Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Allarme sguardo

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Famiglia, matrimonio, genitori, figli e rapporti tra i generi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Sab Lug 11, 2020 6:51 am    Oggetto: Ads

Top
Anonymous
Affezionatissimo
Affezionatissimo


Registrato: 15/10/09 18:38
Messaggi: 68

MessaggioInviato: Lun Giu 21, 2010 7:56 pm    Oggetto: Allarme sguardo Rispondi citando

Salam a tutti!

Vi scrivo per chiedervi un consiglio. Da qualche tempo ho un piccolo problema con mio marito e vorrei la vostra opinione.
Probabilmente si tratta solo di un fatto di gelosia, ma non sono del tutto sicura che non ci siano anche motivazioni religiose e o culturali (so benissimo che non e` la stessa cosa).
Il punto e` questo: ogni volta che siamo per strada o in treno o in qualsiasi luogo pubblico, e io alzo lo sguardo per qualsiasi motivo (controllare la fermata, evitare che un`auto mi investa, cercare un prodotto sulla parete opposta del negozio, vedere se i ventilatori vanno o no, o semplicemente perche` mi sono stufata di fissare l`asfalto, mi annoio e mi guardo attorno), Mohamed si arrabbia da morire. Dice che se anche per errore incrocio uno sguardo maschile, e`di per se una cosa gravissima.
Ora, naturalmente il mio intento non e` certo quello di strizzare l`occhio ai passanti. Anzi cerco di evitare gli sguardi degli uomini, pero` fondamentalmente Mohamed non mi crede.
A volte non mi parla per giorni, e io magari stavo solo guardando un barboncino al guinzaglio.
Per fornirvi piu` dettagli: al momento siamo entrambi al Cairo e io indosso l`hijab "normale" (capelli, collo e orecchie coperti), e il mio modo di vestire penso sia islamicamente corretto.

Cosa devo fare secondo voi? chi ha ragione? pero` non ditemi che risolvo tutto mettendo il niqab, questo lo so anch`io, ma sinceramente non me la sento.

Grazie di cuore per le vostre risposte

Chiara
Top
Profilo Invia messaggio privato
NADIA R.
Disattivato
Disattivato


Registrato: 19/01/09 15:51
Messaggi: 799

MessaggioInviato: Lun Giu 21, 2010 11:08 pm    Oggetto: Rispondi citando

Wa alycum salam wa rahmatullah wa barakatuhu

cara sorella sono molto dispiaciuta per la situazione che stai vivendo, sicuramente tuo marito ti ama , ma molte volte l'amore viene trasformato in una gelosia, che se non è controllata, può crescere fino a diventare un ossessione malata, per cui secondo me dovreste risolvere questo problema, dialogando tra di voi e magari con l'aiuto di qualcun'altro.
Non conosco la vostra situazione e faccio solo supposizioni, ma potrebbe darsi che tu non riesca a rassicurare tuo marito in modo che lui possa fidarsi di te.
Per arrivare a questa fiducia, bisogna che tu lo rispetti ed a volte può essere utile anche prendere il suo punto di vista per come ti vesti

per quello che so io riguardo lo sguardo, non si può fare a meno di andare in giro e guardarsi attorno, o guardare semplicemente dove si và, per cui può capitare di incrociare lo sguardo di un'altra persona:
è concesso il primo sguardo, ma è peccato il secondo.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
nastiadancer
Frequentatore stabile
Frequentatore stabile


Registrato: 04/06/10 14:07
Messaggi: 37

MessaggioInviato: Mar Giu 22, 2010 10:32 am    Oggetto: Rispondi citando

Assalam aleikum,
cara sorella, dopo aver seguito il tuo discorso sorge spontanea la domanda: ma tuo marito aveva lo stesso comportamento anche prima? se sì, allora non c'è neanche da continuare il discorso. Evidentemente lui è così e basta. Però se tu hai notato che questo è stato un cambiamento recente in lui, c'è da dire il seguente: dici che ti fa questa osservazione ("di non alzare lo sguardo per non rischiare di peccare incrociando gli sguardi maschili") con lo scopo di salvarti e proteggerti dal peccato, giusto? Bene, allora dovresti ricordargli che tutti noi, uomini e donne, siamo i soli responsabili delle nostre azioni davanti a Allah, quindi nessuno (nè marito, nè madre, nè padre ecc.) ci deve imporre un modo di fare pur di salvare la nostra anima. Certo, ci possono consigliare e darci delle informazioni utili di cui magari eravamo carenti, ma finisce qui. Non possono assolutamente opprimere, insistere, perseguitare. Le religione, come anche qualsiasi cosa non da mai frutti se viene imposta ed è forzata. Quindi finchè uno non si convince da solo del fatto che sbaglia nessuna predica o imposizione funzionerà. Questo per dire che se tuo marito ti impone di tenere lo sguardo basso e pensa che ti fa del bene sbaglia, secondo me. E se tu pensi di essere nel giusto (come credo anche io) e comportarti corettamente dal punto di vista islamico, non sarà certo lui a dirti che sbagli e che stai peccando, non ne ha il diritto. Quindi, se non lo fa per motivi reliogiosi, ma per una semplice gelosia (magari un po' esagerata in questo caso), allora la religione non c'entra (l'ipotesi che mi sembra più adatta in questa situazione), se la deve vedere con i propri complessi/difficoltà/disturbi personali, in cui ovviamente potresti aiutarglie anche tu. L'importante che dentro sè stesso tuo marito ammetta che il problema è suo personale e che la religione non c'entra. Non bisogna confondere queste due cose. Altrimenti rischiamo di cadere nel fanatismo/estremismo. In conclusione, portrei dire che è molto probabile che il problema sia più di natura psicologica. Perchè se si trattasse solo di un dubbio sulla religione si sarebbe risolto già da tempo.
Tieni duro sorella, e che Allah ti guidi nell'aiutare tuo marito a prendere coscienza di sè stesso, inshallah.

Assalam aleikum wa rahmatullahi wa barakatu.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ali Brandon
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 05/02/08 14:31
Messaggi: 382
Residenza: Napoli

MessaggioInviato: Mar Giu 22, 2010 10:22 pm    Oggetto: Rispondi citando

wassalam

tutto ciò mi fa venire in mente una riflessione. Che non deve per forza di cose riguardare il caso in questione. La butto lì, poi, come diciamo a Napoli, dove colpisco colpisco ;)

Uomini e donne musulmani nati in paesi arabi, cresciuti quindi con una educazione prettamente islamica hanno, proprio per questa ragione, sviluppato dentro di se una serie di modelli comportamentali il cui complesso costituisce il "corretto adhab" che ogni muslmano dovrebbe tenere nei confronti di Allah SWT, gli altri e se stesso.
Mangiare con destra, parlare a voce bassa in pubblico per le donne, tenere lo sguardo basso e quant' altro sono tutti atteggiamenti che nella loro "semplicità" nascondono importanti significati "essenziali" che, come detto dal Maestro Ibn Arabi, contengono un immeso bene.
Quando una persona non araba per Grazia di Allah SWT ritorna all' Islam viene a trovarsi necessariamente a contatto con delle realtà non solo dottrinali o giuridiche ma anche, appunto, comportamentali che non sempre riesce a "digerire" al primo colpo.
Mentre per l' arabo tutto ciò è normale (per non dire naturale) pur non comprendendone necessariamente il significato, per il non arabo (soprattutto provenendo da una educazione prettamente occidentale) può sembrare non solo inconcepibile ma anche, nei casi più estremi, per certi versi ridicolo. Questo , aggiungo, è normale.

Ancora oggi il sottoscritto, nonostante tutti i suoi sforzi, in presenza di muslmani arabi sente che la sua grazia e il suo tatto sono simili a quelli di un elefante in una cristalleria.

Se un mancino si converte all' Islam verso i 30 anni per lui mangiare con la destra risulterà necessariamente complicato. E quando qualcuno gli dirà di cambiare mano, la prima reazione che avrà sarà, per forza di cose, quella di dire "Cosa posso farci? E' vero che è Sunnah, ma sono 30 anni che mangio con la sinista...non pretenderai che mi trasformi dala sera alla mattina???".
No, nessuno può pretenderlo.

Il probema è però un altro.

La persona (araba) che ti dice "cambia mano" anche se, come ho detto, non ne capisce il perchè (e ciò è infatti irrilevante) sa bene che quell' atto, al di la di quanto possa apparire alla limitata mentalità occidentale-laica-"moderna" nasconde un immenso bene. E se da un lato c' è il suo (evidente) errore nel voler a tutti i costi impartire dalla sera alla mattina la capacità di comprendere l' importanza di questa tal cosa, dall' altro c' è il suo profondo rammarico nel vedere che tal persona non riesce ad essere (com)partecipe delle stesso immenso bene.

L' Islam è una Religione. Una Tradizione. Un complesso di Leggi. Un insieme di Norme comportamentali. La Religione della Natura Primordiale.

salam

'Ali

_________________
Oltre la Verità cosa c' è, se non l' errore?
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage MSN
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Mar Giu 22, 2010 11:40 pm    Oggetto: Rispondi citando

Assalamu `alaykum wa rahmatullahi wa barakatuhu.

Sorella Chiara, non sono sicuro di aver compreso correttamente lo scenario: qual'è la tua domanda?

In generale, ogni persona è responsabile del suo comportamento (e anche del comportamente al quale possa attivamente invitare gli altri).

Se tu:
-non guardi nessuno,
-ti celi allo sguardo altrui come previsto dalla Shari`ah e
-non fai nulla per "invitare" nessuno a guardarti,
...se qualcuno ti guarda, la colpa, il peccato e la responsabilità ricadono su di lui (la persona che ti guarda), non su di te, e perciò tuo marito dovrebbe semmai prendersela con queste persone, non con te. :-)

Chiaramente se mancasse uno dei tre punti di cui sopra, la questione della responsabilità cambia, e sarebbe (in parte più o meno grande a seconda dei casi) anche tu.

Perciò, se tu hai la "coscienza a posto" e sei "innocente", cerca semplicemente di farlo capire a tuo marito e spiegargli le tue intenzioni.

Comunque, nel Madhhab Hanafi, (traduco dalle parole di Ustadhah Soupy):

"la regola della Shari`ah è che, a condizione che non vi sia desiderio, alle donne è permesso guardare gli uomini, e non è la stessa cosa della proibizione che c'è per un uomo a guardare una donna. Perciò (...) le è permesso guardarlo (altrimenti sarebbe richiesto anche agli uomini di indossare il niqab!) (...).

Al momento non ho i libri con me, ma l'hadith che prova tale permissibilità è quello in cui Hadrat Ayshah guarda una gara da dietro al Profeta (sallallahu `alayhi wa sallam). Il fatto che lui (sallallahu `alayhi wa sallam glielo permetta mostra che non vi è peccato in ciò.

Nonostante tale regola, è meglio per una donna abbassare lo sguardo allo stesso modo in cui lo fa l'uomo, è ciò è più puro per il suo cuore e più vicino alla taqwa. L'hadith in cui il Profeta (sallallahu `alayhi wa sallam) ha detto alle azwaaj mutahharaat di coprirsi in presenza di Hadrat Abdullah Ibn Umm Maktum che era un sahabi cieco, è basata sulla pratica migliore e sulla taqwa, così come è l'affermazione di Fatimah (radiyallahu `anha) in cui dice (parafrasando): "la cosa migliore per una donna è che nessun uomo la veda e che lei non veda nessun uomo"
".
[
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

]

Mufti Abdur Rahman Ibn Yusuf, commentando il secondo hadith citato da Ustadha Soupy, scrive (e io non ho tempo di tradurre :-D):

"Umm Salama (Radiyallahi `anha) narrates that she and Mayumuna were in the company of the Messenger of Allah (sallallahu `alayhi wa sallam) when Ibn Umm Makhtum (radiyallahu `anha) came and presented himself to him. The Messenger of Allah (sallallahu `alayhi wa sallam) ordered, “Veil yourselves from him.” Umm Salama asked, “O Rasulullah (sallallahu `alayhi wa sallam), is he not blind and unable to see us?” The Messenger (sallallahu `alayhi wa sallam) replied, “Are you two [also] blind and unable to see him?”
(Abu Dawud, Tirmidhi, Ahmad)

Some scholars have inferred from this hadith that it is unlawful for a woman to look at a man [just as it is unlawful for a man to look at a woman].
However, the more sound opinion is that it is permissible for a woman to look at a man, from above the navel and below the knees, if it is without lust. This permissibility is established from a number of texts, one of them being the hadith of 'A`yshah (radiyallahu `anha), in which she was allowed to watch the Abyssinian men perform when they visited Madinah, and the second, the permissibility of women coming to the Masjid and praying behind the men in the Masjid of the Messenger (sallallahu `alayhi wa sallam). If it were not permissible for women to look at men they would not have been permitted to pray behind the men. Furthermore, it is women who have been instructed to be veiled from men and not men from women. The above hadith has thus been explained as highlighting the more cautious and pious approach. (Mirqaatul Mafaatih 6:284) Some people, however, ettempt to use the narration of 'A`ishah as a blanket justification of women’s attending and watching male sporting events and other such activities in which well-built young men participate. This cannot be justified through this hadith because of the potential fitnah in such attendance and the general exhortation in the hadith of Umm Salama()".

[Excerpt from "Provision for the Seekers", translated by Mufti Abdur-Rahman Ibn Yusuf]

Mufti Yusuf Mullan scrive:

""And also, lustful or not, it still remains haram. Otherwise, we would be free to sit and stare at ugly men all day long!"

The above is what is famous but the most correct view is the following:

The permissibility of women looking at foreign men in a general setting is well known amongst the four schools of classic Fiqh.

The great Muhaddith and well known Hanafi Faqih, Mulla Ali Qari comments in his work on the Mishkaatul Masaabih of Khateeb at-Tabrizi:

The more sound position is that it is permissible for a woman to look without desire at a man in what pertains to his body above the navel or below the knee, and this hadith (in which the Messenger (sallallahu `alayhi wa sallam) commanded his wives to veil from a blind companion) relates to piety and godliness

This interpretation of the above hadith was made in order to reconcile it with the saying of Sayidah Aishah, may Allah be pleased with her; I would look towards the Abyssinians playing with spears in the masjid of the Prophet, peace and blessings of Allah be upon him.

As-Suyuti says:
"This incident was in the year the Abyssinians came to al-Madinah i.e. the seventh year of hijrah, and at that time Aishah (RDA) was a woman of 16 years and the verses commanding hijaab had already been revealed".

Therefore, it is our understanding that women may look at men as described above whereas men can not do so except in circumstances of dire necessity.

And Allah alone knows best!

Yusuf Mullan

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

"
[

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

]

Mufti Shafi' Usmani scrive nel suo Ma`ariful Qur'an (dando maggiore enfasi all'altra opinione, e con ragione e lungimiranza, visti i tempi di fitnah in cui viviamo):

"In the initial part of this long verse the injunction is the same which has been enjoined on men-folk in the preceding verse, that is, keep the eyes down or turn away the eyes. Women-folk are also included in the injunction along with men, but in the next verse there is a separate injunction for them for laying more emphasis. Hence, it is clear that for women it is forbidden to look at any man except their mahrams. Many scholars have declared that it is absolutely forbidden for women to see non-Mahram men, irrespective of looking with bad intent and passion or without any intent and passion; in either case it is forbidden. For this ruling the argument put forward in support is the hadith of Sayyidah 'Umm Salamah (radiyallahu `anha), which relates that once 'Umm Salamah (radiyallahu `anha) and Maimunah (radiyallahu `anha) both were with the Holy Prophet (sallallahu `alayhi wa sallam) when suddenly 'Abdullah Ibn 'Umm Maktum (radiyallahu `anhu), the companion of the Holy Prophet (sallallahu `alayhi wa sallam) who was blind, came in, and the Holy Prophet (sallallahu `alayhi wa sallam) asked them to go inside. This incident had happened after the injunction of hijab for women was revealed. On this 'Umm Salamah (radiyallahu `anha) pleaded 'O Holy Prophet! But he is only blind, he can't see us'. Then the Holy Prophet (sallallahu `alayhi wa sallam) replied 'Is it that you are blind too?' (Abu Dawud and Tirmidhi - Tirmidhi declared this hadith as hasan Sahih). Other jurists have ruled that there is no harm if women look at strange males without any passion. They base their argument on the hadith of Sayyidah 'A'ishah (radiyallahu `anha), in which it is related that on an Eid day some African youths were showing their military exercises in the courtyard of the Mosque of the Holy Prophet (sallallahu `alayhi wa sallam) and the Holy Prophet (sallallahu `alayhi wa sallam) was watching this game, and so was Sayyidah 'A'ishah (radiyallahu`anha), under the cover of the back of the Holy Prophet (sallallahu `alayhi wa sallam). She kept on watching the game until she herself got tired of it, but the Holy Prophet (sallallahu `alayhi wa sallam) did not object to her watching. Scholars are all unanimous on the point that looking with lust is prohibited, but looking without lust is also not a preferred act."
[Surah An-Nûr - 24 : Verses 30 - 31 - Looking at Non-Mahram is Forbidden -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

]

P.S.: Non so se mettendo il niqab risolvi tutto, ma sicuramente fai la cosa giusta. :-)

Ali Brandon ha scritto:
Uomini e donne musulmani nati in paesi arabi, cresciuti quindi con una educazione prettamente islamica

(...)

Mentre per l' arabo tutto ciò è normale (per non dire naturale) pur non comprendendone necessariamente il significato,

(...)

La persona (araba) che ti dice "cambia mano" (...)


Condivido la tua riflessione, fratello Ali; ho solo delle -grosse- perplessità su quanto sia determinante "l'arabicità" nel discorso in questione.

Cos'ha un "arabo musulmano da molte generazioni" in più di un "non-arabo musulmano da molte generazioni", come può essere un persiano (sunnita, ovviamente), un turco, un afghano, un somalo, un uzbeko, un indonesiano od un etiope?

Entrambi sono cresciuti in un contesto islamico, e non si può nemmeno dire che l'"islamicità" di un arabo sia automaticamente più antica di quella di un non-arabo (nel senso che un arabo sia necessariamente musulmano da "più generazioni" di un non-arabo), perchè da una parte ci sono non-arabi che sono discendenti da non-arabi che hanno accettato l'Islam sin dai tempi dei Sahabah (Iddio sia soddisfatto di tutti loro), mentre dall'altra parte ci sono arabi che sono musulmani giusto da un paio di generazioni, con i bisnonni cristiani/aleviti o quan'taltro e con i nonni che hanno accettato l'Islam...

Né si può dire che le società arabe contemporanee siano più "islamiche" di quelle non arabe, o che l'educazione impartita nei paesi arabi sia più "islamica" di quella impartita in altre società musulmane non-arabe. Anzi, in molti casi direi che è proprio il contrario, visto il grado di elevata secolarizzazione della gran parte dei paesi arabi contemporanei.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Ali Brandon
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 05/02/08 14:31
Messaggi: 382
Residenza: Napoli

MessaggioInviato: Sab Giu 26, 2010 2:36 pm    Oggetto: Rispondi citando

'Umar Andrea Aurangzeb ha scritto:


Ali Brandon ha scritto:
Uomini e donne musulmani nati in paesi arabi, cresciuti quindi con una educazione prettamente islamica

(...)

Mentre per l' arabo tutto ciò è normale (per non dire naturale) pur non comprendendone necessariamente il significato,

(...)

La persona (araba) che ti dice "cambia mano" (...)


Condivido la tua riflessione, fratello Ali; ho solo delle -grosse- perplessità su quanto sia determinante "l'arabicità" nel discorso in questione.

Cos'ha un "arabo musulmano da molte generazioni" in più di un "non-arabo musulmano da molte generazioni", come può essere un persiano (sunnita, ovviamente), un turco, un afghano, un somalo, un uzbeko, un indonesiano od un etiope?

Entrambi sono cresciuti in un contesto islamico, e non si può nemmeno dire che l'"islamicità" di un arabo sia automaticamente più antica di quella di un non-arabo (nel senso che un arabo sia necessariamente musulmano da "più generazioni" di un non-arabo), perchè da una parte ci sono non-arabi che sono discendenti da non-arabi che hanno accettato l'Islam sin dai tempi dei Sahabah (Iddio sia soddisfatto di tutti loro), mentre dall'altra parte ci sono arabi che sono musulmani giusto da un paio di generazioni, con i bisnonni cristiani/aleviti o quan'taltro e con i nonni che hanno accettato l'Islam...

Né si può dire che le società arabe contemporanee siano più "islamiche" di quelle non arabe, o che l'educazione impartita nei paesi arabi sia più "islamica" di quella impartita in altre società musulmane non-arabe. Anzi, in molti casi direi che è proprio il contrario, visto il grado di elevata secolarizzazione della gran parte dei paesi arabi contemporanei.


wassalm

Si, diciamo che, in linea di massima, intendevo paesi in cui si parla arabo. Mea culpa quindi per l' erronea esposizione (sarà l' età che avanza..?)

_________________
Oltre la Verità cosa c' è, se non l' errore?
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage MSN
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Sab Giu 26, 2010 7:10 pm    Oggetto: Rispondi citando

assalamu `alaykum wa rahmatullahi wa barakatuhu.

Mi era sfuggito questo messaggio, che vedo solo ora, e ritengo il caso di intervenire - seppure in ritardo - vista l'importanza dell'argomento.

nastiadancer ha scritto:
dici che ti fa questa osservazione ("di non alzare lo sguardo per non rischiare di peccare incrociando gli sguardi maschili") con lo scopo di salvarti e proteggerti dal peccato, giusto? Bene, allora dovresti ricordargli che tutti noi, uomini e donne, siamo i soli responsabili delle nostre azioni davanti a Allah, quindi nessuno (nè marito, nè madre, nè padre ecc.) ci deve imporre un modo di fare pur di salvare la nostra anima. Certo, ci possono consigliare e darci delle informazioni utili di cui magari eravamo carenti, ma finisce qui. Non possono assolutamente opprimere, insistere, perseguitare. Le religione, come anche qualsiasi cosa non da mai frutti se viene imposta ed è forzata. Quindi finchè uno non si convince da solo del fatto che sbaglia nessuna predica o imposizione funzionerà. Questo per dire che se tuo marito ti impone di tenere lo sguardo basso e pensa che ti fa del bene sbaglia, secondo me. E se tu pensi di essere nel giusto (come credo anche io) e comportarti corettamente dal punto di vista islamico, non sarà certo lui a dirti che sbagli e che stai peccando, non ne ha il diritto.


Non solo non è affatto come dici, ma è esattamente il contrario: il capo-famiglia ha la responsabilità ed il dovere di "ordinare il bene e proibire il male" ai membri della sua famiglia.

Certo, in ciò che è giusto, ma questa responsabilità resta, e non si può assolutamente dire che non sia "suo diritto".

Dice Allah l'Altissimo nel Santo Qur'an:

"يَا أَيُّهَا الَّذِينَ آمَنُوا قُوا أَنفُسَكُمْ وَأَهْلِيكُمْ نَارا ً وَقُودُهَا النَّاسُ وَالْحِجَارَةُ عَلَيْهَا مَلاَئِكَةٌ غِلاَظ ٌ شِدَاد ٌ لاَ يَعْصُونَ اللَّهَ مَا أَمَرَهُمْ وَيَفْعَلُونَ مَا يُؤْمَرُونَ"

"O credenti, preservate voi stessi e le vostre famiglie, da un fuoco il cui combustibile saranno uomini e pietre e sul quale vegliano angeli formidabili, severi, che non disobbediscono a ciò che Allah comanda loro e che eseguono quello che viene loro ordinato".
(Surah at-Tahrim LXVI, 6)

Commento dal Tafsir Ibn Kathir:

Teaching One's Family the Religion and Good Behavior

`Ali bin Abi Talhah reported from Ibn `Abbas;

[قُواْ أَنفُسَكُمْ وَأَهْلِيكُمْ نَاراً]

(Protect yourselves and your families against a Fire (Hell)) He said, "Work in the obedience of Allah, avoid disobedience of Allah and order your families to remember Allah, then Allah will save you from the Fire.'' Mujahid also commented on:

[قُواْ أَنفُسَكُمْ وَأَهْلِيكُمْ نَاراً]

(Protect yourselves and your families against a Fire (Hell)) saying, "Have Taqwa of Allah and order your family to have Taqwa of Him.'' Qatadah said, "He commands obedience to Allah, to not disobey Allah, he orders his family to obey His orders and helps them to act upon His orders. When one sees disobedience, he stops them and forbids them from doing it.'' Similar was said by Ad-Dahhak and Muqatil; "It is an obligation for the Muslim to teach his near family members, and his male and female slaves what Allah has made obligatory for them and what Allah has forbidden for them.'' There is a Hadith that confirms the meaning of this Ayah. Ahmad, Abu Dawud and At-Tirmidhi recorded that Ar-Rabi` bin Sabrah said that his father said that the Messenger of Allah said,

«مُرُوا الصَّبِيَّ بِالصَّلَاةِ إِذَا بَلَغَ سَبْعَ سِنِينَ، فَإِذَا بَلَغَ عَشْرَ سِنِينَ فَاضْرِبُوهُ عَلَيْهَا»

(Order the children to pray when they reach the age of seven and when they reach the age of ten, discipline them for (not performing) it.) This is the narration that Abu Dawud collected; At-Tirmidhi said, "This Hadith is Hasan.''

[

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

]

Da "Ma`ariful Qur'an" di Mufti Shafi' Usmani:

""Qu anfusakum wa ahlikum" (O those who believe, save yourselves and your families from a fire...66:6). This verse addresses the general body of Muslims and enjoins upon them to safeguard themselves and their families from a fire of Hell whose fuel is people and stones. Then the verse goes on to describe the intensity and horror of the Hell-Fire. Towards the end of it the angels in charge of it, whose name is Zabaniah, are described. They are harsh and terrible from whom no inmate of Hell will be able to rescue himself by force, power, strength, flattery or bribery.
The word "ahlikum" (your families) comprehends wife, children and slaves [males as well as females]. It is not inconceivable to include full-time servants in the imperative like slaves. When this verse was revealed, Sayyidna 'Umar (Radiyallahu `anhu) inquired: "O Messenger of Allah, we understand how to save ourselves from Hell, that is, we guard ourselves against sins and carry out the Divine injunctions, but how do we safeguard our families from Hell?" The Messenger of Allah (Sallallahu `alayhi wa sallam) replied: "Instruct them to refrain from deeds that Allah has prohibited, and ask them to carry out deeds that Allah has enjoined. This will rescue them from the Hell-Fire." [Ruh-ul-Ma'ani]
"
[

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

]

"Education and Training of Wife and Children: Every Muslim's Responsibility
The jurists have pointed out that, according to the verse under comment, it is the responsibility of every Muslim to educate the wife and children in matters of Shar`i obligations, and in matters of halal and haram and train them diligently to act upon them. A hadith says, "May Allah shower His mercy upon a person who says: 'O my wife and children, (be mindful of) your prayers, your fasting, your alms, your indigent, your orphan, your neighbour! It is hopeful that Allah will gather all these with him in Paradise" 'Your prayers, your fasting' and so on' implies 'Take care of them. Do not ignore them.' The phrase 'Your indigent, your orphan and so on' implies 'Fulfil their rights towards them willingly and readily.' Righteous elders have said that the person deepest in punishment on the Day of Judgement will be the one whose family is ignorant and unaware of the religion. [Ruh]

[Education and Training of Wife and Children: Every Muslim's Responsibility -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

]

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
sarettaislam
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 01/08/10 18:09
Messaggi: 391
Residenza: modena Madhhab: Maliki

MessaggioInviato: Dom Ago 01, 2010 7:42 pm    Oggetto: salam Rispondi citando

sono d'accordo cn le altre sorelle.. credo sia importante ke tra di voi ci sia fiducia e rispetto.. questo suo comportamento assurdo nn si riferisce tnt alla religione ma alla gelosia.. é normale incontrare qlk sguardo e se uno nn si guarda un po intorno kissa cs puo capitare.. cm dici tu controllare le makkine oppure semplicemente vedere cosa ci circonda in quel momento altrimenti memorizzeremo solo ogni tratto dell'asfalto :) ora il punto é ke devi parlarci e dire di nn preoccuparsi cm una madre ha paura x il proprio bambino xk 6 una ragazza onesta e credo nella religione e come tocco di classe di ke ami solo lui e k nn hai bisogno di nessun altro..
alekom salem
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Lun Ago 02, 2010 3:23 am    Oggetto: Rispondi citando

Allah l'Altissimo nel Santo Qur'an ci ordina di abbassare lo sguardo (ghad.d al-basar) in presenza di persone estranee ([u]gh[/u]ayr-mahram) dell'altro sesso:

قُلْ لِلْمُؤْمِنِينَ يَغُضُّوا مِنْ أَبْصَارِهِمْ وَيَحْفَظُوا فُرُوجَهُمْ ذَلِكَ أَزْكَى لَهُمْ إِنَّ اللَّهَ خَبِير ٌ بِمَا يَصْنَعُونَ

"Di' ai credenti di abbassare il loro sguardo e di essere casti. Ciò è più puro per loro. Allah ben conosce quello che fanno". - Sacro Qur'an, XXIV, 30.

Tafsir dell'ayah:
Verses 30 - 31: Translation and Commentary -
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Looking at Non-Mahram is Forbidden -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Sebbene ciò possa essere il contrario di quanto considerato "normale" nella società in cui viviamo, questi sono gli ordini di Allah Ta`ala, e dobbiamo sforzarci di seguirli al meglio: a Lui spetta la nostra obbedienza ed a Lui chiediamo di donarci il tawfiq di rispettare i suoi ordini e astenerci dalle sue proibizioni.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
sarettaislam
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 01/08/10 18:09
Messaggi: 391
Residenza: modena Madhhab: Maliki

MessaggioInviato: Lun Ago 02, 2010 12:47 pm    Oggetto: salam Rispondi citando

salam
nessuno é perfetto e dio swt é grandissimo e perdonera i nostri peccati.. nn possiamo nn alzare lo sguardo.. e se ci investono? ci sono cose ke se anke nn possiamo farle siamo obbligate a farle e dio qst lo sa.. nn alziamo lo sguardo x controllare se c'é qlk ammiratore.. ma soltanto xla nostra sicurezza o semplicemente x guardare cs c'é intorno.. inchallah dio perdonera qst piccoli errori di cui purtroppo certe volte nn possiamo fare a meno..
3alekom salam
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Lun Ago 02, 2010 7:48 pm    Oggetto: Re: salam Rispondi citando

sarettaislam ha scritto:
salam
nessuno é perfetto e dio swt é grandissimo e perdonera i nostri peccati.. nn possiamo nn alzare lo sguardo.. e se ci investono? ci sono cose ke se anke nn possiamo farle siamo obbligate a farle e dio qst lo sa.. nn alziamo lo sguardo x controllare se c'é qlk ammiratore.. ma soltanto xla nostra sicurezza o semplicemente x guardare cs c'é intorno.. inchallah dio perdonera qst piccoli errori di cui purtroppo certe volte nn possiamo fare a meno..
3alekom salam


Wa `alaykum assalam wa rahmatullahi wa barakatuhu.

Ghad.d al-basar non significa "guardare l'asfalto e finire sotto una macchina"; significa abbassare lo sguardo in presenza di non-mahram dell'altro sesso..

Al di là di questo, è senz'altro vero che solo Allah è perfetto, e solo i Profeti (`alayhim assalam) immuni dal peccato, ma ciò non significa che dobbiamo "fregarcene" e violare apertamente i suoi ordini perchè "tanto Allah è al-Rahman e ci perdona", come ho sentito dire qualche volta.

Semmai, bisogna sforzarsi e fare del nostro meglio a non commettere alcun peccato, e se poi succede, bisogna pentirsi sinceramente e non disperare nel perdono di Allah, certamente.
Ma questo è diverso dal "vabbè, lo faccio lo stesso tanto poi Allah mi perdona perchè è il più Misericordioso": questa è arroganza.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
sarettaislam
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 01/08/10 18:09
Messaggi: 391
Residenza: modena Madhhab: Maliki

MessaggioInviato: Lun Ago 02, 2010 10:51 pm    Oggetto: salam Rispondi citando

no no infatti.. io stessa in presenza di un uomo abbasso lo sguardo cm indicato dal corano.. ma la sorella nella sua spiegazione dice ke il marito le vieta proprio di alzare lo sguardo.. assolutamente sn d'accordo cn te fratello.. x abbassare lo sguardo davanti all'altro sesso..ma se nn ve ne é presenza nn serve..
alekom salam
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
samana01
Bannato
Bannato


Registrato: 09/08/10 12:50
Messaggi: 4

MessaggioInviato: Lun Ago 09, 2010 2:33 pm    Oggetto: Rispondi citando

(... - Messaggio eliminato dall'amministrazione)
Top
Profilo Invia messaggio privato
muslimah77
Matricola
Matricola


Registrato: 29/07/10 20:43
Messaggi: 10

MessaggioInviato: Lun Ago 09, 2010 5:29 pm    Oggetto: Rispondi citando

senti samana inutile provocare va bene??
come ben sai molti di questi uomini che scrivono qui sono ITALIANI E A CASA LORO, non sono ospiti!!!!!!

Questo e' un forum ISLAMICO percio' se non hai niente di intelligente da dire smamma via.......................................
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Famiglia, matrimonio, genitori, figli e rapporti tra i generi Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.184