Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

"La Jihad omosessuale" (articolo di Liberazione)

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Intellettuali, considerazioni e dibattiti sull'Islam
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Mar Lug 14, 2020 4:02 pm    Oggetto: Ads

Top
AF
Affezionatissimo
Affezionatissimo


Registrato: 02/06/07 15:12
Messaggi: 70

MessaggioInviato: Mer Apr 16, 2008 11:02 pm    Oggetto: "La Jihad omosessuale" (articolo di Liberazione) Rispondi citando

Vorrei sapere che ne pensate di questo articolo:

Citazione:
"Da Sodoma a Hollywood". La 23ma edizione punta i riflettori sul rapporto tra gay e Islam

La Jihad omosessuale
al Glbt FilmFest di Torino

di Federico Raponi

Sessualità e religione. Due sfere che se nel privato rispondono solo a formazione, gusto e credo del singolo, nelle loro manifestazioni sociali si trovano di fronte le istituzioni della fede. Nell'Occidente della Chiesa cattolica esempio ne sono l'aborto, il divorzio, le unioni omosessuali, la fecondazione assistita. Ma cosa avviene nei paesi a maggioranza musulmana?
Una parte della 23ma edizione del "da Sodoma a Hollywood - Torino GLBT Film Festival" (19-25 aprile, la kermesse significativamente si chiude il giorno della Liberazione) si concentra proprio sul rapporto tra omosessualità ed Islam attraverso 7 titoli tra film di finzione, documentari e cortometraggi. Il lavoro più articolato è sicuramente A Jihad for love , scritto e diretto dall'indiano Parvez Sharma, produttore e giornalista radiofonico che spesso si è occupato di diritti umani. Un'opera prima (co-finanziata dal Sundance Documentary Fund), ed anche primo documentario su quest'argomento. «Jihad - spiega il regista - non significa solo "guerra santa" ma anche "lasciarsi andare verso la strada di dio". Questo film vuole raccontare la jihad ripudiando il concetto di guerra». E lo fa incontrando lesbiche e gay musulmani praticanti in 12 stati, in 9 differenti lingue, a partire dall'India e passando per Pakistan, Iran, Turchia, Egitto, Sud Africa, fino ad arrivare in Francia. I loro sono racconti di vita sull'amore e sull'accettazione di sè - nel superamento di conflitti interni, familiari e con la società - ripresi con grande rischio e in segreto per 6 anni, perchè «i musulmani - continua Sharma - ritengono che l'omosessualità sia vietata dal Libro Sacro, e molti insegnanti del Corano ne attribuiscono direttamente a Maometto la condanna. L'islam conta 50 stati a maggioranza musulmana. Solo in poche di queste nazioni la legge non proibisce espressamente l'omosessualità, la maggior parte prevede carcerazione, tortura, repressione ed esecuzione dei gay. Il lesbismo nel Corano non è neanche preso in considerazione». Ciononostante, «la maggioranza dei gay musulmani non vuole ripudiare la propria religione, ma far convivere serenamente omosessualità e credo. Come i personaggi del documentario, che sono molto diversi tra loro: alcuni osservano rigorosamente i dettami ortodossi, altri hanno fatto proprio il modo di vivere occidentale. Tutti vivono con la speranza di un futuro migliore». Di contro, tra questa minoranza taciuta, esclusa dalla vita pubblica, vittima di persecuzioni, «le persone che decidono di fuggire verso gli stati occidentali si trovano a fare i conti con l'intensificazione dei controlli ai confini e leggi di schedatura, a causa degli attacchi dell'11 settembre, in un clima di completa diffidenza».
Due donne, l'iraniana Negir Kianfar e l'olandese Daisy Mohr, sono invece le autrici del doc The Birthday , su un giovane seguito prima e dopo l'operazione chirurgica di passaggio da uomo a donna, circondato dal suo compagno, altri transessuali (tra cui una donna che sta diventando uomo), il medico, un religioso, e specialmente la famiglia. Il luogo è l'Iran e tutti i personaggi sono credenti, in un contesto schizofrenico dominato dal perchè un uomo scelga di diventare una donna non-libera. In Love and Words , la regista e montatrice Sylvie Ballyot va nello Yemen per riprendere una donna. Pochi giorni dopo deve interrompere perchè la mette in pericolo, e inizia così ad interrogare varie persone sull'amore e sulla vita, esponendo anche se stessa. Citiamo infine The Beirut Apt di Daniele Salaris (già autore di due reportage per Gay.Tv - sulla "Marcia per la Tolleranza" di Cracovia e sul primo tentativo di Gay Pride in Russia - ed un altro su gay e lesbiche islamiche londinesi, col cui materiale ha realizzato il video Sul carro di Imaan ). Salaris ci parla qui del Libano, dove il codice penale vieta l'omosessualità. Un appartamento diventa allora luogo di libera manifestazione della propria sessualità, di analisi e racconto.


16/04/2008


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Mer Apr 16, 2008 11:25 pm    Oggetto: Re: "La Jihad omosessuale" (articolo di Liberazion Rispondi citando

Citazione:
Ciononostante, «la maggioranza dei gay musulmani non vuole ripudiare la propria religione, ma far convivere serenamente omosessualità e credo.


"Far convivere serenamente"??
Pura ipocrisia: l'omosessualità è proibita nell'Islam, punto.

Come stai caro AF? E' da diverso tempo che non ci sentivamo!

Pace su chi segue la Guida,
'umar andrea

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
ummah
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/07 19:08
Messaggi: 146

MessaggioInviato: Gio Apr 17, 2008 1:10 pm    Oggetto: Rispondi citando

Assalamu Alaikum ..........queste due cose nell'Islam non possono convivere. Nell'articolo si parla che sia i gay e lesbiche intervistate sono praticanti................ma in un hadith il Profeta disse:"Dio non guarderà in faccia chi avrà effettuato sodomia e avrà rapporti con persone dello stesso sesso"......
Ogni volta che vi è un rapporto tra persone dello stesso sesso il Trono di Allah L'Altissimo trema, questo stà a significare proprio la potenza di Allah e la sua grandezza...e sopratutto il mancargli di rispetto e mancare di rispetto alla leggi e comportamenti di vita che ci ha dato.
Top
Profilo Invia messaggio privato
mohamed
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 24/02/08 02:51
Messaggi: 105

MessaggioInviato: Gio Apr 17, 2008 7:12 pm    Oggetto: Rispondi citando

assalamu halaikum ua rahmatu allah,
cari fratelli ma allora come dobbiamo comportarci con loro?
alcuni dicono che non è scelta loro ma sono nati così.....
che dobbiamo fare??

salam mohamed

_________________
A volte mi chiedo chi temano veramente i musulmani d‘oggi?
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Gio Apr 17, 2008 8:08 pm    Oggetto: Rispondi citando

mohamed ha scritto:
assalamu halaikum ua rahmatu allah,
cari fratelli ma allora come dobbiamo comportarci con loro?
alcuni dicono che non è scelta loro ma sono nati così.....
che dobbiamo fare??

salam mohamed


Wa `alaykum asSalam wa RahmatuLlahi wa BarakatuHu!

Lasciargli trovare tutte le scuse e giustificazioni che vogliono, e lasciarli stare proprio: la nostra posizione è chiara, ma ciò non significa che dobbiamo andare in giro a picchiare o insultare qualcuno!

'umar andrea

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
mohamed
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 24/02/08 02:51
Messaggi: 105

MessaggioInviato: Ven Apr 18, 2008 1:29 am    Oggetto: Rispondi citando

assalamu halaikum ua rahmatu allah,

volevo chiedervi se fosse la stessa cosa per un rapporto tra due donne?
mi viene da chiedere perchè in questo caso non c'è rapporto anale che è illecito..

salam mohamed

_________________
A volte mi chiedo chi temano veramente i musulmani d‘oggi?
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
ummah
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/07 19:08
Messaggi: 146

MessaggioInviato: Ven Apr 18, 2008 9:07 am    Oggetto: Rispondi citando

Assalamu Alaikum- fratello Mohamed, l'Islam è chiaro è vietata la sodomia e i rapporti con persone dello stesso sesso.
Studi sulle coppie lesbiche hanno potuto constatare che appunto tra loro vi è la componente maschile che viene messa in risalto durante l'atto sessuale.
Anche questo l'Islam lo vieta, la donna non deve imitare l'uomo e la sua componente e viceversa.
L'armomia giusta e quella creata da da ALLAH L'Altissimo è tra uomo e donna. stop.
Top
Profilo Invia messaggio privato
vero
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 20/01/08 20:01
Messaggi: 164

MessaggioInviato: Ven Apr 18, 2008 5:32 pm    Oggetto: Rispondi citando

mohamed ha scritto:
assalamu halaikum ua rahmatu allah,
cari fratelli ma allora come dobbiamo comportarci con loro?
alcuni dicono che non è scelta loro ma sono nati così.....
che dobbiamo fare??

salam mohamed

secondo me non è vero che ci si nasce perchè tutti dicono di "scoprirlo" ad un certo punto della loro vita, secondo me è molto più plausibile che la loro sia una condizione ed un atteggiamento sopratutto di carattere mentale derivanti da una serie di fattori, quali sociali per esempio, che portano un individuo ad una condizione di malessere ed estraneamento da ciò che è la realtà, pure quella del suo stesso essere. Rendendomi conto che la mia spiegazione non è tra le migliori vorrei fare un esempio di ciò che intendo. Pensiamo di avere di fronte un ragazzo che si cura molto o che ama praticare alcune attività ritenute dalla maggior parte della società di competenza femminile (anche quando la loro competenze può essere estesa anche ad un pubblico maschile). é ovvio che questo ragazzo sarà oggetto di scherno da parte dei suoi coetanei, cosa che gli provocherà disagi sociali e anche psicologici a maggior ragione se è un adolescente che si stà rendendo conto dell'altro sesso.A questo punto il ragazzo preferirà rinchiudersi in sè e confrontarsi con il proprio sesso in modo diverso ripetto a tutti gli altri ragazzi e per di più andrà sempre più convincendosi della veridicità di ciò che gli viene ripetuto ogni giorno riguardo alla sua sessualità. Ora il ragazzo è lontano dalla realtà che lo circonda perchè chiuso in sè stesso e sempre più convinto di essere un omosessuale, a questi fattori se vengono aggiunti le visioni positiviste dell'omosessualità dei giorni d'oggi non è difficile che un ragazzo accetti il fatto di essere "diverso" e che non se ne vergogni in un giorno o l'altro.
Io ovviamente non sono una psicologa ma credo sia così......potrebbe quadrare come analisi?!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Ven Apr 18, 2008 6:51 pm    Oggetto: Rispondi citando

vero ha scritto:
mohamed ha scritto:
assalamu halaikum ua rahmatu allah,
cari fratelli ma allora come dobbiamo comportarci con loro?
alcuni dicono che non è scelta loro ma sono nati così.....
che dobbiamo fare??

salam mohamed

secondo me non è vero che ci si nasce perchè tutti dicono di "scoprirlo" ad un certo punto della loro vita, secondo me è molto più plausibile che la loro sia una condizione ed un atteggiamento sopratutto di carattere mentale derivanti da una serie di fattori, quali sociali per esempio, che portano un individuo ad una condizione di malessere ed estraneamento da ciò che è la realtà, pure quella del suo stesso essere. Rendendomi conto che la mia spiegazione non è tra le migliori vorrei fare un esempio di ciò che intendo. Pensiamo di avere di fronte un ragazzo che si cura molto o che ama praticare alcune attività ritenute dalla maggior parte della società di competenza femminile (anche quando la loro competenze può essere estesa anche ad un pubblico maschile). é ovvio che questo ragazzo sarà oggetto di scherno da parte dei suoi coetanei, cosa che gli provocherà disagi sociali e anche psicologici a maggior ragione se è un adolescente che si stà rendendo conto dell'altro sesso.A questo punto il ragazzo preferirà rinchiudersi in sè e confrontarsi con il proprio sesso in modo diverso ripetto a tutti gli altri ragazzi e per di più andrà sempre più convincendosi della veridicità di ciò che gli viene ripetuto ogni giorno riguardo alla sua sessualità. Ora il ragazzo è lontano dalla realtà che lo circonda perchè chiuso in sè stesso e sempre più convinto di essere un omosessuale, a questi fattori se vengono aggiunti le visioni positiviste dell'omosessualità dei giorni d'oggi non è difficile che un ragazzo accetti il fatto di essere "diverso" e che non se ne vergogni in un giorno o l'altro.
Io ovviamente non sono una psicologa ma credo sia così......potrebbe quadrare come analisi?!


Wa alaykum asSalam wa RahmatuLlahi wa BarakatuHu sorella!

Beh, sinceramente a me convince e mi sembra del tutto verosimile per uno buona parte dei casi, e Allah è il più sapiente.

Questa fatwa di Mufti Ebrahim Desai espone considerazioni molto simile alle tue:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



La cosa importante è che al di là delle giustificazioni che alcuni portano per il loro comportamento (in questo caso gli omosessuali, ma il discorso vale anche per altre categorie), la giurisprudenza islamica parla chiaro.

Vorrei aggiungere poi un altro punto.
Spesso il discorso "contro l'omosessualità" ruota attorno ad una sua presunta "innaturalità", al fatto di essere "contro natura".
Personalmente credo che questo argomento sia errato: le Leggi che Allah ci ha rivelato sono sì rivolte alla reintegrazione nel nostro status di "fitra", ma in un senso diverso da quello sviluppato dal giusnaturalismo cristiano (per il quale leggi morali e leggi naturali coincidono): nell'Islam si tratta piuttosto di limitare e reincanalare le tendenze (di fatto, tutte egualmente "naturali" - e così come pure esiste l'omosessualità tra gli animali) in una cornice di liceità, che coincide con le prescrizioni della Shari`a.
SubhanaLlah, temevo si trattasse solo di una mia sorta di "elaborazione personale", ma questa fatwa (nuovamente di Mufti Ebrahim Desai) va' nella stessa direzione di quanto ho appena esposto:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Per rispondere al fratello Muhammad (mohamed) che chiedeva se il discorso riguardo all'omosessualità maschile sia lo stesso per l'omosessualità femminile: sì, è lo stesso (vedi ad esempio

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

).

'umar andrea

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Ali Brandon
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 05/02/08 14:31
Messaggi: 382
Residenza: Napoli

MessaggioInviato: Sab Apr 19, 2008 3:30 pm    Oggetto: Rispondi citando

Umar non è mio chiaro il tuo discorso, potresti approfondirlo?
Io credo proprio che l' illeicità dell' omosseualità derivi dal fatto di essere innaturale. Sulle tendenze omossesuali animali, il discorso è diverso perchè, ovviamente, l' animale agisce per istinto non per ragione.
Pace a tutti
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage MSN
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Sab Apr 19, 2008 5:18 pm    Oggetto: Rispondi citando

Brandon ha scritto:
Umar non è mio chiaro il tuo discorso, potresti approfondirlo?
Io credo proprio che l' illeicità dell' omosseualità derivi dal fatto di essere innaturale. Sulle tendenze omossesuali animali, il discorso è diverso perchè, ovviamente, l' animale agisce per istinto non per ragione.
Pace a tutti


BismiLlahi-r-Rahmani-r-Rahim - Nel nome di Dio, il Clemente, il Misericordioso.

Il discorso è un po' lungo, cerco di stringere.
Anzi, copio qui una mail che avevo scritto tempo fa ad una persona che mi aveva chiesto proprio a riguardo dell'omosessualità:

All’interno del pensiero islamico, non ho mai ritenuto si trovino le basi per poter definire l’esistenza di una qualsivoglia “legge naturale”, “morale naturale”, “famiglia naturale”, etc.

Semplicemente, le norme morali, l’etica, le leggi e le istituzioni, sono modellate a partire dalla Rivelazione, da un’azione da parte di Allah che promulga e rende noto (nelle diverse rivelazioni e religioni in modi ogni volta diversi e anche – superficialmente – contraddittori) ciò che è lecito e ciò che è illecito. Questo comporta che le norme islamiche non possono venire definite una semplice barriera per difendere la “naturalità”: la stessa “natura” ci mostra semmai che non esiste UNA morale universale, UNA etica naturale.

Credendo il contrario, l’"occidente" - che da un certo punto della sua storia ha iniziato a pretendersi “la Civiltà” – proprio quando ha preteso di incarnare la “natura”, ha chiuso gli occhi su quel 95% di umanità che risultava “diverso”, “Altro”. E che, negando la “Natura” e la “Verità”, si definiva automaticamente come “barbaro”, “selvaggio”, ponendo così le condizioni per essere bersaglio delle crociate e dei bombardamenti democratici, caritatevoli ed umanitari, di cui la storia mondiale degli ultimi secoli è un susseguirsi.

(...)

Tornando all’Islam, le norme sono quindi una forma di “prova”, un metro per misurare l’adesione e l’ubbidienza delle creature ad Allah, norme che Allah liberamente sceglie di dare ad un popolo, ad una comunità (come nel caso delle rivelazioni precedenti l’Islam), o all’umanità intera (come è il caso dell’Islam, rivelazione universale).

E in questo caso, quindi – partendo da un punto di vista islamico – non credo abbia molto senso provare un odio e astio smisurato verso le tendenze omosessuali, chè la fobia verso “le checche” è qualcosa di prettamente occidentale, figlio di un certo atteggiamento “machista”.

Personalmente, ritengo di poter riscontrare nel mondo islamico la diffusione di una certa “occidentalizzazione della morale islamica”, nel senso che – paradossalmente – per rispondere al lato “trasgressivo” e “tentatore” dell’Occidente, non si fa riferimento alle risorse intellettuali ed al bagaglio culturale islamico, ma si entra in un modo tutto occidentale di considerare la contrapposizione, prendendo le parti della parte (perdona il gioco di parole) “conservatrice e moralista” del pensiero occidentale stesso.

Un’altro esempio, oltre a quello dell’omosessualità, può essere rappresentato dall’incomprensione verso le norme islamiche riguardo alla limitazione dei rapporti sessuali alla coppia islamicamente sposata, o a quelle riguardanti l’abbigliamento islamico femminile.

Se le “forme” rimangono (condanna della zina’ – la fornicazione, il rapporto sessuale al di fuori o prima del matrimonio, per il primo esempio; zone del corpo femminile da coprire ai non-mahram, per il secondo), quello che si perde nel vissuto e nel significato comune, sono le ragioni e le motivazioni; e quindi, per tornare agli esempi sovraindicati, ci si accosta alla visione dell’eros come qualcosa di “peccaminoso”, “trasformando” e sovrapponendo l’Islam – a furia di dipingerlo come reazionario e oscurantista da parte dei suoi "avversari" – a quello che l’esperienza occidentale sente come esteriormente “coincidente”: così alla musulmana velata si accosta la suora, perchè si vede il velo ma non si conosce l’Islam, che non conosce il concetto di “peccato originale” e non considera affatto come “peccaminoso” il rapporto sessuale, che è anzi – nelle forme lecite - una forma di culto ed adorazione di Dio.

Allo stesso modo, l’omosessualità viene affrontata con quello sguardo omofobo da gruppuscolo neonazista euro-americano, e non con gli occhi dell’Islam.

(...) Spero di aver espresso con chiarezza la mie opinioni, con il permesso di Allah. La responsabilità degli errori è mia, per le cose eventualmente “giuste”, è “responsabile” Allah solo.

E Iddio è il più sapiente.



'umar andrea

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Dream_River
Matricola
Matricola


Registrato: 20/09/08 14:29
Messaggi: 12

MessaggioInviato: Dom Set 21, 2008 1:28 pm    Oggetto: Rispondi citando

Conosco bene ciò che le leggi di Allah dicono sugli omosessuali, anche perchè io sono omosessuale
Dopo un mio periodo di "Ateismo da stadio" (Non se mi spiego, quel periodo dell'adolescenza in cui si ripudia qualsiasi religione) sentivo il bisogno di soddisfare la mia spiritualità, ed essendo a conoscenza a qui tempi della mia omosessualità (me ne resi conto a 13 anni, più o meno) mi informai sull'opinione delle religioni sull'omosessualità.
Alla fine ho iniziato a praticare e seguire gli insegnamenti del Buddha proprio perchè il Buddhismo è l'unica delle più grandi religioni che riconosce la possibilità di realizzarsi spiritualmente anche agli omosessuali.
Per coerenza, ho lasciato il cristianesimo è e mi sono fatto sbattezzare per coerenza, visto che il Cristianesimo non ha certo un opinione migliore degli omosessuali

Per quanto mi riguarda, penso che non ci sia niente di male nell'omosessualità, almeno fino a quando a praticata come dovrebbe essere praticato tutto il sesso (Rispetto per il partner, non vedere il partner come un giocattolo sessuale, ma amarlo per la persona che è, ecc ecc).
Comunque, fino a quando non vengo perseguitato per quello che sono (Come purtroppo succede tutt'oggi agli omosessuali in ogni parte del mondo), ognuno a libero di avere dei miei gusti e delle mie pratiche sessuali l'opinione che preferisce, non pretendo di essere apprezzato da tutti, pretendo solo di essere libero di vivere la mia vita.

Io non sono Musulmano, ma se per caso dopo la morte mi ritrovassi di fronte a essere giudicato da Allah, spero che abbia compassione di me :roll:
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
Ghevèn
Matricola
Matricola


Registrato: 20/09/08 09:30
Messaggi: 13
Residenza: dubaii, el-imaaraat el'arabiyya elmuttaHida

MessaggioInviato: Dom Set 21, 2008 5:56 pm    Oggetto: Rispondi citando

Be', qui è stata detta una verità incompleta. È vero che in alcuni casi l'omosessualità ha matrice culturale, ma è altrettanto vero che in molti casi essa deriva da fattori fisiologici impossibili da controllare (diverso bilanciamento ormonale) e, francamente, isolare una persona perché omosessuale non so fino a che punto porti a una società piú giusta. Mi attenderei un atteggiamento piú di comprensione e anche compassione (molti omosessuali non vivono bene questa loro condizione proprio perché la società li mette da parte), piú che la "tolleranza" di un "mica lo ammazzo perché è gay". :wink:

_________________
Ghevèn

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


"Dear Bruno, many thanks for having inspired me!" David Shore
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
assad
Disattivato
Disattivato


Registrato: 08/10/08 22:47
Messaggi: 192

MessaggioInviato: Mer Ott 15, 2008 7:47 am    Oggetto: Rispondi citando

Assalmu aleikum,

fermo restando quello che ho raccontato nella storia del mio ritorno, e di cui ringrazio Allah subhana wa tala di avermi salvato dal male,

la mia opinione oggi alla luce della ragione e dei miei 45 anni è molto semplice in materia, così come la mia pratica della religione e della Sunna, ed è:

se Allah avesse voluto che uomini amassero uomini o donne amassero donne avrebbe fatto il corpo dell'uomo e della donna funzionali allo scopo prefissato, poichè Allah è grande e sapiente, e quando dice a una cosa "Sii" essa è, come è scritto sul Corano. Se non ha fatto ciò, vuol dire che fare le cose in quel modo è errato.

Non vedo nessun altro problema nella questione, e la cosa che potrebbe essere divertente è che questo ragionamento semplicissimo non viene da un integralista, o un talebano fanatico, ma da una persona nata in Occidente, bianca come il latte, che però è un vostro fratello nell'Islam ed ha concezioni della fede assolutamente basilari.

Riassumendo:

1) se Allah fa qualcosa in un certo modo vuol dire che quella cosa deve funzionare in quel modo. Esempio: gli uccelli hanno le ali e volano, i pesci hanno le branchie e nuotano.
2) se si vuole costringere l'opera di Allah a funzionare in modo diverso da quanto stabilito, ciò è male. Esempio: un uccello adattato a vivere in acqua o un pesce con le ali.

Altra considerazione: guardate le nature dell'uomo e della donna: per fare un esempio semplice e non pornografico, sono come la spada ed il fodero. La spada va nel fodero e lo accoglie perfettamente, ma la spada non entra nella spada, e due foderi assieme si toccano ma non si accolgono l'un l'altro.

Non ci vuole un genio per capirlo, neh. Eh, se Nasreddin seguisse queste considerazioni che fanno coloro che peccano, che risate ci faremmo.

Peccato che ne è nato uno solo di Nasreddin..

_________________
Saad

"Se scartiamo l'impossibile, ciò che rimane, sebbene improbabile, deve essere la verità" (S. Holmes)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Mer Ott 15, 2008 2:34 pm    Oggetto: Rispondi citando

assad ha scritto:
o un talebano fanatico


Ripeto quanto già scritto in un altro thread: quante incomprensioni vi sono sul Musulmani dell'Afghanistan!

'umar andrea

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Tissaferne
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/12/07 21:53
Messaggi: 135

MessaggioInviato: Gio Ott 16, 2008 10:11 am    Oggetto: Rispondi citando

La questione dell'omosessualità ci interroga direttamente, perchè posto che non è una scelta, ci mette di fronte ad una di quelle differenze che sembrano incompatibili con il resto del Creato.

Ad esempio, esistono pesci con le ali, assad, nel senso che esistono davvero e pesci in grado di stare lungamente sott'acqua... e anche persone che pur avendo le gambe non camminano... esistono gli organi vestigiali ed altri elementi che ci fanno "trasalire".

L'omosessualità è così importante perchè riguarda uno degli aspetti più importnati dell'essere umano, il rapporto tra l'amore e il sesso.
Non conosco nessun omosessuale se non superficilamente, quindi non ho mai avuto occasione dichiedere... ma credo che la natura del sentimento sia quella, se questo è sbagliato di certo c'è solo che l'errore non è frutto di una scelta, di una intenzione, dunque se non c'è scelta non può esserci condanna. Ma poi, in fondo, a me cosa interessa. Ammettiamo che io considero abominevole l'omosessualità: se due miei vicini la praticano in che modo mi dovrei sentire offeso? è ridicolo che lo stato si permetta di intervenire nel letto delle persone, non ha senso.
Proibire ciò che è riprovevole, certo, a livello di "mondo ideale" è giusto (perchè nel mondo REALE i problemi son ben altri, che non mi vengano a dire che i problemi del kuwait o dell'Arabia Saudita o dello Yemen è un bacio gay) ma questo proibire si deve fermare nella sua area di competenza, la sfera pubblica, lo Stato non si può sostituire a Dio (chissà poi perchè lo Stato si vuole sostituire a Dio solo in veste di punitore e mai ad esempio di perdonatore) così come il singolo non si può sostituire a Dio inventandosi la propria morale e facendosi saltare in aria in mezzo alla gente.

Non condivido le modalità di lotta delle lesbiche e dei gay, perchè sono spesso all'insegna dell'odience e della provocazione, ma riconosco che è la direzione verso cui la nostra società li spinge.
La scusa più usata contro l'omosessualità è che essa minerebbe le basi della famiglia. Ineccepibile: due gay non possono avere figli, ciò è biologicamente impossibile (eheheh ma il nostro mondo ha davvero così bisogno di altri figli?) ma non c'è un contagio, un bambino che vede due gay baciarsi (e io non vorrei mai questo, cercherei di evitarlo, perchè c'è un età per tutto) può restare confuso, colpito e questo è male. Ma non diventa omosessuale, non cambia la sua natura per questo.

Ci sono poi tante troppe cose da considerare, omosessualità latente (che fa tanta paurta a noi maschietti vero? :wink: ) e quella omosessualità che fa parte della crescita verso i 12-13 anni... e che tutti voi che leggete avete passato anche senza rendervi conto.

Ultima questione e poi mi fermo: l'Islam vieta la sodomia perchè è una forma di rapporto sessuale che denota una "dominazione" e dunque una "sottomissione" e non vi può essere sottomissone se non verso Allah...
Ma scusate tanto, questyo non vale anche per tutti i rapporti sessuali? c'è sempre un senso del possesso, del dominare, da parte di uno dei due partner... con o senza sodomia, con o senza penetrazione alcuna... che cos'è un bacio sul collo per l'immaginario umano allora?

_________________
"I sette Cieli e la Terra e tutto ciò che in essi si trova Lo glorificano, non c'è nulla che non Lo glorifichi lodandoLo, ma voi non percepite la loro lode" (CXII, 44)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
assad
Disattivato
Disattivato


Registrato: 08/10/08 22:47
Messaggi: 192

MessaggioInviato: Gio Ott 16, 2008 11:30 am    Oggetto: Rispondi citando

Assalamu aleikum,

mmmm, no, non ci sto.

Nel senso di:

che lo stato debba fare lo stato e non infilarsi nel mio o altrui letto, va bene;

che ognuno abbia diritto di fare ciò che gli pare fino a che non invade il giardino altrui, d'accordissimo;

però essere gay o lesbiche è sbagliato lo stesso. Anche un ateo può capire, con l'ausilio della scienza e di illustrazioni dei corpi umani che il corpo dell'uomo non è fatto per congiungersi con un altro corpo di uomo, nè quello di donna con altra donna, ed oltretutto l'eventuale congiungimento non produce nessuna filiazione.

Come scritto prima, se Allah avesse voluto questo avrebbe fatto le cose diversamente già dall'inizio e i corpi di uomini e donne sarebbero diversi ed atti al congiungimento e filiazione anche tra loro. Se non l'ha fatto, nella Sua immensa sapienza, vuol dire che non va bene. Chi sono io, granello di sabbia, per discutere l'opera di Allah?

Tra l'altro faccio anche notare che in America i gay sono una delle lobby più ricche che ci siano, e pure qui in Italia si stanno organizzando allo stesso modo.
Si, forse potranno avere il matrimonio, e tutti i diritti che vogliono, poichè quando un ariete batte alle porte di un castello o prima o poi esse cedono, ma lo stato non potrà mai dargli altro, non il rispetto, non la considerazione, nè l'amicizia.

Chi ha scelto di vivere per le parole false di Shaytan non si lamenti se nessuno che segue le giuste direttive, sia Musulmano che del Libro, non ha interesse in lui. E questo non vuol dire picchiarli, non vuol dire bastonarli o fargli del male, vuol dire solo che ottenuti tutti questi "diritti" saranno sempre ignorati, lasciati stare, nessuno offrirà loro l'interesse autentico che si ha per un altra cultura, per un altro credo, per un altra persona.

Cosa faranno allora? marceranno ancora per imporre la loro presenza agli altri dicendo che vogliono il "diritto di interessarsi di loro"?
Faranno uno stato di polizia o peggio dittatoriale per far si che la gente gli faccia i sorrisini?

Non serve fare una guerra per distruggere un nemico, basta starci distanti e l'indifferenza è molto peggio di una bomba atomica.

_________________
Saad

"Se scartiamo l'impossibile, ciò che rimane, sebbene improbabile, deve essere la verità" (S. Holmes)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Tissaferne
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/12/07 21:53
Messaggi: 135

MessaggioInviato: Gio Ott 16, 2008 12:03 pm    Oggetto: Rispondi citando

assad ha scritto:
Anche un ateo può capire, con l'ausilio della scienza e di illustrazioni dei corpi umani che il corpo dell'uomo non è fatto per congiungersi con un altro corpo di uomo


eheh... mi sto immaginando un tizio con lavagna e gesso che mi fa il disegno... credo di aver accumulato abbastanza "know how" per capire anche senza illustrazioni...

assad ha scritto:
Tra l'altro faccio anche notare che in America i gay sono una delle lobby più ricche che ci siano, e pure qui in Italia si stanno organizzando allo stesso modo.


Su questo non ci sono dubbi, che le lobby utilizzino ogni mezzo per tentare di assumere più potere... ho sentito parlare di lobby gay, non ne so nulla ma certo non condivido i lro scopi di lobby. Di nessuna lobby. è certo anche che spesso le associazioni gay hanno degli atteggiamenti anti-religiosi... ma questi sono più che comprensibili, nel senso le religioni utilizzano molto del loro tempo per condannare gli omosessuali, e a loro il mondo delle religioni deve senz'altro apparire come pieno di insidie e di ignoranti che non sanno di cosa parlano... essi appartengono ad una "categoria sociale" estremamente discriminata da millenni...

_________________
"I sette Cieli e la Terra e tutto ciò che in essi si trova Lo glorificano, non c'è nulla che non Lo glorifichi lodandoLo, ma voi non percepite la loro lode" (CXII, 44)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Tissaferne
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/12/07 21:53
Messaggi: 135

MessaggioInviato: Gio Ott 16, 2008 12:13 pm    Oggetto: Rispondi citando

Semmai trovo profondamente offensiva l'espressione Jihad Gay e simili... è proprio questo il punto, l'atteggiamento qi QUESTE persone, che per celebrare i propri scopi si sente non solo in diritto ma assolutamente in dovere di offendere chi in determinate parole riconosce un significato profondo e totalizzante, questo trovo offensivo e d'altra parte da un giornalino scandalistico come liberazione non mi aspetto nulla di più... ma è quella la mentalità che dobbiamo abbattere, finchè non si impara a dialogare non c'è niente da fare... cosa mi rappresenta quel titolo, che senso ha? a misura di quali menti è stato scritto? quali sono gli interlocutori cui si rivolge? perchè se parla di Jihad non prova a dialogare con i muslim? oppure era solo per compiacere i radical chic? perchè secondo me nemmeno ad un omosessuale in italia gliene può fregare più di tanto di un articolo del genere...
"Maledirei davvero i giornalisti, e specialemente... tutti! che certamente non son brave persone e dove cogli, cogli sempre bene. compagni giornalisti avete troppa sete e non sapete approfittare delle libertà che avete, avete ancora la libertà di pensare, ma quello non lo fate e in cambio pretendete la libertà di scrivere...." G.G.

_________________
"I sette Cieli e la Terra e tutto ciò che in essi si trova Lo glorificano, non c'è nulla che non Lo glorifichi lodandoLo, ma voi non percepite la loro lode" (CXII, 44)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
assad
Disattivato
Disattivato


Registrato: 08/10/08 22:47
Messaggi: 192

MessaggioInviato: Gio Ott 16, 2008 4:25 pm    Oggetto: Rispondi citando

Assalamu aleikum,

e non hai visto ancora niente...

si permettono ben peggio, visto che c'è un associazione gltb che si chiama guarda un po "Al-Fatiha"......

su questa ho già detto tutto, secondo me hanno cercato il doppio senso, potrà essere un caso ma non mi fido.

E poi, guarda caso di dov'è questa Al Fatiha? americana...

un ulyeriore tentativo dell'America di dividere per governare, solo che "dividi e impera" l'abbiamo inventato noi....all'epoca dei Romani.

_________________
Saad

"Se scartiamo l'impossibile, ciò che rimane, sebbene improbabile, deve essere la verità" (S. Holmes)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Souad
Nuovo utente
Nuovo utente


Registrato: 04/12/08 14:20
Messaggi: 1

MessaggioInviato: Ven Dic 05, 2008 10:29 am    Oggetto: che dobbiamo fare?? Rispondi citando

mohamed ha scritto:
assalamu halaikum ua rahmatu allah,
cari fratelli ma allora come dobbiamo comportarci con loro?
alcuni dicono che non è scelta loro ma sono nati così.....
che dobbiamo fare??

salam mohamed



Salam...
io fossi in te mi limiterei a leggere senza intervenire, "come dobbiamo comportarci con loro" :shock: puoi stare tranquillo che"loro" non sono interessati a chiamarti in causa, e, non hanno bisogno della tua comprensione, preoccupati del TUO stato perchè è del tuo che risponderai.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Tissaferne
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/12/07 21:53
Messaggi: 135

MessaggioInviato: Ven Dic 05, 2008 11:42 am    Oggetto: Re: che dobbiamo fare?? Rispondi citando

Souad ha scritto:
mohamed ha scritto:
assalamu halaikum ua rahmatu allah,
cari fratelli ma allora come dobbiamo comportarci con loro?
alcuni dicono che non è scelta loro ma sono nati così.....
che dobbiamo fare??

salam mohamed



Salam...
io fossi in te mi limiterei a leggere senza intervenire, "come dobbiamo comportarci con loro" :shock: puoi stare tranquillo che"loro" non sono interessati a chiamarti in causa, e, non hanno bisogno della tua comprensione, preoccupati del TUO stato perchè è del tuo che risponderai.


Risposta secca diretta e brutale ;-)
Comunque ti consiglio, visto che sei appena entrata, di fare una capatina alla sezione "presentazioni e avvisi", il primo.
Non è obbligatorio naturalmente, ma è consigliato, specie se intendi tornare a trovarci.

_________________
"I sette Cieli e la Terra e tutto ciò che in essi si trova Lo glorificano, non c'è nulla che non Lo glorifichi lodandoLo, ma voi non percepite la loro lode" (CXII, 44)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Amatullah Maria
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/07/08 06:48
Messaggi: 1108
Residenza: bologna / modena

MessaggioInviato: Ven Dic 05, 2008 11:58 am    Oggetto: Re: che dobbiamo fare?? Rispondi citando

Souad ha scritto:
Salam...
io fossi in te mi limiterei a leggere senza intervenire, "come dobbiamo comportarci con loro" :shock: puoi stare tranquillo che"loro" non sono interessati a chiamarti in causa, e, non hanno bisogno della tua comprensione, preoccupati del TUO stato perchè è del tuo che risponderai.



Salam a te sorella e complimenti per la grazia con cui ti presenti.....

La domanda del fratello Mohammed era riferita al comportarci con loro nel senso di "come comportarci con loro visto che credono e quindi sono nostri fratelli e sorelle? dobbiamo considerarli fratelli e sorelle come tutti gli altri, visto che loro affermano di credere in Allah?"
Siamo sicuri che chi si dice chiaramente omosessuale non cerca l'approvazione degli altri, visto che per primo rifiuta il volere di Allah Taa'la.

Complimenti ancora per la gentilezza.... è importante come ti presenti quando conosci delle persone nuove.......
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
MusliMind
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/11/08 00:37
Messaggi: 452

MessaggioInviato: Lun Dic 15, 2008 3:56 pm    Oggetto: Rispondi citando

salam
io rimango di sasso!!! :shock:
non credevo ESISTESSERO musulmani gay:? fino a quando una mia amica mi ha detto che hanno fatto vedere nel tg un"matrimonio gay in marocco",per dimostrare che anche il marocco è un paese avanzato!! :? :?
sinceramente per certe cose preferisco rimanga arcaico :?
salam

_________________
Abu Hurayra (Allah si compiaccia di lui) ha detto: Ho sentito il Messaggero di Allah (sallAllahu alayhi wa sallam) dire:

"Evitate ciò che vi ho proibito e fate ciò che vi ho ordinato, come meglio potete. In verità, quanti vi hanno preceduto si sono perduti proprio per le loro troppe domande e per i loro disaccordi con i loro Profeti."
(Riferito da al-Bukhari e Muslim)
Top
Profilo Invia messaggio privato
stellina
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 19/11/08 10:32
Messaggi: 136

MessaggioInviato: Lun Dic 15, 2008 4:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

Gli omosessuali e le lesbiche non sono malati, nè traviati da comportamento sociali.
Questo è ormai assodato da diversi studi scientifici e medici.
Semplicemente nascono così, come un'altra persona nasce con la pelle nera o un'altra con gli occhi azzurri.
Ed è assurdo che nel 2008 si parli di scelta consapevole o di giustificazioni :shock:
Questo lo si deve riconoscere. Poi ognuno si assuma , nel nome della propria religione o nel nome della propria volontà, di comportarsi di conseguenza, ma senza alibi.
Se per un musulmano Allah comanda (o per un cattolico non da meno) di condannare un atteggiamento omosessuale va bene, ognuno è libero di portare avanti le proprie ideologie di fede, ma che alla base vi sia la conoscenza e la verità nell'affermare che queste persone non scelgono nulla, semplicemente sono così.

_________________
Omnia vincit amor et nos cedamus amori
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ali Brandon
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 05/02/08 14:31
Messaggi: 382
Residenza: Napoli

MessaggioInviato: Lun Dic 15, 2008 6:02 pm    Oggetto: Rispondi citando

stellina ha scritto:
Gli omosessuali e le lesbiche non sono malati, nè traviati da comportamento sociali.
Questo è ormai assodato da diversi studi scientifici e medici.
Semplicemente nascono così, come un'altra persona nasce con la pelle nera o un'altra con gli occhi azzurri.
Ed è assurdo che nel 2008 si parli di scelta consapevole o di giustificazioni :shock:
Questo lo si deve riconoscere. Poi ognuno si assuma , nel nome della propria religione o nel nome della propria volontà, di comportarsi di conseguenza, ma senza alibi.
Se per un musulmano Allah comanda (o per un cattolico non da meno) di condannare un atteggiamento omosessuale va bene, ognuno è libero di portare avanti le proprie ideologie di fede, ma che alla base vi sia la conoscenza e la verità nell'affermare che queste persone non scelgono nulla, semplicemente sono così.


Questa è una tua opinione sorella, che fai bene ad esprimere, ci mancherebbe. Ma nn cercare di farla passare per la verità assoluta.
Mi pare azzardato parlare di dati certi, quando si parla di psiche e patologie mentali.
Pace

_________________
Oltre la Verità cosa c' è, se non l' errore?
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage MSN
simbi
Bannato
Bannato


Registrato: 15/12/08 18:01
Messaggi: 27

MessaggioInviato: Mar Dic 16, 2008 11:52 am    Oggetto: Rispondi citando

Il film è molto bello veramente: intelligente, toccante, umano, per niente offensivo. Qui trovate il sito del film (...).
Top
Profilo Invia messaggio privato
simbi
Bannato
Bannato


Registrato: 15/12/08 18:01
Messaggi: 27

MessaggioInviato: Mar Dic 16, 2008 11:54 am    Oggetto: Rispondi citando

Brandon ha scritto:
stellina ha scritto:
Gli omosessuali e le lesbiche non sono malati, nè traviati da comportamento sociali.
Questo è ormai assodato da diversi studi scientifici e medici.
Semplicemente nascono così, come un'altra persona nasce con la pelle nera o un'altra con gli occhi azzurri.
Ed è assurdo che nel 2008 si parli di scelta consapevole o di giustificazioni :shock:
Questo lo si deve riconoscere. Poi ognuno si assuma , nel nome della propria religione o nel nome della propria volontà, di comportarsi di conseguenza, ma senza alibi.
Se per un musulmano Allah comanda (o per un cattolico non da meno) di condannare un atteggiamento omosessuale va bene, ognuno è libero di portare avanti le proprie ideologie di fede, ma che alla base vi sia la conoscenza e la verità nell'affermare che queste persone non scelgono nulla, semplicemente sono così.


Questa è una tua opinione sorella, che fai bene ad esprimere, ci mancherebbe. Ma nn cercare di farla passare per la verità assoluta.
Mi pare azzardato parlare di dati certi, quando si parla di psiche e patologie mentali.
Pace


Ma quale patologia mentale, scusa? Non è più patologia da decenni!!!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ali Brandon
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 05/02/08 14:31
Messaggi: 382
Residenza: Napoli

MessaggioInviato: Mar Dic 16, 2008 12:09 pm    Oggetto: Rispondi citando

simbi ha scritto:
Brandon ha scritto:
stellina ha scritto:
Gli omosessuali e le lesbiche non sono malati, nè traviati da comportamento sociali.
Questo è ormai assodato da diversi studi scientifici e medici.
Semplicemente nascono così, come un'altra persona nasce con la pelle nera o un'altra con gli occhi azzurri.
Ed è assurdo che nel 2008 si parli di scelta consapevole o di giustificazioni :shock:
Questo lo si deve riconoscere. Poi ognuno si assuma , nel nome della propria religione o nel nome della propria volontà, di comportarsi di conseguenza, ma senza alibi.
Se per un musulmano Allah comanda (o per un cattolico non da meno) di condannare un atteggiamento omosessuale va bene, ognuno è libero di portare avanti le proprie ideologie di fede, ma che alla base vi sia la conoscenza e la verità nell'affermare che queste persone non scelgono nulla, semplicemente sono così.


Questa è una tua opinione sorella, che fai bene ad esprimere, ci mancherebbe. Ma nn cercare di farla passare per la verità assoluta.
Mi pare azzardato parlare di dati certi, quando si parla di psiche e patologie mentali.
Pace


Ma quale patologia mentale, scusa? Non è più patologia da decenni!!!


ah si? e a te chi lo ha detto, a parte i soliti perbenisti che impongono il politicamente corretto praticamente ad ogni cosa?
Pace

_________________
Oltre la Verità cosa c' è, se non l' errore?
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage MSN
simbi
Bannato
Bannato


Registrato: 15/12/08 18:01
Messaggi: 27

MessaggioInviato: Mar Dic 16, 2008 12:15 pm    Oggetto: Rispondi citando

Brandon ha scritto:

ah si? e a te chi lo ha detto, a parte i soliti perbenisti che impongono il politicamente corretto praticamente ad ogni cosa?
Pace

la scienza e l'organizzazione mondiale della sanità e a te chi a detto il contrario? :roll:
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ali Brandon
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 05/02/08 14:31
Messaggi: 382
Residenza: Napoli

MessaggioInviato: Mar Dic 16, 2008 12:24 pm    Oggetto: Rispondi citando

simbi ha scritto:
Brandon ha scritto:

ah si? e a te chi lo ha detto, a parte i soliti perbenisti che impongono il politicamente corretto praticamente ad ogni cosa?
Pace

la scienza e l'organizzazione mondiale della sanità e a te chi a detto il contrario? :roll:


A me nessuno. Io infatti resto nel dubbio al contrario di quanti, demagogicamente, affermano di essere sicuri di cio che dicono.
Mi sa che tra un po renderanno "naturale" anche la pedofilia e l' incesto...Fortunatamente mi tengo alla larga da queste idee pseudocomuniste.
Pace a chi segue la Via

_________________
Oltre la Verità cosa c' è, se non l' errore?
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage MSN
simbi
Bannato
Bannato


Registrato: 15/12/08 18:01
Messaggi: 27

MessaggioInviato: Mar Dic 16, 2008 12:33 pm    Oggetto: Rispondi citando

Brandon ha scritto:
simbi ha scritto:
Brandon ha scritto:

ah si? e a te chi lo ha detto, a parte i soliti perbenisti che impongono il politicamente corretto praticamente ad ogni cosa?
Pace

la scienza e l'organizzazione mondiale della sanità e a te chi a detto il contrario? :roll:


A me nessuno. Io infatti resto nel dubbio al contrario di quanti, demagogicamente, affermano di essere sicuri di cio che dicono.
Mi sa che tra un po renderanno "naturale" anche la pedofilia e l' incesto...Fortunatamente mi tengo alla larga da queste idee pseudocomuniste.
Pace a chi segue la Via


A parte che il comunismo non c'entra niente, immagino che tu dia per certo qualcosa? non foss'altro l'esistenza di Dio
Top
Profilo Invia messaggio privato
Talib
Disattivato
Disattivato


Registrato: 31/07/07 11:54
Messaggi: 686

MessaggioInviato: Mar Dic 16, 2008 12:43 pm    Oggetto: Rispondi citando

...


L'ultima modifica di Talib il Dom Dic 13, 2009 1:28 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
simbi
Bannato
Bannato


Registrato: 15/12/08 18:01
Messaggi: 27

MessaggioInviato: Mar Dic 16, 2008 1:00 pm    Oggetto: Rispondi citando

Talib ha scritto:
simbi ha scritto:
Non è più patologia da decenni!!!


Ah, meno male che c'è sempre qualuno pronto ad "aggiornare" persino le devianze. Spero proprio che tra dieci anni non decidano di considerare patologico il credere in Dio e nel Profeta. Ma in fondo perchè no? tanto, ormai il mondo va così!

" Vorreste commettere un'infamità che mai nessuna creatura ha mai commesso? Vi accostate con desiderio agli uomini piuttosto che alle donne. Sì, siete un popolo di trasgressori".

"Vi accosterete agli uomini piuttosto che alle femmine, per placare il vostro desiderio? Siete davvero un popolo ignorante"

"Davvero commettete una turpitudine che mai nessuno al mondo ha commesso prima di voi. Concupite i maschi, vi date al brigantaggio e perpetrate le azioni più nefande nelle vostre riunioni".

Parola di Dio. Punto
Ed è vergognoso che vi siano tre pagine di discussione in merito ad un qualcosa su cui non c'è nulla da discutere.

Talib.

Vergognioso non è per niente. Se non ti va di discuterne puoi sempre evitare l'argomento.
Che sia turpitudine l'omosessualtà liberissimo di crederlo, ma non puoi mancare di rispetto verso gli omosessuali musulmani e gli omosessuali tout court .
Top
Profilo Invia messaggio privato
MusliMind
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/11/08 00:37
Messaggi: 452

MessaggioInviato: Mar Dic 16, 2008 2:32 pm    Oggetto: Rispondi citando

Assalam 3alaicom ua rahmatu Allah
Talib ha scritto:
simbi ha scritto:
Non è più patologia da decenni!!!


Ah, meno male che c'è sempre qualuno pronto ad "aggiornare" persino le devianze. Spero proprio che tra dieci anni non decidano di considerare patologico il credere in Dio e nel Profeta. Ma in fondo perchè no? tanto, ormai il mondo va così!

" Vorreste commettere un'infamità che mai nessuna creatura ha mai commesso? Vi accostate con desiderio agli uomini piuttosto che alle donne. Sì, siete un popolo di trasgressori".

"Vi accosterete agli uomini piuttosto che alle femmine, per placare il vostro desiderio? Siete davvero un popolo ignorante"

"Davvero commettete una turpitudine che mai nessuno al mondo ha commesso prima di voi. Concupite i maschi, vi date al brigantaggio e perpetrate le azioni più nefande nelle vostre riunioni".

Parola di Dio. Punto
Ed è vergognoso che vi siano tre pagine di discussione in merito ad un qualcosa su cui non c'è nulla da discutere.

Talib.

concordo in pieno fratello,un vero musulmano non mette in discussione la parola di Dio.
salam

_________________
Abu Hurayra (Allah si compiaccia di lui) ha detto: Ho sentito il Messaggero di Allah (sallAllahu alayhi wa sallam) dire:

"Evitate ciò che vi ho proibito e fate ciò che vi ho ordinato, come meglio potete. In verità, quanti vi hanno preceduto si sono perduti proprio per le loro troppe domande e per i loro disaccordi con i loro Profeti."
(Riferito da al-Bukhari e Muslim)
Top
Profilo Invia messaggio privato
MusliMind
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/11/08 00:37
Messaggi: 452

MessaggioInviato: Mar Dic 16, 2008 2:33 pm    Oggetto: Rispondi citando

...x sbaglio ho inviato il messaggio 2 volte :roll:
salam

_________________
Abu Hurayra (Allah si compiaccia di lui) ha detto: Ho sentito il Messaggero di Allah (sallAllahu alayhi wa sallam) dire:

"Evitate ciò che vi ho proibito e fate ciò che vi ho ordinato, come meglio potete. In verità, quanti vi hanno preceduto si sono perduti proprio per le loro troppe domande e per i loro disaccordi con i loro Profeti."
(Riferito da al-Bukhari e Muslim)
Top
Profilo Invia messaggio privato
simbi
Bannato
Bannato


Registrato: 15/12/08 18:01
Messaggi: 27

MessaggioInviato: Mar Dic 16, 2008 2:49 pm    Oggetto: Rispondi citando

bhe non credo ci volgia una patente di "vero musulmano" o uno lo è o non lo è. Poi ogniuno lo è a suo modo a quanto vedo.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Talib
Disattivato
Disattivato


Registrato: 31/07/07 11:54
Messaggi: 686

MessaggioInviato: Mar Dic 16, 2008 3:48 pm    Oggetto: Rispondi citando

...


L'ultima modifica di Talib il Dom Dic 13, 2009 1:39 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
simbi
Bannato
Bannato


Registrato: 15/12/08 18:01
Messaggi: 27

MessaggioInviato: Mar Dic 16, 2008 4:00 pm    Oggetto: Rispondi citando

Talib ha scritto:
simbi ha scritto:
ma non puoi mancare di rispetto verso gli omosessuali musulmani e gli omosessuali tout court .


Io non manco di rispetto a nessuno. Ti faccio presente che l'omosessualità è ignoranza, turpitudine, infamità e nefandezza, e il musulmano che la pratica si macchia di tali difetti dell'animo. E ciò non è oggetto di discussione, quindi per favore basta pubblicare in un forum islamico articoli o collegamenti web che incoraggiano o difendono ignoranza, turpitudine, infamità e nefandezza.

Ma Talib se ci sono stati tanti omosessuali molto più sapienti e dotti di noi poveri ignoranti stundenti. Tu sei molto offensivo e omofobo , Talib, non solo irrispettoso e questo tuo turpiloquio, già di per se stomachevole è intollerabile.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Talib
Disattivato
Disattivato


Registrato: 31/07/07 11:54
Messaggi: 686

MessaggioInviato: Mar Dic 16, 2008 4:18 pm    Oggetto: Rispondi citando

...


L'ultima modifica di Talib il Dom Dic 13, 2009 1:40 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
simbi
Bannato
Bannato


Registrato: 15/12/08 18:01
Messaggi: 27

MessaggioInviato: Mar Dic 16, 2008 4:40 pm    Oggetto: Rispondi citando

Talib ha scritto:
simbi ha scritto:
Ma Talib se ci sono stati tanti omosessuali molto più sapienti e dotti di noi poveri ignoranti stundenti. Tu sei molto offensivo e omofobo , Talib, non solo irrispettoso e questo tuo turpiloquio, già di per se stomachevole è intollerabile.


Ho riportato giudizi coranici. E se giudichi i giudizi coranici come.... non oso continuare, allora non va proprio bene.
Non spetta a noi giudicare cosa è giusto o cosa non è giusto. A noi spetta solo la sottomissione alla Volontà Divina, la quale disapprova fortemente l'omosessualità, e la vieta.

Non metto in dubbio che vi siano tanti omosessuali più dotti e ricchi di qualità umane e morali del sottoscritto. Ma con tutte le loro belle qualità restano pur sempre dei trasgressori dei limiti stabiliti da Dio. E su questo non ci piove.

Saluti,
Talib.

Ho commentato i versetti coranici che citi? Non mi pare? Io ho solo commentato quello che tu hai detto. Il tuo linguaggio che è tutt'altro che compassionevole e misericordioso. Ben detto, Talib, non sta a noi giudicare o almeno il nostro giudizio vale quanto vale: ovvero niente in confronto al giudizio di Allah il compassionevole, il misericordioso. Noi ancora non abbiamo imparato ad astenerci nel sostituirci all'unico giudizio insindacabile. E su questo non ci piove.
Saluti
Simbi
Top
Profilo Invia messaggio privato
ni3mi
Affezionatissimo
Affezionatissimo


Registrato: 03/12/09 14:09
Messaggi: 67

MessaggioInviato: Ven Gen 01, 2010 4:17 pm    Oggetto: Rispondi citando

'Umar Andrea Aurangzeb ha scritto:
E in questo caso, quindi – partendo da un punto di vista islamico – non credo abbia molto senso provare un odio e astio smisurato verso le tendenze omosessuali, chè la fobia verso “le checche” è qualcosa di prettamente occidentale, figlio di un certo atteggiamento “machista”.

Personalmente, ritengo di poter riscontrare nel mondo islamico la diffusione di una certa “occidentalizzazione della morale islamica”, nel senso che – paradossalmente – per rispondere al lato “trasgressivo” e “tentatore” dell’Occidente, non si fa riferimento alle risorse intellettuali ed al bagaglio culturale islamico, ma si entra in un modo tutto occidentale di considerare la contrapposizione, prendendo le parti della parte (perdona il gioco di parole) “conservatrice e moralista” del pensiero occidentale stesso.

E' la prima volta che leggo un'analisi del genere: la severità del mondo islamico vergo i gay come "occidentalizzazione" della morale islamica.
Però non mi quadra proprio, oggigiorno in nessun paese occidentale esiste più il reato di rapporti omosessuali, e in alcuni è previsto il matrimonio tra persone dello stesso sesso, mentre le posizioni antiomosessuali sono ormai molto minoritarie. Invece la grande maggioranza dei paesi islamici considera i rapporti omosessuali un crimine e alcuni li puniscono con la morte.
Sarebbe interessante sapere cosa prevede per gli omosessuali la sharia (che certo non è un prodotto dell'Occidente), e cosa si faceva degli omosessuali nel mondo islamico prima che in questo si diffondesse la cultura occidentale. Se è come dici tu bisognerebbe riscontrare che la sharia è indulgente verso gli omosessuali, e che nel mondo musulmano gli omosessuali erano trattati con indulgenza prima che vi si diffondesse la cultura occidentale.

_________________
Italiano, agnostico, di background cattolico. Sono qui per capire di più sull'Islam.


L'ultima modifica di ni3mi il Ven Gen 01, 2010 7:55 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 15/09/08 07:36
Messaggi: 1091
Residenza: Bologna, Taranto

MessaggioInviato: Ven Gen 01, 2010 7:30 pm    Oggetto: BismiLlahi arRahmani arRahim Rispondi citando

---

_________________
((Poi, quando verrà il grande cataclisma,
il Giorno in cui l'uomo ricorderà in cosa si è impegnato,
e apparirà la Fornace per chi potrà vederla,
colui che si sarà ribellato,
e avrà preferito la vita terrena,
avrà invero la Fornace per rifugio.
E colui che avrà paventato di comparire davanti al suo Signore e avrà preservato l'animo suo dalle passioni,
avrà invero il Giardino per rifugio.))
79:34-41


L'ultima modifica di Anonymous il Ven Gen 01, 2010 10:01 pm, modificato 2 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato AIM Yahoo MSN
ni3mi
Affezionatissimo
Affezionatissimo


Registrato: 03/12/09 14:09
Messaggi: 67

MessaggioInviato: Ven Gen 01, 2010 7:54 pm    Oggetto: Rispondi citando

Mi sono espresso male, quando parlavo di reato di omosessualità intendevo reato di rapporti omosessuali.
Non credo sia mai esistita da nessuna parte una legge che sanzioni la condizione omosessuale in quanto tale.

_________________
Italiano, agnostico, di background cattolico. Sono qui per capire di più sull'Islam.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Sab Gen 02, 2010 2:13 am    Oggetto: Rispondi citando

ni3mi ha scritto:
'Umar Andrea Aurangzeb ha scritto:
E in questo caso, quindi – partendo da un punto di vista islamico – non credo abbia molto senso provare un odio e astio smisurato verso le tendenze omosessuali, chè la fobia verso “le checche” è qualcosa di prettamente occidentale, figlio di un certo atteggiamento “machista”.

Personalmente, ritengo di poter riscontrare nel mondo islamico la diffusione di una certa “occidentalizzazione della morale islamica”, nel senso che – paradossalmente – per rispondere al lato “trasgressivo” e “tentatore” dell’Occidente, non si fa riferimento alle risorse intellettuali ed al bagaglio culturale islamico, ma si entra in un modo tutto occidentale di considerare la contrapposizione, prendendo le parti della parte (perdona il gioco di parole) “conservatrice e moralista” del pensiero occidentale stesso.

E' la prima volta che leggo un'analisi del genere: la severità del mondo islamico vergo i gay come "occidentalizzazione" della morale islamica.Però non mi quadra proprio, oggigiorno in nessun paese occidentale esiste più il reato di rapporti omosessuali, e in alcuni è previsto il matrimonio tra persone dello stesso sesso, mentre le posizioni antiomosessuali sono ormai molto minoritarie. Invece la grande maggioranza dei paesi islamici considera i rapporti omosessuali un crimine e alcuni li puniscono con la morte.
Sarebbe interessante sapere cosa prevede per gli omosessuali la sharia (che certo non è un prodotto dell'Occidente), e cosa si faceva degli omosessuali nel mondo islamico prima che in questo si diffondesse la cultura occidentale. Se è come dici tu bisognerebbe riscontrare che la sharia è indulgente verso gli omosessuali, e che nel mondo musulmano gli omosessuali erano trattati con indulgenza prima che vi si diffondesse la cultura occidentale.


No, credo che tu abbia frainteso il senso del mio discorso.

Io mi riferivo alla "severità maschilista" verso le eventuali ed estemporanee tendenze omosessuali o a verso atteggiamenti di "fratellanza" che nelle società europee verrebbero considerati "da gay", non alla censura dei rapporti omosessuali, che sono proibiti, severamente condannati dalla Legge sacra (per taluni giuristi anche con la pena di morte), e definiti un abominio nel Corano, e su questo non si discute.

'umar andrea

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Amatullah Maria
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/07/08 06:48
Messaggi: 1108
Residenza: bologna / modena

MessaggioInviato: Sab Gen 16, 2010 2:56 pm    Oggetto: Re: BismiLlahi arRahmani arRahim Rispondi citando

Fabb Yusuf Tarenti ha scritto:
Ayesha ha scritto:
assalamu alaykum
mi permetto di inserirmi con una breve nota che potete tranquillamente scartare e che non ha nessuna voglia di essere polemica, solo non ho voglia di mettermi dei cotechini (!) davanti agli occhi ignorando quello che succede in nome dell'Islam che con l'Islam ha nulla a che fare.

In un paese arabo, la poligamia non è intesa nel senso islamico, ossia succede che un uomo, per un suo capriccio personale, sceglie di prendersi un'altra moglie solo perchè della prima 'si è stufato' ed invece che lavorare su quel rapporto, sceglie di prendersi un'altra moglie, quando in realtà non esistono i presupposti.
Se hai una moglie devota che cerca di farti felice fillah perchè vuoi prenderti un'altra donna per il semplice capriccio di esserti stufato? Questo è un comportamento islamico?
Oppure, altra casistica, se i coniugi non vanno d'accordo ed il marito volesse lasciare la moglie per sposarsi un'altra donna (dopo aver provato il tutto e per tutto islamicamente) nei paesi arabi (soprattutto egitto) è visto e giudicato come riprovevole (non da un tribunale ma dai vicini di casa, il cui passatempo è guardare e parlare di cosa fanno gli altri - anche qui, non è islamico), per cui i coniugi sono obbligati a rimanere insieme ed il marito si risposa prendendo una seconda moglie, non avendo più alcun tipo di contatto con la prima, venendo, anche qui, meno al presupposto islamico di trattare tutte le mogli equamente.
Vediamo quindi che la situazione socio-politica e culturale di certe aree geografiche prende il sopravvento sulla religione, modificandone di fatto i contenuti.
Motivo che sprona certe donne a 'ribellarsi'.
Non è l'Islam a commettere crimini o ingiustizie, ma è sempre l'uso distorto che l'uomo pone in essere di certe regole per il proprio tornaconto.
Stiamo giudicando questa ragazza dicendo che non è islamica astagfirullah, probabilmente ne ha piene le tasche di vedere che tutti gli uomini che la circondano sono egiziani e non musulmani... inoltre, nel vedere questa continua ingiustizia della società che la circonda non sono stupita che si si possa essere fatta lei stessa un'idea sbagliata di quello che dice l'Islam.
Chiediamoci questo: se l'Egitto fosse un paese veramente islamico, cosa troverebbe lei o chiunque altro da obiettare davanti alla palese misericordia e giustizia della Sharia?

Dai, siamo seri, se vogliamo parlare di Islam parliamone, se vogliamo parlare di Egitto parliamone, ma non confondiamo le due cose pensando che siccome l'egitto è un paese a prevalenza detta islamica allora la gente sia musulmana astagfirullah!
Stiamo tornando sul discorso di leggi pakistane. Nessuno discorda con la legge della sharia, ma non ci bendiamo gli occhi che il fatto che ci sia un pezzo di sharia in essere non escluda che ci siano crimini effettivi compiuti dagli uomini (nel senso di creature umane).

Wa s-salam


Ua °aleikum asSalaamu ua rahmatuLlahi ua barakaatuh,

esattamente i casi che hai descritto sono del tutto leciti nell'Islam e non abbiamo il diritto di criticarli, poiché non possiamo presumere di conoscere nel fondo del cuore le intenzioni di chi sceglie legittimamente di sposare più donne.

Unica eccezione se il marito, in uno dei casi che esponi, non garantisce più ad una delle sue spose il diritto alla sessualità questa situazione diventa peccaminosa e mi pare lei possa contestarla giuridicamente.

Sinceramente prima di criticare (talvolta giustamente) gli arabi accusandoli di praticare più che l'Islam le loro tradizioni, dovremmo noi stessi chiederci se non mescoliamo all'Islam concetti ad esso assolutamente estranei, come un certo triste femminismo che traspare da questi commenti.

Non è la prima volta che in queste pagine si contesta la poligamia, citando come ragioni presunti e rari eccessi che sarebbero segno di una sua cattiva applicazione, ma di fatto parlando in questo modo si semina il rancore verso qualsiasi uomo che prende più mogli e tra le righe si diffonde l'idea gravemente errata che la poligamia sia un atto riprovevole o da guardare con sospetto.
Intravedere certe idee esposte da musulmani è un abominio che mina alle fondamenta le basi stesse della società islamica.


P.S.: Come si può contestare che la provocazione di questa donna sia kufr e una grave blasfemia ed addirittura giungere a giustificarla velatamente dietro una "esasperazione"?
Le affermazioni disgustose di questa persona vanno rigettate con sdegno dai credenti e dobbiamo dichiarare con fermezza ciò che è kufr.


Gentile fratello,

credo che, Allah mi perdoni se sbaglio, ma credo che tu abbia frainteso le opinioni di Ayesha e Habgra....

Non si tratta di criticare o ritenere riprovevole la poligamia, ma di battersi affinchè questa venga applicata nel massimo rispetto della Legge islamica.

Sebbene ci siano dei casi che rientrano nella Legge islamica, ricordiamo l'esempio del nostro amato Profeta sAaws.

Purtroppo non possiamo chiudere gli occhi su alcuni casi...... la tradizione in alcuni paesi viene messa al di sopra della legge Divina... e di questi casi ne abbiamo visti tanti, poichè è proprio per colpa di questi casi che l'Islam viene additato come una religione maschilista e barbara.

Una cosa è rimanere nell'ambito del lecito, un'altra è usare i margini di leicità per farsi i propri comodi... e questo dobbiamo affermarlo con fermezza. Altrimenti non faremo altro che dare adito alle voci di cui sopra.....
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14959
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Sab Gen 16, 2010 3:06 pm    Oggetto: Re: BismiLlahi arRahmani arRahim Rispondi citando

maria ha scritto:
Fabb Yusuf Tarenti ha scritto:
Ayesha ha scritto:
assalamu alaykum
mi permetto di inserirmi con una breve nota che potete tranquillamente scartare e che non ha nessuna voglia di essere polemica, solo non ho voglia di mettermi dei cotechini (!) davanti agli occhi ignorando quello che succede in nome dell'Islam che con l'Islam ha nulla a che fare.

In un paese arabo, la poligamia non è intesa nel senso islamico, ossia succede che un uomo, per un suo capriccio personale, sceglie di prendersi un'altra moglie solo perchè della prima 'si è stufato' ed invece che lavorare su quel rapporto, sceglie di prendersi un'altra moglie, quando in realtà non esistono i presupposti.
Se hai una moglie devota che cerca di farti felice fillah perchè vuoi prenderti un'altra donna per il semplice capriccio di esserti stufato? Questo è un comportamento islamico?
Oppure, altra casistica, se i coniugi non vanno d'accordo ed il marito volesse lasciare la moglie per sposarsi un'altra donna (dopo aver provato il tutto e per tutto islamicamente) nei paesi arabi (soprattutto egitto) è visto e giudicato come riprovevole (non da un tribunale ma dai vicini di casa, il cui passatempo è guardare e parlare di cosa fanno gli altri - anche qui, non è islamico), per cui i coniugi sono obbligati a rimanere insieme ed il marito si risposa prendendo una seconda moglie, non avendo più alcun tipo di contatto con la prima, venendo, anche qui, meno al presupposto islamico di trattare tutte le mogli equamente.
Vediamo quindi che la situazione socio-politica e culturale di certe aree geografiche prende il sopravvento sulla religione, modificandone di fatto i contenuti.
Motivo che sprona certe donne a 'ribellarsi'.
Non è l'Islam a commettere crimini o ingiustizie, ma è sempre l'uso distorto che l'uomo pone in essere di certe regole per il proprio tornaconto.
Stiamo giudicando questa ragazza dicendo che non è islamica astagfirullah, probabilmente ne ha piene le tasche di vedere che tutti gli uomini che la circondano sono egiziani e non musulmani... inoltre, nel vedere questa continua ingiustizia della società che la circonda non sono stupita che si si possa essere fatta lei stessa un'idea sbagliata di quello che dice l'Islam.
Chiediamoci questo: se l'Egitto fosse un paese veramente islamico, cosa troverebbe lei o chiunque altro da obiettare davanti alla palese misericordia e giustizia della Sharia?

Dai, siamo seri, se vogliamo parlare di Islam parliamone, se vogliamo parlare di Egitto parliamone, ma non confondiamo le due cose pensando che siccome l'egitto è un paese a prevalenza detta islamica allora la gente sia musulmana astagfirullah!
Stiamo tornando sul discorso di leggi pakistane. Nessuno discorda con la legge della sharia, ma non ci bendiamo gli occhi che il fatto che ci sia un pezzo di sharia in essere non escluda che ci siano crimini effettivi compiuti dagli uomini (nel senso di creature umane).

Wa s-salam


Ua °aleikum asSalaamu ua rahmatuLlahi ua barakaatuh,

esattamente i casi che hai descritto sono del tutto leciti nell'Islam e non abbiamo il diritto di criticarli, poiché non possiamo presumere di conoscere nel fondo del cuore le intenzioni di chi sceglie legittimamente di sposare più donne.

Unica eccezione se il marito, in uno dei casi che esponi, non garantisce più ad una delle sue spose il diritto alla sessualità questa situazione diventa peccaminosa e mi pare lei possa contestarla giuridicamente.

Sinceramente prima di criticare (talvolta giustamente) gli arabi accusandoli di praticare più che l'Islam le loro tradizioni, dovremmo noi stessi chiederci se non mescoliamo all'Islam concetti ad esso assolutamente estranei, come un certo triste femminismo che traspare da questi commenti.

Non è la prima volta che in queste pagine si contesta la poligamia, citando come ragioni presunti e rari eccessi che sarebbero segno di una sua cattiva applicazione, ma di fatto parlando in questo modo si semina il rancore verso qualsiasi uomo che prende più mogli e tra le righe si diffonde l'idea gravemente errata che la poligamia sia un atto riprovevole o da guardare con sospetto.
Intravedere certe idee esposte da musulmani è un abominio che mina alle fondamenta le basi stesse della società islamica.


P.S.: Come si può contestare che la provocazione di questa donna sia kufr e una grave blasfemia ed addirittura giungere a giustificarla velatamente dietro una "esasperazione"?
Le affermazioni disgustose di questa persona vanno rigettate con sdegno dai credenti e dobbiamo dichiarare con fermezza ciò che è kufr.


Gentile fratello,

credo che, Allah mi perdoni se sbaglio, ma credo che tu abbia frainteso le opinioni di Ayesha e Habgra....

Non si tratta di criticare o ritenere riprovevole la poligamia, ma di battersi affinchè questa venga applicata nel massimo rispetto della Legge islamica.

Sebbene ci siano dei casi che rientrano nella Legge islamica, ricordiamo l'esempio del nostro amato Profeta sAaws.

Purtroppo non possiamo chiudere gli occhi su alcuni casi...... la tradizione in alcuni paesi viene messa al di sopra della legge Divina... e di questi casi ne abbiamo visti tanti, poichè è proprio per colpa di questi casi che l'Islam viene additato come una religione maschilista e barbara.

Una cosa è rimanere nell'ambito del lecito, un'altra è usare i margini di leicità per farsi i propri comodi... e questo dobbiamo affermarlo con fermezza. Altrimenti non faremo altro che dare adito alle voci di cui sopra.....


Sorella Maria, puoi inserire questo tuo messaggio al nuovo link a cui ho spostato quella discussione (

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

)?

Jazaki Allahu khayran.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Amatullah Maria
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 10/07/08 06:48
Messaggi: 1108
Residenza: bologna / modena

MessaggioInviato: Sab Gen 16, 2010 3:25 pm    Oggetto: Rispondi citando

Fatto :)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Intellettuali, considerazioni e dibattiti sull'Islam Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.528