Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

L'unica religione tollerabile - Miguel Martinez

 
Questo forum è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare gli argomenti.   Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum -> Politica islamica
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Ven Set 18, 2020 10:26 pm    Oggetto: Ads

Top
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14960
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Mer Ott 31, 2007 12:20 am    Oggetto: L'unica religione tollerabile - Miguel Martinez Rispondi citando

Da:
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Considero un ottimo stimolo di riflessione questo post di Miguel Martinez - che copio dal suo blog, vedete qui sopra l'indirizzo dell'originale -, che inquadra perfettamente la natura dello "sguardo occidentale sull'Islam", e le forti pressioni volte a modificare la natura dell'Islam per renderlo "compatibile" con il "grande flusso" del capitalismo globale.

3umar andrea

L'unica religione tollerabile

Proseguiamo con il parlare attorno all'Islam (

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

).

Luogo comune, cioè discorso condiviso e dato per scontato da tanti, di destra o di sinistra, sulla Religione:

"Per me, ognuno è libero di credere a Gesù, o Allah, o Krishna o anche il Grande Cocomero, quello che conta è che non si metta a fare politica o interferire nella vita delle persone in nome della sua fede, o a parlare male del paese in cui vive".

Noi non mettiamo in discussione le ovvietà. Per questo motivo, il Luogo Comune è il posto in cui più facilmente si può annidare la falsificazione.

Qui si sta parlando di religione e di politica.

In realtà, io non conosco nessun campo che si possa delimitare in maniera precisa come "religione". Ma sarebbe un discorso lungo, e facciamo quindi conto che ci sia una sorta di elenco del telefono dove sono registrate "le religioni", dai cargo cult della Papua Niugini fino ai Testimoni di Geova, passando per la Chiesa Cattolica.

"Politica" significa, semplicemente, le relazioni tra gli esseri umani. Dall'amore alla violenza, dalla condivisione allo sfruttamento. O tutte le inestricabili combinazioni possibili degli stessi. Politica è anche "parlar male del paese in cui si vive", cioè far presente cose che, nei rapporti tra gli esseri umani, non vanno bene.

Una cosa che chiamiamo religione può evitare di occuparsi di politica, a una condizione: che il suo unico contenuto sia una fede.

Le credenze allo stato puro non hanno, in realtà, un grande effetto sulla vita sociale: poco cambia per noi se crediamo o no all'esistenza del pianeta Nettuno, ad esempio.

Come pure credenze mentali, Nettuno, il Grande Cocomero o Gesù non danno fastidio a nessuno.

Ma esistono religioni così?

La risposta è sì: esiste il protestantesimo evangelico.[1] Esiste cioè una religione che sostiene che ognuno di noi andrà in paradiso o all'inferno, per l'eternità, non per le sue "opere" - che sono politiche - ma secondo il suo grado di fede in Gesù Cristo.

Questa religione, anziché scegliere come discriminante il consumo o meno della carne di maiale, sceglie l'esistenza di un particolare stato emotivo chiamato "fede".

La fede esiste anche nel cattolicesimo, sebbene accanto ad altre cose, tra cui la liturgia e l'organizzazione dei liturgisti, cioè il clero. Ma l'enfasi retorica sulla fede anche nel cattolicesimo ci fa pensare che tutte le religioni debbano avere come nucleo la fede privata e personale.

Però non è così.

Nell'Islam, la fede svolge un ruolo secondario; mentre un antico greco avrebbe probabilmente stentato a capire la stessa domanda, "ma ci credi davvero a Zeus?"

Ne consegue che il Luogo Comune ammette, come unica religione, quella evangelica: una realtà che, in tutte le sue forme, riguarda circa il 5% della specie umana; e non tollera, quindi, le manifestazioni religiose del 95% della stessa specie.

Ovviamente, l'affermazione che ho appena fatto è volutamente esagerata, ma serve a darci una prospettiva diversa sulla questione del rapporto tra società e religione (il problema, oggi, non è infatti con lo stato).

In realtà, esistono migliaia di "religioni" in Occidente oggi, tutte apparentemente tollerate, molto di più che in altre epoche della storia.

Però, se facciamo eccezione per il caso italiano (con la simbiosi tra società e Chiesa cattolica), la tendenza occidentale, magari inconscia, è di tollerare le religioni nella misura in cui si adeguano al modello protestante.

Si può liberamente "credere in Allah", ma nella maniera e nella misura in cui l'evangelico "crede in Gesù". Invece, è immensamente difficile e rischioso "essere musulmani".

Inevitabilmente, la struttura influenza anche la sovrastruttura: nel capitalismo totalitario, l'oggetto delle diverse credenze tende sempre più a somigliarsi, proprio come le merci, nella loro indefinita varietà, tendono a somigliarsi tutte - il telefonino, la velina e il politico mostrano tutti lo stesso volto.

Ecco che sentiamo preti, imam e pastori protestanti che si affannano a ricordare che "crediamo tutti allo stesso Dio della pace e dell'amore".

Bisognerebbe chiedere direttamente a Dio, se l'oggetto delle loro credenze sia davvero lo stesso; ma sicuramente il vissuto psicologico dei credenti è profondamente simile: una divinità che dice (non "ordina" più) di vivere da cittadini che pagano le tasse, rispettando le leggi fatte da altri, accettando in pieno il Grande Flusso o criticandone solo qualche conseguenza (in particolare per quanto riguarda la sfera sessuale).

La religione viene depoliticizzata, in apparenza: in realtà, l'asservimento è tanto politico quanto lo è la ribellione, e "fa politica" tanto il cappellano militare quanto il prete che sostiene l'obiezione fiscale alle spese militari.

Eppure, la religione contiene dei nuclei profondamente eversivi.

Non parlo solo dei millenarismi, cui a volte si riconosce questo ruolo. E nemmeno il più generico appello alla giustizia.

Parlo di qualcosa di più profondo: il fatto che le cosiddette religioni contengano una riflessione sulla morte, sulla transitorietà e sul senso delle cose. Cioè esattamente quanto il Grande Flusso cerca disperatamente di scagliare fuori da sé.

Nota:

[1] Il riferimento qui è soprattutto alle forme statunitensi di protestantesimo, nelle sue manifestazioni mainstream.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
muschio
Frequentatore stabile
Frequentatore stabile


Registrato: 16/10/07 23:33
Messaggi: 37

MessaggioInviato: Gio Nov 01, 2007 2:17 pm    Oggetto: Re: L'unica religione tollerabile - Miguel Martinez Rispondi citando

...


L'ultima modifica di muschio il Mar Dic 18, 2007 1:20 am, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14960
Residenza: Hanafi-Maturidi

MessaggioInviato: Mar Nov 06, 2007 12:05 am    Oggetto: Re: L'unica religione tollerabile - Miguel Martinez Rispondi citando

muschio ha scritto:
Citazione:
Nell'Islam, la fede svolge un ruolo secondario...



?!

:?


Avendo parlato di stato emotivo, credo che si riferisca a certo effervescente fideismo, tipico delle sette fondamentaliste evangeliche, e non all'Iman..

3umar andrea

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Questo forum è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare gli argomenti.   Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum -> Politica islamica Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.035