Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Guardami, potrei essere la strada
Vai a Precedente  1, 2
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Accettare l'Islam; percorsi e problemi di fede
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Ven Lug 10, 2020 5:59 am    Oggetto: Ads

Top
ABDULLAH2012
Affezionatissimo
Affezionatissimo


Registrato: 08/11/11 11:02
Messaggi: 70

MessaggioInviato: Lun Mar 25, 2013 10:55 pm    Oggetto: Rispondi citando

PRIMA COSA , IMPARA TUTTO SULLA PREGHIERA I SUOI RITUALI QUELLO CHE IS DEVE DIRE PRIMA DURANTE E DOPO, CERCA DI IMPARARE IL MEGLIO POSSIBILE LA PRONUNCIA DELLA SURA APRENTE DEL CORANO:
LA FATIHA, CON MEGLIO LA IMPARI CON PIU HAI PROBABILITA' CHE LA TUA PREGHIERA VENGA ACCETTATA
IMPARA COME SI RIPARA UNA SALAT, LA DIFFERENZA TRA PREGHIERE OBBLIGATORIE , SUPEROGATORIE E ENFATIZZATE, IL TEMPO PER OGNI SALAT E QUALCHE DU'A DA DIRE DOPO LA PREGHIERA
SECONDA COSA IMPARA A LEGGERE IL CORANO CON LE SORELLE
TERZO CERCA DI IMPARARE PIAN PIANO A CONCENTRARTI PIU CHE PUOI DURANTE LA PREGHIERA
IMPARA SE PUOI IL DAROOD CIOE' IL SALUTO AL NOSTRO PROFETA( SALLA ALLAHU LAAHY WA SALLAM) E LE VIRTU' IN ESSO CONTENUTE
LEGGI IL LIBRO: MUHAMMAD la sua vita secondo le fonti più antiche
di Martin Lings (lo dovresti trovare in bilbioteca)
IMPARA COSA VUOL DIRE SEGUIRE UNA DELLE 4 SCUOLE CANONICHE DI PENSIERO GIURIDICO E PERCHE E' ESSENZIALE FARE QUESTA SCELTA
ORA CONCENTRATI SULLA PREGHIERA E SULLA DIMENSIONE ESTERIORE E INTERIORE CHE LA CARATTERIZZA E CHE LA RENDE COSI SPECIALE
POI PENSERAI AL RAMADAN E ALLA ZAKAT E ALL HAJJ QUANDO VERRA' IL LORO TEMPO OPPORTUNO
NON LASCIARTI COINVOLGERE IN DISCUSSIONI FUTILI E ATTENTA ALLE TRAPPOLE DI shaitan
FREQUENTA PIU CHE PUOI LE SORELLE E LA MOSCHEA E NON AVER PAURA DI MOSTRARE IL TUO ISLAM NELLA SOCIETA' IN CUI VIVI MA ALLO STESSO TEMPO STAI IN GUARDIA COME UN LUPO
STUDIA APPROFONDISCI E METTI IN PRATICA PIU CHE PUOI LA SUNNAH
DEL NOSTRO PROFETA ( SALLA ALLAHU ALAHY WA SALLAM) NELLE RELAZIONI CON IL PROSSIMO , LA SUNNAH NELLE RELAZIONI CON I GENITORI NON CREDENTI E I PARENTI PIU PROSSIMI,NELLA RELAZIONE CON ALLAH,E CON IL PROPRIO MARITO/ MOGLIE E NEL COMMERCIO
NON PERDERE TEMPO CON INTERNET SE NON PER COSE STRETTAMENTE ESSENZIALI , EVITA LA TV , FACEBOOK, TWITTER ECT
E FAI DU'A COME MEGLIO TI VIENE , CHIEDI PERDONO PER TUTTI I MUSULMANI NEL MONDO E CHIEDI AD ALLAH DI ESSERE MIERICORDIOSO VERSO OGNUNO DI LORO, CHIEDI AD ALLAH DI GUIDARTI E MANTENERTI SUL VERO SIRAT AL MUSTAQIM, LA RETTA VIA E DI FARTI MORIRE COME MUSULMANA, INSCIALLAH
CHE ALLAH CONTINUI A VOLERTI BENE COME TE NE HA VOLUTO FINO AD ADESSO,E RICORDATI CHE TI HA GUIDATO NELL ISLAM,E NON E' FORSE QUESTA LA PIU GRANDE MANIFESTAZIONE DI COMPASSIONE E BENEVOLENZA MAI DIMOSTRATA NEI TUOI CONFRONTI???
SALAAM
Top
Profilo Invia messaggio privato
Merrjamal
Affezionato
Affezionato


Registrato: 29/12/12 00:39
Messaggi: 46

MessaggioInviato: Gio Mar 28, 2013 7:05 pm    Oggetto: Rispondi citando

Starlight, Umar, Fabb Yusuf, Baia, Abdullah2012, vi ringrazio di cuore dell'accoglienza, della disponibilità  e delle vostre bellissime parole!:)

Sapete, vorrei sapere se a qualcuno e' mai successo qualcosa di simile...dico questo con rammarico, mi dispiace tornare con queste notizie non totalmente esaltanti  ma questo non cancella tutta la bellezza che ho vissuto finora, e che Inshallah sara' sempre maggiore! Una parte di me credeva che dopo la Shahada magari avrei avuto un grandissimo trasporto nel pregare e nel vivere da musulmana, pero' questo non e' successo, e a volte mi prende lo sconforto...forse perché (lo so che sbaglio, non sono un esempio da seguire) non ho ancora iniziato a fare le Salat? So che sbaglio, me ne vergogno, pero' non ho sentito quel trasporto che mi portasse a farle!:( perche'? Cosa significa? Forse devo concentrarmi di più sul ricordo di Dio...mi sto rendendo conto di come nella quotidianità sia una sfida tenere sempre a mente questo ma nel contempo farlo sia la risposta più pura alla nostra natura di esseri umani (Islam=sottomissione ad Allah) solo che a causa di ciò mi sembra di essere scissa e mi preoccupo che avrei dovuto aspettare ancora prima di dire Shahada:/ ma poi mi dico che no, ho fatto bene a farla e che forse  un percorso come il mio e' normale, dato che per me e' del tutto nuovo (ri)abituarmi a pregare giornalmente più volte al giorno ecc...in più nei giorni successivi alla mia Shahada mi hanno preso di nuovo i soliti brutti pensieri, sentendo di cose terribili che accadono, di nuovo i perché sulla presenza della sofferenza e del dolore nel mondo, interrogativi sulla morte (perché Dio ha strutturato questo mondo con il dolore per dare una ricompensa nel prossimo? E' brutto dirlo pero' certi dolori sofferti dall'essere umano sembrano  sadismo evitabile. Tutta quella varietà di malattie e dolori che provocano... Mi perdoni Dio per quanto dico. E' meglio che esterni ciò che provo piuttosto che tenerlo dentro...) certo tutto questo non ha trovato risposta, mentirei se dicessi il contrario...una cosa positiva in questi miei pensieri la vedo, il fatto che nella sofferenza ci si può rivolgere solo a Dio e quindi anche il pensare sulla sofferenza può condurre a Lui...pero' quegli interrogativi che prendono allo stomaco permangono...
A volte, cmq, penso che Shaitan giochi con le mie paure, faccia leva su quelle...
Forse non devo colpevolizzarmi per le mie mancanze e farmi prendere dall'ansia...(temo di perdere del tutto la mia fede)
 leggero' di più il Corano.
A qualcuno e' mai capitato di non sentire questo trasporto?
Perché oscillo ancora? Forse la fede ardente, la fiducia ardente  si costruisce con il tempo...?
Ma com'è che prima di fare Shahada mi sentivo più presa e dopo  meno?! (finora)  a qualcuno e' mai successo? Non dovrebbe essere il contrario?! 
Non vorrei aver dato inconsciamente Dio per scontato, dato che inizio ora la mia vita da musulmana...
Io non voglio dubitare del fatto che Dio mi assista sempre, perché quel dubbio e' un waswas...piuttosto voglio pensare che sono io lontana o distratta...

In questo periodo in cui per i cristiani e' la settimana Santa e si preparano le celebrazioni per la Pasqua, io sento di più l'appartenenza all'Islam.

Spero che Dio mi conceda ancora quell'ardore.

Faro' du'a per voi, voi fatela per me:)
Grazie

_________________
Guardami, potrei essere la strada. -Rumi-

Dio è bello e ama la bellezza.

A Lui appartengono le navi, alte sul mare come colline...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2767
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Gio Mar 28, 2013 8:04 pm    Oggetto: Rispondi citando

Salam Aleikum sorella.
Innazitutto Mash'Allah per il tuo ingresso nell'Islam. Che Allah continui a guidarti sulla retta via.
Immagina quanto adesso shaytan stia digrignando i denti per aver perduto un cittadino del suo reame ( non nel senso che eri satanista ma nel senso che di fatto tutti coloro che vivono senza Islam vivono- volente o nolente- sotto il dominio di Shaytan). Adesso tu per lui sei una preda prediletta.
E' normale che proprio in questo momento tutto non sia rosa e fiori come ti aspettavi. Sei appena entrata e le braccia di shaytan cercano di afferrarti per riportarti fuori. E queste braccia prendono l'aspetto di sentimenti quali lo sconforto, la delusione, la paura, il disincanto ecc.
L'unico modo che hai per proteggerti è pregare. La preghiera è una corda che non si spezza. Tu aggrappati. Fai Dhikr e Du'a ma innanzitutto prega. Senza la preghiera la nostra fede si indebolisce sempre di più. Quanto la tua fede si sarà riinsaldata grazie alla preghiera, vedrai che Shaytan allenterà un pò la pressione.
Si, sorella. Io credo proprio che la fede ardente si costruisca nel tempo con la pazienza e la perseveranza. Se la Fede fosse questione di "attimi" Allah subhana wa taala non ci avrebbe donato la vita, ma attimi. Invece ci ha donato una vita in cui costruire giorno dopo giorno la fede in Lui e in ciò che ci aspetta dopo la vita.
E non verremo premiati per quanto abbiamo creduto in un qualche momento di 'estasi' (altrimenti forse tutti andrebbero in Paradiso perchè tutti in un momento o nell'altro hanno creduto con tutto il loro essere) ma per aver saputo far sopravvivere nel tempo quell'attimo, coltivandolo con amore e pazienza.
Quindi sorella ti consiglio vivamente di coltivare la fede cha Allah subhawna wa taala ti ha donato con la preghiera perchè la Salah è la fonte da cui trae nutrimento l'Iman.

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sayf79
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/12/12 19:24
Messaggi: 300

MessaggioInviato: Sab Mar 30, 2013 6:09 pm    Oggetto: Rispondi citando

MASHALLAH che bella notizia sorella, ricordo ancora quando ti era appena iscritta al forum e io era appena tornato a questa magnifica Religione di Verità, ricordo quanto bene ci si sente appena "convertiti", il momento più importante della vita, il momento da cui sono entrato nell'Islam, il momento da cui ho avuto una fede che miglioro di più ogni minuto che passa grazie allo studio, la lettura e la memorizzazione delle Surah, agli Hadith e alle Salat Sunnah che aiutano l'avvicinamento al Creatore (Gloria a Lui l'Altissimo). Sorella sei la prima che "ho visto" convertirsi in questo forum, l'ultimo "nuovo Musulmano" ero io. Alhamdulillah wa Subhanallah wa la ilaha illa Allah!
Ti auguro un buon futuro sorella.

_________________
Da Anas, Allâh sia soddisfatto di lui, che disse: «Ho udito l’Inviato di Allâh, la Grazia e la Pace divine siano su di lui, che diceva:

“Allâh, sia Egli esaltato, ha detto: ‘O figlio di Adamo, finché tu Mi invochi e Mi supplichi, ti perdonerò per ciò che proviene da te e non ne terrò conto. O figlio di Adamo, se i tuoi peccati raggiungessero le nuvole del cielo poi Mi chiedessi di perdonarti, ti perdonerei. O figlio di Adamo, se tu venissi da Me con dei peccati della grandezza della Terra poi Mi incontrassi senza associarMi nulla, verrei da te con un perdono altrettanto grande’”».

Lo ha trasmesso Tirmidhî (e così Ahmad ibn Hanbal) con una catena autentica di trasmettitori (wa sanadi-hi hasan).
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sayf79
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/12/12 19:24
Messaggi: 300

MessaggioInviato: Sab Mar 30, 2013 6:22 pm    Oggetto: Rispondi citando

Non preoccuparti sorella, pensa che io pochi giorni prima della Shahada avevo "paura", veramente! avevo paura di non essere un bravo Musulmano, un bravo credente, non ero pronto, ma poi mi sono accorto che erano tutte tentazioni di Shaytan. Temevo di non riuscure a pregare in tempo tutte le 5 Salat giornaliere, avevo paura del cibo lecito, del prossimo Ramadan, avevo (pensa) paura di "lasciare il mio modo di vivere" normale per passarne a uno più tormentato, ma ora mi rendo finalmente conto che ci vuole poco ad abituarsi, ti renderai INSHALLAH conto che con le Salat sei molto più sicura. non avere paura di pregare ad Allah (gloria a Egli) e se sbagli, chiedegli perdono che sarà accettato Inshallah. Avevo anche io, come dici tu, paura di perdere la fede ma basta crederci: leggi (قرأ!) bene il Qu'ran spesso, prega più frequentemente per rimanere sulla Retta Via Inshallah. Se hai dei dubbi sulla religione, qualcosa in cui non sei veramente convinta, cerca materiale su internet, sui libri o meglio ancora sul Qu'ran e saranno soddisfatti inshallah, per esempio io non credevo che il nome di Muhammad (pace su du lui) fosse nella Bibbia, invecie poi, documentandomi, ho scoprto che c'è! sia sul nuovo che sul antico Testamento e poi molti altri dubbi che avevo, ho soddisfatto Alhamdulillah, ricorda che c'è una riposta ad ogni tuo dubbio perchè l'Islam è la vera ed unica Religione.
Allah (swt) ti protegga sorella.

_________________
Da Anas, Allâh sia soddisfatto di lui, che disse: «Ho udito l’Inviato di Allâh, la Grazia e la Pace divine siano su di lui, che diceva:

“Allâh, sia Egli esaltato, ha detto: ‘O figlio di Adamo, finché tu Mi invochi e Mi supplichi, ti perdonerò per ciò che proviene da te e non ne terrò conto. O figlio di Adamo, se i tuoi peccati raggiungessero le nuvole del cielo poi Mi chiedessi di perdonarti, ti perdonerei. O figlio di Adamo, se tu venissi da Me con dei peccati della grandezza della Terra poi Mi incontrassi senza associarMi nulla, verrei da te con un perdono altrettanto grande’”».

Lo ha trasmesso Tirmidhî (e così Ahmad ibn Hanbal) con una catena autentica di trasmettitori (wa sanadi-hi hasan).
Top
Profilo Invia messaggio privato
Simo;
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 01/03/13 19:14
Messaggi: 1286
Residenza: Sono una sorella

MessaggioInviato: Sab Mar 30, 2013 11:34 pm    Oggetto: Rispondi citando

Merrjamal ha scritto:
Starlight, Umar, Fabb Yusuf, Baia, Abdullah2012, vi ringrazio di cuore dell'accoglienza, della disponibilità  e delle vostre bellissime parole!:)

Sapete, vorrei sapere se a qualcuno e' mai successo qualcosa di simile...dico questo con rammarico, mi dispiace tornare con queste notizie non totalmente esaltanti  ma questo non cancella tutta la bellezza che ho vissuto finora, e che Inshallah sara' sempre maggiore! Una parte di me credeva che dopo la Shahada magari avrei avuto un grandissimo trasporto nel pregare e nel vivere da musulmana, pero' questo non e' successo, e a volte mi prende lo sconforto...forse perché (lo so che sbaglio, non sono un esempio da seguire) non ho ancora iniziato a fare le Salat? So che sbaglio, me ne vergogno, pero' non ho sentito quel trasporto che mi portasse a farle!:( perche'? Cosa significa? Forse devo concentrarmi di più sul ricordo di Dio...mi sto rendendo conto di come nella quotidianità sia una sfida tenere sempre a mente questo ma nel contempo farlo sia la risposta più pura alla nostra natura di esseri umani (Islam=sottomissione ad Allah) solo che a causa di ciò mi sembra di essere scissa e mi preoccupo che avrei dovuto aspettare ancora prima di dire Shahada:/ ma poi mi dico che no, ho fatto bene a farla e che forse  un percorso come il mio e' normale, dato che per me e' del tutto nuovo (ri)abituarmi a pregare giornalmente più volte al giorno ecc...in più nei giorni successivi alla mia Shahada mi hanno preso di nuovo i soliti brutti pensieri, sentendo di cose terribili che accadono, di nuovo i perché sulla presenza della sofferenza e del dolore nel mondo, interrogativi sulla morte (perché Dio ha strutturato questo mondo con il dolore per dare una ricompensa nel prossimo? E' brutto dirlo pero' certi dolori sofferti dall'essere umano sembrano  sadismo evitabile. Tutta quella varietà di malattie e dolori che provocano... Mi perdoni Dio per quanto dico. E' meglio che esterni ciò che provo piuttosto che tenerlo dentro...) certo tutto questo non ha trovato risposta, mentirei se dicessi il contrario...una cosa positiva in questi miei pensieri la vedo, il fatto che nella sofferenza ci si può rivolgere solo a Dio e quindi anche il pensare sulla sofferenza può condurre a Lui...pero' quegli interrogativi che prendono allo stomaco permangono...
A volte, cmq, penso che Shaitan giochi con le mie paure, faccia leva su quelle...
Forse non devo colpevolizzarmi per le mie mancanze e farmi prendere dall'ansia...(temo di perdere del tutto la mia fede)
 leggero' di più il Corano.
A qualcuno e' mai capitato di non sentire questo trasporto?
Perché oscillo ancora? Forse la fede ardente, la fiducia ardente  si costruisce con il tempo...?
Ma com'è che prima di fare Shahada mi sentivo più presa e dopo  meno?! (finora)  a qualcuno e' mai successo? Non dovrebbe essere il contrario?! 
Non vorrei aver dato inconsciamente Dio per scontato, dato che inizio ora la mia vita da musulmana...
Io non voglio dubitare del fatto che Dio mi assista sempre, perché quel dubbio e' un waswas...piuttosto voglio pensare che sono io lontana o distratta...

In questo periodo in cui per i cristiani e' la settimana Santa e si preparano le celebrazioni per la Pasqua, io sento di più l'appartenenza all'Islam.

Spero che Dio mi conceda ancora quell'ardore.

Faro' du'a per voi, voi fatela per me:)
Grazie



A me ciò che descrivi tu succede tutt'ora, dopo un anno e qualche mese dal mio ritorno all'Islam! Ho continuamente brutti pensieri, tipo "non pregare, tanto..." oppure "ma chi te lo ha fatto fare di complicarti la vita con tutte queste regole, halal-haram, hijab ecc...?". Come già detto prima dalla sorella Mujahidah Von Sor, questo è Shaytan! Più tu ascolti questi pensieri, più loro aumentano, fidati! I consigli del fratello Sayf79 sono più che ottimi, prega anche se non hai voglia e vedrai che dopo un po' ti sentirai meglio e inizierai a sentire quel trasporto di cui parli! Sforzati mi raccomando. Quando ti vengono brutti pensieri o sensazioni, prova a dare a questi pensieri una risposta positiva, del tipo "Shaytan mi hai stufato,io non ritorno indietro!" (con me funziona, non sto scherzando). Cerca di contrattaccare! Io prima di mettere il velo, per colpa di questi pensieri, sono arrivata al punto di piangere per quarti d'ora, chiedendo ad Allah perchè non riuscissi ad eseguire un ordine da Lui dato: dopo una settimana con queste crisi di pianto ce l'ho fatta (con l'aiuto di Allah) e ora lo indosso; non ti nascondo che ora i pensieri vengono ancora per cercare di farmelo togliere! Quando inizierai a pregare, può essere che ti dimenticherai di colpo di cosa stai facendo, ma tu vai avanti, fai come non sia successo nulla! (se abiti con qualcuno potresti chiedere se, quando preghi, questo qualcuno possa controllare ciò che fai in modo che alla fine tu possa sapere con certezza di aver eseguito la Salat giustamente e non ti sentirai in dovere di rifarla)Non dare mai più peso a queste sensazioni anche se è difficile! Ti comprendo alla perfezione! Vorrei rimandarti anche a questo link, (l'argomento l'avevo aperto io proprio per un'analoga situazione) leggi tutti i post che ti saranno d'aiuto! [

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

]. Spero di esserti stata d'aiuto, e chiedo scusa se mi sono dilungata un po' troppo. Che Allah ti sostenga! Ah dimenticavo: se chiedi ad Allah di darti il sostegno per adempiere alle regole da Lui dettate, vedrai che ti aiuterà! [/url]
Top
Profilo Invia messaggio privato
Simo;
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 01/03/13 19:14
Messaggi: 1286
Residenza: Sono una sorella

MessaggioInviato: Sab Mar 30, 2013 11:49 pm    Oggetto: Rispondi citando

Merrjamal ha scritto:
Starlight, Umar, Fabb Yusuf, Baia, Abdullah2012, vi ringrazio di cuore dell'accoglienza, della disponibilità  e delle vostre bellissime parole!:)

Sapete, vorrei sapere se a qualcuno e' mai successo qualcosa di simile...dico questo con rammarico, mi dispiace tornare con queste notizie non totalmente esaltanti  ma questo non cancella tutta la bellezza che ho vissuto finora, e che Inshallah sara' sempre maggiore! Una parte di me credeva che dopo la Shahada magari avrei avuto un grandissimo trasporto nel pregare e nel vivere da musulmana, pero' questo non e' successo, e a volte mi prende lo sconforto...forse perché (lo so che sbaglio, non sono un esempio da seguire) non ho ancora iniziato a fare le Salat? So che sbaglio, me ne vergogno, pero' non ho sentito quel trasporto che mi portasse a farle!:( perche'? Cosa significa? Forse devo concentrarmi di più sul ricordo di Dio...mi sto rendendo conto di come nella quotidianità sia una sfida tenere sempre a mente questo ma nel contempo farlo sia la risposta più pura alla nostra natura di esseri umani (Islam=sottomissione ad Allah) solo che a causa di ciò mi sembra di essere scissa e mi preoccupo che avrei dovuto aspettare ancora prima di dire Shahada:/ ma poi mi dico che no, ho fatto bene a farla e che forse  un percorso come il mio e' normale, dato che per me e' del tutto nuovo (ri)abituarmi a pregare giornalmente più volte al giorno ecc...in più nei giorni successivi alla mia Shahada mi hanno preso di nuovo i soliti brutti pensieri, sentendo di cose terribili che accadono, di nuovo i perché sulla presenza della sofferenza e del dolore nel mondo, interrogativi sulla morte (perché Dio ha strutturato questo mondo con il dolore per dare una ricompensa nel prossimo? E' brutto dirlo pero' certi dolori sofferti dall'essere umano sembrano  sadismo evitabile. Tutta quella varietà di malattie e dolori che provocano... Mi perdoni Dio per quanto dico. E' meglio che esterni ciò che provo piuttosto che tenerlo dentro...) certo tutto questo non ha trovato risposta, mentirei se dicessi il contrario...una cosa positiva in questi miei pensieri la vedo, il fatto che nella sofferenza ci si può rivolgere solo a Dio e quindi anche il pensare sulla sofferenza può condurre a Lui...pero' quegli interrogativi che prendono allo stomaco permangono...
A volte, cmq, penso che Shaitan giochi con le mie paure, faccia leva su quelle...
Forse non devo colpevolizzarmi per le mie mancanze e farmi prendere dall'ansia...(temo di perdere del tutto la mia fede)
 leggero' di più il Corano.
A qualcuno e' mai capitato di non sentire questo trasporto?
Perché oscillo ancora? Forse la fede ardente, la fiducia ardente  si costruisce con il tempo...?
Ma com'è che prima di fare Shahada mi sentivo più presa e dopo  meno?! (finora)  a qualcuno e' mai successo? Non dovrebbe essere il contrario?! 
Non vorrei aver dato inconsciamente Dio per scontato, dato che inizio ora la mia vita da musulmana...
Io non voglio dubitare del fatto che Dio mi assista sempre, perché quel dubbio e' un waswas...piuttosto voglio pensare che sono io lontana o distratta...

In questo periodo in cui per i cristiani e' la settimana Santa e si preparano le celebrazioni per la Pasqua, io sento di più l'appartenenza all'Islam.

Spero che Dio mi conceda ancora quell'ardore.

Faro' du'a per voi, voi fatela per me:)
Grazie


Ho dimenticato alcune cose :)
Innanzi tutto benvenuta nell'Islam Hamdulillah!
Ricordati che Shaytan avrebbe voluto fortemente che tu avessi ritardato il tuo ritorno all'Islam. Ma tu sei stata più forte di lui, perchè hai deciso di seguire la via di Allah! Convinciti che tu hai fatto benissimo a pronunciare la Shahada, rifletti: Allah ha già deciso il nostro destino, pensa... Un esempio: una persona rimanda la pronuncia della testimonianza di fede per questo motivo o per un altro, i giorni passano, e questa persona ovviamente è tentata da Shaytan nel non pronunciarla. Poi arriva la sua ora, e lascia la vita terrena da miscredente solo perchè ha rimandato il momento, l'occasione per riservarsi un posto al Paradiso!
Quando fai un azione in nome di Allah, ricordati che stai lavorando per la tua vita nell'Aldilà; la vita terrena è solo un passaggio e allo stesso tempo una prova! Allah ti ha dato l'occasione di cambiare vita, e tu l'hai presa al volo scappando da Shaytan e pronunciando la Shahada! Esegui tutti i pilastri dell'Islam, inizia con le cose base e importanti. Rafforza giorno per giorno la tua fede, fai delle ricerche sulla religione, impara cose nuove. Stai a contatto con dei buoni musulmani e se riesci trova dei corsi in moschea per chi si è appena convertito! Ricorda: Allah ti ha voluto guidare sulla retta via, se chiedi a Lui, non ti lascerà mai sola!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Sab Apr 06, 2013 10:12 pm    Oggetto: Rispondi citando

Merrjamal ha scritto:
Sapete, vorrei sapere se a qualcuno e' mai successo qualcosa di simile...dico questo con rammarico, mi dispiace tornare con queste notizie non totalmente esaltanti  ma questo non cancella tutta la bellezza che ho vissuto finora, e che Inshallah sara' sempre maggiore! Una parte di me credeva che dopo la Shahada magari avrei avuto un grandissimo trasporto nel pregare e nel vivere da musulmana, pero' questo non e' successo, e a volte mi prende lo sconforto...forse perché (lo so che sbaglio, non sono un esempio da seguire) non ho ancora iniziato a fare le Salat? So che sbaglio, me ne vergogno, pero' non ho sentito quel trasporto che mi portasse a farle!:( perche'? Cosa significa? Forse devo concentrarmi di più sul ricordo di Dio...mi sto rendendo conto di come nella quotidianità sia una sfida tenere sempre a mente questo ma nel contempo farlo sia la risposta più pura alla nostra natura di esseri umani (Islam=sottomissione ad Allah) solo che a causa di ciò mi sembra di essere scissa e mi preoccupo che avrei dovuto aspettare ancora prima di dire Shahada:/ ma poi mi dico che no, ho fatto bene a farla e che forse  un percorso come il mio e' normale, dato che per me e' del tutto nuovo (ri)abituarmi a pregare giornalmente più volte al giorno ecc...in più nei giorni successivi alla mia Shahada mi hanno preso di nuovo i soliti brutti pensieri, sentendo di cose terribili che accadono, di nuovo i perché sulla presenza della sofferenza e del dolore nel mondo, interrogativi sulla morte (perché Dio ha strutturato questo mondo con il dolore per dare una ricompensa nel prossimo? E' brutto dirlo pero' certi dolori sofferti dall'essere umano sembrano  sadismo evitabile. Tutta quella varietà di malattie e dolori che provocano... Mi perdoni Dio per quanto dico. E' meglio che esterni ciò che provo piuttosto che tenerlo dentro...) certo tutto questo non ha trovato risposta, mentirei se dicessi il contrario...una cosa positiva in questi miei pensieri la vedo, il fatto che nella sofferenza ci si può rivolgere solo a Dio e quindi anche il pensare sulla sofferenza può condurre a Lui...pero' quegli interrogativi che prendono allo stomaco permangono...
A volte, cmq, penso che Shaitan giochi con le mie paure, faccia leva su quelle...
Forse non devo colpevolizzarmi per le mie mancanze e farmi prendere dall'ansia...(temo di perdere del tutto la mia fede)
 leggero' di più il Corano.
A qualcuno e' mai capitato di non sentire questo trasporto?
Perché oscillo ancora? Forse la fede ardente, la fiducia ardente  si costruisce con il tempo...?
Ma com'è che prima di fare Shahada mi sentivo più presa e dopo  meno?! (finora)  a qualcuno e' mai successo? Non dovrebbe essere il contrario?! 
Non vorrei aver dato inconsciamente Dio per scontato, dato che inizio ora la mia vita da musulmana...
Io non voglio dubitare del fatto che Dio mi assista sempre, perché quel dubbio e' un waswas...piuttosto voglio pensare che sono io lontana o distratta...


Sorella, credo che l'errore sia nel produrre tutti questi pensieri, nei quali lasci spazio a mille ipotesi ed apri le porte a milioni di dubbi.
Cerca di placare tutti questi pensieri ed "abbandonarti" di più; soprattutto inizia subito ad eseguire la Salah.

Allah ti ha fatto un dono enorme scegliendo te tra milioni di persone e guidandoti alla verità: non sottovalutare tale enorme dono e mostra a Dio la tua riconoscenza impegnandoti più che puoi ad obbedire ai Suoi ordini e rifuggire dalle Sue proibizioni partendo da quelli/e più importanti e fondamentali, e per il resto cercando di progredire gradualmente, un passo dopo l'altro ma con costanza.
E senza farti tutte queste domande sul perché ti senti così e non colà, etc.: in fondo siamo solo servi di Dio e non spetta a noi scegliere, capire o decidere se dovremmo sentirci in un modo piuttosto che in un altro, e soprattutto, non è questa la nostra responsabilità: la nostra responsabilità e curare il nostro rapporto con il nostro Creatore e Signore nei modi da Lui stesso stabiliti.

Un ultimo consiglio: non "isolarti" e cerca di frequentare il forum e confrontarti con noi; soprattutto se conosci molti Musulmani "praticanti".

Che Allah continui a guidarti e rinsaldi la tua fede e rafforzi la tua pratica, amin!

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Merrjamal
Affezionato
Affezionato


Registrato: 29/12/12 00:39
Messaggi: 46

MessaggioInviato: Dom Apr 07, 2013 1:15 am    Oggetto: Rispondi citando

Grazie di cuore a tutti voi del vostro supporto e consigli. Non sapete quanto mi sono entrambi utili.
Vi risponderò presto più diffusamente ad ognuno.

Intanto volevo rendervi partecipi di una cosa che mi e' appena accaduta: torno da poco fa da una passeggiata con un'amica. Prima le raccontavo, su sua domanda, dei problemi che avevo avuto in passato alla gamba. Poi il discorso si e' fatto più leggero ed entrambe abbiamo concordato su come siano piuttosto sciocche quelle persone che usano il bicchiere di alcol come status symbol (quelli per cui divertirsi significa bere e ovunque spiaccicano loro foto col bicchiere in mano, e di fatto discriminano e guardano come un alieno chi e' astemio). Io da sempre, per una spinta interiore, mi tengo lontana dall'alcol, non mi attira per niente e in più voglio stare lontana da ciò che può attentare al benessere. In questa mia idiosincrasia che ho sempre avuto verso l'alcol leggo adesso un segno di Allah e (anche) di questo Lo ringrazio. La mia amica non e' musulmana ma concordava con me nel biasimare quelle persone quel costume di vedere l'alcol come uno status symbol e in chi non ne fa uso un alieno, disadattato o sfigato che non si sa divertire. Questa conversazione mi ha fatto pensare all'Islam (astaghfirullah, so che dovrei pensarci sempre, farlo vivere in me) e ho fatto visita al forum. Nella sezione tasawwuf ho trovato il topic intitolato La realtà dei piaceri di questo mondo (scusate ma dal cell non riesco a linkarlo) e ha saputo parlarmi in un modo speciale...a darmi un ulteriore segno, ulteriore luce riguardo questioni che da tanto mi tormentano...(il perché della sofferenza) vi ho visto  l'unione armoniosa di gioia e sofferenza, come luce e buio...e sento quell'abbandono di cui ho bisogno e che disperdo nei mille pensieri, come mio solito (dici benissimo, Umar)
In più oggi (domenica) e' il mio compleanno (so che a questo non bisogna dare eccessiva importanza ma e' sempre il giorno in cui sono nata) e questo lo vedo come l'ennesimo regalo incredibile di Allah subhanahu wa taala che non capisco come possa meritare.

Ecco, sono proprio questi bagliori ( Mujahidah Von Sor ha colto molto questo punto) che mi richiamano alla fede, pero' mi sento in colpa perché mi dico: "Hai bisogno di queste cose per sentire la vicinanza di Dio, allora sei sempre allo stesso punto anche dopo la tua Shahada"...ma forse e' sempre perché penso troppo. E dovrei piuttosto pregare ma a volte mi sento così lontana e purtroppo proprio non mi viene...mi accade di pensare che la fede sia troppo bella per essere vera e di vedere la religione come una bella favola...astaghfirullah....
Ma oggi voglio sedimentare in me questo attimo e cercare di ricordare sempre di coltivarlo, insieme a tutti gli altri, come mi ha ben suggerito la sorella...

_________________
Guardami, potrei essere la strada. -Rumi-

Dio è bello e ama la bellezza.

A Lui appartengono le navi, alte sul mare come colline...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Dom Apr 07, 2013 2:33 pm    Oggetto: Rispondi citando

Merrjamal ha scritto:
Ecco, sono proprio questi bagliori ( Mujahidah Von Sor ha colto molto questo punto) che mi richiamano alla fede, pero' mi sento in colpa perché mi dico: "Hai bisogno di queste cose per sentire la vicinanza di Dio, allora sei sempre allo stesso punto anche dopo la tua Shahada"...ma forse e' sempre perché penso troppo.


Proprio così!
E più "dai corda" a questo genere di pensieri più resti immobilizzata in essi.

Merrjamal ha scritto:
E dovrei piuttosto pregare ma a volte mi sento così lontana e purtroppo proprio non mi viene...


Anche se non ti viene, è il minimo della riconoscenza che devi a Dio - per averti guidato e concesso quest'enorme dono, ma anche solo per averti creato - sottometterti al Suo ordine di eseguire la Salah.

Non aspettare che "ti venga": esegui il wudu'/ghusl, copri la tua `awrah (tutto il corpo tranne viso e mani), mettiti dritta in direzione della qiblah ed esegui la Salah! Innanzitutto è tuo dovere, ed inoltre ciò rafforzerà più d'ogni altra cosa la tua relazione con Dio e ravviverà il tuo amore per Lui.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Merrjamal
Affezionato
Affezionato


Registrato: 29/12/12 00:39
Messaggi: 46

MessaggioInviato: Ven Apr 12, 2013 7:03 pm    Oggetto: Rispondi citando

Hai ragione Umar, non devo farmi prendere da questi pensieri negativi e devo seguire la giusta strada.
Mi ha fatto riflettere quel "non isolarti" detto in un messaggio... Sapete, credo che avere vicino sorelle o fratelli in Allah, persone che intendono la fede con il giusto spirito, mi aiuterebbe molto, ma purtroppo non ne conosco nessuna "dal vivo". Sono grata della vostra presenza  su questo forum, e' piu' che preziosa, ma mi capirete quando dico che una presenza nella vita di tutti i giorni gioverebbe molto.
Purtroppo invece e' l'opposto :( ma pare che Dio voglia che io in questa fase della mia vita trovi e coltivi la fede dentro di me, e quindi forse e' giusto così. Inoltre già Allah subhanahu wa taala ha messo sulla mia strada persone che mi hanno avvicinato alla fede in modo meraviglioso, un dono che neanche nei miei sogni avrei mai potuto immaginare, e Gli sono immensamente grata, e neanche dovrei chiedere di più. Astaghfirullah per quanto manco di essere riconoscente. Quindi pazienza se quelle persone non possono essere esattamente  presenti nella mia vita quotidiana, mi hanno già dato tutto, per grazia di Allah. 
Da mesi provo un enorme desiderio di entrare in una moschea, un desiderio che cresce sempre di più, ma nella mia città purtroppo non ci sono moschee. Non fraintendetemi, so che non serve andare in moschea per fare le salat e che non e' strettamente necessario per le donne, secondo le regole, anzi. Pero' ho questo desiderio e sento non essere ancora entrata in una moschea come qualcosa che mi manca, sento che questo rinforzerebbe la mia fede, mi illuminerebbe. Guardo foto di moschee e resto incantata. 
Spero di avere presto l'occasione di andarci, Inshallah. 
Che Allah mi guidi e mi aiuti nelle mie debolezze, a guardare sempre il positivo con fiducia e speranza, con fede. E ci guidi e aiuti tutti.
Grazie :)

_________________
Guardami, potrei essere la strada. -Rumi-

Dio è bello e ama la bellezza.

A Lui appartengono le navi, alte sul mare come colline...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Merrjamal
Affezionato
Affezionato


Registrato: 29/12/12 00:39
Messaggi: 46

MessaggioInviato: Ven Apr 12, 2013 7:28 pm    Oggetto: Rispondi citando

Dimenticavo, ascoltare dhikr mi da molta serenita' e questo e' positivo, a volte mi chiedo come mai mi venga  naturale ascoltare dhikr e dedicarmi al ricordo di Dio (ad esempio studiando e ripetendo mentalmente i 99 bellissimi Nomi) , e la stessa spinta naturale ed "attrazione" 
non la provo per eseguire la Salah...forse perché devo abituarmi all'idea e alla pratica della ritualità ad orari e prassi stabiliti...forse perché il mio Iman deve crescere...una parte di me dopotutto ha iniziato ad ammirare ancor prima di pronunciare la Shahada la fede di coloro che si prostrano davanti a Dio mettendoLo davanti a tutto, a vedere con una certa fascinazione questa giornata scandita con naturalezza dai grazie a Dio come dai ritmi del sole e della luna...la perplessità che provo probabilmente deriva da retaggi cristiani che mi avevano resa allergica alle formule, ai segni esteriori, alla ritualità...invece devo concentrarmi su questa naturalezza dell'Islam  che e' la corretta cornice entro cui inquadrare la pratica della Salah...

_________________
Guardami, potrei essere la strada. -Rumi-

Dio è bello e ama la bellezza.

A Lui appartengono le navi, alte sul mare come colline...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Lun Apr 22, 2013 5:27 pm    Oggetto: Rispondi citando

Merrjamal ha scritto:
Che Allah mi guidi e mi aiuti nelle mie debolezze, a guardare sempre il positivo con fiducia e speranza, con fede. E ci guidi e aiuti tutti.


Amin!

Merrjamal ha scritto:
Dimenticavo, ascoltare dhikr mi da molta serenita' e questo e' positivo, a volte mi chiedo come mai mi venga  naturale ascoltare dhikr e dedicarmi al ricordo di Dio (ad esempio studiando e ripetendo mentalmente i 99 bellissimi Nomi) , e la stessa spinta naturale ed "attrazione" 
non la provo per eseguire la Salah...forse perché devo abituarmi all'idea e alla pratica della ritualità ad orari e prassi stabiliti...forse perché il mio Iman deve crescere...una parte di me dopotutto ha iniziato ad ammirare ancor prima di pronunciare la Shahada la fede di coloro che si prostrano davanti a Dio mettendoLo davanti a tutto, a vedere con una certa fascinazione questa giornata scandita con naturalezza dai grazie a Dio come dai ritmi del sole e della luna...la perplessità che provo probabilmente deriva da retaggi cristiani che mi avevano resa allergica alle formule, ai segni esteriori, alla ritualità...invece devo concentrarmi su questa naturalezza dell'Islam  che e' la corretta cornice entro cui inquadrare la pratica della Salah...


Proprio così, ed ottima auto-analisi masha'Allah!

Proveniendo da un retroterra cristiano capita spesso di confondere le forme per formalismo, le ritualità per "esteriorità", e ciò è conseguenza della dicotomia tipica del cristianesimo di cui abbiamo già parlato in questo stesso thread.
E credo che una delle cause di ciò sia proprio il fatto che nel cristianesimo i riti sono fondamentalmente invenzioni umane stabilite nel tempo da degli esseri umani senza alcuna rivelazione divina, ed è facile che il proprio spirito li "rigetti" quasi istintivamente.

Ma nell'Islam, i riti sono stabiliti direttamente da Dio, e dunque non c'è alcun motivo per stabilire una differenza tra "rapporto interiore con Dio" e rapporto "esteriore", visto che tutte le "forme esteriori rituali" sono proprio le forme stabilite da Dio stesso per darci la possibilità di avvicinarci a Lui, e come si potrebbe mai pensare di conoscere noi meglio di Dio stesso ciò che Lui vuole o non vuole da noi, o il modo in cui possiamo "avvicinarci" o meno a Lui?..

Ripeto, ottima analisi; ora è il momento di metterne in pratica l'ovvio risultato! :-)

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Merrjamal
Affezionato
Affezionato


Registrato: 29/12/12 00:39
Messaggi: 46

MessaggioInviato: Lun Set 02, 2013 11:57 am    Oggetto: Rispondi citando

Un saluto a voi tutti, è da mesi che non scrivo ma grazie a Dio quella fiamma non si è spenta. :)

Vorrei chiedervi una cosa, spero non sia sbagliato se scrivo in questo topic e scusate se ricompaio dal nulla:

Secondo voi è giusto parlare del Mathnawi di Rumi come di un commentario al Corano, magari del migliore? Se non del migliore, comunque come di un commentario?

Lo sto leggendo adesso, sono al sesto libro e, oltre ad emozionarmi moltissimo noto che Rumi fa spiegazioni di versetti , passi e significati del Corano, nello specifico (citando i precisi versetti) o in generale.

Tengo molto a sapere cosa dite in proposito.

Grazie:)

_________________
Guardami, potrei essere la strada. -Rumi-

Dio è bello e ama la bellezza.

A Lui appartengono le navi, alte sul mare come colline...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Sab Set 07, 2013 6:27 pm    Oggetto: Rispondi citando

Benritrovata Merrjamal, mi chiedevo proprio di te qualche giorno prima del tuo messaggio!

Merrjamal ha scritto:
Secondo voi è giusto parlare del Mathnawi di Rumi come di un commentario al Corano, magari del migliore? Se non del migliore, comunque come di un commentario?


"Il migliore" è decisamente azzardato, ma se consideri alcuni passi come "interpretazione Sufi" (accanto a quelle grammaticali, giuridiche, etc.; e non al posto delle altre), non vedo il problema!

Altre novità? :-) Come procede?

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Merrjamal
Affezionato
Affezionato


Registrato: 29/12/12 00:39
Messaggi: 46

MessaggioInviato: Mer Ott 02, 2013 8:15 pm    Oggetto: Rispondi citando

Aurangzeb 'Umarzai ha scritto:
Benritrovata Merrjamal, mi chiedevo proprio di te qualche giorno prima del tuo messaggio!

Merrjamal ha scritto:
Secondo voi è giusto parlare del Mathnawi di Rumi come di un commentario al Corano, magari del migliore? Se non del migliore, comunque come di un commentario?


"Il migliore" è decisamente azzardato, ma se consideri alcuni passi come "interpretazione Sufi" (accanto a quelle grammaticali, giuridiche, etc.; e non al posto delle altre), non vedo il problema!

Altre novità? :-) Come procede?


Grazie della risposta e del tuo interessamento, Umar :D

Procede bene, a parte il fatto che devo ancora decisamente migliorare (per usare un eufemismo) in cose basilari, so di sbagliare, dipende da me...noto però che l'Islam diventa sempre più parte di me, o meglio scopro che è sempre stato parte di me:) da parte mia devo imparare a non abusare troppo della pazienza di Allah e resistere sempre con più fiducia in Lui ai bassi, quando ci sono alti e bassi:)

Ho notato che eventi ed accadimenti che prima avrei considerato negativi, acquistano invece una valenza positiva visti sotto la luce della fede. A volte c'è sempre quella voce che mi dice "è tutta un'illusione", e pensare che si tratta di un waswas e che bisogna ignorarlo mi tranquillizza.

Io spero di non sbagliare nella mia interpretazione degli eventi e mi sembra che poco a poco stia imparando e mettendo in chiaro alcune cose. Posso solo chiedere la Guida di Allah.

Ho notato che se certe persone, anche le più care, si allontanano da me o non possono/vogliono aiutarmi, adesso da quando ho scoperto di sentirmi musulmana queste cose non mi impressionano, non mi gettano nella disperazione come avrebbero potuto fare un tempo: le leggo come segni di Allah che vuole dirmi di riporre tutta la mia fiducia in Lui, che il rifugio, il conforto, l'aiuto sono presso di Lui. Io mi sento lusingata e questo mi dà sicurezza, a volte però (mi vergogno un po' a pensarlo) mi chiedo se non voglia strapparmi a tutti (nel senso che non voglia mettere a fianco a me una persona su cui possa contare...ed essendo un essere umano io a volte sento il bisogno di una presenza fisica), ma subito mi dico che anzi mi sta insegnando ad avere relazioni equilibrate con le persone, sotto la Luce della Verità, e sento un'immensa gratitudine; e che Lui ha un progetto per me (come per tutti) e mi devo aprire ad esso con accoglienza e gioia. A volte però è difficile; ma io amo Allah.

A proposito di tutto questo a volte mi faccio domande sul perché e il per come l'Islam non ammetta qualcosa come il monachesimo. In realtà io non sono mai stata una fanatica del clero cattolico anzi è una delle cose che non apprezzavo, non capivo il fatto di dover essere così svincolati dalla società da non poter sposarsi quando il matrimonio per il cristianesimo è considerato un sacramento..ma sto divagando...
Adesso però faccio una riflessione: in una società come la nostra in cui la spiritualità è svilita, in cui non c'è spazio per l'incontro con Dio, secondo me è normale che un credente si senta fuori posto tra la gente, che non si riveda nei suoi discorsi, e quindi è per me del tutto comprensibile che egli finisca per trovarsi in una condizione di proficuo isolamento in cui coltiva il suo diretto rapporto con Dio pregando, leggendo ecc..
so che nell'Islam è molto importante la Ummah e che un individuo da solo è considerato più vulnerabile agli attacchi di Shaytan e che una buona compagnia è preferibile alla solitudine (ma la solitudine è preferibile ad una cattiva compagnia)...queste ultime parole forse sono di un hadith se non sbaglio (scusate se ricordo male) e quindi a livello individuale bisognerà regolarsi tenendo presenti queste parole...
ma vorrei mi illuminaste su un punto che ancora evidentemente non ho approfondito a sufficienza: è proprio così malvisto l'isolamento religioso nell'Islam? Non ci sono mistici che hanno vissuto in tale stato? Mi sembra di aver letto di monasteri sufi.
Se una persona volesse fare un ritiro spirituale di un periodo in qualcosa come un monastero sufi, una comunità sufi, sarebbe possibile?
E se scoprisse di voler consacrare la sua vita ad Allah vivendo in un tale monastero pregando, compiendo dhikir, sama, studiando la religione e uscendo ogni giorno per compiere opere di carità, potrebbe farlo?

Mi dico anche che è bella l'idea di far vivere attivamente la propria fede nella società, e l'importanza che l'Islam conferisce a questo ed al lavoro. Ma quel punto rimane...

Volevo chiedervi un'altra cosa...
Che ne pensate di questa università?

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

ho letto che una sorella (non del forum) si è iscritta. Ho visto che offre anche un diploma completamente gratis e dato che amo leggere sull'Islam e approfondirlo, e l'Islam incoraggia proprio ad ampliare la propria conoscenza, ci stavo facendo un pensierino, ma non sono al 100% convinta...
E qual è la vostra opinione su quest'altra? (questa non è online)

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Grazie mille

_________________
Guardami, potrei essere la strada. -Rumi-

Dio è bello e ama la bellezza.

A Lui appartengono le navi, alte sul mare come colline...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Gio Ott 03, 2013 4:22 pm    Oggetto: Rispondi citando

Merrjamal ha scritto:
Procede bene, a parte il fatto che devo ancora decisamente migliorare (per usare un eufemismo) in cose basilari, so di sbagliare, dipende da me...noto però che l'Islam diventa sempre più parte di me, o meglio scopro che è sempre stato parte di me:)


Alhamdulillah, ottimo!

Merrjamal ha scritto:
Ho notato che se certe persone, anche le più care, si allontanano da me o non possono/vogliono aiutarmi, adesso da quando ho scoperto di sentirmi musulmana queste cose non mi impressionano, non mi gettano nella disperazione come avrebbero potuto fare un tempo: le leggo come segni di Allah che vuole dirmi di riporre tutta la mia fiducia in Lui, che il rifugio, il conforto, l'aiuto sono presso di Lui. Io mi sento lusingata e questo mi dà sicurezza, a volte però (mi vergogno un po' a pensarlo) mi chiedo se non voglia strapparmi a tutti (nel senso che non voglia mettere a fianco a me una persona su cui possa contare...ed essendo un essere umano io a volte sento il bisogno di una presenza fisica), ma subito mi dico che anzi mi sta insegnando ad avere relazioni equilibrate con le persone, sotto la Luce della Verità, e sento un'immensa gratitudine; e che Lui ha un progetto per me (come per tutti) e mi devo aprire ad esso con accoglienza e gioia. A volte però è difficile; ma io amo Allah.

A proposito di tutto questo a volte mi faccio domande sul perché e il per come l'Islam non ammetta qualcosa come il monachesimo. In realtà io non sono mai stata una fanatica del clero cattolico anzi è una delle cose che non apprezzavo, non capivo il fatto di dover essere così svincolati dalla società da non poter sposarsi quando il matrimonio per il cristianesimo è considerato un sacramento..ma sto divagando...
Adesso però faccio una riflessione: in una società come la nostra in cui la spiritualità è svilita, in cui non c'è spazio per l'incontro con Dio, secondo me è normale che un credente si senta fuori posto tra la gente, che non si riveda nei suoi discorsi, e quindi è per me del tutto comprensibile che egli finisca per trovarsi in una condizione di proficuo isolamento in cui coltiva il suo diretto rapporto con Dio pregando, leggendo ecc..
so che nell'Islam è molto importante la Ummah e che un individuo da solo è considerato più vulnerabile agli attacchi di Shaytan e che una buona compagnia è preferibile alla solitudine (ma la solitudine è preferibile ad una cattiva compagnia)...queste ultime parole forse sono di un hadith se non sbaglio (scusate se ricordo male) e quindi a livello individuale bisognerà regolarsi tenendo presenti queste parole...
ma vorrei mi illuminaste su un punto che ancora evidentemente non ho approfondito a sufficienza: è proprio così malvisto l'isolamento religioso nell'Islam? Non ci sono mistici che hanno vissuto in tale stato? Mi sembra di aver letto di monasteri sufi.


Come hai detto tu stessa, ci sono condizioni e situazioni diverse (a seconda che le compagnie a propria disposizione siano buone o cattive, etc.), ed ognuna avrà la sua rispettiva "regola".

Il tipo di "isolamento" (khalwah) in una khanqah/zawyah/tekke non è qualcosa di permanente o che arriva al proibirsi il matrimonio etc.; è in genere un isolamento che dura per un periodo limitato di tempo, su "prescrizione" dello Shaykh. Non si può parlare dunque di "monachesimo" vero e proprio, del quale avevamo già parlato qualche pagina fa su questo stesso thread, quando avevo riportato questo versetto del Qur'an:

ثُمَّ قَفَّيْنَا عَلَى آثَارِهِمْ بِرُسُلِنَا وَقَفَّيْنَا بِعِيسَى ابْنِ مَرْيَمَ وَآتَيْنَاهُ الإِنجِيلَ وَجَعَلْنَا فِي قُلُوبِ الَّذِينَ اتَّبَعُوه ُُ رَأْفَة ً وَرَحْمَة ً وَرَهْبَانِيَّة ً ابْتَدَعُوهَا مَا كَتَبْنَاهَا عَلَيْهِمْ إِلاَّ ابْتِغَاءَ رِضْوَانِ اللَّهِ فَمَا رَعَوْهَا حَقَّ رِعَايَتِهَا فَآتَيْنَا الَّذِينَ آمَنُوا مِنْهُمْ أَجْرَهُمْ وَكَثِير ٌ مِنْهُمْ فَاسِقُونَ

"Mandammo poi sulle loro orme i Nostri messaggeri e mandammo Gesù figlio di Maria, al quale demmo il Vangelo. Mettemmo nel cuore di coloro che lo seguirono dolcezza e compassione; il monachesimo, invece, lo istituirono da loro stessi, soltanto per ricercare il compiacimento di Allah. Non fummo Noi a prescriverlo. Ma non lo rispettarono come avrebbero dovuto. Demmo la loro ricompensa a quanti fra loro credettero, ma molti altri furono empi". (Nobile Qur'an, 59, 27)

Per il quale rimando ancora una volta al "Tafsir Ma`ariful Qur'an" di Hadrat Mufti Muhammad Shafi` Usmani (rahimahullah):

Verses 26 - 29: Translation and Commentary: -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Many of the Nations of the Prophets Were Rebellious -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Monasticism: An Analysis -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Is Rahbaniyyah (Monasticism) Absolutely Prohibited or is it a Relative Concept? -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



E vedi pure:

Monasticism in Islam - Mufti Shafiq Jakhura -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Merrjamal ha scritto:
Se una persona volesse fare un ritiro spirituale di un periodo in qualcosa come un monastero sufi, una comunità sufi, sarebbe possibile?


Di base sì, ma questo genere di cose si fanno consultandosi col proprio Shaykh (o chiedendo ad uno Shaykh il permesso di fare i`tikaf in una khanqah che gestisca).
Oltretutto non mi risulta sia indicato per le donne.

Merrjamal ha scritto:
E se scoprisse di voler consacrare la sua vita ad Allah vivendo in un tale monastero pregando, compiendo dhikir, sama, studiando la religione e uscendo ogni giorno per compiere opere di carità, potrebbe farlo?


Questo genere di "monachesimo" in cui si "consacra la propria vita" ad Allah ritirandosi dal mondo in un "monastero" non è qualcosa di sancito dalla Legge sacra tra i modi in cui adorare Dio.
Ricordiamoci il punto essenziale: è Dio che ha più "diritto" di chiunque alto di stabilire il modo in cui adorarLo, altrimenti finiremmo per adorare il nostro ego nel pretendere di decidere noi come adorarLo.

E poi tu stessa poche righe fa riconoscevi che:

Merrjamal ha scritto:
nel senso che non voglia mettere a fianco a me una persona su cui possa contare...ed essendo un essere umano io a volte sento il bisogno di una presenza fisica


Ed è appunto del tutto normale che tu senta tale bisogna, fa parte della natura con cui Allah ci ha creato, e tenendo conto della quale ha stabilito le varie regole ed i modi per adorarLo, al punto che il matrimonio stesso e persino il tempo passato assieme alla propria sposa/o - nelle giuste condizioni - si possono considerare "atti di adorazione" in termini di ricompensa.

Come vedi, l'Islam è una religione di equilibrio, e tra i due estremi della sregolatezza e del monachesimo, vi è la via mediana degli insegnamenti islamici, che ci permettono di vivere nel mondo ma con il nostro cuore e pensieri rivolti a Dio.

Merrjamal ha scritto:
Volevo chiedervi un'altra cosa...
Che ne pensate di questa università?
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

ho letto che una sorella (non del forum) si è iscritta. Ho visto che offre anche un diploma completamente gratis e dato che amo leggere sull'Islam e approfondirlo, e l'Islam incoraggia proprio ad ampliare la propria conoscenza, ci stavo facendo un pensierino, ma non sono al 100% convinta...


L'idea di studiare anche on-line in sé è ottima, ma non ti consiglio proprio quell'istituto, soprattutto considerando il tuo grande interesse per il Tasawwuf: le persone che lo dirigono sono fortemente contrari al Tasawwuf e di orientamento salafita.

Ti consiglio invece siti come questi:

Shari'ah Program -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Darul Uloom Online -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Al-Mahmudiyyah Institute -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Abu Haneefah College -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Zainab Academy -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Al-Madinah - Distance Learning Alim Program -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ilm Essentials -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Darul Qasim -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Al-Mu'allim Islamic e-Learning -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Cordoba Academy -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Merrjamal ha scritto:
E qual è la vostra opinione su quest'altra? (questa non è online)
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Non è decisamente un istituto islamico e lo sconsiglio altrettanto decisamente.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Lia
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 27/11/12 12:12
Messaggi: 175

MessaggioInviato: Gio Ott 10, 2013 2:33 pm    Oggetto: Rispondi citando

Merrjamal ha scritto:


Ho notato che se certe persone, anche le più care, si allontanano da me o non possono/vogliono aiutarmi, adesso da quando ho scoperto di sentirmi musulmana queste cose non mi impressionano, non mi gettano nella disperazione come avrebbero potuto fare un tempo: le leggo come segni di Allah che vuole dirmi di riporre tutta la mia fiducia in Lui, che il rifugio, il conforto, l'aiuto sono presso di Lui.


Mashallah, mi hanno colpito molto le tue parole, in particolare quelle in grassetto, proprio perchè spesso mi capita di pensare la stessa cosa. Infatti gli altri ci possono essere d'aiuto solo se Allah decide di usarli come un mezzo per aiutarci. Altrimenti nessuno potrebbe mai farci del bene contro la volontà di Dio e nessuno potrebbe mai nuocerci contro la Sua volontà. Il bene e il male entrambi sono sottomessi alla volontà di Allah subhanu wa ta'ala.

"Observe the rights of Allâh, He will protect you; observe His rights upon you, and you will find him before you. If you ask, ask of Allâh; if you seek assistance, seek it from Allâh. Know that if the whole world gathered together to benefit you, they could not do so except by that which Allâh has destined for you; and if they gathered together to harm you, they could not do so except by that which Allâh has destined for you. The pens have been raised and the sheets have dried.” (Which means everything has already been predestined by Allâh.)

Questa poesia di Ibn Qayyim mashallah esprime benissimo quello che dicevi :)

Truly in the heart there is a separation that cannot be gathered except by turning to Allah
And in it is a void that cannot be removed except with the company of Allah.
And in it there is a sadness that cannot be removed except with the happiness of knowing Allah and being true to Him.
And in it there is anxiety that does not settle except with making the heart attached to him and running from him to him
And in it are fires of regret that cannot be put out except with accepting his orders and prohibitions and his decree, and being patient on that until you meet him
And in it there are many yearnings that will not stop except if you yearn for Him alone
And in it there is an emptiness that cannot be filled except with love for Him and by turning to Him and always remembering Him.

Ibn al-Qayyim al-Jawziyya

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



"And the life of this world is only a deceiving enjoyment."[57:20]
"It is not beneficial to be a master at speech when you are immature at heart." - Shaykh Abd Al Qadir Al Jilani
Top
Profilo Invia messaggio privato
Lia
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 27/11/12 12:12
Messaggi: 175

MessaggioInviato: Gio Ott 10, 2013 2:43 pm    Oggetto: Rispondi citando

Aurangzeb 'Umarzai ha scritto:

Ed è appunto del tutto normale che tu senta tale bisogna, fa parte della natura con cui Allah ci ha creato, e tenendo conto della quale ha stabilito le varie regole ed i modi per adorarLo, al punto che il matrimonio stesso e persino il tempo passato assieme alla propria sposa/o - nelle giuste condizioni - si possono considerare "atti di adorazione" in termini di ricompensa.

Come vedi, l'Islam è una religione di equilibrio, e tra i due estremi della sregolatezza e del monachesimo, vi è la via mediana degli insegnamenti islamici, che ci permettono di vivere nel mondo ma con il nostro cuore e pensieri rivolti a Dio.



Esatto, però ricordiamoci anche che i matrimoni così come la nascita e la morte sono già prestabiliti da Allah swt, e sappiamo comunque che non tutti sono destinati a sposarsi così come non tutti sono destinati a raggiungere la vecchiaia, nonostante sappiamo che bisogna fare del nostro meglio per invecchiare bene seguendo gli ordini di Allah, non per questo possiamo pretendere di raggiungere a tutti i costi una certa età.

Lo ricordo solo perchè spesso alcune persone nonostante sono brave persone e nonostante fanno del proprio meglio per trovare un bravo compagno con cui condividere la propria vita e il din, non ci riescono. Alcuni alhamdulilah riescono a vivere sereni ugualmente proprio perchè sanno che alla fine non dipende più di tanto da loro e riescono ad accettare la loro situazione. Ma altri invece a forza di sentire sempre in continuazione che bisogna sposarsi a tutti i costi, come se dipendesse solo da noi, finiscono all'esasperazione o a non accettare la loro condizione/situazione, a sentirsi pure in colpa per non aver trovato nessuno.

Ovviamente questo non significa che uno non deve sperare di sposarsi e di trovare un bravo compagno, e che non deve nemmeno pregare per questo, significa solo non aspettarci a tutti i costi di ottenere quello che vogliamo anche se si tratta di una cosa lecita, proprio perchè alla fine non dipende tutto da noi ed è il dovere di ogni credente quello di accettare il decreto di Allah, e con "accettarlo" intendo non disperarsi, deprimersi, esasperarsi se non riusciamo ad ottenere qualcosa che tanto volevamo. E di solito le persone finiscono a disperarsi proprio quando si scordano di questo, ecco perchè ci tenevo a ricordarlo. Spero di non aver fatto male.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



"And the life of this world is only a deceiving enjoyment."[57:20]
"It is not beneficial to be a master at speech when you are immature at heart." - Shaykh Abd Al Qadir Al Jilani
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Gio Ott 10, 2013 10:08 pm    Oggetto: Rispondi citando

Certo non hai fatto male, però non mi pare proprio di aver detto che sia “necessario per tutti sposarsi a tutti i costi” e dunque mi sfugge il collegamento tra la parte del mio messaggio che hai citato, e la tua (per quanto corretta) annotazione.
Merrjamal ha chiesto quale sia la “posizione dell'Islam” su “monachesimo” e matrimonio, e ho risposto a questo riguardo: il monachesimo non è affatto incoraggiato, mentre il matrimonio in genere è qualcosa di raccomandato (con tutti i dettagli e i vari casi a seconda dei quali può andare dall'obbligatorio al proibito).

Se avesse chiesto se mangiare carne halal sia lecito, avremmo detto che sì, è lecito. Poi se qualcuno è molto povero e non ha occasione di mangiarla per anni, o non gli piace, o altro, è tutto un altro discorso; mica significa che se non riesce a mangiare carne è un “fallito” o chissà che altro..

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Lia
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 27/11/12 12:12
Messaggi: 175

MessaggioInviato: Gio Ott 10, 2013 11:06 pm    Oggetto: Rispondi citando

scusami, non volevo accusarti di aver detto una cosa simile volevo solo fare quell'annotazione visto che nessuno ancora non l'aveva fatto; ovviamente tu non intendevi dire una cosa simile ma avendo conosciuto persone che hanno difficoltà a sposarsi, conosco più o meno i loro ragionamenti che sono appunto quelli: "tutti si sposano tranne che me, non riesco a sposarmi perchè sono uno/a sfigato/a, non mi vuole nessuno perchè faccio schifo" e di conseguenza pensano che devono sposarsi a tutti i costi per smettere di sentirsi così male, in questo modo ovviamente arrivano come dicevo alla disperazione. E a tutto questo contribuisce a farli sentire peggio l'atteggiamento di alcuni fratelli e/o sorelle, ma per favore non fraintendermi non mi riferisco a te o al discorso che avevi fatto tu, mi riferisco a persone che si rivolgono a loro con questi discorsi: "ma come ancora non sei sposato/a? cosa aspetti? quand'è che ti sposi? lo sai che è importante sposarsi, il profeta sallallahu alayhi wa sallam incoraggiava le persone al matrimonio, quindi cosa stai aspettando è ora che ti sposi?" oppure "poverino/a non hai ancora trovato nessuno, deve essere veramente difficile vivere tutto/a solo/a senza nessuno al posto tuo, io al posto tuo non so cosa avrei fatto".

Ovviamente lo so che tu non intendevi nulla di tutto questo, e so anche che non tutti quelli che non sono sposati si fanno influenzare negativamente dai loro discorsi (sbagliati), ma alcuni sì e si sentono pure peggio proprio perchè sanno bene - meglio di loro- che devono sposarsi, e vogliono sposarsi ma se non è destino non è destino, forse sarebbe meglio non contribuire (ripeto non mi riferisco a te o a quello che hai detto tu, mi riferisco alle persone che fanno discorsi come quelli che dicevo prima) a farli sentire ancora peggio, facendoli sentire come se fosse tutta colpa loro se non riescono a sposarsi.

Ho notato inoltre che, ma ripeto magari non tutti, persino quelli che dicono non mi sposo perchè non mi voglio sposare o perchè non mi interessa lo dicono proprio per evitare di parlare di matrimonio, e se vogliono evitare di parlare di questo è appunto per non sentirsi male.

E conoscendo persone che passano la vita a deprimersi perchè non sono ancora sposati (quando magari potrebbe succedere quando meno se lo aspettano) nella loro testa c'è questa ossessione: "non bisogna rinunciare al matrimonio perchè è sunna molto importante e incoraggiata dal profeta sallallahu alayhi wa sallam, ma io non riesco a sposarmi perchè sono un fallito/a perchè non sono un buon musulmano/a e dunque per questo non trovo nessuno", quando invece questo potrebbe essere solo una prova da Allah proprio perchè li ama, o forse potrebbe essere una cosa temporanea che potrebbe durare mesi, anni ma alla fine può darsi che ad un certo punto si sposeranno e invece passano tutti quegli anni a deprimersi anizchè cercare di accettare la loro situazione.

Ecco perchè pensavo di fare quell'annotazione, ma non perchè ero convinta che tu intendevi dire una cosa simile, pensavo solo che ricordarlo più spesso (ovviamente oltre a ricordare che è una sunna molto raccomandata se non obbligatoria) potrebbe aiutare le persone, magari ricordare anche che alla fine non dipende tutto da noi potrebbe aiutare non solo le persone che non riescono a sposarsi, ma anche quegli altri che si rivolgono a loro con discorsi come quelli che dicevo, quindi appunto forse aiuterà a ricordare anche a quel tipo di persone a non cercare di far sentire peggio le persone non sposate con appunto discorsi come quelli di cui parlavo.

Ma ovviamente può anche essere che sono io che mi preoccupo troppo, e in tal caso se sbaglio chiedo scusa.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



"And the life of this world is only a deceiving enjoyment."[57:20]
"It is not beneficial to be a master at speech when you are immature at heart." - Shaykh Abd Al Qadir Al Jilani
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Gio Ott 10, 2013 11:23 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ti avevo risposto così perché avevi inserito il tuo post citando il mio, e da lì deducevo che ti riferissi a qualcosa che avessi scritto io..

Ora ho capito meglio cosa intendi dire, e sono senz'altro d'accordo con te.

In tema di "domande imbarazzanti e fastidiose", un'altra cosa fastidiosissima è quando chiedono:

-"Sei sposato?"
-"Sì".
-(Intermezzo di eventuali domande assolutamente inopportune su religione, nazionalità, città/nazione di residenza, età, pratica religiosa/abbigliamento etc. della moglie, cose che un afghano avrebbe già tirato fuori il coltello)-
-"Figli?".
-"No".
-"Ah! (Sguardo sospettoso ed incuriosito) E da quanto sei sposato?".
-"Da xxxxx (qualsiasi periodo superiore a nove mesi)".
-"E come mai non hai figli?".
-"...".

Tutto questo senza considerare le mille-e-uno motivazioni che possono starci dietro (destino non ancora "arrivato", problemi di salute di qualcuno dei due sposi, utilizzo di mezzi contraccettivi con motivazioni del tutto valide, fatti loro privati di qualsiasi genere, avvenuti aborti naturali dei quali non si ha voglia di rendere conto al primo arrivato, etc. etc. etc.)...

Ho sentito diverse volte interrogatori del genere e ogni volta ho avuto l'istinto di intervenire...

Ma in effetti stiamo andato piuttosto OT!

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Lia
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 27/11/12 12:12
Messaggi: 175

MessaggioInviato: Ven Ott 11, 2013 12:45 am    Oggetto: Rispondi citando

secondo me limitarsi a chiedere a una persona se è sposata o meno, non è sbagliato se uno magari lo fa perchè conosce qualcuno interessato a sposarsi e quindi lo chiede a quella persona perchè lo reputa in gamba per farli conoscere se appunto quella persona non è sposata, questo ovviamente finchè uno non entra troppo nei dettagli chiedendo come mai, cosa sta aspettando e ogni particolare, anche perchè la risposta dovrebbe essere ovvia per ogni musulmano, il rizq di ciascuno di noi è Allah che lo decide e nessuno può portarti via un determinato rizq o evitarti una determinata prova nemmeno noi stessi, quindi che senso ha insistere ogni volta chiedendo se quella persona si è sposato e perchè non si sposa. E poi è anche ovvio che non tutti sono disposti a raccontarti tutte le loro motivazioni, come mai non hanno ancora trovato qualcuno compatibile, o perchè non hanno ancora trovato nessuno di cui fidarsi, o quant'altro. Anche perchè in quel caso continuerebbero a chiederti sempre come mai, e continuando a ricordarti così quanto stai male.

Idem per quello che dicevi tu, magari se una persona si limita a chiedere solo seci sono dei figli lo fa perchè vuole fare un augurio o un dua o un regalo. Secondo me anche in questo caso, limitarsi a chiedere se uno ha figli forse non è poi così sbagliato a meno che uno non insiste ogni volta, chiedendoti ogni particolare, e soprattutto se già sa che uno non ha figli ma intanto glie lo chiede lo stesso giusto per parlare.

Spesso le persone però non lo fanno per cattiveria, lo fanno magari perchè nella vita hanno avuto tutto subito, matrimonio, figli ecc.. e quindi non sanno cosa significa dover rispondere sempre a tutti come mai ancora quella persona non si è sposata o quell'altra come mai non ha figli ecc. A loro probabilmente quando lo hanno chiesto già le prime volte, essendosi sposati giovanissimi e avendo già avuto figli quando erano molto giovani, potevano già rispondere di sì e quindi non hanno mai dovuto capire che dover dire ogni volta a tutti di no, a volte può diventare a dir poco fastidioso e triste, quindi secondo me alcune persone è per questo che fanno fatica a ricordarsi che dovrebbero evitare certe domande, ed è per questo che forse sarebbe sempre meglio ricordare a tutti che il rizq non lo decidiamo noi o comunque non dipende totalmente solo da noi, quindi la risposta a certe domande dovrebbe essere abbastanza ovvia.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



"And the life of this world is only a deceiving enjoyment."[57:20]
"It is not beneficial to be a master at speech when you are immature at heart." - Shaykh Abd Al Qadir Al Jilani
Top
Profilo Invia messaggio privato
Merrjamal
Affezionato
Affezionato


Registrato: 29/12/12 00:39
Messaggi: 46

MessaggioInviato: Sab Ott 12, 2013 3:38 pm    Oggetto: Rispondi citando

Grazie delle vostre risposte e interventi!!:)

Aurangzeb 'Umarzai ha scritto:
Certo non hai fatto male, però non mi pare proprio di aver detto che sia “necessario per tutti sposarsi a tutti i costi” e dunque mi sfugge il collegamento tra la parte del mio messaggio che hai citato, e la tua (per quanto corretta) annotazione.
Merrjamal ha chiesto quale sia la “posizione dell'Islam” su “monachesimo” e matrimonio, e ho risposto a questo riguardo: il monachesimo non è affatto incoraggiato, mentre il matrimonio in genere è qualcosa di raccomandato (con tutti i dettagli e i vari casi a seconda dei quali può andare dall'obbligatorio al proibito).

Se avesse chiesto se mangiare carne halal sia lecito, avremmo detto che sì, è lecito. Poi se qualcuno è molto povero e non ha occasione di mangiarla per anni, o non gli piace, o altro, è tutto un altro discorso; mica significa che se non riesce a mangiare carne è un “fallito” o chissà che altro..


In realtà quando ponevo domande riguardo il monachesimo, non pensavo al tema del matrimonio, certo rientra nell'argomento per forza di cose, ma in quel momento (e in generale) il matrimonio era l'ultimo dei miei pensieri. Ma il discorso che ne è venuto fuori è interessante, e del resto è una questione importante su cui è bene che rifletta ulteriormente e che approfondisca ancora.

Mi interrogavo sul monachesimo in un'ottica di destino e realizzazione individuale (che ovviamente va di pari passo con quanto stabilito da Allah swt e con l'accettarlo, dato che Lui sa cosa è meglio per noi e per che cosa siamo venuti al mondo); e pensavo più alla necessità di avere attorno, nella vita quotidiana amici, sorelle con cui confrontarsi e vivere ogni giorno nel segno dell'Islam, dell'amore per Allah swt.
Ma evidentemente per ora Allah swt vuole che io mi affidi totalmente a Lui, ed evidentemente (e posso riconoscere che è così) è una cosa di cui ho bisogno ed è giusto così.

Calzante il paragone tra matrimonio e mangiare carne halal! :D Entrambe le cose sono permesse ma non obbligatorie (solo che il matrimonio è raccomandato, a quanto ho capito)

Può essere che il matrimonio non faccia parte del mio destino; è una cosa (insieme a tutte le altre) che con il tempo mi rivelerà Allah swt, come finora me ne ha rivelate altre.
Sinceramente -per dirla senza eufemismi- sono sempre stata allergica all'idea del matrimonio. Adesso devo capire fino a che punto ero allergica all'idea di matrimonio cristiano e di matrimonio in toto.
Non mi ha mai convinta l'idea del matrimonio come sacramento, quei matrimoni come messinscene, milioni buttati via per preparare il giorno del matrimonio, tra vestito da sposa, ricevimenti, viaggio di nozze, regali, pantomine che fanno il verso a telenovele e che nulla hanno a che vedere con la fede...penso che Dio (non credo di peccare di superbia nel dirlo) preferirebbe che tutti quei soldi andassero in beneficenza piuttosto che spesi in tutto questo ambaradam...
Se non sbaglio, il matrimonio islamico è più discreto, giusto?
Certo le questioni di dottrina sono quelle primarie (il matrimonio nell'Islam non è un sacramento, ma un contratto; sì, il matrimonio è pure importante ma attorno ad esso non vedo la retorica che c'è nel cristianesimo), ma quelle sociali seguono a ruota: mi sembra che nell'Islam non c'è il costume di festeggiamenti spropositati per il matrimonio, vero?
C'è lo scambio delle fedi nell'Islam? A quanto ho letto no.

Lia ha scritto:
Esatto, però ricordiamoci anche che i matrimoni così come la nascita e la morte sono già prestabiliti da Allah swt, e sappiamo comunque che non tutti sono destinati a sposarsi così come non tutti sono destinati a raggiungere la vecchiaia, nonostante sappiamo che bisogna fare del nostro meglio per invecchiare bene seguendo gli ordini di Allah, non per questo possiamo pretendere di raggiungere a tutti i costi una certa età.

Già, forse non fa parte del mio destino. Boh, vedremo :D
però non mi alletta l'idea di stare sempre da sola, non voglio mica dire questo...ok, ho sempre pensato a relazioni haram, senza matrimonio, (però finora non ho mai avuto relazioni di nessun tipo...) magari adesso che sono diventata musulmana cambierò...

Concordo pienamente con quanto dite riguardo le domande e i commenti inopportuni della gente...la spiegazione che ne dai, Lia, certamente è valida in certi casi. :) In generale la gente dovrebbe avere più discrezione, imparare a farsi i fatti propri :D


Lia ha scritto:
Merrjamal ha scritto:


Ho notato che se certe persone, anche le più care, si allontanano da me o non possono/vogliono aiutarmi, adesso da quando ho scoperto di sentirmi musulmana queste cose non mi impressionano, non mi gettano nella disperazione come avrebbero potuto fare un tempo: le leggo come segni di Allah che vuole dirmi di riporre tutta la mia fiducia in Lui, che il rifugio, il conforto, l'aiuto sono presso di Lui.


Mashallah, mi hanno colpito molto le tue parole, in particolare quelle in grassetto, proprio perchè spesso mi capita di pensare la stessa cosa. Infatti gli altri ci possono essere d'aiuto solo se Allah decide di usarli come un mezzo per aiutarci. Altrimenti nessuno potrebbe mai farci del bene contro la volontà di Dio e nessuno potrebbe mai nuocerci contro la Sua volontà. Il bene e il male entrambi sono sottomessi alla volontà di Allah subhanu wa ta'ala.

"Observe the rights of Allâh, He will protect you; observe His rights upon you, and you will find him before you. If you ask, ask of Allâh; if you seek assistance, seek it from Allâh. Know that if the whole world gathered together to benefit you, they could not do so except by that which Allâh has destined for you; and if they gathered together to harm you, they could not do so except by that which Allâh has destined for you. The pens have been raised and the sheets have dried.” (Which means everything has already been predestined by Allâh.)

Questa poesia di Ibn Qayyim mashallah esprime benissimo quello che dicevi :)

Truly in the heart there is a separation that cannot be gathered except by turning to Allah
And in it is a void that cannot be removed except with the company of Allah.
And in it there is a sadness that cannot be removed except with the happiness of knowing Allah and being true to Him.
And in it there is anxiety that does not settle except with making the heart attached to him and running from him to him
And in it are fires of regret that cannot be put out except with accepting his orders and prohibitions and his decree, and being patient on that until you meet him
And in it there are many yearnings that will not stop except if you yearn for Him alone
And in it there is an emptiness that cannot be filled except with love for Him and by turning to Him and always remembering Him.

Ibn al-Qayyim al-Jawziyya

Grazie mille per aver condiviso con me questa bella poesia, Lia, non la conoscevo, ed è molto vera :)

Aurangzeb 'Umarzai ha scritto:
Il tipo di "isolamento" (khalwah) in una khanqah/zawyah/tekke non è qualcosa di permanente o che arriva al proibirsi il matrimonio etc.; è in genere un isolamento che dura per un periodo limitato di tempo, su "prescrizione" dello Shaykh. Non si può parlare dunque di "monachesimo" vero e proprio, del quale avevamo già parlato qualche pagina fa su questo stesso thread, quando avevo riportato questo versetto del Qur'an:

ثُمَّ قَفَّيْنَا عَلَى آثَارِهِمْ بِرُسُلِنَا وَقَفَّيْنَا بِعِيسَى ابْنِ مَرْيَمَ وَآتَيْنَاهُ الإِنجِيلَ وَجَعَلْنَا فِي قُلُوبِ الَّذِينَ اتَّبَعُوه ُُ رَأْفَة ً وَرَحْمَة ً وَرَهْبَانِيَّة ً ابْتَدَعُوهَا مَا كَتَبْنَاهَا عَلَيْهِمْ إِلاَّ ابْتِغَاءَ رِضْوَانِ اللَّهِ فَمَا رَعَوْهَا حَقَّ رِعَايَتِهَا فَآتَيْنَا الَّذِينَ آمَنُوا مِنْهُمْ أَجْرَهُمْ وَكَثِير ٌ مِنْهُمْ فَاسِقُونَ

"Mandammo poi sulle loro orme i Nostri messaggeri e mandammo Gesù figlio di Maria, al quale demmo il Vangelo. Mettemmo nel cuore di coloro che lo seguirono dolcezza e compassione; il monachesimo, invece, lo istituirono da loro stessi, soltanto per ricercare il compiacimento di Allah. Non fummo Noi a prescriverlo. Ma non lo rispettarono come avrebbero dovuto. Demmo la loro ricompensa a quanti fra loro credettero, ma molti altri furono empi". (Nobile Qur'an, 59, 27)


Sembra che il monachesimo non sia strettamente condannato seppure non sia stato stabilito, e che gli stessi monaci però sviarono dal senso del monachesimo che intendeva ricercare il compiacimento di Allah swt...ma devo ancora soffermarmi sul tafsir.

Aurangzeb 'Umarzai ha scritto:
Questo genere di "monachesimo" in cui si "consacra la propria vita" ad Allah ritirandosi dal mondo in un "monastero" non è qualcosa di sancito dalla Legge sacra tra i modi in cui adorare Dio.
Ricordiamoci il punto essenziale: è Dio che ha più "diritto" di chiunque alto di stabilire il modo in cui adorarLo, altrimenti finiremmo per adorare il nostro ego nel pretendere di decidere noi come adorarLo.

Capisco il tuo discorso, onestamente mi riesce difficile, però, credere che un monaco (o meglio un mistico -io nel mio discorso penso sempre più al mistico che al monaco.) che rinuncia a tutto e che nel nel suo cuore abbia l'unica e sincera intenzione di adorare Allah swt stia adorando il suo ego.
Sì, anche esagerare è sbagliato e non dovrebbe rinunciare a tutto dato che ci sono le cose che Allah swt ha permesso e negarsele non è esattamente un bene...ma magari sbaglia qualcosa nei modi ma la sua intenzione è unicamente e sinceramente quella di adorare Allah swt. E l'Islam dà essenziale importanza alle intenzioni (ciò non significa ovviamente che si possa deliberatamente prendersi ogni libertà su questo versante)
Ma se si sente realizzato così? Se fosse stato creato da Allah swt così, un uomo, un mistico che trova realizzazione in un isolamento pregno di Dio? Del resto non siamo tutti uguali...poi ovviamente Allah swt sa meglio e potrei benissimo sbagliarmi...

Aurangzeb 'Umarzai ha scritto:
Ed è appunto del tutto normale che tu senta tale bisogna, fa parte della natura con cui Allah ci ha creato, e tenendo conto della quale ha stabilito le varie regole ed i modi per adorarLo, al punto che il matrimonio stesso e persino il tempo passato assieme alla propria sposa/o - nelle giuste condizioni - si possono considerare "atti di adorazione" in termini di ricompensa.

Come vedi, l'Islam è una religione di equilibrio, e tra i due estremi della sregolatezza e del monachesimo, vi è la via mediana degli insegnamenti islamici, che ci permettono di vivere nel mondo ma con il nostro cuore e pensieri rivolti a Dio.

E questa è una cosa bella. Anche di bellezza commovente.
Del resto i sufi dicono "Nel mondo ma non del mondo".
Probabilmente devo ancora decifrare il senso pieno di queste parole, mi si deve disvelare.


E' che in una società simile che ha dimenticato Dio è del tutto normale che una persona che sente Dio, vuole parlarne si senta a disagio, e quindi mi sembra normale che un mistico cerchi l'isolamento per arrivare al centro di tutto, al Vero che è Dio, per avere un dialogo con Lui nel proprio cuore, del resto il cuore è il luogo dell'incontro con Dio.
Ma quel mistero che evidentemente ancora non ho svelato appieno è probabilmente la chiave di tutto: proprio questo di vivere nel mondo con Dio, come dicono i sufi, altrimenti seguire Dio nell'isolamento sarebbe troppo facile...una parte di me a volte mi risponde così a queste mie titubanze.

E ancora devo capire bene come un mondo che è dunya al contempo è luogo di manifestazione di Dio e in cui si opera seguendo Dio...con l'aiuto di Allah swt spero di riuscirci, spero che me lo disveli.

Riguardo il mio cammino, purtroppo nella pratica mi è un po' difficile seguire il tutto, per questo spesso vorrei qualcuno, anche una sorella, di valido accanto a me nel quotidiano che possa sostenermi...ad esempio come faccio ad avere uno Shaykh? Dove lo trovo in una città come la mia?
E purtroppo mi spiace dirlo e me ne scuso...oltre a questioni pratiche, c'è ancora il fatto che ancora non riesco a mettere a fuoco perfettamente la figura dello Shaykh, cioè non mi sento a mio agio pensando a questa cosa...quando leggo che ad uno Shaykh si deve obbedienza assoluta la cosa mi inquieta, e se fosse un impostore? Come si fa a fidarsi? L'obbedienza assoluta non si deve solo a Dio? L'idea di dare obbedienza assoluta a qualcuno non mi piace e per me nasconde insidie e pericoli. Mi piace l'idea di sentire Dio nel proprio cuore e farsi guidare e ovviamente questo è verità e realtà...effettivamente però a volte c'è il rischio di prendere cantonate e in effetti si dice sempre che uno Shaykh serve...ho letto un libro sulla figura di Khadir e si diceva che Khadir è la guida di chi non ha una guida spirituale fisica...ma poi si aggiungeva che una guida spirituale fisica è necessaria e che Khadir in tantissime occasioni è apparso per dare autorità ad un maestro fisico...
Scusate se esprimo queste perplessità; ma essendo sempre a questo punto mi pare di non potere evolvere e restare sempre lì...boh...chiedo la guida di Allah swt...

Aurangzeb 'Umarzai ha scritto:
L'idea di studiare anche on-line in sé è ottima, ma non ti consiglio proprio quell'istituto, soprattutto considerando il tuo grande interesse per il Tasawwuf: le persone che lo dirigono sono fortemente contrari al Tasawwuf e di orientamento salafita.

Ti consiglio invece siti come questi:

Grazie mille, mi servivano proprio siti del genere :) Adesso guardo.
In effetti avevo notato che mancava del tutto una voce sul sufismo, e la cosa mi aveva lasciato molto perplessa...la tua osservazione è più che pertinente.
Magari lì farò solo il modulo sulla lingua araba se è possibile e se non trovo di meglio. :D

Grazie ancora!

_________________
Guardami, potrei essere la strada. -Rumi-

Dio è bello e ama la bellezza.

A Lui appartengono le navi, alte sul mare come colline...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Lia
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 27/11/12 12:12
Messaggi: 175

MessaggioInviato: Sab Ott 12, 2013 4:05 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Già, forse non fa parte del mio destino. Boh, vedremo :D
però non mi alletta l'idea di stare sempre da sola, non voglio mica dire questo...ok, ho sempre pensato a relazioni haram, senza matrimonio, (però finora non ho mai avuto relazioni di nessun tipo...) magari adesso che sono diventata musulmana cambierò...


Scusami Merrjamal, mi rendo conto che avrei dovuto evitare quel commento, non volevo affatto dire che non fa parte del tuo destino o che non devi sperare di trovare qualcuno, ti auguro di cuore di trovare presto la persona giusta per te. Il mio era un discorso generale per ricordare appunto che alla fine c'è di mezzo il decreto di Allah.

Wassalam.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



"And the life of this world is only a deceiving enjoyment."[57:20]
"It is not beneficial to be a master at speech when you are immature at heart." - Shaykh Abd Al Qadir Al Jilani
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Sab Ott 12, 2013 4:45 pm    Oggetto: Rispondi citando

Lia ha scritto:
secondo me limitarsi a chiedere a una persona se è sposata o meno, non è sbagliato se uno magari lo fa perchè conosce qualcuno interessato a sposarsi e quindi lo chiede a quella persona perchè lo reputa in gamba per farli conoscere se appunto quella persona non è sposata,


Ehm certo sorella che non c'è niente di male, pensavo fosse chiaro che non mi riferivo al legittimo chiedere se una persona è sposata e ha figli, bensì a domande inopportune ed indiscrete magari poste pure da persone appena conosciute.

Lia ha scritto:
Spesso le persone però non lo fanno per cattiveria


Vero, non tutte le persone maleducate, indiscrete ed inopportune lo fanno per cattiveria o con intenzioni malvagie.
Ma restano comunque maleducati, indiscreti ed inopportuni.

Merrjamal ha scritto:
In realtà quando ponevo domande riguardo il monachesimo, non pensavo al tema del matrimonio, certo rientra nell'argomento per forza di cose, ma in quel momento (e in generale) il matrimonio era l'ultimo dei miei pensieri.


Ah ok, l'avevo legato a qualche altra frase prima che mi pare avevi scritto sul matrimonio (o che forse avevo interpretato io così)!

Merrjamal ha scritto:
Mi interrogavo sul monachesimo in un'ottica di destino e realizzazione individuale (che ovviamente va di pari passo con quanto stabilito da Allah swt e con l'accettarlo, dato che Lui sa cosa è meglio per noi e per che cosa siamo venuti al mondo); e pensavo più alla necessità di avere attorno, nella vita quotidiana amici, sorelle con cui confrontarsi e vivere ogni giorno nel segno dell'Islam, dell'amore per Allah swt.


Sì appunto, se tu stessa riconosci tale necessità non capivo bene perché sembrassi "attratta" da quest'ipotesi "monastica".

Merrjamal ha scritto:
Ma evidentemente per ora Allah swt vuole che io mi affidi totalmente a Lui, ed evidentemente (e posso riconoscere che è così) è una cosa di cui ho bisogno ed è giusto così.


Ora forse mi è più chiaro.
Considera un aspetto: il fatto che in un determinato momento abbiamo qualcosa / non abbiamo qualcosa non significa necessariamente che Allah non ce la darà/toglierà mai o che "è destino che la avrà / non la avrà per sempre".
I discorsi sul destino vanno riferiti a ciò che è passato: ciò che è successo era destino, e non si discute. Ma ciò che accadrà in futuro, non potremo saperlo finché appunto non accadrà, e quindi ha poco senso tentare di decifrare cosa vi sarà nel futuro sulla base di cosa ci sta accadendo nel presente.

Il fatto che -ad esempio- una persona in un determinato momento non riesce a trovare lavoro o a sposarsi significa semplicemente che fino a quel momento non era suo destino. Ma non deve smettere di cercare lavoro o moglie/marito dicendo "evidentemente non è destino che lavorerò/mi sposerà mai".

E ancora, il fatto che una persona si trovi in una determinata situazione in un dato momento non significa che quella sia la "regola islamica" del suo caso; tornando agli esempi, se una persona per un periodo non riesce a sposarsi, non significa che il matrimonio gli risulti necessariamente proibito (come pure può essere in alcuni casi); anzi, in alcuni casi potrebbe trovarsi in una situazione per cui per lui/lei sposarsi sia obbligatorio!

Quindi, dalla propria situazione presente non bisogna derivare né il destino futuro, né quale sia l'effettiva "regola islamica" che si applichi su di lui.

Merrjamal ha scritto:
Calzante il paragone tra matrimonio e mangiare carne halal! :D Entrambe le cose sono permesse ma non obbligatorie (solo che il matrimonio è raccomandato, a quanto ho capito)


Sì, generalmente sì; era più un esempio che un paragone vero e proprio.

Merrjamal ha scritto:
Può essere che il matrimonio non faccia parte del mio destino; è una cosa (insieme a tutte le altre) che con il tempo mi rivelerà Allah swt, come finora me ne ha rivelate altre.


Eh già, non potrai saperlo.. Ed anche in futuro, lo saprai solo per il periodo trascorso fino ad allora!

Merrjamal ha scritto:
Sinceramente -per dirla senza eufemismi- sono sempre stata allergica all'idea del matrimonio. Adesso devo capire fino a che punto ero allergica all'idea di matrimonio cristiano e di matrimonio in toto.
Non mi ha mai convinta l'idea del matrimonio come sacramento, quei matrimoni come messinscene, milioni buttati via per preparare il giorno del matrimonio, tra vestito da sposa, ricevimenti, viaggio di nozze, regali, pantomine che fanno il verso a telenovele e che nulla hanno a che vedere con la fede...penso che Dio (non credo di peccare di superbia nel dirlo) preferirebbe che tutti quei soldi andassero in beneficenza piuttosto che spesi in tutto questo ambaradam...
Se non sbaglio, il matrimonio islamico è più discreto, giusto?
Certo le questioni di dottrina sono quelle primarie (il matrimonio nell'Islam non è un sacramento, ma un contratto; sì, il matrimonio è pure importante ma attorno ad esso non vedo la retorica che c'è nel cristianesimo), ma quelle sociali seguono a ruota: mi sembra che nell'Islam non c'è il costume di festeggiamenti spropositati per il matrimonio, vero?
C'è lo scambio delle fedi nell'Islam? A quanto ho letto no.


Da quanto hai scritto sembra proprio che la tua "allergia" sia alle varie convenzioni sociali legati alle celebrazioni del "matrimonio cristiano-occidentale".
Venendo più nel dettaglio alle tue domande:

Merrjamal ha scritto:
Non mi ha mai convinta l'idea del matrimonio come sacramento, quei matrimoni come messinscene, milioni buttati via per preparare il giorno del matrimonio, tra vestito da sposa, ricevimenti, viaggio di nozze, regali, pantomine che fanno il verso a telenovele e che nulla hanno a che vedere con la fede...penso che Dio (non credo di peccare di superbia nel dirlo) preferirebbe che tutti quei soldi andassero in beneficenza piuttosto che spesi in tutto questo ambaradam...
Se non sbaglio, il matrimonio islamico è più discreto, giusto?


Sì, l'Islam condanna l'ostentazione e lo spreco (categorie che comunque sono differenti a seconda dello status socio-economico di una persona), anche nei matrimoni.
Ma questo non significa ovviamente che non ci siano feste e momenti di gioia dopo il matrimonio.

Merrjamal ha scritto:
ma quelle sociali seguono a ruota: mi sembra che nell'Islam non c'è il costume di festeggiamenti spropositati per il matrimonio, vero?


Esatto, festeggiamenti spropositati, ostentati, in cui c'è spreco, sono estranei allo spirito islamico del matrimonio.

Merrjamal ha scritto:
C'è lo scambio delle fedi nell'Islam? A quanto ho letto no.


Esatto, non c'è; è una pratica cristiana che è proibito imitare.

Merrjamal ha scritto:
però non mi alletta l'idea di stare sempre da sola, non voglio mica dire questo...ok, ho sempre pensato a relazioni haram, senza matrimonio, (però finora non ho mai avuto relazioni di nessun tipo...) magari adesso che sono diventata musulmana cambierò...


Certo insha'Allah, ora hai capito cose importantissime e hai gli strumenti per orientarti tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, e se Dio vuole comportarti di conseguenza.


Merrjamal ha scritto:
Aurangzeb 'Umarzai ha scritto:
Questo genere di "monachesimo" in cui si "consacra la propria vita" ad Allah ritirandosi dal mondo in un "monastero" non è qualcosa di sancito dalla Legge sacra tra i modi in cui adorare Dio.
Ricordiamoci il punto essenziale: è Dio che ha più "diritto" di chiunque alto di stabilire il modo in cui adorarLo, altrimenti finiremmo per adorare il nostro ego nel pretendere di decidere noi come adorarLo.

Capisco il tuo discorso, onestamente mi riesce difficile, però, credere che un monaco (o meglio un mistico -io nel mio discorso penso sempre più al mistico che al monaco.) che rinuncia a tutto e che nel nel suo cuore abbia l'unica e sincera intenzione di adorare Allah swt stia adorando il suo ego.


Il mio discorso era riferito all'idea di voler stabilire con la propria testa dei modi per adorare Dio che invece Dio stesso ha vietato: se una persona pretendesse di seguire tali metodi, starebbe in realtà adorando la propria idea di adorazione, e non Dio, visto che non ne rispetterebbe i comandi.
Ma ovviamente ciò non si applica necessariamente a metodi che invece sono leciti.

Merrjamal ha scritto:
ma magari sbaglia qualcosa nei modi ma la sua intenzione è unicamente e sinceramente quella di adorare Allah swt. E l'Islam dà essenziale importanza alle intenzioni (ciò non significa ovviamente che si possa deliberatamente prendersi ogni libertà su questo versante)


Dipende dall'estensione dell'errore; sappiamo che ci sono due condizioni essenziali perché i nostri atti di adorazione vengano accettati: correttezza formale ed intenzione sincera; e questi due aspetti non si possono disgiungere uno dall'altro.

Citazione:
Ma se si sente realizzato così?


Ecco qui il punto.
"Sentirsi realizzato" è una sensazione personale del proprio ego (detto in termini neutrali), ma lo scopo dell'adorazione di Dio è obbedire a e soddisfare Lui, non ottenere la "soddisfazione personale" od il "benessere psico-fisico" o la "realizzazione personale".
Poi certo, se una persona mentre adora Allah avverte anche sensazioni piacevoli e si sente "realizzato", ottimo, non c'è nulla di male.

Ma se lo scopo diventa "stare bene con se stessi", "sentirsi realizzati", etc., e ciò avviene disobbedendo agli ordini di Dio, allora si sarà di fronte ad un enorme inganno satanico: si crederà di adorare Dio, invece si adora se stessi; ci si illuderà di voler compiacere Dio, invece si compiacerà il proprio ego; si penserà di stare pregando Dio, invece si insegue solo il proprio "benessere"/"realizzazione"/"felicità", etc.

إِنَّ صَلاَتِي وَنُسُكِي وَمَحْيَاىَ وَمَمَاتِي لِلَّهِ رَبِّ الْعَالَمِينَ

In verità la mia orazione e il mio rito, la mia vita e la mia morte sono rivolti ad Allah, Signore dei mondi" - Nobile Qur'an, VI, 162.

(Tafsir:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

)

Merrjamal ha scritto:
Se fosse stato creato da Allah swt così, un uomo, un mistico che trova realizzazione in un isolamento pregno di Dio?


Se tale isolamente rientra nell'ambito di ciò che è permesso, non c'è problema.
Altrimenti, dovrà "offrire il collo delle sue passioni alla spada dell'obbedienza agli ordini di Dio".

Merrjamal ha scritto:
Del resto i sufi dicono "Nel mondo ma non del mondo".


Esatto.

Merrjamal ha scritto:
E' che in una società simile che ha dimenticato Dio è del tutto normale che una persona che sente Dio, vuole parlarne si senta a disagio, e quindi mi sembra normale che un mistico cerchi l'isolamento per arrivare al centro di tutto, al Vero che è Dio, per avere un dialogo con Lui nel proprio cuore, del resto il cuore è il luogo dell'incontro con Dio.


Sì, difatti periodi limitati di "isolamento" sono assolutamente permessi.

Merrjamal ha scritto:
E ancora devo capire bene come un mondo che è dunya al contempo è luogo di manifestazione di Dio e in cui si opera seguendo Dio..


Uhm, "luogo di manifestazione di Dio"?

Merrjamal ha scritto:
ad esempio come faccio ad avere uno Shaykh? Dove lo trovo in una città come la mia?


Non c'è mica uno Shaykh per ogni città (soprattutto in Italia!), né è necessario (soprattutto per una donna) che viva nella propria stessa città.
Qui c'è qualche indicazione:


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Merrjamal ha scritto:
oltre a questioni pratiche, c'è ancora il fatto che ancora non riesco a mettere a fuoco perfettamente la figura dello Shaykh, cioè non mi sento a mio agio pensando a questa cosa...quando leggo che ad uno Shaykh si deve obbedienza assoluta la cosa mi inquieta, e se fosse un impostore? Come si fa a fidarsi? L'obbedienza assoluta non si deve solo a Dio? L'idea di dare obbedienza assoluta a qualcuno non mi piace e per me nasconde insidie e pericoli.


Va correttamente contestualizzato quale sia l'effettivo significato di "obbedienza assoluta allo Shaykh"; vedi:

Obbedienza assoluta allo Shaykh? -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Per il resto, per approfondimenti sulla figura ed il ruolo di uno Shaykh, rimando a questi due testi essenziali:

Shariah and Tariqah. Inseparable and Indivisible - Shaykh al-Hadith Maulana Zakariyyah Kandhalawy -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Shariat and Tasawwuf - Shaykh Masihullah Khan -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Merrjamal ha scritto:
Magari lì farò solo il modulo sulla lingua araba se è possibile e se non trovo di meglio. :D


Per studiare l'arabo ho sentito parlare benissimo di uno dei siti che ti ho consigliato:

Shari'ah Program -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Accettare l'Islam; percorsi e problemi di fede Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2
Pagina 2 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.132