Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Corano e Critica Testuale

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Orientalisti e loro polemiche
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Ven Lug 10, 2020 8:26 pm    Oggetto: Ads

Top
Phosforos
Bannato
Bannato


Registrato: 15/05/11 19:45
Messaggi: 7

MessaggioInviato: Mar Mag 17, 2011 6:48 pm    Oggetto: Corano e Critica Testuale Rispondi citando

Salve, esistono studi di critica testuale del Corano? Mi piacerebbe sapere anche a quanto sono datati i manoscritti più antichi e dove essi risiederebbero attualmente e se esistono edizioni critiche del testo (per fare un esempio di ciò che intendo, prendete ad esempio il testo critico di Nestle-Aland 27 sul Nuovo Testamento che annota tutte le varianti testuali più significative presenti nei passi neotestamentari).



Saluti
Top
Profilo Invia messaggio privato
Youssefpaolo
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 13/03/09 22:40
Messaggi: 544

MessaggioInviato: Mar Mag 17, 2011 8:27 pm    Oggetto: Rispondi citando

As salamu 'alaykum,

Premesso che ti risponderanno più dettagliatamente e sicuramente meglio di me altri fratelli, mi limito ad alcune riflessioni.

Il Qur'an è testualmente ed autenticamente Parola di Allah (subhana wa ta'ala): come si può sottoporre a critica testuale la Parola per eccellenza?

Il QUr'an è stato trasmesso oralmente e solo in seguito messo per iscritto dopo un accurato studio e confronto dei vari testi esistenti: non ha senso (come lo ha invece per la Bibbia) la ricerca del manoscritto più antico, perché il Qur'an è unico e non ha subito alterazioni.
Top
Profilo Invia messaggio privato
polymetis
Bannato
Bannato


Registrato: 28/02/11 22:20
Messaggi: 27
Residenza: ITA

MessaggioInviato: Mar Mag 17, 2011 10:21 pm    Oggetto: Rispondi citando

Mi sembra che la trasmissione del Corano sia sufficientemente garantita dal fatto che i musulmani lo considerano ispirato parola per parola, lettera per lettera, e dunque l'hanno sempre copiato in maniera scrupolosa, in alcuni casi mandandolo tutto a memoria per preservarne la trasmissione.
Dunque il problema per il filologo, più che la trasmissione del Corano, dovrebbe essere a mio avviso la composizione del Corano. Cioè come si sia arrivati a quell'insieme di testi che va sotto questo nome, da dove vengono i materiali ivi trascritti, se esistono fasi redazionali di quest'opera, ecc.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Phosforos
Bannato
Bannato


Registrato: 15/05/11 19:45
Messaggi: 7

MessaggioInviato: Mer Mag 18, 2011 1:24 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:

Mi sembra che la trasmissione del Corano sia sufficientemente garantita dal fatto che i musulmani lo considerano ispirato parola per parola, lettera per lettera, e dunque l'hanno sempre copiato in maniera scrupolosa, in alcuni casi mandandolo tutto a memoria per preservarne la trasmissione.


Questa argomentazione, in sè, mi sembra un po' ingenua. Solo perchè delle persone hanno una devozione in un testo non garantisce in sè il fatto che queste persone siano anche infallibili nel preservare perfettamente nel corso dei secoli questo testo. Come precedente letterario questo è ampiamente documentato dalla critica testuale vetero e neotestamentaria, dove pure gli scribi davano un'alto grado di autorità divina del testo da cui copiavano, ma non per questo ciò ha proibito la formazione di varianti testuali per innumerevoli motivi (per sbaglio, magari perchè il copista era stanco o si era distratto. Oppure per armonizzare un testo con un altro. O ancora perchè il testo originale era corrotto o perchè si è frainteso una parola per un'altra. E poi ci sono le stratificazioni, le aggiunte redazionali, le interpolazioni dottrinali, etc.) La critica testuale biblica è ricchissima di esempi di questo tipo. Come dicevo, gli scribi, per quanto devoti fossero, erano umani, dunque affidarsi esclusivamente su di loro, non è indice di certezza sul grado di attendibilità di trasmissione genuina che avrebbe subito il testo che avrebbero ricopiato, perchè sono davvero molti i motivi, anche ipotizzando la completa buona fede degli stessi, per cui sarebbero potuto originarsi varianti testuali.


Ho recentemente letto un articolo di J.Smith che fornisce delle informazioni molto interessanti a riguardo (e che mi piacerebbe fossero sottoposte anche all'analisi degli utenti musulmani qui presenti). Riporto:
(... - clip)

Citazione:
Cioè come si sia arrivati a quell'insieme di testi che va sotto questo nome, da dove vengono i materiali ivi trascritti, se esistono fasi redazionali di quest'opera, ecc


Si, anche questo è certamente necessario da analizzare e sempre Smith ha trovato delle analogie interessanti presenti tra i racconti Talmudici ebraici e altre fonti apocrife con alcune parti del Corano, ma prima di presentarle, è meglio procedere con ordine analizzando un elemento per volta.


Saluti
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Mer Mag 18, 2011 2:02 am    Oggetto: Re: Corano e Critica Testuale Rispondi citando

In questo thread si sta facendo l'errore tipico di chi si approccia all'Islam partendo da un retroterra (che sia di fede o di studi) cristiano: ovvero applicare all'Islam le strutture ed i modelli del cristianesimo, aspettando di ritrovarsi le stesse "problematiche".

Nell'Islam non c'è bisogno di alcun "studio di critica testuale" modellato sull'esempio dei moderni "studi critici" sulla Bibbia anche solo per il semplice motivo che gli stessi studiosi Musulmani hanno applicato criteri rigorosissimi nello studio e nella documentazione di tutti gli aspetti riguardanti la trasmissione e la "redazione" del testo del Sacro Qur'an.

Non c'è alcun bisogno che dopo oltre quattordici secoli arriva l'"archeologo" occidentale a posare il suo monocolo forgiato da secoli di pregiudizi "orientalisti" su un testo la cui trasmissione tra i Musulmani è sempre andata di pari passo allo studio ed all'analisi le più approfondite e rigorose.

Per evitare di ripetere cose già dette con parole nuove, faccio direttamente copia incolla di quanto già scritto in occasione di un'altra occasione simile:

"I musulmani sono "refrattari" alle interessate ricerche degli orientalisti euro-occidentali, perchè sanno cosa aspettarsi da loro, in linea con due secoli e più di deliri ed interpretazioni partigiane sotto la guisa della "ricerca storica disinteressata" (sic!).

Mentre -i musulmani- non sono affatto refrattari alla ricerca sul Corano in sé; anzi, è sempre stata la norma e la base di ogni studio serio della religione: circostanze della rivelazione dei singoli versetti, abrogazioni, interpretazioni dei Compagni (Iddio sia soddisfatto di tutti loro), analisi grammaticale, e così via.

L'Islam non ha bisogno di nuove "ricerche" sul Corano, sugli ahadith e sulla loro genesi, e sulla vita del Profeta (Pace e Benedizioni su di lui) proprio perchè da subito e da sempre, gli stessi sapienti musulmani hanno dissezionato ogni singola parola e lettera del Corano e degli ahadith, in particolare, nel caso degli ahadith, proprio per distinguere quelli autentici da quelli deboli o falsificati, e così via.
Ed i metodi impiegati sono di un rigore "scientifico" che fa letteralmente impallidire i metodi della "ricerca storiografica occidentale"
".

Phosforos ha scritto:
Salve, esistono studi di critica testuale del Corano?


Ti consiglio questi titoli:

The History of the Qur’anic Text from Revelation to Compilation by Mawlana Muhammad Mustafa al-A’zami -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



An Approach to Quranic Sciences - Uloomul Quran - Mufti Muhammad Taqi Usmani -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



E questo sito:


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



In particolare, la sezione sul Qur'an:


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
polymetis
Bannato
Bannato


Registrato: 28/02/11 22:20
Messaggi: 27
Residenza: ITA

MessaggioInviato: Mer Mag 18, 2011 9:33 am    Oggetto: Rispondi citando

Anche gli Ebrei dicono da sempre che i loro scribi trasmettono con cura infallibile e vagliando parola per parola il testo sacro, eppure, i risultati sono stati alquanto scadenti. La scienza occidentale ha il gran privilegio di essere laica e dunque di non doversi fidare della parola di nessuno. Idem per la scelta dei materiali confluiti poi nel Corano: che delle persone facciano una scelta accurata non rende certo questa scelta infallibile.
Si può comunque esser sospettosi di una refrattarietà ad indagare questi campi, di solito quando non si vuol parlare di qualcosa o si dice che non ce n'è bisogno è perché c'è qualcosa di poco chiaro da nascondere. Sicché sarebbe bene che tutte le ricerche su tutti i testi sacri delle varie religioni avvenissero liberamente e con tutta la trasparenza del caso.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ibrahim-Abu Ismail
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 27/10/10 09:24
Messaggi: 408
Residenza: Madhhab: Shafi'i

MessaggioInviato: Mer Mag 18, 2011 10:49 am    Oggetto: Rispondi citando

Assalamu alaikum...................che polymetis e phosforos abbiano e adottino una strategia in comune? .... e Allah L'Altissimo ne sà di più.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
polymetis
Bannato
Bannato


Registrato: 28/02/11 22:20
Messaggi: 27
Residenza: ITA

MessaggioInviato: Mer Mag 18, 2011 10:59 am    Oggetto: Rispondi citando

Credo che la nostra "strategia", se così vogliamo chiamarla, sia semplicemente il pensiero scientifico di qualsiasi occidentale, che non dà niente per scontato. La scienza non accetta alcun principio di autorità, e pone al vaglio qualsiasi cosa, dalla Bibbia al Corano. Quella che tu chiami strategia è solo il modus operandi tipico di qualsiasi filologo.

Ad maiora
Top
Profilo Invia messaggio privato
Phosforos
Bannato
Bannato


Registrato: 15/05/11 19:45
Messaggi: 7

MessaggioInviato: Mer Mag 18, 2011 4:11 pm    Oggetto: Rispondi citando

Prendo atto del fatto che la censura della ricerca di Smith sia stata interpretata dall'Amministrazione del forum come "materiale facente capo a gruppi ereticali o innovatori, o anti-islamici" (visto che non troverei altrimenti altri argomenti più validi che abbiano che abbiano come fondamento la violazione del regolamento) e dunque non mi meraviglio affatto della cancellazione dell'intervento. Tuttavia, la questione resta e cioè: Come spiegare quelle monete di fine 600 del regno di ‘Abd Al Malik che riportano versetti coranici in una forma differente da come pervenuti dai manoscritti in nostro possesso?


Inoltre, come ben dice l'utente Polymetis, non è che noi adottiamo una "strategia o tattica" (manco fossimo in guerra con voi!), semplicemente condividiamo gli stessi criteri e parametri scientifici i quali, per loro natura, non guardano in faccia a nessuno, fuorchè i dati probanti e documentabili.


Saluti
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Gio Mag 19, 2011 2:03 am    Oggetto: Rispondi citando

polymetis ha scritto:
Anche gli Ebrei dicono da sempre che i loro scribi trasmettono con cura infallibile e vagliando parola per parola il testo sacro, eppure, i risultati sono stati alquanto scadenti. La scienza occidentale ha il gran privilegio di essere laica e dunque di non doversi fidare della parola di nessuno.


La natura "laica" della scienza occidentale non è affatto garanzia della sua "neutralità" e "scientificità"; al contrario, è all'origine della partigianeria e dei pregiudizi con cui pretende di dimostrare che i Libri rivelati siano in realtà "invenzione umana", ed è partendo da questo presupposto ideologico che avvia le sue ricerche.

polymetis ha scritto:
Idem per la scelta dei materiali confluiti poi nel Corano: che delle persone facciano una scelta accurata non rende certo questa scelta infallibile.


Non c'è stata alcuna "scelta dei materiali": il testo raccolto nel Qur'an è quello che era recitato dal Profeta (pace e benedizioni su di lui) e conservato da alcuni suoi Compagni (Iddio sia soddisfatto di tutti loro) specificamente preposti a tale compito.

polymetis ha scritto:
Si può comunque esser sospettosi di una refrattarietà ad indagare questi campi, di solito quando non si vuol parlare di qualcosa o si dice che non ce n'è bisogno è perché c'è qualcosa di poco chiaro da nascondere.


E cosa staremmo nascondendo?

I "ricercatori occidentali" hanno tonnellate di materiali su cui svolgere le loro "indagini", moltissime copie di epoche diverse del testo del Sacro Qur'an, chi gli starebbe impedendo di portare avanti le loro ricerche?

Abbiamo forse qualche testo qui nel forum a cui vietiamo l'accesso ai prodi "ricercatori occidentali"?

O ciò di cui saremmo colpevoli è forse il nostro non piegarci in sottomissione agli idoli moderni della "critica testuale", della "ricerca occidentale" e della "scienza"?

Il tuo atteggiamento provocatorio mi ha stancato, sei bannato.

Phosforos ha scritto:
Tuttavia, la questione resta e cioè: Come spiegare quelle monete di fine 600 del regno di ‘Abd Al Malik che riportano versetti coranici in una forma differente da come pervenuti dai manoscritti in nostro possesso?


Il brano da te riportato non riporta nemmeno di quali versetti si tratterebbe; anzi, menzionava chiaramente che vi fosse il dubbio se si potessero considerare o meno "versetti del Corano".

E ti aspetti una risposta sul fatto che qualche archeologo/ricercatore ha trovato delle monete su cui vi sono delle scritte che per alcuni potrebbero essere stati versetti del Sacro Qur'an?

Ti ho già fornito del materiale a riguardo di questo argomento: se sei seriamente interessato ad esso ti consiglio vivamente di procurartelo ed iniziare a studiarlo.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 22:31
Messaggi: 1098

MessaggioInviato: Gio Mag 19, 2011 3:16 am    Oggetto: Rispondi citando

Phosforos ha scritto:
Citazione:
Tuttavia, la questione resta e cioè: Come spiegare quelle monete di fine 600 del regno di ‘Abd Al Malik che riportano versetti coranici in una forma differente da come pervenuti dai manoscritti in nostro possesso?


ma che domanda è?!

Piccolo consiglio:ti invitiamo a studiare e conoscere l'islam, lascia stare tutte quelle cose, che qui, in questo forum, non servono a niente..

Una domanda molto piu costruttiva che potevi fare era: "per quanto riguarda la trasmissione e la redazione del Qur'an cosa sappiamo?"
Questa domanda poteva sottolineare, da parte tua, un vero interessamento a conoscere l'islam; quella che hai fatto non ti presenta molto bene sai..

Se vuoi conoscere porgi delle domande costruttive!
Se devi criticare partendo da "tue" convinzione non sei il benvenuto!

Per polymetis

si in effetti non so che ci fai qui in questo forum.. Non ti soddisfa la tua religione? Non ti senti più cosi sicuro delle tue scelte, che muovi queste critiche così assurde per auto-convincimento? E' inutile ignorare l'Islam o farlo passare per ignorante..

Sura IX

32. Vorrebbero spegnere la luce di Allah con le loro bocche, ma Allah non intende che perfezionare la Sua luce, anche se ciò dispiace ai miscredenti.

33. Egli è Colui Che ha inviato il Suo Messaggero con la guida e la Religione della verità, onde farla prevalere su ogni altra religione, anche se ciò dispiace agli associatori.
Top
Profilo Invia messaggio privato
amin pukua
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/03/10 22:54
Messaggi: 137
Residenza: GENOVA

MessaggioInviato: Gio Mag 19, 2011 10:16 am    Oggetto: Rispondi citando

....

_________________
Abul-Abbas Sahl ibn Saad as-Saidi (Allah si compiaccia di lui) racconta:
"Un uomo venne dal Profeta (pace su di lui) e gli chiese: O Messaggero di Allah (pace su di lui), indicami un atto che, se da me compiuto, mi faccia amare da Allah e dagli uomini. Egli rispose: <Rinuncia al mondo e Allah ti amerà; rinuncia a ciò che possiede la gente e la gente ti amerà"da ibn Magiah
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Orientalisti e loro polemiche Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.039