Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

paura della morte

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Rapporti con Altre Religioni e Ideologie, Confutazioni, etc.
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Dom Feb 18, 2018 2:38 am    Oggetto: Ads

Top
yasmina94
Matricola
Matricola


Registrato: 23/07/10 14:24
Messaggi: 12

MessaggioInviato: Mer Ott 13, 2010 6:07 pm    Oggetto: paura della morte Rispondi citando

Assalemualikom
Di questi tempi sento molte persone convinte del fatto che la paura della morte abbia spinto gli uomini a inventarsi Dio.
Ovviamente sono in disaccordo con questa affermazione, ma volevo sapere nell'Islam quale concetto assume la paura della morte.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Ibrahim al-Youtubi
Rahimahullah


Registrato: 17/01/10 02:15
Messaggi: 2101
Residenza: la genova che conta

MessaggioInviato: Mer Ott 13, 2010 6:20 pm    Oggetto: Rispondi citando

yasmina94 ha scritto
Citazione:
ma volevo sapere nell'Islam quale concetto assume la paura della morte.
scusa sorella sono il primo che a volte esprime male dei concetti,potresti gentilmente spiegarci cosa intendi)jazakallah khairan

_________________
"la salafia,assieme alla coca cola e all happy meal è il prodotto della globalizazzione capitalistica statunitense"

"la salafia è una multinazionale capitalistica con sede a ryadh e i maggiori azionisti negli stati uniti e israele"

"mc donald ha ronald mc donald come mascotte,la salafia ha al albani e ibn baz......

salafia im lovin it!!"
Top
Profilo Invia messaggio privato
yasmina94
Matricola
Matricola


Registrato: 23/07/10 14:24
Messaggi: 12

MessaggioInviato: Mer Ott 13, 2010 7:34 pm    Oggetto: Rispondi citando

Premetto di aver letto pochissimi Ahadith del Profeta( che la pace e le benedizioni siano su di lui), ma alcuni di questi trattavano il tema della paura della morte e non ho capito se con paura della morte si voglia intedere il timore nell'incontrare Allah o se possa assumere un'altro concetto a me ignoto...spero di essere stata chiara...e se non lo sono stata cercherò di spiegarmi ancor meglio, InchAllah.
Grazie.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14953
Residenza: Madhhab: Hanafi-Deobandi

MessaggioInviato: Gio Ott 14, 2010 5:38 pm    Oggetto: Re: paura della morte Rispondi citando

Wa `alaykum assalam wa rahmatullahi wa barakatuhu.

yasmina94 ha scritto:
Di questi tempi sento molte persone convinte del fatto che la paura della morte abbia spinto gli uomini a inventarsi Dio.


Sorella, queste sono soltanto le "spiegazioni" che gli atei danno al fatto che chiunque oltre a loro ha sempre concepito l'esistenza di Dio, ed allora eccoli lì ad elaborare teorie idiote su "uomini primitivi" mezzi-scimmie che spaventati dai fulmini e dalla morte si inventano una sorta di "grande uomo" onnipotente per "tranquillizzarsi.
Quando in realtà gli unici "scimmioni" sono loro, visto che la loro vita è al livello di quella degli animali: mangiare-riprodursi-dormire.

Come al solito, confondono il "come" (in questo caso presunto), col "perchè", e credono che rispondere al prima chiarisca ogni dubbio.

yasmina94 ha scritto:
Ovviamente sono in disaccordo con questa affermazione, ma volevo sapere nell'Islam quale concetto assume la paura della morte.


Direi che l'aspetto principare è il timore di non aver compiuto "abbastanza" azioni raccomandate, di non aver assolto agli obblighi in maniera "sufficiente", di non essere stati abbastanza lontano dalle proibizioni (metto tutto tra virgoletto perchè poi comunque se otteniamo il Paradiso è

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

)..

E quindi saremmo impauriti e shockati dal fatto di non sentirci "ancora pronti" al momento ineluttabile, che non potremo rinviare nemmeno di un istante, e con il quale finirà il conto delle nostre "buone azioni" (eccetto per i vari tipi di Sadaqah Jariyah).

Proviamo ad immaginare che l'Angelo della Morte si presenti davanti a noi in questo momento: quanti di noi sarebbero baldanzosi e sicuri di sé, e quanti invece si renderebbero conto di aver sprecato minuti, ore, giorni, mesi, anni preziosi delle loro vite lontano dall'adorazione di Allah, e sarebbero terrorizzati dal timore di ciò che li aspetterà nella tomba ed il Giorno del Giudizio?

Decisamente un buono spunto di riflessione sulle nostre vite...

Che Allah ci dia il tawfiq di utilizzare nel modo migliore e più proficuo il tempo che abbiamo a nostra "disposizione".

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
diahane
Bannato
Bannato


Registrato: 12/07/10 16:23
Messaggi: 1

MessaggioInviato: Gio Ott 14, 2010 7:20 pm    Oggetto: Rispondi citando

Leggo da un po' di mesi questo forum e questo è il mio primo messaggio.
Premetto che sono ateo, ma ho profondo rispetto per chi crede sinceramente. Non lo invidio, sia chiaro, perchè secondo me non c'è assolutamente niente da invidiare, ma, ripeto, lo rispetto. Devo dire che, sinceramente, mi sono sentito un po' offeso nell'essere accostato ad uno scimmione capace solo di mangiare dormire e procreare, anche se, in effetti, mangio, dormo ed ho procreato, esattamente come tanti credenti. Mi domandavo questo: se venivo qui e dicevo che i musulmani sono degli animali buoni solo a mangiare, dormire e pregare, sarei stato accolto amichevolmente? Sia chiaro: non esigo nessuna scusa, non mi interessa, gradirei solo lo stesso rispetto che molti non credenti hanno verso di voi e che mai si sognerebbero di accostarvi ad un gorilla. Con il massimo rispetto anche verso tutti i gorilla, chiaramente. Saluti.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Jahanzaib
Affezionatissimo
Affezionatissimo


Registrato: 14/08/08 20:15
Messaggi: 95

MessaggioInviato: Gio Ott 14, 2010 7:48 pm    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Mi domandavo questo: se venivo qui e dicevo che i musulmani sono degli animali buoni solo a mangiare, dormire e pregare, sarei stato accolto amichevolmente?


Certo che no, ma il punto è che nessuno è andato su un forum di atei a dire questo e quello, è una discussione su un forum Islamico e di conseguenza si parla di tutto ciò che può interessare ad un utente, entro i limiti della decenza ovviamente.

Citazione:
Devo dire che, sinceramente, mi sono sentito un po' offeso nell'essere accostato ad uno scimmione capace solo di mangiare dormire e procreare, anche se, in effetti, mangio, dormo ed ho procreato, esattamente come tanti credenti.

..............

Sia chiaro: non esigo nessuna scusa, non mi interessa, gradirei solo lo stesso rispetto che molti non credenti hanno verso di voi e che mai si sognerebbero di accostarvi ad un gorilla. Con il massimo rispetto anche verso tutti i gorilla, chiaramente. Saluti.


Carissimo, ogni musulmano ha il massimo rispetto che per ogni essere vivente e questo è uno degli insegnamenti fondamentali dell'Islam, ma venendo alla questione della religione e quindi del credere e del non credere sia chiaro che quando il musulmano professa la propria fede lo fa facendo una chiara distinzione tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, non può al contempo credere e dire che quello che pensano gli atei sia rispettabile.

Nel credo Islamico non esistono mezze vie, o è nero o è bianco, che poi una persona sia in viaggio verso l'una o l'altra meta lo sa solo Allah ma ci viene reso chiaro nel Corano il giusto dal sbagliato ed il vero dal falso.

Io rispetto l'ateo come essere umano e come persona ma non rispetto la sua ideologia e quello in cui crede perchè contrasta ed in certe parti offende ciò in cui credo io.

Se per qualcuno tutto quello che siamo, vediamo, sentiamo e proviamo è solo uno scherzo mi dispiace per colui/colei che ci crede ma per i musulmani è tutto il contrario ed affermare che tutto sia nato da un'esplosione d'energia (senza poi spiegare da cosa si sia creata poi quella esplosione) e credere che noi tutti umani non siamo altro che una mera evoluzione di una forma di vita elementare venutasi a creare miliardi di anni fa dalla quale evoluzione sono venute poi tutte le speci è una maniera molto semplicistica e assai arrogante di affrontare la questione.

Tu ti puoi sentire offeso nello stesso modo in cui mi ci posso sentire io quando mi sento dire "ma come fai a credere in qualcosa che non si vede???".

Il discorso sarebbe assai più lungo ma preferisco fermarmi qua.
Top
Profilo Invia messaggio privato
InnomediDio
Rahimahullah


Registrato: 15/05/10 20:52
Messaggi: 273

MessaggioInviato: Gio Ott 14, 2010 9:54 pm    Oggetto: Rispondi citando

scrivi:Premetto che sono ateo, ma ho profondo rispetto per chi crede sinceramente.

Rispetto anchio profontamente chi non crede; ma non rispetto gli atei che alla fine dei giorni finiscono in chiesa e in un cimitero cristiano. e nè ho visti tanti, alla faccia dell'ipocrisia.

Yussuf.

_________________
Con Allah non si è mai soli.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Sufi Aqa
Amministratore - خادم
Amministratore - خادم


Registrato: 29/03/07 21:20
Messaggi: 14953
Residenza: Madhhab: Hanafi-Deobandi

MessaggioInviato: Ven Ott 15, 2010 4:44 am    Oggetto: Rispondi citando

Ciao Diahane.

Credo che ti sia sfuggito il senso del mio messaggio, che proverò ad esprimere meglio in due punti:

-Il termine "scimmioni" è un preciso rimando alla teoria dell'evoluzione che vorrebbe gli uomini "discesi" da qualche genere di scimmia; discorso che avevamo affrontato
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

proprio con la stessa sorella Yasmina94, per cui ho voluto fare un rimando che lei avrebbe capito immediatamente, ma da come l'ho formulato mi sembra sia comprensibile anche a chi avesse letto solo questo thread.

-Non ho detto che gli "atei" sono "buoni" solo a mangiare, dormire e procreare, ma il punto è che partendo da una prospettiva rigorosamente e coerentemente atea e materialista, la vita si riduce a questo, e tutto il resto che capita anche nella vita di un ateo (idee, sentimenti, emozioni: non parliamo quindi di spiritualità e metafisica), è solo un corollario secondario di tutto ciò.

Qual'è la prospettiva di un ateo che crede di essere nato "per caso", di vivere "per caso" e senza alcun motivo, e di dover un giorno morire (a meno che la mitica scienza non trovi qualche modo per vivere "per sempre", ovviamente...), che significa semplicemente la lenta decomposizione della propria struttura fisica e l'annullamento, la fine della propria attività neuronale, che dovrebbe coincidere con la coscienza, i pensieri e tutto il resto.

Che altro c'è oltre a questo?

L'"amore"? La "carriera"? Il "successo"? Qualche confusa teoria post-Hegeliana su un significato pseudo-metafisico degli avvenimenti sociali nello scontro tra "borghesia" e "proletariato", o qualche spietato darwinismo sociale sulla "competizione" per il successo?

Ripeto, non si tratta di dire che gli atei non facciano altro, si tratta di affermare che da una prospettiva atea, la vita è questa, non c'è altro scopo, non c'è altra ragione, non c'è altro motivo; niente al di là del rincorrere e seguire i propri desideri, le proprie inclinazioni ed il proprio ego (e non parlo necessariamente solo di desideri carnali, ma anche nella dimensione mentale: il centro è sempre il proprio io, ciò che "io" definisco giusto, ciò che "io" posso capire, ciò che "io" voglio).

E la differenza tra le due cose è la stessa che passa tra il "rispetto" (dovuto) verso ogni altra creatura, e il rispetto (impossibile) verso una tale prospettiva.

Ed il secondo descritto, quello della sottomissione al proprio ego ed ai propri desideri ed inclinazioni, è esattamente il piano degli animali, con la differenza che gli animali sono stati creati in questa maniera e per questo, ed il loro seguire le loro inclinazioni ed istinti è il loro modo di adorare Dio:

أَلَمْ تَرَى أَنَّ اللَّهَ يُسَبِّحُ لَه ُُ مَنْ فِي السَّمَاوَاتِ وَالأَرْضِ وَالطَّيْرُ صَافَّات ٍ كُلّ ٌ قَدْ عَلِمَ صَلاَتَه ُُ وَتَسْبِيحَه ُُ وَاللَّهُ عَلِيم ٌ بِمَا يَفْعَلُونَ
وَلِلَّهِ مُلْكُ السَّمَاوَاتِ وَالأَرْضِ وَإِلَى اللَّهِ الْمَصِيرُ


Non vedi come Allah è glorificato da tutti coloro che sono nei cieli e sulla terra e gli uccelli che dispiegano [le ali]? Ciascuno conosce come adorarLo e renderGli gloria. Allah ben conosce quello che fanno.
Appartiene ad Allah la sovranità sui cieli e sulla terra. Verso Allah è il ritorno ultimo
- Sacro Qur'an, XXIV, 41-42.

Mentre per l'uomo, si tratta di un abbrutimento e di una discesa.

Così, l'uomo ha la possibilità di elevarsi ad un rango superiore a quello degli angeli, sottomettendosi ed obbedendo ai comandi del Suo Creatore nella maniera mostrata dai Suoi Profeti (pace su tutti loro), o discendere ad un livello inferiore a quello degli animali, rinnegando la sua natura di vicario di Dio sulla terra, non riconoscendo il Suo Creatore e non obbedendo alle Sue leggi:

وَالْعَصْر
إِنَّ الإِنسَانَ لَفِي خُسْر ٍ
إِلاَّ الَّذِينَ آمَنُوا وَعَمِلُوا الصَّالِحَاتِ وَتَوَاصَوْا بِالْحَقِّ وَتَوَاصَوْا بِالصَّبْرِ


"Per il Tempo!
Invero l’uomo è in perdita,
eccetto coloro che credono e compiono il bene, vicendevolmente si raccomandano la verità e vicendevolmente si raccomandano la pazienza
".

---

Approfitto anche per un'altro spunto che offre questo tema della "paura della morte" nella "società occidentale moderna".

E' interessante notare l'esistenza di una sorta di "tabù della morte" in questa società, che viene allontanata non solo dai nostri pensieri in maniera più o meno scaramantica (ennesima incrinatura delle pretese di ineguagliabile "razionalità" da parte della
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

e produce record di cartomanti e fattucchieri di ogni genere), ma anche dai nostri occhi ed orecchie.

Prendete ad esempio il caso del comportamento che viene messo in atto nei confronti dei bambini, nella maggior parte dei casi privi di un'educazione religiosa vera e propria: capita che i genitori non informino nemmeno della notizia della morte di qualche parente, posticipandola -con grande imbarazzo- di qualche anno; o avviene spesso che i bambini non vengano portati a vedere il morto, ma piuttosto tenuti "lontani", "protetti" da questa realtà della morte come in una sorta di "transfer" delle paure degli adulti ai più piccoli.
Non sapendosi spiegare la morte nemmeno i genitori, non hanno modo di poterla spiegare ai più piccoli.

In tutti questi casi, la paura terrificante della morte prende la forma di una rimozione: si fa finta che non esiste per non rompere l'equilibrio delle proprie vite vissute sul filo della mancanza di senso e dell'inutilità, e quando accade, se possibile la si allontana dai propri occhi (anche fisicamente, come abbiamo visto: è sempre più difficile vedere un morto, ad esempio su giornali e televisione; come inspiegabile, viene sottratto alla vista), e se ciò proprio non è possibile (come nel caso della morte di un parente stretto), ci sono mille accorgimenti materiali (viene trattato come vivo: vestito, truccato ed "aggiustato" in modo da dargli un contegno "da vivo" anche nel colorito) e psicologici (mi viene in mente la reazione di chi dice "no, non posso accettare che è morto", come se la morte di qualcuno dovesse passare per le decisioni di altre persone: l'isterismo di tale reazione è consuegenza del frantumarsi delle pretese prometeiche di "auto-divinizzazione" dell'uomo moderno.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Blog in italiano:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Ottima applicazione per gli orari della preghiera:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Rapporti con Altre Religioni e Ideologie, Confutazioni, etc. Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 5.35