Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Tariq Ramadan e la Distruzione dell'Islam
Vai a Precedente  1, 2, 3  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Confutazione modernismo
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Mar Feb 20, 2018 9:09 am    Oggetto: Ads

Top
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14953
Residenza: Madhhab: Hanafi-Deobandi

MessaggioInviato: Ven Giu 29, 2012 11:19 pm    Oggetto: Rispondi citando

Di deviati, eretici ed apostati ce n'è già "in abbondanza".

La cosa ancor più grave, nel caso di Tariq Ramadan, è che siano proprio i dirigenti delle comunità islamiche a dargli voce e promuoverne le opere ed il "pensiero" tra i comuni Musulmani.

Altri deviati eretici ed apostati hanno più seguito tra i non-Musulmani che tra i Musulmani, che globalmente li snobbano e sono allontanati dalla loro chiara agenda anti-islamica.
Tariq Ramadan, invece, è riuscito a raccogliere un certo seguito tra gli stessi Musulmani, grazie al patrocinio dei post-Ikhwan. E' questo ciò che lo rende ancora più pericoloso.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
amatoLlah
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 20/02/11 12:25
Messaggi: 1067
Residenza: Toscana Madhab: Maliki

MessaggioInviato: Sab Giu 30, 2012 8:40 pm    Oggetto: Rispondi citando

dopo due cento anni di crociate fallite, hanno deciso di passare alla "dolce guerra" الحرب الناعمة sull islam. dal libro civil democratic islam si capisce benissimo le loro tattiche..
da pagina 10
...We can distinguish four essential positions:
Fundamentalists reject democratic values and contemporary Western culture.They want an authoritarian, puritanical state that will implement their extreme view of Islamic law and morality. They are willing to use innovation and modern technology to achieve that goal.
Traditionalists want a conservative society. They are suspicious of modernity, innovation, and change.
Modernists want the Islamic world to become part of global modernity.They want to modernize and reform Islam to bring it into line with the age.
Secularists want the Islamic world to accept a division of church and state in the manner of Western industrial democracies, with religion relegated to the private sphere.
.......

The fundamentalists are hostile to the West and to the United States in particular and are intent, to varying degrees, on damaging and destroying democratic modernity. Supporting them is not an option, except for transitory tactical considerations.
The traditionalists generally hold more moderate views, but there are significant differences between different groups of traditionalists.
Some are close to the fundamentalists. None wholeheartedly embraces modern democracy and the culture and values of modernity and, at best, can only make an uneasy peace with them.
The modernists and secularists are closest to the West in terms of values and policies. However, they are generally in a weaker position than the other groups, lacking powerful backing, financial resources, an effective infrastructure, and a public platform. The secularists, besides sometimes being unacceptable as allies on the basis of their broader ideological affiliation, also have trouble addressing the traditional sector of an Islamic audience.
To encourage positive change in the Islamic world toward greater democracy, modernity, and compatibility with the contemporary international world order, the United States and the West need to consider very carefully which elements, trends, and forces within Islam they intend to strengthen; what the goals and values of their various potential allies and protégés really are; and what the broader consequences of advancing their respective agendas are likely to be. a mixed approach composed of the following elements is likely to be the most effective:

Support the modernists first:
Publish and distribute their works at subsidized cost.
— Encourage them to write for mass audiences and for youth.
— Introduce their views into the curriculum of Islamic education.
— Give them a public platform.
— Make their opinions and judgments on fundamental questions of religious
interpretation available to a mass audience in competition with those of the fundamentalists and traditionalists, who have Web sites,
publishing houses, schools, institutes, and many other vehicles for disseminating their views.
— Position secularism and modernism as a “counterculture” option for
disaffected Islamic youth.
— Facilitate and encourage an awareness of their pre- and non-Islamic
history and culture, in the media and the curricula of relevant countries.
— Assist in the development of independent civic organizations, to promote civic culture and provide a space for ordinary citizens to educate
themselves about the political process and to articulate their views.

• Support the traditionalists against the fundamentalists:
— Publicize traditionalist criticism of fundamentalist violence and extremism; encourage disagreements between traditionalists and fundamentalists.
— Discourage alliances between traditionalists and fundamentalists.
— Encourage cooperation between modernists and the traditionalists who
are closer to the modernist end of the spectrum.
Where appropriate, educate the traditionalists to equip them better for debates against fundamentalists. Fundamentalists are often rhetorically superior, while traditionalists practice a politically inarticulate “folk Islam.” In such places as Central Asia, they may need to be educated and trained in orthodox Islam to be able to stand their ground.
Increase the presence and profile of modernists in traditionalist institutions.

.......

• Confront and oppose the fundamentalists:
— Challenge their interpretation of Islam and expose inaccuracies.
— Reveal their linkages to illegal groups and activities.
— Publicize the consequences of their violent acts.
— Demonstrate their inability to rule, to achieve positive development of
their countries and communities.
— Address these messages especially to young people, to pious traditionalist populations, to Muslim minorities in the West, and to women.
— Avoid showing respect or admiration for the violent feats of fundamentalist extremists and terrorists. Cast them as disturbed and cowardly, not as evil heroes.
Encourage journalists to investigate issues of corruption, hypocrisy, and immorality in fundamentalist and terrorist circles.
Encourage divisions among fundamentalists.

• Selectively support secularists:
— Encourage recognition of fundamentalism as a shared enemy, discourage secularist alliance with anti-U.S. forces on such grounds as
nationalism and leftist ideology.
— Support the idea that religion and the state can be separate in Islam too and that this does not endanger the faith but, in fact, may strengthen it.
.....
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________
يا حي يا قيوم برحمتك أستغيث أصلح لي شأني كله ولا تكلني إلى نفسي طرفة عين
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14953
Residenza: Madhhab: Hanafi-Deobandi

MessaggioInviato: Dom Lug 01, 2012 5:51 am    Oggetto: Rispondi citando

JazakiLlahu khayran per aver postato questo prezioso estratto che fa luce su cosa c'è sotto tutto questo "fermento" di "interpretazioni" ed "intellettuali", dietro tutti questi libri di "riformatori illuminati", di "paladine del femminismo islamico", di "giovani coraggiosi".

E' essenziale per ogni Musulmano comprendere la portata della "guerra ideologica" in corso.

La prossima volta che prendere in mano una rivista, un libro, o che sentite di un certo "intellettuale riformista", di una "coraggiosa prospettiva femminile", ricordatevi di questo breve report, e ricordatevi che ci sono think tank, istituti, università il cui scopo è proprio quello di cambiare la visione che i Musulmano hanno della loro religione, per i loro (dei kuffar) bassi interessi, proprio finanziando tali libri, la loro promozione sui media, la visibilità dei loro autori.

C'è tutto un palcoscenico sotto, tutta una finzione.

(Avevo letto la storia di una sorella convertita che aveva studiato proprio in uno di questi istituti, ma al momento non riesco a ritrovarla)

Ancora, la prossima volta che sentite un reportage su qualche "gruppo fondamentalista" che elenca misfatti di ogni genere, ricordatevi di passaggi come:
"— Avoid showing respect or admiration for the violent feats of fundamentalist extremists and terrorists. Cast them as disturbed and cowardly, not as evil heroes.
— Encourage journalists to investigate issues of corruption, hypocrisy, and immorality in fundamentalist and terrorist circles.
— Encourage divisions among fundamentalists".

Ricordate infine l'hadith del Profeta :

"La guerra è inganno" (aw kama qal).

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Fabb Yusuf Tarenti
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 19/09/10 02:25
Messaggi: 1422
Residenza: Bologna / Taranto

MessaggioInviato: Mer Feb 06, 2013 8:49 pm    Oggetto: BismiLlāhi arRaḥmāni arRa&#7 Rispondi citando

AsSalāmu ‘alaykum wa raḥmatuLlāhi wa barakātuHu,

cari fratelli e sorelle, ammetto che ho commesso l'errore di riaprire un profilo facebook, senza comunque l'intenzione di frequentare quel sito, ma solo per restare in contatto via chat con alcuni fratelli che si trovano quasi solo là.

Per recuperare i contatti ho dovuto comunque navigarci e ho ceduto a qualche commento qua e là e devo dire che la mia esperienza è stata a dir poco sconfortante e deludente, facendomi ripassare la voglia di frequentare quel sito alḥamduliLlāh!

Ma non è di questo che voglio parlarvi qui e ora, ma solo raccontare che sul profilo della sorella Patrizia Khadija Dal Monte ho trovato un articolo aberrante di Tariq Ramadan e l'ho commentato allegando il collegamento a questa pagina. Il mio commento è stato presto cancellato e in seguito c'è stata una censura totale e sono stato bloccato dalla proprietaria del profilo (la Dal Monte) senza ricevere alcuna risposta o spiegazione.

Al che ho provato ad inserire un commento direttamente nella pagina Islam-Online.it, con poche speranze francamente, avendo avuto molte altre esperienze di censura da quel sito in passato. Ho comunque salvato il mio messaggio come foto dello schermo e l'ho pubblicato su facebook affinché tutti sapessero che i fratelli di Islam-Online.it non ritengono giusto che la gente conosca questi documenti e non accettano la benché minima critica sulla persona di Tariq Ramadan.

AlḥamduliLlāh molti fratelli hanno espresso solidarietà e hanno aggiunto le loro esperienze con i seguaci di Tariq Ramadan, raccontandomi di altri casi di censura a me ignoti e di altre vicende.
Ora voglio condividere con voi la mia pagina, sperando sia accessibile anche a chi non usa facebook, e comunque raccomandando a tutti di stare lontani da quel sito, che è per lo più una fitna.

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________
(([49.11] O credenti, non scherniscano alcuni di voi gli altri, ché forse questi sono migliori di loro. E le donne non scherniscano altre donne, ché forse queste sono migliori di loro. Non diffamatevi a vicenda e non datevi nomignoli. Com'è infame l'accusa di iniquità rivolta a chi è credente ! Coloro che non si pentono sono gli iniqui.)) 49:11



(Dio non è un uomo da potersi smentire,
non è un figlio dell'uomo da potersi pentire.
Forse Egli dice e poi non fa?
Promette una cosa che poi non adempie?)

Numeri 23:19 (BIBBIA)


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM Yahoo MSN
Fabb Yusuf Tarenti
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 19/09/10 02:25
Messaggi: 1422
Residenza: Bologna / Taranto

MessaggioInviato: Gio Feb 07, 2013 12:47 am    Oggetto: BismiLlāhi arRaḥmāni arRa&#7 Rispondi citando

Ho scoperto che di recente anche un fratello studente a Medina di nome Jibril Abu Isa ha provato a dialogare con i gestori di Islam Online muovendo critiche pacate e argomentate e nonostante i toni ben più morbidi dei miei è stato ripetutamente censurato. Dopo diverso tempo solo alcuni dei suoi commenti sono stati pubblicati sul sito, per poi di nuovo censurare qualsiasi suo ulteriore commento.

Condivido qui alcune sue missive al sito Islam Online per il beneficio di tutti e perché tutti capiscano cosa non sia consentito dire su quel sito:

Citazione:
Citazione:

direttore gennaio 17th, 2012 2:44 pm
"Il fratello Jibril padre di Isa, ha lamentato una supposta censura da parte nostra perché non ha visto apparire il suo commento nei tempi che avrebbe voluto.
Innanzi tutto noi non censuriamo quasi nessuno (quasi perché talvolta, utenti che si nascondono dietro un nick, usano termini che riteniamo inaccettabili) se i commenti non appaiono immediatamente è solo perché i moderatori non sono collegati h24 al sito."

Dopo poche settimane che asseri cio', non solo' inizio' incredibilmente a censurarmi sistematicamente dopo avermi pubblicamente calunniato senza darmi la possibilità di difendermi, ma in fine arrivo' anche a bannarmi definitivamente.
Viva la sincerità e la coerenza.

Questo e' il commento a causa del quale Hamza mi calunnio' pubblicamente asserendo che si trovo' costretto a censurarlo poiché secondo lui con suddetto feci "takfeer" ad alcuni fratelli.
Assalaamu 'alaikum carissmi fratelli, vi propongo alcuni pezzi di un mio intervento su un noto sito islamico a proposito dell'opportunità o meno di prmovuore documenti mistificatori e diseducativi coma la "moratoria" si Tareq Ramadan.
Citazione:

"E’ infatti 20 anni che sentiamo parlare di “amore” e “fratellanza”, tanto per iscritto quanto negli incontri pubblici: questo sarà un po’ per schermirsi dagli attacchi islamofobi, un po’ per l’eccessiva influenza di una cultura letteraria slegata dal suo proprio contesto shara’itico, un po’ per la tendenza dilagante a semplificare le questioni sul piano moraleggiante di una fede ridotta a savoir faire. Ero cristiano prima di essere Musulmano, di riflessioni sull’amore ne ho lette e sentite tante, e grazie a Dio ho poi capito che la tenerezza della Misericordia non ha ragion d’essere, nella maggior parte dei casi, senza il basilare fondamento della Conoscenza e la necessaria severità della Giustizia.

Ho letto con attenzione la moratoria, probabilmente ho finito per conoscerla addirittura meglio di voi (mi rivolgevo ai firmatari).
E’ perciò che mi son ripetutamente premurato di consigliare privatamente uno dei suoi firmatari, proprio perché ne comprendo tutto il potenziale diseducativo, che ben riassumi nelle tue considerazioni. E’ infatti chiaro che questa moratoria non ha alcun peso reale nei Paesi Musulmani, né potrebbe averne, oltre che per i suoi contenuti, anche per la pochezza delle sue argomentazioni e per il carattere francamente sconosciuto dei suoi firmatari.

C’è anche da chiedersi che senso abbia appellarsi alla sospensione degli hudud proprio nell’epoca in cui questi sono meno praticati nei Paesi Musulmani (i Paesi che effettivamente li praticano si possono forse contare sulle dita di una mano), e per di più visto che tale appello proviene da Musulmani che non risiedono e talora non hanno mai risieduto in questi Paesi.
L’impressione è che si cerchi di guadagnare del consenso a buon mercato, nei confronti di una questione irrisoria nel concreto, ma altamente significativa per ciò che concerne l’integrità della dottrina Islamica.
Emerge qui il tentativo di accreditarsi come “fedeli alla tradizione” – per il semplice fatto di citarla, e di discuterla – ma “attenti al contesto attuale” – ovvero completamente supini alla mentalità occidentale, pur con qualche distinguo di maniera e fondato più su preconcetti politici e culturali, cui si trovano di volta in volta “riscontri” nelle Fonti religiose.
Una serie di osservazioni, dunque, in riferimento al merito della moratoria.

A proposito delle riflessioni personali di questo o quell’intellettuale sulla “appropriatezza” delle pene corporali in un’epoca od in un’altra, è necessario innanzi tutto tornare alla Parola di Allah. Egli dice nella Sura della Tavola imbandita, al v. 38: “Tagliate la mano al ladro ed alla ladra per punirli di quello che hanno fatto e come sanzione da parte di Allah. Allah è Eccelso Saggio”. Iddio ha usato l’imperativo perché è un ordine e ha chiamato Se Stesso: Saggio perché ciò che il Saggio fa è giusto,adeguato ed opportuno.
Dice altresì l’Altissimo: “Flagellate la fornicatrice ed il fornicatore, ciascuno con cento colpi di frusta e non vi impietosite nell’applicazione della religione di Allah se credete in Lui e nell’ultimo giorno e che un gruppo di credenti sia presente alla punizione” [la Luce, 2]. “E non vi impietosite”, significa “a prescindere da chi sia il malcapitato”: ovvero esattamente il contrario di un ragionamento che “a partire dal contesto” vanifichi un ordine di Allah. E’ poi detto: “se credete in Lui e nell’ultimo giorno”, come dire: chi non applicherà ciò in presenza di prove schiaccianti non è un vero credente.

Ancora nella Sura della Tavola imbandita, l’Altissimo si esprime in questo senso: “La ricompensa di coloro che fanno guerra ad Allah ed al Suo Messaggero e che seminano la corruzione sulla terra è soltanto che siano uccisi o crocifissi, che siano tagliate la mano e la gamba dai lati opposti o che siano esiliati sulla terra. Ecco l’ignominia che li toccherà in questa vita. Nell’altra vita avranno castigo immenso” [v. 33]. Utilizzando il termine “innamaa”, è negato chiaramente che ci possano essere altre “ricompense” al di là di questa. E’ poi detto: “Ecco l’ignominia che li toccherà in questa vita”, concludendo dunque: “Nell’altra vita avranno castigo immenso”. Il castigo è dunque chiaramente presente in questo dunya, oltreché nell’aldilà.

Risulta dunque evidente come lo statuto degli hudud non è certo “falsamente assimiliato alla Shari’a Islamica”, come sostenuto dal sig. Ramadan, che vorrebbe fare perno sull’ovvia osservazione che “la Shari’a non si riduce agli hudud” per promuoverne la sospensione di fatto e l’esclusione di diritto dal patrimonio giurisprudenziale della Ummah di Muhammad. Essi ne sono invece una parte fondamentale, e benché oggi sia chiaramente senza senso discuterne l’applicabilità da parte di un Musulmano Europeo che vive in Europa (come invece fa il sig. Ramadan), è invece essenziale che ogni Musulmano ne conservi la coscienza nella sua comprensione del Din di Allah nella sua integrità e coerenza.

Già il Califfo ‘Umar, indebitamente chiamato in causa in virtù di un episodio ben circoscritto e specifico del suo regno, mise in guardia da certe derive negazioniste, con una lungimiranza che in un altro contesto potremmo definire veramente profetica.
Disse infatti: “In verità Iddio invio Muhammad con la Verità e fece discendere su di Lui il Libro, e su Ciò che fece scendere su di Lui c’era il versetto della lapidazione, lo recitammo lo memorizzammo lo comprendemmo quindi l’Inviato di Dio lapidò e lapidammo noi dopo di Lui; ma temo che col passare del tempo possa dire qualcuno: “Non troviamo la lapidazione nel libro di Dio!”, quindi rimangano traviati per aver abbandonato un dovere che Dio fece scendere, ché certamente la lapidazione è verità nel libro di Dio Altissimo per colui che fornicò qualora abbia consumato il matrimonio, uomo o donna che sia, qualora ci siano le prove o sia incinta o confessi” [Autenticato di comune accordo].

E’ da notare che benché questo versetto fosse relativo ad una questione specifica, esso menziona chiaramente la concomitanza tra il traviamento e l’abbandono dei doveri rivelati da Dio, sanciti appunto come “verità”. In quell’occasione, il discorso fu rilasciato dinnanzi a numerosi Sahaba, e nessuno si alzò per contraddirlo – come invece sappiamo era costume fare, anche nei confronti del Califfo, qualora costui avesse assunto una posizione contraria all’autentica Sunna profetica. Ciò vale, per i Sapienti Musulmani e per la Comunità dei credenti, come una indicazione di accordo unanime tra i Compagni, il che stabilisce di per sé una risoluzione vincolante sul piano del credo ortodosso e della giurisprudenza sunnita.

Sono solo alcune delle osservazioni possibili, e già soltanto in via del tutto preliminare. Basterebbe il buon senso, per domandarsi quando mai l’umanità ha visto un’età completamente di giustizia, perfino poco dopo la morte del Profeta Muhammad – su di lui siano la Pace e le benedizioni d’Iddio.
Quando a subire ingiustizia furono alcuni tra gli uomini più illustri di ogni epoca, quale Salaf o Sapiente si è alzato per invocare la moratoria degli hudud, in virtù di un “contesto sociale ben poco fedele al messaggio islamico”? Iddio ha dunque rivelato gli hudud affinché restassero legittimamente in vigore per pochi anni soltanto, finché non ci fosse stata di nuovo (sic) “giustizia per tutti”?

E successivamente, a cosa dovrebbe condurre una “seria riflessione” sulle pene corporali, una volta che le si sia “sospese”? Si attenderà la “giustizia sociale”, cara agli utopisti di ogni orientamento del XIX secolo, per applicarle nuovamente? E se questa “giustizia”, incredibilmente, non venisse più, le si “abrogherebbe” del tutto? Ma se questa invece venisse, non sarebbero allora additate come “eccessive”, in un momento in cui in fondo la società “va per il verso giusto”? Sono dunque definitivamente “inadeguate”, o – come dice Tariq Ramadan in un passaggio in cui esce da quell’argomentare fumoso che lo contraddistingue – è addirittura “nostra responsabilità morale e religiosa che si metta immediatamente fine all’applicazione degli hudûd che sono falsamente assimilati alla “sharî’a islamica”?

Non mi dilungo ulteriormente, riservandomi eventualmente di approfondire alcune questioni, all’occorrenza in altra sede. Quel che mi sembra necessario comprendere è che non è più possibile ragionare prescindendo dalle esigenze elementari di una Comunità fondata sulla Conoscenza.

Si dice che va bene la Conoscenza, MA serve ANCHE l’attivismo. Questo, dopo oltre vent’anni di attività, ha lasciato gl’Italiani praticamente senza alcun libro decente, fatte salve rare eccezioni, e senza alcun progetto di formazione strutturato, mentre sono decuplicati attivismi di ogni risma, senza alcuna concreta base dottrinale o culturale.
Così diciamo che va bene se qualcuno tradurrà i libri “classici”, MA “accanto a questi” si deve ANCHE “informare circa il dibattito contemporaneo”. Concretamente, questo significa che gli Italiani Musulmani non hanno alcun riferimento di base per la comprensione della propria religione, e che chiunque può permettersi di dire qualsiasi cosa, facendo perno sulla “specialità del tempo profetico”, come a dire che l’Islam fu bello e giusto, ma ora dobbiamo limitarci a trarne qualche pia ispirazione, per impegnarci poi di testa nostra nell’agone politico di tutti i giorni (che Dio ce ne scampi).

Concluderei con una citazione augurandomi che questi interventi possano chiarificare a tutti i lettori, non esclusi i redattori di questo sito, quale sia l’urgenza di riordinare le nostre priorità di Musulmani Italiani, e che questo nostro tentativo sia compreso nella sua premura fraterna, disponibilità personale, intenzione sincera, e sforzo per il Volto di Dio".

“Si è molto discusso in occidente e in ambienti islamici modernisti a proposito dell’interpretazione “evolutiva” delle norme sciaraitiche relative alla fornicazione. Non vogliamo certo portare il nostro contributo ad un dibattito che giudichiamo improprio in ambiente non islamico e che sfiora l’eresia e la blasfemità se coinvolge musulmani. [..] La Parola di Allah – gloria a Lui l’Altissimo – e la Sunna dell’Inviato – Pace e benedizioni su di lui – sono le nostre fonti di diritto, le quattro scuole di diritto canoniche rappresentano l’interpretazione ortodossa e accettata di quella Parola e di quella Sunna. Le procedure penali, la legislazione relativa alla testimonianza e tutte le garanzie previste dalla Legge Islamica sono tali da impedire qualsiasi abuso nell’applicazione delle Leggi di Allah. Ogni movimento tendente ad adeguarle alla corruzione dei tempi presenti è dottrinalmente infondato e dimostra nei suoi fautori la carenza di quel sentimento che deve contraddistinguere tanto il semplice credente quanto lo studioso di diritto: la taqwa, il timor di Allah.” [Nota a Sura an-Nur, v.2].La citazione è di Hamza Piccardo uno di coloro che ha, clamorosamente e senza alcuna valida giustificazione, cambiato il proprio punto di vista portando il suo contributo ad "un dibattito che giudichiamo improprio in ambiente non islamico e che sfiora l’eresia e la blasfemità se coinvolge musulmani".

Da:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Citazione:

Salamu aleykom wa rahmatullahi wa barakatuhu.

Caro Direttore, Lei giustamente ci mette in guardia dal fare “takfir” - anche velatamente - agli altri Musulmani, e che Dio La ricompensi per questo… ma non era forse tra le pagine del medesimo sito che uno dei redattori, nel rispondere ad alcune delle questioni riguardanti la moratoria di Tariq Ramadan, ebbe l’ardire di scrivere:

“Quello che Ramadan contesta, inoltre, è il fatto che esse (cioè le pene corporali) siano assunte a sinonimo di islamicità, che bastino esse perché una società si senta islamica, mentre essa lo è (cioè la società) solo (e ripeto: SOLO) se pratica la giustizia verso tutti.”

Quindi giova ricordare innanzitutto che la società, come del resto specifica il vocabolario, e’ “l’insieme di persone legate da vincoli più o meno complessi, soggette a leggi ed ordinamenti comuni”. Cioe’ secondo tale definizione e’ possibile definire l’insieme delle persone come islamico soltanto quando questo pratichi la giustizia verso tutti, cioè ricchi e poveri, deboli e forti, indistintamente. Quindi nel caso in cui - dicendo cio’ di cui sopra - si intenda che il Musulmano che non applichi la giustizia verso tutti e’ “kafir”, ebbene questo sì che rappresenterebbe una forma - e nemmeno tanto velata - di “takfir”.

Se da una parte e’ vero che praticare la giustizia verso tutti e’ un dovere grandissimo del Musulmano dall’altra e’ anche vero che qualora il Musulmano giudichi ingiustamente senza però ritenere il suo giudizio lecito, ne’ giusto, ne’ sciaraitico, ne’ meglio di quello sciaraitico, ma piuttosto sappia in cuor suo che cio’ e’ sbagliato e che Dio per questo potrebbe castigarlo, ebbene questo rientra in quelli che noi definiremmo “i peccati più gravi” e pertanto non può essere considerato apostasia, nella maniera più assoluta.

Ciò solo per mettere in guardia da una pericolosissima deriva semplicistica che porta ad accusare i propri fratelli di cose di cui non si comprendono esattamente i termini e la natura.

Per quanto riguarda il “tempo” e la “passione” per le polemiche, sappia, caro Direttore, che non abbiamo ne l’uno ne l’altra. D’altro canto però - come ho ricordato più volte - un sito che si presenta come rappresentativo dell’Islam in Italia, diretto da persone che si sono assunte l’incarico pubblico di difendere i diritti e gli interessi dei Musulmani Italiani dinanzi alla società ed alle istituzioni italiane, rappresenta - tra l’altro - uno spazio pubblico cui ogni Musulmano impegnato in “rete” ha non solo il diritto, ma piuttosto il dovere di contribuire in termine di osservazioni, correzioni, critiche ed interventi, anche severi, e Dio ci perdoni.

Rappresenta quindi un preciso dovere per ogni devoto che sia in grado di farlo, per quanto gli sia possibile, il criticarVi in maniera costruttiva qualora prendiate degli abbagli. E questo e’ cio’ che ha fatto in maniera egregia in questo post il fratello ‘Ali, il quale non ha ricevuto alcun tipo di confutazione argomentativa, se non - seppur in maniera errata - dal fratello …

Per finire, visto che non e’ la prima volta che Lei fa capire tra le righe dei Suoi commenti che qualcuno dei commentatori dei Vostri post avrebbe fatto “takfir” ai propri fratelli, sarebbe cosa gradita che Lei, ci indicasse il posto e le modalità in cui cio’ sarebbe avvenuto, in modo che, da un lato, chi abbia sbagliato possa aver modo di fare pubblica ammenda, prendendosi la responsabilità di quello che ha detto ed adempiendo al dovere che grava su ogni Musulmano che si macchi di tali colpe nei confronti dei propri fratelli, e dall’altro non sorga il dubbio nei lettori del sito che tali accuse vengano fatte al fine di screditare ingiustamente coloro che non si omologano al vostro modo di pensare ed al fine di censurare commenti contenenti argomenti ai quali Voi stessi non possedete risposta alcuna. E che Dio ci scampi da certi pensieri.

Fi amani llah

Vostro fratello in Dio, Jibril Abu ‘Isa.


Alcuni altri commenti che alla fine sono stati pubblicati li trovate nel sito Islam Online

_________________
(([49.11] O credenti, non scherniscano alcuni di voi gli altri, ché forse questi sono migliori di loro. E le donne non scherniscano altre donne, ché forse queste sono migliori di loro. Non diffamatevi a vicenda e non datevi nomignoli. Com'è infame l'accusa di iniquità rivolta a chi è credente ! Coloro che non si pentono sono gli iniqui.)) 49:11



(Dio non è un uomo da potersi smentire,
non è un figlio dell'uomo da potersi pentire.
Forse Egli dice e poi non fa?
Promette una cosa che poi non adempie?)

Numeri 23:19 (BIBBIA)


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM Yahoo MSN
Muhammad Ismail
Bannato
Bannato


Registrato: 01/02/13 15:52
Messaggi: 29
Residenza: Torino Madhhab: Hanbali

MessaggioInviato: Gio Feb 07, 2013 2:51 pm    Oggetto: Rispondi citando

Condivido la necessità di una lotta contro le deviazioni eterodosse moderniste e neo-mutazilite, ma personalmente ritengo scorretto reputare i salafiti un'eresia da sradicare.

Il principio fondamentale del Salafismo consiste in un rinnovamento della determinazione della Ummah, una sorta di hijra dalla negatività che comporta la modernità. Un tentativo di identificazione dei musulmani ancora fedeli alla Sunnah con i primi musulmani al seguito del Profeta (saws).

Non credo che tutto ciò sia negativo, anzi sicruamente è salutare e vantaggioso per l'Islam e per la Ummah intera.

L'unico difetto che ho riscontrato in questo forum, infatti, è una eccessiva tendenza intransigente nei confronti del Salafismo.

Lo Shaykh al-Albani ha dichiarato sahih soltanto determinati fonti di ahaadith, pertanto coloro che si ispirano ai suoi insegnamenti si attengono soltanto a quest'ultimi. Ma poichè le fonti trattate dal al-Albani sono accettate come valide anche dagli altri musulmani, sinceramente non riscontro alcuna deviazione in ciò.

In pratica: trascurare le fonti minori di ahaadith non rende kafir un musulmano.[/i]

_________________
NON NUMEN NISI DEUS, MUHAMMAD MISSUS DEI
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14953
Residenza: Madhhab: Hanafi-Deobandi

MessaggioInviato: Gio Feb 07, 2013 6:24 pm    Oggetto: Rispondi citando

Muhammad Ismail ha scritto:
Condivido la necessità di una lotta contro le deviazioni eterodosse moderniste e neo-mutazilite, ma personalmente ritengo scorretto reputare i salafiti un'eresia da sradicare.

Il principio fondamentale del Salafismo consiste in un rinnovamento della determinazione della Ummah, una sorta di hijra dalla negatività che comporta la modernità. Un tentativo di identificazione dei musulmani ancora fedeli alla Sunnah con i primi musulmani al seguito del Profeta (saws).

Non credo che tutto ciò sia negativo, anzi sicruamente è salutare e vantaggioso per l'Islam e per la Ummah intera.

L'unico difetto che ho riscontrato in questo forum, infatti, è una eccessiva tendenza intransigente nei confronti del Salafismo.

Lo Shaykh al-Albani ha dichiarato sahih soltanto determinati fonti di ahaadith, pertanto coloro che si ispirano ai suoi insegnamenti si attengono soltanto a quest'ultimi. Ma poichè le fonti trattate dal al-Albani sono accettate come valide anche dagli altri musulmani, sinceramente non riscontro alcuna deviazione in ciò.
.

Se la Salafiyyah fosse semplicemente questo: ritornare all'esempio dei Salaf ed evitare innovazioni, non vedo chi mai potrebbe non dirsi d'accordo con questo, e noi saremmo i primi a definirci "salafiti".

Ma un approccio serio e responsabile impone di andare oltre slogan e motti, e valutare gli effettivi contenuti: non basta auto-definirsi "salafita" o "ahl-e-hadith" per essere automaticamente sulla metodologia dei Salaf.

Ciò sembra periodicamente sfuggire a molti neo-convertiti e neo-praticanti, che, spinti dalla correttissima intenzione di seguire "l'Islam vero" (e disgustati da squallide aberrazioni e devianze che oggigiorno non è raro incontrare), finiscono per ingerire senza alcuna verifica qualsiasi cosa venga dalla bocca di chi a parole fa tanti discorsi su "Qur'an e Sunnah".

Ma non basta dichiarare la propria adesione a qualcosa (dovremmo saperlo bene, quando vediamo che i cristiani prendono persino il loro nome da Hadrat Isa (`alayhi assalam), ma non seguono affatto il suo messaggio: anche con loro (ma in misura ovviamente diversa) non bastano gli slogan), per seguirlo correttamente.

Lo ripeto dunque l'ennesima volta: le nostre obiezioni non riguardano le intenzioni della "salafiyyah" di "ritornare al vero Islam".
Riguardano il fatto che in realtà non è così, e che la loro metodologia ha diversi errori, come spiegato da diversi secoli dagli `Ulama' di Ahl as-Sunnah.

Ma se non si esce dagli slogan, ciò non sarà possibile capirlo.

Il mio invito ai fratelli alla ricerca dell'"Islam puro" è questo: andate oltre slogan e parole d'ordine, e cercate chi davvero segue la via dell'ortodossia e dei Compagni del Profeta in ogni aspetto, e soprattutto, lo fa senza buttare il bambino (della tradizione sapienziale islamica) con l'acqua sporca (delle innovazioni e deviazioni che si sono sedimentate su di essa), a differenza di quanto invece fanno i salafiti.

Il miglior esempio odierno di tale equilibrio tra "continuazione della tradizione islamica" e "ritorno alle fonti e depurazione dalle innovazioni e deviazioni" è quello rappresentato dagli

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

, ed il seguire la "loro" metodologia (che è poi quella di Ahl as-Sunnah) risponde a tutti i dubbi, perplessità ed insoddisfazioni che molti fratelli avevano quando si trovavano a dover scegliere tra i
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

rappresentati rispettivamente da salafiti e tradizionalisti/pseudo-sufi/riformisti/lassisti/deviati di ogni genere.

P.S.: L'intransigenza, in realtà, viene proprio dai salafiti: sono loro a considerare deviati-eretici-innovatori tutti gli altri Musulmani, compreso il 90-95% degli `Ulama' classici di questa Ummah!

Che chi li confuta rispondendo alla loro intransigenza venga accusato lui stesso di essere intransigente, è il colmo!

Muhammad Ismail ha scritto:
In pratica: trascurare le fonti minori di ahaadith non rende kafir un musulmano.


Fratello, nessuno di noi fa takfir verso i salafiti: li consideriamo nostri fratelli Musulmani, ma con alcune posizioni e metodologie più o meno errate (nuovamente, a seconda del gruppo - tra i tanti gruppi di "salafiti" di cui fanno parte)

Cosa c'entra questo con la metodologia salafita o di al-Albani?

Quella di

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

è una tendenza di alcuni salafiti ignoranti, ma che non è supportata da alcun sapiente salafita, e lo stesso al-Albani ha ritenuto autentici anche ahadith provienti da altre raccolte, che, sebbene meno "famose" a chi non gli ha studiati, non li rende affatto "fonti minori".


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

molte volte, un hadith proveniente da un'altra raccolta potrebbe essere "tanto autentico quanto" un hadith racconto nel Sahih Bukhari.

Qui stiamo mischiando molte cose differenti e onestamente ho l'impressione tu non conosca bene ciò di cui stai parlando.

P.S.2: Questo thread è dedicato al morbo di Tariq Ramadan e della sua conventicola di promotori. Se vuoi discutere dei salafiti per favore apri un altro thread o ancora meglio continua da

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14953
Residenza: Madhhab: Hanafi-Deobandi

MessaggioInviato: Gio Feb 07, 2013 11:09 pm    Oggetto: Rispondi citando

Tornando a Tariq Ramadan, un elemento su cui riflettere è l'enorme responsabilità dei dirigenti "Ikhwani" in Europa (e delle loro reti nei vari singoli paesi europei) che sono i veri responsabili del "lancio" di Tariq Ramadan, personaggio altrimenti privo di qualsiasi qualifica sapienziale.

La domanda che dovremmo sempre porci ogni volta che abbiamo di fronte un determinato fenomeno é: "perché se ne parla?".

Rintracciare le radici della diffusione di una determinata notizia-discorso (che sia il fatto che si parli di una lapidazione in qualche sperduta regione nigeriana ma non di un qualche efferato crimine in Colombia, o l'improvvisa popolarità di qualche "intellettuale"), e le vere motivazioni al di sotto di essa, sono di enorme aiuto nel comprendere effettivamente gli scopi e l'effettiva portata di tali "notizie-discorsi".

Tornando a Ramadan ed ai quadri Ikhwani-UCOII, la loro decisione di puntare così tanto su un personaggio che esprime posizioni così deviate è una responsabilità di cui dovranno rispondere.

La loro è stata una scelta precisa: invece di puntare le loro "risorse" su un personaggio che promuovesse posizioni condivise, in linea con la giurisprudenza tradizionale, anche se magari con un taglio "moderato" o "lassista" in linea con le loro tendenze, hanno puntato tutto su un personaggio che sta esrimento nozioni estremamente controverse e pericolose per l'iman delle migliaia di Musulmani che vengono esposti ai suoi libri ed alle sua discussioni di sociologia e politica prima ancora di avere le idee chiare sulle basi minime della dottrina o della giurisprudenza - e nella stragrande maggioranza dei casi, tali "idee chiare" su questi argomenti non verranno mai raggiunte, creando generazioni di "dirigenti" in grado di parlare per ore di "cittadinanza", "integrazione", "diritti", "società", ma senza la più pallida idea della metodologia islamica tradizionale, della sua dottrina e della giurisprudenza basilare - anzi, peggio, con nozioni gravemente deviate a riguardo di tutto ciò.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Abu 'Amamah al-Fatih
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 31/05/10 21:39
Messaggi: 222

MessaggioInviato: Mer Feb 13, 2013 9:49 pm    Oggetto: Re: BismiLlāhi arRaḥmāni arRa&am Rispondi citando

Fabb Yusuf Tarenti ha scritto:
AsSalāmu ‘alaykum wa raḥmatuLlāhi wa barakātuHu,

(...)
Al che ho provato ad inserire un commento direttamente nella pagina Islam-Online.it, con poche speranze francamente, avendo avuto molte altre esperienze di censura da quel sito in passato. Ho comunque salvato il mio messaggio come foto dello schermo e l'ho pubblicato su facebook affinché tutti sapessero che i fratelli di Islam-Online.it non ritengono giusto che la gente conosca questi documenti e non accettano la benché minima critica sulla persona di Tariq Ramadan.

AlḥamduliLlāh molti fratelli hanno espresso solidarietà e hanno aggiunto le loro esperienze con i seguaci di Tariq Ramadan, raccontandomi di altri casi di censura a me ignoti e di altre vicende.
Ora voglio condividere con voi la mia pagina, sperando sia accessibile anche a chi non usa facebook, e comunque raccomandando a tutti di stare lontani da quel sito, che è per lo più una fitna.

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


wa 'alaykom asSalaam wa RahmatAllaahi wa BarakatuHu
Purtroppo dovremo aggiungere la mia testimonianza tra le altre, e, ancora purtroppo debbo dire che la censura di Islam-Online.it non riguarda solamete ciò che concerne Tariq Ramadhan, vado oltre:

-verso il periodo natalizio sul già citato sito è apparso un articolo di traduzione di una 'fatwa' di Ali Jum'a riguardante la liceità del fare gli auguri ai negatori per le loro feste, in particolare il Natale. Al che ho risposto con il seguente commento

Citazione:
asSalaam ‘alaykom wa RahmatAllaahi wa BarakatuHu
Una risposta Islamica-Ortodossa alla suddetta ‘fatwa’,
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

ricca di dalil e che riporta ciò che da sempre è la ijmaa (Il Consenso dell’Ahl asSunnah) a riguardo, che spero non mi venga censurata.

Non mi sembra di essere stato scortese nè altro eppure dopo due settimane il commento era ancora "in coda di moderazione", al che ho pubblicato un altro commento nel quale garbatamente chiedevo il perchè-percome chiedendo se ci fossero 'problemi tecnici'. Dopo un mese esatto dal primo commento entrambi erano in coda di moderazione ed ho nuovamente scritto chiedendo se ci fossero problemi tecnici, cercando io stesso di giustificarli ed esprimendo il mio 'dispiacere' sul fatto.
Conseguentemente mi è capitato di vedere questo tuo post fratello Yusuf, quindi avevo in mente di rispondere prontamente con tanto di citazione dei tre commenti in coda di moderazione: con sorpresa trovo che gli ultimi due commenti sono stati proprio cancellati, ed è rimasto il primo solo solingo poverino, ancora in quella 'coda di moderazione'. Sono ..indignato?
Per di più, mi era capitato di scrivere un'altra volta su quel sito e pensa un po', anche quella prima volta fui censurato, io e molti altri fratelli. Era accaduto che in un articolo che menzionava la misericordia dell'Islaam (portando come esempi la derivazione di diverse parole italiane dall'arabo -?-) commentò un negatore dimostrando quanto fosse compiaciuto di "'tale' islaam, mica come quello di (cita un altro blog e ne insulta il proprietario)"; il fratello preso in causa rispose in modo molto garbato e in poche parole: censurato; diversi fratelli tra cui io intervennero in difesa del fratello: censurati; morale della favola: il commento del negatore non venne censurato.

Già, si sa, Allaah TaAla ha detto -traslitterazione-: "Ashiddao 'ala lkuffari ruhamao baynahum", appunto.

Non ho parole. Ho pubblicato infine un altro commento su uno degli articoli riguardanti il 'Mawlid', e SORPRESA non sono stato censurato (penso! voi lo vedete? Dovrebbe essere il terzo

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

)! Bhè, un commento su cinque in un anno e mezzo di tempo.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Fabb Yusuf Tarenti
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 19/09/10 02:25
Messaggi: 1422
Residenza: Bologna / Taranto

MessaggioInviato: Mer Feb 13, 2013 11:45 pm    Oggetto: BismiLlāhi arRaḥmāni arRa&#7 Rispondi citando

Francamente mi sono anche un po' "pentito" di aver sollevato questo polverone. Alla fine il sito è loro e possono ammettere i commenti di chi vogliono, non è una colpa voler pubblicizzare le proprie idee senza intromissioni di chi la pensa diversamente.

Il punto è che:
1 ciò che essi propongono sono idee in buona parte false e mistificatrici sull'Islām, e loro le promuovono in tutti i modi volendole rappresentare come Islām "italiano" e sfruttando la fama dovuta alla traduzione da parte di Piccardo del Corano (per altro piena anch'essa di errori e note mistificatrici, ma certo a livelli meno gravi del suo blog);
sul suo (ab)uso del credito che ha per aver pubblicato la traduzione del Corano più credibile in lingua italiana penso che la colpa maggiore sia di noi tutti altri che non ci diamo da fare per sostituire questa con una traduzione ben più vicina al Testo originale;
2 queste persone hanno assunto oggi ruoli dirigenziali dell'associazione UCOII, la cui credibilità e consenso sono ormai in gran parte decaduti, ma che anch'essa è, sempre per demerito altrui più che per suo merito, la più credibile allo stato attuale, e anche in questo caso c'è un (ab)uso da parte di chi, a mio parere, dovrebbe sentirsi addosso la responsabilità di rappresentare i musulmani e assolvere a questo compito in modo freddo e imparziale, senza pubblicizzare col marchio della rappresentanza dei musulmani ideologie e posizioni settarie e per altro minoritarie.

Quindi, come credo si evince da quanto scritto sopra, ad un certo punto penso non sia più saggio insistere nel cercare di far ravvedere chi finora ha ricevuto tanti moniti e buoni consigli - ovviamente senza perdere la speranza e continuando a invocare per loro e per tutti la guida di Allāh - ma piuttosto prendere atto che queste persone non assolvono in modo corretto al loro compito, per altro in gran parte autoproclamato, di rappresentanti della Umma italiana, né sentono la responsabilità di aver scritto e pubblicato la traduzione dei significati del Corano.

Quindi semplicemente i musulmani che cercano di seguire la Retta Via lontani dalle passioni individuali, dalle innovazioni, dai sincretismi e perennialismi, e da qualsiasi kufr e širk, dovrebbero perdere meno tempo in lotte contro i soliti noti e provvedere a competere con loro e sostituirsi loro anzitutto nel dare accesso ai musulmani e non di lingua italiana al Qur'an e poi in generale nell'assumere l'egemonia culturale e magari "politica" della umma, non per rincorrere scopi personali, anzi in uno sforzo d'abnegazione fisabiliLlāh, né per promuovere un "gruppo" o "setta", ma cercando di promuovere la Sunna e la Ǧama‘a (o la Tradizione e la Comunità) nel modo più inclusivo e dialogante possibile, ma mai a scapito dell'ortodossia e della verità.

_________________
(([49.11] O credenti, non scherniscano alcuni di voi gli altri, ché forse questi sono migliori di loro. E le donne non scherniscano altre donne, ché forse queste sono migliori di loro. Non diffamatevi a vicenda e non datevi nomignoli. Com'è infame l'accusa di iniquità rivolta a chi è credente ! Coloro che non si pentono sono gli iniqui.)) 49:11



(Dio non è un uomo da potersi smentire,
non è un figlio dell'uomo da potersi pentire.
Forse Egli dice e poi non fa?
Promette una cosa che poi non adempie?)

Numeri 23:19 (BIBBIA)


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM Yahoo MSN
Nabil
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 19/02/13 23:54
Messaggi: 105

MessaggioInviato: Gio Feb 21, 2013 1:11 am    Oggetto: Ciao Rispondi citando

Hai ragione Tariq ramadan sta cercando di demolire L'islam nella sua essenza con questioni sull'islam che a livello umano sarebberò discutibili.
Per esempio "la lapidazione" in modo tale da sembrare credibile anche in altri aspetti!!

_________________
Arab_93
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14953
Residenza: Madhhab: Hanafi-Deobandi

MessaggioInviato: Gio Feb 21, 2013 3:31 am    Oggetto: Re: BismiLlāhi arRaḥmāni arRa&am Rispondi citando

Fabb Yusuf Tarenti ha scritto:
Il punto è che:
1 ciò che essi propongono sono idee in buona parte false e mistificatrici sull'Islām, e loro le promuovono in tutti i modi volendole rappresentare come Islām "italiano" e sfruttando la fama dovuta alla traduzione da parte di Piccardo del Corano (per altro piena anch'essa di errori e note mistificatrici, ma certo a livelli meno gravi del suo blog);
sul suo (ab)uso del credito che ha per aver pubblicato la traduzione del Corano più credibile in lingua italiana penso che la colpa maggiore sia di noi tutti altri che non ci diamo da fare per sostituire questa con una traduzione ben più vicina al Testo originale;
2 queste persone hanno assunto oggi ruoli dirigenziali dell'associazione UCOII, la cui credibilità e consenso sono ormai in gran parte decaduti, ma che anch'essa è, sempre per demerito altrui più che per suo merito, la più credibile allo stato attuale, e anche in questo caso c'è un (ab)uso da parte di chi, a mio parere, dovrebbe sentirsi addosso la responsabilità di rappresentare i musulmani e assolvere a questo compito in modo freddo e imparziale, senza pubblicizzare col marchio della rappresentanza dei musulmani ideologie e posizioni settarie e per altro minoritarie.


Assolutamente d'accordo.

E' proprio questo che intendevo quando accennavo all'abuso della loro posizione e ruoli per diffondere e dare visibilità in maniera assolutamente irresponsabile a visioni ed opinioni estremamente "minoritarie"; di più, isolate che costituiscono vere e proprie eccezioni ed innovazioni.

Forse è proprio questo che intendono quando parlano di "Islam Europeo": inventare un nuovo "Islam" mai visto né immaginato dai Musulmani di qualsiasi altra parte del mondo (compresi altri Musulmani europei (come bosniaci, albanesi, macedoni, bulgari, etc.) evidentemente considerati di serie B, che sono Musulmani da secoli e che non hanno mai avanzato la scusa di essere "europei", "bianchi", a strisce o a pois per apportare modifiche alla religione di Allah)..

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Fabb Yusuf Tarenti
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 19/09/10 02:25
Messaggi: 1422
Residenza: Bologna / Taranto

MessaggioInviato: Gio Feb 21, 2013 9:06 am    Oggetto: BismiLlāhi arRaḥmāni arRa&#7 Rispondi citando

Purtroppo l'idea di adattare l'Islam alle proprie tradizioni culturali, o addirittura erigere certe tradizioni culturali a Islām è una malattia diffusa anche tra alcune persone in quei paesi che elenchi, ma come lo è pure in certe realtà del sub continente indiano, dell'Africa e perfino del Medio Oriente, ma appunto si tratta di errori, innovazioni, eresie.

_________________
(([49.11] O credenti, non scherniscano alcuni di voi gli altri, ché forse questi sono migliori di loro. E le donne non scherniscano altre donne, ché forse queste sono migliori di loro. Non diffamatevi a vicenda e non datevi nomignoli. Com'è infame l'accusa di iniquità rivolta a chi è credente ! Coloro che non si pentono sono gli iniqui.)) 49:11



(Dio non è un uomo da potersi smentire,
non è un figlio dell'uomo da potersi pentire.
Forse Egli dice e poi non fa?
Promette una cosa che poi non adempie?)

Numeri 23:19 (BIBBIA)


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM Yahoo MSN
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14953
Residenza: Madhhab: Hanafi-Deobandi

MessaggioInviato: Gio Feb 21, 2013 7:04 pm    Oggetto: Re: BismiLlāhi arRaḥmāni arRa&am Rispondi citando

Fabb Yusuf Tarenti ha scritto:
Purtroppo l'idea di adattare l'Islam alle proprie tradizioni culturali, o addirittura erigere certe tradizioni culturali a Islām è una malattia diffusa anche tra alcune persone in quei paesi che elenchi, ma come lo è pure in certe realtà del sub continente indiano, dell'Africa e perfino del Medio Oriente, ma appunto si tratta di errori, innovazioni, eresie.


Sì, se proprio vogliamo essere minuziosi è una tendenza che non è che sia nata ieri, ma il fatto è che la pressione e la forza con la quale viene promossa oggi non ha precedenti ed è qualcosa di "unico".

Nello specifico, quando intendevo "qualcosa di mai visto prima" non era tanto la tendenza ad "adattamenti culturali", quanto gli esiti pratici delle "riforme" proposte dai modernisti, che vanno in direzione di un qualcosa di mai visto prima e senza precedenti.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Yahya Khan
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 04/09/10 01:01
Messaggi: 464
Residenza: Madhhab: Hanafi

MessaggioInviato: Ven Feb 22, 2013 4:08 pm    Oggetto: Rispondi citando

Aurangzeb 'Umarzai ha scritto:
Tornando a Tariq Ramadan, un elemento su cui riflettere è l'enorme responsabilità dei dirigenti "Ikhwani" in Europa (e delle loro reti nei vari singoli paesi europei) che sono i veri responsabili del "lancio" di Tariq Ramadan, personaggio altrimenti privo di qualsiasi qualifica sapienziale.

La domanda che dovremmo sempre porci ogni volta che abbiamo di fronte un determinato fenomeno é: "perché se ne parla?".
....

Tornando a Ramadan ed ai quadri Ikhwani-UCOII, la loro decisione di puntare così tanto su un personaggio che esprime posizioni così deviate è una responsabilità di cui dovranno rispondere.

La loro è stata una scelta precisa: invece di puntare le loro "risorse" su un personaggio che promuovesse posizioni condivise, in linea con la giurisprudenza tradizionale, anche se magari con un taglio "moderato" o "lassista" in linea con le loro tendenze, hanno puntato tutto su un personaggio che sta esrimento nozioni estremamente controverse e pericolose per l'iman delle migliaia di Musulmani che vengono esposti ai suoi libri ed alle sua discussioni di sociologia e politica prima ancora di avere le idee chiare sulle basi minime della dottrina o della giurisprudenza - e nella stragrande maggioranza dei casi, tali "idee chiare" su questi argomenti non verranno mai raggiunte, creando generazioni di "dirigenti" in grado di parlare per ore di "cittadinanza", "integrazione", "diritti", "società", ma senza la più pallida idea della metodologia islamica tradizionale, della sua dottrina e della giurisprudenza basilare - anzi, peggio, con nozioni gravemente deviate a riguardo di tutto ciò.


quoto al 999%


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



secondo voi chi finanzia questa gente?

_________________
[center]Spegnete la tv e accendete l'iman!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Confutazione modernismo Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3  Successivo
Pagina 2 di 3

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 1.856