Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Le origini pagane della Trinità Cristiana.
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 10, 11, 12
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Rapporti con Altre Religioni e Ideologie, Confutazioni, etc.
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Sab Feb 24, 2018 9:44 am    Oggetto: Ads

Top
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2738
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Gio Ott 24, 2013 2:13 am    Oggetto: Rispondi citando

Papirio di Ossirinico:

Dice Gesù" Laddove saranno tre sono atei e dove vi è uno solo per se stesso, dico, io sono con lui"

Frammento dal Vangelo di Tommaso:

Log 77"Tu il tutto e il tutto in te. E tu l'essere e non c'è altro che esista se non solo tu"

Log99( riportato da Clemente Alessandrino, Estratti Profetici, 29,3)

" Fratelli miei e coeredi sono coloro che fanno la volontà del Padre mio.



Frammento (da Testi Apocrifi, Omelia 3, 53,3)

Gesù dice: " Io sono colui del quale Mosè profetizzò dicendo : " Il Signore Dio nostro farà sorgere per voi un Profeta tra i vostri fratelli come ha fatto anche con me . Ascoltatelo in tutto e chiunque non ascolterà quel Profeta, morirà".

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
Fabb Yusuf Tarenti
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 19/09/10 02:25
Messaggi: 1422
Residenza: Bologna / Taranto

MessaggioInviato: Ven Ott 25, 2013 7:32 am    Oggetto: BismiLlahi arRahmani arRahim Rispondi citando

alMaliki ha scritto:
Questi sono le contro-argomentazioni che solitamente ricorrono piu spesso quando si discute con gli "ahl al kitab", in particolare i cristiani.
Qualche fratello vuole rispondere a questi punti in base a ciò che abbiamo detto prima?

1)

Giuseppe ha scritto:
La Rivelazione non ci svela compitamente cos'è la Trinità (cosa che avremmo comunque difficoltà a capire), ci dice però che esiste e che si manifesta con un Dio Uno e Trino.
Abbiamo quindi un elemento razionale e logico (una Rivelazione, in ipotesi non manipolata e vera, che ci mostra un Dio che interviene nella Storia e si rivela in qualche modo), e un mistero di Fede, perché Dio non ci svela compitamente la Sua Essenza e Natura (e perché dovrebbe farlo e come potremmo capirlo compiutamente noi, finiti a fronte dell'Infinito?).

2)
Citazione:

Sulla logicità rinvio a quanto detto prima; e parliamo sempre di logica umana, che comunque non può “vincolare” Dio.


3)
Citazione:

.... non vedo in ciò nessuna contraddizione e, ripeto, applicare la logica umana a Dio mi sembra piuttosto “banale”; magari Dio “avesse” la mia stessa logica, sarei uguale a Dio e … ricadrei nel peccato di arroganza di Adamo! Non riesco a capire perché Dio, Entità Creatrice, Necessaria che Non-Cambia e quindi A-temporale non può, per logica, incarnarsi. Negare che a Dio onnipotente la possibilità dell'incarnazione è assolutamente preclusa perché violerebbe così il principio di non contraddizione, cioè un principio di una logica umana, questo mi sembra veramente “illogico”.


Francamente non mi sono letto ben 12 pagine di diatribe, ma ho solo dato una rapida lettura agli ultimi messaggi, in particolare di Giuseppe e Stefra e alle tue citazioni.

Si tratta d'altronde sempre delle stesse argomentazioni cui ho dedicato migliaia di ore della mia vita. Dopo aver letto per la prima volta una traduzione del Corano e aver creduto nella sua veridicità, ho passato circa mezzo anno a scandagliare su internet questo genere di discussioni e un po' tutti i siti di proselitismo cristiano e di critica antislamica. Spendevo praticamente l'intera giornata a fare questo, e ormai appena dò una rapida occhiata a simili discussioni ritrovo subito tutti gli stessi argomenti, per cui non giudicatemi male se preferisco tutelare il mio tempo e non assorbirmici troppo, dal momento che sono tutte cose che già conosco bene, trite e ritrite.

Se navighiamo nel mare di parole di questi interventi e li analizziamo attentamente, tralasciando tanta retorica e filosofame e "isolando" i paragrafi in cui si dice qualcosa troveremo pochi concetti e spesso in conflitto tra loro.
Da ciò che ho visto in questa pagina semplicemente si saltella da: "la trinità è un concetto logico e ti spiego perché... bla bla" a "se non capisci la trinità è perché è un mistero, non puoi certo pretendere di capire tutto di Dio o che Dio sia alla portata della tua mente...". Quindi già questo significa che molti contraddicono ripetutamente sé stessi a fasi alterne, prima dicendo che la trinità "è perfettamente logica" e poi che "la logica non può arrivarci.

Piuttosto che spendere ulteriore tempo su questo tipo di argomentazioni del tutto inconsistenti, tuttavia, mi concentrerei sui principi fondamentali della Fede.
Ipotesi a) Se noi consideriamo la Fede come un qualcosa che si possa fondare sulla mera logica umana, a quel punto, con la nostra logica, potremmo tranquillamente giustificare l'ateismo, come la reincarnazione o qualsiasi religione e credenza, arrivando o alla conclusione che non saremo mai in grado di conoscere la Verità o a seguire ciò che più ci aggrada o più ci conviene per ragioni di tradizione familiare, convenienze materiali o soddisfazioni passionali.

Ipotesi b) Se riteniamo che la Fede si fondi sulla credenza senza alcuna prova, come un mistero assoluto, potremo credere a qualsiasi cosa sentiamo in giro, o anche limitandoci (per partito preso?) a credere a quanto riferito da una "Chiesa" saremo comunque schiavi di ciò che questa Chiesa ci propone. Facile notare che in una dottrina come quella cristiana, frutto di notevoli alterazioni nel tempo e tante evidenti modifiche motivate da fattori politici-materiali il risultato sarà quello di seguire una religione inventata dall'uomo.

Ipotesi c) Adottiamo il nostro cuore e il nostro intelletto per individuare la Verità e soprattutto ci rimettiamo a Dio e chiediamo a Lui di condurci sulla Retta Via, senza alcuna pretesa di arrivarci con la nostra intelligenza o seguendo senza fondamento gli insegnamenti di una qualche Chiesa, e al contempo studiamo il Libro rivelato e gli insegnamenti del Profeta di Dio in cui crediamo così da credere avendo delle fonti coerenti e precise su cui fondare il nostro credo.

Le prime due strade sono palesemente fallimentari, e mi pare evidente che i non musulmani adottino quelle: chi una chi l'altra, chi le alterna, chi le mescola.
La terza strada è l'unica efficace, e non lo dico per partito preso, in quanto essa mi pare descrivere esattamente l'Islam, ma perché questa si fonda sulle "ragioni del cuore", che portano a riconoscere la Profezia e il Profeta e quindi trovare Dio, e al contempo le prove inconfutabili, o le "ragioni del cervello", se preferite.
Tra queste ci sono certamente anche argomentazioni logiche che possono essere addotte, ma principalmente le prove sono le fonti stesse, cioè il Libro rivelato e l'insegnamento del Profeta.

Chiedo dunque ai cristiani di dimostrarci quanto affermano non sulla base di lunghissimi interventi pieni di retorica e frasi ad effetto, ma fondandolo sul Libro e sugli insegnamenti dei Profeti che essi riconoscono e di Gesù, la Pace sia su tutti loro, che essi addirittura considerano incarnazione di Dio, chiedo rifugio ad Allah da simili credenze.

Finora mi pare che essi non riescano minimamente a farlo, e questo proprio perché:

1 I Testi cui fanno riferimento sono ormai non più completamente affidabili nell'edizione attuale, e questo è un fatto incontestabile che sarebbe già sufficiente a chiudere sul nascere simili discussioni infruttuose.
2 Perfino in quanto rimane dei Testi rivelati, con varie interpolazioni ed altro, la gran parte dei concetti errati su cui pone le fondamenta il credo cristiano paolino non ha alcun fondamento scritturale.

A questo punto mi chiedo, senza voler offendere o altro, ma semplicemente e per invitare a riflettere: come mai vi ostinate a definire cristiani se il vostro credo è fondato su dogmi affermati da Paolo di cui non c'è prova che Gesù li affermasse. Non dovreste forse chiamarvi paolini?

_________________
(([49.11] O credenti, non scherniscano alcuni di voi gli altri, ché forse questi sono migliori di loro. E le donne non scherniscano altre donne, ché forse queste sono migliori di loro. Non diffamatevi a vicenda e non datevi nomignoli. Com'è infame l'accusa di iniquità rivolta a chi è credente ! Coloro che non si pentono sono gli iniqui.)) 49:11



(Dio non è un uomo da potersi smentire,
non è un figlio dell'uomo da potersi pentire.
Forse Egli dice e poi non fa?
Promette una cosa che poi non adempie?)

Numeri 23:19 (BIBBIA)


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM Yahoo MSN
xxxxx
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 26/08/13 21:26
Messaggi: 169
Residenza: Madhhab: Hanafi Aqeedah: Ashari

MessaggioInviato: Sab Ott 26, 2013 10:45 pm    Oggetto: Rispondi citando

Il problema gravissimo del cristianesimo è che l'Injil ( il Vero Vangelo, quello dato da Allah SWT a Gesù AS, e quindi autentico "precursore del Quran") è andato completamente perduto.
I cristiani si sono storicamente affidati quindi ad equivalenti degli Ahadith, i cosiddetti vangeli canonici, che tuttavia non presentano la stessa affidabilità nella trasmissione degli ahadith.
L'intero impianto dottrinale cristiano risulta viziato da questo dato di fatto.

Nonostante ciò riconosco che mediante un atto di fede incondizionata tutte queste contraddizioni razionali passano in secondo piano. Ecco perché, lo ripeto, rispetto come persone Giuseppe e Stefra.
E non condivido fino in fondo l'idea che i testi evangelici a nostra disposizione non parlino della presunta divinità di Gesù AS.
Anzi penso che sia obbligatorio mettere in guardia i Musulmani dalla lettura di questi testi in aperto contrasto con l'Islam, nei quali vengono messe in bocca a Gesù AS delle sffermazioni che Egli AS non avrebbe mai neanche pensato di dire.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 22:31
Messaggi: 1111

MessaggioInviato: Dom Ott 27, 2013 11:50 am    Oggetto: Rispondi citando

Yusuf ha scritto:

Se navighiamo nel mare di parole di questi interventi e li analizziamo attentamente, tralasciando tanta retorica e filosofame e "isolando" i paragrafi in cui si dice qualcosa troveremo pochi concetti e spesso in conflitto tra loro.
Da ciò che ho visto in questa pagina semplicemente si saltella da: "la trinità è un concetto logico e ti spiego perché... bla bla" a "se non capisci la trinità è perché è un mistero, non puoi certo pretendere di capire tutto di Dio o che Dio sia alla portata della tua mente...". Quindi già questo significa che molti contraddicono ripetutamente sé stessi a fasi alterne, prima dicendo che la trinità "è perfettamente logica" e poi che "la logica non può arrivarci.


Esatto, fratello Yusuf!

Dal momento che parlano di Dio, e di Lui qualcosa dicono, non possono poi ritornare - contradditoriamente- a dire che di Dio non si puo dire niente (non è vincolato dalla logica) dal momento che per parlare di Lui utilizzano volenti o nolenti la stessa Logica (linguaggio, parole, pensieri) che negano.

Questo è il succo della confutazione alle loro parole.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Dhakir13
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 24/12/12 11:58
Messaggi: 1192

MessaggioInviato: Dom Ott 27, 2013 12:05 pm    Oggetto: Rispondi citando

'Umar ha scritto:
Citazione:
se anche il cristianesimo non avesse nulla di "illogico" (e avesse dunque solo elementi che falsamente riferirebbe alla Rivelazione data a Gesù, Pace su di lui), resterebbe comunque batil e falso, e dunque il punto essenziale non è tanto la sua illogicità, quanto la sua falsità.


io la ricordo per chi se la fosse persa :p

_________________
La ilaha illaLah Muhammad Rasulu Lah
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Giuseppe
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 24/09/08 18:19
Messaggi: 198
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Dom Ott 27, 2013 6:00 pm    Oggetto: Rispondi citando

Per xxxxx
Caro fratello, anche se un po' in ritardo rieccomi qua!
Ti risponderò brevemente. Che buona parte degli italiani siano cattolici solo di nome è un fatto; ma credo che l'opportunismo non c'entri. Semplicemente l'Italia è un paese di tradizione cattolica e un cattolico, sia pure solo di nome, vi si può trovare più a suo agio. Essere musulmani è sicuramente più problematico proprio per questo motivo, così come essere cattolici in un paese islamico è senz'altro più difficile che in Italia. E ciò a prescindere da persecuzioni, anche per le piccole cose quotidiane: è ovvio che in Italia trovare cibo halal, per esempio, è più difficile che in Marocco o Tunisia.
Sul catechismo occorre fare una precisazione. Il Catechismo dice sì che Dio può essere conosciuto con certezza con il lume naturale della ragione umana partendo dalle cose create. Aggiunge però che “tuttavia, nelle condizioni storiche in cui si trova, l’uomo incontra molte difficoltà per conoscere Dio con la sola luce della ragione ... Per questo l’uomo ha bisogno di essere illuminato dalla rivelazione di Dio, non solamente su ciò che supera la sua comprensione, ma anche sulle verità religiose e morali che, di per sé, non sono inaccessibili alla ragione, affinché nella presente condizione del genere umano possano essere conosciute da tutti senza difficoltà, con ferma certezza e senza mescolanza d’errore” (CCC 36-38).
Ciò premesso, tralascio ogni discorso sulla logica, perché io continuo a non trovare niente di illogico; è impossibile, questo io credo, che la mente umana, finita, possa interamente comprendere ciò che è Infinito, per cui la mia logica non mi è di alcun aiuto.
Parto da un'altra prospettiva. Stiamo parlando di religione e di fede, quindi la ragione da sola non può essere sufficiente, perché deve essere strettamente connessa con la fede. Mi spiego. Con la ragione io posso capire, come dice il catechismo, che Dio esiste. Con la ragione e la scienza mi posso convincere che la Bibbia non è stata falsificata. Ciò ancora non mi dà alcuna garanzia che sia Parola di Dio. E così, anche se fossi convinto che il Corano che conosciamo è stato trasmesso inalterato, ciò ancora non mi prova che il vostro profeta l'abbia ricevuto da Dio. Una simile prova, in entrambi i casi, mi pare impossibile darla. Qui entra in gioco la fede. So razionalmente che Dio esiste, so che la Bibbia non è stata alterata, per fede credo che riporti la Parola di Dio. L'elemento della fede è essenziale e, direi, prioritario rispetto a logica e ragione, Senza fede, niente è possibile. Ti rendi conto, allora, che il discorso tiene. Né la Scrittura mi può rivelare completamente Dio, perché non sarei in grado di comprendere, la mia mente non potrebbe contenere la Sua Essenza; so quello che Dio ha voluto rivelare, quello che è necessario per la mia salvezza. Spiegare la Trinità è impossibile Né, volendo, importantissimo: mi basta sapere che esiste e le Scritture mi dicono appunto ciò. E' un po' come quando voi dite che non è fondamentale spiegare scientificamente o razionalmente certi precetti, l'importante è metterli in pratica. Insomma, c'è un limite oltre il quale la logica e la ragione non possono andare e subentra necessariamente la fede.
A questo punto, resta un altro passaggio importante per spiegare perché la Bibbia non è stata alterata e perché, conseguentemente, possiamo definirci cristiani e non paolini.
Le Scritture, dunque, sarebbero state falsificate.
Qui premetto subito che, se vogliamo discutere, l'argomento secondo cui è il Corano ad affermare la falsificazione deve essere lasciato in disparte, altrimenti nessuna discussione sarebbe possibile. Premesso ciò, poiché onus probandi incumbiti ei qui dicit, potrei chiedere che mi venisse dimostrato, senza ombra di dubbio, che la falsificazione c'è stata. Ma prescindo pure da ciò. Sicuramente, l'avvento del modernismo e dell'Illuminismo non è stato un bene, ma siccome noi crediamo sempre nell'intervento divino nella storia, ecco che queste ideologie qualcosa di buono l'hanno portato. Non so quali studi critici, storici e filologici siano stati compiuti sul testo del Corano, so però a quali prove nel corso degli ultimi 300 anni è stato sottoposto il testo biblico. Ed è stato un bene, alla fine, perché ha affinato anche le difese di quel testo e permette di rispondere con argomenti scientifici e razionali alle accuse di falsificazione.
La Bibbia (che, è bene ricordarlo, non è Parola dettata ma Parola ispirata) si è completata non nell'arco di un ventennio ma in centinaia di anni, passando da forme di trasmissione orale a forme scritte. I più antichi frammenti dell'AT credo risalgano al 500-600 a.C. L'esame di tutti gli scritti posteriori che ci sono giunti è stato approfonditissimo nel corso degli anni; le differenze riscontrate sono marginali. Contro l'idea di falsificazione (e qui mi riferisco all'AT) c'è anche il fatto che la versione dei libri (e sono la maggior parte) che ebrei e cristiani hanno in comune sono identiche; noi cristiani, in sostanza, adottiamo la versione ebraica detta masoretica. I cristiani, quindi, non avrebbero potuto manipolare niente, eventualmente gli ebrei. I cristiani, invece, avrebbero manipolato i Vangeli e il resto del NT. Avremmo quindi due “complotti”, indipendenti l'uno dall'altro...
Andiamo oltre. Per altro, prove di queste manipolazioni non ve ne sono. Non mi riferisco a differenze di poco conto, ininfluenti, ma a falsificazioni reali, che avrebbero falsato il messaggio divino. Stefra ha detto già che a Qumran sono stati scoperti interi libri dell'AT risalenti per certo a prima del 70 d.C.: non ci crederete, ma sono identici ai testi trasmessi per altre vie nel corso dei secoli. Certo, si potrebbe ipotizzare che le falsificazioni siano anteriori al 70 … ma ci vogliono le prove, che non ci sono. E veniamo ai Vangeli. Anche qui, piccole differenze e interpolazioni sono di minima importanza, non risulta provata una falsificazione generale. La copia completa più antica dei Vangeli in nostro possesso risale al IV sec. d.C., quindi a non più di 300 anni dalla redazione dei testi originali, un tempo brevissimo: per es., in questo forum (http://islam.forumup.it/about1279-0.html) ho trovato la notizia che la copia completa più antica del Corano risale al 1203. E veniamo alle differenze esistenti fra i quattro Vangeli. Queste differenze non provano alcuna falsificazione; d'altra parte, in caso contrario, questa sorta di Spectre che spesso si descrive essere la Chiesa, perché avrebbe accolto 4 Vangeli e non uno solo, eliminando gli altri e completando l'opera di falsificazione che le viene attribuita? Le cose stanno diversamente e provo a spiegarle con un esempio. Mettiamo che uno di voi voglia scrivere una biografia del Profeta (se non è ammissibile e l'esempio è offensivo mi scuso anticipatamente); poniamo poi che il dettaglio storico non sia rilevante ma che la biografia voglia essere edificante, trasmettere il suo messaggio; mettiamo che le fonti a disposizione (conoscenza diretta, detti tramandati ecc.) siano abbondanti; ipotizziamo che Von Sor voglia meglio mettere in luce i rapporti del profeta con le donne mentre, per esempio, Jihad13 gli aspetti legati al “piccolo e grande sforzo”.
A meno che non si voglia compilare un volume di migliaia di pagine e visto che lo scopo è teologico più che storico, ecco che Von Sor preferirà hadith, detti, fonti ecc. che servano a illustrare il rapporto con le donne, diversamente farà Jihad13. Ne risulteranno delle differenze pur nell'unitarietà del quadro complessivo. La stessa cosa è avvenuta con i Vangeli: diversi sono i destinatari (in alcuni casi i giudeo-cristiani, in altri casi cristiani non giudei), diversi sono gli aspetti che ciascun evangelista vuole mettere in risalto, nessuno di loro vuole scrivere una biografia in senso tecnico o un libro di storia (anche se vi sono pure riferimenti storici precisi); è per questo che vi sono diverse modalità narrative e differenze, pur nell'unità del quadro teologico: Cristo, Figlio di Dio, è morto e risorto per noi. Nei Vangeli i riferimenti a Cristo Figlio di Dio e alla Trinità sono molteplici, tanti che è inutile che li citi, basta una ricerca su internet. E, per rispondere alle critiche su Paolo, rimando a quanto ho detto nel precedente post su Filippesi 2, 6-11: fin da subito, ben prima che Paolo cominciasse la sua predicazione, le comunità cristiane concepivano Gesù come un essere divino. Paolo, insomma, non ha inventato niente.
Insomma, a me non possono bastare affermazioni come “è indiscutibile che i Vangeli siano stati falsificati” o “è inoppugnabile che il cristianesimo l'abbia inventato Paolo”, se non ci sono prove; certo, lo dice il Corano, ma allora si tratta di un atto di fede, non di una confutazione scientifica. E per me la critica è irricevibile.
Che la Pace sia con voi!

_________________
Dal sorgere del sole al suo tramonto sia lodato il nome del Signore (Sal 112,3).
Top
Profilo Invia messaggio privato
Dhakir13
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 24/12/12 11:58
Messaggi: 1192

MessaggioInviato: Dom Ott 27, 2013 6:48 pm    Oggetto: Rispondi citando

Giuseppe ha scritto:
E così, anche se fossi convinto che il Corano che conosciamo è stato trasmesso inalterato, ciò ancora non mi prova che il vostro profeta l'abbia ricevuto da Dio.

prova magari a leggerlo, senza presupposti

[53.2] Il vostro compagno non è traviato, non è in errore;
[53.11] Il cuore non mentì su quel che vide.
[53.12] Vorreste dunque polemizzare su quel che vide?


Giuseppe ha scritto:
Qui premetto subito che, se vogliamo discutere, l'argomento secondo cui è il Corano ad affermare la falsificazione deve essere lasciato in disparte


N E G A T I V O .

_________________
La ilaha illaLah Muhammad Rasulu Lah
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
xxxxx
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 26/08/13 21:26
Messaggi: 169
Residenza: Madhhab: Hanafi Aqeedah: Ashari

MessaggioInviato: Dom Ott 27, 2013 7:00 pm    Oggetto: Rispondi citando

Grazie mille Giuseppe sei stato molto preciso nella tua esposizione.
Per quanto riguarda la presunta autenticità dei testi evangelici, le posizioni restano ovviamente inconciliabili... per me quel testo è stato semplicemente stravolto, per te è autentico al 100%.
Resta inoltre il problema di fondo essenziale: voi cristiani non avete la Parola dettata da Dio, perché essa è stata perduta. Se leggi ad esempio le descrizioni dell'ultima cena ( lasciando stare Giovanni che non ne parla), vedrai che nei tre vangeli canonici Gesù AS dice parole leggermente diverse. Cosa ha detto davvero Gesù AS?
Voi cristiani non lo sapete... dovete fidarvi ciecamente di ciò che hanno scritto Matteo, Marco e Luca, di quello che loro ( o i testimoni a loro disposizione) hanno capito delle reali parole di Gesù AS.
Anche noi Musulmani ci basiamo sugli Ahadith, i detti, i fatti ed i silenzi delle parole del Profeta SAWS, che però, permettimi di dirtelo, sono trasmessi con criteri di estrema precisione ed accuratezza.
E poi, noi abbiamo il Quran come Supremo Discrimine: quindi abbiamo sia il Libro di Allah SWT che gli Ahadith come fonti indipendenti ed allo stesso tempo complementari.
Il paragone vangeli/Quran non regge perché non puoi confrontare una parola ispirata con il Libro Di Allah SWT.
Non puoi confrontare l'autore Matteo ( per quanto ispirato da Dio possa essere), con l'Autore Allah SWT.
Devi paragonare al limite i vangeli agli Ahadith.

PS sono sostanzialmente d'accordo sul discorso che facevi in merito alla presunta divinità di Gesù AS in cui voi cristiani credete: essa non deriva da Paolo di Tarso, ma dal testo evangelico.
Paolo è stato l'organizzatore delle comunità cristiane..ha inciso molto sull'aspetto "legislativo" del cristianesimo, ma il cuore, la componente spirituale, deriva dai vangeli canonici.
Top
Profilo Invia messaggio privato
xxxxx
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 26/08/13 21:26
Messaggi: 169
Residenza: Madhhab: Hanafi Aqeedah: Ashari

MessaggioInviato: Dom Ott 27, 2013 7:16 pm    Oggetto: Rispondi citando

Sempre per Giuseppe.

Spero che il dialogo tra Musulmani e cristiani in Italia possa migliorare, come tra l'altro auspicato anche dal tuo papa Francesco.
Resto convinto del fatto che questo paese, come tu sostieni nel post, sia ancora profondamente segnato dalla cultura cattolica, presente come substrato anche nei ragionamenti di agnostici ed atei.
Questo porta gli italiani ad identificare la religione cattolica come La religione... si pensa che i ritornati all'Islam, nella migliore delle ipotesi, siano dei pazzi, o degli estremisti politici in cerca di una identità.
Non è così.
Per un dialogo coerente bisogna che gli italiani capiscano il motivo vero per cui si accetta l'Islam: per cercare, nei limiti delle nostre limitate possibilità, di sottometterci ad Allah SWT,

Ti chiedo Giuseppe che, indipendentmente da tutto quello che ci separa, tu contribuissi a chiarire questa idea... magari precisando che secondo te sbagliamo, ma dicendo chiaramente che l'accettazione dell'Islam è una scelta innanzitutto religiosa, non un modo di opporsi alla società.

Ciao e...a risentirci virtualmente.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Muhammad Jahid al-Balarmi
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 28/10/11 22:18
Messaggi: 101
Residenza: Sicilia ________ Madhhab: Hanafi

MessaggioInviato: Lun Ott 28, 2013 2:18 pm    Oggetto: Rispondi citando

Giuseppe ha scritto:
E così, anche se fossi convinto che il Corano che conosciamo è stato trasmesso inalterato, ciò ancora non mi prova che il vostro profeta l'abbia ricevuto da Dio.

Qui, il discorso è questo: un credente, con la guida di Allah SWT riconosce la parola di Allah, anche fosse solo per la durata di una frase; non c'è bisogno di prove materiali o costrizioni per dire "Ora credo". Prendi ad esempio il Negus d'Etiopia (rahimahullah) e la sua vicenda (estratto da "La vita del profeta Muhammad"):

"Il Negus chiese che gli riferissero un passo della Scrittura che era stata loro rivelata. Jafar recitò un brano della sura di Maria. "Ricorda Maria nel Libro, quando si allontanò dalla sua famiglia, in un luogo ad oriente. Tese una cortina tra sé e gli altri. Le inviammo il Nostro Spirito, che assunse le sembianze di un uomo perfetto. Disse [Maria]:" Mi rifugio contro di te presso il Compassionevole, se sei[di Lui] timorato!. Rispose: "Non sono altro che un messaggero del tuo Signore, per darti un figlio puro. Disse:" Come potrei avere un figlio, ché mai un uomo mi ha toccata e non sono certo una libertina? Rispose:"E’ così. Il tuo Signore ha detto: "Ciò è facile per Me Faremo di lui un segno per le genti e una misericordia da parte Nostra. E’ cosa stabilita".(Corano XIX,16-21). La recitazione suscitò una grande impressione nel re e in tutta la corte. Quando poi i versetti furono tradotti, molti scoppiarono in lacrime e il Negus disse: " Questa luce proviene dalla stessa fonte da cui proviene il messaggio di Gesù."

E ancora:

"Quando furono di nuovo di fronte al sovrano che chiese loro spiegazioni in proposito, Jafar rispose con grande coraggio e fermezza: "Diciamo di Gesù quello che ci ha insegnato il nostro Profeta, e cioè che egli è un servo di Allah, Suo Messaggero, uno Spirito da Lui proveniente, Parola da Lui data a Maria vergine benedetta. Turbato e profondamente convinto da quanto aveva sentito, il Negus prese un pezzetto di legno e disse: "Gesù figlio di Maria non oltrepassa quello che avete detto nemmeno della lunghezza di questo bastoncino. Poi confermò loro la sua benevolenza [...]"

Non c'è alcun dubbio che il Quran sia la parola di Allah, ti piaccia o no, ci credi o no. Il credente crede in Allah SWT e Allah è Unico e Assoluto. Come il Negus abissino ha riconosciuto l'autenticità del Quran, al pari fanno migliaia di cristiani al tempo d'oggi così come accaniti islamofobi sottomessisi subito dopo aver conosciuto la grandezza del Quran. Bastano poche argomentazioni, chiedi ad Allah la guida e Lui guida chi vuole.
Per il resto di prove, se proprio ti servono, ne sono già state mostrate a sufficienza, qui e in altre discussioni.

_________________
“Signore, non hai creato tutto questo invano. Gloria a Te! Preservaci dal castigo del Fuoco. O Signore, colui che fai entrare nel Fuoco lo copri di ignominia e gli empi non avranno chi li soccorra. Signore, abbiamo inteso un nunzio che invitava alla fede [dicendo]: "Credete nel vostro Signore!" e abbiamo creduto. Signore, perdona i nostri peccati, cancella le nostre colpe e facci morire con i probi. Signore, dacci quello che ci hai promesso attraverso i Tuoi messaggeri e non coprirci di ignominia nel Giorno della Resurrezione. In verità Tu non manchi alla promessa”.

"[O Muhammad], annuncia ai Miei servi che in verità Io sono il Perdonatore, il Misericordioso" (15:49)

“Siamo di Allah e a Lui faremo ritorno” (Corano II. Al-Baqara, 156)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ràjiyah
Bannato
Bannato


Registrato: 16/07/12 20:28
Messaggi: 459
Residenza: Madhhab___Maliki

MessaggioInviato: Mar Ott 29, 2013 8:59 am    Oggetto: bismiLlahi ir-Rahmani ir-Rahiim Rispondi citando

"5:14. Con coloro che dicono: “Siamo cristiani”, stipulammo un Patto. Ma dimenticarono una parte di quello che era stato loro ricordato. Suscitammo tra loro odio e inimicizia fino al Giorno della Resurrezione. Presto Allah li renderà edotti su quello che facevano.
5:15. O gente della Scrittura, ora è giunto a voi il Nostro Messaggero, per spiegarvi molte cose della Scrittura che voi nascondevate e per abrogarne molte altre! Una Luce e un Libro chiaro vi son giunti da Allah.
Con essi Allah guida sulla via della salvezza quelli che tendono al Suo compiacimento. Dalle tenebre li trae alla luce, per volontà Sua li guida sulla retta via.
5:16. Sono certamente miscredenti quelli che dicono: “Allah è il Messia figlio di Maria”. Di': “Chi potrebbe opporsi ad Allah, se Egli volesse far perire il Messia figlio di Maria, insieme con sua madre e a tutti quelli che sono sulla terra? Ad Allah appartiene la sovranità sui cieli, sulla terra e su tutto quello che vi è frammezzo!”. Egli crea quello che vuole, Allah è onnipotente.
5:17. Giudei e nazareni dicono: “Siamo figli di Allah ed i suoi prediletti”. Di': “Perché allora vi castiga per i vostri peccati? Sì, non siete che uomini come altri, che Lui ha creato. Egli perdona a chi vuole e castiga chi vuole. Ad Allah appartiene la sovranità sui cieli e sulla terra e su quello che vi è frammezzo. A Lui farete ritorno”.
5:18. O gente della Scrittura, il Nostro Messaggero vi è giunto dopo un'interruzione [nella successione] dei Profeti, affinché non diciate: “Non ci è giunto nunzio né ammonitore”. Ecco che vi è giunto un nunzio e un ammonitore! Allah è onnipotente."

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Signor nostro, non lasciare che i nostri cuori si perdano dopo che li hai guidati...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Wolete Teferi
Matricola
Matricola


Registrato: 03/07/13 15:38
Messaggi: 17

MessaggioInviato: Mar Ott 29, 2013 12:36 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Prendi ad esempio il Negus d'Etiopia(rahimahullah) e la sua vicenda (estratto da "La vita del profeta Muhammad"):

"Il Negus chiese che gli riferissero un passo della Scrittura che era stata loro rivelata. Jafar recitò un brano della sura di Maria. "Ricorda Maria nel Libro, quando si allontanò dalla sua famiglia, in un luogo ad oriente. Tese una cortina tra sé e gli altri. Le inviammo il Nostro Spirito, che assunse le sembianze di un uomo perfetto. Disse [Maria]:" Mi rifugio contro di te presso il Compassionevole, se sei[di Lui] timorato!. Rispose: "Non sono altro che un messaggero del tuo Signore, per darti un figlio puro. Disse:" Come potrei avere un figlio, ché mai un uomo mi ha toccata e non sono certo una libertina? Rispose:"E’ così. Il tuo Signore ha detto: "Ciò è facile per Me Faremo di lui un segno per le genti e una misericordia da parte Nostra. E’ cosa stabilita".(Corano XIX,16-21). La recitazione suscitò una grande impressione nel re e in tutta la corte. Quando poi i versetti furono tradotti, molti scoppiarono in lacrime e il Negus disse: " Questa luce proviene dalla stessa fonte da cui proviene il messaggio di Gesù."

E ancora:

"Quando furono di nuovo di fronte al sovrano che chiese loro spiegazioni in proposito, Jafar rispose con grande coraggio e fermezza: "Diciamo di Gesù quello che ci ha insegnato il nostro Profeta, e cioè che egli è un servo di Allah, Suo Messaggero, uno Spirito da Lui proveniente, Parola da Lui data a Maria vergine benedetta. Turbato e profondamente convinto da quanto aveva sentito, il Negus prese un pezzetto di legno e disse: "Gesù figlio di Maria non oltrepassa quello che avete detto nemmeno della lunghezza di questo bastoncino. Poi confermò loro la sua benevolenza [...]"


stavo seguendo la discussione e vorrei solo dire che l'esempio di Muhammad JAHid per me calza a pennello...
Pace a tutti
***fi Imani Allah***
Top
Profilo Invia messaggio privato
Dhakir13
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 24/12/12 11:58
Messaggi: 1192

MessaggioInviato: Mar Ott 29, 2013 9:07 pm    Oggetto: Rispondi citando

[2.120] Né i giudei né i nazareni saranno mai soddisfatti di te, finché non seguirai la loro religione . Di': " E' la Guida di Allah, la vera Guida ". E se acconsentirai ai loro desideri dopo che hai avuto la conoscenza, non troverai né patrono né soccorritore contro Allah.

Sada9allahu Al-3adhim

_________________
La ilaha illaLah Muhammad Rasulu Lah
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Rapporti con Altre Religioni e Ideologie, Confutazioni, etc. Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 10, 11, 12
Pagina 12 di 12

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 6.262