Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Il Taqlid e la Falsificazione della Storia Islamica
Vai a 1, 2  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Principi della Giurisprudenza, Scuole Giuridiche, Sapienti
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Mar Ott 17, 2017 3:15 pm    Oggetto: Ads

Top
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 22:20
Messaggi: 14954
Residenza: Madhhab: Hanafi-Deobandi

MessaggioInviato: Mer Ott 28, 2009 6:26 am    Oggetto: Il Taqlid e la Falsificazione della Storia Islamica Rispondi citando

Il Taqlid e la Falsificazione della Storia Islamica
Scritto da Mufti Mohammed Sajaad
24 Ramadan 1429 - 24 September 2008
Articolo originale:
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


Traduzione a cura di `Umar

Taqlid” indica il seguire le opinioni giuridiche di un sapiente senza acquisire la conoscenza delle prove dettagliate per quelle opinioni. Una persona è costretta a fare ciò, non essendo in grado di raccogliere tutte le prove per poter sostenere una propria opinione su ogni particolare dettagliata questione legata al Din [Religione]. Questo affidamento su un gruppo di individui altamente qualificati si può riscontrare in ogni aspetto della vita umana: da quando vogliamo costruire un ampliamento alle nostre case, a quando vogliamo curarci, ci rimettiamo agli esperti senza discutere. Una persona ammalata non tenta mai di auto-diagnosticare la sua malattia, e tanto meno è così audace da auto-prescriversi, in base alla sua sola conoscenza, le medicine di cui ha bisogno; invece, si siede umilmente e accetta tutto ciò che il suo dottore gli dice e gli prescrive. Sembrerebbe che soltanto con l'Islam si faccia eccezione nel fatto che ogni persona non solo si sente in diritto di esercitare le sue capacità mentali (per quanto insufficienti esse siano) per determinare i suoi dettagliati insegnamenti, ma addirittura ciò è definito essere il suo dovere!

E' un fatto indiscusso che il Taqlid esisteva sin dall'inizio dell'Islam, dato che questa è la procedura normativa per l'apprendimento. I Compagni [Sahabah] ed i Successori (Tabi`in) degli altri Compagni erano costretti a fare Taqlid dei maggiori Compagni: coloro che tra i Compagni ed i Successori non erano dei sapienti, prendevano il loro Din da quelli che lo erano. La base per il loro fare Taqlid, oltre all'ovvia ragione summenzionata, erano le prove che glielo rendevano un obbligo: Allah (SWT) ha detto nel Santo Corano:

Chiedete alla gente del Ricordo se non sapete” (Sura al-Anbiya', 7).

Altrove nel Santo Corano, Allah (SWT) ha comandato ai credenti:

Obbedite ad Allah, al Messaggero ed a coloro che detengono l'autorità tra di voi”.

Ibn Abbas (R.A.), Mujahid, e molte autorità nel Tafsir (l'Esegesi del Santo Corano) hanno specificato che “coloro che detengono l'autorità tra di voi” sono i Giurisperiti Islamici; si veda il Tafsir Tabari ed Al-Tafsir al-Kabir dell'Imam Fakhr al-Din al-Razi.

Tra i molti ahadith che provano il Taqlid, vi è un hadith riportato in Sunan Abu Dawud, in cui il Profeta (Pace e Benedizioni su di lui) ha detto: “In verità, la cura della non-conoscenza è nel chiedere”.

Il Taqlid all'epoca dei Sahabah

Nei libri di ahadith vi sono molti esempi in cui troviamo i Compagni del Messaggero di Allah (Pace e Benedizioni su di lui) che fanno Taqlid di altri Sahabah più sapienti.

[1] Abu Ayyub al-Ansari (R.A.) si trovava una volta sulla strada per l'Hajj, e perse i cammelli che portava per essere sacrificati (e con cui una persona esce dalla condizione dell'Ihram). Il giorno del sacrificio andrò da `Umar (R.A.) e gli chiese cosa dovesse fare. `Umar (R.A.) gli disse di fare come coloro che eseguono l'`Umrah (ovvero, rasarsi o tagliarsi i capelli), e in tal modo sarebbe uscito dalla condizione di Ihram, e poi l'anno successivo compiere l'Hajj ed eseguire il sacrificio. Si noti che né Abu Ayyub (R.A.) chiese una prova, né gli fu data: un chiaro esempio di Taqlid. (Muwatta Imam Malik).

[2] Una volta `Umar vide Talha (R.A.) con indosso un pezzo di stoffa colorata mentre era in stato di Ihram (a condizione che la stoffa non sia profumata, un telo colorato sarebbe permesso nell'Ihram). `Umar (R.A.) gli chiese per quale ragione vestisse quel telo, e Talha (R.A.) gli rispose che quell'indumento era fatto di un materiale non profumato. `Umar (R.A.) gli disse: “Voi siete persone che sono seguite dagli altri. Se una persona che non lo sapeva avesse visto questo indumento, avrebbe pensato che Talha indossasse questo vestito in Ihram (e perciò avrebbe assunto che indossare abiti profumati fosse permesso). Astieniti dall'usare stoffe colorate”. (Muwatta).

Ciò dimostra che non vi è nulla di essenzialmente sbagliato nel seguire i sapienti senza [conoscere le loro] prove; anzi, questo è sempre stato uno dei modi in cui le masse apprendevano il loro Din, come mostrato dall'affermazione di `Umar (R.A.).

[3] Uno dei più ovvi esempi di Taqlid fu quello di quando il Messaggero di Allah (Pace e Benedizioni su di lui) mandò Mu`adh Ibn Jabal (R.A.) in Yemen come insegnante. Quando era in Yemen la gente prendeva esclusivamente ciò che lui insegnava loro, come Din, in questioni vecchie e nuove, e questo non è altro che Taqlid. Ad esempio, gli fu chiesto a proposito di un uomo cui fossero sopravvissute soltanto la figlia ed una sorella, come sarebbe stata distribuita tra loro la sua eredità? Egli decretò che esse ricevessero metà ciascuna, e fece ciò come Mufti, senza menzionare le prove per il suo giudizio. (Sahih al-Bukhari).

[4] Troviamo anche un chiaro esempio di Sahabah che fanno Taqlid Shakhsi (Taqlid specifico [di una sola persona]). E' riportato nel Sahih al-Bukhari da Ikrimah (R.A.) che la gente di Medina chiese ad Ibn Abbas (R.A.) a riguardo di una donna che fece Tawaf ed ebbe il suo ciclo mestruale: malgrado avesse su di sé il Tawad al-Wida, le era permesso tornare a casa o doveva aspettare finché il suo periodo finisse?). Ibn Abbas (R.A.) rispose: “Lei può tornare”. La gente disse: “Non accetteremo la tua opinione su quella di Zayd (Ibn Thabit)”. (Sahih al-Bukhari).

Due cose diventano molto chiare da questo incidente. La prima è che gli abitanti di Madina fecero Taqlid Specifico (Taqlid Shakhsi) di Zayd Ibn Thabit (R.A.), e di conseguenza non avrebbero accettato le opinioni di altri sapienti tra i Sahabah. E secondo, che lo stesso Ibn Abbas (R.A.) non li rimproverò mai per il loro seguire esclusivamente le sue [di Zayd Ibn Thabit (R.A.)] opinioni.

Sarebbe corretto dire che fino al secondo secolo, erano comuni nella Ummah due tipi di Taqlid: il tipo non-specifico (Taqlid ghayr Shakhsi), ed il Taqlid specifico (Taqlid Shakhsi). La maggior parte dei Musulmani, quando volevano conoscere la regola dell'Islam su una data questione, semplicemente si recavano da un sapiente della loro comunità che consideravano essere un'autorità. Ma si possono trovare anche esempi – come quelli summezionati – di quando i Musulmani facevano Taqlid specifico esclusivamente di un particolare Compagno o Successore. Apprendiamo perciò da questo, che non vi è nulla di essenzialmente biasimevole in qualcuno che sia un Hanafita od un Malikita, perchè vi erano persone che erano “Mas`uditi” (seguaci delle opinioni di Ibn Mas`ud), “Muhaditi”, “Abbasiti”, etc., solo che non erano conosciuti con questi nomi.

Uno dei fattori nel consolidamento del Taqlid Shakhsi e della graduale fine dell'altro tipo di Taqlid, fu l'emergere dei quattro sapienti che conseguirono un tale riconoscimento dalla loro sapienza e pietà, che studenti e persino altri sapienti si affollavano attorno a loro. Tutti e quattro furono benedetti con lunghe vite, così da poter affrontare ogni singola sezione delle regole giuridiche, e soprattutto, furono indiscussi Mujtahid. Un mujtahid è un sapiente di prim'ordine, che ha raggiunto il più alto e più difficile livello di Ijtihad (ragionamento giuridico indipendente). Vi sono molti tipi di sapienti inferiori, ma quello cui è consentito di esercitare l'Ijtihad nell'elaborare responsi giuridici è quello che ha trascorso anni ad acquisire le abilità nelle scienze religiose principali ed in quelle ausiliari, permettendogli così di interpretare accuratamente i Testi Sacri e meritando così di essere considerato un'autorità nelle importanti questioni del Din. In breve, ciò implica:

-Conoscenza profonda della lingua araba; grammatica, semantica e retorica.
-Conoscenza profonda del Santo Corano, il suo Tafsir stabilito, i versetti che sono abrogati e le occasioni di rivelazione.
-Conoscenza profonda degli Ahadith, avendo acquisito le narrazioni dai loro narratori, conoscendo la condizione della catena [di trasmissione] e dei suoi narratori. A questo riguardo, era opinione dell'Imam Ahmad che una persona non può essere considerata un Mujtahid finché non abbia memorizzato trecento mila ahadith.

Gli studenti di questi quattro Imam elaborarono ulteriormente i loro pareri giuridici, i loro principi (gli strimenti d'interpretazione), e soprattutto li preservarono e quindi trasmisero la scuola (Madhhab) del sapiente alla generazione successiva.

Questi quattro sapienti erano:

•Imam Abu Hanifa (R.A.) - 80-150 H.
•Imam Malik Ibn Anas (R.A.) - 93-179 H.
•Imam Muhammad Ibn Idris al-Shafi`i (R.A.) - 150-204 H.
•Imam Ahmad Ibn Hanbal (R.A.) - 164-241 H.

Se scattiamo un'istantanea della Ummah verso la fine del secondo secolo, vediamo che il Taqlid era di altri rispetto a queste quattro scuole sunnite e questi quattro Imam. Col tempo, la maggior parte delle persone finì per fare Taqlid di queste quattro scuole. In virtù del loro essere pienamente formate, propagate e codificate, sempre più sapienti ricevettero la loro istruzione in queste quattro scuole codificate. La convergenza della Ummah sull'approvazione di queste quattro scuole fu per coincidenza, e non divinamente rivelata. Detto questo, non è nascosta la misericordia che risiede nel convergere della Ummah su queste quattro, e fu perciò visto come un intervento divino nell'assicurare la preservazione del Din, come Allah (SWT) ha promesso:

Noi abbiamo fatto scendere il Monito, e Noi ne siamo i custodi. (Sura al-Hijr, 9).

Questo non è per dire che ci sono stati solo quattro sapienti nella Ummah che abbiano raggiunto l'alto rango dell'Ijtihad: ce ne sono stati diversi altri, ma le loro scuole non ricevettero lo stesso tipo di attenzione che quelle di questi quattro Imam hanno ricevuto, e perciò non è realmente possibile farne Taqlid. Essi un tempo possono aver avuto un fiorente circolo di studenti, ma questi - per qualunque ragione – non documentarono, codificarono e trasmisero pienamente la loro scuola. Qualcuno può trovare che alcuni dei loro pareri giuridici sono stati preservati, ma ciò non è sufficiente per considerare quella scuola adatta per il Taqlid. Giusto per menzionare un evidente pericolo nel permettere ciò – oltre al fatto che sono solo una manciata dei loro pareri giuridici, quelli che sono arrivati sino a noi – non sappiamo se quella particolare opinione fosse l'opinione finale di quel sapiente, o se egli l'abbia in seguito cambiata nel corso della sua vita. Per sapere ciò servirebbero dei commentari scritti dai suoi studenti, ed una solida trasmissione di tutte le sue opinioni. Al contrario, di questo problema è accuratamente presa cura nelle quattro scuole stabilite.

Perciò le quattro scuole iniziarono di fatto a rappresentare l'Islam Sunnita. Chiunque volesse studiare seriamente la legge Islamica, come principiante, era costretto ad allinearsi con una delle quattro scuole, in virtù della loro indiscussa abilità accademica e della loro preservazione capitolo per capitolo.

E' per questa ragione che abbiamo un altro fatto che risulta inspiegabile ai non-Muqallid (coloro che negano il Taqlid e lo considerano illecito), che tentano perciò di evitarlo. Si tratta del fatto che la vasta maggioranza dei geni sapienziali sunniti seguivano una delle quattro scuola. Ad esempio, la seguente è solo una selezione di autorità indiscusse del nostro Din, di cui si conosce l'adesione ad uno dei quattro Madhahib:

•Imam Abu Isa al-Tirmidhi (Shafi`i)
•Imam Abu Jafar al-Tahavi (Hanafi)
•Imam Fakr al-Din al-Razi (Shafi`i)
•Imam Ibn Abd al-Bar (Maliki)
•Imam Abu Zakariyya al-Nawawi (Shafi`i)
•Imam Abu Bakr Jassas (Hanafi)
•Imam Ibn al-Hummam (Hanafi)
•Imam Abu Ishaq al-Shatibi (Maliki)
•Imam Ibn Hajr al-Asqalani (Shafi`i)
•Imam Abu al-Abbas al-Qurtubi (Maliki)
•Imam Badr al-Din al-Ayni (Hanafi)
•Imam Jalal al-Din al-Suyuti (Shafi`i)

Certamente, vi è una differenza tra il modo in cui un sapiente segue (fa Taqlid di una scuola, e il modo in cui lo fanno gli altri.
Un vero sapiente versato nelle scienze Islamiche può anche guardare (e guardava) alle prove, e se riteneva che la vera posizione corretta fosse un'altra rispetto a quella insegnata dalla sua scuola, egli lasciava la scuola in quella questione. Ma per le masse, ciò va' generalmente oltre le loro capacità, né è richiesto ad ogni credente di diventare un `Alim od un Mujtahid, poiché ciò richiederebbe ad ognuno di abbandonare la dedizione ad altre importanti aree accademiche come medicina, ingegneria, etc., ed il cercare dei mezzi di sussistenza, ma la nostra misericordiosa Shari`ah divina non esige intrinsecamente da noi cose che sono impossibili, come dice Allah (SWT):

Allah non carica una persona con più di quanto egli possa sopportare” (sura Al-Baqara:286)

Perciò il loro dovere è semplicemente quello di seguire dei veri sapienti, come ordinato nel versetto di Sura al-Anbiya'.

E' interessante notare che sebbene il genere di sapienti menzionati precedentemente si trovavano ad un livello di ijtihad, a loro giudizio non si sentivano in grado di esentarsi dal Taqlid di quello dei quattro Imam che seguivano. La collezione di ahadithAl-Jami` dell'Imam Tirmidhi è una testimonianza di ciò: se una persona familiare con la scuola Shafi`i sfoglia quest'opera, vedrà che gli ahadith sono portati in supporto di questa scuola, come appare chiaro dai titoli dei capitoli e dal commentario dell'Imam Tirmidhi.

Nel secondo secolo vi era una sorta di consenso dei sapienti sul fatto che fosse interesse del Din che per la gente comune, il Taqlid fosse fatto solo delle quattro scuole. Detto questo, una persona non era limitata a chi chiedere per pareri giuridici tra le quattro scuole codificate. Questo genere di Taqlid non specifico è conosciuto come “Taqlid ghayr Shakhsi”. Data la religiosità generalmente maggiore in quelle prime generazioni, una persona - anche se non era limitata dai sapienti di cui faceva Taqlid – avrebbe cercato il sapiente più pio, e se anche avesse ricavato più di un'opinione, avrebbe propeso per la precauzione nello scegliere un'opinione, e la minaccia del seguire i propri desideri era piccola.

Dal Taqlid ghayr Shakhsi al Taqlid Shakhsi

Più ci allontaniamo nel tempo dalla migliore delle generazioni, in particolare dopo il secondo secolo, mentre l'empietà ed il seguire i desideri divennero più comuni, i sapienti divennero più inequivocabili nell'obbligatorietà per ogni Musulmano del seguire solo una scuola. I fatti storici lo chiariscono abbondantemente e chiunque asserisca il contrario è francamente fuori dal contatto con la realtà: non è consapevole degli innumerevoli illustri giuristi che hanno espresso questa posizione, e sembra ignaro della condizione della gente di quel tempo e tanto più della propria stessa epoca. Perciò il fatto è che verso la fine del secondo secolo, anche la fine delle migliori generazioni, vi fu un cambiamento nell'atteggiamento delle masse, ed i desideri personali iniziarono a divenire determinanti nella decisione di quali opinioni seguire. Il Profeta stesso (Pace e Benedizioni su di lui) aveva preannunciato ciò quando disse: “allora la menzogna (kadhib) diverrà diffusa”. Fu allora che i sapienti concordarono unanimemente che la gente non avrebbe più avuto l'opzione di scegliere le opinioni da seguire, ma avrebbero dovuto seguire solo una qualunque delle quattro scuole. Imam Shah Waliullah dice:

Dopo il secondo secolo apparve tra i Musulmani l'adesione a scuole specifiche (...) E questo fu l'obbligo a quel tempo” (“Al-Insaf fi Bayan Asbab al-Ikhtilaf”, p.70.

Shaikh Wahbah al-Zuhaili in Al-Fiqh al-Islami wa adillatuh, vol.1 p.94, comunque ha dichiarato che la posizione della maggioranza dei sapienti era che solo il Taqlid di qualunque sapiente (Taqlid ghayr Shakhsi) fosse wajib [necessario], e solo qualche sapiente considerasse wajib il Taqlid di una scuola specifica (Taqlid Shakhsi).

Questa affermazione però non solo contrasta con l'evidente bisogno del Din e della Ummah che risiede nel rendere wajib il Taqlid Shakhsi, ma è non è nemmeno corroborato dai fatti, il più incontrovertibile dei qualificati è il gran numero di giuristi che hanno affermato questa opinione [la necessità del Taqlid Shakhsi], come riporteremo qui di seguito. D'altra parte, Shaykh Wahbah ha supportato la sua opinione citando solo due o tre autori, che è difficile dire come possano costituire una maggioranza.

Per essere certi dell'errore di quest'affermazione, l'argomentazione presentato da Shaykh Wahbah, che sottende quest'opinione, vediamo anche che è chiaramente difettoso. La ragione che egli fornisce per affermare che il Taqlid specifico (Taqlid Shakhsi non possa essere wajib, è, nelle sue parole:

"Allah ha reso obbligatorio solamente il seguire i sapienti, senza specificare di seguire uno e non un altro; Egli ha detto: “Chiedete alla gente del Ricordo se non sapete” (Sura al-Anbiya', 7)". (Op. Cit.).

Tuttavia la realtà è che in questo versetto Allah (SWT) ha reso obbligatorio il Taqlid generico o Taqlid in generale (Jins Taqlid o Mutlaq Taqlid). Ora, il Taqlid in questo senso generale ha due, chiamiamole così, componenti, generi o sotto-categorie (Anwa` od Afrad):

-Taqlid ghayr Shakhsi (Taqlid non specifico di qualunque sapiente)
-Taqlid Shakhsi (Taqlid specifico di un particolare sapiente).

Appare perciò chiaro che il Taqlid in sé è un obbligo, e tutti i tipi di Taqlid che vi rientrano seguono la stessa regola [sono anch'essi obbligatori], perché non sono altro che tipi della stessa cosa. Sebbene certamente vi sia una scelta, nel seguire il Din, su quale dei due tipi praticare.

Così come se una madre ordina al figlio di comprarle della “frutta”, sotto questo termine generale (Mutlaq) rientrano diversi tipi di frutto, ad esempio mele, arance, pere, etc. Sarebbe corretto dire che l'obbligo si applichi a tutti questi frutti, mentre che vi sia una scelta su quale frutto il figlio scelga è un altro discorso. Ciò che importa è che egli sceglie un qualsiasi frutto, e qualunque frutto scelga avrà adempiuto al suo dovere. Ma ciò che non si può dire è che da una parte comprare delle mele sia obbligatorio, mentre comprare delle arance sia semplicemente permesso (e dire che sia illecito sarebbe assurdo). Per fare un altro esempio, questa volta dal Din, se qualcuno infrange un giuramento, deve fare un'espiazione (kaffarah. L'espiazione per avere infranto un giuramento è Fard (obbligatorio), ma sotto questo termine generico/generale (Mutlaq) rientrano tre componenti/generi (afrad): (1) Sfamare dei poveri, (2) Vestire i poveri, (3) Liberare uno schiavo. Ognuno prenderà la regola dell'espiazione, ovvero Fard, e ciò che è Mubah, permesso, è la scelta tra uno di questi tre.

Perciò la conclusione di questa discussione è che il versetto in Sura Anbiya' di fatto ha reso wajib entrambi i generi di Taqlid, e se una persona segue uno dei due, egli avrà soddisfatto il suo obbligo. E' per questa ragione che troviamo esempi di entrambi i generi di Taqlid praticati dalle prime generazioni, come menzionato precedentemente. Per quanto riguarda il perchè i sapienti abbiano proibito l'opzione del Taqlid Ghayr Shakhsi, ciò fu dovuto ad un cambiamento nella condizione della gente, e ne discuteremo il fondamento giuridico qui di seguito.

La Maggioranza degli `Ulama' sul Taqlid Shakhsi

In questa sezione del saggio il mio scopo principale è portare citazioni da indiscussi esperi del Din che dimostrano come l'obbligatorietà del Taqlid Shakhsi sia divenuta opinione comune tra i sapienti per la gran parte della Storia Islamica. Detto questo, ho pure colto l'occasione per aggiungere qualche altra citazione, non specificamente sul Taqlid Shakhsi, per confutare due altre opinioni che vengono promosse oggigiorno, che sebbene marginali, la loro fallacia e la loro natura eretica ne obbligano la confutazione.
La prima è l'idea che il Taqlid, di qualunque genere sia, sia illecito e che sia invece obbligo di ogni Musulmano derivare da sé stesso tutte le regole dettagliate dal Corano e dalla Sunnah. Quest'opinione è portata avanti da gruppi conosciuti come “Ahle-hadith” o “Salafiti”. Una delle ragioni per cui essi sono riusciti a convincere la gente a credere a tali pretese infondate e stravaganti è che hanno falsamente dato l'impressione che questa fosse anche l'opinione della maggioranza dei grandi sapienti Islamici nel passato. In realtà, la vera posizione dei sapienti classici dell'Islam, come provato dalle seguenti citazioni, è molto differente. Inoltre, è alquando sorprendente che un sapiente su cui essi stessi fanno grandissimo affidamento, il defunto Shaykh Salih bin Uthaymin, ha inequivocabilmente dichiarato nel suo “Al-Usul min `ilm al-Usul” che chi non è un sapiente deve fare Taqlid dei sapienti. Nelle sue lezioni registrate di questa stessa opera egli afferma che per il Musulmano comune tentare di avventurarsi nel Santo Corano e nella Sunnah per derivarvi regole è come nuotare in mare per chi non ha mai imparato a nuotare: ciò porterà soltanto alla sua distruzione. Sua è la citazione finale in questa selezione.

La seconda opinione è meno eretica e pericolosa, perché almeno ammette che il sacro Din non può essere lasciato nelle mani di assoluti neonati in termini di istruzione Islamica. I proponenti di quest'opinione affermano che è permesso seguire qualunque sapiente, anche se questi fosse da altro che le quattro scuole. Ma ovviamente lo scopo principale dietro i seguenti testi è il mostrare che l'opinione della vasta maggioranza dei Sapienti di Ahl as-Sunnah era ed è che il Taqlid Shakhsi in particolare è wajib. I sapienti che citiamo sono delle tali autorità nella Conoscenza Sacra del Din, che non è irragionevole ritenere che questa regola, che determina come obbligatorio il Taqlid Shakhsi, fosse anche l'opinione dei loro molti eminenti insegnanti, studenti, e dell'intera scuola cui appartenevano.

Imam Ibn al-Hummam, autore di molte opere uniche in Giurisprudenza e Dottrina, registra l'opinione dei sapienti Hanafiti sul Taqlid di un singolo Mujtahid nel commentario dell'Hidayah, Fath al-Qadir:

(Quanto al profano), è obbligatorio per lui (al-wajib alayh) fare Taqlid di un singolo Mujtahid. (…) I giuristi hanno affermato che colui che passa da un Madhhab ad un altro di suo Ijtihad e prova è un peccatore meritevole di essere punito. Perciò chi lo fa senza Ijtihad né prova ne è ancora più meritevole”. (vol. 6, p. 360).

Imam Nawawi scrive in Al-Majmu` Sharh Al-Muhadhdhab:

La seconda opinione è che è obbligatorio (yalzimuhu) per lui seguire una scuola particolare, e questa era la posizione definitiva secondo Imam Abul—Hassan (il padre dell'Imam al-Haramayin Al-Juwayni). E ciò si applica a chiunque non abbia raggiunto il livello di Ijtihad dei giuristi e dei sapienti di altre discipline. Il ragionamento per questa regola è che se fosse permesso seguire qualunque scuola si volesse, ciò porterebbe a raccogliere le dispensazioni delle scuole, seguendo i propri desideri, a scegliere tra Halal e Haram, tra obbligatorio e permesso. In definitiva, ciò porterebbe a rinunciare all'onere della responsabilità. Questo non è lo stesso che durante le prime generazioni, perché le scuole che allora erano sufficienti in termini delle loro regole per le nuove questioni, non erano né codificate né divennero popolari. Perciò su questa base è obbligatorio per una persona sforzarsi di scegliere un Madhhab da seguire esclusivamente”. (Vol. 1, p. 93).

Imam Sha`rani, un'autorità indiscussa nella scuola Shafi`i scrive in “Al-Mizan al-Kubra”:

...A te (O studente) non è rimasta alcuna scusa per non fare Taqlid di un qualsiasi Madhhab che tu voglia tra le scuole dei quattro Imam, perché sono tutti sentieri per il Paradiso...” (p. 55, vol. 1).

Shaykh Salih al-Sunusi scrive in “Fath al-`Alee al-Malik fil-Fatwa `ala Madhab al-Imam Malik:

Per quanto riguarda il sapiente che non abbia raggiunto il livello di Ijtihad ed il non-sapiente, essi debbono fare Taqlid del Mujtahid (…) E l'opinione più corretta è che sia obbligatorio (wajib) aderire ad una scuola in particolare tra le quattro scuole...” (Sezione sugli Usul al-Fiqh).

In “Tuhfa al-Muhtaj fi Sharh al-Minhaj”, Shaikh al-Islam Ahmad Ibn Hajr al-Haytami scrive:

L'affermazione che il profano non ha Madhhab è proscritta, piuttosto è necessario (yalzamuhu) per lui fare Taqlid di una scuola riconosciuta. (Per quanto riguarda l'affermazione: “i sapient non hanno obbligato a seguire una scuola), questo era prima della codificazione e della costituzione delle scuole”. (vol. 12, p. 491 – Kitab al-Zakah).

Nel famoso compendio Malikita di Fatawa in 12 volumi, “Al-Mi`yar al-Mu`rib an Fataawa ahl al-Ifriqiyya wa al-Andalus wa al-Maghrib”, Imam Ahmad al-Wanshirisi riporta la Fatwa sul Taqlid:

Non è permesso (la yajuzu al seguace di un sapiente scegliere la scuola che gli è più gradevole e con la quale concorda maggiormente. E' suo dovere fare Taqlid dell'Imam la cui scuola egli crede essere corretta a confronto con le altre scuole”. (vol. 11, p. 163-164).

La grande autorità in Usul, Imam Aamidi, scrive in “Al-Ihkam fi Usul al-Ahkam”:

Il profano e chiunque non sia capace di Ijtihad, anche se abbia acquisito padronanza di alcune delle discipline (`Ulum) legate all'Ijtihad, è obbligato (yalzimuh) a seguire le posizione degli Imam Mujtahid e a prendere le sue opinioni giuridiche, e questa è l'opinione degli esperti tra i sapienti dei principi (Al-Muhaqqiqin minnal-Usulyyin). Era la Mu`tazila di Baghdad che proibì ciò, eccetto se la solidità del suo Ijtihad gli apparisse chiara”. (vol. 4, p. 278).

Imam Zahid al-Kawthari, giurista Hanafita e consigliere giuridico supremo dell'ultimo Shaykh al-Islam dell'Impero Ottomano, scrisse in un appassionato articolo contro la crescente tendenza moderna del non-Madhhabismo, intitolato “Al-La Madhhabiyya Qantara al-La Diniyya” (“Il non-Madhhabismo è il ponte per l'ateismo”):

Coloro che chiamano le masse a disfarsi dell'adesione ad un Madhhab dei Madhahib degli Imam seguiti, le cui vite abbiamo brevemente menzionato precedentemente, sono di due gruppi: coloro che ritengono che tutte le opinioni derivate del Mujtahid sono corrette, per cui sarebbe permesso al profano seguire qualsiasi opinione di qualunque Mujtahid, non limitarsi alle opinioni di un singolo Mujtahid che si fosse scelto di seguire: tale pensiero appartiene alla Mu`tazila. Il (secondo gruppo) sono quei Sufi che considerano tutti i Mujtahid essere nel corretto, nel senso che cercano le opinioni più dure tra le loro posizioni, senza limitarsi a seguire in Mujtahid.” (Pubblicato in Maqalaat al-Kawthari, p.224-225).

Imam Al-Jalaal Shams al-Din al-Muhalli scrive nel commentario del testo Shafi`ita “Jam` al-Jawami:

E la posizione più corretta (Wal-Asahh) è che sia obbligatorio (yajibu) per il non-sapiente/profano ed oltre a lui per coloro che non hanno raggiunto il livello di Ijtihad, l'adesione ad una particolare scuola tra i Madhahib degli Imam Mujtahid (iltizam Madhhab Muayyan min madhahib al-Mujtahidin) che egli creda essere preferibile ad un'altra scuola od eguale”. (Kitab al-Ijtihad, p.93)

Imam Rashid Ahmad Gangohi, il Faqih del XIX Secolo, scrive in “Fatawa Rashidiyya”:

Quanto la corruzione che deriva dal Taqlid non-specifico diviene palese, e nessuno negherà ciò se è onesto, quando poi il Taqlid viene definito obbligatorio per altro che sé stesso (Wajib li-ghayrihi), ed il Taqlid non-specifico viene definito illecito, ciò non sarà per mera opinione, ma piuttosto per l'ordine del Messaggero di Allah (Pace e Benedizioni su di lui), perché egli ha comandato che rimuovere la corruzione è un obbligo per ogni individuo”. (p. 205).

Imam Abd al-Hay al-Lakhnawi scrive nel suo “Majmuat al-Fatawa, dopo aver menzionato le varie opinioni dei sapienti sul Taqlid:

Su questo argomento l'opinione più solida è che alla gente comune sia impedito tale (scegliere) tra differenti opinioni, e specialmente alla gente di quest'epoca, per la quale non vi è cura se non nel seguire un particolare Madhhab. Se a queste persone fosse consentito scegliere tra il loro Madhhab ed un altro, ciò farebbe sorgere grandi tribolazioni”. (vol. 3, p. 195).

Imam Rajab al-Hanbali scrive nella sua opera: “Confutazione di chi segua altro rispetto alle quattro scuole”:

...che è il Mujtahid, assumendo la sua esistenza, il suo dovere (Farduhu è seguire ciò che gli si manifesta della Verità. Mentre per il non-Mujtahid, il suo dovere è il Taqlid”. (p. 6).

Nel ben conosciuto testo Malikita “Maraqi al-Saud”, si afferma:

(Il Taqlid) è necessario (yalzimu) per chiunque non abbia raggiunto il livello di assoluto ijtihad, anche se egli è un (Mujtahid) limitato che è incapace (di eseguire l'Ijtihad assoluto)”. (Punto 957, p.39). E' scritto in seguito: “Ogni scuola delle scuole dei (quattro) Mujtahid è un mezzo che fa raggiungere il Paradiso”.

In uno dei più autorevoli commentari giuridici del Santo Corano, “Al-Jami` li-ahkam al-Qar’an, del sapiente Imam Qurtubi, commentando il versetto 7 di Sura Anbiya', scrive:

I sapienti non discordarono sul fatto che sia obbligatorio per i non-sapienti (al-`Aamah) fare Taqlid dei loro sapienti, che sono indicati nel versetto: “Chiedete alla Gente del Ricordo se non sapete”. Ed i sapienti per consenso Ajma`u hanno dichiarato necessario (la budda) per chi è incapace di vedere, di fare Taqlid di qualcun altro che gli dica la direzione della Qiblah se ciò gli diviene difficile. In maniera simile, a chi non possieda la conoscenza o la sapienza di ciò che il Din insegna è necessario (la budda) fare Taqlid del sapiente che la possieda.”. (p. 181, vol. 11).

Il sapiente famoso a livello mondiale, Mufti Taqi Uthmani scrive nel suo commentario al libro: “Al-Misbah fi Rasm al-Mufti wa Manaahij al-Ifta

L'opinione corretta, sulla quale concorda la maggioranza dei sapienti, è che sia obbligatorio (Yajibu) per tutti coloro che non abbiano raggiunto il livello di Ijtihad l'aderire ad una precisa scuola tra le quattro celebri, codificate e decisamente trasmesse. Ciò per regolare le azioni di una persona e controllarne le relazioni mondane in una maniera che lo protegga da confusione ed errori, e che ne soddisfi le impellenti necessità”. (vol. 1, pp. 251-252).

Shaykh Salih bin al-Uthaymin scrive nel suo “Al-Usul min `ilm al-Usul”, nel capitolo sul Taqlid:

Il Taqlid ha luogo in due modi; il primo è che la persona che fa Taqlid sia un profano, incapace di derivare da sé la regola, perciò il suo dovere (Farduhu) è di fare Taqlid, in base all'affermazione di Allah (SWT): “Chiedete alla Gente del Ricordo se non sapete” (Sura al-Nahl, 43)” (p. 68).

Shaykh al-Uthaymin inoltre delinea nel capitolo precedente a questo ciò che è necessario perché una persona sia in grado di ricavare le regole dai Testi Sacri, ovvero i pre-requisiti dell'Ijtihad. Egli riporta sei condizioni, la prima delle quali è la condizione di conoscere tutti i versetti e gli ahadith pertinenti al soggetto. Già questo primo ostacolo scarterebbe la maggior parte di noi che non ha imparato -e tanto meno ne è esperto- la lingua araba. Le traduzioni non possono mai esprimere le complessità linguistiche, gli artifici retorici e le sfumature semantiche dell'originale arabo, ed inoltre un vasto numero di ahadith non sono nemmeno stati ancora tradotti in inglese.

La base giuridica per cui solo il Taqlid Shakhsi è obbligatorio

E' importante elaborare in dettaglio cosa abbia condotto al cambiamento di regola dalla liceità del chiedere a qualsiasi sapiente tra quelli delle quattro scuole, al(l'obbligatorietà del) seguirne esclusivamente una sola. Come già detto, entrambi i generi di Taqlid (non-specifico e specifico) erano obbligatori per il musulmano comune, ma egli aveva aperta davanti a sé l'opzione di seguire una scuola, come facevano alcuni, e se non era particolarmente acuto come è la persona media comune, chiedeva semplicemente a qualsiasi sapiente considerasse affidabile, a prescindere dalla sua scuola. Il primo genere di Taqlid [quello non-specifico] produceva però un pericolo che col passare del tempo divenne sempre più reale; ovvero, che la gente andasse a fare “shopping” di opinioni: ponendo la stessa domanda a diversi sapienti per poi seguirne uno in base ai propri desideri, soltanto per la comodità della sua opinione. Le prime benedette generazioni erano in gran parte preservate da ciò. Di fatto, tutti i sapienti islamici, per consenso, considerano assolutamente proibito che una persona voglia fare una determinata cosa e quindi ne cerchi poi una giustificazione tra i testi e le opinioni dei sapienti. Lo stesso Santo Corano biasima coloro che agiscono in questo modo, quando dice:

Non ha visto quello che assume a divinità le sue passioni?” (Surah Al-Jathiyah, 23)

Il grande giurista della scuola Hanafi, Imam Ibn Abidin riporta il seguente incidente rivelatore, che ci mostra la gravità di questo problema. C'era uno studente dell'Imam Abu Hanifa che un giorno si rivolse agli Ashab al-Hadith (coloro che pretendono di seguire soltanto gli ahadith), per chiedere la mano della figlia. Il suocero lo respinse, e gli disse che gli avrebbe concesso sua figlia in matrimonio solo se avesse iniziato ad alzare le mani (raf` al-yadayn) durante la Salah [prima e dopo il ruku`], a recitare [il Corano] dietro l'Imam [durante la preghiera congregazionale] ed a pronunciare “Amin” ad alta voce [dopo la recitazione di Surah al-Fatihah nelle preghiere congregazionali ad alta voce – queste tre questioni sono questioni sulle quale vi è divergenza di opinione tra le scuole, NdT]. Lo studente acconsentì e fu così sposato a sua moglie. Quando il giurista Hanafita Abu Bakr al-Jawzajani fu informato di ciò, rispose: “Per quanto riguarda il nikah [matrimonio], esso è valido, ma temo che egli (lo studente) possa aver lasciato il Din, poiché ha abbandonato ciò che riteneva essere la verità per i suoi desideri personali”.

Imam Shatibi, tra gli altri giuristi, ha spiegato ulteriormente il pericolo insito nel lasciare il Fiqh non regolamentato, dicendo: “In definitiva lo scopo stesso della Shari`ah, che è il Taklif - ovvero l'incaricare le persone di doveri e responsabilità e allontanarli dal mero seguire i loro desideri, con tutta la corruzione ed i danni che ciò comporta – verrebbe liquidato, poiché la gente comune si rifugerebbe nelle opinioni deboli di sapienti minori o delle altre tre scuole”.

Perciò, per sbarrare le porte dell'irreligione, i sapienti concordarono che fosse allora obbligatorio seguire una qualunque scuola tra quelle che sono state accuratamente discusse, documentate e trasmesse dai geni della Ummah. Non vi è dubbio che tali elevate credenziali appartenessero esclusivamente alle quattro scuole.

Fu solo in base ai pericoli precedentemente menzionati insiti nel permettere il Taqlid ghayr-Shakhsi, che i sapienti lo hanno dichiarato illectio. Quale fu la prova o la base giuridica per cui hanno effettivamente dichiarato illecito qualcosa che era precedentemente chiaramente lecito?

I giuristi sono ben consapevoli che le regole cambiano con il tempo, e vi sono molti esempi nella Shari`ah di qualcosa che in un'epoca era permessa, che fosse in seguito resa illecita e viceversa, in considerazione di altri principi maggiori del Din. Vendere armi in uno Stato Islamico è qualcosa di lecito, ma i giuristi lo hanno dichiarato proibito in tempi di guerra civile, perché togliere la vita ad un credente -da qualsiasi parte stia- è tra i più gravi peccati. Un altro esempio è l'intervento di `Uthman (R.A.) nello standardizzare le recitazioni del Santo Corano. Il Messaggero di Allah, Pace e Benedizioni su di lui, pregò Allah (SWT) che il Santo Corano venisse rivelato nei sette dialetti indipendenti degli arabi, in modo che gli fosse facile recitarlo; durante la vita del Messaggero (Pace e Benedizioni su di lui) gli arabi delle diverse tribù recitavano il Corano in uno di questi dialetti. Subito dopo la morte del Messaggero (Pace e Benedizioni su di lui) l'Islam si diffuse per tutta la Persia, l'Asia e l'Africa: la diffusione dell'Islam comportò che i nuovi Musulmani di queste terre non arabe imparassero e recitassero di Libro di Allah. Fu allora, durante il califfato del Califfo `Uthman, che l'esistenza di diversi dialetti divenne causa di confusione per quei nuovi Musulmani. Ciò che era inizialmente nato allo scopo di facilitazione e comodità stava divenendo, in questo nuovo contesto, strumento di difficoltà e confusione. Perciò `Uthman (R.A.) dichiarò illecita la trascrizione, la recitazione e l'insegnamento di sei dialetti del Santo Corano, e ciò avvenne in presenza dei Compagni, che furono d'accordo con lui. Perciò, ciò che era un tempo permesso venne reso illecito.

In maniera simile, quando i giuristi videro la varietà di opinioni esistente nella comunità e la minaccia del seguire le passioni e dell'irreligione, resero obbligatorio il Taqlid delle sole quattro scuole. Quando poi la rettitudine morale divenne sempre minore tra le masse ed aumentò la tendenza a seguire i propri desideri nelle opinioni giuridiche, fu data la regola che al profano è permesso solo il Taqlid di una sola scuola: questa regola venne data sulla base del prevenire il male del seguire i desideri, [principio] tecnicamente definito “blocco dei mezzi”, e per preservare l'obbligo dei doveri e delle responsabilità di cui i credenti sono stati incaricati.

Qualcuno potrebbe qui obiettare che altri giuristi non accettano il principio giuridico del bllocco dei mezzi, ma la realtà è che tutti i giuristi hanno riconosciuto questo principio, anche se eventualmente lo hanno fatto usando altri nomi per definirlo. Imam Shatibi nel suo Muwafaqat, vol. 4, p.66., riporta che Imam Qarafi ha detto che vi è Ijma` (Mujma` alayh) dei sapienti nell'accettare questo principio. Imam Abu Zahra, nel suo Usul al-Fiqh, p. 253, ha confermato che questa è l'opinione di tutte e quattro le scuole. La ragione della generale accettazione di questo principio è che si tratta in realtà di una legge basata sul senso comune di guardare al risultato finale di un'azione. Se qualcosa è un male od è illecito, è privo di senso pensare che non vi sia nulla di male nella presenza di quelle cose che conducono direttamente a quel male. Difatti, lo vediamo in pratica nelle nostre vite quotidiane, in ogni aspetto della vita. Se impediamo ai nostri figli di uscire da soli, sebbene loro possano non comprenderlo, non è perché uscire è proibito in sé stesso, ma semmai è per il rischio che essi vengano rapiti o altro. E' logico ed ovvio che le cose che conducono a qualcosa di illecito, sono anch'esse proibite.

Le leggi fatte dall'uomo non sono in grado di riconoscere questa verità, tanto che sebbene degli studi provino che la pornografia conduce a stupri ed altri reati sessuali, non fanno nemmeno un debole tentativo per frenarla. La Legge Divina di Allah Onnipotente e Saggio non potrebbe mai essere così difettosa, e per questa ragione vediamo che molte delle leggi dello Stato Islamico sono basate su questo principio.

Un altro principio giuridico simile al principio del “bloccare i mezzi”, è il principio dell'“acquisizione dei mezzi”, con cui solo un obbligo può essere adempiuto. I libri di Usul ne parlano come “Muqadimat al-wajib wajib”, o “ma la yutimmu al-wajib illa bihi fa huwa wajib”. In questo caso qualche azione dev'essere eseguita per comando di Allah (SWT), ma per realizzarla a volte potrebbe esserci bisogno di qualcos'altro, perciò per adempiere all'ordine, anche questo qualcos'altro diventerà obbligatorio, anche se non è stato esplicitamente comandato dal Legislatore [Allah].

Un esempio di questo secondo principio (dell'acquisizione dei mezzi) è l'ordine nel Santo Corano di donare la Zakah. Ora, è ovvio che una persona sarà in grado di compiere propriamente questo comando soltanto se ha una conoscenza dettagliata delle regole della Zakah, di cosa sia il Nisab, su quali proprietà vada data la Zakah, cosa rende una persona esentata dal dare la Zakah e così via. Perciò, sebbene non vi sia alcun testo che dichiari specificamente wajib per un Musulmano imparare il fiqh della Zakah o addirittura frequentare un corso che lo insegni, tenuto in un Istituto in particolare nella sua località.

Perciò la conseguenza illecita che le persone seguano i loro desideri, che è qualcosa di chiaramento proibito nel Santo Corano, stabilisce l'illiceità del Taqlid non-specifico (Taqlid Ghayr Shakhsi). In maniera simile, l'obbligo di preservare la Shari`ah da distorsioni e corruzione, stabilisce l'obbligo dell'aderenza al Taqlid Shakhsi. Inoltre si noterà che, mentre nel caso di altre questioni, le regole sono stabilite o da uno o dall'altro di questi due principi di usul, qui la necessità del Taqlid Shakhsi è stabilita su entrambi i principi.

Ci sono altri aspetti legati a questa questione che meritano una discussione, ma sono oltre gli scopi di questo articolo, come quali siano le condizioni sotto le quali si abbandona un Madhhab, e la risposta alle prove solitamente citate contro il Taqlid. Per questi ed altri aspetti, le opere che possono essere consultate sono: “Jawahir al-Fiqh” di Mufti Muhammad Shafi, vol. 1; “Qawaid fi Ulum al-Fiqh” di Shaykh Habib Ahmad al-Kairawani (pubblicato come introduzione al “Ila al-Sunnan” di mam Zafar Ahmad Uthmani); “Al-Kalam al-Mufid fi Ithbat al-Taqlid” di Maulana Muhammad Sarfraz Khan Safdar; “The legal Status of following a Madhhab” di Mufti Taqi Uthmani; “Al-Laa Madhabiyya Akhtar Bida`h tuhaddi al-Shariat al-Islamiyya” di Shaykh Ramadan al-Buti.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



L'ultima modifica di Sufi Aqa il Mar Mar 17, 2015 8:13 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 22:20
Messaggi: 14954
Residenza: Madhhab: Hanafi-Deobandi

MessaggioInviato: Lun Ago 08, 2011 2:49 am    Oggetto: Rispondi citando

Scaricabile on-line la seconda edizione del libro scritto dallo stesso autore di quest'articolo:

Understanding Taqlid (Following one of the Four Great Imams - Second Edition)
By: Mufti Muhammad Sajaad

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Abu7amed
Affezionato
Affezionato


Registrato: 05/03/13 02:41
Messaggi: 48

MessaggioInviato: Lun Ago 05, 2013 12:45 pm    Oggetto: Rispondi citando

Assalam 'alaykum wa rahmatullahi wa barakatuh,

molto interessante. Vorrei però far notare alcuni punti:

1) Shaikh Wahbah al-Zuhaili (
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

) in "Al-Fiqh al-Islami wa adillatuh" dedica poche righe sul Taqlid proprio perchè è un'opera sul Fiqh mentre il Taqlid è argomento della scienza di 'Usul al Fiqh di cui il Dr. Wahbah ha scritto più opere tra cui: "'Usul Al Fiqh Al Islami" in due volumi e una sintesi "Alwajiz fi 'Usul al Fiqh"

2) La pagina citata (Vol.1p.94) sembra errata. Potrebbe essere dovuto a traduzioni o edizioni diverse..

3)Shaikh Wahbah nel suo "'Usul Al Fiqh Al Islami" dedica quasi 50 pagine (da p.1119 a p.1168 Vol.1) e risponde in modo molto convincente citando altrettanti giuristi e prove dal manqul e dal ma'qul che affermano il contrario di ciò che afferma Hadhrat Mufti Mohammed Sajaad.

4) Non è l'unico che sostiene la non obbligatorietà di seguire un unico madhab in tutte le questioni, anzi.

La cosa migliore non sarebbe affermare che c'è Ikhtilaf (divergenza) come viene ricordato nell'enciclopedia del fiqh? (

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

) Vol.13 p.160:

Tra chi sostiene che è haram fare taqlid vi sono grandi nomi come Al Shawkani, Ibn 'Abd Al Barr, Ibn Al Qayyem, si riporta che anche l'Imam Abu Hanifa e Abu Yusuf dissero: "non permettiamo a nessuno di riportare quello che diciamo senza prima sapere da dove è stato estrapolato", si riporta che anche l'Imam Ahmad disse qualcosa di simile.
Al Shawkani dice che il taqlid è una novità del quarto secolo hijri e che nessun Imam tra i mujtahidin l'abbia permesso, nonostante ammette che in caso di "necessità" è permesso.

Questo per dimostrare che l'Ikhtilaf è assai evidente, per di più il dissenso non è tra coloro che sostengono l'obbligatorietà o la permissività del taqlid ma c'è chi addirittura lo vieta!
Come possono essere le prove così "chiare ed evidenti" quando c'è questa diversità di opinioni?

Riguardo al taqlid shakhsi nello stesso volume 13 dell'enciclopedia la parola "taqlid" è presente 121 volte mentre le parole "taqlid shakhsi" insieme non vengono mai citate ...
Possibile che un obbligo così importante nel Din non venga preso neanche in considerazione da numerosi 'Ulama' di quest' ummah?
Possibile che ciò che è wajib per la maggioranza dei Sapienti di Ahl al Sunnah wa al Jama'a non merita neanche una riga in quest'opera?
Eppure gli autori fanno parte di Ahl AlSunna wa al Jama'a e ne sono i maggiori rappresentanti ...
Chiedendo ad alcuni Tullab 'Ilm sul taqlid shakhsi si sono messi a ridere dicendomi "ma da dove prendi questi termini?", ammetto che mi dissero anche "il principio non è sbagliato ma assolutamente non necessario".

In "'Usul Al Fiqh Al Islami" p.1122 vol.1 è scritto che il nel 'Aqida e nelle questioni del Din che è necessario conoscere (al ma'lum min al Din bil dharurah) come i cinque pilastri, il divieto del riba etc... non è permesso fare taqlid per la maggioranza degli 'Ulama' mentre 'Ubaid Allah ibn Hasn al'anbari, le sette dei hashawiyah e ta'limiya (sette deviate) dicono che il taqlid in questi casi è permesso.

A p.1135 il Sheikh Wahbah ammette che "..nessuno può ignorare l'attacco violento che ha subito l'idea del taqlid da parte di molti 'Ulama' per esempio Ibn Hazm ha dedicato la parte più lunga del sesto volume dell'opera "Al'Ihkam" per invalidare il taqlid, oppure Ibn al Qayyem in "'Alam al Muq'in" 2/187-260 che cita 81 argomentazioni contro chi sostiene il taqlid senza contare l'opinione dei quattro 'A'immah a cui ho accennato precedentemente.
Non si può comunque rifiutare la realtà: la persona comune non ha altra scelta che seguire l' 'Alim perchè gli mancano gli strumenti del Ijtihad perciò è obbligato a fare taqlid..
Il meglio che è stato detto su questo argomento è riportato da Sheykh al Islam 'Iz Addin ibn 'Abd Assalam in "Alqawaed Alkubra": "stupisce come i Fuqaha' che fanno taqlid affermano le posizioni deboli del loro Imam quando non trovano nulla per respingere la debolezza, ma nonostante ciò fanno taqlid di quell'opinione e non considera nè il Kitab nè la Sunnah nè il Qyias corretto, irrigidito dal fare taqlid del proprio Imam e non solo ma utilizza espedienti per raggirare l'evidenza del Qur'an e della Sunnah con interpretazioni lontane dalla verità e invalide..."

A p.1137 affronta l'argomento: è obbligatorio seguire un madhab in tutte le questioni?
Alcuni dicono che è wajib seguire un madhab perchè si crede che sia il più giusto quindi si deve seguire ciò di cui uno è convinto.

Altri dicono che non è obbligatorio seguire un imam in tutto ma gli è permesso fare taqlid qualsiasi mujtahed preferisce... perchè non esiste wajib se non ciò che Allah swt e il Suo Inviato sAas hanno reso wajib e obbligherebbe se stesso in ciò che Allah swt non ha reso obbligatorio.
Infatti Allah ta'ala non ha reso wajib il seguire un madhab preciso ma ha reso wajib il seguire gli 'Ulama' senza precisarne uno invece che un altro “Chiedete alla gente del Ricordo se non sapete” .
Coloro che chiedevano fatawa ai tempi dei Sahabah e dei Tabi'in rAa non seguivano un madhab preciso ma chiedevano un po uno e un po un altro e nessuno li ha mai impediti a fare ciò, questo è Ijma' da parte loro sull'infondatezza di fare taqlid di un unico Imam o di un unico madhab.
Inoltre il seguire un unico madhab porta a qualcosa di gravoso e ristretto mentre la presenza stessa dei madhaheb è grazia e misericordia per la ummah.
E quest'opinione è la più giusta (rajih) per gli 'Ulama'

Al'Iraqi in "Musallam althubut" disse:
è deciso per 'Ijma' che chi diventa musulmano ha la facoltà di seguire chiunque voglia tra gli 'Ulama' senza impegno, e c'è Ijma' dei Sahabah rAa nel chiedere fatawa ad Abu Bakr e 'Umar rAa facendo taqlid ha la facoltà di chiedere Aba Huraira e Mu'adh ibn Jabal o altri e applicare le loro opinioni senza nessun problema. Chiunque sostenga che questi due 'jma' debbano essere invalidati o cancellati è obbligato a darci la prova (dalil)"


'Abd Arrahman Al Suyuti riporta in "Sharh Al Kawakeb" : "è obbligatorio per la persona comune che non ha raggiunto il livello di ijtihad seguire un madhab tra quelli dei mujtahidin? Vi sono due opinioni: è obbligatorio (parere scelto in Jam' Al Jawame'), non è obbligatorio (parere scelto dal Nawawi.
Disse (Al Suyuti): ciò che è avvalorato dalle prove è che non è obbligatorio seguire un madhab, anzi, chiede fatawa a chi vuole.
A chi ha scelto di seguire un madhab preciso è permesso prendere pareri al di fuori della propria scuola?
Ci sono diverse opinioni: è permesso senza condizioni (scelta fatta da Al Rafi'i), non è permesso in nessuna condizione, è permesso solo cambiare l'intera scuola.
Nel caso sia permesso: è vietato seguire le rukhas di ogni madhab scegliendo quella più comoda, non è vietato senza che diventi fasiq."
Citato in "Al Rawda".

Da "Al Bahr al Mawrud fi al mawathiq wa al'uhud" di 'Abd Al Wahhab Al Sha'rani:
ci siamo ripromessi di non costringere (?Nahjur نحجر?) nessuno dei nostri fratelli musulmani ad un solo ed unico madhab, anzi, confermiamo qualsiasi loro azione a patto che rientri nel Ijtihad di qualche Mujtahid. Ciò per timore di essere compresi nella da'wa del Messaggero di Allah sAas:

اللهم من شق على أمتى فاشقق الله عليه
"Allahuma chi grava (crea disagio, scomodità, difficoltà) alla mia ummah che Allah gli crei disagio (difficoltà,scomodità)!
e non vi è nulla di più gravoso di un giurista che sentenzia l'invalidità delle loro orazioni, mu'amalat, matrimoni quando la Shari'a stessa non è chiara su questo punto, non c'è Ijma' tra gli 'A'immah, e gli ordina di seguire un unico madhab senza citare a proposito nessun khabar o athar (qat'iy al dalalah, qat'iy al thubut)"

Ci sono tantissime altre citazioni ...

Comprendo che per i nuovi musulmani è più semplice seguire un unica scuola inizialmente ...
Capisco che ci siano 'Ulama' e persone comuni che per wara' (ورع) e taqwua scelgano la via rigida ...
Capisco anche altri che seguono le opinioni più rigide tra tutti i madhaheb, sempre per wara' e taqwua, questo è lodevole...
Capisco che un mujtahid difenda il suo ijtihad...

Non capisco invece l'introdurre limiti nella shari'a che non sono così chiari e assoluti.

Wassalam.
Top
Profilo Invia messaggio privato
chbraoui
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 19/02/12 21:38
Messaggi: 416

MessaggioInviato: Lun Ago 05, 2013 1:52 pm    Oggetto: Rispondi citando

Salam,

L'importante è non seguire tutti i madahib e prendere da ciascuno di essi il volere della propria nafs, per poi creare un madahib affatto posta per noi.

Gli 'ulama hanno fatto ijtihad per raccogliere i dalil per la propria futura scuola, e noi non abbiamo permesso arrivando1400 anni dopo decidere quello che più ci piace nei madahib e quello che non ci piace lo lasciamo stare ;)

_________________
ASHADUH ANA LA ILAH ILA ALLAH UA ASHADUH ANA MUHAMMAD RASULLULAH
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 23:31
Messaggi: 1111

MessaggioInviato: Lun Ago 05, 2013 5:08 pm    Oggetto: Rispondi citando

Wa 'aleikoum assalam wa rahmatulillahi wa barakatuhu fratello!

Scirvo giusto perchè ho avuto modo di controllare il punto (2) che contesti:
Ti riporto la parte che è stata tradotta direttamente dall'opera Al-Majmu` Sharh Al-Muhadhdhab' che trovi qui:
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



e dove dice la nota di Mufti Sajaad (volume 1 pagina 93) si dice proprio:


“La seconda opinione è che è obbligatorio (yalzimuhu) per lui seguire una scuola particolare, e questa era la posizione definitiva secondo Imam Abul—Hassan (il padre dell'Imam al-Haramayin Al-Juwayni). E ciò si applica a chiunque non abbia raggiunto il livello di Ijtihad dei giuristi e dei sapienti di altre discipline. Il ragionamento per questa regola è che se fosse permesso seguire qualunque scuola si volesse, ciò porterebbe a raccogliere le dispensazioni delle scuole, seguendo i propri desideri, a scegliere tra Halal e Haram, tra obbligatorio e permesso. In definitiva, ciò porterebbe a rinunciare all'onere della responsabilità. Questo non è lo stesso che durante le prime generazioni, perché le scuole che allora erano sufficienti in termini delle loro regole per le nuove questioni, non erano né codificate né divennero popolari. Perciò su questa base è obbligatorio per una persona sforzarsi di scegliere un Madhhab da seguire esclusivamente”. (Vol. 1, p. 93).


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.




Sugli altri punti, penso invece che risponderà in maniera perfetta e più che soddisfacente il fratello 'Umar. ;-)

Colgo l'occasione per ringraziarti di questo intervento, penso possa essere utile a tutti. Le contro-argomentazioni che hai portato sono le tipiche argomentazioni che promovuono oggi-giorno moltii studenti dell'Università di Medina.
Chiarire una volta per tutte queste questioni diventa quindi importante.

wassalm
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 23:31
Messaggi: 1111

MessaggioInviato: Lun Ago 05, 2013 5:17 pm    Oggetto: Rispondi citando

Errata corrige. Ho capito solo ora che ti riferivi al testo di Zuhaili..
Top
Profilo Invia messaggio privato
Abu7amed
Affezionato
Affezionato


Registrato: 05/03/13 02:41
Messaggi: 48

MessaggioInviato: Mar Ago 06, 2013 12:52 am    Oggetto: Rispondi citando

chbraoui ha scritto:
Salam,

L'importante è non seguire tutti i madahib e prendere da ciascuno di essi il volere della propria nafs, per poi creare un madahib affatto posta per noi.

Gli 'ulama hanno fatto ijtihad per raccogliere i dalil per la propria futura scuola, e noi non abbiamo permesso arrivando1400 anni dopo decidere quello che più ci piace nei madahib e quello che non ci piace lo lasciamo stare ;)


Wa 'alaykum assalam fratello!

Capisco cosa intendi: seguire i nostri desideri è dannoso in generale figuriamoci nel Din, hai perfettamente ragione.
Ma soddisfare i nostri desideri e passioni personali non è una conseguenza necessaria del seguire più madhaheb infatti c'è chi segue le opinioni più rigide di tutte le scuole, cos'è masochista?
E c'è chi per necessità va contro ad alcune opinioni della propria scuola.

Che problema c'è, per esempio, se leggessi il du'a' di apertura della salah shafi'ita (Wajjahtu Wajhi liLladhi fatara assamawati...) mentre dovrei leggere quello hanafita (Subhanaka Allahumma...) perchè mi piace di più?

alMaliki ha scritto:
Colgo l'occasione per ringraziarti di questo intervento, penso possa essere utile a tutti. Le contro-argomentazioni che hai portato sono le tipiche argomentazioni che promovuono oggi-giorno moltii studenti dell'Università di Medina.
Chiarire una volta per tutte queste questioni diventa quindi importante.


Grazie a te fratello alMaliki per la risposta.
Cosa ti fa pensare che si potrebbe chiarire una volta per tutte queste questioni?
Non sarebbe come chiarire una volta per tutte se 'Amal Ahl al Madina sia hujja (prova) oppure no?
Ci sarà sempre chi la considererà una prova e chi no ... :-)

La mia intenzione non è di controbattere ad una certa opinione con dalail e contro-dalail difendendo il parere che mi sembra più giusto come se fosse Legge Divina Rivelata, rispetto assolutamente qualsiasi parere legittimo.

Quello che intendo dimostrare è che su quest'argomento non c'è Ijma',
mi sembra chiaro come il sole!

Ho riportato anche le citazioni di chi vieta il taqlid (anche se non in modo assoluto) per mettere in evidenza la mancanza di Ijma' su wujub al taqlid non perchè la condivido, cosa dicono gli studenti di Medina?


Anch'io mi sono sbagliato, invece che il volume 1 era il 2:
Citazione:
(da p.1119 a p.1168 Vol.2)

Citazione:
"'Usul Al Fiqh Al Islami" p.1122 vol.2
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 23:31
Messaggi: 1111

MessaggioInviato: Mar Ago 06, 2013 3:41 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Cosa ti fa pensare che si potrebbe chiarire una volta per tutte queste questioni?


1) Il Consenso
2) La logicità dell'argomentazione del consenso
3) Il vero significato del "Taqlid shakhsi"; che non vuole dire semplicemente un "seguire alla cieca" o addirittura "seguire la posizione debole in ogni caso".

Citazione:
Ci sarà sempre chi la considererà una prova e chi no ... :-)


Qualsiasi questione, Fratello, è soggetta a questa sorta di divergenza a cui fai riferimento.
Questo vuole dire che dobbiamo abbandonare letteralmente l'Ijma e cominciare ad accettare qualsiasi cosa provenga dalla bocca di qualche persona? :)




Copio dal treadh sul inizio del Ramadan:
Citazione:


Citazione di Umar:
Quando invece si tratta di "posizioni isolate", allora credo proprio che il discorso sia differente.

[Citazione di Abu7amed]
Ci sarebbe comunque da precisare cosa intendiamo per "isolate" e rispetto a cosa.
Quando si tratta di "posizioni isolate o deboli" (senza fondamento) nella scuola Hanafita il discorso non mi sembra affatto differente ...
diventa semplicemente "un altro parere da seguire per precauzione"..


Penso sostanzialmente che le critiche (costruttive, intendiamoci) che muovi, derivino da un approccio sbagliato. E' facile per ogni questione tirare fuori nomi di persone che divergono da una determinata opinione, per poi fare intendere l'esistenza di una presunta "concreta divergenza". In questo modo si potrebbe mettere in dubbio di tutto e di più.

Ci sono sapienti che hanno messo in dubbio la impermissibilità della musica, mentre il chiaro Consenso poggiava sulla sua illeicità.

Tra questi sapienti vi era Ibn Hazm, persona che tu stesso citi per avvalorare la presunta esistenza della "concreta divergenza".
Perchè dovremmo ascoltare e avvalorare l'opinione isolata di Ibn Hazm quando in una situazione simile non è stata presa minimamente in considerazione?

Ha senso prendere in considerazione queste posizioni, quando la maggioranza dei sapienti avvalorano l'altra tesi che per di più è logica, solida e ben argomentata?

Purtroppo non ho la possibilità di fare riferimento al testo di Zuhaili che citi.
Riusciresti ad elencarmi i nomi che formano questa "divergenza"?

Riusciresti inoltre a riportarmi in maniera sintetica l'argomentazione forte che l'autore propone nel suo testo?

Jasaka Allah kheyr

Citazione:
cosa dicono gli studenti di Medina?


Più o meno quello che riporti tu.:)
La loro argomentazione più forte è che i Sahaba ra non facevano taqlid sulle scuole.. Argomentazione poco convincente direi!
Citazione:


Al'Iraqi in "Musallam althubut" disse:
è deciso per 'Ijma' che chi diventa musulmano ha la facoltà di seguire chiunque voglia tra gli 'Ulama' senza impegno, e c'è Ijma' dei Sahabah rAa nel chiedere fatawa ad Abu Bakr e 'Umar rAa facendo taqlid ha la facoltà di chiedere Aba Huraira e Mu'adh ibn Jabal o altri e applicare le loro opinioni senza nessun problema. Chiunque sostenga che questi due 'jma' debbano essere invalidati o cancellati è obbligato a darci la prova (dalil)"


L'argomentazione che espone all'iraqi è abbastanza debole. Il dalil è nelle parole di mufti Sajaad che sintetizza molto bene la questione. Che Allah lo Preservi!

Citazione:
E c'è chi per necessità va contro ad alcune opinioni della propria scuola.


Le scuole non sono un muro; è contemplato in casi di necessità fare riferimento alla posizione di altre scuole. Ciò purchè sia giustificato.

Citazione:
Ma soddisfare i nostri desideri e passioni personali non è una conseguenza necessaria del seguire più madhaheb infatti c'è chi segue le opinioni più rigide di tutte le scuole, cos'è masochista?


Non capisco che intendi dire fratello..
Top
Profilo Invia messaggio privato
Abu7amed
Affezionato
Affezionato


Registrato: 05/03/13 02:41
Messaggi: 48

MessaggioInviato: Ven Ago 09, 2013 7:39 am    Oggetto: Rispondi citando

‘Eid mubarak a tutti quanti!

alMaliki ha scritto:
Citazione:
Cosa ti fa pensare che si potrebbe chiarire una volta per tutte queste questioni?


1) Il Consenso

Intendi ‘Ijma’? Proprio ciò che mi sembra evidente che manchi?
La definizione che ho io è:
اتفاق المجتهدين من أمة محمد (ص) في عصر على حكم شرعي
“Convergenza dei Mujtahidin della ummah di Muhammad sAas in un epoca su una norna della Shari’a”

Fratello, leggi nel Majmu’ che mi hai riportato tu stesso alla stessa pagina 93 alla domanda “la persona comune ha un madhab oppure no?” Ti elencano due punti di vista: sì e no.

Alla domanda: “ha il dovere di aderire ad un madhab particolare?” 1) Non ha il dovere come non lo aveva nella prima era fare taqlid di un ‘Alim in particolare… 2) Ha il dovere … (Stessa frase che citi con l’unica differenza che Abu al Hasan Alkia era discepolo non padre del Juwaini come è riportato nella nota rA)

Nella pagina dopo il quarto argomento: “ se c’è divergenza tra due fatwa, vi sono CINQUE punti di vista tra i compagni (del Shafi’i rA): 1)sceglie la più rigida 2) sceglie la più leggera 3) si sforza per scegliere la migliore e prende la fatwa del più sapiente e timorato, opinione del Sam’ani Al Kabir e del Shafi’i rAa (Nas) sulla qibla 4) Chiede un terzo Mufti…
5) Sceglie l’opinione che vuole. Questo è il parere più giusto (al Asahh) per il Sheikh Abi Ishaq Alshirazi (autore dello stesso Muhaddhab) e per Khatiib Al Baghdadi, riportato da Almahamli nel Majmu’ dalla maggioranza dei compagni, scelto dall’autore del Shamel se i due Mufti sono alla pari per colui che chiede.
Scusami ma non doveva fare taqlid specifico di uno dei due Mufti secondo il CONSENSO?
“Scegliere la fatwa che si vuole” tra le due non comporta il grande rischio di seguire le proprie passioni e i propri desideri e perdere il Din? Le opinioni sopra riportate non bastano per confutare il consenso ?
Potrei sapere dove si presentano le parole “taqlid shakhsi” in queste pagine o nell’intero Majmu’?

alMaliki ha scritto:

3) Il vero significato del "Taqlid shakhsi"; che non vuole dire semplicemente un "seguire alla cieca" o addirittura "seguire la posizione debole in ogni caso".

Taqlid in generale significa seguire un opinione senza conoscerne le prove, quindi alla cieca, ma non c’è niente di male in questo se la persona che seguo è fidata.
Taqlid shakhsi non so proprio quale sia la sua definizione (posso solo immaginarlo) perche non c’è proprio né nei libri di ‘Usul che ho consultato né di Fiqh. Nemmeno nella più grande enciclopedia del Fiqh mai prodotta …

alMaliki ha scritto:

Citazione:
Ci sarà sempre chi la considererà una prova e chi no ... :-)


Qualsiasi questione, Fratello, è soggetta a questa sorta di divergenza a cui fai riferimento.
Questo vuole dire che dobbiamo abbandonare letteralmente l'Ijma e cominciare ad accettare qualsiasi cosa provenga dalla bocca di qualche persona? :)


No Fratello, assolutamente non qualsiasi questione è soggetta alla “divergenza a cui faccio riferimento”, questa frase potrebbe essere vista come una grave accusa ad Allah swt e il Suo Messaggero sAas. Tu intendi sicuramente che anche le sette deviate o fuori dall’Islam hanno delle prove nel Qur’an e nella Sunnah delle loro devianze ma questo è errato. Se dovessi elencarti quello che nella Shari’a non è soggetto ad alcuna divergenza passerei la vita a scrivere :)

alMaliki ha scritto:

Copio dal treadh sul inizio del Ramadan:
Citazione:


Citazione di Umar:
Quando invece si tratta di "posizioni isolate", allora credo proprio che il discorso sia differente.

[Citazione di Abu7amed]
Ci sarebbe comunque da precisare cosa intendiamo per "isolate" e rispetto a cosa.
Quando si tratta di "posizioni isolate o deboli" (senza fondamento) nella scuola Hanafita il discorso non mi sembra affatto differente ...
diventa semplicemente "un altro parere da seguire per precauzione"..


Penso sostanzialmente che le critiche (costruttive, intendiamoci) che muovi, derivino da un approccio sbagliato. E' facile per ogni questione tirare fuori nomi di persone che divergono da una determinata opinione, per poi fare intendere l'esistenza di una presunta "concreta divergenza". In questo modo si potrebbe mettere in dubbio di tutto e di più.


Se sono nomi di Mujtahidin (con tutte le qualità per esserlo) che seguono i Principi del ‘Usul attingendo dal Qur’an e dalla Sunnah e con ciò posso mettere in dubbio di tutto e di più (nel Din) allora tutta la Shari’a è inutile, dovremmo rivolgerci ad un’altra fonte per sapere qual è la Legge Divina …. Magari wilayet al faqih al khameney ? O l’agha khan? O sogni rivelatori? Comprendi la pericolosità di questo ragionamento?

alMaliki ha scritto:

Ci sono sapienti che hanno messo in dubbio la impermissibilità della musica, mentre il chiaro Consenso poggiava sulla sua illeicità.
Tra questi sapienti vi era Ibn Hazm, persona che tu stesso citi per avvalorare la presunta esistenza della "concreta divergenza".
Perchè dovremmo ascoltare e avvalorare l'opinione isolata di Ibn Hazm quando in una situazione simile non è stata presa minimamente in considerazione?
Ha senso prendere in considerazione queste posizioni, quando la maggioranza dei sapienti avvalorano l'altra tesi che per di più è logica, solida e ben argomentata?


No, non ha senso e alcuni non lo considerano un Mujtahid perché tra le condizioni per esserlo deve conoscere perfettamente e saper utilizzare il Qyas (analogia) che lui ra rifiutava. Io ho sempre notato rispetto degli ‘Ulama nei suoi confronti, rahimahullah e spesso mi capita di leggere sue opinioni nei libri di fiqh. È comunque un ‘Alim sunnita con la stessa nostra dottrina (‘Aqida) l’unica differenza è che rifiutava totalmente il Qyas, non per seguire le sue passioni personali ma per timore di Allah.

alMaliki ha scritto:

Purtroppo non ho la possibilità di fare riferimento al testo di Zuhaili che citi.
Riusciresti ad elencarmi i nomi che formano questa "divergenza"?

Lo puoi scaricare qui

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Sheykh Wahbah nel “Mawsu’a AlFiqhiah” (vol.1 p.84) alla domanda “rispettare un madhab preciso è un obbligo dal punto di vista del ‘Usul?” cita tre opinioni: alcuni dicono che è obbligatorio, la maggioranza degli ‘Ulama dice che non è un obbligo rispettare un unico madhab in tutte le questioni…, Ibn al Humam (giurista hanafita) e AlAmdi hanno un opinione a metà tra le due… Dopodichè dice che l’opinione più giusta (al arjah) scelta tra gli ‘Ulama’ del ‘Usul è la non obbligatorietà del rispettare un madhab preciso.

“ Dicono i shafi’iti: il più corretto (al asahh) tra le opinioni dei muta’akkhirin (moderni?) come Ibn Hajr e altri è che si può passare da un madhab ad un altro tra le scuole preservate, anche semplicemente per piacere (tashahhi), sia in modo totale o parziale, nella fatwa, nel giudizio o nell’azione.” Da Alfawa’ed al makkyah di ‘Alawi ibn Ahmad Al Saqqaf p.51.

Quindi non è una semplice divergenza di due o tre ‘Ulama: nei paesi del Sham, in Egitto, nella penisola arabica, tutti gli ‘Ulama di qualsiasi scuola di pensiero (con pochissime eccezioni) hanno questo parere.

Alcuni nomi che ti posso fare tra chi ha proibito o permesso (senza l’obbligo) il taqlid:

--Muhammad ibn ‘Ali ibn Muhammad Al Shawkani الشوكاني rA (m.1255h) autore di نيل الاوطار e ارشاد الفحول ha scritto un trattato in cui confuta tutte le prove di chi sostiene il taqlid القول المفيد في أدلة الاجتهاد والتقليد lo trovi qui

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



--Abu ‘Umar Ibn ‘abd al Barr al Maliki rA بن عبد البر (m.463h), trovi le sue citazioni nello scritto del Shawkani.

--Zin al Din Al’Iraqi زين الدين عبدالرحيم بن الحسين العراقي rA(m. 806h) tra i suoi discepoli c’è Ibn Hajr e Ibn Abi Bakr Al Haithamy. La citazione * a cui hai risposto è sua.

--Ibn Al Qayyem al Jawziyeh rA (m. 751h)

--Muhammad ibn Ahmad Al’allish al Maliki محمد عليش rA (m.1299h) in Fatawa Sheykh ‘Allish 1/61 :”Invero l’uscita del muqallid da ciò che è mashhur a ciò che è isolato (shadh) in cui vi è rukhsa, senza l’intenzione di seguire tutte le rukhas (tatabu’ al rukhas), è valido per tutti coloro che sostengono la non obbligatorietà di fare taqlid del più corretto (al arjah) ed è l’opinione della maggioranza degli ‘Usuliin. Ed è mubah (permesso) per il muqallid fare taqlid di qualsiasi opinione dei mujtahidin. In verità chi ha trasmesso il consenso nel vietare ciò era in errore.

Prossimamente te ne riporto altri appena riesco in sha’Allah.

alMaliki ha scritto:

Riusciresti inoltre a riportarmi in maniera sintetica l'argomentazione forte che l'autore propone nel suo testo?

Jasaka Allah kheyr

Certo, insha’Allah dammi solo un po’ di tempo (a meno che non scarichi il libro) … ;-)

alMaliki ha scritto:
Citazione:

Al'Iraqi in "Musallam althubut" disse:
è deciso per 'Ijma' che chi diventa musulmano ha la facoltà di seguire chiunque voglia tra gli 'Ulama' senza impegno, e c'è Ijma' dei Sahabah rAa nel chiedere fatawa ad Abu Bakr e 'Umar rAa facendo taqlid ha la facoltà di chiedere Aba Huraira e Mu'adh ibn Jabal o altri e applicare le loro opinioni senza nessun problema. Chiunque sostenga che questi due 'jma' debbano essere invalidati o cancellati è obbligato a darci la prova (dalil)" *


L'argomentazione che espone all'iraqi è abbastanza debole. Il dalil è nelle parole di mufti Sajaad che sintetizza molto bene la questione. Che Allah lo Preservi!

Come avevo precisato non è mia intenzione né sminuire né criticare l’opinione di Mufti Sajaad.
Comunque solo per pura informazione, i dalail di cui parli mi sembra di aver capito siano due: “sad aldhara’i’” (blocco dei mezzi) e “ma la yutimmu al-wajib illa bihi fa huwa wajib”. I dalail di cui parla Al Iraqi sono Ijam' dei Sahabah rAa e dei Tabi'in.
Ti consiglierei di dare un occhiata nei libri di ‘Usul (possibilmente non limitati ad una scuola in particolare) e vedrai che il “mezzo” di cui stiamo parlando non ha la pericolosità che ne giustifichi il divieto in tutti i tempi e contesti sociali, anzi, obbligare le persone a seguire un solo madhab o addirittura un solo Sheykh in certi contesti sociali potrebbe portare ad un danno molto maggiore del beneficio; potrebbe trasformarsi da “blocco del mezzo” a “mezzo” stesso che porta a ben più gravi divieti come l’intolleranza verso madhaheb opposti, attacchi nei confronti di 'Ulama o Shyukh della squadra opposta, disordie e spargimento di sangue tra i musulmani etc.. In certi paesi troviamo per esempio “fondamentalisti” hanafiti o hanbaliti o asha’ira o taymiyyti (seguaci di Ibn Taimyyah) etc.. In alcuni paesi nelle moschee c’erano addirittura più maharib, ognuna per l’imam di ogni scuola! E si facevano più gruppi per la salat jama’a sotto la stessa cupola!

Il seguire più madhaheb, opinioni, ‘Ulama non porta necessariamente a seguire i propri desideri e passioni e uscire dal Din.

Se io facessi una preghiera supererogatoria o obbligatoria senza ikhlas e solo per compiacere la gente che mi guarda, nell’Aldilà non ha alcun valore ma non per questo qualcuno ha proibito di fare salat in pubblico. Stessa cosa per qualsiasi atto di adorazione obbligatorio o meno.

Se io ti vendessi della merce dicendoti “pagami tra un anno 1.000euro” e dopo tu rivendessi ad un mio amico la merce a 500 euro cash e quest’ultimo la rivende a me alla stessa cifra (500), è evidente l’intenzione dell’usura ma nonostante ciò per l’Imam Al Shafi’i la vendita è valida e si rimanda l’intenzione della riba al Giorno del Giudizio, perché “non si può invalidare il contratto sulla base dell’intenzione che non possiamo conoscere” e perché “ La cattiva intenzione è da rimandare al giudizio di Allah swt”. Da notare che l’Imam Al Shafi’i considerava il “blocco dei mezzi”. Nei libri di fiqh la chiamano بيع العينة

Non sono contro nessuna opinioni ma sono incline al parere di Sheykh Wahbah e di tre quarti degli 'Ulama della ummah perchè credo sia la più vicina alla verità.

Le citazioni degli 'Ulama sul taqlid shakhsi, per essere sincero, le trovo molto poco convincenti: l'unica che lascia intendere chiaramente e senza ombra di dubbio ciò che si vuole dimostrare è quella dell' Imam Rashid Ahmad Gangohi. Tutte le altre parlano o del taqlid in genere di una scuola o di un mujtahid senza precisare "in tutte le questioni" oppure è la citazione di un opinione tra le tante che però vengono omesse (come quella del Majmu').



Wassalam.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 23:31
Messaggi: 1111

MessaggioInviato: Mar Ago 13, 2013 12:42 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:

Fratello, leggi nel Majmu’ che mi hai riportato tu stesso alla stessa pagina 93 alla domanda “la persona comune ha un madhab oppure no?” Ti elencano due punti di vista: sì e no.

Alla domanda: “ha il dovere di aderire ad un madhab particolare?” 1) Non ha il dovere come non lo aveva nella prima era fare taqlid di un ‘Alim in particolare… 2) Ha il dovere … (Stessa frase che citi con l’unica differenza che Abu al Hasan Alkia era discepolo non padre del Juwaini come è riportato nella nota rA)


E fin qui nulla da dire sulle due opinioni (mi sembra assai logico e normale menzionare la "contro-opinione" quando si espone qualche argomento..)

Citazione:

Nella pagina dopo il quarto argomento: “ se c’è divergenza tra due fatwa, vi sono CINQUE punti di vista tra i compagni (del Shafi’i rA): 1)sceglie la più rigida 2) sceglie la più leggera 3) si sforza per scegliere la migliore e prende la fatwa del più sapiente e timorato, opinione del Sam’ani Al Kabir e del Shafi’i rAa (Nas) sulla qibla 4) Chiede un terzo Mufti…
5) Sceglie l’opinione che vuole. Questo è il parere più giusto (al Asahh) per il Sheikh Abi Ishaq Alshirazi (autore dello stesso Muhaddhab) e per Khatiib Al Baghdadi, riportato da Almahamli nel Majmu’ dalla maggioranza dei compagni, scelto dall’autore del Shamel se i due Mufti sono alla pari per colui che chiede.
Scusami ma non doveva fare taqlid specifico di uno dei due Mufti secondo il CONSENSO?
“Scegliere la fatwa che si vuole” tra le due non comporta il grande rischio di seguire le proprie passioni e i propri desideri e perdere il Din? Le opinioni sopra riportate non bastano per confutare il consenso ?


Leggendo un po come sono strutturate le argomentazioni non mi sembra che la quarta argomentazione sia correllata alla precedente.
Il capitolo affronta diverse questioni o come le chiami tu argomentazioni, e non tutte sono correllate al discorso del "seguire un madhab" ecc

La quarta argomentazione sembra che si riferisca ad un altro caso importante che si riscontra all'interno di uno stesso madhab e cioè quando si ha a che fare con piu fatwe di mufti appartenenti allo stesso madhab!
La questione qui è differente.

Citazione:
Potrei sapere dove si presentano le parole “taqlid shakhsi” in queste pagine o nell’intero Majmu’?

Magari c'è, magari no.. ma non è importante il nome, quanto ,invece, il concetto!
Chiamalo taqlid "shkhsi" o taqlid "m3in" o taqlid "madhabi"; ci stiamo riferendo allo stesso concetto.
Citazione:

Taqlid in generale significa seguire un opinione senza conoscerne le prove, quindi alla cieca, ma non c’è niente di male in questo se la persona che seguo è fidata.
Taqlid shakhsi non so proprio quale sia la sua definizione (posso solo immaginarlo) perche non c’è proprio né nei libri di ‘Usul che ho consultato né di Fiqh. Nemmeno nella più grande enciclopedia del Fiqh mai prodotta …


Si riferisce ad un discorso molto piu interessante. Il taqlid qui "non è alla cieca" in quanto è invece consapevole. Coloro che fanno taqlid sono consapevoli che l'usul dei 4 mujtahidin non possono essere, di fatto, eguagliati. Preferire, scartare e scegliere una opinione piuttosto che l'altra significa sostanzialmente volersi erigere al di sopra dei 4 mujtahidin. (A riguardo Shaykh al Buti rahimullah ha scritto alcune cose molto interessanti).

Citazione:

Taqlid shakhsi non so proprio quale sia la sua definizione (posso solo immaginarlo) perche non c’è proprio né nei libri di ‘Usul che ho consultato né di Fiqh. Nemmeno nella più grande enciclopedia del Fiqh mai prodotta …

Non ti piace proprio quel nome eh? :-) E ancora una volta non è il nome che conta, Fratello!
Citazione:


Se sono nomi di Mujtahidin (con tutte le qualità per esserlo) che seguono i Principi del ‘Usul attingendo dal Qur’an e dalla Sunnah e con ciò posso mettere in dubbio di tutto e di più (nel Din) allora tutta la Shari’a è inutile, dovremmo rivolgerci ad un’altra fonte per sapere qual è la Legge Divina …. Magari wilayet al faqih al khameney ? O l’agha khan? O sogni rivelatori? Comprendi la pericolosità di questo ragionamento?



Non hai capito il ragionamento.

Esempio: La musica è per ijma haram!
Ibn Hazm dice di no.
Allora io riporto ciò che dice Ibn Hazm e quindi la musica è haram perchè vi è "divergenza"..

Non è così che funziona. :-)
Citazione:

Sheykh Wahbah nel “Mawsu’a AlFiqhiah” (vol.1 p.84) alla domanda “rispettare un madhab preciso è un obbligo dal punto di vista del ‘Usul?” cita tre opinioni: alcuni dicono che è obbligatorio, la maggioranza degli ‘Ulama dice che non è un obbligo rispettare un unico madhab in tutte le questioni…, Ibn al Humam (giurista hanafita) e AlAmdi hanno un opinione a metà tra le due… Dopodichè dice che l’opinione più giusta (al arjah) scelta tra gli ‘Ulama’ del ‘Usul è la non obbligatorietà del rispettare un madhab preciso.

“ Dicono i shafi’iti: il più corretto (al asahh) tra le opinioni dei muta’akkhirin (moderni?) come Ibn Hajr e altri è che si può passare da un madhab ad un altro tra le scuole preservate, anche semplicemente per piacere (tashahhi), sia in modo totale o parziale, nella fatwa, nel giudizio o nell’azione.” Da Alfawa’ed al makkyah di ‘Alawi ibn Ahmad Al Saqqaf p.51.

Quindi non è una semplice divergenza di due o tre ‘Ulama: nei paesi del Sham, in Egitto, nella penisola arabica, tutti gli ‘Ulama di qualsiasi scuola di pensiero (con pochissime eccezioni) hanno questo parere.


Quindi ci sono 3 opinioni. E Sheykh Wahbah dice che la maggioranza opta per la non obbligatorietà. Va bene. Ma chi è questa maggioranza?!

Il parere Shafi'ita è espresso qui:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.




قال الشيخ أبو عمرو: فمن وجد من الشافعية حديثا يخالف مذهبه نظر، إن كملت آلات الاجتهاد فيه مطلقا أو في ذلك الباب أو المسألة كان له الاستقلال بالعمل به، وإن لم يكن وشق عليه مخالفة الحديث بعد أن بحث فلم يجد لمخالفته عنه جوابا شافيا فله العمل به ان كان عمل به إمام مستقل غير الشافعي ويكون هذا عذرا له في ترك مذهب إمامه هنا. اهـ وهذا الذي قاله حسن متعين والله أعلم

Shaykh Abū Amr said: Any adherent of the Shafi‘ī school who comes across a hadīth that contradicts his madhhab should consider [the following:]. He either possesses the tools of ijtihad without restriction; or for that specific chapter [of fiqh]; or for that specific instance. When he possesses the required tools of ijtihad he may, independently, act according to the hadīth; When he does not possess the required tools and finds it difficult to act contrary to the hadith after researching and not finding an adequate convincing solution, he may then act according to the hadith, provided that another independent Imam, other than Shāfi‘ī, has acted done so. This will constitute a valid excuse for this individual to depart from the madhhab of his Imam. [Imam Nawawi then affirms and says:] What he (Shaykh Abū Amr) has stated is good and applicable.


Citazione:

--Abu ‘Umar Ibn ‘abd al Barr al Maliki rA بن عبد البر (m.463h), trovi le sue citazioni nello scritto del Shawkani.

--Zin al Din Al’Iraqi زين الدين عبدالرحيم بن الحسين العراقي rA(m. 806h) tra i suoi discepoli c’è Ibn Hajr e Ibn Abi Bakr Al Haithamy. La citazione * a cui hai risposto è sua.

--Ibn Al Qayyem al Jawziyeh rA (m. 751h)

--Muhammad ibn Ahmad Al’allish al Maliki محمد عليش rA (m.1299h) in Fatawa Sheykh ‘Allish 1/61 :”Invero l’uscita del muqallid da ciò che è mashhur a ciò che è isolato (shadh) in cui vi è rukhsa, senza l’intenzione di seguire tutte le rukhas (tatabu’ al rukhas), è valido per tutti coloro che sostengono la non obbligatorietà di fare taqlid del più corretto (al arjah) ed è l’opinione della maggioranza degli ‘Usuliin. Ed è mubah (permesso) per il muqallid fare taqlid di qualsiasi opinione dei mujtahidin. In verità chi ha trasmesso il consenso nel vietare ciò era in errore.


Su 'Abd al Barr mi informerò in ch Allah.

Su Ahmad Al'alishi scritta così sembra si riferisca ad un' altra questione ch e riguarda "l'adozione della posizione mashura o della posizione isolta all'interno del singolo madhab".

Citazione:
Prossimamente te ne riporto altri appena riesco in sha’Allah.


In ch Allah! :-)

Citazione:
Il seguire più madhaheb, opinioni, ‘Ulama non porta necessariamente a seguire i propri desideri e passioni e uscire dal Din.


Invece, credo che porti necessariamente a seguire i propri desideri.

1) non sei mujtahid per derminare l'esattezza o l'inesattezza di una posizione espressa dai pii mujtahidin, dunque non puoi utilizzare questo parametro come scelta "tra le possibilità".

2) Se segui le opinioni con la volontà di scegliere la più facile: segui un tuo desiderio, che è appunto quello di seguire l'opinione più facile.

3) se segui le opinioni con la volontà di scegliere la più difficile: ti imponi qualcosa che Allah non ha voluto importi e dunque segui un tuo desiderio.

4) Se scegli a caso: segui il tuo desiderio

Hai in mente altre possibilità?

Mufti Sajaad ha chiaramente esposto la pericolosità del seguire i propri desideri.
Principio indiscutibile!

Citazione:
Al Iraqi sono Ijam' dei Sahabah rAa e dei Tabi'in


L'opinione di Al Iraqi è debole come si riporta:

“La seconda opinione è che è obbligatorio (yalzimuhu) per lui seguire una scuola particolare, e questa era la posizione definitiva secondo Imam Abul—Hassan (il padre dell'Imam al-Haramayin Al-Juwayni). E ciò si applica a chiunque non abbia raggiunto il livello di Ijtihad dei giuristi e dei sapienti di altre discipline. Il ragionamento per questa regola è che se fosse permesso seguire qualunque scuola si volesse, ciò porterebbe a raccogliere le dispensazioni delle scuole, seguendo i propri desideri, a scegliere tra Halal e Haram, tra obbligatorio e permesso. In definitiva, ciò porterebbe a rinunciare all'onere della responsabilità. Questo non è lo stesso che durante le prime generazioni, perché le scuole che allora erano sufficienti in termini delle loro regole per le nuove questioni, non erano né codificate né divennero popolari. Perciò su questa base è obbligatorio per una persona sforzarsi di scegliere un Madhhab da seguire
esclusivamente”. (Vol. 1, p. 93).
Top
Profilo Invia messaggio privato
Anonymous
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 06/08/10 23:31
Messaggi: 1111

MessaggioInviato: Mar Ago 13, 2013 12:44 am    Oggetto: Rispondi citando

Wa Allahu 'alam
Top
Profilo Invia messaggio privato
Abu7amed
Affezionato
Affezionato


Registrato: 05/03/13 02:41
Messaggi: 48

MessaggioInviato: Gio Ago 15, 2013 10:30 am    Oggetto: Rispondi citando

alMaliki ha scritto:
Citazione:
Fratello, leggi nel Majmu’ che mi hai riportato tu stesso alla stessa pagina 93 alla domanda “la persona comune ha un madhab oppure no?” Ti elencano due punti di vista: sì e no.

Alla domanda: “ha il dovere di aderire ad un madhab particolare?” 1) Non ha il dovere come non lo aveva nella prima era fare taqlid di un ‘Alim in particolare… 2) Ha il dovere … (Stessa frase che citi con l’unica differenza che Abu al Hasan Alkia era discepolo non padre del Juwaini come è riportato nella nota rA)


E fin qui nulla da dire sulle due opinioni (mi sembra assai logico e normale menzionare la "contro-opinione" quando si espone qualche argomento..)


Fratello non si sta menzionando nessuna contro-opinione, bensì opinioni validissime. La conferma ti arriva proprio dall’Imam Nawawi rA stesso (autore del Majmu’) che afferma :
"الذي يقتضيه الدليل أنه لا يلزمه التمذهب بمذهب، بل يستفتي مَن شاء، أو مَنِ اتَّفق من غير تلقُّطٍ للرخص، ولعل مَن مَنَعَه لم يثق بعدم تلقطه"
روضة الطالبين وعمدة المفتين (vol.11 p.117)
Si evince chiaramente l’opinione del Nawawi rA e vorrei che facessi attenzione alle parole sottolineate prima di fare supposizioni …
Un consiglio che ti do è leggere il significato tecnico nelle spiegazioni dei termini (Mustalah) usati dai Fuqaha’ (in questo caso shafi’iti) poiché è indispensabile capire cosa intendono con ogni parola che pronunciano. Scusami ma vedo che fai confusione quando definisci uno dei due pareri ( وجهين ) con “contro-opinione”.

alMaliki ha scritto:
Citazione:

Nella pagina dopo il quarto argomento: “ se c’è divergenza tra due fatwa, vi sono CINQUE punti di vista tra i compagni (del Shafi’i rA): 1)sceglie la più rigida 2) sceglie la più leggera 3) si sforza per scegliere la migliore e prende la fatwa del più sapiente e timorato, opinione del Sam’ani Al Kabir e del Shafi’i rAa (Nas) sulla qibla 4) Chiede un terzo Mufti…
5) Sceglie l’opinione che vuole. Questo è il parere più giusto (al Asahh) per il Sheikh Abi Ishaq Alshirazi (autore dello stesso Muhaddhab) e per Khatiib Al Baghdadi, riportato da Almahamli nel Majmu’ dalla maggioranza dei compagni, scelto dall’autore del Shamel se i due Mufti sono alla pari per colui che chiede.
Scusami ma non doveva fare taqlid specifico di uno dei due Mufti secondo il CONSENSO?
“Scegliere la fatwa che si vuole” tra le due non comporta il grande rischio di seguire le proprie passioni e i propri desideri e perdere il Din? Le opinioni sopra riportate non bastano per confutare il consenso ?


Leggendo un po come sono strutturate le argomentazioni non mi sembra che la quarta argomentazione sia correllata alla precedente.
Il capitolo affronta diverse questioni o come le chiami tu argomentazioni, e non tutte sono correllate al discorso del "seguire un madhab" ecc

La quarta argomentazione sembra che si riferisca ad un altro caso importante che si riscontra all'interno di uno stesso madhab e cioè quando si ha a che fare con piu fatwe di mufti appartenenti allo stesso madhab!
La questione qui è differente.


Se parliamo di taqlid shakhsi non è affatto differente: non si sarebbe neanche posto il problema di “avere a che fare con più fatwe di mufti appartenenti allo stesso madhab” non credi?
Sarei curioso di capire da dove hai dedotto che sono dello stesso madhab?? I grandi Fuqaha’ sono molto precisi nei termini che usano e di solito scrivono pagine e pagine di introduzione per spiegare chiaramente, e senza spazio a equivoci, cosa intendono quando utilizzano un termine invece che un altro.

alMaliki ha scritto:
Citazione:
Potrei sapere dove si presentano le parole “taqlid shakhsi” in queste pagine o nell’intero Majmu’?

Magari c'è, magari no.. ma non è importante il nome, quanto ,invece, il concetto!
Chiamalo taqlid "shkhsi" o taqlid "m3in" o taqlid "madhabi"; ci stiamo riferendo allo stesso concetto.


Taqlid shakhsi , taqlid madhab, sono lo stesso concetto?? Il nome o termine (المصطلح )è importantissimo invece, sia nelle scienze del Fiqh sia in qualsiasi altra scienza islamica e non che si rispetti.

alMaliki ha scritto:
Si riferisce ad un discorso molto piu interessante. Il taqlid qui "non è alla cieca" in quanto è invece consapevole. Coloro che fanno taqlid sono consapevoli che l'usul dei 4 mujtahidin non possono essere, di fatto, eguagliati. Preferire, scartare e scegliere una opinione piuttosto che l'altra significa sostanzialmente volersi erigere al di sopra dei 4 mujtahidin. (A riguardo Shaykh al Buti rahimullah ha scritto alcune cose molto interessanti).


Sheykh Al Buti, rahimahullah wa ghafara lahu, non è mai stato dell’opinione di seguire un solo madhab in tutte le questioni figuriamoci seguire un solo Sheykh!!
Se ti riferisci al libro “Al lamadhabyyah” in cui demolisce l’opinione di coloro che rigettano completamente i madhaheb allora mi hai preso per la persona sbagliata, il discorso che sto facendo è ben diverso da quello dei salafiti!

alMaliki ha scritto:
Citazione:

Taqlid shakhsi non so proprio quale sia la sua definizione (posso solo immaginarlo) perche non c’è proprio né nei libri di ‘Usul che ho consultato né di Fiqh. Nemmeno nella più grande enciclopedia del Fiqh mai prodotta …

Non ti piace proprio quel nome eh? :-) E ancora una volta non è il nome che conta, Fratello!


E invece il termine conta eccome! Ci sono pagine e pagine sui “termini tecnici” di Fiqh Hanafi, Shafi’i, Maliki, Hanbali, di ‘Usul Al Fiqh, Hadith ecc… e vorresti convincermi che “ non è il nome che conta” ??
Ma davvero credi che un “concetto”, come lo chiami, WAJIB per tutti i musulmani, che è peccato trascurare, non abbia una definizione precisa nei libri dei più grandi Sapienti della storia?

Citazione:
Citazione:
Sheykh Wahbah nel “Mawsu’a AlFiqhiah” (vol.1 p.84) alla domanda “rispettare un madhab preciso è un obbligo dal punto di vista del ‘Usul?” cita tre opinioni: alcuni dicono che è obbligatorio, la maggioranza degli ‘Ulama dice che non è un obbligo rispettare un unico madhab in tutte le questioni…, Ibn al Humam (giurista hanafita) e AlAmdi hanno un opinione a metà tra le due… Dopodichè dice che l’opinione più giusta (al arjah) scelta tra gli ‘Ulama’ del ‘Usul è la non obbligatorietà del rispettare un madhab preciso.

“ Dicono i shafi’iti: il più corretto (al asahh) tra le opinioni dei muta’akkhirin (moderni?) come Ibn Hajr e altri è che si può passare da un madhab ad un altro tra le scuole preservate, anche semplicemente per piacere (tashahhi), sia in modo totale o parziale, nella fatwa, nel giudizio o nell’azione.” Da Alfawa’ed al makkyah di ‘Alawi ibn Ahmad Al Saqqaf p.51.

Quindi non è una semplice divergenza di due o tre ‘Ulama: nei paesi del Sham, in Egitto, nella penisola arabica, tutti gli ‘Ulama di qualsiasi scuola di pensiero (con pochissime eccezioni) hanno questo parere.


Quindi ci sono 3 opinioni. E Sheykh Wahbah dice che la maggioranza opta per la non obbligatorietà. Va bene. Ma chi è questa maggioranza?!


Non è obbligatorio fare taqlid di un solo madhab (e tantomeno di un solo sheykh) per il profano in tutte le questioni per :
oltre ai già citati AlNawawi, Abu ‘Umar Ibn ‘abd al Barr, Al Shawkani, Al’Iraqi, Ibn Hajr, Ibn Al Qayyem, Muhammad Al’allish, Al ‘Izz Ibn ‘Abd Assalam vi sono anche Ibn Burhan (أبو الفتح أحمد بن علي بن برهان), la maggioranza dei Hanbaliti, حسن بن عمار بن على الشرنبلالي come riporta Ibn ‘Abdin, Al Amdi الآمدي e Ibn Al Humam (الكمال ابن الهمام), Al Hattab محمد ابن محمد ابن عبد الرحمان الحطاب, Sheykh Al Buti, Sheykh Wahbah, Sheykh Ahmad AlHajji Al Kurdi احمد الحجي الكردي (

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

),‘Alawi ibn Ahmad Al Saqqaf … ognuno di questi è stato discepolo e maestro di altrettanti ‘Ulama.

Da مواهب الجليل في شرح مختصر خليل Al Hattab p.32:

والثاني إجماع الأمة على أن من أسلم لا يجب عليه اتباع إمام معين بل هو مخير فإذا قلد إماما معينا وجب أن يبقى ذلك التخيير المجمع عليه حتى يحصل دليل على رفعه لا سيما الإجماع لا يدفع إلا بما هو مثله من القوة انتهى


Da الإنصاف Al Mardawi (علي ابن سليمان المرداوي) p.194:

هل يلزم المقلد التمذهب بمذهب ، والأخذ برخصه وعزائمه ؟ فيه وجهان . قلت : قال في الفروع في أثناء " باب شروط من تقبل شهادته " وأما لزوم التمذهب بمذهب ، وامتناع الانتقال إلى غيره في مسألة : ففيه وجهان ، وفاقا لمالك والشافعي رحمهما الله . وعدمه أشهر . انتهى .

قال في أعلام الموقعين : وهو الصواب المقطوع به . وقال في أصوله : عدم اللزوم قول جمهور العلماء


Da البحر المحيط Alzarkashi (بدر الدين، محمد بن بن بهادر بن عبد الله الزركشي) p.373-374:

مسألة هل يجب على العامي التزام تقليد معين في كل واقعة ؟ فيه وجهان قال إلكيا : يلزمه . - وقال ابن برهان : لا ، ورجحه النووي في ( أوائل القضاء ) وهو الصحيح

Da إرشاد الفحول إلى تحقيق الحق من علم الأصول (Al Sawkani ) v.2 p.772

هل يجب على العامي التزام مذهب معين في كل واقعة ؟ فقال جماعة منهم يلزمه : ورجحه إلكيا .

وقال آخرون : لا يلزمه ، ورجحه ابن برهان والنووي .

واستدلوا بأن الصحابة - رضي الله عنهم - لم ينكروا على العامة تقليد بعضهم في بعض المسائل ، وبعضهم في البعض الآخر .

وذكر بعض الحنابلة أن هذا مذهب أحمد بن حنبل ، فإنه قال لبعض أصحابه : لا تحمل الناس على مذهبك فيحرجوا ، دعهم يترخصوا بمذاهب الناس .

وسئل عن مسألة من الطلاق فقال : يقع يقع ، فقال له السائل : فإن أفتاني أحد أنه لا يقع يجوز ؟ قال : نعم . وقال : وقد كان السلف يقلدون من شاءوا قبل ظهور المذاهب .

وقال ابن المنير الدليل يقتضي التزام مذهب معين بعد الأربعة ، لا قبلهم . انتهى .

وهذا التفصيل مع زعم قائله أنه اقتضاه الدليل من أعجب ما يسمعه السامعون ، وأغرب ما يعتبر به المنصفون
.

Dar Al Ifta, Egitto

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Dar Al Ifta, Giordania (da una fatwa d’archivio del ‘Iz ibn ‘Abd Assalam)

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Commissione permanente della fatwa, Arabia Saudita

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Il Concilio del Fiqh Al Islami (uno degli enti che forma l’Ijma’ in quest’epoca) del 1993

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Citazione:
Citazione:
Il seguire più madhaheb, opinioni, ‘Ulama non porta necessariamente a seguire i propri desideri e passioni e uscire dal Din.


Invece, credo che porti necessariamente a seguire i propri desideri.

Citazione:
2) Se segui le opinioni con la volontà di scegliere la più facile: segui un tuo desiderio, che è appunto quello di seguire l'opinione più facile.


Quasi tutti gli ‘Ulama ti contraddicono in questo. Se vuoi approfondire fai qualche ricerca nei libri che preferisci su: تتبع الرخص , الأخذ بأيسر المذاهب , تلفيق

alMaliki ha scritto:
1) non sei mujtahid per derminare l'esattezza o l'inesattezza di una posizione espressa dai pii mujtahidin, dunque non puoi utilizzare questo parametro come scelta "tra le possibilità".


Le posizioni differenti dei Mujtahidin, viste dalla persona comune, sono paragonate alle “prove presunte” (non saprei tradurre meglio دلائل ظنية ) che gli stessi mujtahidin estrapolano dalle fonti della Shari’a. Abbiamo già visto che alcuni 'Ulama obbligano la persona comune in caso di fatawa contrapposte di scegliere la più giusta, di fare quindi tarjih tra le opinioni.

alMaliki ha scritto:
3) se segui le opinioni con la volontà di scegliere la più difficile: ti imponi qualcosa che Allah non ha voluto importi e dunque segui un tuo desiderio.
Chi ha scelto quest’opinione ha il suo dalil

alMaliki ha scritto:

Mufti Sajaad ha chiaramente esposto la pericolosità del seguire i propri desideri.
Principio indiscutibile!


Si rigetta un Ijma’ con una prova dello stesso peso o maggiore e non mi risulta che “la pericolosità del seguire i propri desideri” sia un principio di ‘Usul. Comunque non è secondo questo principio che Mufti Sajaad dimostra la base giuridica del taqlid shakhi …

alMaliki ha scritto:

Citazione:
Al Iraqi sono Ijma' dei Sahabah rAa e dei Tabi'in


L'opinione di Al Iraqi è debole


Invece non ti immagini quanto sia “forte” la sua frase, in altre parole dice: “ per Ijma’ vale la norma X, se vuoi rigettarla dammi una prova uguale o maggiore” Non ti rimane altro che il Corano, la Sunnah o l’ Ijma’ stesso … e la maggioranza degli ‘Ulama come hai visto accetta questa prova come valida mentre tu : “Argomentazione poco convincente direi!” ;-)

Scusami Fratello, rileggendo quello che ho scritto potrebbe dare l'idea di "scontro" ma non è l'impressione che volevo dare ...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Abu7amed
Affezionato
Affezionato


Registrato: 05/03/13 02:41
Messaggi: 48

MessaggioInviato: Gio Ago 15, 2013 10:31 am    Oggetto: Rispondi citando

Wa Allahu A'lam
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ibrahim-Abu Ismail
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 27/10/10 10:24
Messaggi: 408
Residenza: Madhhab: Shafi'i

MessaggioInviato: Sab Ago 17, 2013 1:48 am    Oggetto: Rispondi citando

Assalamu Alaikum fratello....che vi siano differenti opinione è noto.............Questo forum si rifà al taqlid verso le 4 scuole che è il mezzo più sicuro per seguire il Corano e la Nobile Sunnah, ancor prima dell'arrivo dei selezionatori come Albani ecc........, quindi non capisco dove vuoi andare a parare............noi seguiamo questo è fino a prova contraria e lecito...............quello che hai postato è interessante, ma non in linea con cio' che cerchiamo di imparare qui.....in finale cosa serve cio', chi segue questo forum si rifà come detto alle 4 scuole e certo non cambia opinione.................
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Abu7amed
Affezionato
Affezionato


Registrato: 05/03/13 02:41
Messaggi: 48

MessaggioInviato: Sab Ago 17, 2013 7:56 am    Oggetto: Rispondi citando

Ibrahim-Abu Ismail ha scritto:
Assalamu Alaikum fratello....che vi siano differenti opinione è noto.............Questo forum si rifà al taqlid verso le 4 scuole che è il mezzo più sicuro per seguire il Corano e la Nobile Sunnah, ancor prima dell'arrivo dei selezionatori come Albani ecc........, quindi non capisco dove vuoi andare a parare............noi seguiamo questo è fino a prova contraria e lecito...............quello che hai postato è interessante, ma non in linea con cio' che cerchiamo di imparare qui.....in finale cosa serve cio', chi segue questo forum si rifà come detto alle 4 scuole e certo non cambia opinione.................


Wa 'alaikum assalam fratello Ibrahim,
nessuno ha dubbi sulla permissibilità di fare taqlid di una delle quattro scuole ed è su questo che c'è Ijma' dei Fuqaha'.

Mentre sull'obbligo di seguire una sola scuola in tutte le questioni e un solo Imam non c'è Ijma' (se sto sbagliando mi si dimostri il contrario) e mi sembrava giusto farlo notare.

Il non rispettare qualcosa di wajib è peccato, far passare per peccatori tre quarti della Ummah che mischiano tra le scuole nonostante ci siano opinioni valide di Sapienti che affermano il contrario non credo sia giusto nè nei confronti dei musulmani comuni nè nei confronti dei Sapienti ...

Ho notato qualche discussione dove chi non si attiene al 100% al proprio madhhab viene definito uno che "segue la propria testa", "un idiota", "un ignorante" ... questa è la normale conseguenza quando non si prendono in considerazione le divergenze legittime tra i vari Sapienti.

Non credo di aver citato nulla che fuoriesca dalla cerchia dell'Islam sunnita ortodosso che si rifà alle 4 scuole... Le citazioni che ho riportato sono di 'Ulama e alcuni di loro sono giganti dell'Islam sunnita ortodosso!

Perchè non essere tolleranti verso chi segue un solo madhhab e chi ne segue più di uno?

Penso che questo sia il miglior forum islamico italiano in assoluto, ne ho tratto molti insegnamenti utili e che Allah ricompensi l'amministrazione e tutti i fratelli che collaborano.
Spero che diventi un punto di riferimento per tutti i musulmani d'Italia, sia italiani che stranieri.
Il rispetto e la stima che ho di questo forum mi porta necessariamente a criticarne alcuni punti, forse nel modo sbagliato,astaghfirullah, ma non lo faccio con cattive intenzioni.


والله من وراء القصد وهو يهدى السبيل
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Principi della Giurisprudenza, Scuole Giuridiche, Sapienti Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.812