Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Fatawa contro lo pseudo "Stato Islamico"/Daesh

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Confutazione terrorismo e takfirismo
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Mar Ott 17, 2017 3:13 pm    Oggetto: Ads

Top
AbuMuhammad
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 26/03/12 19:44
Messaggi: 943

MessaggioInviato: Mer Ago 27, 2014 7:22 pm    Oggetto: Fatawa contro lo pseudo "Stato Islamico"/Daesh Rispondi citando

"FATWA CONCERNING THE STATE OF IRAQ AND SYRIA

Translated by Ibn Ahmad

Question: You know what has occurred in Syria since the declaration of the State of Iraq and Syria, known by the acronym DAESH (ISIS); and you know what they have done against the Syrian people in terms of takfir (excommunication of Muslims), killing and bombings. People differ in regards to them. Some say that they are khawarij [a violent and extremist sect] who must be deposed. Others say that they are tyrants. Others say that they are a trial [fitna] and everyone must avoid them and focus their full energy on fighting the criminal regime [of al-Assad]. Finally, there are those who say that this (ISIS) is true state and all must swear allegiance to it and fight under its flag. What is the stance of the Sharia regarding this group (ISIS)? What is our responsibility towards them?

Answer: All praise is due to Allah, Lord of all that exists. Let there be no aggression except against the tyrants; and peace and blessings be upon the Messenger who was sent as a mercy to the world, his family, his companions, and those who follow them until the Day of Judgement.

God Almighty has strengthened the people of Syria through a jihad (struggle) that stands against the criminal and tyrannical regime [of al-Assad]. Despite the pain, sacrifices, the enemy’s ruthlessness and betrayals associated with this jihad, God has supported the people of Syria, and assisted them with His victory, and has ordained therein that his righteous servants obtain conquests from where they least expected.

The greatest thing that has distinguished the jihad in Syria from its very first days is its purity and sincerity towards God Almighty, without any distraction from its goals and the means to obtain those goals, despite its modest military capabilities and financial resources. However, it did not take long before sedition reared its [ugly] head via the emergence of the organization known has the State of Iraq & Syria (ISIS). This organization has imposed upon Syrian society trials, evils, and violations against the Sharia. Based on the conditions and attributes of this group, it was inevitable that the Syrian people uphold their duty to oppose it. This organization (ISIS) has committed gross violations against the Sharia as well clear criminal actions which include the following:

1 – They infringed upon the Syrian people with their declaration of statehood without a respectable Sharia process, a clear vision, nor meaningful consultation be it in accordance with the Sharia or otherwise.

2 – They claim to be on the path of truth, and that those beside them are either disbelievers or misguided innovators. Consequently, based on these assumptions, they issued dangerous rulings.

3 – Extremism in issuing takfir, and subjecting the people to tribulations with regard to this. This has come to the point that accusations of takfir and treachery alongside death threats have no doubt become commonplace among the ranks of ISIS. Furthermore, some members of ISIS have even gone so far as to deem the general condition of Muslims in Syria as either that of disbelief or apostasy. There are even those amongst the organization who have deemed the regime [of al-Assad] and its followers more honourable than the freedom fighters and revolutionaries of Syria.

4 – They slander anyone who opposes them as either being a secret agent, or traitor, or as being a member of the [Anbar] Awakening movement [in Iraq], even if the individual was known to be honest and upright or among those who waged jihad against the Assad regime and its allies.

5 – Their insistence on referring matters of conflict and dispute to those who are subservient to ISIS and conform to its rule and their refusal to refer these matters to competent (and impartial) authorities of the Sharia.

6 – They engaged those mujahid battalions fighting against the tyrannical Assad regime with low-intensity conflicts in order to expand the sphere of their state and secure allegiance to it, while at the same time distracting from the fight against the common enemy. They further strove to obtain control over the joint economic and military gains obtained in the liberated territories after having stolen those assets from the mujahidin.

7 – They have deliberately attempted to confront and clash with various groups of mujahidin in Syria, and have involved themselves in the shedding of innocent blood, and have made light of this very grave matter.

8 – They have arrested mujahidin, and activists, journalists, and advocates [of the Syrian people’s cause], and have impeded relief efforts on the pretext of suspicious manners of acting or charges of betrayal and treason.

9 – They have committed treachery after having first offered security to the mujahidin and battlefield messengers and subsequently betraying many of them through arrests, torture, and killing. The news of the casualties of their treachery has circulated so rapidly that Syrians and non-Syrian both near and far from the conflict have become aware of it.

No doubt, all of the evidence and proof has established that this organization became the cause of aborting the resistance against Assad and his regime in Syria. In addition, they are the source of sectarianism, killing, destruction, and looting of national treasures. The Sharia obligation with regards to this group is to face them head-on in order to eradicate them, and to put an end to their machinations in Syria, and to use all legitimate means in that effort in light of the following:

First: Their failure to comply to the truth, and more so fighting against it. When they were called to settle differences in a Sharia court, they refused and refrained therefrom. The scholars have [unanimously] agreed on the duty to fight (such) renegade groups who either abandon what Islam has enjoined or do not abstain from what it has prohibited. This especially applies to a situation such as that found in Syria.

Shaykh al-Islam Ibn Taymiya has said in his Majmu` al-Fatawa: “The scholars of the Muslims have agreed that when a renegade party has refused some of the well-known, agreed-upon duties of Islam, then it is an obligation to fight them. This applies to those who have declared the two testimonies [of faith], but refuse to pray, or pay the poor tax, or fast during Ramadan, or make the pilgrimage to Mecca, or refuse to seek rulings from the Book of Allah and the Sunna of the Messenger (peace and blessings be upon him), or refuse to prohibit immorality, or the likewise matters of the Islamic Sharia. [The Muslims] must fight them until the entirety of the religion is completely for Allah.

Second: Their violation of those whose blood and wealth is protected under the Sharia of Allah.

The Messenger (peace and blessings be upon him) said: “Whoever dies protecting his wealth is a martyr; whoever dies protecting himself is a martyr; whoever dies protecting his religion is a martyr; whoever dies protecting his family is a martyr.” (Narrated by Abu Dawud & al-Tirmidhi; graded hasan sahih).

Third: Transgression. Since it has been legislated to fight against a group who only displays transgression, then it is all the more reason to fight against a group that encompasses transgression, extremism, and takfir without just cause. Therefore, fighting against this group is necessary and a duty. God Almighty says: {If two groups of believers fight each other, reconcile between them. But if one group transgresses against the other, fight the transgressing group until it complies with God’s command. Once it has complied, reconcile between them with justice, and be equitable. God loves the equitable.} [The Qur'an, Al-Hujarat 49:9]

Al-Qurtubi in his Tafsir has stated: “In this verse lies evidence for the necessity of fighting the transgressing group which has clearly transgressed against the Imam or a single individual amongst the Muslims.”

Fourth: Their similarity to the khawarij that the Prophet (peace and blessings be upon him) ordered us to fight against. Certainly the characteristics of the khawarij have come together in this group (ISIS), in terms of those qualities that decisively link ISIS to the original khawarij.

These include:

-Issuing takfir against their opponents

-The killing of Muslims with perverse obstinance

-Opposition to the truth with a false display of knowledge and with contempt towards the advice of the scholars

-Hatred against the creation (of Allah) in total ignorance of the rulings of the religion

-Severity, ferocity, and audacity against the believers with treachery and betrayal

-Broken promises and betrayal of trust

The Prophet (peace and blessings be upon him) called for fighting on account of these characteristics. He (peace and blessings be upon him) said: “Wherever you meet them, kill them, for in their killing is a reward on The Day of Judgement for whoever killed them.”

He (peace and blessings be upon him) also said: “If I live to see them, I will certainly kill them and wipe them out as the nation of `Ad was wiped out.” (Agreed upon narration). Nay, the Prophet (peace and blessings be upon him) counted those whom they killed as an evil that they incurred, and he counted those Muslims who died at their hands as having experienced the best of deaths. He (peace and blessings be upon him) said: “Happy is the one who kills them and they kill him. They call to the book of Allah, but they have nothing to do with it. He who fights against them will be nearer to Allah than them (the rest of the people).”

He (peace and blessings be upon him) also said: “They (the khawarij) are the worst of the slain who are killed under heaven, and the best of the slain are those who were killed by them”. (Narrated by Ahmad b. Hanbal).

It is not permissible to abstain from fighting them or to refuse such. Rather, it is required to continue fighting them until they desist from their tyranny and oppression and subdue themselves to an independent Sharia court. They must permanently refrain from their disgusting actions effectively and in reality, not just in words. God Almighty says: {Fight the transgressing group until it complies with God’s command.} [The Qur'an, Al-Hujarat 49:9].

Al-Tabari says in his Tafsir: “If one these two groups refuses to accept judgement from the Book of Allah be it for him or against him, and infringes upon the justice that Allah has ordained for His creation, then the other group must offer a swift response. {Fight the transgressing group.} He (Allah) says: {Fight the transgressing group,} i.e., the one who refused to accept the Judgement of Allah {Until it complies with God’s command.} Meaning, until they return to the Judgement of Allah by which He Judges between his creation in His Book.

Regarding those [members of ISIS] that we take captive, then whoever informs us that he was simply following orders and we see signs of true repentance in him, then we will issue his release upon the condition that he not be able to resume in carrying out those orders or return to his group.

Whoever refrains from fighting them with the reasoning that this results in fitna is putting forth an invalid argument. This is because the prohibited fighting which entails fitna is that which is involved between two groups of Muslims who are both upon misguidance, or fight for worldly comforts, or their situation is obscured in the fighting, or that fighting in which the distinction between right and wrong cannot readily be made.

Entering such a conflict is forbidden. We have been ordered to isolate ourselves and withhold participation therein no matter what the case may be. This was the intent behind the Prophet’s (peace and blessings be upon him) saying: “When two Muslims confront each other with their swords, both the slayer and the slain are doomed to Hell-Fire.” (Agreed upon narration). He (peace and blessings be upon him) said regarding this calamity: “So whoever can find a place of protection or refuge from them, should take shelter in it.” (Agreed upon narration).

The Muslim ought to isolate himself from such a calamitous situation, and distance himself from it in order that he remain protected from its evil. His slogan in those times is, “Be a servant of Allah who is killed, rather than a servant of Allah who kills.”

Regarding ISIS in Syria, then they have most certainly manifested their injustice, oppression, and enmity, in addition to their fight against person and property. Furthermore, they are linked with various intelligence services and regimes opposed to the rights of the Syrian people and which seek to terminate the revolution and jihad of the Syrians. Therefore, fighting ISIS is not only regarded as a legitimate endeavor, rather it is considered obligatory in order to eradicate their evil and extinguish their harm.

Al-Tabari has said: “If it was obligatory to flee from every single dispute between two groups of Muslims and required to stay home in such cases, then the truth can never be established and falsehood can never be abolished.” This is conveyed from Al-Tabari by way of Al-Qurtubi in his Tafsir.

Ibn Battal has said in his commentary of Sahih al-Bukhari: “If injustice is manifested in one the two groups [of Muslims], then it is not allowed for a Muslim to refrain from fighting the aggressors because God Almighty has said: {Fight the transgressing group until it complies with God’s command.} If Muslims abstain from fighting those who commit injustice, then this injunction of God Almighty becomes invalidated.”

Ibn Battal further said: “Whoever is perplexed by the matter of the two groups, then it is required for him to isolate himself from the two groups and remain in his home until the truth becomes evident to him, and the rightful party amongst the disputing faction becomes manifest to him, and his doubts are removed. Thereafter, it is required of him to aid the rightful party in accordance with what is required of those with insight.”

Finally: ISIS is an organization composed of extremism, severity, and takfir. They are the highest degree of tyrants. They have torn apart the ranks of the mujahidin and revolutionaries through spreading the khariji ideology. They have been infiltrated by the Assad regime and its allies as well as various intelligence agencies. Because of this fact, we understand why there is a conspicuous lack of danger in areas of their presence and their communities and why they do not face the Assad regime and its allies in battle. Rather, they direct their full energy to fighting the mujahidin who fight the Assad regime and seek to deplete the strength of these mujahidin. Hence, it is required by Islamic Law to fight them and put an end to their machinations until their influence on the Syrians and their country is completely abolished.

And All Praise is Due to Allah, The Lord of All that Exists.

The Syrian Islamic Council
17 Sha`ban 1435 H
15 June 2014 CE"


Fonte:
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato
Najla
Matricola
Matricola


Registrato: 28/05/14 19:34
Messaggi: 12
Residenza: veneto

MessaggioInviato: Mer Ago 27, 2014 9:38 pm    Oggetto: Rispondi citando

Salam Alaykoum Fratello....la spiegazione è chiarissima....adesso che ne siamo venuti a conoscenza, secondo te, cosa si dovrebbe fare, oltre a pregare Allah che scuota le coscienze e che allevi la sofferenza dei nostri fratelli Siriani e Iraqeni?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Socrate
Matricola
Matricola


Registrato: 21/04/10 20:25
Messaggi: 11

MessaggioInviato: Gio Ago 28, 2014 10:49 pm    Oggetto: Rispondi citando

Caro Umar stasera al tgcom24 delle 22,30 hanno detto che ti trovi in Siria.Sono solo voci o confermi! Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato
coffin
Nuovo utente
Nuovo utente


Registrato: 05/01/08 16:50
Messaggi: 4
Residenza: Villa Carcina

MessaggioInviato: Sab Ago 30, 2014 10:17 pm    Oggetto: Rispondi citando

Socrate ha scritto:
Caro Umar stasera al tgcom24 delle 22,30 hanno detto che ti trovi in Siria.Sono solo voci o confermi! Ciao


Leggendo un po' qui o là (

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

) credo di aver capito che non è a Genova, non è escluso che possa essere in Siria, oppure vociferavano in Veneto ... ma non sanno dove si trova ...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 22:20
Messaggi: 14954
Residenza: Madhhab: Hanafi-Deobandi

MessaggioInviato: Sab Ago 30, 2014 10:36 pm    Oggetto: Rispondi citando

Socrate ha scritto:
Caro Umar stasera al tgcom24 delle 22,30 hanno detto che ti trovi in Siria.Sono solo voci o confermi! Ciao


coffin ha scritto:
Socrate ha scritto:
Caro Umar stasera al tgcom24 delle 22,30 hanno detto che ti trovi in Siria.Sono solo voci o confermi! Ciao


Leggendo un po' qui o là (

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

) credo di aver capito che non è a Genova, non è escluso che possa essere in Siria, oppure vociferavano in Veneto ... ma non sanno dove si trova ...


Non sono né sono mai stato in Siria o in Iraq o in Afghanistan o qualsiasi altro teatro di guerra; i giornali si stanno sprecando in illazioni di ogni genere.

Le autorità italiane sono informate e sanno benissimo dove mi trovo e l'importante è questo; dei giornalisti non mi importa nulla quindi non farò ulteriori commenti in pubblico.

P.S.: Non capisco perché lo chiedete nel thread dedicato all'ISIS..

P.S.2: Coffin, mi è arrivato il tuo messaggio da Youtube ma accedendovi non lo trovo più; ad ogni modo ti ho risposto qui!..

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
coffin
Nuovo utente
Nuovo utente


Registrato: 05/01/08 16:50
Messaggi: 4
Residenza: Villa Carcina

MessaggioInviato: Sab Ago 30, 2014 10:55 pm    Oggetto: Rispondi citando

'Umar al-Qustantiniyy ha scritto:


P.S.2: Coffin, mi è arrivato il tuo messaggio da Youtube ma accedendovi non lo trovo più; ad ogni modo ti ho risposto qui!..



Ti ringrazio; meglio non fidarsi delle illazioni della stampa; pur di far soldi ...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 22:20
Messaggi: 14954
Residenza: Madhhab: Hanafi-Deobandi

MessaggioInviato: Sab Ago 30, 2014 11:36 pm    Oggetto: Rispondi citando

Tornando all'argomento del thread, altre fatawa contro l'ISIS:


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
AbuMuhammad
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 26/03/12 19:44
Messaggi: 943

MessaggioInviato: Dom Ago 31, 2014 12:13 am    Oggetto: Rispondi citando

Ancora sull'ISIS...


Zahran 'Allush, comandante dell'Esercito dell'Islam, figlio di 'Ulama, laureatosi all'Università Islamica di Medina in un'intervista con Khaled Abu Salah di Gennaio di quest'anno, ecco come la pensa sull'ISIS:
[ Dal minuto 35:00 di questo video intervista (in arabo):
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

]

Traduzione

Abu Salah (intervistatore): Non si poteva evitare lo scontro con l'Isis?

Zahran A.: Come ho già ricordato, abbiamo pazientato molto per evitare lo scontro con l'Isis, ma purtroppo la nostra pazienza è arrivata al limite quando questa fazione ha cominciato ad avere dei comportamenti che bloccarono il Jihad. Questa fazione diventò un grosso ostacolo di fronte al Jihad attuando, per esempio, sequestri dei comandanti, uccisione dei mujahidin più esperti, fermo dei convogli di aiuti umanitari derubandoli e altre orribili azioni.
Questo ci ha costretto a respingere l'ingiustizia nei nostri confronti e a scoprire al mondo la verità su questa fazione che si crede una fazione di mujahidin mentre in realtà è un gruppo di criminali. Combattono contro Ahl Al Sunna in Siria esattamente come fa il regime. Sfruttano le persone semplici e deboli (di testa, ndr) tra i mujahidin e li spingono ad una guerra contro i loro fratelli rendendoli bombe a tempo. Questa fazione è guidata da persone sospette di incerta affiliazione come il colonnello Hajji Bakr il quale faceva parte dell'ex regime iracheno e di cui abbiamo trovato un passaporto iraniano con timbri iraniani recenti che dimostrano un rapporto recente con gli iraniani. Purtroppo abbiamo visto anche ufficiali dell'esercito del regime come "principi"(Umara') nella fazione dell'Isis come ad esempio il wali di Jarablos che abbiamo scoperto essere primo tenente della guardia nazionale del regime di basshar al asad. Questo rende attendibili le dichiarazioni del asad quando affermò di essere riuscito ad infiltrare i suoi nelle zone liberate e anche tra le file dei combattenti. L'evidenza ci dice che molti capi dell'Isis sono ufficiali della guardia nazionale e prendono ordini e direttive direttamente da basshar al asad, ciò spiega le brutali procedure e i comportamenti ostili e criminali che commette questa fazione nelle zone liberate, comportamenti rigettati anche da alcuni degli affiliati stessi dell'Isis abbindolati (dagli slogan), sopratutto tra i Muhajirin (stranieri) che sono venuti per il Jihad fi sabiliLlah.

Abu Salah: vi sono molte fazioni che uccidono i Muhajirin soltanto perchè sono Muhajirin e tu sai che molte persone sono partite dai loro paesi lasciando le famiglie e i cari per difendere il popolo siriano, molti di loro non sono affiliati all'Isis ma alcuni sì. Costoro oggi, sono bersagli di primo piano. Cosa possiamo dire a questa gente?

Zahran A.: Queste sono voci false. Le milizie e tutti i musulmani vedono i Muhajirin con un occhio di grande riguardo e stima e apprezzamento per aver lasciato i loro paesi, le loro terre, i loro cari per raggiungere la gente del Sham per il Jihad fi sabiliLlah difendendo i paesi e l'onore. Noi apprezziamo il loro Jihad e la loro Hijra. Noi diciamo loro con tutta chiarezza e sincerità: vi proibiamo di ciò che proibiamo a noi stessi, vi tuteliamo da ciò che tuteliamo noi stessi, vi proteggiamo: le nostre anime stanno sotto le vostre, i nostri corpi sotto i vostri, i nostri beni sotto i vostri, il nostro sangue sta sotto il vostro, questo vale per tutti i Muhajirin. Però fratelli miei state in guardia dallo sporcarvi le mani col sangue dei musulmani, guardatevi dall'accettare questa classificazione estremista e prepotente con cui i capi dell'Isis distinguono il popolo siriano: noi in Siria NON SIAMO INFEDELI. La Siria è un paese islamico, il popolo siriano è formato per l'80% da musulmani sunniti i quali testimoniano che non c'è dio all'infuori di Allah e che Muhammad è l'Inviato di Allah (صلى الله عليه و سلم ). Questo pensiero esagerato, kharijita ed estremista che fa takfir dei musulmani è un pensiero che si scontra col Corano e la Sunnah, nulla ha a che fare col Din. Il Profeta صلى الله عليه و سلم ci ordina di avere buona opinione sui musulmani e considerare le loro opere esteriori, trattarli con fratellanza “In verità i credenti sono fratelli...”. Non ci ha ordinato di considerarli nemici come fanno i capi dell'Isis.

Abu Saleh: Mi parlavi dietro le quinte di avere prove dimostranti che l'Isis lavora per il regime, avvenimenti accaduti ultimamente; quali sono questi episodi di cui vuoi parlare alle persone e con le quali vuoi argomentare contro l'Isis?

Zahran A.: Vorrei che i comandanti dell'Isis mi chiariscano cosa avviene nelle zone liberate, ad esempio: un convoglio dell'Isis vuole assaltare la città Al Bab (liberata!) nella periferia di Aleppo, sopra questo convoglio passano gli aerei del regime nusairita senza colpirli mentre vanno a bombardare Al Bab e ad aprire la strada con i missili all'Isis, qual'è la spiegazione di ciò? Come viene spiegato il fatto che noi nel Ghouta orientale, Homs e in altre zone i bombardamenti da parte del regime scendono su di noi come la pioggia, un giorno nella prima metà della giornata gli ufficiali della nostra Brigata hanno provato a contare il numero dei missili caduti sulle basi dell'Esercito dell'Islam nella Ghouta orientale, contarono 900 missili soltanto nella prima metà di UN solo giorno! 900 missili Grad durante la prima metà della giornata! Nonostante ciò le basi dell'isis godono di benessere e tranquillità e il regime non le tocca, qual'è la spiegazione di ciò?!
Qual'è la spiegazione del fatto che nel giro di 8 mesi l'Isis attacca il regime con circa 8 autobombe, mentre in una sola settimana fanno esplodere 24 autobombe nei pressi delle basi e check point delle brigate islamiche?!
Come viene spiegato il fatto che il wali Isis di Jarablos è un ufficiale della guardia nazionale del regime?!
Come viene spiegato il fatto che il comandante isis di Azaz mentre combatteva la milizia islamica Tempesta del Nord è un ufficiale dei servizi segreti di un paese che l'Isis dichiara di odiare?!

Abu Salah: Adesso quello che importa sapere alla gente è la soluzione, qual'è la vostra opinione per risolvere il problema Isis? Sapendo che le forze del regime spingono avanti e stanno conquistando territori e c'è uno sbilanciamento di forze tra le due fazioni. Qual'è la soluzione con l'Isis?

Zahran A.: Noi sappiamo che c'è un'armonia tra il regime e l'Isis, per esempio nel Raqqa l'Isis avanza verso la città, anche il regime avanza verso i mujahidin del Raqqa che sono rimasti circondati tra il regime del asad e il regime del baghdadi, questo accerchiamento provocò un enorme massacro di mujahidin, sono avanzati entrambi gli schieramenti (Isis e regime) fino ad incontrarsi SENZA che avvenga nessuno scontro. La soluzione: innanzitutto la responsabilità ricade sugli 'Ulama della ummah che devono scoprire l'orrida faccia di questa fazione kharijita nemica della Sunnah e di Ahl Al Sunnah. Gli 'Ulama devono prendersi la responsabilità del Jihad poiché la gente viene guidata dai loro consigli. Secondo: chiedo chiunque abbia obbiettività di non stare tra il Haqq e il Batil, alcuni fratelli dicono: “questa è una fitna!” Dov'è la fitna?! La fitna è nello scontro tra il Haqq e il Batil?? Quando Alì rAa combattè i khawarej che uccidevano Ahl Al Sunna tra i Sahabah era forse immerso nella fitna? Quale fitna è questa, quando si difendono gli innocenti tra i musulmani che vengono massacrati. Quale fitna è quando ci si difende dal male di persone ignoranti e depravate che uccidono la gente dell'Islam e lasciano la gente dell'idolatria. Quale fitna è questa, quando ci si scontra di fronte ad una persona, fazione o organizzazione che esagera pesantemente nel takfir...
Top
Profilo Invia messaggio privato
AbuMuhammad
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 26/03/12 19:44
Messaggi: 943

MessaggioInviato: Dom Ago 31, 2014 12:36 am    Oggetto: Rispondi citando

Rapporto "Syrian Network for Human Rights" sui crimini dell'ISIS:

Nel periodo tra Aprile 2013 e Agosto 2014 le vittime (civili e rivoluzionari) sono 3473, documentate con nomi, foto, date, luoghi (metodologia usata per documentare i crimini in inglese
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



- 782 civili (tra cui 139 bambini e 74 donne)
- 2691 mujahidin.

Il rapporto completo in arabo:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



La documentazione è veramente convincente:
- Testimonianze
- Foto e video diffusi dagli stessi combattenti Isis (orgogliosi di aver eliminato "apostati", "kuffar" e "traditori")
- Accounts Twitter dei capi Isis
-
ecc...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 22:20
Messaggi: 14954
Residenza: Madhhab: Hanafi-Deobandi

MessaggioInviato: Dom Ago 31, 2014 12:39 am    Oggetto: Rispondi citando

Verissimo.. Il che non rende innocenti Asad, al-Maliki, etc.
Giusto per ricordarlo e contestualizzare visto che alcuni (non parlo di te, eh) ora si concentrano solo sui crimini dell'ISIS e dimenticano tutto il resto.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Ibrahim G. Iungo
Matricola
Matricola


Registrato: 18/08/14 14:01
Messaggi: 10
Residenza: Medina

MessaggioInviato: Dom Ago 31, 2014 11:05 am    Oggetto: Rispondi citando

As-Salâmu ‘alaykom wa Rahmatu-Llâhi wa barakâtu-Hu.
Una traduzione in lingua Italiana della fatwâ rilasciata dal Consiglio Islamico Siriano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________
Ibrâhîm ‘Abd an-Nûr Gabriele Iungo
إبراهيم عبدالنور جبريل إيونجو الملاني الإيطالي

E-mail:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
AbuMuhammad
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 26/03/12 19:44
Messaggi: 943

MessaggioInviato: Dom Ago 31, 2014 12:44 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ibrahim G. Iungo ha scritto:
As-Salâmu ‘alaykom wa Rahmatu-Llâhi wa barakâtu-Hu.
Una traduzione in lingua Italiana della fatwâ rilasciata dal Consiglio Islamico Siriano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Wa `alaykom salam wa rahmatullahi wa barakatuh
JazakAllahu khairan :)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 22:20
Messaggi: 14954
Residenza: Madhhab: Hanafi-Deobandi

MessaggioInviato: Ven Mar 20, 2015 1:49 am    Oggetto: Rispondi citando

Dichiarazione unificata dell'"United Ulama Council of South Africa" :

Fatal Attraction: UUCSA Press Statement on the Islamic State
Source:
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



The Islamic State (IS) has provided a lifeline to young Muslim militants in search of giving expression to their pent up frustration with the political, social and economic servitude in their respective countries. They are attracted to the Islamic State’s narrative that governments in Muslim countries of the Middle East are corrupt, irreligious, and heavily influenced by the United States and other Western powers. Joining them, they argue, is a real fight in defense of Islam.

Despite the ‘Islamic’ appellation, the ideology of the Islamic State is starkly unrelated to Islam and critically misguided. The IS has not only weakened the resistance against state sponsored terrorism in Syria, it serves as a whirlpool engineered to attract aspiring ‘jihadists’ from every nook and cranny of the globe to one single location and to pre-occupy them with sectarian conflict so that the imperialists can continue unhindered in their business of entrenching global hegemony.

The Islamic State (IS) is guilty of unambiguous and obvious violations of Islamic Law; it has perpetrated brazen brutality in the name of Islam. It’s litany of felonies include:

1. Declaring an Islamic State with no legitimate Sharia procedure or consultation
2. Branding Muslims as disbelievers
3. Rejecting rulings of Islamic scholars
4. Killing Muslims who differ with their ideology
5. Accusing whoever opposes them of treachery and betrayal
6. Refusing to subject themselves to an arbitrated settlement as demanded by the Quran
7. Fighting fellow jihad military divisions in Syria
8. Capturing and kidnapping activists, journalists and religious figures
9. Brutally murdering non- Muslim ‘enemies’
10. Compelling non- Muslims to embrace Islam

The IS draws its cue from the dogma of the Khawarij sect which is premised on Takfeerism – Branding those who differ with them as apostates. The progression from Takfeerism to the spill of blood is both rapid and obvious which the IS has flaunted like emblems of pride, video- taped and uploaded for the whole world to see!
The Islamic State (IS) stands condemned by the United Ulama Council of South Africa l (UUCSA) as a misguided political enigma which has distorted the teachings of Islam. Its duplicity is only outmatched by its savagery and barbarity. It has divided and weakened the Muslim world, legitimized murder in the name of Islam, and shifted focus from the actual hot spots around the globe. Joining or supporting the Islamic

State’s genocidal cult because it projects itself to be the most obvious counterpart to the West is misplaced and will prove to be a FATAL ATTRACTION!

Statement Issued by the United Ulama Council of South Africa (UUCSA) which is an umbrella body of major theological formation in South Africa.

UUCSA Affiliate Members:

Jamiatul Ulama South Africa – Established in 1923 | Muslim Judicial Council of South Africa – Established in 1945
Jamiatul Ulama KZN – Established in 1955 | Sunni Jamiatul Ulama of South Africa – Established in 1978 | Sunni Ulama Council of South Africa – Established in 1992
Council of Ulama Eastern Cape – Established in 1999 | Eastern Cape Islamic Congress –Established in 1996

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 22:20
Messaggi: 14954
Residenza: Madhhab: Hanafi-Deobandi

MessaggioInviato: Ven Mar 20, 2015 1:51 am    Oggetto: Rispondi citando

Altro materiale e dichiarazioni di Ulama contro lo pseudo-"Stato Islamico" in questo link:

Islamic State (IS): Hate, Brutality, Oppression & Mayhem -
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
othman
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 15/01/14 19:47
Messaggi: 704

MessaggioInviato: Sab Mar 28, 2015 9:39 pm    Oggetto: Fatawa contro lo pseudo "Stato Islamico"/Daesh Rispondi citando

SALAM ALEIKUM, parlando di fitna , chiedo un chiarimento.
Ormai oggi i musulmani , stanno soffrendo moltissimo e siamo molto umiliati. Ci sono moltissimi hadith del nostro profeta Muhammed saws ci annunciava che prima della fine dei tempi nelle terre musulmane ci sarebbe stata molta ingiustizia e fitna. Ad esempio mi ricordo di un hadith dove il profeta, saws, disse che prima della fine dei tempi le nazioni non musulmane si sarebbero radunate per invaderci,e Allah avrebbe tolto dai loro cuori la paura di noi. E saremmo stati come una schiuma del mare.( Come sta succedendo oggi)
Ma le nostre sofferenze continueranno fino all'avvento del Mahdi? Quindi , appena verrà il Mahdi , il califfato ritornerà e riconquisteremo il nsostro onore??
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Confutazione terrorismo e takfirismo Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 1.641