Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

uomini-scimmia e piante killer

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Storia, biografie, conoscenze, arte, poesie ed immagini
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Sab Lug 11, 2020 1:25 pm    Oggetto: Ads

Top
vero
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 20/01/08 20:01
Messaggi: 164

MessaggioInviato: Mer Dic 17, 2008 5:32 pm    Oggetto: uomini-scimmia e piante killer Rispondi citando

Adesso, nel XXI secolo, quando la scienza sembra essere verità assoluta ci si presentano “episodi piuttosto vecchi che sembrano quasi voler sminuire il fenomeno della frode scientifica, di grande attualità oggi”.

Corriere della Sera Giovedì 30 Ottobre 2008
Ricerche L’esperto: pochi soldi e le sfide esasperate spingono all’inganno
Uomini-scimmia e piante killer
Tutte le bufale della scienza
Selezionati da New scientist i più clamorosi falsi della storia
Per Federico di Trocchio falsi sono di grande attualità. Come i 35 articoli finti sui tumori di due oncologi tedeschi

MILANO—La più antica è quella del 1725, quando il filosofo tedesco Johann Bering trovò una serie di incredibili fossili e ci scrisse un libro, per scoprire, poi, che i suoi colleghi lo avevano beffato: gli insetti, i fiori le foglie e le lucertole li avevano scolpiti loro, nella pietra.
La più curiosa è quella dell’albero degli spaghetti: nel 1957 la Bbc aveva mandato in onda, durante il programma Panorama, le immagini di una famiglia svizzera mentre raccoglieva pasta fresca da una pianta. Bufale scientifiche (la seconda in realtà era un pesce d’Aprile) che la rivista inglese New Scientist ha voluto includere nella sua classifica delle “sette meraviglie” della scienza burlesca.
“La più importante però-commenta Federico di Trocchio, professore di Storia della scienza all’ Università La Sapienza di Roma che, sulle “Bugie della scienza”, ha scritto un libro-è quella dell’uomo di Piltdown, che è anche il prototipo degli imbrogli scientifici di oggi”. Nel 1912 un paleontologo inglese dilettante di nome Charles Darwin aveva “trovato” nel Sussex un cranio, con mandibola, che sembrava appartenere a un essere metà uomo-metà scimmia: l’anello mancante, si è creduto per quarant’anni. Poi la verità: era un “falso”, dal momento che il cranio risaliva al Medioevo e la mandibola era quella di un orango.
“La cosa curiosa di questo elenco-continua Di Trocchio-è che si tratta di episodi piuttosto vecchi che sembrano quasi voler sminuire il fenomeno della frode scientifica, di grande attualità oggi”.
Altre due burle famose dell’elenco del New Scientist riguardano, infatti, il gigante di Cardiff (un uomo pietrificato di oltre tre metri, ritrovato nel 1869 in una fattoria dello stato di New York, che ra in realtà una scultura commissionata da tale George Hull) e il trattato intitolato “Hermippus redivivus” del XVIII secolo. Scritto dal fisico e medico tedesco Johann Cohausen suggeriva, come segreto per raggiungere l’immortalità, di respirare il fiato delle vergini raccolto in bottiglia. L’autore confessa l’inganno nelle ultime pagine.
Questo non succede ad alcuni scienziati contemporanei che ammettono le frodi soltanto quando vengono smascherati: uno dei casi più clamorosi riguarda il coreano Woo Suk Hwang che ha pubblicato, su prestigiose riviste scientifiche, dati e foto falsi sulla produzione di cellule staminali embrionali. Oppure quello di due oncologi tedeschi, Marion Brach e Friedland Hermann, per di più amanti, che hanno scritto 35 articoli sui tumori, tutti fasulli, dando origine a una sorta di “Chernobyl” della scienza tedesca.
Le frodi moderne sono spesso economicamente rilevanti e rischiano di rallentare il progresso scientifico. “Oggi la situazione è ben diversa rispetto al passato-commenta Di Trocchio-. A partire dagli anni ’70 il numero degli scienziati è notevolmente aumentato, la competizione si è esasperata e i soldi sono sempre gli stessi. Ecco perché i ricercatori hanno cominciato a imbrogliare sulle loro ricerche”.
Adriana Bazzi
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Storia, biografie, conoscenze, arte, poesie ed immagini Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.025