Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Liti con la famiglia

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Famiglia, matrimonio, figli e rapporti tra i generi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Dom Mag 28, 2017 1:03 am    Oggetto: Ads

Top
Bonnie90
Affezionatissimo
Affezionatissimo


Registrato: 07/02/14 20:19
Messaggi: 71

MessaggioInviato: Gio Set 15, 2016 12:02 pm    Oggetto: Liti con la famiglia Rispondi citando

Assalamu aleykum fratelli e sorelle,

Vi scrivo perché ho un problema abbastanza spinoso.

Qualche tempo fa ho avuto un'accesa discussione con il fratello di mio marito (mio cognato insomma) e, pur ammettendo di avere avuto io stessa delle colpe e essermi scusata per questo, i rapporti con lui sono rimasti freddi e distanti (nota bene: non ho ricevuto nessuna scusa da parte sua). Il problema è che ora anche i suoi genitori (i miei suoceri, genitori di mio marito e di mio cognato) sono distanti e freddi con me e scrivono a mio marito che deve appoggiare il fratello e che io mi sono comportata male.

Ora non so cosa fare... sento di non volerli vedere e di non voler avere contatti con loro per un po' di tempo, vista questa freddezza nei miei confronti, ma mio marito sostiene che me la immagino io e che in realtà si comportano normalmente e dovrei sforzarmi e continuare a frequentarli come prima. Il punto è che come convertita mi avevano già creato problemi all'inizio, e quindi io so benissimo dentro di me che ogni volta che ci sarà una discussione c'è un altissimo rischio che il torto venga dato a me, non è la prima volta che succede e non è nemmeno l'ultima immagino..
Sento anche che questi problemi stanno minando il rapporto tra me e mio marito, perché non vuole schierarsi da nessuna delle due parti, ma così facendo io mi sento poco creduta e lasciata sola. Mi conosce bene e lo sa che non dico bugie, ho raccontato la nostra lite esattamente così come è andata, eppure non mi sento presa sul serio e la vittima rimane sempre e comunque suo fratello...

A parte qualche consiglio pratico da parte vostra (se lo avete), vorrei sapere che doveri e che diritti ho verso la famiglia di mio marito.. non voglio rompere con loro, ma non voglio nemmeno stare con loro più del necessario e vorrei sapere se questo è un problema religiosamente parlando..

Vorrei anche sapere se mio marito dovrebbe preoccuparsi di non rovinare il rapporto con sua moglie o se per l'Islam la precedenza ce l'ha sempre la famiglia di origine (genitori, fratelli, ...) .. ci tengo a sottolineare che comunque io ammetto le mie colpe quando ne ho, cerco di non portare rancore e di non tenere il broncio con nessuno, ma mi aspetto che anche gli altri facciano lo stesso verso di me.. sono molto sensibile e queste freddezze nei miei confronti mi fanno stare davvero male..

JazakAllahu khayran per i vostri consigli.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Stella d'Oriente
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 20/04/13 20:09
Messaggi: 183
Residenza: Svizzera

MessaggioInviato: Gio Set 15, 2016 1:23 pm    Oggetto: Re: Liti con la famiglia Rispondi citando

Wa alaykum assalam wa rahmatullahi wa barakatuhu sorella
Bonnie90 ha scritto:
Assalamu aleykum fratelli e sorelle,

Vi scrivo perché ho un problema abbastanza spinoso.

Qualche tempo fa ho avuto un'accesa discussione con il fratello di mio marito (mio cognato insomma) e, pur ammettendo di avere avuto io stessa delle colpe e essermi scusata per questo, i rapporti con lui sono rimasti freddi e distanti (nota bene: non ho ricevuto nessuna scusa da parte sua). Il problema è che ora anche i suoi genitori (i miei suoceri, genitori di mio marito e di mio cognato) sono distanti e freddi con me e scrivono a mio marito che deve appoggiare il fratello e che io mi sono comportata male.

Ora non so cosa fare... sento di non volerli vedere e di non voler avere contatti con loro per un po' di tempo, vista questa freddezza nei miei confronti, ma mio marito sostiene che me la immagino io e che in realtà si comportano normalmente e dovrei sforzarmi e continuare a frequentarli come prima. Il punto è che come convertita mi avevano già creato problemi all'inizio, e quindi io so benissimo dentro di me che ogni volta che ci sarà una discussione c'è un altissimo rischio che il torto venga dato a me, non è la prima volta che succede e non è nemmeno l'ultima immagino..
Sento anche che questi problemi stanno minando il rapporto tra me e mio marito, perché non vuole schierarsi da nessuna delle due parti, ma così facendo io mi sento poco creduta e lasciata sola. Mi conosce bene e lo sa che non dico bugie, ho raccontato la nostra lite esattamente così come è andata, eppure non mi sento presa sul serio e la vittima rimane sempre e comunque suo fratello...

A parte qualche consiglio pratico da parte vostra (se lo avete), vorrei sapere che doveri e che diritti ho verso la famiglia di mio marito.. non voglio rompere con loro, ma non voglio nemmeno stare con loro più del necessario e vorrei sapere se questo è un problema religiosamente parlando..

Vorrei anche sapere se mio marito dovrebbe preoccuparsi di non rovinare il rapporto con sua moglie o se per l'Islam la precedenza ce l'ha sempre la famiglia di origine (genitori, fratelli, ...) .. ci tengo a sottolineare che comunque io ammetto le mie colpe quando ne ho, cerco di non portare rancore e di non tenere il broncio con nessuno, ma mi aspetto che anche gli altri facciano lo stesso verso di me.. sono molto sensibile e queste freddezze nei miei confronti mi fanno stare davvero male..

JazakAllahu khayran per i vostri consigli.


Mi spiace per la tua situazione, inshAllah cotinua a fare du'a e chiedi ad Allah swt di aiutarti e darti forza.
Intanto ti giro un link con utili informazioni dal punto di vista islamico:

Relationship with one’s in-laws

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



A proposito della relazione col cognato, aggiungo che si tratta comunque di un non-mahram e a tal proposito ricordo un hadith del Profeta Muhammad sallallahu alayhi wa sallam:

“The brother-in-law is Death.”
(in arabo è usata la parola "Hamuw", che non si limita al fratello del marito o marito della sorella come invece lo è la traduzione inglese, ma include anche gli altri parenti maschi).
Top
Profilo Invia messaggio privato
Bonnie90
Affezionatissimo
Affezionatissimo


Registrato: 07/02/14 20:19
Messaggi: 71

MessaggioInviato: Gio Set 15, 2016 9:21 pm    Oggetto: Rispondi citando

Grazie davvero, l'articolo che hai postato mi ha davvero tranquillizzata almeno per quanto riguarda i miei doveri religiosi.

Sto continuando a fare du'a e a pregare che questa brutta situazione finisca. Nel frattempo sono riuscita a parlare a cuore aperto con mio marito e mi sembra abbia capito che necessito un pochino di sostegno in più. InshaAllah si risolverà tutto per il meglio, ci sarà sicuro un senso anche per questo.

JazakAllahu khairan
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Famiglia, matrimonio, figli e rapporti tra i generi Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.215