Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Conservare la nostra spiritualità dopo Ramadan

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> - Speciale Ramadan (e Sha`ban e Shawwal) - e digiuno!
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Sab Feb 24, 2018 4:33 am    Oggetto: Ads

Top
Yahya Khan
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 04/09/10 01:01
Messaggi: 464
Residenza: Madhhab: Hanafi

MessaggioInviato: Dom Ago 18, 2013 9:59 pm    Oggetto: Conservare la nostra spiritualità dopo Ramadan Rispondi citando

Retaining Our Spirituality After Ramadan - Shaykh Kamaluddin Ahmed



Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________
[center]Spegnete la tv e accendete l'iman!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2738
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Lun Ago 19, 2013 1:39 am    Oggetto: Rispondi citando

JazakAllah khair di tutto cuore per aver postato questo video. Mi ha fatto capire molte cose ma soprattutto come mai proprio subito dopo Ramadan ho avuto un tracollo.
Cosa che mi era successa anche subito dopo Hajj!

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14953
Residenza: Madhhab: Hanafi-Deobandi

MessaggioInviato: Lun Ago 19, 2013 7:32 am    Oggetto: Rispondi citando

Von Sor ha scritto:
JazakAllah khair di tutto cuore per aver postato questo video. Mi ha fatto capire molte cose ma soprattutto come mai proprio subito dopo Ramadan ho avuto un tracollo.
Cosa che mi era successa anche subito dopo Hajj!


Se non è nulla di personale e non riguarda il mettere in piazza tuoi errori o peccati, ti andrebbe di condividere con noi cosa ti ha fatto capire questo video?
Magari potrà essere di beneficio anche ad altri!

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Yahya Khan
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 04/09/10 01:01
Messaggi: 464
Residenza: Madhhab: Hanafi

MessaggioInviato: Mar Ago 20, 2013 12:26 am    Oggetto: Rispondi citando

Von Sor ha scritto:
JazakAllah khair di tutto cuore per aver postato questo video. Mi ha fatto capire molte cose ma soprattutto come mai proprio subito dopo Ramadan ho avuto un tracollo.
Cosa che mi era successa anche subito dopo Hajj!


Sono contento che qualcuno abbia beneficiato di questa lezione di Shaykh Kamaluddin Ahmed.

Il nostro Iman e come una piccola fiammella che dobbiamo proteggere ed alimentare sempre. Al nostro livello spirituale basta un piccolo sbuffo d'aria per perdere ciò che si è guadagnato con grande fatica.

Ti consiglio la lettura di questi libri

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

a me sono stati molto utili.

_________________
[center]Spegnete la tv e accendete l'iman!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2738
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Mer Ago 21, 2013 2:43 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Se non è nulla di personale e non riguarda il mettere in piazza tuoi errori o peccati, ti andrebbe di condividere con noi cosa ti ha fatto capire questo video?
Magari potrà essere di beneficio anche ad altri!


Si certo.
Nel video lo Sheikh dice che a molti Musulmani, dopo Ramadan, capita di subire un tracollo spirituale e di perdere tutto quello che avevano conquistato in quel mese, e già dal primo di Shawwal, di buttarsi nuovamente a capofitto nei peccati.

Lui dice che questo succede perché Ramadan viene concepito come una sorta di tour de force o traguardo dopo il quale possiamo finalmente meritare la medaglia del buon musulmano e rilassarci e non viene invece vissuto come un’occasione donataci da Dio durante la quale è più facile ( visto che il mese è benedetto e i diavoli sono legati) addomesticare il proprio Nafs e insegnarli a fare ciò che dovrà fare per il resto della sua vita da credente, ovvero combattere contro le tentazioni del Nafs.

Un musulmano che concepisce il Ramadan in questo modo è come un guerriero che per due mesi si è allenato a combattere quindi in tempo di guerra si sente in diritto di rilassarsi perché ormai si è fatto il suo periodo di allenamento.. Infatti lui dice che la vera battaglia è durante la vita mentre Ramadan da questo punto di vista è una "vacanza", una fase preparatoria. Ciò che impariamo a fare a Ramadan, ovvero signoreggiare sul nostro Nafs, a maggior ragione dobbiamo farlo con più vigore e perseveranza in mesi non Benedetti nei quail I diavoli circolano liberamente.

Inoltre c’è come una sensazione diffusa che durante Ramadan peccare è realmente e pienamente haram, mentre il resto dell’anno qualche eccezione si può fare. E così uno sentendosi soddisfatto di aver compiuto Ramadan si concede qualche peccato. E poi in realtà basta un solo peccato fatto con leggerezza a far slittare il Nafs nuovamente nello schiavismo delle passioni. Infatti la leggerezza è letale per il Nafs. Farci sottovalutare anche le più piccole cose è il modo più satanico che Shaitan utilizza per far capitombolare il nafs nel baratro dei peccati. Questo lo si capisce benissimo nel caso delle sigarette ad esempio. E di come la tipica frase leggera “ ho smesso ma che sarà mai una sigaretta” porta in automatico a ridiventare un fumatore accanito. O il ragazzo che dice “che sarà mai un bacio” finisce al 90 % a commettere adulterio.

Mentre la disciplina ferrea che vige a ramadan in qualche modo disciplina il nafs( durante Ramadan non funziona il “che sarà mai un cioccolatino” o che sarà mai una sigaretta” visto che basta anche una goccia d’acqua ad invalidare un digiuno o un tiro di sigaretta) negli altri mesi si prendono più alla leggera i peccati apparentemente leggeri e questa leggerezza diventa il preludio di un tracollo spirituale. Dal “che sarà mai” si passa al “beh una volta l’ho fatto, facciamolo pure una seconda” fino a che si dice “vabbeh visto che mi sono spinto così lontano, tanto vale cedere pienamente”- E mash’Allah è completamente vero che chi pecca fa del male solo a se stesso. Perché arriva un momento in cui non ci si fida più di se stessi e si pensa che nemmeno vale più la pena chiedere perdono. E a quel punto l’unica arma che ha il nafs per non disperarsi è convincersi che in fondo non ha fatto nulla di male. E da lì a rivoltarsi contro la Legge il passo è breve.

E visto che proprio quando finisce Ramadan ci si tende ad auto-premiare per lo sforzo fatto , concedendosi qualche leggerezza in più e a sottovalutare il fatto che ciò che è haram è sempre haram e non diventa meno haram a seconda dei mesi, è importante mettere in guardia le persone dal pericolo che si cela in noi ogni qualvolta il nostro spirito si sente più leggero.

E’ interessante anche la parte in cui parla dei pericoli del modernismo.

Citazione:
Ti consiglio la lettura di questi libri
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

a me sono stati molto utili.


Jazakallah khair

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
Simo;
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 01/03/13 19:14
Messaggi: 1286
Residenza: Sono una sorella

MessaggioInviato: Mer Ago 21, 2013 10:37 am    Oggetto: Rispondi citando

Von Sor ha scritto:
Citazione:
Se non è nulla di personale e non riguarda il mettere in piazza tuoi errori o peccati, ti andrebbe di condividere con noi cosa ti ha fatto capire questo video?
Magari potrà essere di beneficio anche ad altri!


Si certo.
Nel video lo Sheikh dice che a molti Musulmani, dopo Ramadan, capita di subire un tracollo spirituale e di perdere tutto quello che avevano conquistato in quel mese, e già dal primo di Shawwal, di buttarsi nuovamente a capofitto nei peccati.

Lui dice che questo succede perché Ramadan viene concepito come una sorta di tour de force o traguardo dopo il quale possiamo finalmente meritare la medaglia del buon musulmano e rilassarci e non viene invece vissuto come un’occasione donataci da Dio durante la quale è più facile ( visto che il mese è benedetto e i diavoli sono legati) addomesticare il proprio Nafs e insegnarli a fare ciò che dovrà fare per il resto della sua vita da credente, ovvero combattere contro le tentazioni del Nafs.

Un musulmano che concepisce il Ramadan in questo modo è come un guerriero che per due mesi si è allenato a combattere quindi in tempo di guerra si sente in diritto di rilassarsi perché ormai si è fatto il suo periodo di allenamento.. Infatti lui dice che la vera battaglia è durante la vita mentre Ramadan da questo punto di vista è una "vacanza", una fase preparatoria. Ciò che impariamo a fare a Ramadan, ovvero signoreggiare sul nostro Nafs, a maggior ragione dobbiamo farlo con più vigore e perseveranza in mesi non Benedetti nei quail I diavoli circolano liberamente.

Inoltre c’è come una sensazione diffusa che durante Ramadan peccare è realmente e pienamente haram, mentre il resto dell’anno qualche eccezione si può fare. E così uno sentendosi soddisfatto di aver compiuto Ramadan si concede qualche peccato. E poi in realtà basta un solo peccato fatto con leggerezza a far slittare il Nafs nuovamente nello schiavismo delle passioni. Infatti la leggerezza è letale per il Nafs. Farci sottovalutare anche le più piccole cose è il modo più satanico che Shaitan utilizza per far capitombolare il nafs nel baratro dei peccati. Questo lo si capisce benissimo nel caso delle sigarette ad esempio. E di come la tipica frase leggera “ ho smesso ma che sarà mai una sigaretta” porta in automatico a ridiventare un fumatore accanito. O il ragazzo che dice “che sarà mai un bacio” finisce al 90 % a commettere adulterio.

Mentre la disciplina ferrea che vige a ramadan in qualche modo disciplina il nafs( durante Ramadan non funziona il “che sarà mai un cioccolatino” o che sarà mai una sigaretta” visto che basta anche una goccia d’acqua ad invalidare un digiuno o un tiro di sigaretta) negli altri mesi si prendono più alla leggera i peccati apparentemente leggeri e questa leggerezza diventa il preludio di un tracollo spirituale. Dal “che sarà mai” si passa al “beh una volta l’ho fatto, facciamolo pure una seconda” fino a che si dice “vabbeh visto che mi sono spinto così lontano, tanto vale cedere pienamente”- E mash’Allah è completamente vero che chi pecca fa del male solo a se stesso. Perché arriva un momento in cui non ci si fida più di se stessi e si pensa che nemmeno vale più la pena chiedere perdono. E a quel punto l’unica arma che ha il nafs per non disperarsi è convincersi che in fondo non ha fatto nulla di male. E da lì a rivoltarsi contro la Legge il passo è breve.

E visto che proprio quando finisce Ramadan ci si tende ad auto-premiare per lo sforzo fatto , concedendosi qualche leggerezza in più e a sottovalutare il fatto che ciò che è haram è sempre haram e non diventa meno haram a seconda dei mesi, è importante mettere in guardia le persone dal pericolo che si cela in noi ogni qualvolta il nostro spirito si sente più leggero.

E’ interessante anche la parte in cui parla dei pericoli del modernismo.


Veramente interessante e concordo proprio, perchè a me caputa sempre così!
Nel mese di Ramadan si sta attenti a non perdere nemmeno una Salat, ad essere buoni ecc... poi all'improvviso alla fine del mese sacro, ci si sente liberi, come se lo sforzo è finito! Si ricomincia ad essere tentati, si cede al peccato più facilmente!
Io credo che questo succede anche perché molti tendono a vedere il mese di Ramadan solo come aspetto fisico, ovvero il digiuno, senza prestare attenzione a tutto ciò che c'é dietro.
Ah, se Shaytan fosse legato sempre!!! Sarebbe più facile!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14953
Residenza: Madhhab: Hanafi-Deobandi

MessaggioInviato: Ven Ago 23, 2013 10:38 pm    Oggetto: Rispondi citando

Von Sor ha scritto:
Citazione:
Se non è nulla di personale e non riguarda il mettere in piazza tuoi errori o peccati, ti andrebbe di condividere con noi cosa ti ha fatto capire questo video?
Magari potrà essere di beneficio anche ad altri!


Si certo.
Nel video lo Sheikh dice che a molti Musulmani, dopo Ramadan, capita di subire un tracollo spirituale e di perdere tutto quello che avevano conquistato in quel mese, e già dal primo di Shawwal, di buttarsi nuovamente a capofitto nei peccati.

Lui dice che questo succede perché Ramadan viene concepito come una sorta di tour de force o traguardo dopo il quale possiamo finalmente meritare la medaglia del buon musulmano e rilassarci e non viene invece vissuto come un’occasione donataci da Dio durante la quale è più facile ( visto che il mese è benedetto e i diavoli sono legati) addomesticare il proprio Nafs e insegnarli a fare ciò che dovrà fare per il resto della sua vita da credente, ovvero combattere contro le tentazioni del Nafs.

Un musulmano che concepisce il Ramadan in questo modo è come un guerriero che per due mesi si è allenato a combattere quindi in tempo di guerra si sente in diritto di rilassarsi perché ormai si è fatto il suo periodo di allenamento.. Infatti lui dice che la vera battaglia è durante la vita mentre Ramadan da questo punto di vista è una "vacanza", una fase preparatoria. Ciò che impariamo a fare a Ramadan, ovvero signoreggiare sul nostro Nafs, a maggior ragione dobbiamo farlo con più vigore e perseveranza in mesi non Benedetti nei quail I diavoli circolano liberamente.

Inoltre c’è come una sensazione diffusa che durante Ramadan peccare è realmente e pienamente haram, mentre il resto dell’anno qualche eccezione si può fare. E così uno sentendosi soddisfatto di aver compiuto Ramadan si concede qualche peccato. E poi in realtà basta un solo peccato fatto con leggerezza a far slittare il Nafs nuovamente nello schiavismo delle passioni. Infatti la leggerezza è letale per il Nafs. Farci sottovalutare anche le più piccole cose è il modo più satanico che Shaitan utilizza per far capitombolare il nafs nel baratro dei peccati. Questo lo si capisce benissimo nel caso delle sigarette ad esempio. E di come la tipica frase leggera “ ho smesso ma che sarà mai una sigaretta” porta in automatico a ridiventare un fumatore accanito. O il ragazzo che dice “che sarà mai un bacio” finisce al 90 % a commettere adulterio.

Mentre la disciplina ferrea che vige a ramadan in qualche modo disciplina il nafs( durante Ramadan non funziona il “che sarà mai un cioccolatino” o che sarà mai una sigaretta” visto che basta anche una goccia d’acqua ad invalidare un digiuno o un tiro di sigaretta) negli altri mesi si prendono più alla leggera i peccati apparentemente leggeri e questa leggerezza diventa il preludio di un tracollo spirituale. Dal “che sarà mai” si passa al “beh una volta l’ho fatto, facciamolo pure una seconda” fino a che si dice “vabbeh visto che mi sono spinto così lontano, tanto vale cedere pienamente”- E mash’Allah è completamente vero che chi pecca fa del male solo a se stesso. Perché arriva un momento in cui non ci si fida più di se stessi e si pensa che nemmeno vale più la pena chiedere perdono. E a quel punto l’unica arma che ha il nafs per non disperarsi è convincersi che in fondo non ha fatto nulla di male. E da lì a rivoltarsi contro la Legge il passo è breve.

E visto che proprio quando finisce Ramadan ci si tende ad auto-premiare per lo sforzo fatto , concedendosi qualche leggerezza in più e a sottovalutare il fatto che ciò che è haram è sempre haram e non diventa meno haram a seconda dei mesi, è importante mettere in guardia le persone dal pericolo che si cela in noi ogni qualvolta il nostro spirito si sente più leggero.


Jazakillahu khayran sorella, ho fatto proprio bene a chiedertelo, sei un'ottima riassumi-video masha'Allah!

Von Sor ha scritto:
E’ interessante anche la parte in cui parla dei pericoli del modernismo.


Già! Insha'Allah poi la linko anche nel thread apposito.

Simo; ha scritto:
Ah, se Shaytan fosse legato sempre!!! Sarebbe più facile!


Sì, ma la lettura focalizzava l'attenzione proprio sulle nostre responsabilità (a partire dal nostro nasf)!

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> - Speciale Ramadan (e Sha`ban e Shawwal) - e digiuno! Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 5.954