Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Islam, secolarizzazione, "religione privata"...

 
Questo forum è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare gli argomenti.   Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum -> Politica islamica
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Lun Lug 06, 2020 12:35 am    Oggetto: Ads

Top
AnnoDomini
Nuovo utente
Nuovo utente


Registrato: 08/07/09 00:16
Messaggi: 1

MessaggioInviato: Mer Lug 08, 2009 3:15 pm    Oggetto: Islam, secolarizzazione, "religione privata"... Rispondi citando

Mi presento
Sono Riccardo,studente in giurisprudenza,da sempre interessato a tutte le sfumature che il mondo propone,tra le culture,i popoli,le religioni,le lingue e la storia.

Il mondo musulmano(poi perchè chiamarlo mondo,quasi si volesse definire,marcare una contrapposizione tra due realtà),quindi preferirei definrla cultura araba(non volendo peccare di semplicismo),mi ha sempre affascinato. La sua storia ,la sua antica intelligentia è uno dei più grandiosi patrimoni dell'umanità.


La mia curiosità, la mia libertà di coscienza e di conoscenza oltre ad avermi fatto ammirare e scoprire meravigliose divesità ed inaspettate comunanze di valori, ha fatto nascere in me dubbi e critiche non sull'Islam,ma su come lo stesso mondo arabo si affaccia all'Islam.
Le contraddizioni e l'assoluto annullamento razionale al dogma religioso
rischiano a volte di distogliere gl'occhi da quello che ci succede attorno. Ci distoglie dagl'occhi il futuro che le persone devono costruire.

La Chiesa stessa ha imposto obblighi morali,cieca confidenza in conservatorismi dogmatici,che poco hanno giovato realmente alle persone che in quella fede credevano. In Italia questo periodo è chimato Medioevo. L'era buia.
Non è una critica alla Chiesa,non si può giudicare una fede che raggruppa così tante persone. Ma vuole essere un ammonimento,un consiglio. La fede è una momento spirituale ,privato,dove la più intima delle libertà umane si manifesta nella sua grandezza e universalità.
Il governo degli uomini bisogna lasciarlo agl'uomini.

Io non credo in Dio,non ho ricevuto i battesimi,ne Cristiani ,ne di qualsiasi altra religione. E ne sono felice. Mi è stata donata la liberta di scegliere quale religione ma anche di non scegliere. E così è. Certo crescere in Italia,dove la cultura del Cristo ha le sue radici, inevitabilmente esercita una forte inlfuenza su principi a valori morali. Ma la mia ragione,il mio dubbio mi tengono fortemente con i piedi per terra.

Spero in futuro di poter arricchire la mia conoscenza dalle vostre parole;
Saluti
Riccardo
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14958
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Mer Lug 08, 2009 6:43 pm    Oggetto: Re: Uno sguardo nell'uomo Rispondi citando

Ciao Riccardo.

Sei il benvenuto tra noi e ci auguriamo che la tua presenza qui sia proficua.

AnnoDomini ha scritto:
Il mondo musulmano(poi perchè chiamarlo mondo,quasi si volesse definire,marcare una contrapposizione tra due realtà),quindi preferirei definrla cultura araba(non volendo peccare di semplicismo),mi ha sempre affascinato. La sua storia ,la sua antica intelligentia è uno dei più grandiosi patrimoni dell'umanità.


Sarà meglio chiarire da subito un punto molto importante: Islam e cultura araba non sono affatto la stessa cosa.

Innanzitutto, l'80% dei musulmani nel mondo (compreso chi scrive e buona parte dei frequentatori di questo forum) non sono arabi.

Perciò, l'Islam non è "la religione degli arabi", oltretutto esistono comunità di arabi cristiani o giudei, senza considerare i politeisti dei secoli passati.

Questo è un forum sull'Islam (religione universale presente in tutto il mondo, i cui seguaci come abbiamo visto sono per circa l'80% non-arabi), perciò non trattiamo di cultura araba (nè di altre culture), trattandosi di due cose diverse..

Infatti, l'Islam non è una "cultura", nè esiste propriamente una "cultura islamica"; l'Islam è piuttosto una religione e sistema di vita, che ha informato di sé molte e diverse culture e società, che non di meno mantengono specifici tratti propriamente culturali.

Oltre tutto, molti di noi qui sono musulmani italiani, per cui la nostra cultura è la stessa tua cultura; ed anche volendo "dialogare" con altre, non vi è un solo referente culturale "islamico", ma semmai, a fianco ad una nascente "cultura islamica italiana", vi è una cultura turco-islamica, arabo-islamica, persiano-islamica, indo-islamica, sino-islamica, swahili-islamica e così via.

AnnoDomini ha scritto:
La mia curiosità, la mia libertà di coscienza e di conoscenza oltre ad avermi fatto ammirare e scoprire meravigliose divesità ed inaspettate comunanze di valori, ha fatto nascere in me dubbi e critiche non sull'Islam,ma su come lo stesso mondo arabo si affaccia all'Islam.


Ti invito a dare un'occhiata a questa discussione:
"I rischi del troppo credere" -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Citazione:
Le contraddizioni e l'assoluto annullamento razionale al dogma religioso
rischiano a volte di distogliere gl'occhi da quello che ci succede attorno. Ci distoglie dagl'occhi il futuro che le persone devono costruire.


Mi sembra un argomento retorico basato su presupposti dati per scontati; abbastanza "dogmatico", direi.

Citazione:
La Chiesa stessa ha imposto obblighi morali,cieca confidenza in conservatorismi dogmatici,che poco hanno giovato realmente alle persone che in quella fede credevano. In Italia questo periodo è chimato Medioevo. L'era buia.


Il tipico difetto di visione delle persona che si affacciano sull'Islam con addosso i paraocchi del loro retroterra cristiano.

Non si può comprendere l'Islam usando gli schemi e le categorie ereditate da una concezione diversa.

Avevo scritto, in un mio vecchio articolo:

"Le società “altre” vengono costruite a “immagine e somiglianza” di quelle occidentale: i fenomeni sociali, rituali etc. vengono “tradotti” incasellandoli in categorie occidentali, con significati strutturati significativamente e simbolicamente: nulla è neutro.
Così, ignorando completamente le caratteristiche precipue delle “strutture” – chiamiamole così – ideologiche, economiche, sociali, religiose, del “terzo mondo”, le si considerano semplicemente alla stregua di “corrispettivi” locali delle relative categorie occidentali che gli si fanno – arbitrariamente, per lo più, corrispondere:
L’esempio più esemplificativo di questo processo è quello rappresentato dall’uso della categoria di “religione”: sovrapponendo questa definizione – e soprattutto le strutturazioni di significato – si considerano le “religioni” di qualsiasi popolo alla luce dell’esempio che si è avuto sottomano in occidente: così, lo “stato islamico” viene immaginato come equivalente dello Stato Pontificio, scaricando sul primo - in virtù della comunanza di categoria - tutte le caratteristiche di oscurantismo e tradizionalismo reazionario che hanno dato vita ad Inquisizioni, Crociate e stermini di eretici. Sarebbe interessante analizzare che l’approccio occidentale verso le culture tradizionali altre è modellato dall’esperienza che questi ha avuto della religione: ogni “religione” viene considerata un equivalente del cattolicesimo, scaricando tutta una tradizione anticlericale su esperienze completamente diverse.
"

Se in Europa il dominio temporale della Chiesa si è tradotto in "oppressione, repressione, tirannia, ottusità, grettezza, ignoranza, dogmatismo" e via dicendo, (fermo restando che sono abbastanza scettico nei confronti della retorica illuminista sul "buio medioevo", ma d'altra parte certe cose sono innegabili) al contrario, nel mondo islamico, l'epoca d'oro coincide con il momento in cui la religione ed i suoi insegnamenti più sono stati seguiti e messi in pratica, mentre la sua decadenza coincide con l'abbandono e l'allontanamento dalla religione.

Se il laicismo e l'anticlericalismo europei nascono in un determinato contesto ed in risposta a determinati problemi della stessa società europea(quali l'operato della Chiesa e la sua stessa concezione della religione, del mondo, et cetera), perchè li dobbiamo estendere anche a realtà in cui quei problemi non hanno praticamente mai avuto luogo? Problemi diversi, risposte diverse!

Ah già, la risposta è semplice: etnocentrismo ed imperialismo culturale. ;-)

Citazione:
La fede è una momento spirituale ,privato,dove la più intima delle libertà umane si manifesta nella sua grandezza e universalità.
Il governo degli uomini bisogna lasciarlo agl'uomini.


Questa è la concezione della religione che si è sviluppata nel mondo occidentale moderno e si è affermata definitivamente con il trionfo del capitalismo, che non poteva permettere a "valori" e "legami" religiosi di "intromettersi" nel regolare e limitare lo strapotere e l'autorità del "dio denaro".

Solo con il ridurre la religione a "fatto privato" senza alcuna ripercussione sul reale, l'adorazione del denaro e la tirannia del profitto possono avere libero corso.

Si veda:
L'Unica Religione Tollerabile - di Miguel Martinez -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Grazie a Dio esistono altre concezioni della religione (oltre a quella cristiana ed a quella capitalista), che le permettono di tessere una rete di significato e di spiritualità in ogni ambito della propria vita e del quotidiano, e rifuggire dalla mercificazione, dall'inautenticità e dalla reificazione.

Pace su chi segue la Retta Guida.

'umar andrea

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
rana
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 12/01/09 07:36
Messaggi: 140
Residenza: egitto

MessaggioInviato: Ven Lug 10, 2009 2:55 am    Oggetto: ciao Rispondi citando

ben venuto

Che Allah ci guidi tutti sulla via giusta!
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
Midi Riccardo
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 12/02/09 13:58
Messaggi: 133
Residenza: TORINO

MessaggioInviato: Dom Lug 12, 2009 10:48 pm    Oggetto: Rispondi citando

Benvenuto nel forum

hai scritto
Citazione:
Le contraddizioni e l'assoluto annullamento razionale al dogma religioso rischiano a volte di distogliere gl'occhi da quello che ci succede attorno. Ci distoglie dagl'occhi il futuro che le persone devono costruire.


io potrei dire che le contraddizioni e l'assoluto annullamento morale al capitalismo rischiano a volte di distogliere gl'occhi da quello che ci succede attorno.
Ci distoglie dagl'occhi il futuro che dobbiamo dare ai nostri figli.

Vuol dire tutto e non vuol dire nulla, potremmo aprire in merito molti discorsi che non porterebbero da nessuna parte, se abbiamo puti di vista così lontani.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14958
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Dom Apr 22, 2012 10:44 pm    Oggetto: Re: Uno sguardo nell'uomo Rispondi citando

'Umar Mujaddidi ha scritto:
Citazione:
La fede è una momento spirituale ,privato,dove la più intima delle libertà umane si manifesta nella sua grandezza e universalità.
Il governo degli uomini bisogna lasciarlo agl'uomini.


Questa è la concezione della religione che si è sviluppata nel mondo occidentale moderno e si è affermata definitivamente con il trionfo del capitalismo, che non poteva permettere a "valori" e "legami" religiosi di "intromettersi" nel regolare e limitare lo strapotere e l'autorità del "dio denaro".

Solo con il ridurre la religione a "fatto privato" senza alcuna ripercussione sul reale, l'adorazione del denaro e la tirannia del profitto possono avere libero corso.

Si veda:
L'Unica Religione Tollerabile - di Miguel Martinez -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Grazie a Dio esistono altre concezioni della religione (oltre a quella cristiana ed a quella capitalista), che le permettono di tessere una rete di significato e di spiritualità in ogni ambito della propria vita e del quotidiano, e rifuggire dalla mercificazione, dall'inautenticità e dalla reificazione.


A questo riguardo, interessanti le parole di un commentatore cattolico sul blog di Miguel Martinez:

"La distinzione tra “vita privata” e “vita pubblica” e l’idea che la Verità dovrebbe essere riservata solo alla prima e taciuta nella seconda è una tipica invenzione moderna, figlia del peggior relativismo e volta a sopprimere il Cristianesimo [il discorso vale ancor di più nel caso dell'Islam] dalla socialità umana.
Non a caso si parla di dittatura del relativismo, che significa l’ostinazione di certo ateismo a sopprimere, anche con la violenza delle leggi, l’idea che esista una Verità e che questa Verità possa essere proclamata in pubblico e fatta base della vita comune degli uomini e che, anzi, senza questa Verità una vita in comune non può esistere, ma solo individualismo ed egoismo atomizzato
".

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Questo forum è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare gli argomenti.   Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum -> Politica islamica Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.052