Indice del forum Informazioni sull'Islam
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso Dì, "Egli, Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui". (Corano 112, 1-4)
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Felicità?
Vai a 1, 2  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Informale - Generale
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Ven Feb 23, 2018 4:35 am    Oggetto: Ads

Top
Dhakir13
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 24/12/12 11:58
Messaggi: 1192

MessaggioInviato: Gio Apr 03, 2014 2:58 pm    Oggetto: Felicità? Rispondi citando

Assalamo `aleikom,
Vorrei si discutesse sull argomento felicità perchè sembra sia l obbiettivo della maggior parte delle persone. Apri facebook per esempio e leggi i consigli e le ricette di aspiranti poeti o filosofi su come essere felici (che se li tengano per loro). Io personalmente non me lo sono mai chiesto, ma se me lo chiedo non so cosa rispondermi! oppure mi do risposte stupide, perchè fondamentalmente cos è la felicità?!? Ma anche letteralmente.. Allora apro il dizionario e leggo "senso di appagamento nei propri desideri" aaah bene! xD ecco perche si chiedono in continuazione come essere felici.
Io penso che per stare bene bisogna sentire il bisogno solamente di Allah Ta`ala

13.28. coloro che credono, che rasserenano i loro cuori al Ricordo di Allah. In verità, i cuori si rasserenano al Ricordo di Allah.

(è stupido dire/pensare "quanto è vero"? ... Si lo è U.U)

Ma fondamentalmente, è giusto parlare di felicità(che non ho ancora ben chiaro cosa significhi)? Perchè l islam ci insegna a cercare La Pace As-Salam, che é uno dei Nomi di Allah. Con il saluto per esempio. Ma adirittura in paradiso che dovrebbe essere il Top, quante volte Allah nel Corano dice che non si sentirà discorso vano se non Pace, che gli ci sarà Pace "ecc. ecc."

Quindi penso che il nostro obbiettivo dovrebbe essere la Pace, e non bramare troppo la dunya (vita terrena) perchè sono questo tipo di delusioni che portano tristezza.
Che ne pensate?

_________________
La ilaha illaLah Muhammad Rasulu Lah
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
AbuMuhammad
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 26/03/12 18:44
Messaggi: 943

MessaggioInviato: Gio Apr 03, 2014 8:39 pm    Oggetto: Rispondi citando

Wa `alaykom salam wa RahmatulLahi wa barakatuh

Jihad13 ha scritto:
Quindi penso che il nostro obbiettivo dovrebbe essere la Pace, e non bramare troppo la dunya (vita terrena) perchè sono questo tipo di delusioni che portano tristezza.
Che ne pensate?

MashAllah, sono perfettamente d'accordo (e come altrimenti, da musulmani?)! A tal proposito ricordo un bellissimo post di un fratello letto in passato in un thread che chiedeva soluzioni alla "depressione" (da cui si potrebbe dire, interpretando in altro modo la tua domanda che: contrario di "depressione" è/= "felicità, stato di Pace dell'anima", o che: raggiungendo la quiete e felicità dell'animo, si annulla e scongiura la "depressione"); mi permetto di linkarlo:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.




Jihad13 ha scritto:
Io penso che per stare bene bisogna sentire il bisogno solamente di Allah Ta`ala

13.28. coloro che credono, che rasserenano i loro cuori al Ricordo di Allah. In verità, i cuori si rasserenano al Ricordo di Allah.

MashAllah, perfettamente d'accordo anche qui, ed è anche il succo discorsivo del post da me linkato.
Idea: non dubitando che ve ne siano tanti altri sparsi per il forum, si potrebbe rintracciare vecchi post simili, aventi per oggetto la stessa tematica, e agglomerarli in questo thread da te aperto! Intendo, se mai capitasse di incrociarne "casualmente" in futuro..
Top
Profilo Invia messaggio privato
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2100

MessaggioInviato: Gio Apr 03, 2014 9:01 pm    Oggetto: Rispondi citando

Però non scordiamoci comunque che a volte essere tristi e soffrire in sè, non è automaticamente e necessariamente segno che tale persona non sia abbastanza credente o che sia colpa della sua scarsa fede.

Ricordiamoci che a volte Allah può metterci sotto prova anche con afflizioni e tristezze.. basta pensare ad alcuni profeti, come Ayyoub a.s quando chiede ad Allah dicendo qualcosa tipo O Allah sono afflitto ma in verità tu sei il più Misericordioso dei Misericordi. Oppure il padre di Yusuf a.s. quando diceva "Mi lamento solo davanti ad Allah della mia disgrazia e del mio dolore, e grazie ad Allah conosco cose che voi non sapete", e a proposito, mi è stato detto che il padre di Yusuf a.s aveva pianto per la sua mancanza talmente tanto finchè aveva perso la vista, è vero sta cosa?

Ma ovviamente non per questo nego che a volte invece la depressione e la tristezza può essere la conseguenza dei propri peccati o perchè non siamo grati o abbastanza grati ad Allah e per altri motivi come questi che stanno a indicare che c'è un problema (da risolvere chiedendo la guida ad Allah e il Suo aiuto) con il proprio iman.

Ma se una persona invece che è obbediente, grata ecc e nonostante questo è triste ed è afflitta, ma non per questo smette di sperare nella misericordia di Allah o di fare affidamento in Lui, e se anzichè provare rancore nei confronti del decreto di Allah piuttosto spera nel Suo aiuto e si affida a Lui e non si allontana da Lui... beh in questo caso tale tristezza non significa che c'è una carenza di fede ma anzi significa che questa persona è solo un vero credente.

Bisogna stare attenti a classificare le persone tristi ed afflitte come persone che hanno per forza (solo in base a questo) un problema con il proprio iman, come peccatori e basta o altro (come dicevo potrebbero anche esserlo ma non si può sapere solo in base a questo).

Per quanto riguarda la felicità a parte spiegarti la mia concezione di felicità e dirti che in questo mondo non esiste, non saprei cos'altro dire.

La mia concezione di felicità: non avere mai nessun problema, nessuna difficoltà e nessun dolore e sofferenza, stare sempre bene psicologicamente, moralmente/spiritualmente, economicamente, socialmente ecc. Essere sempre soddisfatti riuscendo ad ottenere sempre ciò che si vuole senza che ciò che si vuole o l'ottenere ciò possa nuocerci in alcun modo. E ripeto questa è la mia concezione personale di felicità.

A volte ci si illude sperando di trovarla in questo dunya ma alhamdulilah sono convinta che subhanAllah a volte proprio tramite le varie sofferenze e afflizioni (conseguenza delle proprie illusioni) che Allah ci aiuta ad aprire gli occhi e a capire che la felicità non esiste in questo dunya ma solo in paradiso, e quando si smette di cercarla in questo dunya e si incomincia ad affidarci ad Allah e a sperare nella Sua Misericordia e ricompensa, nel Paradiso, solo allora si incomincia a trovare pace in noi stessi!

Allah ci guidi sempre, ci aiuti sempre a seguire la Sua guida e ci renda soddisfatti con tutto ciò facendoci morire da veri credenti ritornando da Lui con un cuore puro. Amin.


L'ultima modifica di Starlight il Ven Apr 04, 2014 7:08 am, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
Dhakir13
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 24/12/12 11:58
Messaggi: 1192

MessaggioInviato: Gio Apr 03, 2014 9:36 pm    Oggetto: Rispondi citando

AbuMuhammad ha scritto:
A tal proposito ricordo un bellissimo post di un fratello letto in passato in un thread che chiedeva soluzioni alla "depressione"

Gia! Davvero bello mash'aLLah.

Un po di giorni fa, per scrivere un tema di compito sulla felicità, cercavo materiale qui senza trovare molto, sono andato nella sezione tawassuf ma neanche li..

Se sapevo ne avvesimo gia discusso evitavo di arrovellarmi il cervello quella volta xD
Ps: ed è stato proprio in quell occasione, che, non sapendo proprio cosa scrivere, ma pur dovendo scrivere qualcosa di sensato, iniziavo a perdere la pazienza e a chiedermi ma cosa diamine fosse mai sta felicità, e ho preso pure il dizionario!!
Dunque dopo la fatica che ho fatto per esprimermi, ho pensato che valesse la pena condividere anche qua qualcosa (ovviamente senza discrezioni qua), e sapere voi cosa avreste detto.

_________________
La ilaha illaLah Muhammad Rasulu Lah
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2100

MessaggioInviato: Gio Apr 03, 2014 9:47 pm    Oggetto: Rispondi citando

Sono convinta che se si è capaci ad accettare la sofferenza (con questo voglio dire senza chiederci 'perchè proprio a me' o senza dire 'non lo merito') cercando aiuto e sostegno in Allah, beh non può che farci bene.. a volte Allah è così che ci purifica e ci insegna ad essere umili. E come dice Mawlana Rumi "suffering is a gift, in it is hidden Mercy".


L'ultima modifica di Starlight il Ven Apr 04, 2014 7:33 pm, modificato 2 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato
Dhakir13
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 24/12/12 11:58
Messaggi: 1192

MessaggioInviato: Gio Apr 03, 2014 10:21 pm    Oggetto: Rispondi citando

Starlight ha scritto:
Però non scordiamoci comunque che a volte essere tristi e soffrire in sè, non è automaticamente e necessariamente segno che tale persona non sia abbastanza credente o che sia colpa della sua scarsa fede.

Assolutamente no. Infatti in questa vità è un alternarsi di momenti belli e altri "brutti". Tocca a tutti. Il credente non è mica quello che se la spassa, sempre felice e mai triste. Semmai è quello che ricorda Allah sia nel bene che nel male.

Starlight ha scritto:
Ricordiamoci che a volte Allah può metterci sotto prova anche con afflizioni e tristezze..

Esatto. Ed è proprio in occasione di questi momenti che maggiormente senti di aver bisogno solo di Allah, il bisogno di adorarlo, che alla fine potessi rimanere nella completa desolazione, ti rimane solo Lui. E da un certo punto di vista è piu un favore e benevolenza che ci fa che una prova.

Starlight ha scritto:
Ma ovviamente non per questo nego che a volte invece la depressione e la tristezza può essere la conseguenza dei propri peccati.

È proprio cosi.. Se Allah ci ha proibito i peccati è per il nostro bene. Lui ci ha creati e conosce la nostra natura. Poi ci sono raggioni ovvie molte meno ovvie e tante che noi non possiamo sapere. Ubbidiamo perche abbiamo fede non perchè siamo daccordo o meno che un peccato sia dannoso. (mi vien da pensare alle ridicole spiegazioni scientifiche sull illecità della carne di maiale)


Starlight ha scritto:
Ma se una persona invece che è obbediente, grata ecc e nonostante questo è triste ed è afflitta, ma non per questo smette di sperare nella misericordia di Allah o di fare affidamento in Lui, e se anzichè provare rancore nei confronti del decreto di Allah piuttosto spera nel Suo aiuto e si affida a Lui e non si allontana da Lui... beh in questo caso tale tristezza non significa che c'è una carenza di fede ma anzi significa che questa persona è solo un vero credente.

Esatto...

Starlight ha scritto:
Bisogna stare attenti a classificare le persone tristi ed afflitte come persone che hanno per forza (solo in base a questo) un problema con il proprio iman, come peccatori e basta o altro (come dicevo potrebbero anche esserlo ma non si può sapere solo in base a questo).

Questa è una valida questione per replicare "non mi puoi giudicare" (nel senso, sono triste=poco iman)

Starlight ha scritto:
Per quanto riguarda la felicità a parte spiegarti la mia concezione di felicità e dirti che in questo mondo non esiste, non saprei cos'altro dire.

E ma se non riesci a dire cos è (so benissimo, è difficile) come fai a dire che non esiste? Comunque io ho gia detto, l obbiettievo é la pace, chiedendola ad Allah, piu che la felicità..

Starlight ha scritto:
La mia concezione di felicità: non avere mai nessun problema, nessuna difficoltà e nessun dolore e sofferenza, stare sempre bene psicologicamente, moralmente/spiritualmente, economicamente, socialmente ecc. Essere sempre soddisfatti riuscendo ad ottenere sempre ciò che si vuole senza che ciò che si vuole o l'ottenere ciò possa nuocerci in alcun modo. E ripeto questa è la mia concezione personale di felicità.

Ok, allora dici bene, non esiste! Ed è cercarla che porta ad essere infelici perchè cerchi l impossibile d finisci delusa inevitabilmente. Bisogna rassegnarsi coraggiosamente.


Starlight ha scritto:
Allah ci guidi sempre, ci aiuti sempre a seguire la Sua guida e ci renda soddisfatti con tutto ciò facendoci morire da veri credenti ritornando da Lui con un cuore puro. Amin.

Amin. E che non faccia della Dunya il nostro impegno piu grande e che ci assista sempre e purifichi i nostri cuori. Amin.

Ps: ci sono anche momenti belli eh, per quello ci sono quelli brutti. Comunque sia è tutto passegero.

_________________
La ilaha illaLah Muhammad Rasulu Lah
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2100

MessaggioInviato: Ven Apr 04, 2014 6:48 am    Oggetto: Rispondi citando

Jihad13 ha scritto:

Ps: ci sono anche momenti belli eh, per quello ci sono quelli brutti. Comunque sia è tutto passegero.

Sì, certamente!
Infatti hai fatto bene a precisarlo altrimenti poi sembra che bisogna soffrire per forza per tutta la vita per poterci avvicinare ad Allah, o che siamo costretti a soffrire sempre in continuazione (na'udhubiLah).
Ovviamente si parlava di momenti poco piacevoli che non dipendono da noi, ma che sono appunto passeggeri, insha'Allah (anche se sono convinta che quelli belli durano un po' di meno)! Quelli che non sono passeggeri sono semmai quelli che dipendono da noi, per esempio se una persona nonostante si rende conto che la droga in realtà la fa star peggio e che non è la soluzione, continua ad assumerla senza l'intenzione di smettere, credo che soffrirà per tutta la durata della sua vita a meno che non smette, rivolgendosi ad Allah piuttosto. Poi qui si potrebbe dire anche altro ma di prima mattina, non so..
Top
Profilo Invia messaggio privato
Hud
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 01/11/12 10:50
Messaggi: 267
Residenza: Madhhab: Hanafi

MessaggioInviato: Ven Apr 04, 2014 7:49 am    Oggetto: Re: Felicità? Rispondi citando

Jihad13 ha scritto:
Assalamo `aleikom,
Vorrei si discutesse sull argomento felicità perchè sembra sia l obbiettivo della maggior parte delle persone. Apri facebook per esempio e leggi i consigli e le ricette di aspiranti poeti o filosofi su come essere felici (che se li tengano per loro). Io personalmente non me lo sono mai chiesto, ma se me lo chiedo non so cosa rispondermi! oppure mi do risposte stupide, perchè fondamentalmente cos è la felicità?!? Ma anche letteralmente.. Allora apro il dizionario e leggo "senso di appagamento nei propri desideri" aaah bene! xD ecco perche si chiedono in continuazione come essere felici.
Io penso che per stare bene bisogna sentire il bisogno solamente di Allah Ta`ala

13.28. coloro che credono, che rasserenano i loro cuori al Ricordo di Allah. In verità, i cuori si rasserenano al Ricordo di Allah.

(è stupido dire/pensare "quanto è vero"? ... Si lo è U.U)

Ma fondamentalmente, è giusto parlare di felicità(che non ho ancora ben chiaro cosa significhi)? Perchè l islam ci insegna a cercare La Pace As-Salam, che é uno dei Nomi di Allah. Con il saluto per esempio. Ma adirittura in paradiso che dovrebbe essere il Top, quante volte Allah nel Corano dice che non si sentirà discorso vano se non Pace, che gli ci sarà Pace "ecc. ecc."

Quindi penso che il nostro obbiettivo dovrebbe essere la Pace, e non bramare troppo la dunya (vita terrena) perchè sono questo tipo di delusioni che portano tristezza.
Che ne pensate?

Assalamu Alaykum wa rahmatullah wa barakatuh fratello Jihad, hai centrato il punto, la felicità come "senso di appagamento dei propri desideri" e' un concetto permeato di materialismo, uno degli "eidolon" della civiltà moderna (assieme alla bellezza, all'eterna giovinezza etc etc).
Tantissimi perseguono questa continua ricerca di una felicità caduca, perché, come hai detto tu, legata alla dunya, e rimangono continuamente frustrati ed insoddisfatti.
Mentre il vero obiettivo da raggiungere e' la Pace nella sottomissione a Dio.

E mi azzarderei ad affermare che, almeno in parte, il diffondersi degli stati depressivi nella civiltà moderna e' legato alla proposizione di falsi modelli (non solo la felicità) che in realtà sono irraggiungibili / fonte di insoddisfazione.

Non cercate quindi la felicità nei beni materiali ma la serenità che solo la sottomissione può dare.
Wassalam
Top
Profilo Invia messaggio privato
Musàfir
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 16/01/08 19:04
Messaggi: 335

MessaggioInviato: Ven Apr 04, 2014 10:57 am    Oggetto: Re: Felicità? Rispondi citando

Jihad13 ha scritto:
Assalamo `aleikom,
Vorrei si discutesse sull argomento felicità perchè sembra sia l obbiettivo della maggior parte delle persone.


Bismillahi r-Rahmàni r-Rahìm
assalamu 'alaykum wa rahmatullahi wa barakatuhu

Uno Shaykh alla domanda: “dove si trova la Felicità”, ha cosi risposto
La Felicità si trova in queste tre cose:

1- L’Islam - Essere sottomessi a Dio e adorarLo.

2- Al ‘Afya - La salute (integrità) fisica.

3- Al-Ghinà ‘ani nàs - Avere un lavoro che ci dia la ricchezza sufficiente per non dipendere dagli altri uomini.


Se può servire, potrei riportare due brevi lezioni che parlano della felicità (sa'àda) collegata alla fede (imàn), tratte dal Corso "Conoscere l'islam - La Fede e la Vita" che si è svolto al Centro islamico di Verona un po di anni fa.

_________________
" O uomini, voi siete i poveri (fuqarà) i bisognosi di Dio, mentre Allàh è il Ricco (Al-Ghanì) Colui che è sufficiente a Se stesso, il Degno di lode." (Corano 35,15)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Dhakir13
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 24/12/12 11:58
Messaggi: 1192

MessaggioInviato: Ven Apr 04, 2014 1:48 pm    Oggetto: Re: Felicità? Rispondi citando

Musàfir ha scritto:
Bismillahi r-Rahmàni r-Rahìm
assalamu 'alaykum wa rahmatullahi wa barakatuhu

Uno Shaykh alla domanda: “dove si trova la Felicità”, ha cosi risposto
La Felicità si trova in queste tre cose:

1- L’Islam - Essere sottomessi a Dio e adorarLo.

2- Al ‘Afya - La salute (integrità) fisica.

3- Al-Ghinà ‘ani nàs - Avere un lavoro che ci dia la ricchezza sufficiente per non dipendere dagli altri uomini.


Wa `aleikom AsSalam wa Rahmatullahi wa Barakatuhu

Grazie fratello per il contributo

Io però, con tutto il ripetto verso lo Sheikh, non me la sentirei di condannare all infelicitá un disoccupato o un uomo nato con qualche malattia.

Ps: oltre a cercare e chiedere la Pace mi son scordato di dire che bisogna anche cercare, chiedere ed ottenere l Amore di Allah (importantissimo!)

_________________
La ilaha illaLah Muhammad Rasulu Lah
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Giulia96
Frequentatore stabile
Frequentatore stabile


Registrato: 04/04/14 11:12
Messaggi: 21
Residenza: Frascarolo, (PV), Italy

MessaggioInviato: Ven Apr 04, 2014 2:07 pm    Oggetto: Re: Felicità? Rispondi citando

Jihad13 ha scritto:
Assalamo `aleikom,
Vorrei si discutesse sull argomento felicità perchè sembra sia l obbiettivo della maggior parte delle persone. Apri facebook per esempio e leggi i consigli e le ricette di aspiranti poeti o filosofi su come essere felici (che se li tengano per loro). Io personalmente non me lo sono mai chiesto, ma se me lo chiedo non so cosa rispondermi! oppure mi do risposte stupide, perchè fondamentalmente cos è la felicità?!? Ma anche letteralmente.. Allora apro il dizionario e leggo "senso di appagamento nei propri desideri" aaah bene! xD ecco perche si chiedono in continuazione come essere felici.
Io penso che per stare bene bisogna sentire il bisogno solamente di Allah Ta`ala

Ma fondamentalmente, è giusto parlare di felicità(che non ho ancora ben chiaro cosa significhi)? Perchè l islam ci insegna a cercare La Pace As-Salam, che é uno dei Nomi di Allah. Con il saluto per esempio. Ma adirittura in paradiso che dovrebbe essere il Top, quante volte Allah nel Corano dice che non si sentirà discorso vano se non Pace, che gli ci sarà Pace "ecc. ecc."

Quindi penso che il nostro obbiettivo dovrebbe essere la Pace, e non bramare troppo la dunya (vita terrena) perchè sono questo tipo di delusioni che portano tristezza.
Che ne pensate?


Premettendo che non posso fornirti risposte certe in quanto non musulmana, ma ancora alla ricerca della verità, posso comunque concordare con quanto hai scritto.
Alla fine, la massima aspirazione dell'uomo non è la felicità, o almeno non penso lo sia. La felicità più che essere uno "stato" è un'EMOZIONE. Essa dev'essere dunque per forza un moto dell'animo momentaneo e legato esclusivamente ad un oggetto esterno, causa della suddetta felicità. In quanto moto dell'animo così intenso ed esplosivo, infatti, deve per forza avere un "motore". Molto più durature (e dunque preferibili) sono la Pace o la Serenità, che dir si voglia, non legate ad un oggetto reale e concreto e che si possono immaginare come condizioni eterne e sospese: perfette, una volta conquistate. :)

Mentre la ricerca della felicità non può mai davvero raggiungere uno stato di completezza e perfetto appagamento, per sua stessa natura. Smesso di desiderare una cosa (perché la si è ottenuta) si comincia con il desiderare qualcos'altro. E' questa la condizione di perpetuo disagio dell'uomo.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Musàfir
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 16/01/08 19:04
Messaggi: 335

MessaggioInviato: Ven Apr 04, 2014 6:42 pm    Oggetto: Re: Felicità? Rispondi citando

Jihad13 ha scritto:
Musàfir ha scritto:
Bismillahi r-Rahmàni r-Rahìm
assalamu 'alaykum wa rahmatullahi wa barakatuhu

Uno Shaykh alla domanda: “dove si trova la Felicità”, ha cosi risposto
La Felicità si trova in queste tre cose:
1- L’Islam - Essere sottomessi a Dio e adorarLo.
2- Al ‘Afya - La salute (integrità) fisica.
3- Al-Ghinà ‘ani nàs - Avere un lavoro che ci dia la ricchezza sufficiente per non dipendere dagli altri uomini.


Grazie fratello per il contributo

Io però, con tutto il ripetto verso lo Sheikh, non me la sentirei di condannare all infelicitá un disoccupato o un uomo nato con qualche malattia.



Bismillahi r-Rahmàni r-Rahìm
assalamu 'alaykum wa rahmatullahi wa barakatuhu

Fratello Jihad, non so dove tu hai letto una...condanna?

Il messaggio è da leggere nel senso che l'uomo solitamente è portato a ricercare o rincorrere la felicità in beni effimeri e caduchi di questo basso mondo (dunya) quali ad esempio: l'acquisizione di molti beni materiali, nella fama, nella carriera, ect. mentre se si hanno i tre beni (doni di Allàh) sopra riportati, ai quali solitamente non viene data la giusta importanza, questi sono sufficienti a dare la felicità.
E' importante osservare che la prima cosa da ricercare per avere la felicità è l'Islam e cioè la sottomissione ad Allàh.

Si tramanda da Suhayb ben Sinân che l’Inviato di Allah (su di lui la preghiera e la pace divine) ha detto:
“Che cosa meravigliosa la condizione del credente (mu’min)! Infatti in qualsiasi situazione sia, questa è un bene (khayr) per lui, e ciò non avviene se non per il credente: se lo coglie motivo di felicità egli ringrazia (shukr) e ciò è un bene per lui, e se lo coglie difficoltà porta pazienza (sabr) e ciò è un bene per lui.”

_________________
" O uomini, voi siete i poveri (fuqarà) i bisognosi di Dio, mentre Allàh è il Ricco (Al-Ghanì) Colui che è sufficiente a Se stesso, il Degno di lode." (Corano 35,15)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Musàfir
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 16/01/08 19:04
Messaggi: 335

MessaggioInviato: Ven Apr 04, 2014 6:55 pm    Oggetto: Re: Felicità? Rispondi citando

Giulia96 ha scritto:

Mentre la ricerca della felicità non può mai davvero raggiungere uno stato di completezza e perfetto appagamento, per sua stessa natura. Smesso di desiderare una cosa (perché la si è ottenuta) si comincia con il desiderare qualcos'altro. E' questa la condizione di perpetuo disagio dell'uomo.


Bismillahi r-Rahmàni r-Rahìm
assalamu 'alaykum wa rahmatullahi wa barakatuhu

Benvenuta sorella in Adamo, Giulia, tra noi.
Hai detto una cosa vera, l'uomo ha questo perpetuo disagio nel cuore, per sfuggirne bisogna innalzare la ricerca verso qualcosa che è più elevato e gratificante e nobile di ciò che c'è in questo basso mondo, qualcosa che il nostro cuore richiede ma che l'uomo non ascolta, e questo è Dio. Quando l'uomo ritorna al Suo Creatore e si abbandona fiducioso a Lui, la felicità, la calma, la pace, entrano nel suo cuore.

Che Allàh guidi i tuoi passi e il tuo cuore a Lui.

_________________
" O uomini, voi siete i poveri (fuqarà) i bisognosi di Dio, mentre Allàh è il Ricco (Al-Ghanì) Colui che è sufficiente a Se stesso, il Degno di lode." (Corano 35,15)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Dhakir13
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 24/12/12 11:58
Messaggi: 1192

MessaggioInviato: Ven Apr 04, 2014 7:03 pm    Oggetto: Rispondi citando

Fratello musafir "condanna" l ho detto io senza leggerlo da qualche parte, nel senso di considerare quei tre elementi (fede, salute, lavoro) "ingredienti" essenziali per la felicità, quindi senza di uno (salute, lavoro), non poter essere felici..

_________________
La ilaha illaLah Muhammad Rasulu Lah
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Starlight
Utente Senior
Utente Senior


Registrato: 30/08/09 02:22
Messaggi: 2100

MessaggioInviato: Ven Apr 04, 2014 7:57 pm    Oggetto: Rispondi citando

Jihad13 ha scritto:
Fratello musafir "condanna" l ho detto io senza leggerlo da qualche parte, nel senso di considerare quei tre elementi (fede, salute, lavoro) "ingredienti" essenziali per la felicità, quindi senza di uno, non poter essere felici..


Non credo intendesse questo però, credo intendesse che tramite la fede, chiedendo ad Allah è possibile ottenere il proprio rizq che altrimeti se ci manca e lo cerchiamo altrove non possiamo trovarlo e se lo trovassimo senza riconoscere che proviene da Lui non gli saremmo grati.

E comunque, a parte questo e quello che intendeva il fratello o quel shaikh, ora mi è venuto in mente questo a tale proposito:

non credo si tratta di una condanna perchè è normale trovarsi in difficoltà senza quel rizq necessario per essere non dico felici ma più sereni...di fatto una persona gravemente malata soffre e solo perchè non gli manca la fede non si può negare il suo bisogno d'aiuto e di sostegno da Allah proprio perchè tale malattia la fa soffrire. Poi può trovare conforto, sollievo e la forza di accettare la sua malattia e andare avanti grazie ad Allah, potrà ottenere la pazienza per sopportare il tutto ma non si può negare la sua sofferenza per via della mancanza di questo elemento che in questo caso è la salute.
Poi se Allah vuole lo cura definitivamente sennò potrà pure lasciarlo morire a causa di tale malattia ma se questa persona malata sopporta con pazienza inshaAllah Allah lo ricompensa con la felicità perpetua in Paradiso. Stessa cosa se uno è povero, disoccupato o per qualsiasi difficoltà abbia.. solo perchè sopporta con pazienza e trova conforto nella fede ma anche la pace necessaria per sopportare, non si può negare l'evidenza della sua sofferenza a causa di quella determinata difficoltà, tantomeno si può negare che con uno di quegli elrmenti essenziali per essere più sereni che non ha potrebbe sentirsi un po' più sereno ma questa non è una condanna perchè chi sopporta anche se in difficoltà, insha'Allah ce la fa lo stesso a trovare la serenità necessaria, con l'aiuto di Allah, per andare avanti.
La differenza è che se una persona soffre accettando la sua prova con la speranza di venire ricompensato, soffre con pazienza per amore per Allah e per speranza a anche per timore e Allah lo aiuta a sopportare insha'Allah. Se una persona soffre senza accettare la sua prova, soffre con rabbia il chè aggiunge altra sofferenza alla sua sofferenza, peggiorando tutto.

Ora se uno cerca di discutere di quei tre elementi non credo lo fa per condannare le persone all'infelicità.

Infatti non possiamo essere tutti felici solo perchè crediamo in Dio e amiamo l'Islam. Non sempre.. Ma sereni sì, pazienti, speranzosi, timorosi.. qualche volta, brevemente a mio prere, anche felici, e queso non sempre è un male.

Quindi alla fine dipende anche cosa intendi tu per infelicità. Forse per questo lo vedi come condanna.
E comunque la felicità e la pace/serenità, secondo me, non sono la stessa cosa ma spesso le confondiamo scambiandole tra loro.
Inoltre, secondo me ci sono diversi gradi o livelli di felicità, serenità/pace, di difficoltà e di sofferenza. Così come ci sono diversi livelli di iman, speranza, amore, timore, fiducia .. ecc.

Ma comunque, tutto quello che ho scritto è solo il mio parere in base al significatoe valore che personalmento mi sento di attribuire a tutti questi elementi che ho menzionato, se poi è sbagliato o se qualcosa di quello che ho scritto fosse sbagliato senza che io mi renda conto, non lo so.. Allahu 'Alam. E se ho detto qualcosa di male, astaghfirulLah!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Informale - Generale Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 2.844