Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Ateo in famiglia e punizione apostasia
Vai a 1, 2  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Giudizi, sanzioni, corti
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Lun Feb 19, 2018 5:49 pm    Oggetto: Ads

Top
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2738
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Gio Apr 19, 2012 8:32 pm    Oggetto: Ateo in famiglia e punizione apostasia Rispondi citando

Salam Aleikum a tutti,
ma se in una famiglia musulmana, uno dei membri (che prima era musulmano) si 'converte' all'ateismo, e non si è un paese in cui vige la Shariaa, la famiglia come si deve comportare nei confronti del figlio/a?

Cacciarlo di casa?
Tenerlo a casa imponendogli un regime Islamico?
Lasciarlo libero di fare ciò che vuole tanto ormai (a meno che non ritorni sulla via delle fede) la sua anima è perduta?


Inoltre ho letto che l'apostasia è l'unico peccato che Dio non perdona.
Quindi un Musulmano che diventa ateo e poi ritorna all'Islam va all'inferno?
Oppure Dio non perdona solo colui che muore da apostata?


Nei paesi dove vige la Shariaa bisognerebbe uccidere l'apostata (previo la presenza di tutte le condizioni.. Tentare di farlo riconvertire, il fatto che egli abbia fatto "testimonianza" di ateismo davanti a testimoni ecc. ).

Ma perchè non si tiene in conto che un giorno o l'altro potrebbe cambiare idea, anche se non ha cambiato idea quando la "giuria" ha tentato di riportarlo all'Islam?
Forse questo non tener conto che potrebbe cambiare idea dimostra che un ateo ormai è destinato all'inferno anche se un giorno dovesse pentirsi?

E che quindi Allah (mi potete dire qual'è la frase che si scrive quando si pronuncia o scrive il nome di Dio) non ammette perdono per questo tradimento assoluto?

Grazie
Salam Aleikum

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
Ibrahim al-Youtubi
Rahimahullah


Registrato: 17/01/10 02:15
Messaggi: 2101
Residenza: la genova che conta

MessaggioInviato: Gio Apr 19, 2012 8:46 pm    Oggetto: Rispondi citando

salam aleikum

soroboru ha scritto
Citazione:
la famiglia come si deve comportare nei confronti del figlio/a?

Cacciarlo di casa?
Tenerlo a casa imponendogli un regime Islamico?
Lasciarlo libero di fare ciò che vuole tanto ormai (a meno che non ritorni sulla via delle fede) la sua anima è perduta?
non ne ho idea.perlomeno cercare di fargli dawah.

soroboru ha scritto

Citazione:
Inoltre ho letto che l'apostasia è l'unico peccato che Dio non perdona.
Quindi un Musulmano che diventa ateo e poi ritorna all'Islam va all'inferno?
Oppure Dio non perdona solo colui che muore da apostata?
è l unico peccato che Allah non perdona senza che la persona ripete la shahada,esempio,fulan beve una birra e muore senza essersene pentito ma in uno stato di iman (quando muore è muslim)Allah decide che perdona il suo peccato senza nemmeno che lui se ne sia pentito.

esempio due,fulan commette apostasia (bestemmia,cambia religione,considera halal bere vini,considera la sharia una legge superata,diventa ateo,va dai maghi,legge le carte,sacrifica animali in nome di altri che Allah,si arruola in un esercito che combatte i musulmani ecc ecc gli esempi sono tanti)e muore senza aver ripetuto shahada ed essersi pentito dell apostasia che ha commesso.Allah non perdonera mai questa cosa.

soroboru ha scritto
Citazione:
Nei paesi dove vige la Shariaa bisognerebbe uccidere l'apostata (previo la presenza di tutte le condizioni.. Tentare di farlo riconvertire, il fatto che egli abbia fatto "testimonianza" di ateismo davanti a testimoni ecc. ).
si

soroboru ha scritto
Citazione:
Ma perchè non si tiene in conto che un giorno o l'altro potrebbe cambiare idea, anche se non ha cambiato idea quando la "giuria" ha tentato di riportarlo all'Islam?
uno,la legge di Allah stabilisce cosi,e cosi si fa,due con questo criterio uno non farebbe piu jihad perchè magari i miscredenti che ci combattono domani potrebbero diventare musulmani,quindi perche ammazzarli ora?

soroboru ha scritto
Citazione:
E che quindi Allah (mi potete dire qual'è la frase che si scrive quando si pronuncia o scrive il nome di Dio) non ammette perdono per questo tradimento assoluto?
vedi sopra,vicino ad Allah puoi scrivere varie formule azza wa jal,jalla jallaluhu,subbhana wa ta 3ala....

spero di esserti stato utile.

_________________
"la salafia,assieme alla coca cola e all happy meal è il prodotto della globalizazzione capitalistica statunitense"

"la salafia è una multinazionale capitalistica con sede a ryadh e i maggiori azionisti negli stati uniti e israele"

"mc donald ha ronald mc donald come mascotte,la salafia ha al albani e ibn baz......

salafia im lovin it!!"
Top
Profilo Invia messaggio privato
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2738
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Gio Apr 19, 2012 9:11 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
esempio due,fulan commette apostasia (bestemmia,cambia religione,considera halal bere vini,considera la sharia una legge superata,diventa ateo,va dai maghi,legge le carte,sacrifica animali in nome di altri che Allah,si arruola in un esercito che combatte i musulmani ecc ecc gli esempi sono tanti)e muore senza aver ripetuto shahada essendosi pentito dell apostasia che ha commesso.Allah non perdonera mai questa cosa.

Quendi se questo Fulan dell'esempio due si pente e ridiventa Musulmano, verrà perdonato?
Citazione:

Soroboru ha scritto
Citazione:
Ma perchè non si tiene in conto che un giorno o l'altro potrebbe cambiare idea, anche se non ha cambiato idea quando la "giuria" ha tentato di riportarlo all'Islam?

Ibrahim al-Youtubi ha scritto
Citazione:
uno,la legge di Allah stabilisce cosi,e cosi si fa,due con questo criterio uno non farebbe piu jihad perchè magari i miscredenti che ci combattono domani potrebbero diventare musulmani,quindi perche ammazzarli ora?



Ma un conto è uccidere uno che ti sta combattendo. Se aspetti a quando si converte sei già morto, visto che a quel punto è lui a uccidere te.

Un conto è uccidere un uomo per una sua decisione personale che potrebbe essere transitoria.

Per esempio. Capisco che una persona che ha commesso adulterio venga lapidata. Così ucciderla in questa vita le permetterà di andare in Paradiso nella prossima vita.

Ma uccidere un'apostasta senza lasciargli il tempo di tornare all'Islam significa solo consacrarlo all'Inferno.

Non è per fare i soliti moralismi facili. Oddio la lapidazione. Oddio questo, Oddio quello.

No, è per capire.

Di solito si sacrifica una persona a questa vita (lapidandola frustandola ecc.) per consacrarla al Paradiso.

Ma quando si uccide un apostata si cristallizza e blocca la sua vita al momento della sua apostasia. Quindi lo si condanna all'Inferno. Se invece lo si lasciasse vivere, avendo fede nel fatto che è Dio a tenere le redini dei cuori umani, lui potrebbe un giorno riconvertirsi. E qualora non lo facesse, andrebbe comunque all'inferno. Quindi perchè tanta fretta a eliminarlo?



Chiaramente a tutte queste domande mi si può semplicemente rispondere che Allah (subhana wa Ta3ala) ha stabilito così.
Ok. Allora però non ha senso fare domande. E neanche serve un Forum per fare domande.
(ok servirebbe comunque per rispondere a questioni di fatto. E non di merito).
Però è lecito fare domande.
Io mi chiedo questa cosa.
Poi se mi rispondete che Allah ha deciso così va benissimo lo stesso.
Però qualora ci fosse una motivazione umanamente comprensibile, mi farebbe piacere conoscerla.

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)


L'ultima modifica di Von Sor il Gio Apr 19, 2012 10:13 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
Ibrahim al-Youtubi
Rahimahullah


Registrato: 17/01/10 02:15
Messaggi: 2101
Residenza: la genova che conta

MessaggioInviato: Gio Apr 19, 2012 9:23 pm    Oggetto: Rispondi citando

si,se una persona dopo aver fatto apostasia si pente e ridiventa musulmano ripetendo la testimonianza di fede verrà ri contato fra le file dei musulmani e Allah lo perdonerà se la sua shahada è sincera.

per il discorso dell apostata,magari umar sapra essere piu chiaro di me a rispondere,mashallah lui ha davvero più tawfiq nel fare questo di ognuno di noi.

in ongni caso tu pensa ad esempio alle coorti marziali,se un militare vende informazioi ad un paese nemico viene immediatamente fucilato senza nemmeno chiedere se si è pentito o no.
tu pensa che lo stato islamico è un pò come un grande esercito,e un apostata,che fà apostasia in maniera cosi chiara da essere portato davanti a un tribunale islamico,probabilmente è una persona che sparge un sacco di fitna e sedizione,alimentando scandali e spargendo la blasfemia e la confusione fra le fila dei musulmani......bisognerà apsettare che semmai un giorno tornera musulmano,o e piu logico DOPO AVER CERCATO DI CONVINCERLO a tornare sui suoi passi,al suo rifiuto da persona sana e matura,ucciderlo e porre fine a questa fitna?

_________________
"la salafia,assieme alla coca cola e all happy meal è il prodotto della globalizazzione capitalistica statunitense"

"la salafia è una multinazionale capitalistica con sede a ryadh e i maggiori azionisti negli stati uniti e israele"

"mc donald ha ronald mc donald come mascotte,la salafia ha al albani e ibn baz......

salafia im lovin it!!"
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14953
Residenza: Madhhab: Hanafi-Deobandi

MessaggioInviato: Ven Apr 20, 2012 7:27 am    Oggetto: Re: Ateo in famiglia Rispondi citando

soroboru ha scritto:
Salam Aleikum a tutti,
ma se in una famiglia musulmana, uno dei membri (che prima era musulmano) si 'converte' all'ateismo, e non si è un paese in cui vige la Shariaa, la famiglia come si deve comportare nei confronti del figlio/a?

Cacciarlo di casa?
Tenerlo a casa imponendogli un regime Islamico?
Lasciarlo libero di fare ciò che vuole tanto ormai (a meno che non ritorni sulla via delle fede) la sua anima è perduta?


Wa `alaykum assalam wa rahmatullahi wa barakatuh,

Visto che non è applicabile la punizione prevista (visto che qui in Italia non è implementata la Shari`ah), credo che la soluzione migliore dipenda da diversi fattori, tra cui la sua personalità e carattere, etc., in vista di ciò che è più probabile possa riportarlo in Islam.
In situazioni e contesti nelle quali i legami sociali sono molto forti, il boicottaggio e l'isolamento possono rivelarsi ottimi modi per spingere una persona a ri-pensare la questione e pentirsi, dopo essersi trovata tutte le porte sbarrate.
In altri contesti, invece, può risultare più proficuo non spezzare i legami e continuare a fare pressioni (nei modi più adatti ed opportuni), soprattutto se si ritiene con ragionevole certezza che allontanare questa persona non farebbe che rendergli le cose più facili, facendola sentire "libera" di fare ciò che vuole e senza alcun vincolo.

Ma ovviamente, in ogni caso dev'essere chiaro che tale scelta disastrosa non può in alcun modo venir condonata, ed i legami affettivi con questa persona devono ovviamente risentire di ciò

soroboru ha scritto:
Inoltre ho letto che l'apostasia è l'unico peccato che Dio non perdona.
Quindi un Musulmano che diventa ateo e poi ritorna all'Islam va all'inferno?
Oppure Dio non perdona solo colui che muore da apostata?


La seconda: l'apostasia così come lo shirk ed il kufr non vengono perdonati a chi non si penta di essa (a differenza degli altri peccati che invece Allah se vuole (non è automatico) può perdonare ai Musulmani anche se essi non se ne pentono).
Chi invece si pente sinceramente di eventuale shirk/kufr commesso, e torna in Islam, insha'Allah sarà perdonato.

Gli esempi dati dal fratello Ibrahim al-Youtubi dovrebbero chiarire ancora meglio i diversi casi.

soroboru ha scritto:
Nei paesi dove vige la Shariaa bisognerebbe uccidere l'apostata (previo la presenza di tutte le condizioni.. Tentare di farlo riconvertire, il fatto che egli abbia fatto "testimonianza" di ateismo davanti a testimoni ecc. ).

Ma perchè non si tiene in conto che un giorno o l'altro potrebbe cambiare idea, anche se non ha cambiato idea quando la "giuria" ha tentato di riportarlo all'Islam?


Devi considerare che - in un contesto islamico nel quale sia applicata la Shari`ah - vengono offerti all'apostata diversi giorni per ritornare in Islam, nei quali egli ha l'occasione di ascoltare a fondo le esortazioni di persone istruite che possono fugare qualsiasi suo dubbio, oltre che venir chiaramente posto di fronte all'esito del suo rifiuto di ritornare in Islam.
Dopo un tot di tempo, se egli continua a rifiutarsi, non si può dire che non abbia avuto l'occasione di "ripensarci" o "cambiare idea"; un cancro va' estirpato, per prevenire ulteriori danni.

Altrimenti, sarebbe come dire "Tizio, non-Musulmano, è morto a 29-53-84 anni di età. Ma magari, se fosse vissuto un mese in più, avrebbe accettato l'Islam, allora perché andrà all'inferno?".. Ma Allah sapeva che se anche fosse vissuto mille anni, sarebbe rimasto nel kufr, ed il Suo decreto è infallibile.
E similmente, Egli nella Sua saggezza ha decretato la pena per l'apostasia (in presenza delle relative condizioni, etc.).

soroboru ha scritto:
Forse questo non tener conto che potrebbe cambiare idea dimostra che un ateo ormai è destinato all'inferno anche se un giorno dovesse pentirsi?

E che quindi Allah (mi potete dire qual'è la frase che si scrive quando si pronuncia o scrive il nome di Dio) non ammette perdono per questo tradimento assoluto?


No, come già spiegato prima: anche il kufr e lo shirk vengono perdonati a chi si penta sinceramente di essi.
Sennò, non sarebbe nemmeno possibile convertirsi all'Islam, visto che qualsiasi "convertito" prima di accettare l'Islam era un kafir.

Ibrahim al-Youtubi ha scritto:
è l unico peccato che Allah non perdona senza che la persona ripete la shahada,esempio,fulan beve una birra e muore senza essersene pentito ma in uno stato di iman (quando muore è muslim)Allah decide che perdona il suo peccato senza nemmeno che lui se ne sia pentito.


Allah se vuole può decidere di perdonare il suo peccato anche se questi non se ne fosse pentito.
(Altrimenti, egli potrà essere punito all'inferno per un certo periodo di tempo, prima di essere ammesso in paradiso).

Dunque, non è automatico o garantito, il Suo perdono. Mentre Allah ci ha informato che insha'Allah perdona tutti i peccati di chi si pente sinceramente.

soroboru ha scritto:
Un conto è uccidere un uomo per una sua decisione personale che potrebbe essere transitoria.

Ma uccidere un'apostasta senza lasciargli il tempo di tornare all'Islam significa solo consacrarlo all'Inferno.

Ma quando si uccide un apostata si cristallizza e blocca la sua vita al momento della sua apostasia. Quindi lo si condanna all'Inferno. Se invece lo si lasciasse vivere, avendo fede nel fatto che è Dio a tenere le redini dei cuori umani, lui potrebbe un giorno riconvertirsi. E qualora non lo facesse, andrebbe comunque all'inferno. Quindi perchè tanta fretta a eliminarlo?


Innanzitutto, come abbiamo visto egli non viene ucciso immediatamente, ma anzi, per un tot periodo di tempo gli vengono offerte numerose possibilità ed occasioni di evitare la pena.
Ma se anche di fronte all'ipotesi di venire ucciso egli resta saldo nella sua apostasia (quando avrebbe pure potuto fingere di ritornare in Islam e dunque fermare la fitnah da lui innescata nella società [una delle ragioni ] e dunque evitare tutti i relativi danni), vuol dire che ne è davvero convinto, e dunque si sarà preso la responsabilità delle sue azioni. E se avrà abbracciato un'altra religione, crederà lui stesso di venir ricompensato per il suo "martirio", e se è diventato ateo, crederà di andare di fronte al "nulla" un po' prima di quanto si sarebbe aspettato.

Anche il punto di "prendersi la responsabilità delle proprie azioni" è un elemento essenziale: se una persona agisce in maniera tale da mettere in pericolo l'intera società (chessò, minaccia di far saltare un mercato), egli verrà neutralizzato il prima possibile, in qualsiasi società. Anche se ciò significherebbe "toglierli la possibilità di pentirsi in seguito".
Figurati quanto più grave ancora è la situazione, quando a venir messo in pericolo è quanto di più prezioso: l'iman in un'intera società - e questo è ciò che è in ballo di fronte ad un caso di apostasia, e l'Islam dà molta attenzione agli effetti sociali delle azioni individuali; basti pensare pure al
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

; figuriamoci l'apostasia!

Considera, ancora, un disertore od un traditore nel campo di battaglia: lo si lascia libero di seminare i semi del dissenso o della propaganda nemica tra le stesse fila del proprio esercito, o lo si neutralizza?

EDIT: Masha'Allah ho letto solo ora (dopo aver già inviato la mia risposta) il secondo post di Ibrahim al-Youtubi, e vedo che abbiamo espresso lo stesso ragionamento/esempi! :-) Scusate la ripetizione, allora!

Ma oltre a tutto ciò, considera l'elemento essenziale: la decisione di uccidere l'apostata laddove sia implementata la Shari`ah non è una decisione presa da degli esseri umani, una teoria politica, una legge umana. E' un precetto stabilito da Dio, ovvero Colui che ha creato quella persona, e colui che la giudicherà. Egli è il più saggio e giusto.

soroboru ha scritto:
Non è per fare i soliti moralismi facili. Oddio la lapidazione. Oddio questo, Oddio quello.

No, è per capire.


Ottimo.

soroboru ha scritto:
Chiaramente a tutte queste domande mi si può semplicemente rispondere che Allah (subhana wa Ta3ala) ha stabilito così.
Ok. Allora però non ha senso fare domande. E neanche serve un Forum per fare domande.
(ok servirebbe comunque per rispondere a questioni di fatto. E non di merito).
Però è lecito fare domande.
Io mi chiedo questa cosa.
Poi se mi rispondete che Allah ha deciso così va benissimo lo stesso.
Però qualora ci fosse una motivazione umanamente comprensibile, mi farebbe piacere conoscerla.


Mi piace il ragionamento, e difatti è così: il punto base essenziale di tutto è che se Allah ha deciso qualcosa, noi ci sottomettiamo alla Sua Legge, anche se non la comprendiamo.
Poi, però, se ci sono dei "ragionamento" o delle "saggezze" che possiamo individuare in esse, non c'è problema a menzionarle. Purché non si creda poi che siano queste le "cause" di quelle regole!

La saggezza nella leggi della Shari`a e la nostra limitatezza -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Von Sor
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 03/05/11 11:55
Messaggi: 2738
Residenza: Siena

MessaggioInviato: Ven Apr 20, 2012 12:49 pm    Oggetto: Rispondi citando

Beh si, effettivamente diventare atei in una società Musulmana dove si sa benissimo che si va incontro alla morte, è ben altra cosa che farlo in un paese non Musulmano, dove ormai è una moda.


Però a questo punto non capisco una cosa.

Ma un apostata in un paese Arabo è un suicida?

Di fatto gli basterebbe trasferirsi da qualche altra parte e poi diventare Ateo.

Un conto è voler sfidare il mondo per un Idea ed essere disposti in nome di questa a morire, ma morire per il Nulla non ha molto senso.

A meno che per apostastia non si intenda anche passare dall'Islam ad un altra religione.

Un musulmano che diventa Cristiano è apostata?

Se la risposta è si, vuol dire che questa persona X è disposta a morire in nome del Cristianesimo e quindi è chiaramente in buona fede.

(E' diverso il caso di un uomo disposto a morire per ateismo, perchè lì c'è chiaramente l'intenzione di sfidare Dio e gli uomini. Infatti se questa persona fosse davvero atea non darebbe alcun peso al valore della "verità" e penserebbe soltanto a godersi la vita terrena, senza preoccuparsi di professare pubblicamente la sua non fede).

Allah non tiene conto della buona Fede?

Insomma, nessuno è disposto a morire se non è sicuro al cento per cento che la religione per cui muore è quella giusta.

E quindi le intenzioni di X sono buone: Morire per la verità. Anche se "ha sbagliato verità".

Quindi si deve riconoscere a questa persona onore, coraggio e nobiltà d'animo.

Tutte caratteristiche che se non degne di un cittadino del paradiso, quantomeno sono degne del migliore dei dannati. Staghfirullah se questa cosa non si può dire.

Si dice che coloro che avendo ricevuto il mesaggio Islamico e avendolo deciso di ignorare o abbandonare andranno all'Inferno.
Però questa parola conoscere potrebbe voler dire qualsiasi cosa.

Conoscere significa cogliere la verità dell'Islam. Aderire. Capire interamente. E non semplicemente averne sentito parlare o aver vissuto per i primi anni della propria vita l'Islam senza capirci niente e solo perchè i genitori così facevano.

Quindi chi abbandona il messaggio Islamico per un altro Messaggio, semplicemente non aveva colto la verità dell'Isalm. Non l'aveva "conosciuto".

Un 'ultima cosa. Ma dove sono scritti i precetti della Shariaa? Sono stati desunti dal corano e dagli Hadith?


Grazie

Salam Aleikum

_________________
'Abdullah bin 'Umar [...] said:"Muhammad used to fight against the pagans, for a Muslim was put to trial in his religion (The pagans will either kill him or chain him as a captive). His fighting was not like your fighting which is carried on for the sake of ruling."

“il 66 per cento della produzione mondiale di cereali è destinato alla alimentazione degli animali dei paesi ricchi” Ibid.


"Questa vita terrena non è altro che gioco e trastullo. La dimora ultima è la vera vita, se solo lo sapessero!" Al Ankabut 64

Quando ho cominciato ad usare la dinamite, allora credevo anch'io in tante cose, in tutte... e ho finito per credere solo nella dinamite.

"In verità dovrai morire" Corano (29;39)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14953
Residenza: Madhhab: Hanafi-Deobandi

MessaggioInviato: Ven Apr 20, 2012 4:37 pm    Oggetto: Rispondi citando

soroboru ha scritto:
Beh si, effettivamente diventare atei in una società Musulmana dove si sa benissimo che si va incontro alla morte, è ben altra cosa che farlo in un paese non Musulmano, dove ormai è una moda.


Ma chiaramente, ciò verrà punito allo stesso modo nell'altra vita; l'unica cosa che cambia è la possibilità o meno di eseguire la pena prevista (che può essere implementata solo da un governo islamico che implementi la Legge sacra.

soroboru ha scritto:
Ma un apostata in un paese Arabo è un suicida?

Di fatto gli basterebbe trasferirsi da qualche altra parte e poi diventare Ateo.


Esatto...

Ma diciamo più precisamente un paese Musulmano, sia perché ci sono paesi arabi a maggioranza non-Musulmana, sia perchè gli arabi sono solo il
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

, e del restante 75-70% di Musulmani non-arabi, molti di loro vivono in paesi a maggioranza Musulmana.

soroboru ha scritto:
A meno che per apostastia non si intenda anche passare dall'Islam ad un altra religione.

Un musulmano che diventa Cristiano è apostata?


Sì, chiunque abbandoni l'Islam è un apostata. Che lo faccia per diventare ateo, ebreo, cristiano, buddhista, comunista, nazista, liberale o democratico. E' tutto kufr.

soroboru ha scritto:
Un conto è voler sfidare il mondo per un Idea ed essere disposti in nome di questa a morire, ma morire per il Nulla non ha molto senso.

(...)

Se la risposta è si, vuol dire che questa persona X è disposta a morire in nome del Cristianesimo e quindi è chiaramente in buona fede.

(E' diverso il caso di un uomo disposto a morire per ateismo, perchè lì c'è chiaramente l'intenzione di sfidare Dio e gli uomini. Infatti se questa persona fosse davvero atea non darebbe alcun peso al valore della "verità" e penserebbe soltanto a godersi la vita terrena, senza preoccuparsi di professare pubblicamente la sua non fede).

Allah non tiene conto della buona Fede?

Insomma, nessuno è disposto a morire se non è sicuro al cento per cento che la religione per cui muore è quella giusta.

E quindi le intenzioni di X sono buone: Morire per la verità. Anche se "ha sbagliato verità".

Quindi si deve riconoscere a questa persona onore, coraggio e nobiltà d'animo.


Sorella la divisione non è tra "fede" ed "ateismo", tra "religioni tradizionali" e "materialismo ateo".
La divisione è tra Islam e kufr.

E tutto ciò che non è Islam è kufr, che si tratti di un religiosissimo monaco di qualsiasi religione, o di un ateo sfegatato (poi sì, un cristiano ed un ebreo saranno relativamente più vicino all'Islam, perché con loro abbiamo molte più cose in comune, a partire dal credere in Dio, etc., ma si tratta di una vicinanza "relativa", e con loro che comunque rimangono all'interno della "sfera" del kufr).
Perchè il kufr è la negazione dell'Islam (e quindi dell'Unicità di Dio, del riconoscimento del Profeta Muhammad e di tutti i profeti precedenti, del Qur'an e di tutti i libri precedenti, etc.), non semplicemente "non credere in Dio"; anche chi crede in Dio ma Gli associa altri nel suo culto, o non riconosce la missione profetica del Profeta Muhammad , è un kafir.

Quindi, Allah tiene conto dell'Iman (che non è completo senza la credenza in tutti i sei pilastri della fede), non della "buona fede" o della convinzione in se stessi od in qualcosa che Lui non accetta.

Inoltre, non è questione di "valori", "onore", "coraggio", "coerenza", "nobiltà d'animo", "valori cavallereschi" o superomismo nietzschiano: è questione di Haqq (verità) e Batil (falsità).
Una persona può essere la più coraggiosa, coerente, valorosa e "sincera", ma se si schiera col kufr, finirà comunque all'inferno.

I valori che contano sono quelli che Allah ha stabilito per le rispettive occasioni,
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

o concezioni filosofico/ideologico/valoriali.

soroboru ha scritto:
Tutte caratteristiche che se non degne di un cittadino del paradiso, quantomeno sono degne del migliore dei dannati.


Beh, in base a che cosa?, chi l'ha detto,?
Anche tra i Quraysh che combattevano i Musulmani c'erano guerrieri forti, estremamente coraggiosi, valorosi e che tenevano in gran conto l'"onore" e tanti altri valori "buoni". Ma li hanno indirizzati nella lotta contro la Verità, e sono morti come kuffar.

soroboru ha scritto:
Si dice che coloro che avendo ricevuto il mesaggio Islamico e avendolo deciso di ignorare o abbandonare andranno all'Inferno.
Però questa parola conoscere potrebbe voler dire qualsiasi cosa.

Conoscere significa cogliere la verità dell'Islam. Aderire. Capire interamente. E non semplicemente averne sentito parlare o aver vissuto per i primi anni della propria vita l'Islam senza capirci niente e solo perchè i genitori così facevano

Quindi chi abbandona il messaggio Islamico per un altro Messaggio, semplicemente non aveva colto la verità dell'Isalm. Non l'aveva "conosciuto"..


Chiaramente ci sono diversi livelli di conoscere, ed i sapienti hanno parlato della situazione di chi ad esempio sapesse che i Musulmani sono solo gente che si veste in un certo modo e nulla di più, e che non sono stati effettivamente raggiunti dal messaggio dell'Islam.

Vedi:
The People of Al-A’raf - Shah Waliullah al-Muhaddith al-Dahlawi -

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ed in effetti ci possono essere casi estremi di qualcuno nato da genitori assolutamente non praticanti e che non gli hanno fornito alcuna informazione sulla sua fede, e che dunque non conosca dell'Islam nemmeno gli elementi essenziali obbligatori. Ed in tal caso dubito che, tanto per cominciare, egli si possa proprio considerare Musulmano.

Ma al di là di questi casi veramente estremi, non dobbiamo relativizzare la questione del "conoscere" a fondo fino a giustificare molti casi di apostasia, perché parliamoci francamente, di questi tempi si può riuscire ad essere completamente ignoranti dell'Islam solo se non se ne vuole proprio sapere e ci si rifiuta coscientemente di imparare al riguardo.

Ed una persona che - tanto più oggigiorno - abbandoni l'Islam per il cristianesimo significa il concetto puro e chiarissimo del Tawhid per lo shirk della "trinità", disconoscendo la missione del Migliore della Creazione , ed attribuendo caratteristiche unicamente divine alle creature. E tutto ciò non può avere alcuna giustificazione, per quanto egli potrà essere in ""buona fede"" e sincero..

soroboru ha scritto:
Un 'ultima cosa. Ma dove sono scritti i precetti della Shariaa? Sono stati desunti dal corano e dagli Hadith?


Esattamente, sono desunti dal Qur'an e dagli Ahadith.
E sono "contenuti" e raccolti in centinaia, migliaia di volumi di opere di giurisprudenza ed altre scienze islamiche, trasmesseci dai sapienti delle varie scuole giuridiche.

Per la vastità (e complessità della materia) è virtualmente "impossibile" raccoglierli tutti in un'unica opera.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



L'ultima modifica di Sufi Aqa il Sab Apr 21, 2012 1:42 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Fabb Yusuf Tarenti
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 19/09/10 02:25
Messaggi: 1422
Residenza: Bologna / Taranto

MessaggioInviato: Sab Apr 21, 2012 12:54 am    Oggetto: BismiLlahi arRahmani arRahim Rispondi citando

AsSalaamu `alaykum wa rahmatuLlahi wa barakaatuHu,

scusate la divagazione, ma non posso fare a meno di chiederlo.
Perché Ibrahim include tra gli esempi di ridda (apostasia) l'arruolarsi in un esercito che combatte i musulmani?
È kufr farlo? A che condizioni e in che casi? E in base a quali fonti?

_________________
(([49.11] O credenti, non scherniscano alcuni di voi gli altri, ché forse questi sono migliori di loro. E le donne non scherniscano altre donne, ché forse queste sono migliori di loro. Non diffamatevi a vicenda e non datevi nomignoli. Com'è infame l'accusa di iniquità rivolta a chi è credente ! Coloro che non si pentono sono gli iniqui.)) 49:11



(Dio non è un uomo da potersi smentire,
non è un figlio dell'uomo da potersi pentire.
Forse Egli dice e poi non fa?
Promette una cosa che poi non adempie?)

Numeri 23:19 (BIBBIA)


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM Yahoo MSN
Ibrahim al-Youtubi
Rahimahullah


Registrato: 17/01/10 02:15
Messaggi: 2101
Residenza: la genova che conta

MessaggioInviato: Sab Apr 21, 2012 2:20 am    Oggetto: Rispondi citando

vedo che non hai problemi a dichiarare kafir una persona come tarik ramadan che combatte l islam e i musulmani con le parole,come mai ti meravigli a sentire chiamato kafir colui che li combatte con le azioni e con il fuoco?
sarebbero per te musulmani i soldati di bashar al assad?probabilmente non esisteresti un secondo a dirmi,certo che no anche se ti dicessi che sono in terza fila cucinano e stanno nelle furerie.
mentre magari pensi a tutti quei musulmani di origine,residenti in uk,usa,italia,germania ecc ecc che per comodità si arruolano in un esercito occidentale nato di qualche paese in cui viviamo e a cui siamo assoggettati e con tutte le sviolinature mediatiche a disposizione e allora sei subito pronto a polemizzare con chi gli chiama kuffar.

quale dubbio ci sarebbe scusa?uno che entra in un esercito kafir in guerra con i musulmani,eccetto con lui che lo faccia con l intenzione di sabotarlo sarebbe musulmano?

hasbunallah wa ni3ma l wakil

_________________
"la salafia,assieme alla coca cola e all happy meal è il prodotto della globalizazzione capitalistica statunitense"

"la salafia è una multinazionale capitalistica con sede a ryadh e i maggiori azionisti negli stati uniti e israele"

"mc donald ha ronald mc donald come mascotte,la salafia ha al albani e ibn baz......

salafia im lovin it!!"
Top
Profilo Invia messaggio privato
Fabb Yusuf Tarenti
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 19/09/10 02:25
Messaggi: 1422
Residenza: Bologna / Taranto

MessaggioInviato: Sab Apr 21, 2012 10:46 am    Oggetto: BismiLlahi arRahmani arRahim Rispondi citando

Non intendo basare la mia aqida sulle passioni o su congetture, per questo non mi esprimo finché non ho prove dal Corano e dalla Sunna.
Quindi fornitemi fatawa, estratti da manuali di aqida o altri libri sapienziali. Il resto non mi interessa.

_________________
(([49.11] O credenti, non scherniscano alcuni di voi gli altri, ché forse questi sono migliori di loro. E le donne non scherniscano altre donne, ché forse queste sono migliori di loro. Non diffamatevi a vicenda e non datevi nomignoli. Com'è infame l'accusa di iniquità rivolta a chi è credente ! Coloro che non si pentono sono gli iniqui.)) 49:11



(Dio non è un uomo da potersi smentire,
non è un figlio dell'uomo da potersi pentire.
Forse Egli dice e poi non fa?
Promette una cosa che poi non adempie?)

Numeri 23:19 (BIBBIA)


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM Yahoo MSN
Ibrahim al-Youtubi
Rahimahullah


Registrato: 17/01/10 02:15
Messaggi: 2101
Residenza: la genova che conta

MessaggioInviato: Sab Apr 21, 2012 12:04 pm    Oggetto: Rispondi citando

siccome basi la tua aqida dal corano e dalla sunna

ecco qualcosa dal corano (traduzione) "C'è per voi un esempio eccellente da seguire in Abramo e in quelli insieme a lui, quando dissero alla loro gente: noi ci teniamo a distanza da voi e da ciò che adorate oltre Allah. Vi abbiamo rinnegati. E tra noi e voi vi è inimicizia e odio eterno, fino a che crediate in Allah, in Lui soltanto." [Al-Mumtahanah, 4]


"O voi che credete! Non prendete gli Ebrei (Yahud) e i Cristiani (Nasara) per amici (Awliyya). Essi sono Awliyya gli uni con gli altri. E colui in mezzo a voi che si volge a loro, è uno di loro. Invero Allah non guida un popolo ingiusto." [Al-Ma'ida, 51]


"O voi che credete! Non prendete i Miei nemici e i vostri nemici come Awliyya." [Al-Mumtahanah, 1]

"O voi che credete! Non prendete i vostri padri e i vostri fratelli come Awliyaa, se essi amano la miscredenza (Kufr) invece della fede (Iman). Se qualcuno di voi lo fa, essi sono ingiusti." [At-Tawbah, 23]

"Non troverai un popolo che creda in Allah e nell'Ultimo Giorno, che ami coloro che si oppongono ad Allah e al Suo Messaggero, anche se fossero i loro padri, figli, fratelli, parenti..." [Al-Mujadilah, 22]

"I vostri veri amici sono Allah, il Suo Messaggero e i Credenti, coloro che stabiliscono la Salat e la Zakat e si sottomettono ad Allah. E coloro che si rivolgono ad Allah, al Suo Messaggero e ai Credenti (per amicizia), è il partito di Allah che trionferà." [Al-Ma'ida, 55-56]

"Muhammad è il Messaggero di Allah e coloro che sono con lui, sono saldi contro i Kuffar e misericordiosi gli uni con gli altri..." [Al-Fath, 29]

e se questo non ti basta ci sono numerosissimi hadith dove il messaggero di Allah si dichiara LIBERO da chi vive in mezzo ai kuffar (figuriamoci combattere con loro contro i musulmani.

se invece quello che vuoi sono le fatawa di qualche alim corrotto e debole che per quieto vivere rende halal ciò che Allah ha vietato è un altro discorso,ci sono anche persone che nelle loro fatawa rendono lecita qualsiasi cosa possa portarli fama,tranquillità,denaro e ammirazione da parte dei nemici di Dio.
ma non per questo io farò quello che gli ebrei e i cristiani hanno fatto prima di noi prendendo i loro monaci e rabbini come signori all infuori di Allah. perchè prima di tutto io sono un monoteista seguace della millat ibrahim.e non un pazzo che segue le sue passioni come di tanto in tanto c è la tendenza ad insinuare.

_________________
"la salafia,assieme alla coca cola e all happy meal è il prodotto della globalizazzione capitalistica statunitense"

"la salafia è una multinazionale capitalistica con sede a ryadh e i maggiori azionisti negli stati uniti e israele"

"mc donald ha ronald mc donald come mascotte,la salafia ha al albani e ibn baz......

salafia im lovin it!!"
Top
Profilo Invia messaggio privato
Fabb Yusuf Tarenti
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 19/09/10 02:25
Messaggi: 1422
Residenza: Bologna / Taranto

MessaggioInviato: Sab Apr 21, 2012 12:24 pm    Oggetto: BismiLlahi arRahmani arRahim Rispondi citando

Ciò che hai riportato non è al Qur'an ma la traduzione di alcuni suoi versetti, per altro non del tutto affidabile.

Per altro se anche citassi ayat in arabo non ho le competenze necessarie per interpretarle né tanto meno per derivarne punti di `aqida, per cui ribadisco:

Citazione:
Quindi fornitemi fatawa, estratti da manuali di aqida o altri libri sapienziali.


E ricordo che:

Citazione:
the Holy Prophet has said:

"Man qala fi-l-Qur'an bi-ghari `ilm falyatibu ma`qadahu fi-n-nar"
"Whoever says anything about the Qur'an without knowledge, then he should make his abode in Hell". (Abu Daw'ud, as in al-Itqan, 21179)

And he has also said:

"Man takallam fi-l-Qur'an bira'yhi fa'asaba faqad akhta'"
"Whoever talks about the Qur'an on the basis of his opinion, and even if says something true in it, still he made a mistake". (Abu Daw'ud, Nasa`i).


E invito a visitare le seguenti pagine:


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.




Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.




Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Citazione:

se invece quello che vuoi sono le fatawa di qualche alim corrotto e debole che per quieto vivere rende halal ciò che Allah ha vietato è un altro discorso,ci sono anche persone che nelle loro fatawa rendono lecita qualsiasi cosa possa portarli fama,tranquillità,denaro e ammirazione da parte dei nemici di Dio.
ma non per questo io farò quello che gli ebrei e i cristiani hanno fatto prima di noi prendendo i loro monaci e rabbini come signori all infuori di Allah. perchè prima di tutto io sono un monoteista seguace della millat ibrahim.e non un pazzo che segue le sue passioni come di tanto in tanto c è la tendenza ad insinuare.


Io non sono scaduto in attacchi personali e non ti ho accusato di alcunché, ho solo risposto ad un tuo intervento preciso dicendo che mi interessano argomenti dottrinali e non altri.
Invece tu mi accusi implicitamente di essere un mushrik e seguire `ulama corrotti e a loro volta mushrikin. Non è una novità che fai takfir a destra e a manca. Continuo solo a chiedermi perché ti è permesso infangare questo forum mentre altri per molto meno sono stati immediatamente e giustamente cacciati.

_________________
(([49.11] O credenti, non scherniscano alcuni di voi gli altri, ché forse questi sono migliori di loro. E le donne non scherniscano altre donne, ché forse queste sono migliori di loro. Non diffamatevi a vicenda e non datevi nomignoli. Com'è infame l'accusa di iniquità rivolta a chi è credente ! Coloro che non si pentono sono gli iniqui.)) 49:11



(Dio non è un uomo da potersi smentire,
non è un figlio dell'uomo da potersi pentire.
Forse Egli dice e poi non fa?
Promette una cosa che poi non adempie?)

Numeri 23:19 (BIBBIA)


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM Yahoo MSN
Ibrahim al-Youtubi
Rahimahullah


Registrato: 17/01/10 02:15
Messaggi: 2101
Residenza: la genova che conta

MessaggioInviato: Sab Apr 21, 2012 12:44 pm    Oggetto: Rispondi citando

qualche fatwa sull argomento
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



fratello non è la prima volta che mi accusi di essere un takfirita perchè ritengo chi massacra i musulmani a fianco dei kuffar un kafir,e poi una volta ottenuta una fatwa sull argomento da un alim prendi un muro in faccia.

_________________
"la salafia,assieme alla coca cola e all happy meal è il prodotto della globalizazzione capitalistica statunitense"

"la salafia è una multinazionale capitalistica con sede a ryadh e i maggiori azionisti negli stati uniti e israele"

"mc donald ha ronald mc donald come mascotte,la salafia ha al albani e ibn baz......

salafia im lovin it!!"
Top
Profilo Invia messaggio privato
Fabb Yusuf Tarenti
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 19/09/10 02:25
Messaggi: 1422
Residenza: Bologna / Taranto

MessaggioInviato: Sab Apr 21, 2012 12:56 pm    Oggetto: BismiLlahi arRahmani arRahim Rispondi citando

Fratello mio non ti ho accusato di essere un takfirita per via di questa questione, leggi attentamente e con calma.
Ciò di cui mi sono lamentato è il riferimento ai sapienti falsi che cambiano il Din e ai mushrikin che hanno preso per divinità i loro preti e i loro rabbini, perché implicitamente mi pareva un takfir nei miei confronti e nei confronti degli `Ulama cui mi riferisco.

Ho capito male? Lo spero bene e immaginando sia così continuo a considerarti un fratello.

Tornando al merito della questione, le fatawa menzionate parlano di divieto di arruolarsi in eserciti oppressivi, mentre una dichiara kuffar gli appartenenti all'alleanza del nord per essersi alleati ai kuffar contro i musulmani.
Non mi è chiaro invece se sia kufr maggiore ad esempio arruolarsi in un esercito che altrove è coinvolto in questi atti, ma senza parteciparvi (ad es.: arruolarsi nell'esercito italiano o i carabinieri con l'intenzione di non partire all'estero per aggredire musulmani).

Non sto negando né affermando nulla, cerco solo risposte certe e documentate.

_________________
(([49.11] O credenti, non scherniscano alcuni di voi gli altri, ché forse questi sono migliori di loro. E le donne non scherniscano altre donne, ché forse queste sono migliori di loro. Non diffamatevi a vicenda e non datevi nomignoli. Com'è infame l'accusa di iniquità rivolta a chi è credente ! Coloro che non si pentono sono gli iniqui.)) 49:11



(Dio non è un uomo da potersi smentire,
non è un figlio dell'uomo da potersi pentire.
Forse Egli dice e poi non fa?
Promette una cosa che poi non adempie?)

Numeri 23:19 (BIBBIA)


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM Yahoo MSN
Ibrahim al-Youtubi
Rahimahullah


Registrato: 17/01/10 02:15
Messaggi: 2101
Residenza: la genova che conta

MessaggioInviato: Sab Apr 21, 2012 1:03 pm    Oggetto: Rispondi citando

gli ulama a cui fai riferimento tu,fanno parte della mia gamma di fonti a cui attingo,come puoi vedere nei link che ti ho mandato sopra.
evidentemente shaytan si è messo di mezzo facendoci correre troppo

_________________
"la salafia,assieme alla coca cola e all happy meal è il prodotto della globalizazzione capitalistica statunitense"

"la salafia è una multinazionale capitalistica con sede a ryadh e i maggiori azionisti negli stati uniti e israele"

"mc donald ha ronald mc donald come mascotte,la salafia ha al albani e ibn baz......

salafia im lovin it!!"
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Giudizi, sanzioni, corti Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 5.615