Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

(Tante) Domande varie
Vai a 1, 2  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Domande e Risposte
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Sab Feb 24, 2018 8:08 am    Oggetto: Ads

Top
sine nomine
Nuovo utente
Nuovo utente


Registrato: 16/01/14 13:49
Messaggi: 8

MessaggioInviato: Gio Gen 16, 2014 5:38 pm    Oggetto: (Tante) Domande varie Rispondi citando

Come anticipato nel thread di presentazione, butto giù un po' di domande (in realtà ne avrei molte di più ma queste mi sembrano già tante per iniziare). Spero che le prendiate dal giusto punto di vista di persona curiosa e aperta e senza alcuna volontà di offendervi.

1. Ho letto di frequente che l'islam sarebbe la "Vera Religione". Perdonate se la domanda sembra stupida, ma se in dieci "profeti" dicono che la propria religione è quella vera, come fa una persona a capire e scegliere quale sia la vera strada? Si affida alle proprie sensazioni?
Ripeto, so che la domanda sembra stupida ma davvero non riesco a cogliere ciò che dovrebbe rendere una religione "più vera" delle altre. Non si può rispondere con "eh, l'ha detto Dio", perchè ciò potrebbe essere detto anche dagli altri nove profeti, non so se mi seguite.

2. Credere sì, credere no. La fede è un qualcosa che si sente dentro di noi. Eppure non si può decidere di credere in qualcosa (o perlomeno io non ci riesco). Come vede l'Islam la difficoltà nel credere? Insomma, io posso anche far finta di credere, posso pregare meccanicamente ma Dio dovrebbe vedere e capire se ciò che faccio è guidato dalla volontà e dalla fede o da altro. Come si può quindi credere se dentro non si "sente" niente?

3. La chiesa dei secoli passati è stata maestra nel piegare la religione ai propri fini. Vedasi l'inquisizione o l'usare la religione come giustificazione per una guerra (cattolici vs protestanti, crociate e via dicendo). Ho l'impressione che anche l'Islam venga spesso usato a tali fini: mi colpisce sentire di attacchi tra sciiti e sunniti e viceversa spesso adducendo a questa differenza come pretesto per gli attacchi. Perchè ciò? Che differenza c'è tra le due "correnti" (non so come definirle) e perchè questo odio?

4. Papa. L'ultimo papa ha ripreso la linea tracciata da Wojtyla di apertura e dialogo con le altre religioni. Che ne pensate? Ho letto risposte abbastanza chiuse in tal senso. Dov'è il problema se un uomo musulmano va a sentire il discorso di un uomo cristiano?

5. Fondamentalismo. Premesso che per me il fondamentalismo è stupido, sia che sia religioso, politico o addirittura alimentare (presente alcuni vegani o certi animalari che auspicano la morte di chi non la pensa come loro?), come mai il fondamentalismo è così presente nel mondo Islamico? Che poi, consentitemi, è il vostro problema più grande perchè è quello che fa notizia e risuona nei media creando una sorta di fobia verso di voi. E' solo un problema di ignoranza di taluni o qualcosa di giustificato?

6. Legge islamica. Mi ha inquietato tantissimo leggere di alcuni gruppi di Musulmani che a Londra hanno letteralmente definito dei quartieri come spazi ove vige la sharia. Da quanto ho capito, per voi c'è una stretta correlazione tra religione-politica-vita sociale, ma non è forse troppo un gesto del genere (per la cronaca, gesto che è stato condannato dall'Imam locale ma è stato supportato dal altri)? Non è un po' troppo imporre le proprie usanze e il proprio credo anche a chi non interessano? In tal modo non si alimenta soltanto un sentimento di fobia e repulsione?

7. Libertà. Come può una persona nata e cresciuta con l'idea di libertà di pensiero, accettare l'Islam? Siccome la libertà è un mito paventato dalla cultura occidentale, come potete far convivere le due cose? Dal mio punto di vista tutto vorrei fuorchè qualcuno che mi imponga cosa fare (nota: "dire cosa fare" è diverso da "imporre cosa fare"): è il mio buon senso e il mio rispetto per gli altri e per ciò che mi circonda a guidarmi nella vita, non la paura di una qualche punizione divina.

8. Donna. Domanda per le signore: fermo restando che per me la donna è esattamente identica all'uomo in termini di diritti, doveri, compiti, libertà e via dicendo, non è per voi "stretta" la posizione del [CENSORED] femminile nella società islamica? Non mi riferisco per forza a grandi questioni religiose o filosofiche, ma anche a cose semplici, come l'impossibilità di guidare che tante proteste ha creato in Arabia Saudita.

9. Gay. Immagino che l'Islam condanni l'essere gay, esattamente come ha sempre fatto il Cristianesimo. Mi chiedo però, perchè dovrebbero farlo: l'essere gay non è una malattia nè una scelta. E' vero, sono atti di per sè contro natura, ma si nasce gay, volenti o nolenti. Condannereste un gay credente che non commettesse atti sessuali? Se sì, non vedete questa condanna ingiusta? Insomma, lui che male ha fatto? E' nato così del resto, quindi semmai è un fallimento di chi l'ha creato. Tuttavia nel cristianesimo (e quindi credo anche nell'Islam), si dice che Dio è infallibile. Che ne pensate? Io non trovo una soluzione.

10. Iconogragia. Il Corano vieta la rappresentazione del vostro Profeta e di Dio. C'è un motivo particolare per ciò o è semplicemente così comandato?

11. Lingua. Vedo che spesso scrivete in quello che, credo, sia arabo. Come mai sovente non traducete in italiano? Tradizione?

12. Interpretazione. I Padri che mi hanno insegnato i fondamenti del cristianesimo da piccolo, mi han sempre detto che c'è una interpretazione da dare alla religione e ai suoi insegnamenti. Non si può pretendere che uno scritto così antico possa essere attuale. Anche Gesù stesso infatti usara parabole poichè non è il testo letterale che conta, ma il suo significato. E' una mia impressione o talvolta l'Islam viene interpretato un po' troppo alla lettera? Lessi ad esempio che per divorziare basta la pronuncia di un sorta di forumula per annullare il matrimonio. E' davvero tutto qui? Insomma, forse poteva essere così semplice secoli fa, ma ora, ad esempio, il diritto civile prescrive un lungo iter prima del divorzio. Che ne pensate?

13. Maometto. Visto che su internet si trova tutto e il contrario di tutto, cosa c'è di vero riguardo alle accuse rivoltegli (immagino sappiate di cosa parlo, non le riporto perchè mi sembrano abbastanza offensive)?

Vi ringrazio anticipatamente per le risposte, spero che comprendiate che non voglio essere offensivo ma solo capire. Credo infatti che comprendendo si possano smontare le irrazionali paure del diverso e convivere al meglio con chi ha credenze, usi o costumi differenti dai propri.

PS: ho scritto un po' di getto, mi scuso per eventuali typo :)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2738
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Gio Gen 16, 2014 7:23 pm    Oggetto: Rispondi citando

1.
Citazione:
Ho letto di frequente che l'islam sarebbe la "Vera Religione". Perdonate se la domanda sembra stupida, ma se in dieci "profeti" dicono che la propria religione è quella vera, come fa una persona a capire e scegliere quale sia la vera strada? Si affida alle proprie sensazioni?
Ripeto, so che la domanda sembra stupida ma davvero non riesco a cogliere ciò che dovrebbe rendere una religione "più vera" delle altre. Non si può rispondere con "eh, l'ha detto Dio", perchè ciò potrebbe essere detto anche dagli altri nove profeti, non so se mi seguite.

Non è affatto una domanda stupida.. Anzi, è un pò la questione centrale.

L'Islam non "sconfessa" assolutamente i messaggi portati da altri profeti. Dio ha mandato più rivelazioni a diversi popoli e in diversi momenti storici. Tuttavia ogni rivelazione successiva, completava e quindi abrogava la precendente. Per essere più chiara: ai tempi di Mosè ( fino alla venuta del messaggio Cristiano) la religione inviata da Dio era l'Ebraismo. Con la venuta di Gesù AlaihiSalam, il Cristianesimo, e infine, con la venuta dell'ultimo Profeta, Muhammad Alaihi Salam, la verità ci è giunta nella sua versione definitiva con il Corano, unico Libro, tra tutti i Libri che Dio ha fatto scendere, nel quale si dichiara a chiare lettere l'impossibilità da parte dell'uomo di apportarvi modifiche, foss'anche di una parola.
Ovviamente sono moltissimi i Profeti inviati da Dio.. Io ne ho citati solo tre, alcuni sono chiaramente menzionati nel Corano, altri ci sono ignoti (per questo a volte i Musulmani fanno domande tipo: e se Buddha fosse un Profeta, Platone, Pitagora ecc. Allahu Alam (lo sa solo Dio). Noi sappiamo con certezza solo ciò che Egli ci ha esplicitato nella sua Rivelazione).
I profeti tra di loro sono in Pace, essi sono dei servitori di Dio. Sono gli uomini che mettono le rivelazioni degli uni contro gli altri e fanno sembrare che tra loro ci sia rivalità.- Tutto quanto di vero è contenuto nelle svariate rivelazioni che ci sono giunte è necessariamente contenuto anche nel Corano. Il Fulcro di ogni Rivelazione, l'unicità di Dio, non è mai cambiato, in tutte le rivelazioni. Ciò che può mutare è ad esempio la Legge, i modi in cui l'uomo si deve comportare (nelle differenti epoche storiche) per comprendere al meglio la verità dell'Unicità di Di ed esercitare al meglio il suo ruolo nel mondo alla luce di questa verità.
Dio inoltre con ogni Profeta ha inviato delle prove, proprio affinchè ci fosse un metro certo per discernere tra Falsi Profeti e veri Profeti.. Questi miracoli che dimostravano in modo apodittico la veridicità dei vari Profeti ci sono stati narrati dalle testimonianze degli uomini che vi hanno assistito.
A questo punto l'uomo grazie alla sua RAGIONE può (deve) indagare circa l'affidabilità delle testimonianze. Se sappiamo ad esempio che un libro ha subito interpolazioni e modifiche da parte dell'uomo, sapremo per certo che quello non può essere il libro nel quale cercare la verità ( anche se nella sua versione originale era assolutamente veritiero) in quanto non più affidabile.
Il Corano è l'unico tra tutti i libri sacri presenti sulla terra a non aver subito modifiche e quindi è il libro nel quale cercare la verità.

2.
Citazione:
Credere sì, credere no. La fede è un qualcosa che si sente dentro di noi. Eppure non si può decidere di credere in qualcosa (o perlomeno io non ci riesco). Come vede l'Islam la difficoltà nel credere? Insomma, io posso anche far finta di credere, posso pregare meccanicamente ma Dio dovrebbe vedere e capire se ciò che faccio è guidato dalla volontà e dalla fede o da altro. Come si può quindi credere se dentro non si "sente" niente?

Un poeta diceva che "Ciò che tu stai cercando ti sta a sua volta cercando". Tu continua a interrogarti, cercare. La fede è un dono di Dio. Quello che puoi fare - mi scuso se uso un'espressione antropomorfizzante ma non so come altro esprimermi - è cercare di meritare l'attenzione di Dio. E questo lo puoi fare solo cercando con assoluta sincerità la verità-


3.
Citazione:
3. La chiesa dei secoli passati è stata maestra nel piegare la religione ai propri fini. Vedasi l'inquisizione o l'usare la religione come giustificazione per una guerra (cattolici vs protestanti, crociate e via dicendo). Ho l'impressione che anche l'Islam venga spesso usato a tali fini: mi colpisce sentire di attacchi tra sciiti e sunniti e viceversa spesso adducendo a questa differenza come pretesto per gli attacchi. Perchè ciò? Che differenza c'è tra le due "correnti" (non so come definirle) e perchè questo odio?

Le differenze sono nate per questioni politiche: come doveva avvenire la successione dei Califfi dopo la morte del Profeta Sallallahu alahi wa sallam. Gli Sciiti asupicavano una successione per lignaggio e "sangue" mentre secondo i Sunniti non era tanto il lignaggio a contare ma piuttosto la rettitudine ed esemplarità dell'ipotetico successore(khalifa) che doveva essere eletto dalla comunità. Dal momento che politicamente vinsero i Sunniti ( e quindi si successero dei califfi che non necessariamente erano imparentati con il Profeta) gli Sciiti iniziarono a cospirare e ad allontanarsi sempre di più dall'ortodossia. Inoltre non riconoscevano la maggiorparte dei Califfi al potere e quindi finirono per allontanarsi o essere allontanati. Molti si concentrarono in Persia ed iniziarono a introdurre nel loro credo elementi Zoroastriani, Caldei ecc. Quindi quella che era iniziata come divergenza "politica" è finita col divenire divergenza dottrinale. Gli Shiiti si sono allontanati dalla Sunna (l'esempio del Profeta) ed hanno dato vita ad un credo sincretista che poco( spesso nulla) ha a che fare con l'Islam. Questo in estrema sintesi.

4.
Citazione:
Dov'è il problema se un uomo musulmano va a sentire il discorso di un uomo cristiano?
Nessun problema. Semplicemente non lo riconosciamo come autorità. Ben venga se ci sorride =).


Citazione:
E' solo un problema di ignoranza di taluni o qualcosa di giustificato?

Fondamentalismo è una parola creata dall'Occidente per nascondere il suo proprio fondamentalismo e demonizzare l'Islam. Basterebbe studiare un pò di storia per capire chi è veramente il terrorista e se veramente l'Occidente è il baluardo dei valori della democrazia, libertà, uguaglianza. Ti consiglio di leggere il libro Mullah Omar di Massimo Fini ( si trova in tutte le librerie, edizione Marsilio) per sfatare qualcuna delle valangate di bugie che si inventano sui terroristi ecc. Ah è bello pure il film Road to Guantanamo che si trova pure su Youtube. Il Terrorista è soprattuto una creazione Occidentale, come per diverso tempo è esistita la figura dello "Sporco giudeo capitalista banchista avvelena pozzi che trama contro l'Occidente". Così come allora si inventavano i "protocolli dei Savi di Sion" oggi si inventano migliaia di frottole sui presunti terroristi.
Nell'Islam vige una ben precisa e codificata etica di guerra e combattimento. Bambini e donne ad esempio non possono assolutamente essere coinvolti. Quindi chi mette bombe sui civili in modo indiscriminato commette peccato e non sta - come invece dice la vulgata Occidentale anti-terrorista- seguendo a menadito gli ordini del Corano. Per fare solo un piccolo esempio.

Citazione:
10. Iconogragia. Il Corano vieta la rappresentazione del vostro Profeta e di Dio. C'è un motivo particolare per ciò o è semplicemente così comandato?

Il Corano vieta la rappresentazione di tutti gli essere viventi, non solo del Profeta Sallalahu alahi wa sallam. E' vietato imitare (limitare?) la creazione e falsificarla in una rappresentazione.


Citazione:
Condannereste un gay credente che non commettesse atti sessuali? Se sì, non vedete questa condanna ingiusta? Insomma, lui che male ha fatto? E' nato così del resto, quindi semmai è un fallimento di chi l'ha creato. Tuttavia nel cristianesimo (e quindi credo anche nell'Islam), si dice che Dio è infallibile. Che ne pensate? Io non trovo una soluzione.

No. Se non commette alcun peccato non è condannabile solo in quanto gay anzi.. Chiunque riesca a domare in sè la tentazione a peccare è solo encomiabile. Nell'Islam è proibito il [CENSORED] anale, che sia tra gay o tra un uomo e una donna. E' un peccato gravissimo così come è un peccato gravissimo commettere adulterio ecc.
Se uno è nato con pulsioni omosessuali ha dovere di reprimerle, tutto qui.
Anche i pedofili spesso nascono con queste pulsioni ma anche loro hanno il dovere di reprimerle. Idem per i serial killer ecc.
Dio ha dato all'uomo la volontà e l'uomo ha il dovere di esercitarla se vuole essere degno di colui che l'ha creato. Se invece vuole soggiacere a tutti i suoi istinti, che viva pura una vita da animale.

Comunque molte risposte alle tue domande sono disseminate nel Forum. Sfogliando un pò gli argomenti rispettivi potresti trovarle o comunque imbatterti in altre discussionii interessanti.
Magari tra un pò rispondo anche alle altre domande o ci penseranno altri utenti. Intanto spero di esserti stata utile. Salam

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2738
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Gio Gen 16, 2014 7:46 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
13. Maometto. Visto che su internet si trova tutto e il contrario di tutto, cosa c'è di vero riguardo alle accuse rivoltegli (immagino sappiate di cosa parlo, non le riporto perchè mi sembrano abbastanza offensive)?


La questione del matrimonio con Aisha?
Semplicemente nell'Islam diviene lecito avere rapporti con una donna non appena questa raggiunge la maturità sessuale, ovvero con le mestruazioni. Ovviamente bisogna essere sposati.
Tra l'altro fino a meno di un secolo fa anche in Europa era considerato normalissimo sposarsi quando si era ancora bambine. E poco importava che la bambina in questione avesse o meno le mestruazioni. L'Islam invece ha imposto come condizione sine qua non la maturità sessuale. E non vedo qual'è il problema. Qual'è il problema? Non è che bisogna avere chissà quale preparazione psicologia per unirsi al proprio marito. Il corpo parla chiarlo. Il resto sono paranoie frutto di una società bigotta, che ha subito secoli di demonizzazione della sessualità da parte della Chiesa e non a caso ora si getta nell'atteggiamento opposto di assoluta e indiscriminata libertà sessuale che però cela non pochi complessi e ipocrisie.Se una ha 18 anni ma ha la mentalità di una dodicenne va bene, può fare tutto. Tanto a 18 anni si diventa all'improvviso maturi e pronti per la sessualità libera- Se invece una è una donna ma ha 17 anni e 29 giorni ( a parte a Febbraio) allora altt Noooo Pedofiliaaaaa Guai a chi la tocca-

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
UmmNabil
Affezionatissimo
Affezionatissimo


Registrato: 06/01/14 22:14
Messaggi: 60
Residenza: Kafiristan

MessaggioInviato: Gio Gen 16, 2014 8:53 pm    Oggetto: Re: (Tante) Domande varie Rispondi citando

sine nomine ha scritto:
Come anticipato nel thread di presentazione, butto giù un po' di domande (in realtà ne avrei molte di più ma queste mi sembrano già tante per iniziare). Spero che le prendiate dal giusto punto di vista di persona curiosa e aperta e senza alcuna volontà di offendervi.


Cerchero' di risponderti nel limite delle mie conoscenze in campo religioso, ove potendo dandoti la mia opinione obbiettiva sulla domanda qual'ora fosse necessario, sperando di poter avere con te un dibattito educato e fruttuoso per entrambi.

Bismillah Ar-Rahaman Ar-Rahim
In nome di Allah, il piu misericordioso il piu compassionevole. (lo traduco, solitamente non lo faccio, cosi che tu possa comprendere cosa stia dicendo)

Citazione:
1. Ho letto di frequente che l'islam sarebbe la "Vera Religione". Perdonate se la domanda sembra stupida, ma se in dieci "profeti" dicono che la propria religione è quella vera, come fa una persona a capire e scegliere quale sia la vera strada? Si affida alle proprie sensazioni?
Ripeto, so che la domanda sembra stupida ma davvero non riesco a cogliere ciò che dovrebbe rendere una religione "più vera" delle altre. Non si può rispondere con "eh, l'ha detto Dio", perchè ciò potrebbe essere detto anche dagli altri nove profeti, non so se mi seguite.


Che cosa e' l'Islam?
L'Islam e' accettare gli insegnamenti che Dio ha rivelato al suo ULTIMO profeta Muhammed SAWL (sallallahu alehi wassallem - la pace sia su di Lui), e sottomettervisi volontariamente. La parola Islam in se significa "sottomissione", quindi al volere di Dio.
I musulmani credono in un solo Dio (allah) unico ed incomparabile, che non ha ne figli ne compagni, e nessuno ha diritto di essere adorato all'infuori di lui. Egli e' il vero Dio ed ogni altro Dio e' falso. Egli possiede i nomi piu belli ed i suoi attributi sono sublimi e perfetti:
il Misericordioso, il Compassionevole, il Giusto, (te ne cito giusto tre, ma sarebbero 99 di quelli attribuiti) in senso assoluto e totale, nessuno e' piu misericordioso, compassionevole e giusto di Lui.
Allah nel Corano descrive Se Stesso dicendo: "Di: "Egli e' Allah, l'unico, Allah e' l'Assoluto, non ha generato e non e' stato generato e nessuno e' uguale a Lui" (surah 112: versetti 1-4)
Nessuno ha il diritto di essere invocato, supplicato, pregato ed a nessuno deve essere fatto atto di devozione tranne che a Dio stesso.
Questa prefazione e' per farti capire di come l'islam riufiuti assolutamente l'idea che Dio si sia riposato nel settimo giorno della creazione, che abbia combattutto con uno suoi Suoi angeli (che i cristiani nominano Lucifero) in Islam non e' un angelo decaduto, ma un jinn il cui nome e' Iblis, il leader dei jann, molto vicino agli angeli, ma gli angeli sono creati dalla luce, mentre Iblis in quanto Jinn venne creato dal fuoco.
L'islam rifiuta anche l'attribuzione di ogni forma umana a Dio, tutto cio' e' considerato blasfemo. Dio e' il Lodato, non ha imperfezioni come invece hanno gli uomini, di Sua creazione, non si stanca, non si assopisce e non dorme.
L'Islam e' definito come la vera religione perche' rimasta immutata nel corso di questi 1400 anni dalla rivelazione del Corano, e il libro stesso e' rimasto immutato, in quanto era proprio quella la missione principale, custodirlo nella sua lingua originale, cosi come e' stato recitato, e cosi come giunge a noi sino ad oggi, cosa che invece non si puo' garantire ne per la bibbia ne per la Torah in quanto spesso e volentieri i comandamenti stessi sono stati cambiati per adattarsi alla societa, ma di questo te ne parlerlo nella tua domanda piu specifica piu avanti.

Citazione:
2. Credere sì, credere no. La fede è un qualcosa che si sente dentro di noi. Eppure non si può decidere di credere in qualcosa (o perlomeno io non ci riesco). Come vede l'Islam la difficoltà nel credere? Insomma, io posso anche far finta di credere, posso pregare meccanicamente ma Dio dovrebbe vedere e capire se ciò che faccio è guidato dalla volontà e dalla fede o da altro. Come si può quindi credere se dentro non si "sente" niente?


ASsolutamente ragione, la fede e' la parte spirituale di noi, ognuno sente dentro di se la necessita' di coltivarla piu approffonditamente di altri, di cercare la propria strada, che si adatta meglio alle proprie domande, trovandovi le risposte. Colui che pratica ma non credere e' un ipocrita, e Dio conosce perfettamente cosa vi sia nel cuore dei figli di Adamo AS ( Lui puo' essere definito come nostro padre generatore, non altri) Quindi chi prega 5 volte al giorno, facendolo come un automa, compie il ramadan ma dentro di se e' vuoto, dovrebbe cominciare a farsi delle domanda seriamente, poiche' mente a se stesso ma prima di tutto mente a Dio. Egli (Dio) ha detto: "Non c'e' costrizione nella religione. La retta via ben si distingue dall'errore. Chi dunque rifiuta l'isolo e crede in Allah si aggrappa all'impugnatura piu salda senza rischio di cedimenti. Allah e' audiente, sapiente" (Surah 2: versetto 256)
Questo a dimostrazione del fatto che nessuno e' forzato a credere o seguire una determinata strada, a maggior ragione l'uomo e' dotato di libero abritrio, ma chi sceglie di credere e si aggrappa ad Allah l'Altissimo, sa che la sua presa non cedera' mai... a meno che non scelga di mollarla.

Citazione:
3. La chiesa dei secoli passati è stata maestra nel piegare la religione ai propri fini. Vedasi l'inquisizione o l'usare la religione come giustificazione per una guerra (cattolici vs protestanti, crociate e via dicendo). Ho l'impressione che anche l'Islam venga spesso usato a tali fini: mi colpisce sentire di attacchi tra sciiti e sunniti e viceversa spesso adducendo a questa differenza come pretesto per gli attacchi. Perchè ciò? Che differenza c'è tra le due "correnti" (non so come definirle) e perchè questo odio?


Tristemente vero purtroppo, ma il problema non e' tanto l'Islam, quanto l'incapacita' umana di riuscire a mettersi intorno ad un tavolo e parlare con il proprio nemico a sangue freddo, soprattutto quando la rabbia, la voglia di vendetta, la frustrazione di un popolo decimato, di un uomo che ha dovuto seppellire la propria moglie ed i propri figli, uccisi per mano di colui che un tempo chiamava fratello, acceca la mente e la volonta', e le reazioni sono quelle che conosciamo. Purtroppo gli sciiti sono una corrente estremista che le scuole arabe si rifiutano di riconoscere come appartenenti all'Islam stesso, praticano cose che secondo l'Islam sono abberranti - quali l'autoflagellazione- ed hanno un Corano diverso da tutti gli altri, oltre ad accusare Allah di aver commesso errore (Che Dio mi perdoni) e che non doveva essere il profeta Muhammed il profeta, ma suo nipote Ali (AS). Ali' stesso combatte' contro di loro... quindi pensa quale contraddizione affermano.
Una cosa che ci tengo a precisare e' pero: non e' jihad lottare contro il tuo stesso fratello in Islam, non e' jihad uccidere un innocente o una persona vulnerabile (musulmana o meno), e' omicidio e basta. La Jihad e' (in termini di guerra, ma la jihad in se ha anche aspetti spirituali): io ho un fucile, tu hai un fucile, tu vuoi uccidermi, io devo difendermi, vediamo chi spara per primo e sia fatta la volonta' di Dio.

Citazione:
4. Papa. L'ultimo papa ha ripreso la linea tracciata da Wojtyla di apertura e dialogo con le altre religioni. Che ne pensate? Ho letto risposte abbastanza chiuse in tal senso. Dov'è il problema se un uomo musulmano va a sentire il discorso di un uomo cristiano?


Il problema penso sorga nel momento in cui si abbia timor che la fede di un musulmano possa vacillare dinanzi alle belle parole di un uomo dotato di un tale carisma, e che quindi possa fare qualcosa che vada contro la propria fede, pur sapendo che le parole resteranno solo tali, in quanto non saranno i loro accordi a portare la pace in medio-oriente, purtroppo. l'America e' riuscita a destabilizzare quella che era la culla del medioriente e delle culture medeiterranee, ma qui ora stiamo guardando un aspetto di questa realta' molto politico, in cui di religione vi e' proprio nulla. Ma questa e' una mia personalissima opinione.

Citazione:
5. Fondamentalismo. Premesso che per me il fondamentalismo è stupido, sia che sia religioso, politico o addirittura alimentare (presente alcuni vegani o certi animalari che auspicano la morte di chi non la pensa come loro?), come mai il fondamentalismo è così presente nel mondo Islamico? Che poi, consentitemi, è il vostro problema più grande perchè è quello che fa notizia e risuona nei media creando una sorta di fobia verso di voi. E' solo un problema di ignoranza di taluni o qualcosa di giustificato?


Non e' fondamentalismo, semplicemente chiediamo di poter mettere in atto quelle che sono le nostre leggi, il nostro stile di vita, le nostre regole, senza togliere niente a nessuno, in cui non vie' nulla di estremo ne da poter definire come fondamentalista.
Non esiste l'estremismo, esistono le persone estreme, quelle che danno una propria interpretazione personale ed estrema degli insegnamenti religiosi, sbagliatissimo, senza chiedere l'assistenza di un sapiente (tipo genitori che uccidono le figlie perche' non vogliono sposare l'uomo che loro hanno scelto per lei, triste ma vero e purtroppo troppe volte accaduto, e sono questi fatti a mettere in cattiva luce l'Islam, ma non stiamo parlando della religione e di cio' che prescrive, perche' non d alcun diritto di vita e di morte ai genitori sui propri figli, ma della tradizione prettamente personale e della cultura della gente, che molte volte, anzi quasi sempre, non ha niente a che vedere con la religione)

Citazione:
6. Legge islamica. Mi ha inquietato tantissimo leggere di alcuni gruppi di Musulmani che a Londra hanno letteralmente definito dei quartieri come spazi ove vige la sharia. Da quanto ho capito, per voi c'è una stretta correlazione tra religione-politica-vita sociale, ma non è forse troppo un gesto del genere (per la cronaca, gesto che è stato condannato dall'Imam locale ma è stato supportato dal altri)? Non è un po' troppo imporre le proprie usanze e il proprio credo anche a chi non interessano? In tal modo non si alimenta soltanto un sentimento di fobia e repulsione?


Non conosco l'argomento in questione, mi occupo poco di politica europea, ma non e' la prima volta che vi sono divergenze interne, tra cui moltissimi imam che per mantenere i loro spazi rigettano gli atti dei fedeli per ... pararsi la schiena. Non so neanche se sia autorizzato reclamare determinati spazi in Paesi non musulmani per spazi ove vige la sharia onestamente. Magari qualche altro fratello o sorella ti sapra rispondere.

Citazione:
7. Libertà. Come può una persona nata e cresciuta con l'idea di libertà di pensiero, accettare l'Islam? Siccome la libertà è un mito paventato dalla cultura occidentale, come potete far convivere le due cose? Dal mio punto di vista tutto vorrei fuorchè qualcuno che mi imponga cosa fare (nota: "dire cosa fare" è diverso da "imporre cosa fare"): è il mio buon senso e il mio rispetto per gli altri e per ciò che mi circonda a guidarmi nella vita, non la paura di una qualche punizione divina.


Liberta'. Io sono una persona liberissima, se voglio portare i miei figli al cinema lo faccio, se voglio andare a lavorare lo faccio, se voglio fare shopping con i soldi di mio marito (dopo averglielo giustamente chiesto) lo faccio. Dov'e' quindi che non sono libera? La mancanza di ubriacarmi? no grazie, soprattutto vedendo cosa accade se si monta in macchina ed alticci, non voglio nessuno sulla mia coscienza. Dio me ne scampi. Droga? doppiamente no grazie. Disco: ma manco a parlarne...
La mia liberta' finisce quando invade uno spazio altrui e quando ho la certezza ed il timore di poter fare del male ad altri. Non e' una cosa definita da alcuna societa', ma dalla morale umana. E' proprio cio' che definisci buon senso che oggigiorno diventa cosa sempre piu' rara da trovare, ragione per cui lo si cerca di imporre ai nostri figli per farne delle persone educate, liberissime, ma che abbiano dentro di se il timore della punizione Divina, a meno che non compiano un errore senza sapere di aver commesso tale, e del senso di colpa con cui dovranno vivere sino alla fine dei loro giorni. Noi viviamo questa vita come un esame per guadagnarci la prossima, eterna, e che sia in paradiso. Questa vita' puo' sparire da un momento all'altro, la prossima sara' per sempre.

8. Donna. Domanda per le signore: fermo restando che per me la donna è esattamente identica all'uomo in termini di diritti, doveri, compiti, libertà e via dicendo, non è per voi "stretta" la posizione del [CENSORED] femminile nella società islamica? Non mi riferisco per forza a grandi questioni religiose o filosofiche, ma anche a cose semplici, come l'impossibilità di guidare che tante proteste ha creato in Arabia Saudita.

EH? me lo dici adesso che sono 13 anni che faccio l'autista di famiglia ed ho finito un trasloco giusto lo scorso ottobre?! E sono una DONNA!
Non ci sono hadith contrari a riguardo, le donne al tempo del profeta Muhammed SAW cavalcavano tranquillamente il cammello e l'asino.
La questione Saudita e' piu posta su punti di vista prettamente culturali, e nonostante l'Arabia sia la Terra Santa, di santo al momento c'e' rimasto solo la Mekka e Medina, tristemente vero, ma anche qui e' una questione prettamente politica, in cui la religione viene imposta in terminati ambienti, ma assolutamente assente in altri. Basti guardare che bordello a cielo aperto sia Dubai. Quindi passiamo oltre, o potrei dire cose molto poco islamicamente educate.
Dovresti farti un giro in nord-africa e renderti conto di quante donne guidino oggigiorno, proprio perche' abbiamo la liberta' che ci e' anche concessa dalle nostre famiglie di fare cio'...

Citazione:
9. Gay. Immagino che l'Islam condanni l'essere gay, esattamente come ha sempre fatto il Cristianesimo. Mi chiedo però, perchè dovrebbero farlo: l'essere gay non è una malattia nè una scelta. E' vero, sono atti di per sè contro natura, ma si nasce gay, volenti o nolenti. Condannereste un gay credente che non commettesse atti sessuali? Se sì, non vedete questa condanna ingiusta? Insomma, lui che male ha fatto? E' nato così del resto, quindi semmai è un fallimento di chi l'ha creato. Tuttavia nel cristianesimo (e quindi credo anche nell'Islam), si dice che Dio è infallibile. Che ne pensate? Io non trovo una soluzione.


E' una questione a cui vi sono due opinioni: lasciarlo al giudizio di Dio o punirlo a morte. l'omossessualita' in se e' contrnatura, e non ha nulla a che fare con la creazione divina, altrimenti Dio alla Creazione di Adamo AS e di Eva AS avrebbe fatto diversamente. l'omossessualita' e' una deviazione mentale ben precisa che porta a compiere atti contro natura. Ora, se la persona lo tiene per se e cerca di condurre una vita normale, conuna famiglia e tutto, se la vedra' con Dio, a Lui solo spetta giudicare, ma qual'ora compia tali atti, non si puo' permettere che avvenga di noi quanto accaduto al popolo del profeta Lot AS, e quindi la distruzione delle citta' Sodoma e Gomorra, che penso tu conosca.

Citazione:
10. Iconogragia. Il Corano vieta la rappresentazione del vostro Profeta e di Dio. C'è un motivo particolare per ciò o è semplicemente così comandato?


Non avrai altro Dio fuori che me. Non ti fare nessuna scultura, né immagini di cose che splendono nel cielo, o sono sulla terra. Non adorar tali cose, né servir loro, perché io, il Signore, Iddio tuo, sono un Dio geloso, che punisco l'iniquità dei padri e dei figli fino alla terza o alla quarta generazione di coloro che mi odiano; ma uso clemenza fino alla millesima generazione verso coloro che mi amano e osservano i miei comandamenti. Esodo 20-3

ti dice niente? Crocifissi con corpi affissi? angeli dipinti? colombelle e compagnia...
Ecco, questo e' uno di quei comandamenti che la chiesa cattolica ha piegato e distrutto per i propri fini, non potendo rifiutare le bellezze archittettonich e gli sfarzi delle cattedrali dipinte e decorati dai piu illustri artisti dei secoli passati, in un tempo in cui ormai tutti cominciavano a leggere e comprendere, perche' la societa' stava cambiando, certi errori andavano nascosti. Fu Papa Pio IX a commettere cio' e cambiare con questo la parola di Dio nel testo sacro di cui doveva essere solenne custode.


Citazione:
11. Lingua. Vedo che spesso scrivete in quello che, credo, sia arabo. Come mai sovente non traducete in italiano? Tradizione?

Semplicemente perche' la maggior parte di noi parla e scrive arabo, chi puo' riporta i testi originali con la traduzione per chi non conosce la lingua, ma e' proprio questa la forza dell'Islam, risalire sempre alla lingua madre, a quanto detto in origine, in quanto le traduzioni molto spesso portano a cambiare il significato delle parole se non viene fatto con meticolosa attenzione, e con cio' si puo' trasmettere un messaggio sbagliato. Ed e' prprio tramite la consocenza degli hadit (detti del Profeta SAW) che possiamo sapere le perle di saggezza su come comportarci in determinate situazioni, sul significato delle surah del Corano etc.
Per farti un esempio pratico, se io ti dovessi raccontare una storia che ha una base morale ben precisa, in dialetto siciliano (sono siciliana) ma tu non parli il siciliano (ipotizzando) io sono costretta a tradurti la storia, ma tu non capiresti quello che e' il senso delle parole originale, la morale che si vuole trasmettere in cio'. Spero di essermi fatta capire.

Citazione:
12. Interpretazione. I Padri che mi hanno insegnato i fondamenti del cristianesimo da piccolo, mi han sempre detto che c'è una interpretazione da dare alla religione e ai suoi insegnamenti. Non si può pretendere che uno scritto così antico possa essere attuale. Anche Gesù stesso infatti usara parabole poichè non è il testo letterale che conta, ma il suo significato. E' una mia impressione o talvolta l'Islam viene interpretato un po' troppo alla lettera? Lessi ad esempio che per divorziare basta la pronuncia di un sorta di forumula per annullare il matrimonio. E' davvero tutto qui? Insomma, forse poteva essere così semplice secoli fa, ma ora, ad esempio, il diritto civile prescrive un lungo iter prima del divorzio. Che ne pensate?


Vi e' molto poco di interpretativo in cio' che ci viene insegnato, nonostante vi siano diverse metodologie applicabili, ognuno sceglie quello che piu si confa' a se stesso. Pero' non vedo perche' i libri sacri non possano essere attuali, se cosi non fosse non avrebbe senso per la chiesa cristiana fare catechismo, o leggere il vangelo, in cui non vi sono solo messaggi, ma atti compiuti, di vita vera e propria.
Per il matrimonio non e' proprio esattamente cosi', il marito deve avere delle motivazioni ben valide, non puo' divorziare per semplice capriccio proprio, in quanto sarebbe in ogni caso tenuto a dare mantenimento alla mgolie ed ai figli, deve passare un tot di tempo perche' se la donna e' incinta non puo' divorziarla, etc etc... c'e' eccome un iter d seguire, non e' cosi semplice come si dice, credimi.

Citazione:
13. Maometto. Visto che su internet si trova tutto e il contrario di tutto, cosa c'è di vero riguardo alle accuse rivoltegli (immagino sappiate di cosa parlo, non le riporto perchè mi sembrano abbastanza offensive)?

Ti chiedo una cortesia, non prenderla come una imposizione, ma una cortesia vera e propria, per favore, usa il nome originale, Muhammed, e non quello italianizzato, che a mio parere suona orrendo.
Ovvio che le accuse non sono vere, ma i calunniatori oggigiorno sono peggio dei virus influenzali, e con la teconologia odierna, e' piu facile far girare determinate accuse senza correre 'rischi' di dover affrontare le conseguenze delle proprie parole, il che e' solo vigliacco oltre che codardo.
L'islam non insulta nessuno dei profeti passati, ne Gesu AS ne Abramo, in quanto e' considerato una bestemmia, chiediamo troppo se vogliamo che nessuno calunni l'ultimo Profeta SAW? Si chiama rispetto, se lo vuoi, devi anche darlo, altrimenti aspettati le mazzate... e' umano!

Citazione:
Vi ringrazio anticipatamente per le risposte, spero che comprendiate che non voglio essere offensivo ma solo capire. Credo infatti che comprendendo si possano smontare le irrazionali paure del diverso e convivere al meglio con chi ha credenze, usi o costumi differenti dai propri.

PS: ho scritto un po' di getto, mi scuso per eventuali typo :)


Spero di aver risposto a tutto nel modo migliore possibile ed in quelle che sono le mie conoscenze limitate,
Iddio solo sa meglio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
UmmNabil
Affezionatissimo
Affezionatissimo


Registrato: 06/01/14 22:14
Messaggi: 60
Residenza: Kafiristan

MessaggioInviato: Gio Gen 16, 2014 9:01 pm    Oggetto: Rispondi citando

Una cosa che ci tengo a precisare, sottolienando quanto detto dalla sorella Von Sor sui profeti. Il Corano cita determinati profeti ben precisi al suo interno, con cio' non e' detto che non ve ne siano stati altri in altre terre, semplicemente al suo interno sono elencati quelli legati al territorio in cui e' giunto. Ma Il Corano stesso cita che vi sono Profeti di cui non ci e' stato detto nulla, invero tutti i popoli hanno ricevuto i loro messaggeri, e non possiamo sapere se Buddah o Zoroastra siano tra questi, in quanto il loro messaggio e' stato trasmesso in modo diverso, e' stato cambiato e le loro figure elevate al divino, (un po come accaduto tra i Cristiani con Gesu' AS, nonostante sia elencato tra i profeti).
L'islam non lo nega, ma non puo' neanche accettarlo, semplicemente ci si astiene da dare un giudizio, solo Allah sa ogni cosa.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ràjiyah
Bannato
Bannato


Registrato: 16/07/12 20:28
Messaggi: 459
Residenza: Madhhab___Maliki

MessaggioInviato: Gio Gen 16, 2014 9:02 pm    Oggetto: Rispondi citando

1. I Profeti (pace su di loro) si sono susseguiti portando tutti un unico messaggio. Un esempio pratico: se fossi vissuto ai tempi di Musa (a.s.), avresti fatto riferimento alla Torah, sapendo comunque che dopo di lui sarebbe venuto un altro Profeta e che avresti dovuto seguirlo. I Profeti erano sempre a conoscenza che un'altro li avrebbe succeduti.
Ciò non significa passare da una religione all'atra, perché la religione è uguale per tutti i Profeti, tutti loro sono mandati dallo stesso Dio, Allah Ta'aala, e tutti ci richiamano alla Sua religione. Tuttavia, sulla questione della Riveazione che dobbiamo seguire, ci dobbiamo sempre attenere all'ultima, quindi se prima seguivamo il Vangelo, con la rivelazione del Quran, dobbiamo abbandonare il Vangelo per seguire l'ultima rivelazione. Comunque c'è molto altro da dire in proposito.

2. Chi Allah guida nessuno può svialo e chi Allah svia nessuno può guidarlo. L'Iman (fede) è un dono di Allah che ci ha guidati. A volte attraversiamo periodi in cui ci viene a mancare la fede, in tal caso dobbiamo rifuggiarci in Allah e chiedere di essere guidati. Comunque, una vita pia, cerctamente è fondamentale al proprio Iman, è comprensivo che vivendo in Occidente sommersi dal peccato, questa venga a mancare.

3. L'Islam è la Legge di Allah. La Chiesa è la volontà del Papa e di chi governa.
La differenza fondamentale è che i sunniti sono musulmani, sottomessi ad Allah Ta'aala, gli sciiti sono miscredenti. Approfondisci qui:
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



5. Il fondamentalismo è una parola che si sono inventati gli Occidentali per definire i praticanti.
Se intendi estemisti quelli che difendono il proprio paese dalle invasioni dei miscredenti, quella è lotta per la libertà.
Inoltre, consideazione molto importante: i media occidentali non sono attendibili. La metà delle cose dette in tv sono bugie e le altre mezze verità rigirate

6. La Shari'a non impone l'Islam ai miscredenti, anzi, la Legge Islamica tutela le minoranze. Inoltre, nei paesi a maggioranza musulmana i crimini sono molto inferiori che quelli che avvengono in Occidente e questo dovrebbe farti riflettere.
Comunque, la Shari'a fa rispettare la giustizia. E' forse sbagliato proibire il male, proibire alla gente di drogarsi, stuprare, uccidere, rubare...? Cosa ti spaventa di una società retta e giusta? Il fatto che non puoi compiere crimini senza passarla liscia come succede in Italia?

7. In verità il concetto che noi nati in Occidente abbiamo di libertà è: fai tutto quello che vuoi ai danni tuoi e degli altri. L'Islam proibisce, naturalmente, questo egoistico concetto.

8. Non paragoniamo la legge che vige in Arabia Saudita con la vera Shari'a alla quale non adempie pienamente. Noi donne siamo trattate come delle regine, che altro potremmo pretendere? Se vogliamo lavorare, lavoriamo, se vogliamo che nostro marito ci mantenga ebbene ci mantiene, studiamo se vogliamo studiare... e tantissime altre cose.

9. Veramente non è mai stato resa certa la causa dell'omosessualità; comunque si puo' reprimere questo atteggiamento di se' come un cleptomane reprime il suo bisogno di rubare. Ci sono tante condizioni di cui si puo' soffrire, ma non siamo obbligati ad accondiscendere ai nostri istinti malsani.

10. E' scritto anche nei 10 comandamenti: "Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù nel cielo né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra." Esodo.

11. L'arabo è la lingua del Quran, la si studia, la si utilizza per pregare, ma gli arabofoni sono pochi in confronto al resto del mondo musulmano che usa, comunque, la sua lingua di origine qualunque essa sia per parlare con i suoi connazionali.

Citazione:

Citazione:
13. Maometto. Visto che su internet si trova tutto e il contrario di tutto, cosa c'è di vero riguardo alle accuse rivoltegli (immagino sappiate di cosa parlo, non le riporto perchè mi sembrano abbastanza offensive)?


La questione del matrimonio con Aisha?
Semplicemente nell'Islam diviene lecito avere rapporti con una donna non appena questa raggiunge la maturità sessuale, ovvero con le mestruazioni. Ovviamente bisogna essere sposati.
Tra l'altro fino a meno di un secolo fa anche in Europa era considerato normalissimo sposarsi quando si era ancora bambine. E poco importava che la bambina in questione avesse o meno le mestruazioni. L'Islam invece ha imposto come condizione sine qua non la maturità sessuale. E non vedo qual'è il problema. Qual'è il problema? Non è che bisogna avere chissà quale preparazione psicologia per unirsi al proprio marito. Il corpo parla chiarlo. Il resto sono paranoie frutto di una società bigotta, che ha subito secoli di demonizzazione della sessualità da parte della Chiesa e non a caso ora si getta nell'atteggiamento opposto di assoluta e indiscriminata libertà sessuale che però cela non pochi complessi e ipocrisie.Se una ha 18 anni ma ha la mentalità di una dodicenne va bene, può fare tutto. Tanto a 18 anni si diventa all'improvviso maturi e pronti per la sessualità libera- Se invece una è una donna ma ha 17 anni e 29 giorni ( a parte a Febbraio) allora altt Noooo Pedofiliaaaaa Guai a chi la tocca-


Lucrezia Borgia figlia di un Papa se non ricordo male, si sposò a 12 anni, qual'è il problema?
Sessualmente si matura prima, tutti i ragazzini che hanno rapporti a 14 anni lo capiranno, è quì in Occidente che è stato imposto che prima dei 18 anni è uno scandolo sposarsi ma non avere rapporti con chiunque, quello è accettabile. Così prima dei 18 anni si hanno almeno tre o quattro relazioni diverse, ma questo non fa scandalo.
Il matrimonio è un vincolo di rispetto, sopratutto nei confronti della donna che se è sposata e resta incinta ha la sicurezza che il marito si prenda le sue responsabilità, ma se resta incinta fuori dal matrimonio e in giovane età... beh, molto probabilmente abortirà o crescerà il figlio con un uomo che non sarà suo padre biologico.
Il concetto di "individuo adulto" in occidente è: ora che ho 18 anni prendo la patente e mi firmo le giustificazioni da solo. Negli altri paesi essere adulti significa avere delle responsabilità che talvolta si assumono già prima dei 18 anni.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Signor nostro, non lasciare che i nostri cuori si perdano dopo che li hai guidati...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2738
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Gio Gen 16, 2014 9:14 pm    Oggetto: Rispondi citando

UmmNabil ha scritto:
La mancanza di ubriacarmi? no grazie, soprattutto vedendo cosa accade se si monta in macchina ed alticci, non voglio nessuno sulla mia coscienza. Dio me ne scampi. Droga? doppiamente no grazie. Disco: ma manco a parlarne...


E aggiungo che andare in giro semi-vestite per vedere la bava del maniaco di turno non è per noi sinonimo di libertà..
Al contrario il vestiario Islamico da alle donne la libertà di camminare tranquillamente per le strade senza incappare in squallidi commentini e di Alhamndulillah essere rispettate. E inoltre rispettiamo tutte le donne del mondo non costringendo i loro mariti a guardare ciò che dovrebbero poter guardare solo delle loro donne. E invece veniamo mancate di rispetto quando le altre donne camminano tranquillamente con vestiti scosciati e magliatte scollate davanti ai nostri uomini.

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
UmmNabil
Affezionatissimo
Affezionatissimo


Registrato: 06/01/14 22:14
Messaggi: 60
Residenza: Kafiristan

MessaggioInviato: Gio Gen 16, 2014 9:23 pm    Oggetto: Rispondi citando

Per quanto riguarda l'argomento DONNA, ti riporto qui una parte di una risposta che diedi in un altro topic, in riferimento anche all'ultima risposta che ti ha dato la sorella Von Sor:

Citazione:
Se guardiamo indietro i valori delle nostre mamme e delle nostre nonne vediamo come tutto era piu semplice di oggi e la stessa intimita' familiare era protetta, a maggior ragione la donna, forse anche con un velo di maschilismo marcato da una chiesa misogina, che prima di aprirsi verso le donne ha dovuto bruciarne migliaia in nome di Dio, marchiandole streghe, quando il loro crimine era solo di essere donne e di essere la minoranza.

La donna di oggi invece e' un mero pezzo di carne messo solo a fare pubblicita', ad attrarre. Se non c'e' una supermodella con delle maxicurve, nessuno degna un minimo di attenzione.
Vediamo donne scoperte praticamente dappertutto, vendono il loro corpo agli occhi degli uomini occidentali e non, insieme ai prodotti a cui vengono associate, dal semplice autosalone, ai viaggi per le vacanze. E lo trovo di una tristezza infinita, credimi.

Anni fa vi fu un predicatore, i cui video si trovano ancora su youtube, Ahmed Deedath (rahimallahu) passato a miglior vita da qualche anno ormai, e rispondendo alla domanda di una giovane ragazza sul velo delle donne musulmane, associandolo ad un segno di oppressione, la sua risposta fu fantastica. Fece riferimento ad un autosalone, il cui cartellone pubblicitario mostrava un camion/furgone (in inglese lo ha definito truck) di cui aldi sopra vi stava una donna in bikini, e chiese al rivenditore, che descrisse come un amico, quale fosse la connessione tra le due cose, lui vendeva camion, ma senza la ragazza, quindi che senso aveva mettere il camion con la ragazza in bikini, e la risposta fu semplice: cosa attrae -> LA DONNA, e chi attrae? --> l'UOMO.
Ed il riferimento non poteva essere piu azzeccato!


E non puo' negarsi una cosa del genere, e' sotto gli occhi di tutti in questi giorni.
Se la liberta' della donna in occidente ha un prezzo troppo alto, un prezzo che va contro la sua stessa dignita', e la parola dignita' ormai perde di significato o non ne ha affatto, e la cosa profondamente triste e' che lei - la donna- lo sa, ma lo accetta perche e' il prezzo della liberta'.
Ed allora per tutta la liberta' di questo mondo, io mi tengo il mio jilbab e sono sicura che nessuno verra' a palparmi o fare commentini disgustosi mentre cammino per strada...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Simo;
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 01/03/13 19:14
Messaggi: 1286
Residenza: Sono una sorella

MessaggioInviato: Gio Gen 16, 2014 11:29 pm    Oggetto: Rispondi citando

Salam aleykum/buonasera.
Avevo risposto pure io a tutte le domande ma poi mi si è cancellato l'intero post.
Visto che nel frattempo avete risposto in tanti e ciò che avevo scritto è pressapoco ciò che avete scritto voi sorelle, non mi sembra importante scrivere di nuovo.
Quoto tutte le vostre risposte e aggiungo che pure io mi sento una donna libera!
Mi è piaciuto molto l'ultimo post di Von Sor, complimenti.
Top
Profilo Invia messaggio privato
sine nomine
Nuovo utente
Nuovo utente


Registrato: 16/01/14 13:49
Messaggi: 8

MessaggioInviato: Ven Gen 17, 2014 12:51 am    Oggetto: Rispondi citando

Che dire, non mi aspettavo delle risposte così dettagliate e complete, grazie :)

1. Ok, chiaro il concetto ma non sono convinto. Non capisco soprattutto perchè la figura di Dio si sia trasformata da "semi-umano" e imperfetto (vedasi il riposo nel settimo giorno) a una figura integerrima ma allo stesso tempo fin troppo rigida e perfetta; durante il passaggio tra le religioni. Cosa accadrebbe se un domani emergesse un altro Profeta che si rifacesse alla tradizione giudaico-cristiana-islamica e la evolvesse ancor di più? Da cristiano per formazione non so cosa rispondere, l'unica cosa che mi viene in mente è una sorta di commessa pascaliana.

2. Mi piace molto il passaggio di Von Sor:
Citazione:
Un poeta diceva che "Ciò che tu stai cercando ti sta a sua volta cercando". Tu continua a interrogarti, cercare. La fede è un dono di Dio. Quello che puoi fare è cercare di meritare l'attenzione di Dio. E questo lo puoi fare solo cercando con assoluta sincerità la verità-

Mi piace molto perchè, parlando per me, credo anche venir qui sia un passo verso la ricerca della verità, poiché credo che essa stessa si trovi soltanto attraverso la conoscenza e non solo la fede. Se non conosciamo non comprendiamo, se non comprendiamo (solitamente) rifiutiamo. Vi pare?
Un ultimo appunto:
Citazione:
chi sceglie di credere e si aggrappa ad Allah l'Altissimo, sa che la sua presa non cedera' mai... a meno che non scelga di mollarla.

Vero. Nel mio caso vorrei credere, scelgo di credere ma niente, non succede nulla, non cambia nulla. Non è ripetendomi X volte questo o quell'insegnamento che la cosa cambia.

3. Approfondirò la questione, grazie per avermi indirizzato. C'è da dire che è veramente brutto quando la fede viene piegata dalla politica (anche se credo nessuno batta gli anglicani e Enrico VIII in quanto a bassezza in tal senso).
Citazione:
Una cosa che ci tengo a precisare e' pero: non e' jihad lottare contro il tuo stesso fratello in Islam, non e' jihad uccidere un innocente o una persona vulnerabile (musulmana o meno), e' omicidio e basta. La Jihad e' (in termini di guerra, ma la jihad in se ha anche aspetti spirituali): io ho un fucile, tu hai un fucile, tu vuoi uccidermi, io devo difendermi, vediamo chi spara per primo e sia fatta la volonta' di Dio.

Non sempre è così però. Insomma, per quanto si voglia vedere gli occidentali come collaboratori del loro "regime", non riesco comunque a concepire l'omicidio di civili.

4.
Citazione:
Il problema penso sorga nel momento in cui si abbia timor che la fede di un musulmano possa vacillare dinanzi alle belle parole di un uomo dotato di un tale carisma

Umh, non vedo questo problema. Tralasciando gli ovvi riferimenti cristiani, spesso il suo messaggio è universale, andando a predicare la pace e il rispetto. Inoltre non credo che una fede vera si possa scalfire con delle semplici parole, anche se la cosa è molto soggettiva.

5. Calma, in realà il termine "fondamentalismo" esiste ed è utilizzato veramente da tanto tempo. Ricordo che alle medie (intorno al '96-'97 a occhio) il mio prof chiamava quelle comunità di cristiani radicali che vivono negli states proprio con tale parola. Però è vero, "fondamentalismo" nell'immaginario attuale indica lo stereotipo del musulmano che "attenta alla liberà e alla pace". Rimembrando Orson Welles, è palese che le menti "piccole" posso essere riempite in un niente da ciò che viene propinato dai media.
Nel mio caso spero comprendiate che l'esser qui a dialogare con voi provi la mia volontà di capire e di ascoltare anche i diretti interessati :)
Citazione:
Se intendi estemisti quelli che difendono il proprio paese dalle invasioni dei miscredenti, quella è lotta per la libertà.

Ecco, fatico a intendificare come "guerriero della libertà" chi si fa saltare in aria in un mercato pieno di civili (uno degli ultimi esempi è avvento in Pakistan quest'estate). Purtroppo da come ne parli credo di capire che per voi, o per te in questo caso, ciò sia scusabile. E' davvero così? Se domani un cristiano si facesse saltare in aria uccidendo dei civili di qualunque religione (in quel caso era un Musulmano che uccideva Musulmani), non credo che alcuno possa mai anche solo pensare di accettare tale fatto.

6.
Citazione:
Comunque, la Shari'a fa rispettare la giustizia. E' forse sbagliato proibire il male, proibire alla gente di drogarsi, stuprare, uccidere, rubare...? Cosa ti spaventa di una società retta e giusta? Il fatto che non puoi compiere crimini senza passarla liscia come succede in Italia?

Qui sfondi una porta aperta però eviterei di entrare nel merito dell'Italia: qui è un disastro e purtroppo, lo sappiamo tutti. Tanto che a breve me ne andrò anch'io all'estero.
Chiusa la parentesi, ciò che tu elenchi sono peccati per la chiesa e reati per lo stato, di norma. La questione droghe è molto complessa: io sono per il divieto di ciascuna droga, sia per le pesanti che per le cosiddette leggere. In vita mia non ho mai provato e non per comandi religiosi, ma perchè di mio non ho mai provato attrattiva verso di esse. La questione della liberalizzazione è ancora più complessa.
Citazione:
La Shari'a non impone l'Islam ai miscredenti, anzi, la Legge Islamica tutela le minoranze.

Gentilmente, mi spiegheresti allora perchè i cristiani sono perseguitati nei paesi islamici (vedi nigeria, di recente)? Più volte ho sentito ciò che tu hai detto, ma non riesco a far stare in piedi le due cose insieme.

7/8. Incorporo le due domande.
Citazione:
Liberta'. Io sono una persona liberissima, se voglio portare i miei figli al cinema lo faccio, se voglio andare a lavorare lo faccio, se voglio fare shopping con i soldi di mio marito (dopo averglielo giustamente chiesto) lo faccio. Dov'e' quindi che non sono libera? La mancanza di ubriacarmi? no grazie, soprattutto vedendo cosa accade se si monta in macchina ed alticci, non voglio nessuno sulla mia coscienza. Dio me ne scampi. Droga? doppiamente no grazie. Disco: ma manco a parlarne...
La mia liberta' finisce quando invade uno spazio altrui e quando ho la certezza ed il timore di poter fare del male ad altri. Non e' una cosa definita da alcuna societa', ma dalla morale umana. E' proprio cio' che definisci buon senso che oggigiorno diventa cosa sempre piu' rara da trovare, ragione per cui lo si cerca di imporre ai nostri figli per farne delle persone educate, liberissime, ma che abbiano dentro di se il timore della punizione Divin

Fino all'ultima parte sembravi il mio ritratto e quello della mia (ormai sempre più prossima) moglie :)
In particolare mi piace notare come la definizione della libertà da te enunciata sia esattamente la stessa che la mia catechista mi diceva da piccolo e che poi è fatta mia. Mi riferivo però ad altre cose, anche banali (da qui l'esempio dell'auto):
- alimentazione;
- distanza di viaggio per le donne (non accompagnate, se ben ricordo);
- vestiario (ho letto che il velo è una scelta, poi leggo altri thread

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

e non capisco francamente). Ho letto addirittura di metalli proibiti e la cosa mi ha lasciato un po' di stucco;
- medico uomo per le donne (viceversa conta?);
E questi sono solo i primi che ho trovato. Insomma, alcune cose possono essere comprensili per tradizione (come il mangiare i nostri animali domestici per alcune culture) ma davvero non comprendo perchè una donna non possa viaggiare per più di una distanza che, oggigiorno, è irrisoria.
Riguardo alla seconda parte, non capisco perchè usare la religione come spauracchio per non commettere qualcosa di sbagliato. Non dovrebbe essere qualcosa dentro di noi a spiengerci a compiere gesti corretti verso se stessi e gli altri?

9.
Citazione:
Veramente non è mai stato resa certa la causa dell'omosessualità

Vero ma, a quanto lessi non troppo tempo addietro, ogni causa ha comunque o radice genetica o indotta e causata in età infantile. In qualunque modo la si veda, non credo proprio che sia una scelta. Se così fosse si potrebbe grottescamente saltare da una preferenza sessuale all'altra senza alcun problema, no? (Lo so è un pensiero decisamente folle, ma è per far cogliere il punto).
Tuttavia la questione è molto complessa e certamente sia la religione Cristiana che quella Islamica sono contro la depravazione (vedasi Sodoma e Gomorra citati da UmmNabil).

10. Vero, è un comandamento. Sinceramente ammetto di non ci averci pensato. Questa è un'ottima questione da porre a un prete :)

11. Capito, perfetto.

12. Interessante il punto di UmmNabil. E' vero che i testi sacri contengono storie e atti però penso ad esempio alla teoria Tolemaica geocentrica: la chiasa ha superato questa cosa, sebbene dopo tante traversie. Ricollegandomi alla domanda 8, perchè la donna oggigiorno non può volare a Parigi per lavoro se non è accompagnata? Non sono insegnamenti che andrebbero un po' attualizzati?

13. Premesso che sto chiedendo a voi proprio perchè così è sicuro che riceverò una risposta più veritiera, trovo corretta la risposta di Ràjiyah. Tempo addietro si procreava prima causa aspettativa di vita nettamente più ridotta.
Il matrimonio secondo concezione "cristiano-popolare" serviva a suo tempo per assicurare sostentamento a prole e moglie. Il limite attuale di 18 anni non è totalmente insensato, del resto serve un qualcosa per delimitare quando considerare un individuo sufficientemente maturo per assumersi certe responsabilità. E' vero che alla prova dei fatti è tutto il contrario, ma non si può pretendere che la legge entri nel merito del singolo. Per definizione deve essere uguale per tutti (→dovrebbe).
Non vedo però la parte negativa nel crescere un figlio con un padre non biologico. Ovviamente tutti vorremmo la classica famiglia felice, unita e in grado di educare i propri figli, ma credo sia meglio che un figlio cresca nell'armonia di una famiglia in cui i genitori si vogliono bene anche quantunque uno di questi non sia naturale, piuttosto che forzare un matrimonio e mantenere forse un clima di tensione perchè i genitori si detestano.


Rispondo agli ultimi interventi:
Citazione:
E aggiungo che andare in giro semi-vestite per vedere la bava del maniaco di turno non è per noi sinonimo di libertà

Ti ribalto l'intervento e ti provoco un po': che razza di uomini conosci che devono essere tenuti a bada da un vestito? Se io cammino dove ci sono donne e ragazze, come tu dici "semi-vestite", magari le guardo, ma le guardo negli occhi perchè ho un minimo di decenza e di rispetto per la mia fiancée ma anche per la donna stessa che ho davanti.
Non è affatto vero che ora la donna deve essere taglia 40, 90-60-90 e 1m e 80 per essere notata. E' altresì vero che sono queste che trovi in copertina. Ma davvero la copertina è il massimo dell'aspirazione per una donna? Dalle vostre risposte vedo che non siete persona superficiali, quindi non guardate alla superficie della società e del pensiero! Io ho la fortuna di conoscere tante ragazze che stanno avendo successo nella vita e nessuna di queste somiglia ad alcuna modella da copertina (anche perchè son tutte foto poi pesantemente editate, è facile essere belle così, no?).
Vi dirò la verità, io sono annoiato da tali copertine e dalla tv e tanti ragazzi che conosco hanno le mie stesse opinioni. Ogni tanto guardo un TG, magari la BBC o Al Jazeera ma poi basta. Tuttavia difendo la libertà delle donne di poter fare anche questo perchè credo che tutti debbano avere anche la possibilità di sbagliare, chi sono io per impedirglielo? Semmai ne pagheranno le conseguenze dopo, quando verrà il tempo e ciascuno di noi farà i conti con Allah.
Ovviamente mi rendo conto che questa visione sia mia, voi potete non condividerla e quindi considerare di censurare preventivamente tali comportamenti.


Beh, che dire, sono folgorato dall'esaustività delle vostre risposte. Sicuramente non mi aspettavo che le due religioni avessero così tanti punti in comune e meno ancora pensavo di poter trovare degli interlocutori come voi.
Vi ringrazio nuovamente e, vista l'ora, vi auguro buona notte!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2738
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Ven Gen 17, 2014 2:01 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Cosa accadrebbe se un domani emergesse un altro Profeta che si rifacesse alla tradizione giudaico-cristiana-islamica e la evolvesse ancor di più? Da cristiano per formazione non so cosa rispondere, l'unica cosa che mi viene in mente è una sorta di commessa pascaliana.


Non sarebbe possibile perchè le porte di ongi ulteriore profezia sono state chiuse. Mentre le altre rivelazioni lasciavano spazio all'avvento di altri profeti (Gli Ebrei ad es. aspettavano -anzi, aspettano- il Messia, avendo fatto l'errore di non averlo riconosciuto in GEsù alaihi SAlam;), il Corano si pone come suggello di tutte le rivelazioni, rivelazione ultimativa, definitiva. E' scritto esplicitamente che il Profeta Muhammad è l'ultimo profeta e ripeto che egli ha portato delle prove, ed è per questo che la gente ha creduto in lui ma non ad altri falsi profeti che circolavano all'epoca ed anche all'epoca di Gesù alaihi salam.

Citazione:
Mi piace molto perchè, parlando per me, credo anche venir qui sia un passo verso la ricerca della verità, poiché credo che essa stessa si trovi soltanto attraverso la conoscenza e non solo la fede. Se non conosciamo non comprendiamo, se non comprendiamo (solitamente) rifiutiamo. Vi pare?
Esattamente. Se c'è una perla nel Lago, non è detto che cercandola la troverai, ma sicuramente non cercandola non la troverai. Dio ama e ricompensa chi lo cerca. E ovviamente lo strumento che ha l'uomo per cercare è quello della conoscenza. "Cercate la conoscenza fino in Cina" Detto del Profeta Sallallahu alahi wa Sallam
.Comunque il poeta in questione è Gialal al-Din Rumi.


Citazione:
Vero. Nel mio caso vorrei credere, scelgo di credere ma niente, non succede nulla, non cambia nulla. Non è ripetendomi X volte questo o quell'insegnamento che la cosa cambia.
E tu che ne sai che non sta cambiando nulla? Già il fatto che tu sia approdato qui potrebbe essere un inizio, come notavi tu stesso. La perseveranza è la virtù dei forti =)

Citazione:
Non sempre è così però. Insomma, per quanto si voglia vedere gli occidentali come collaboratori del loro "regime", non riesco comunque a concepire l'omicidio di civili.
Infatti come ti ho detto c'è una ben precisa etica di guerra nell'Islam e non si possono uccidere civili, donne o bambini ma solo il nemico dichiarato.
Citazione:

Gentilmente, mi spiegheresti allora perchè i cristiani sono perseguitati nei paesi islamici (vedi nigeria, di recente)? Più volte ho sentito ciò che tu hai detto, ma non riesco a far stare in piedi le due cose insieme.


Esempi di comportamento islamico: Abu Bakr, primo Califfo, ai suoi uomini:"Nel deserto siriaco troverete monaci che si sono confinati in celle; non li importunate, poichè essi si sono auto-confinati per amore di Dio"

Quando Saladino conquistò Costantinopoli garantì ai Cristiani e agli Ebrei il libero accesso al Santo Sepolcro cosa che invece i Cristiani non avevano fatto nei confronti dei Musulmani-

Ed anche.. : quando Il Sultano Turco Muhammad II nel 1453 conquistò Costantinopoli, protesse il Patriarca della Chiesa Ortodossa Gennadios ospitandolo e facendolo vivere nel suo stesso palazzo.

Quando gli Ebrei venivano espulsi da tutta Europa, potevano trovare rifugio e protezione solo nell'Impero Turco.Ti rimando a questo link in cui si parla proprio di questo.

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Il secondo Califfo Umar si occupò di regolare i rapporti tra lo Stato Islamico e la gente del Libro (Cristiani, Ebrei, Zoroastriani) con il cosiddetto Patto di Omar: "Questo è il patto che il servo di Dio, ʿOmar, Comandante dei credenti, diede alla gente del Libro. Egli diede loro sicurezza per loro stessi, il loro denaro, le loro chiese, le loro croci, i loro malati e i sani, e per tutta la comunità; che le loro chiese non siano occupate né distrutte e che niente manchi nelle loro proprietà in tutto o in parte, né nelle loro croci, né niente del loro denaro, e non vengano obbligati a lasciare la loro religione e che nessuno di essi sia maltrattato "

Se OGGI i musulmani si comportano male è perchè hanno dimenticato il vero Islam.


Citazione:
Ti ribalto l'intervento e ti provoco un po': che razza di uomini conosci che devono essere tenuti a bada da un vestito? Se io cammino dove ci sono donne e ragazze, come tu dici "semi-vestite", magari le guardo, ma le guardo negli occhi perchè ho un minimo di decenza e di rispetto per la mia fiancée ma anche per la donna stessa che ho davanti.
Le leggi religiose partono da un assunto realistico, non idealistico.
E' vero che sarebbe bello e giusto se tutte le donne potessero andare in giro nude indisturbate, ma vuoi scomettere che se una va in giro nuda viene stuprata e se va in giro semi-vestita viene spogliata dagli sguardi dei pervertiti che purtroppo esistono? In ogni caso per noi non è sinonimo di libertà andare in giro "come ci pare", è sinonimo di libertà non dare tutta 'sta importanza a come andiamo in giro vestite, e partaendo da un assunto realista, preferiamo essere tutelate da un vestiario pudico, piuttosto che esporre i nostri corpi a sguardi indiscreti..


Citazione:
Riguardo alla seconda parte, non capisco perchè usare la religione come spauracchio per non commettere qualcosa di sbagliato. Non dovrebbe essere qualcosa dentro di noi a spiengerci a compiere gesti corretti verso se stessi e gli altri?


Si, infatti si dice che l'uomo abbia una fitra (natura primigenia) che naturalmente tende al bene. Tuttavia questa natura viene contaminata e confusa da Etiche innaturali e finisce per dimenticare quale sia il vero Bene. La religione serve a ricordarglielo.

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
UmmNabil
Affezionatissimo
Affezionatissimo


Registrato: 06/01/14 22:14
Messaggi: 60
Residenza: Kafiristan

MessaggioInviato: Ven Gen 17, 2014 11:49 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Citazione:
Una cosa che ci tengo a precisare e' pero: non e' jihad lottare contro il tuo stesso fratello in Islam, non e' jihad uccidere un innocente o una persona vulnerabile (musulmana o meno), e' omicidio e basta. La Jihad e' (in termini di guerra, ma la jihad in se ha anche aspetti spirituali): io ho un fucile, tu hai un fucile, tu vuoi uccidermi, io devo difendermi, vediamo chi spara per primo e sia fatta la volonta' di Dio.

Non sempre è così però. Insomma, per quanto si voglia vedere gli occidentali come collaboratori del loro "regime", non riesco comunque a concepire l'omicidio di civili.


Ma infatti e' inconcepibile quello che accade in Siria o Palestina, Afghanistan o Iraq, e dare del cane ad Assad e' solo un eufemismo.



Citazione:
E' davvero così? Se domani un cristiano si facesse saltare in aria uccidendo dei civili di qualunque religione (in quel caso era un Musulmano che uccideva Musulmani), non credo che alcuno possa mai anche solo pensare di accettare tale fatto.

Non e' scusabile, niente di cio' puo' essere scusabile, ad un musulmano e' proibito uccidere un altro musulmano, cosi come e' proibito uccidere persone vulnerabili, non e' jihad, e' omicidio e come tale deve pagare.
La questione Afghanista e' un po piu complessa dato che anche li c'e' tanta cultura patriarcale e poca conoscenza di hadith, e moltissima politica, nonostante i Talebani siano sunniti. Si occupera' Allah di loro, altro non possiamo fare che lasciarli a Miglior Giudice.

Citazione:
Citazione:
La Shari'a non impone l'Islam ai miscredenti, anzi, la Legge Islamica tutela le minoranze.

Gentilmente, mi spiegheresti allora perchè i cristiani sono perseguitati nei paesi islamici (vedi nigeria, di recente)? Più volte ho sentito ciò che tu hai detto, ma non riesco a far stare in piedi le due cose insieme.


In Etiopia il presidente in carica, cristianissimo, perseguita le minoranze di cristiani cattolici, al punto tale che se non ricordo male fu la scorsa estate quando arrivo' quel barcone di Etiopi, di cui moltissimi affogati nel mediterraneo, sulle coste siciliane. Sono poche le minoranze cristiane tutelate in Africa, dal momento che chi regna o fa politica, aldila' della religione a cui e' legato cambia bandiera con una facilita' assurda. il dio denaro ha invero moltissimi seguaci.

[quote]7/8. Incorporo le due domande.
Citazione:

Fino all'ultima parte sembravi il mio ritratto e quello della mia (ormai sempre più prossima) moglie :)
In particolare mi piace notare come la definizione della libertà da te enunciata sia esattamente la stessa che la mia catechista mi diceva da piccolo e che poi è fatta mia. Mi riferivo però ad altre cose, anche banali (da qui l'esempio dell'auto):
- alimentazione;
- distanza di viaggio per le donne (non accompagnate, se ben ricordo);
- vestiario (ho letto che il velo è una scelta, poi leggo altri thread
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

e non capisco francamente). Ho letto addirittura di metalli proibiti e la cosa mi ha lasciato un po' di stucco;
- medico uomo per le donne (viceversa conta?);
E questi sono solo i primi che ho trovato. Insomma, alcune cose possono essere comprensili per tradizione (come il mangiare i nostri animali domestici per alcune culture) ma davvero non comprendo perchè una donna non possa viaggiare per più di una distanza che, oggigiorno, è irrisoria.
Riguardo alla seconda parte, non capisco perchè usare la religione come spauracchio per non commettere qualcosa di sbagliato. Non dovrebbe essere qualcosa dentro di noi a spiengerci a compiere gesti corretti verso se stessi e gli altri?


Levitico 11

1 Il Signore disse a Mosè e ad Aronne: 2 «Riferite agli Israeliti: Questi sono gli animali che potrete mangiare fra tutte le bestie che sono sulla terra. 3 Potrete mangiare d'ogni quadrupede che ha l'unghia bipartita, divisa da una fessura, e che rumina. 4 Ma fra i ruminanti e gli animali che hanno l'unghia divisa, non mangerete i seguenti: il cammello, perché rumina, ma non ha l'unghia divisa, lo considererete immondo; 5 l'ìrace, perché rumina, ma non ha l'unghia divisa, lo considererete immondo; 6 la lepre, perché rumina, ma non ha l'unghia divisa, la considererete immonda; 7 il porco, perché ha l'unghia bipartita da una fessura, ma non rumina, lo considererete immondo. 8 Non mangerete la loro carne e non toccherete i loro cadaveri; li considererete immondi.


E quello qu sopra e'solo l'inizio del libro del levitico.
Per noi vale la medesima regola, in piu ci sono anche delle leggi ben precise per quanto riguarda la caccia e l'allevamento.
Alcohol: l'uso anche inproprio di alcohol (bevande in genere) porta coloro che non sono adatti a compiere atti violenti senza rendersi conto di fare del male a se stessi ed ad altri,anche bevendo un semplice bicchiere; il divieto fa si che non vi siano astemi e bevitori, siamo tutti uguali.
In Libia una volta sentii una storia da un tuareg, che racconta di come un uomo perso nel deserto si reco da una donna che viveva da sola chiedendoli qualcosa (del cibo mi pare, non ricordo bene) e lei le disse che glielo avrebbe dato solo se avesse fatto una delle tre cose che lei li elenco': avere un rapporto con lei, uccidere suo figlio, bere del vino.
Lui decise che tra tutti e tre il piu innocuo sarebbe stato bere del vino, e cosi fece. Ma si ubriaco', ed ebbe un rapporto con la donna e uccise il figlio.

a morale di questa storia vuole sottolineare come l'uso di tali bevande tolga all'uomo che en fa uso la volonta e la capacita di giudizio oltre che di controllo.

Le carni devono essere macellate secondo la legge islamica, esattamente per gli ebrei secondo la legge ebraica, entrambi sgozzano l'animale, ma non per tortura ma perche' tale sacrificio vuole fare si che sia dovuto al sostentamento e quindi a sfamarsi delle carni dell'animale. l'animale si sacrifica per sfamare l'uomo.

Viaggiare da sola: le donne vengono stuprate/derubate/picchiate per strada mentre stanno andando a casa o all'universita' da sole, in tratti di distanza ancora piu irrisori, cosa potrebbe accadere ad una donna che prende un aereo Milano - Roma senza nessuno che la accompagni ?! La presenza di uomo ferma (o dovrebbe fermare ) il malintenzionato a priori !

Medico uomo per donne: diepden dai casi eh.. io quando partorii il mio secondo figlio arrivai d'emergenza in sala parto e vi era un ostetrico uomo. Che doveva fare mio marito? spingee il bambino dentro e dire "aspettiamo ilcambio turno" ?! Quello c'era e quello mi presi, mio marito presente e vicino a me (non mi ha mollato un secondo), ma era un medico e non c'era scelta. Quindi vi e' una certa flessibilita' nel caso come per es da me citato, ma se si ha modo di cercare una donna e' bene farlo.
Giusto anche per evitare di incappare in persone come quel ginecologo che fotografava le parti intime delle pazienti giustificadosi come una "ricerca" ed invece era la sua collezione personale.
Guarda che c'e' di gente depravata da far schifo in giro!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Simo;
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 01/03/13 19:14
Messaggi: 1286
Residenza: Sono una sorella

MessaggioInviato: Ven Gen 17, 2014 1:10 pm    Oggetto: Rispondi citando

Salam aleykum sorelle, buongiorno sinenomine.
Condivido i vostri post sorelle.
Ho notato che l'Islam viene sempre mischiato con la pazzia di musulmani che di Islam ne sanno poco e con la tradizione dei popoli.
Questo ovviamente non è colpa di sine nomine ma dei media che, da questo punto di vista, fanno un lavoro impeccabile, purtroppo.

Non mi stancherò mai di ripetere che :
.È haram (vietato) uccidere civili, anche in una guerra. In una guerra ci si scontra con chi ha la stessa arma, non si può avvenire sconto tra uno con un carroarmato e uno con un fucile!
. È haram uccidere a caso la Gente del Libro (cristiani e ebrei), come tutti gli altri.
.È haram uccidere le figlie perché imitano gli occidentali.
.È haram farsi esplodere a caso uccidendo civili.
.È haram picchiare la moglie sottomettendola con la forza e mandandola con le gambe rotte all'ospedale!

L'Islam non è violenza! Il saluto che noi dobbiamo rivolgere ai musulmani é "salam aleykum" ovvero "pace". Come può essere l'Islam una religione Violenta??
Abbiamo l'obbligo di rispettare gli altri, di non trattare male i genitori, di tenere un rigore igienico sia per noi sia per nn infastidire gli altri.
Ecc...
Cosa importante: arabo non è sinonimo di musulmano, musulmano non vuol dire sempre osservante al 100% dell'Islam.

Io sono felice quando vedo persone come sine nomine che non arrivano su un forum islamico per insultare ma per capire.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Simo;
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 01/03/13 19:14
Messaggi: 1286
Residenza: Sono una sorella

MessaggioInviato: Ven Gen 17, 2014 1:22 pm    Oggetto: Rispondi citando

Mi sembra che non c'è la risposta alla domanda "velo obbligatorio o no?".
Allora il velo, o meglio un abbigliamento coprente e pudico e non un mero pezzo di stoffa sulla testa (ahimè oggi giorno molte indossano il velo e poi... Trucco, maglie corte, moda ecc... È sbagliato), è obbligatorio da quando la ragazza diviene matura, ovvero con la comparsa delle prime mestruazioni.
Sia che una é daccordo sia no, una ragazza deve indossare l'hijab.
Storie come "nn sono pronta","aspetto il matrimonio", "mi fa sembrare vecchia","ho la pelle brutta e devo truccarmi", ecc., sono infondate e prive di senso.

Quindi, quando in giro si vedono ragazzine di 13 anni con il velo in testa, non guardiamole come extraterrestri o peggio non incolpiamo i genitori: l'Islam prevede così!
Se un genitore ha iniziato 8 anni prima a insegnare l'Islam alla propria figlia, quest'ultima non vedrà il velo come costrizione!
Tutto sta nei genitori. Obbligare con la violenza e le imposizioni evitando il dialogo non serve: così facendo si incrementa l'allontanamento dei propri figli in ambito religioso..

E poi mi sono dimenticata di dire che ciò che succede in paesi africani tipo Mali e ciò che succede in Siria e Palestina, non é islamico.

Credo di aver detto tutto. Scusate se faccio post a più riprese ma faccio fatica a ricordarmi tutto, visto che le domande originarie sono 13 e le vostre risposte abbondanti.
A presto!!
Top
Profilo Invia messaggio privato
sine nomine
Nuovo utente
Nuovo utente


Registrato: 16/01/14 13:49
Messaggi: 8

MessaggioInviato: Ven Gen 17, 2014 2:06 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Non sarebbe possibile perchè le porte di ongi ulteriore profezia sono state chiuse. Mentre le altre rivelazioni lasciavano spazio all'avvento di altri profeti (Gli Ebrei ad es. aspettavano -anzi, aspettano- il Messia, avendo fatto l'errore di non averlo riconosciuto in GEsù alaihi SAlam;), il Corano si pone come suggello di tutte le rivelazioni, rivelazione ultimativa, definitiva. E' scritto esplicitamente che il Profeta Muhammad è l'ultimo profeta e ripeto che egli ha portato delle prove, ed è per questo che la gente ha creduto in lui ma non ad altri falsi profeti che circolavano all'epoca ed anche all'epoca di Gesù alaihi salam.

Capito. Qui mi chiedo però come voi vediate Gesù. Ho capito che è un Profeta, ma è considerato al pari Muhammad? Come conciliate il fatto che si sia posto come figlio di Dio? Secondo la vostra visione è solo stato male interpretato?

Citazione:
Esattamente. Se c'è una perla nel Lago, non è detto che cercandola la troverai, ma sicuramente non cercandola non la troverai. Dio ama e ricompensa chi lo cerca. E ovviamente lo strumento che ha l'uomo per cercare è quello della conoscenza. "Cercate la conoscenza fino in Cina" Detto del Profeta Sallallahu alahi wa Sallam
.Comunque il poeta in questione è Gialal al-Din Rumi.

Parole molto belle, senza dubbio. Grazie per avermele riportate :)

Citazione:
E tu che ne sai che non sta cambiando nulla? Già il fatto che tu sia approdato qui potrebbe essere un inizio, come notavi tu stesso. La perseveranza è la virtù dei forti =)

Lo so perchè ho coscienza di me stesso. E' l'idea stessa alla base dell'Islam (sottomissione) che è assolutamente incompatibile con me. Di contro, il Cristianesimo ha perso tanto durante i secoli, sviando il messaggio inziale. Mah.. chissà.. nessuno conosce il futuro tra noi, quindi non chiudo alcuna porta e spero un giorno di cogliere un segno che mi guidi sulla via più corretta.

Citazione:
Le leggi religiose partono da un assunto realistico, non idealistico.
E' vero che sarebbe bello e giusto se tutte le donne potessero andare in giro nude indisturbate, ma vuoi scomettere che se una va in giro nuda viene stuprata e se va in giro semi-vestita viene spogliata dagli sguardi dei pervertiti che purtroppo esistono? In ogni caso per noi non è sinonimo di libertà andare in giro "come ci pare", è sinonimo di libertà non dare tutta 'sta importanza a come andiamo in giro vestite, e partaendo da un assunto realista, preferiamo essere tutelate da un vestiario pudico, piuttosto che esporre i nostri corpi a sguardi indiscreti..

Capisco il tuo punto di vista, ha senso. Ma abbiamo già visto che la vediamo diversamente. Lo rispetto, comunque :)

Citazione:
Si, infatti si dice che l'uomo abbia una fitra (natura primigenia) che naturalmente tende al bene. Tuttavia questa natura viene contaminata e confusa da Etiche innaturali e finisce per dimenticare quale sia il vero Bene. La religione serve a ricordarglielo.

Anche qui la vedo un po' diversamente. Ricorda un po' la diatriba tra Machiavelli e Guicciardini. Per me l'uomo parte da una posizione neutra che però scade nella negavitità a causa del bisogno di sopravvivere in primis, ma infine decade a causa dell'avarizia, dell'ingordigia e della volontà di potere. E' difficile non volere di più di ciò che si ha, occorre una forte coscienza del dovere civico, o una forte fede, a seconda se si è credenti o no.



Passo a UmmNabil, che ringrazio immediatamente.
Citazione:
In Etiopia il presidente in carica, cristianissimo, perseguita le minoranze di cristiani cattolici, al punto tale che se non ricordo male fu la scorsa estate quando arrivo' quel barcone di Etiopi, di cui moltissimi affogati nel mediterraneo, sulle coste siciliane. Sono poche le minoranze cristiane tutelate in Africa, dal momento che chi regna o fa politica, aldila' della religione a cui e' legato cambia bandiera con una facilita' assurda. il dio denaro ha invero moltissimi seguaci.

Non lo sapevo, grazie per l'informazione. Purtroppo credo che più che il dio denaro sia davvero la sete di potere a causare tutto ciò. Si può essere benestanti o anche ricchi senza fare del male, ma quando si vuole solo più potere si deve forzatamente soggiogare gli altri.

Citazione:
Per noi vale la medesima regola, in piu ci sono anche delle leggi ben precise per quanto riguarda la caccia e l'allevamento.
Alcohol: l'uso anche inproprio di alcohol (bevande in genere) porta coloro che non sono adatti a compiere atti violenti senza rendersi conto di fare del male a se stessi ed ad altri,anche bevendo un semplice bicchiere; il divieto fa si che non vi siano astemi e bevitori, siamo tutti uguali.
In Libia una volta sentii una storia da un tuareg, che racconta di come un uomo perso nel deserto si reco da una donna che viveva da sola chiedendoli qualcosa (del cibo mi pare, non ricordo bene) e lei le disse che glielo avrebbe dato solo se avesse fatto una delle tre cose che lei li elenco': avere un rapporto con lei, uccidere suo figlio, bere del vino.
Lui decise che tra tutti e tre il piu innocuo sarebbe stato bere del vino, e cosi fece. Ma si ubriaco', ed ebbe un rapporto con la donna e uccise il figlio.

a morale di questa storia vuole sottolineare come l'uso di tali bevande tolga all'uomo che en fa uso la volonta e la capacita di giudizio oltre che di controllo.

Le carni devono essere macellate secondo la legge islamica, esattamente per gli ebrei secondo la legge ebraica, entrambi sgozzano l'animale, ma non per tortura ma perche' tale sacrificio vuole fare si che sia dovuto al sostentamento e quindi a sfamarsi delle carni dell'animale. l'animale si sacrifica per sfamare l'uomo.

Ecco, per me questo è difficile da concepire. Dove vivo io, fino a poche decine di anni fa, il sostentamento era legato perlopiù all'allevamento e guardacaso l'animale più allevato era il maiale (probabilmente per via della facilità nel nutrirlo e nel farlo riprodurre). Che tra l'altro, a dispetto delle credenze comuni, è un animale molto pulito. Se dovessi rispettare un tale comandamento mi chiederei allora: perchè l'hai creato, Dio?
Riguardo alle bevande alcoliche condivido in parte. E' vero che l'eccesso è distruttivo ma l'impostazione nostra è parimenti a quella sul vestiario: si suppone che una persona sappia moderarsi. Purtroppo talvolta non è così.

Citazione:
Viaggiare da sola: le donne vengono stuprate/derubate/picchiate per strada mentre stanno andando a casa o all'universita' da sole, in tratti di distanza ancora piu irrisori, cosa potrebbe accadere ad una donna che prende un aereo Milano - Roma senza nessuno che la accompagni ?! La presenza di uomo ferma (o dovrebbe fermare ) il malintenzionato a priori!

Non proprio, sono successi tanti casi in cui in gruppo hanno ridotto in fin di vita l'uomo prima di violentare la ragazza. Non è un uomo che ferma l'atto, purtroppo. Di contro ciò quasi "libera" i malintenzionati che penseranno che se la donna è sola si merita forse ciò che le sta per accadere.
Non so, è una cosa che è veramente fuori dai miei schemi e fatico a comprendere. La mia fiancée è andata spesso a studiare all'estero e diverse suo compagne di università sono Musulmane ma erano a Milano per studiare, da sole e mai per un momento mi sono posto il minimo dubbio riguardo la loro sicurezza.

Citazione:
Guarda che c'e' di gente depravata da far schifo in giro!

Vero, di gente malata in giro ce n'è tantissima ma non ci si può far molto, se non cercare di tutelarsi quanto possibile.
Nel caso che tu riporti, mi chiedo come mai il medico fosse da solo con la paziente, di solito non c'è anche una infermiera (oltre al marito stesso)?

Citazione:
Ho notato che l'Islam viene sempre mischiato con la pazzia di musulmani che di Islam ne sanno poco e con la tradizione dei popoli.
Questo ovviamente non è colpa di sine nomine ma dei media che, da questo punto di vista, fanno un lavoro impeccabile, purtroppo.

Buongiorno anche a te. Toglimi una curiosità, un non credente di solito come vi saluta? Insomma, "Salam aleykum" è un saluto Arabo o Musulmano (visto che poi sottolinei la differenza)?
Tornando alla tua affermazione, molto dipende da quali media segui. Come già accennato non seguo la TV, soprattutto quella italiana poiché è totalmente vuota. Ho di recente seguito un dibattito interessante riguardo al questione dei Musulmani in Inghilterra, legata alla vicenda dei vignette su Muhammad e se i Musulmani stessi potessero essere un problema e inficiare alla libertà di satira ed espressione. Questo per cercare di farti capire che cerco di informarmi e non mi bevo a prescindere le banfate che propinano i media.

Grazie infine per la tua ultima frase. Sebbene ci siano cose che non condivido e altre che non comprendo appieno, conoscere il punto di vista e la cultura altrui consente di superare tutto ciò che si basa solo sulla diffidenza e sull'ignoranza.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Domande e Risposte Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 5.641