modo dovresti capire che Dio esiste senza percepirlo e comprenderlo.

Infatti in questo momento avrai capito il mio messaggio ma non me come persona solo perchè hai capito questo messaggio.
Stessa cosa con Dio, solo perchè hai capito il suo messaggio non significa che hai capito Dio. Dio non si può capire e comprendere, il suo messaggio però sì.. quindi non fare questo errore e cerca di capire il suo messaggio e i suoi segni anzichè Dio.

Spero questo ti sarà utile.


Chiarissimo, ti ringrazio. In effetti era l'essenza di Dio che intendevo conoscere, non la Sua esistenza.

Tuttavia, avrei un'ultima considerazione. Nel Qur'an sono esplicati gli attributi di Allah, con particolare riferimento al fatto che Egli è eterno, ineguagliabile e via discorrendo. Riflettendo in merito a questi attributi mi sono ricordato del fatto che il Qur'an non è il primo né l'unico ambito in cui essi sono esplicati, poiché prima della Rivelazione coranica, e persino prima della nascita di Gesù Cristo, alcuni filosofi, specialmente greci, avevano prospettato l'esistenza di un essere superiore e gli avevano attribuito praticamente le medesime caratteristiche che nel Qur'an sono attribuite ad Allah.

Fra questi filosofi i principali che mi vengono in mente sono ad esempio, Parmenide; Eraclito; Platone e Aristotele. Quest'ultimo elabora persino una concezione semi-monoteista di un Dio quale motore primo del cosmo.

Ora io mi domando: esiste la possibilità di stabilire con certezza che nell'Arabia pre-islamica non vi furono filosofi che formularono teorie simili a quelle dei filosofi greci, o che comunque le teorie pseudo-monoteiste greche non si diffusero in qualche modo anche nella penisola arabica?


Sinceramente non lo, ma comunque ne dubito che fosse diffusa la filosofia a quell'epoca, semmai si è diffusa dopo la rivelazione del Qur'an, quando glia arabi avevano cominciato a scrivere e a viaggiare alla ricerca della conoscenza.

Credo che l'intuizione che esiste un Dio ce l'abbiamo tutti, è una cosa innata direi, perchè se Dio ci ha dato l'intelletto è sicuramente per permetterci di intuire proprio tramite l'intelletto che sicuramente qualcosa di superiore esiste.
Solo che nè il nostro intelletto e nemmeno l'intuito basta per essere guidati, non possiamo guidarci da soli anche se intuissimo l'esistenza di un essere superiore, proprio perchè ad un certo punto senza la guida di Allah, Shaytan ci svierebbe, proprio come è successo con gli atei.
Infatti loro non è che non intuiscono che esiste un essere superiore solo che sono convinti che è uno scherzo del loro cervello se lo intuiscono, quindi non ci credono lo stesso.

Ma con la guida di Allah e con il Suo messaggio anche il tuo stesso intelletto può essere guidato per capire quello che è giusto, quello che non lo è.
Nel caso del Qur'an per renderti conto che proprio il Qur'an è un miracolo in modo che tu non possa mai dubitare dell'esistenza di Dio.

Una volta stavo leggendo un articolo, se lo trovo lo riporto inshaaAllah, in cui si parlava di diversi gradi di "guida" e si diceva che il primo grado sarebbe quello di concepire e intuire l'esistenza di un Dio in modo naturale, perchè ce l'abbiamo dentro di noi. E l'altro grado sarebbe ricevere la guida di Dio nella sua rivelazione, es. Qur'an, ecc.

E da quello che ricordo coloro che ricevono la guida successiva sono coloro che non negano il primo livello di guida, quello che avevo definito "innato"!

Quindi è probabile che questi filosofi ci siano arrivati a concepire un Dio unico tramite il loro intuito, intelletto. Non è nulla di strano o di meravigliarsi secondo me.

Comunque ricordati che il nostro profeta s.a.s non sapeva nè leggere e nè scrivere.
E inoltre gli arabi hanno cominciato a leggere e a scrivere dopo la rivelazione del Qur'an. Prima della rivelazione del Qur'an non ci sono dei documenti certi che attestino che gli arabi erano abituati a leggere e a scrivere ma il contrario.

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2136

MessaggioInviato: Mar Giu 04, 2013 1:43 pm    Oggetto: Re: Bismilahi Rrahmani Rrahim. Rispondi citando

Starlight al-Darwisha ha scritto:


Sinceramente non lo,


volevo dire non lo so, ma qualche volta dalla fretta di scrivere mi scordo di finire la frase!

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2767
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Dom Giu 30, 2013 9:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Chiarissimo, ti ringrazio. In effetti era l'essenza di Dio che intendevo conoscere, non la Sua esistenza.

Tuttavia, avrei un'ultima considerazione. Nel Qur'an sono esplicati gli attributi di Allah, con particolare riferimento al fatto che Egli è eterno, ineguagliabile e via discorrendo. Riflettendo in merito a questi attributi mi sono ricordato del fatto che il Qur'an non è il primo né l'unico ambito in cui essi sono esplicati, poiché prima della Rivelazione coranica, e persino prima della nascita di Gesù Cristo, alcuni filosofi, specialmente greci, avevano prospettato l'esistenza di un essere superiore e gli avevano attribuito praticamente le medesime caratteristiche che nel Qur'an sono attribuite ad Allah.

Citazione:


Fra questi filosofi i principali che mi vengono in mente sono ad esempio, Parmenide; Eraclito; Platone e Aristotele. Quest'ultimo elabora persino una concezione semi-monoteista di un Dio quale motore primo del cosmo.

Ora io mi domando: esiste la possibilità di stabilire con certezza che nell'Arabia pre-islamica non vi furono filosofi che formularono teorie simili a quelle dei filosofi greci, o che comunque le teorie pseudo-monoteiste greche non si diffusero in qualche modo anche nella penisola arabica


Innanzitutto nella Grecia del VII secolo si riteneva che la perfezione spettasse necessariamente ad una realtà Finita e limitata, ma soprattutto era loro completamente alieno il concetto di creazione: ritenevano che la materia fosse eterna, increata e al massimo plasmata-
Quindi una concezione creazionista e che concepisce Dio come Infinito e non come finito non può essere di derivazione Greca-

Secondo poi una grande mistificazione che è stata portata avanti da discipline quali l'antropologia delle religioni, la sociologia e la psicologia e da determinati filosofi sulla scorta di Feuerbach è la seguente: l'uomo ha bisogno di Dio quindi Dio è il prodotto immaginario di una proiezione dei bisogni dell'uomo.
In realtà in questa affermazione che ha la falsa pretesa di dimostrare che Dio non esiste, vi è una profonda fallacia logica che emerge più chiaramente si si applica lo stesso (s)"ragionamento" ad altri esempi:
l'uomo ha bisogno di mangiare ergo il cibo è un prodotto creato dalla sua immaginazione proiettiva per poter soddisfare questo suo bisogno di cibo.
Piuttosto sarebbe da chiedersi come mai l'uomo ha un così forte bisogno di qualcosa che non esiste. Perchè è limitato, perchè ha paura della morte ecc. direbbero alcuni.
Ma allora come mai nel regno animale non scorgiamo costruzioni di totem che raffigurano il Dio-formica o qualche altra divinità creata a immagine e somiglianza degli animali?
Perchè noi abbiamo una coscienza e loro no. Ok. Ma come è possibile che la sola natura possa partorire un fenomeno così inspiegabile quale appunto è quello della coscienza?
E come è possibile che la natura abbia dato vita ad un essere che alla desolante idea di essere solo natura e non qualcosa di più, subito pensa a togliersi la vita e si dispera?
Il mio consiglio è questo:
quando ti vengono forti dubbi in merito all'esistenza di Dio, applica il ragionamento contrario: parti dal momentaneo presupposto che tu sei solo natura e nulla più e chiediti se questa visione è poi così razionale-
Vedrai che ad un certo punto la tua mente verrà sommersa da tanti" Ma se sono solo natura come è possibile questo e quello" e in questo modo i tuoi dubbi si placheranno.
Ma soprattutto non desistere dalla preghiera perchè è da Dio che dipende il nostro aver fede in lui e non solo da noi stessi.
Citazione:

Ora io mi domando: esiste la possibilità di stabilire con certezza che nell'Arabia pre-islamica non vi furono filosofi che formularono teorie simili a quelle dei filosofi greci, o che comunque le teorie pseudo-monoteiste greche non si diffusero in qualche modo anche nella penisola arabica?


Nell'Arabia Pre-Islamica c'erano anche alcuni Hunafa (monoteisti).
Ma 1. Il Corano è stato preceduto da altre rivelazioni( Torah, Injil e altre rivelazioni (Una per ciascun popolo, dice il Corano anche se non sappiamo quali sono) quindi il messaggio monostesta era giunto all'Umanità da molto tempo.
2. Il Corano si ricollega alle precedenti rivelazioni. Non ha mai sostenuto di rivelare una verità mai prima d'allora rivelata all'Umanità. Ma di ultimare ed epurare la dottrina (che è sempre la stessa sin dalla prima rivelazione) da tutte le modifiche che questa aveva subito per opera degli uomini-

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Benyamin
Affezionato
Affezionato


Registrato: 25/05/13 18:47
Messaggi: 44

MessaggioInviato: Lun Lug 01, 2013 9:59 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Innanzitutto nella Grecia del VII secolo si riteneva che la perfezione spettasse necessariamente ad una realtà Finita e limitata, ma soprattutto era loro completamente alieno il concetto di creazione: ritenevano che la materia fosse eterna, increata e al massimo plasmata-
Quindi una concezione creazionista e che concepisce Dio come Infinito e non come finito non può essere di derivazione Greca-


I Greci conoscevano il concetto di creazione. Le figure di Demiurgo e Pantocratore rinviano proprio a questa concezione.

Comunque condivido il resto del tuo messaggio.[/quote]
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2767
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Lun Lug 01, 2013 11:26 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:

I Greci conoscevano il concetto di creazione. Le figure di Demiurgo e Pantocratore rinviano proprio a questa concezione.


No fratello. Il demiurgo è colui che da forma ad una materia informe da sempre esistente.
Non so dove tu abbia sentito parlare del pantocratore ma di nuovo è colui che ha potere (kratos) su tutto, non colui che crea.
Se ne avevano sentito parlare è solo perchè è un concetto presente nell'antico testamento. Ma era assolutamente inconcepibile per loro.
Dal niente nulla. Solo la trasformazione era concepibile. Non la creazione. [/quote]

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Hud
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 01/11/12 10:50
Messaggi: 267
Residenza: Madhhab: Hanafi

MessaggioInviato: Lun Lug 01, 2013 11:48 pm    Oggetto: Rispondi citando

Mujahidah Von Sor ha scritto:
Citazione:

I Greci conoscevano il concetto di creazione. Le figure di Demiurgo e Pantocratore rinviano proprio a questa concezione.


No fratello. Il demiurgo è colui che da forma ad una materia informe da sempre esistente.
Non so dove tu abbia sentito parlare del pantocratore ma di nuovo è colui che ha potere (kratos) su tutto, non colui che crea.
Se ne avevano sentito parlare è solo perchè è un concetto presente nell'antico testamento. Ma era assolutamente inconcepibile per loro.
Dal niente nulla. Solo la trasformazione era concepibile. Non la creazione.
[/quote]
Assalamu Alaykum sorella, anche io sono del tuo parere, per caso studi/hai studiato filosofia ?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2767
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Mar Lug 02, 2013 12:03 am    Oggetto: Rispondi citando

Wa Alejkum assalam, fratello.
si, studio filosofia. E tu per caso studi/hai studiato filosofia?

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Hud
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 01/11/12 10:50
Messaggi: 267
Residenza: Madhhab: Hanafi

MessaggioInviato: Mar Lug 02, 2013 12:56 am    Oggetto: Rispondi citando

Mujahidah Von Sor ha scritto:
Wa Alejkum assalam, fratello.
si, studio filosofia. E tu per caso studi/hai studiato filosofia?

Si sorella, ho studiato filosofia al Liceo Classico e poi per conto mio, ma ora sto cercando di addentrarmi nella teologia Islamica.
Comunque aver studiato filosofia aiuta ad argomentare bene, e si vede, nel tuo caso.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2136

MessaggioInviato: Gio Apr 17, 2014 11:11 pm    Oggetto: Rispondi citando

Starlight ha scritto:
Una volta stavo leggendo un articolo, se lo trovo lo riporto inshaaAllah, in cui si parlava di diversi gradi di "guida" e si diceva che il primo grado sarebbe quello di concepire e intuire l'esistenza di un Dio in modo naturale, perchè ce l'abbiamo dentro di noi. E l'altro grado sarebbe ricevere la guida di Dio nella sua rivelazione, es. Qur'an, ecc.

E da quello che ricordo coloro che ricevono la guida successiva sono coloro che non negano il primo livello di guida, quello che avevo definito "innato"!

Quindi è probabile che questi filosofi ci siano arrivati a concepire un Dio unico tramite il loro intuito, intelletto. Non è nulla di strano o di meravigliarsi secondo me.


Era questo il link che quella volta pensavo di postare ma non riuscivo a trovarlo:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Comunque, fratello Benyamin, innanzitutto Assalamu alaikum wa rahmatullahi wa barakatuh, mi ero imbattuta nel tuo thread e mi stavo chiedendo come stai ora? come va con il tuo iman? spero i tuoi dubbi si siano risolti insha'Allah. Allah ti guidi e ti protegga. Amin.

_________________

"and this too shall pass.."
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Accettare l'Islam; percorsi e problemi di fede Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.127